www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

South Tottenham

Sintesi

South Tottenham è una stazione della Overground, che come lascia intendere il nome, serve la parte più meridionale di Tottenham, a poche centinaia di metri (verso sud) dal confine col London Borough of Hackney e circa 1 chilometro (verso est) col London Borough of Waltham Forest. Tottenham, con una ricca prateria lungo il Fiume Lea e terreni argillosi ad ovest, fu, probabilmente, sempre più adatto all'allevamento del bestiame che alla coltivazione.

Distanza dal centro: 6,2 miglia.

Attrattiva: notevolmente scarsa, per non dire nulla.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dallastazione, dovete raggiungere il sovrastante livello stradale di High Road, dominato dal ponte su cui passa la linea ferrata. Davvero non riusciamo a segnalarvi qualcosa di interessante, tanto ci appare "grigia" la zona. Se andate verso sud (sinistra), trovate la Chiesa Cattolica di St. Ignatius, mentre se andate verso nord (destra), vi indirizzate verso la stazione di Seven Sisters.

Toponimo

a. Tottenham

La prima ricorrenza documentata dell'area si ha nel 1086, nel Domesday Book, come "Toteham", nome che ricorre identicamente nel 1128-1134 e 1183. Al tempo della citata Indagine Normanna, Tottenham rientrava nella Hundred di "Delmetone" (Edmonton) nell'ambito della Contea del Middlesex. La popolazione totale era pari a 66 nuclei familiari (dato ampio), di cui 30 nel Villaggio, 12 di piccoli proprietari, 4 di Servi, 17 nei cottages, 2 "Francig" (Francesi). Le unità tassabili erano 5 (dato abbastanza ampio), vi erano prati per 10 aratri, con 2 gruppi di lavoro del Lord e 12 di uomini liberi, prati per 10 aratri, boschi per nutrire 500 maiali, un Prete che possedeva mezza unità. Il valore per il Lord era 26 sterline (1066), 10 sterline (circa 1070), 37,8 sterline (1086). Nel 1066, il Lord era il Conte Waltheof, nel 1086, il Lord era la Contessa Judith, che era anche "Tenant-in-chief". Le vicende relative a tali personaggi sono approfondite nella parte Storica. Successivamente, si legge "Totenham" (1189 e sino al 1543), "Totinham" (1227, 1284, 1310), "Thotenham" (1236), "Totham" (1237), "Tottenham" (1254, 1286, 1303), "Totynham" (1287), "Totyngham" (1325), "Totenhamstrete" (1350), "Totnam" (1515, 1544)", "Tottenham otherwise Totnam" (1556), "Tottenham otherwise Tottenham Highecrosse" (1569).

b. Tottenham High Cross

Il nome ricorre come "Le Hiecros" (1409), "Hiecrosgrene" (1467), "Totenham Hyghcrosse" (1551). L'area corrispose, come leggerete successivamente, ad uno dei quattro Distretti tradizionali di Tottenham, che traeva il suo nome dalla presenza di un grosso monumento sul lato orientale della strada, non lontano dal centro del Villaggio e vicino all'angolo nord-orientale di Tottenham Green. Tali informazioni ed altre specifiche ci vengono fornite nel corso dei secoli da diversi Autori, che riportiamo in ordine cronologico:

c. Tottenham Hale

Rinviamo alla specifica pagina dedicata a Tottenham Hale.

d. Tottenham Marsh

La vicinanza del Torrente Pymmes e del Fiume Lea rese l'area acquitrinosa, ed infatti, "Marsh" significa "Palude", "Acquitrino". Durante il Regno di Enrico III (1216-1272), si ha una concessione da parte di John de Anesty, per le anime sue e di sua moglie Hawisa, a favore di Richard, il Priore, ed i Canonici della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra, di terra a "Edelmeton" nel campo chiamato "'Langehegh", che si estende sino a "Totenhammarke" a sud. Nel Trentaseiesimo Anno del Regno di Enrico III (1216-1272), si ha una concessione da parte di Geoffrey, figlio di Richard Cook, di "Edelmelon", a John, il Priore, ed i Canonici della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra, senza vincoli, di una strada ampia 1 "perch" (pertica) che si estende dalla terra dei Canonici a "Toteham Marche". Un atto di data indefinita, ma potrebbe riferirsi ai secoli XIII-XV, vede la concessione da parte di Ralph de Hayrun a suo fratello Robert di terra in "Edelmeton" tra Langheg e il lungo ponte, pagando 18d. annui. Testimoni: Robert, il Cappellano di "Eadelmeton", John, il Cappellano di "Toteham", Ralph de Querendona, Picot de Marisco ed altri (indicati). L'ultimo cognome, un chiaro riferimento alle Paludi, si ritrova in un altro atto, sempre di data ignota, con cui si ha una concessione da parte di Henry de Hastinges a John, il Priore, ed i Canonici della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra, di una strada sul terreno di William, figlio di Otho de Marisco, suo cliente di "Toteham", che raggiunge la loro terra chiamata "Geldeuacre" al loro bosco, e larga 24 piedi tra i fossati, lasciando esente Egli stesso, i suoi Affittuari di "Toteham", ed i suoi uomini, dalla libera circolazione con carri e diritto di via, in cambio di terra nella stessa città. Testimoni: Robert de Sotebrok, Thomas de Bray ed altri (indicati). Un altro atto, sempre con data ignota, ma riteniamo del medesimo periodo suindicato, vede il rilascio da parte di Sabina, sorella di John Richer a John, il Priore ed i Canonici della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra, per 20 scellini, di tutti i suoi (di lei) diritti sui terreni di "Edelmeton" che si protendevano tra il Fiume Lea e "Tottenham-marche". Testimoni: William de Forda, Peter Spirk ed altri (indicati). Un ulteriore atto, sempre di data indefinita, ma con le precedenti considerazioni, vede la concessione da parte di E., il Priore, e Convento della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra, a Richard, figlio di Gilbert Attestone, di "Totenham", di 1 acro di prato che va da Thocford Lake alle terre di William de Derneford, in "Totenham Marsh", in cambio del pascolo chiamato "Langemad" che egli aveva per suo fratello John a "Totenham". Testimoni: Lurence Duket ed altri (indicati). Nel 1585, la Palude di Tottenham fu divisa in sei porzioni: "Wild Marsh", "Michley", "Mill Mead" (ad est del Torrente Mill), "Broad Mead", "Clendish Hills", "Lock Mead" (ad ovest). Le paludi erano costituite da piccoli specchi d'acqua, ciascuno comprendente diversi lotti. Nel 1619, Wild Marsh conteneva 72 lotti, Michley 41, Mill Mead 13, Broad Mead 11, Clendish Hills 33 e Lock Mead 7, per un totale di 177 lotti, che coprivano circa 303 acri Inoltre, c'erano 8 lotti nei 20 acri di Tottenham Hale ed 8 lotti nei 45 acri di Downfield, entrambi confinanti con Clendish Hills. Nel 1843, si legge "Tottenham Mershe".

Etimologia e significato di "Tottenham"

In merito al significato del termine, si ritiene generalmente che tratti di un composto delle parole dell'Old English "Totta" (nome personale, caso genitivo -n) + "hām" (fattoria, cascina, insediamento), per cui, si traduce "Fattoria/Villaggio di un uomo chiamato Totta". Tuttavia, Daniel Lysons, trattando di Tottenham, scrive: "Questo luogo in antichi documenti è chiamato Toteham, e Totham. Ham significa una dimora; il significato di Tot o Tote, che ricorre molto frequentemente nei nomi di molte Parishes in varie parti del Regno, è incerto.". E relativamente a "Tot o Tote", ne tratta più approfonditamente trattando di Teddington: "Questo posto è chiamato in antichi documenti Todynton, e Totyngton, l'ultimo è molto più antico. L'etimooigia, qualunque essa sia, è la stessa, è probabile, di quella di Tooting nel Surrey. E, un prato, si trova molto bene nei nomi dei luoghi derivati dal Sassone. Il significato di Tot, o Tote, che suppongo sia stato descrittivo, non è in alcun dove, penso, definito in modo soddisfacente. Ricorre nei nomi di molti luoghi oltre a quelli sopra menzionati, come Toteham nell'Essex, Toteham o Totham, ora Tottenham nel Middlesex, Totehele o Totehall, ora Tottenham Court, nella Parish di Pancers, Totteridge, ecc.". L'Autore, aggiunge in nota: "Baxter suppone Tote essere un'alterazione di Theoda, le Genti; Bedwell deriva Totenham dalla parola Toten, serpeggiare come un corso; Parkins, nella sua Storia di Norfolk, ipotizza Tot essere il nome di un fiume.".

Storia

Le Fonti e la Bibliografia relativa a Tottenham è enorme, pertanto, abbiamo effettuato una selezione. Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area si traggono dalla "Mappa della Parish di Tottenham (Middlesex)" di Thomas Clay del 1619 (la mappa è orientata a sud, cioè, il sud è in cima alla mappa); sono fornite da Wilhelm (William) Bedwell in "A Breef Description of the Towne of Tottenham Highcrosse in Middlesex, together with an historical narrative of such memorable things as are there to be seen and observed; collected, digested, and written by William Bedwell, Pastor of the parish" (1631); da William Dugdale in "The baronage of England, or, An historical account of the lives and most memorable actions of our English nobility in the Saxons time to the Norman conquest, and from thence, of those who had their rise before the end of King Henry the Third's reign deduced from publick records, antient historians, and other authorities" (1675-1676); da Daniel Defoe in "A tour thro' the whole island of Great Britain, divided into circuits or journies" (1724-1727); da John Rocque in "An exact Survey of the Cities of London, Westminster and Southwark and the country c. 10 miles round" (1741-1745), "A plan of the Cities of London and Westminster" (1746), "A Topographical Map of the County of Middlesex" (1754); da H. G. Oldfield - R. R. Dyson in "The History and antiquities of the parish of Tottenham high-cross, in the county of Middlesex... containing the account of the said town, drawn up by the Rt. Hon. Henry, last Lord Colerane" (1790); da Daniel Lysons in "The Environs of London: Volume 3, County of Middlesex" (1795), alle voci "Teddington" (pagine 503-516), "Tottenham" (517-557), "Table of population of Middlesex" (pagine 642-644); da J. Wyburd in "Survey of Tottenham Parish" (1798); si leggono in "Taxatio Ecclesiastica Angliae et Walliae Auctoritate P. Nicholai IV 1291" riprodotto da George Eyre e Andrew Strahan (1802); da James Norris Brewer in "The Beauties of England and Wales, or, Delineations, Topographical, Historical, and Descriptive, of each county" (1816), Volume X, Parte IV pagina 698; da William Robinson in "The History and Antiquities of the Parish of Tottenham, in the County of Middlesex" (1818, 1840); si traggono dalla "Tithe map of Tottenham (parish), Middlesex" (1844); si leggono in "A Topographical Dictionary of England" (1848), pagine 380-386 (alla voce "Tottenham (All Saints"); sono fornite da Edward Walford in "Old and New London: Volume 5" (1878), alla voce "The northern suburbs: Tottenham and Edmonton" (pagine 548-569); si leggono in "Middlesex County Records: Volume 1, 1550-1603" (1886), alla voce "Middlesex Sessions Rolls: 1586" (pagine 165-169); in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 1, Richard I - Richard III" (1892), alla voce "London and Middlesex Fines: Henry V" (pagine 177-181), punti 15, 24, 40; in "A Calendar of Feet of Fines for London and Middlesex, 1197-1569" (1892-1893); sono fornite da George Leyden Hennessy in "Novum Repertorium Ecclesiasticum Parochiale Londinense: Or, London Diocesan Clergy Succession from the Earliest Time to the Year 1898, with Copious Notes, Volume 1" (1898); si leggono in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 1" (1890), voci A 1782,  B 1473, B 1474, B 1480, C 1207; in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 2" (1894), voci A 2034, 2040, 2140, 2163, 2190, 2197, 2322, 2348, 2349, 2350, 2351, 2352, 2516, 2524, 2525, 2527, 2528, 2534, 2535, 2537, 2538, 2552, 2553, 2554, 2555, 2556, 2557, B2401, 3744, 3773; in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 3" (1900), voci A 4401,  C 3714; in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 4" (1902), voci 6924. 7277, 7312. 7816; in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 5" (1906), voci 10845, 11970; in "A History of the County of Middlesex: Volume 2, General; Ashford, East Bedfont With Hatton, Feltham, Hampton With Hampton Wick, Hanworth, Laleham, Littleton" (1911), alla voce "Ancient earthworks" (pagine 11-14); sono fornite da Fred Fisk in "The History of Tottenham" (1913); si leggono in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 6" (1915), voci C 4094, 4531, 4693, 4899, 6367, 6443, 7099, 7926; sono fornite da Henry A. Harben in "A Dictionary of London" (1918), alla voce "Drapers' Almshouses"; da J. E. B. Gover - A. Mawer - F. M. Stenton, con la collaborazione di S. J. Madge in "The Place-Names of Middlesex, apart from the City of London" (1942); da William James Roe in "Ancient Tottenham" (1949); si leggono in "The Letters and Charters of Gilbert Foliot, Abbot of Gloucester (1139-48), Bishop of Hereford (1148-63), and London (1163-87) di Gilbert Foliot, Adrian Morey, Christopher Nugent Lawrence Brooke (1967); in "The Letters of Pope Innocent III (1198-1216) Concerning England and Wales" di Papa Innocenzo III - C.R. Cheney - Mary G. Cheney (1967); in "A History of the County of Middlesex: Volume 1, Physique, Archaeology, Domesday, Ecclesiastical Organization, the Jews, Religious Houses, Education of Working Classes To 1870, Private Education From Sixteenth Century" (1969), alle voci "Archaeology: The Beaker Period" (pagine 36-41), "Archaeology: The Romano-British Period" (pagine 64-74), "Domesday Survey: Introduction I" (pagine 80-88), "Domesday Survey: Introduction II (pagine 88-90), "Domesday Survey: Introduction III" (pagine 90-94), "Domesday Survey: Introduction IV" (pagine 95-98), "Domesday Survey: Introduction V" (pagine 98-118), "Domesday Survey: Translation of the Text" (pagine 119-129, punto 96), "Domesday Survey: Appendix I" (pagine 130-132), "Domesday Survey: Appendix II" (pagine 132-1359, "Domesday Survey: Appendix III" (pagine 135-138), "Religious Houses: Introduction" (pagine 152-155), "Religious Houses: Houses of Augustinian canonesses" (pagine 170-1829, "The Education of the Working Classes to 1870" (pagine 213-240), "Private Education from the Sixteenth Century: Developments from the 16th to the early 19th century" (pagine 241-255); in "The Cartulary of Holy Trinity, Aldgate" (1971); sono fornite da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - Eileen P. Scarff - G. C. Tyack in "A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham" (1976), alle voci "Edmonton Hundred" (pagine 128-129), "Tottenham: Introduction" (pagine 307-309), "Tottenham: Growth before 1850" (pagine 313-3179, "Tottenham: Growth after 1850" (pagine 317-324), "Tottenham: Manors" (pagine 324-330), "Tottenham: Other estates" (pagine 330-333), "Tottenham: Economic history" (pagine 333-339), "Tottenham: Local government" (pagine 342-345), "Tottenham: Churches" (pagine 348-355); da A. D Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010); si leggono in "London Hearth Tax: City of London and Middlesex, 1666", alla voce "Hearth Tax: Middlesex 1666, Tottenham" (2011); in "Urban character study February 2015 - The Urban Characterisation Study is one of the key evidence studies to support Haringey's Local Plan" (Haringey Council), pagine 9-14, 49; in "South Tottenham Conservation Area Appraisal and management plan" (Haringey London), pagine 2, 3, 6, 8-12; in "North Tottenham Conservation Area Appraisal and Management Plan" (Haringey London), pagine 10-18, che traduciamo e sintetizziamo liberamente.

1. Eventi storici di rilievo

Per agevolare la lettura, la trattazione viene frazionata in paragrafi:

1.1 Preistoria

L'unico riferimento a tale Epoca relativo a Tottenham che abbiamo trovato è quello relativo ad un pugnale di pietra focaia delle Genti della Cultura del Vaso Campaniforme (Beaker Folk" o "Beaker People)", così chiamati per le loro ceramiche distintive, di cui abbiamo già trattato in Putney, Battersea Park e Mortlake.

1.2 Romani

Caratteristiche e manufatti Romani vennero rinvenuti nelle vicinanze di High Road, che era anche fiancheggiata da un consistente insediamento Medievale di possibili origini Sassoni. Tre Aree di Importanza Archeologica sono state dichiarate lungo tale strada: dal confine del London Borough of Haringey a Moselle Place, corrisponde alla Strada Romana ed all'insediamento Medievale; da Lansdowne Road a Scotland Green, corrisponde all'insediamento Sassone ed alla Manor House Medioevale; da Chesnut Road a sud sino a Talbot Close, si trova il "cuore storico" di Tottenham. Tottenham High Road trae le sue origini nel Periodo Romano, in quanto rappresenta il successore logico di Ermine Street, che collegava Londinium, tramite Bishopsgate, a Lincoln e York. Ermine Street, tuttavia, era situata ad ovest della contemporanea Tottenham High Road. Ritrovamenti di Epoca Romana a Tottenham comprendono articoli decorati "Samian" e selci lavorate trovate in superficie al numero 18 di Crawley Road ( a meno di 2 miglia ad ovest della stazione di Tottenham Hale), nonché tetradramma di Diocleziano coniato ad Alessandria d'Egitto nell'anno 284, rinvenuto nel 1945, nei pressi della Devonshire Hill School (a circa 2 miglia a nord-ovest dalla stazione di Tottenham Hale).

1.3 Sassoni

Da quanto riportato nel "Toponimo", l'originario nome del sito "Toteham" induce a ritenere l'esistenza nell'area di un insediamento Anglo-Sassone, sebbene non documentato, che, presumibilmente, confinava con la Strada Romana, la Medievale Tottenham Street, lungo la quale la maggior parte della popolazione fu concentrata sino al XIX secolo. Verso est, si trovavano ricchi pascoli sulle Paludi (Tottenham Marshes, di cui avete letto nel "Toponimo"), vicino al Fiume Lea, mentre ad ovest, si estendevano terreni più poveri, con boschi i cui confini, durante il Medioevo, furono gradualmente spinti verso Muswell Hill.

1.4 Normanni

Dal "Toponimo", sapete che "Toteham" rientrava nella Hundred di "Delmetone" (Edmonton), che comprendeva anche i Manors di Enfield ed Edmonton con la porzione staccata di South Mimms, che presumibilmente comprendeva Monken Hadley. Nel 1086, l'esistenza di uno sbarramento chiusa o diga (e di un mulino entro il 1254), lasciano ipotizzare anche la presenza delle prime abitazioni ad "Hale" (in seguito Tottenham Hale), a metà strada tra High Road e Mill Mead (sebbene il Toponimo ricorra per la prima volta solo nel 1318, in riferimento a John di "The Hale").  Il Domesday Book (1086), riporta la presenza di un Prete che possedeva a "Toteham" mezza unità.

1.5 (Restante parte del) XII secolo

Il Priorato di Kilburn era una Casa di Canonichesse Agostiniane, o forse, Monache benedettine, dedicata a San Giovanni Battista e dipendente dall'Aabbazia di San Pietro a Westminster, che possedette il Manor di Hampstead dal X secolo. Il Convento fu fondato probabilmente verso il 1130, sebbene la fondazione potrebbe essere retrodatata di qualche anno da parte di Gilbert Crispin, Abate di Westminster, per la cui anima le Monache erano obbligate a pregare. Tale Priorato era ubicato nella Parish di Hampstead, tra Edgware Road ed il Torrente Kilburn, in cima all'attuale Belsize Road e vicino alla stazione di Kilburn. Esso possedette delle proprietà a Tottenham sino alla sua Soppressione nel XVI secolo. Tra il 1128 ed il 1134, David I di Scozia annunciò la concessione della Chiesa di Tottenham ai Canonici Agostiniani della Santa Trinità (Holy Trinity) di Aldgate, che pare confermata da "Theobaldus Archiepiscopus", cioè, Theobald de Bec (Le Bec-Hellouin, un comune nel Diparetimento dell'Eure, in Normandia - Francia), che ricoprì tale carica dal 1138 al 1161 (essendo predecessore di Thomas a Becket), visto che in una sua concessione, si legge "Theobaldus archiepiscopus de ecclesia de Totham ...."; di certo, la concessione fu confermata tra il 1163 ed il 1174 dal Vescovo di Londra Gilbert Foliot (1163-1187) al Priore e Canonici (nell'ambito di una concessione più ampia riguardante anche altre Chiese e Cappelle, testimoni: John de Hospitali, Master Richard de Storteford ed altri indicati) e nuovamente nel 1201 dal Papa Innocenzo III. L'accessibilità da Londra portò molti Londinesi e Case Religiose ad acquistare proprietà a Tottenham. Una delle più vaste Tenute Monastiche di Tottenham fu quella tenuta dalle Canonichesse Agostiniane di St. Mary a Clerkenwell (anche se, spesso, i Contemporanei e gli Storici, invece, fanno riferimento all'Ordine di San Benedetto; il loro Convento di Suore divenne uno dei più importanti in Inghilterra, figurando al dodicesimo posto per entrate all'atto della sua Soppressione, stando dal Valor Ecclesiasticus, nel XVI secolo). Tale Convento fu la prima proprietà di St. Mary nel Middlesex, a seguito della donazone fatta da Jordan de Bricet e sua moglie Murie, con i terreni e giardini vicini ed i prati accanto Holborn.  Enrico di Scozia (morto nel 1152) diede ad Ughtred di Londra 140 acri nello "hanger" (da "Hangra" = pendio boscoso) di Tottenham, insieme alla metà di un prato acquitrinoso che era stato detenuto da Ingram, Cancelliere di Scozia e Vescovo di Glasgow, il diritto di prendere 4 tronchi all'anno e quello di far nutrire 10 maiali nel bosco. Nel 1160-1163, il figlio di Enrico, Malcolm IV di Scozia, confermò la concessione della stessa proprietà a Robert, figlio di Swein di Northampton, che tra il 1165 e il 1176, la donò al citato Convento di St. Mary. Il dono di Robert ottenne conferma, entro il 1176, da Enrico II e dal successore di Malcolm, William Il Leone. Le Suore, in seguito, mantennero la proprietà di Tottenham, come quella di Muswell ad Hornsey, ma anche di Edmonton ed Islington, sino alla Dissoluzione. Il Giorno dell'Annunciazione dell'Anno in cui Papa Lucio III succedette a Papa Alessandro III (1181), si ha un atto scritto non formale relativo ad una concessione perpetua, da parte di Odo de Toteham e sua moglie "Machtildis" (Matilda) e Ralph, suo figlio ed erede, ai Canonici della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra, di 5 acri di terra a Toteham, per l'esattezza, 3 acri in Appelland e 2 acri in Langheland, al canone di 10d., per il quale Stephen, il Priore ed i Canonici, gli avevano dato 1 marco e 6d. ciascuno, ai detti Matilda e Ralph, ed un bue del valore di 40d. come pagamento del canone dei primi quattro anni; ed i detti Odo e Ralph avevano confermato l'accordo con il loro giuramento corporale nel Capitolo della Santissima Trinità. Testimoni: Greyrey e Stephen, nipoti del Priore, ed altri (indicati). Una Canonica (abitazione del Parroco) venne dotata da William di Sainte-Mére-Eglise, Vescovo di Londra dal 1198 al 1221, e da allora in poi un Vicario servì l'intera Parish sino alla creazione della Cappella Distrettuale della Santa Trinità (Holy Trinity) all'inizio del XIX secolo.

1.6 XIII secolo

Durante il Regno di Enrico III (1216-1272), si ha una concessione da parte di John de Anesty, per le anime sue e di sua moglie Hawisa, a favore di Richard, il Priore, ed i Canonici della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra, di terra a "Edelmeton" nel campo chiamato "'Langehegh", che si estende sino a "Totenhammarke" a sud. Testimoni: John Blund ed altri (indicati). Sempre durante il medesimo Regno, si ha un'altra concessione, non soggetta a vincoli, da parte di Vincent le Peuerier, di Londra, a Richard, il Priore, ed i Canonici della Santissima Trinità di Londra, per 100 scellini, di tutte le sue terre nel campo chiamato "Suthfeld" ad "Edelmeton", vicino alla strada principale tra "Toteham" ed "Edelmeton", pagando annualmente 16½d. a William, figlio di Reginald de Benintone. Testimoni: John Blund, Gilbert de Toteham, Richard de Gisortzb ed altri (indicati). Durante il Regno di Eduardo I (1272-1307), si ha una concessione da parte di Joan de Sancto Donstano, già moglie di John de Arcubus, Cittadino di Londra, a favore di E., il Priore, ed i Canonici della Santissima Trinità di Londra, di 6 acri a "Totenham" vicino al loro pascolo chiamato "Langemad", in cambio di 20 scellini e 4 acri ad "Edelmeton". Testimoni: Laurence Duket, Simon de Solio ed altri (indicati). L'Ospedale di St. Lawrence a Clayhanger, un tempo ritenuto essere stato nella Parish di Clayhanger (Devon), si trovava, probabilmente, a Clay Hill, a metà strada lungo il confine con Edmonton; esso è documentato solo dal 1229 al 1264, e non risulta essere stato collegato all'oscuro Ospedale di St. Loy del XV secolo, che sembra essere scomparso prima della Riforma. Cappelle, di data sconosciuta, furono in seguito dette essere state ubicate presso un Eremo vicino ad High Road ed al Pozzo di St. Loy. Nel Trentaseiesimo Anno del Regno di Enrico III (1216-1272), si ha una concessione da parte di Geoffrey, figlio di Richard Cook, di "Edelmelon", a John, il Priore, ed i Canonici della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra, senza vincoli, di una strada ampia 1 "perch" (pertica) che si estende dalla terra dei Canonici a "Toteham Marche" al loro Bosco, ed una strada della stessa larghezza che va da est ad ovest vicino alla detta strada, unitamente ad un promontorio (forera) tra la suddetta strada e la terra dei Cnonici, riservandosi a Geoffrey il diritto di andare, cavalcare e proseguire sulla suddetta strada (annotazione a tergo: "Modo Robertus Bakere occupat istam cartam et ideo utatur ista via quod nondum occupatur per longum tempus.". Nel 1254, un mulino ad acqua veniva diviso con il resto del Manor (ed includeva il diritto di pescare in uno stagno adiacente all'inizio del XIV secolo). La testa d'acqua potrebbe essere stata fornita da una chiusa o diga che era tenuta dalla Contessa Judith nel 1086. La Manor House di Tottenham, descritta nel 1254, potrebbe essere stata situata ad ovest di High Road, vicino alla Chiesa documentata nel 1134 ed al successivo sito di Bruce Castle. Dopo la divisione del Manor nel 1254 (v. paragrafo specifico), le Manor Houses divennero probabilmente tre; inoltre, la cascina del sub-Manor del XIV secolo di Mockings era segnata da un fossato sul lato meridionale di Marsh (in seguito Park) Lane, tra High Road e le Paludi. Un fossato di "fattoria" rettangolare è stato mostrato nel XIX secolo nel Parco di Downhills, ma non è documentato precedentemente. Il 4 marzo del Cinquantaseiesimo Anno del Regno di Enrico III (1216- 1272), a "Totenham", si ha una concessione da John ate Stone, figlio di Gilbert ate Stone, di "Totenham", ad E., il Priore, ed i Canonici della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra di terra tra il campo chiamato "Langelond", il pascolo chiamato "Langemad" e la piccola strada che conduce a Piperescote, pagando 4d. annui. Testimoni: Laurence Duket, Walter, Vicario di "Totenham" ed altri (indicati). Annotazione a tergo: "Superflua set reservanda, quia alia carta dat in puram elemosinam.". Tra le parti sovraindicate vi fu anche una concessione non soggetta a vincoli relativa a 19d. di canone esiguo che Falcase de Wakefeld, Cittadino di Londra, era solito pagare, scaturendo da una dimora che in precedenza apparteneva a Cicely, madre di John, da un prato presso il Fiume Lea, ed una terra che suo fratello Richard teneva in Wodlee a Totenham (testimoni: Laurence Duket ed altri (indicati). Nella "Taxatio Ecclesiastica Angliae et Walliae Auctoritate P. Nicholai IV circa A.D. 1291" risulta che il Priore di St. Bartholomew a Smithfield possedeva terreni a Tottenham del valore di 10 scellini annui (che, presumibilmente, comprendevano la proprietà a Tottenham ed Edmonton che, nel 1511, fu fittata per 31 anni a George Henningham per 6s. 8d. annui). Nel Ventiquattresimo Anno del Regno di Eduardo I (1272-1307), la domenica successiva il Giorno di Sant'Agostino Vescovo, si ha una concessione di William Beloste a Fulk, figlio di Hubert, di un canone annuale a "Totenham".

1.7 XIV secolo

Nel giugno del 1310, Quarto Anno del Regno di Eduardo II (1307-1327), si ha un impegno di pagamento da partre di Stephen, chiamato "le Coner", di Stratford, a favore di Sir Ralph, il Priore e Convento della Santissima Trinità (Holy Trinity) di Londra, per .... marchi .... suo Manor di "Totenham" da pagarsi secondo i termini specificati. Nel Terzo Anno del Regno di Eduardo III (1327-1377), il lunedì dopo Tutti i Santi, a Londra, si ha infeudamento da parte di Cristina, già moglie di William le Bret, Cittadino ed Orafo di Londra, nella sua vedovanza, a favore di John Neyrneut, Cittadino di Londra, di 1 marco di canone esiguo che ella riceveva annualmente da Walter Cady, Cittadino e Candeliere, di Londra, per un caseggiato che Lei gli aveva trasferito per il periodo della sua (di lei) vita, e che le giunse in seguito in controdote, dopo la morte del marito, nella Parish di St. Nicholas Olave nel vecchio mercato del pesce, e che lei ultimamente aveva tenuto per 'assegnazione di Henry de la More, già Cittadino ed Orafo di Londra, che si trovava tra il caseggiato già del detto Henry ad est e sud, il palazzo di Roger de Ely ad ovest e la strada principale a nord; la reversione di tale edificio al suo (di lei) decesso apparteneva al detto John Neirneut per concessione e vendita di John de Hynggestone, Orafo e John de "Totenham", Candeliere e Cittadino di Londra, Esecutori testamentari del detto Henry de la More. Testimoni: Robert de Ely, che era Assessore del Distretto. Non si sa che la Peste Nera abbia cambiato il modello di insediamento, sebbene vi siano stati molti decessi: nel 1348, sul Manor di Daubeneys (v. paragrafo specifico), 15 possedimenti in affitto risultavano vacanti e 10 tornarono al Lord del Manor, presumibilmente, perché gli eredi degli Affittuari erano morti. Tuttavia, a dispetto della peste, la fine del XIV secolo vide una considerevole pressione della popolazione sui terreni. Tranne che lungo High Road e presso The Hale, l'insediamento Medioevale si snodò attorno ad una serie di spazi verdi. Ad ovest, la deforestazione aveva permesso la costruzione di una cascina chiamata Ducketts, a nord del successivo Ducketts Common, entro il 1293. Page Green, citato nel 1348, si estendeva verso est da High Road un poco a sud di Tottenham Green, lungo Broad Lane verso un incrocio del Fiume Lea sotto il Mulino di Tottenham; la Famiglia Page, documentata dal 1319, ancora possedeva terreni nel 1395. West Green, a metà strada lungo il sentiero che collegava High Road di fronte Green Page con Green Lanes a Ducketts, fu citato nel 1384. Beans Green, a sud di Ducketts all'incrocio di Green Lanes con Hanger Lane, fu documentato nel 1393, e Chapmans Green, dove Lordship Lane in seguito incontrò Snakes Lane, nel 1381, ma, probabilmente, durante il Medioevo, non esistevano villaggi in entrambi i luoghi. Nel Ventiduesimo Anno del Regno di Eduardo III (1327-1377), il venerdì dopo la Traslazione di San Tommaso Martire, si ha una concessione da parte di Robert, figlio di Richard le Burcer di "Edelmetone", a sua moglie Christina, vedova del detto Richard, di una dimora ad "Edelmetone" e terra a "Totenham", da tenersi per la durata della sua (di lei) vita, dietro corresponsione annuale di un granello di pepe alla Festa della Natività. Nel Ventiquattresimo Anno del Regno di Eduardo III (1327-1377), la domenica prima del Giorno degl Apostoli Simone e Giuda, si ha una concessione da parte di Simon le Bonde di Tottenham a Robert, figlio di Richard Burser di "Edelmeton", di due piccoli poderi ad "Edelmeton". Il 21 aprile del Quarantacinquesimo Anno del Regno di Eduardo III (1327-1377) si ha una concessione di John Burcer, di "Edelmetone", ad Henry Askeby, di "Totenham", di un caseggiato, fattoria, giardino ed un piccolo podere ad "Edelmetone", situati tra la strada principale da "Dukettes" a Southgate, con la precisazione che dietro pagamento fatto a lui da detto John (o per suo conto), l'atto non avrebbe avuto alcun effetto. Nel Cinquantesimo Anno del Regno di Eduardo III (1327-1377), il mercoledì dopo il Giorno di San Matteo, si ha una concessione da parte di Thomas Kyng di Tottenham a Sir Guy Brian e Sir John Cobham, Cavalieri, William de Walworth, William de Halden, John Philipott, Ciittadini ed Assessori di Londra, ed altri, di tutti i suoi terreni, caseggiati e canoni nelle Parishes di St. Andrew, "Holbourne", e "St. Giles the Lepers without the Bar" di Old Temple. Il Terzo Anno del Regno di Riccardo II (1377-1399), il giovedì dopo San Tommaso Apostolo, si ha la cessazione dei diritti relativi ad una concessione di John Bureer, Falegname, di "Edelmeton", a William Bakere di Tottenham, di una dimora e di un giardino ad "Edelmeton", attestando che, qualora John avesse pagato a William a Natale un anno da quel momento 3£. 15s. nella sua casa di abitazione a Tottenham, la suddetta concessione sarebbe stata nulla, altrimenti, altrimenti (sembra di capire), avrebbe avuto forza di legge. Nel Quinto Anno del Regno di Riccardo II (1377-1399), la domenica dopo il Giorno della Candelora, si ha una concessione da parte di John, figlio ed erede di Richard Baddeby, e sua moglie Marjory, a favore di Thomas atte Cherche e sua moglie Margaret, di una dimora e 2 acri di terra coltivabile in "Harengeye", tra la strada principale da Londra a "Totenham", il Boschetto del Vescovo di Exeter ed altro. A tergo, si legge che, a condizione che alla morte di uno degli infeudati senza figli, il supertiste dovrà vendere il caseggiato e terre e pagare le messe da celebrare per un anno per le loro anime. Approvato con la condizione che alla morte di entrambi i feoffees senza emissione il sopravvissuto venderà il messuage e la terra e pagherà per la messa da celebrare per un anno per le loro anime. Verso la fine del XIV secolo, il traffico attraverso Tottenham era in diversi luoghi impedito dai residenti, a giudicare dalle multe per gli Affittuari che avevano eretto "levesells" o pergolati sulla strada principale del Re.

1.8 XV secolo

Il centro del Villaggio di Tottenham, nella misura in cui l'insediamento lungo la strada ne possedeva uno, era segnato dall'Alta Croce (High Cross, v. "Toponimo") e dallo spazio verde, il moderno Tottenham Green, immediatamente a sud. La Croce, che incoronava una leggera salita di High Road, un tempo, fu associata al corteo funebre di Eleanor di Castiglia, ma in seguito, si scoprì che null'altro era che una Croce lungo la strada, citata per la prima volta nel 1409. Durante il Regno di Enrico V (1413-1422), nel Quarto Anno, si ha un atto relativo ad una dimora in Tottenham che vede come parti Henry Thornton, e John Orpyd con sua moglie Agnes, nel Sesto Anno, un atto relativo a locali a Tottenham, tra John Hosey e William Newes con sua moglie Joan, nel Nono Anno, un atto relativo a locali ad "Edelmeton" e Tottenham tra John Pyke, John Draytone, Thomas Saberne e John Mordemore Il Giovane con sua moglie Cecily. Nei mesi di novembre e dicembre del Primo Anno del Regno di Enrico VI (1422-1461 e 1470-1471) abbiamo individuato quattro atti relativi allo stesso campo. Il primo atto, fatto a "Totenham", del 2 novembre, riguarda il rilascio da parte di Richard Welde, Thomas Baveyn, Simon Kyng e John Heyborne, a favore di William Brokherst e John Burton di tutti i loro diritti su un terreno in campo chiamato "le Downehill", nella Parish di Haryngey. Il secondo atto, che porta la data del 9, ma non si legge il mese, prevede la concessione da parte di Thomas Ederiche di "Totenham" nel Middlesex, a favore di Richard e William Ederiche dello stesso luogo di 12 acri di terra in un campo chiamato 'le Downhill'nella Parish di "Haryngey". Vengono poi due atti di fine dicembre, in due giorni successivi, che sono chiaramente collegati : 1. Il 28 dicembre, a "Totenham", si ha una concessione di John Burton di "Totenham" e William Brokherst di "Iseldon" a Sir John Stafford, Thomas Chaucers, Robert James, Robert Andrewe, Thomas Coventree, John Holkote, John Shotusbroke, Richard Ederiche, William Ederiche, John Sandir di "Haryngey", e Thomas Ederiche di "Totenham", e gli eredi del detto Thomas, di 12 acri in un campo chiamato "Downhill" nella Parish di "Haryngey"; 2. il 29 dicembre, si ha la rinunzia da parte di Richard Ederiche, William Ederiche e John Sandir a favore di Sir John Stafford, Thomas Chaucers, Robert James, Robert Andrewe, Thomas Coventree, John Holkote, John Shotus-broke e Thomas Ederiche di "Totenham", e gli eredi ed gli assegnatari del detto Thomas del loro diritto su 12 acri in un campo chiamato "le Downehill"nella Parish di "Haryngey", che insieme al detto John, Thomas, Robert e gli altri, ebbe per infeudamento di John Burton e William Brokherst di "Iseldon". Oltre alle Case Religiose, nel Middlesex vi furono ben nove Ospedali, sei dei quali dedicati ai Lebbrosi. Due degli Ospedali per i poveri si trovavano a Brentford, l'altro a Tottenham. Tutte e tre erano piccole e quasi nulla si sa di loro. Una antica Casa-Ospedale a Tottenham, citata nel 1416 e 1484, ma non lo fu successivamente. Nel 1430, prosperava la lavorazione del mattone, l'unica industria medievale di rilievo a Tottenham. Nel 1455-1456, in High Road, esisteva una gogna (struttura di lenog con buchi per testa e mani, in cui chi aveva violato la llegge veniva collocato ed esposto al pubblico abuso). Nel 1455-1456, sono documentate ben 6 locande, probabilmente tutte in High Road. Molti erano grandi edifici a graticcio (pannelli di legno), di cui gli ultimi resti sono sopravvissuti sino al XIX secolo. Un caseggiato chiamato "The Hermitage" fu documentato nel 1455-1456. Tottenham divenne famoso, presumibilmente, a causa dei molti viaggiatori che passavano da queste parti. Anche se non aveva una fiera, una satira di Cavalleria della metà del XV secolo, intitolata "Torneo di Tottenham", descrive una giostra rustica che vi si svolgeva, alla quale partecipavano "tutti gli uomini del paese, di Islington, di Highgate e di Hackney". Il 10 aprile del Trentanovesimo Anno del Regno di Enrico VI (1422-1461 e 1470-1471), si ha una lettera di procura da parte di Thomas Edrich di "Totenham", piccolo proprietario terriero, a suo figlio John, per trasferire la proprietà piena a William Edrich, altro suo figlio, di una terra chiamata "Harensey Downe Hille" in "Harense"y ed un piccolo podere chiamato "Merelinges Crofte" a "Totenham". Il 24 gennaio del Quinto Anno del Regno di Eduardo IV (1461-1470 e 1471-1483), si ha una concessione da parte di John Ederyche L'Anziano, di "Totenham", figlio ed erede di Thomas Ederyche, a favore di suo fratello William Ederych, John Scheperd, Thomas Hederych L'Anziano, dello stesso luogo, e William Wyght di "Edelmeton", di terra nel campo chiamato "le Down Hyll" ad "Haryngey", che il padre del concedente, co Thomas Chaucers ed altri (indicati) avevano posseduto in tempi recenti a seguito di trasferimento da parte di certe persone (indicate). Nel Nono Anno di Eduardo IV (1461-1470 e 1471-1483), a far data dal Giorno della Festa dell'Annunciazione della Vergine Maria, per la durata di 21 anni, si ha il trasferimento da parte di William Edryche Il Giovane, di "Totenham" nel Middlesex, a John Knebon, Cittadino e Birraio di Londra, di una piccola estensione di prato chiamato "Dounhyll", contenente 12 acri compresi nella Parish di "Harengey Down", che John a quel tempo deteneva; da Lady Day, 9 Edward IV (1461-1470 e 1471-1483), per ventuno anni, a 26 anni. 8d. affitto; William per pagare tutte le tasse e i tallages. Datato la festa e l'anno di cui sopra. Il canone è pari a 26s, con tutte le tasse e gabelle a carico di William. Il 2 aprile del Quarto Anno del Regno di Enrico VII (1485-1509), si ha rinunzia formale da parte di William Ederych di "Totenham" a favore di John Warner L'Anziano, Cittadino ed Armaiolo di Londra, del suo diritto su un pezzo di tera e bosco contenente 11 acri nella Parish di "Haryngey" su lato orientale di un campo chiamato "Dounhill", e su 1 acro di bosco ed un piccolo podere di terra chiamato "Lightlonde", confinante con la terra del Vescovo di Exeter chiamata "Fernefeld" e su un terreno chiamato "Pryoursfelde e Hobbescroft", il quale pezzo di terra e bosco, acro di bosco e piccolo podere di terra del detto John e suoi co-infeudati avevano congiuntamente per il dono di Thomas Martyn, Gentiluomo, che li aveva per dono di Thomas Howe di "Haryngey", figlio ed erede di Thomas Howe dello stesso luogo. Inoltre, si ha rinunzia formale da parte del detto Warner al detto William Ederych del suo diritto su un pezzo di terra e bosco contenente 12 acri nel detto campo.

1.9 XVI secolo

Verso il 1508, l'Alta Croce si ergeva su un tumulo ed era di legno ricoperto di piombo, circa venti anni prima della sua sostituzione a spese di Owen Wood, Decano di Armagh, che viveva sul lato orientale di Tottenham Green. Il legno forniva una semplice colonna di mattoni ottagonale di 4 piani, sormontata da una banderuola. Il 1 luglio del Quarto Anno del Regno di Enrico VIII (1509-1547), si ha un titolo di debito per 40 sterline da parte di Edward Kyng, d "Totenham", piccolo proprietario terriero, a favore di Robert Hawkyns, di "Totyng", Gentiluomo, a condizione del rispetto del risarcimento di John Musket, Owen Meredith e John Joynour, Gentiluomini. L'inizio del XVI secolo vide anche notevoli estensioni alla Parish Church, seguite dal 1514 dalla completa ricostruzione della Manor House di Bruce (il nucleo del moderno Bruce Castle), su una scala adatta a ricevere i Reali. Alla Riforma, l'Eremo (Hermitage) divenne una residenza privata e la divisione delle terre monastiche aumentò ulteriormente l'afflusso di estranei, molti dei quali si procurarono belle case. I Distretti, documentati dal 1515, furono probabilmente creati sulla base della popolazione; se i loro confini erano quelli descritti più tardi da Bedwell, tre quarti degli abitanti vivevano nei Distretti di Lower, Middle ed High Cross, ognuno dei quali conteneva sezioni di High Road, ed il resto nel Distretto di Green Wood, che copriva la metà occidentale della Parish. Nel 1517, Enrico VIII, quando salutò sua sorella Margaret a Bruce Castle, fece un pagamento all'Eremita di Tottenham. Nel 1526, la gogna del secolo precedente in High Road non risultava più essere presente. L'espressione "Tottenham diventerà Francese", a significare qualcosa che non potrebbe mai accadere, fu citata da molti Storici locali ai tempi di William Bedwell, ma usata sin dal 1536 da Thomas Howard, Duca di Norfolk, quando assicurò a Thomas Cromwell la sua lealtà. Le persone che vivevano di elemosina vennero sistemate in cottages vicino al Cimitero, sotto un'Associazione fondata da George Henningham (morto nel 1536). Nel 1536, vennero affittate terre appartenenti ai Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme ad Edmonton e limitrofe Parishes, che comprendevano 3 acri a Tottenham Broad Mead. Nel 1547, Tottenham aveva 355 persone che partecipavano alle celebrazioni religiose. Nei Rotoli delle Sessioni del Middlesex del Ventinovesimo Anno del Regno di Elisabetta I (1558-1603) è riportato un provvedimento punitivo del 1 ottobre 1586 (cioè, dell'anno precedente), per non aver frequentato la Chiesa, Cappella o altri luoghi soliti di Preghiera Comune dal detto 1 ottobre al 1 gennaio successivo, contro William Byrde, Gentiluomo, sua moglie Juliana, e John Reason, piccolo proprietario terrierio di Harlington nel Middlesex William Holborne di Chelsey, Gentiluomo, Bernard Brockas di ...., Gentiluomo, William Lord Vauxe di Hackney, Andrew Mallorye di Tottenham nel Middlesex, Gentiluomo, sua mogile .... ed i suoi Domestici Anthony Brackenbury, Thomas Hall e William Nuttall, e sua moglie Jane, la moglie di Ralph Lardge di Tottenham, Nicholas Langford di Fulham nel Middlesex, e sua moglie Martha, Thomas Gawinge. Gentiluomo, la Signora Mary Dudley, vedova, John Gyfford, tutti e tre di Islington, Erasimus Saunders Gentiluomo, sua moglie Jane, Christofer Isam, Gentiluomo, sua moglie ....., Richard Batley. Gentiluomo, sua moglie Anne, John Rynors (o Pynors). Gentiluomo, Francis Thynn, Gentiluomo, e sua moglie Elizabeth, tutti e nove di Clarkenwell nel Middlesex

1.10 XVII secolo

Nel 1600, una serie di Ospizi, dotati da Balthasar Sanchez, furono costruiti in High Road a sud di Scotland Green. All'inizio del XVIII secolo, si pensava che le gli Ospizi occupassero il sito dell'Offertorio di St. Loy, descritto da Bedwell come una Casa per Poveri. Nel 1619, la maggior parte dei residenti viveva ancora lungo High Road, principalmente intorno allo spazio verde presso High Cross, più a nord vicino all'incrocio con Berry (poi Lordship) Lane, e lungo il tratto da Marsh (in seguito Park) Lane al confine di Edmonton. L'Eremo (Hermitage) si ergeva su High Road tra gli spazi verdi di Page ed High Cross. C'erano molti posti in cui la terra coltivabile fiancheggiava la strada, privi di case su entrambi i lati tra Stamford Hill e Tottenham Green o lungo il lato occidentale per una certa distanza a nord dell'Alta Croce. Gli edifici si trovavano più vicini a nord di Marsh Lane, fornendo un contrasto con la parte deserta di High Road nell'estremità meridionale della Parish. Ad est di High Road c'erano quattro case a Page Green, di più a The Hale, ed alcune lungo Marsh Lane sino ad Asplins Farm, leggermente ad est della moderna stazione ferroviaria di Northumberland Park. Le rose erano coltivate lungo Marsh Lane, ed altrove nella Parish, ma le paludi stesse erano deserte, tranne che per i Mulini di Tottenham, dove veniva macinata la farina, o le fabbriche di lavorazione del cuoio. Ad ovest di High Road, Berry o Lordship Lane conduceva alla Manor House, alla Chiesa e ad una fattoria vicina, e Apeland Street (in seguito White Hart Lane) conduceva alla Casa Canonica. Otto edifici attorno a West Green costituivano l'unico borgo in mezzo al terreno agricolo nel centro di Tottenham. Molti boschi sopravvissero in boschetti intervallati da campi nel terzo occidentale della Parish. C'erano case isolate ad Hangers Green, dove Black Boy Lane si univa ad Hanger Lane ed a Ducketts Green, ma non ce n'erano a Beans Green o Chapmans Gree. L'unico borgo era Wood Green, dove quattro case occupavano terreni accanto al New River e altre si affacciavano sullo spazio verde, alle cui spalle vi erano pendici del Bosco del Tottenham. Nelle vicinanze, un poco più ad est, c'erano poche dimore dove Green Lanes si univa a Lordship Lane ad Elses Green e White Hart Lane a Smiths Cross. C'era anche una fattoria a Clay Hill. Una caratteristica notevole del XVI secolo era stata il numero di grandi case, la maggior parte delle quali affittate ai Londinesi come rifugi di campagna. La Black House, in High Road, di fronte a White Hart Lane, fu ricordata da Bedwell per vantare un'iscrizione che riportava che Enrico VIII rimase lì ospite di George Henningham. La Awlfield Farm, accanto alla Chiesa, fu descritta come un bel caseggiato nel 1585, così come la Manor House di Mockings con un fossato, anche se nessuno dei due risulta compreso tra i grandi edifici nel 1619. Di gran lunga i più imponenti erano la "Casa di Signoria" o Bruce Castle e la Casa Parrocchiale, insieme a Mattisons, la sede di Sir Julius Caesar, sul lato opposto del Bosco di Tottenham, ed in realtà, nella Parish di Hornsey. Diverse case spaziose fiancheggiano High Cross o Tottenham Green, mentre altre si trovavano a Tottenham Hale o più a nord, lungo High Road; La fattoria di Ducketts era definita villa e la fattoria di Asplins era grande, così come Willoughbies lungo una sentiero a nord, e la fattoria di Crokes, appartenente a Sir Edward Barkham, all'angolo meridionale di White Hart Lane ed High Road. La Black House sopravvisse come Rydley, appartenente all'Assessore William Gore, e forse, già rifugio estivo per Sir John Coke, il Segretario di Stato, che vi sostò con regolarità il 1625 ed il 1640. Rydley era considerata sontuosa, come lo fu una casa di nuova costruzione di Nathaniel Martin. Sul lato settentrionale di Wood Green un'altra bella casa apparteneva ad Ambrose Wheeler. In parte fu oggetto di atti benefici fatti dai Barkham, dai Wheeler e da altre Famiglie facoltose che indussero William Bedwell a scrivere la sua "Breve descrizione" nel 1631 e che in seguito condusse Henry Hare, Lord Coleraine (morto nel 1708) a comporre il suo "Storia ed antichità della città e Chiesa di Tottenham", un'opera ampliata da suo nipote ed omonimo. William Bedwell individuò tre meraviglie locali, tutte arboree. La principale era un albero di noce, che prosperò senza ingrandirsi ed fu popolarmente associato al rogo di un ignoto Protestante; era circondato da olmi, all'estremità orientale di Page Green, accanto ad High Road, dove gli alberi sono mostrati nel 1619. Bedwell, che non fornì alcun nome, rese chiaro che l'interesse era incentrato sullo stesso noce, che sopravviveva nel 1724. Il gruppetto era conosciuto come Seven Sisters nel 1732, quando fu richiesta l'autorizzazione del Lord per recidere i suoi rami inferiori. Sebbene il noce fosse morto nel 1790, il gruppo sopravvisse o fu rinnovato, per dare il nome alla nuova strada nel 1833 e, High Cross, ad una località. La costruzione del New River e l'abbattimento di alberi in grandi quantità fu deplorato da Bedwell, dato che mutarono notevolmente l'aspetto della parte occidentale della Parish. Una residenza costruita a sud della Chiesa da Joseph Fenton, in tempi moderni chiamata "Priory" (Priorato) e convertita in Casa della Canonica, sopravvive come esempio delle attività dei ricchi Londinesi. Altri esempi erano la villa usata da Sir John Coke, dove, secondo Bedwell, l'ex Black House fungeva da pertinenza, ed una grande casa sul lato settentrionale di Tottenham Green di proprietà di Sir Abraham Reynardson, che la restaurò nel 1647 e vi visse dopo la sua deposizione come Sindaco di Londra nel 1649. Nel 1664, c'erano almeno 15 grandi case valutate più di 10 focolari, con a capo Sir Hugh Smithson con 22 e Sir Edward Barkham con 21. La popolazione era ancora abbastanza equamente distribuita tra i Distretti. Il Distretto "Lower" conteneva 56 case, "Middle" 57 ed "High Cross" 72; c'erano 58 case nel Distretto "Green Wood", dove nessun edificio era valutato in più di 8 focolari. Nel 1631, William Bedwell trovò l'aria salubre e temperata e descrisse le paludi come piacevoli prati, a volte allagati, ma troppo lontani per essere pericolosi. Tali elogi furono ripetuti nel 1724 e, combinato con un facile accesso da Londra, potrebbe spiegare perché il Tottenham attrasse molte Scuole private. Almeno due Accademie selezionate precedettero la dotazione nel 1686 di una "Grammar School" locale per ragazzi, che doveva anche competere con le istituzioni gestite dalla "Society of Friends", la quale ultima avrebbe fornito al Distretto molti nomi illustri nel corso dei due secoli successivi, ed aprì la sua prima casa per riunioni permanente in High Road nel 1714. Il Giuramento di protesta (meglio, di fedeltà alla Religione Protestante) fu fatto da 252 maschi adulti nel 1641-1642 e nel 1676 c'erano 87 Conformisti e 43 Anti-Conformisti. Centodiciannove case furono registrate nel 1619 e 243 nel 1664.

1.11 XVIII secolo

Mentre l'espansione edilizia continuò durante la fine del XVII secolo ed il XVIII secolo, il modello di sviluppo rimase essenzialmente quello del 1619. Daniel Defoe, negli anni '20 del XVIII secolo, fu colpito dalle numerose nuove case lungo la strada principale da Londra ad Enfield, in particolare a Tottenham ed Edmonton, dove sembrava formare "una strada continua". In realtà, i Costruttori tendevano a concentrarsi su quei tratti di High Road che erano già popolari: intorno Tottenham Green, High Cross e verso nord, specialmente lungo il lato orientale. A parte alcune case sul confine di Stamford Hill, nel 1754, il tratto meridionale rimaneva vuoto sino a Page Green, quando c'era anche un campo aperto sul lato occidentale di High Road, tra Lordship Lane e White Hart Lane. Nel 1800, a nord dell'incrocio, gli edifici erano divenuti quasi continui lungo il lato orientali di High Road, e la maggior parte degli spazi vuoti su entrambi i lati era stata riempita dai terreni delle grandi case. A sud di Page Green, tuttavia, la strada attraversava ancora i campi, presumibilmente a causa del terreno fangoso vicino al Ruscello Stonebridge. L'approccio aperto e la contrapposizione di abitazioni ampie ed umili spiegano forse un commento sul fatto che il Villaggio di Tottenham, con una situazione spiacevolmente piatta, comprendeva principalmente una lunga strada di case stridenti e disuguali, con poco fascino rurale. Nel XVIII secolo, i piccoli insediamenti lontani da High Road attirarono poca attenzione. Tottenham Hale, che possedeva una locanda e che nel 1754 veniva indicato separatamente, rimase l'unico villaggio di qualsiasi dimensione; sebbene relativamente vicino, nel 1818 doveva ancora essere collegato ad High Road tramite costruzioni lungo High Cross Lane. Ad est di "The Hale" sorgeva solo il mulino sul Fiume Lea, e, molto a nord, alcuni edifici in Marsh Lane e Willoughby Lane. Nel centro della Parish, nel 1800, West Green comprendeva ancora non più di una mezza dozzina di case. A nord, si estendeva il più grande parco di Tottenham, attorno a Mount Pleasant, che era stato costruito sul sito di una residenza dei primi anni del XVIII secolo, Downhills House. Nel 1754, Wood Green era l'unico insediamento ad essere denominato ad ovest, ed era ancora molto piccolo nel 1818. Le sue case erano ampiamente sparpagliate, alcune di fronte allo spazio verde, conosciuto come Wood Green Common, altre a nord, dove Green Lanes saliva Jolly Butchers (più tardi Clay Bush) Hill, e poche ad est lungo Lordship Lane. Nel 1800, Sulle pendici più a ovest, i boschi si erano ridotti a pochi boschetti tra i campi arati. Nel 1754, non c'erano case, tranne la Nightingale Hall, sul lato meridionale di Bounds Green Lane, due edifici nell'estremo nord-ovest, di fronte alla lunga striscia che era Bounds Green stessa, e Tottenham Wood Farm vicino alla cima di Muswell Hill. La maggior parte dei visitatori, non trovando nulla di eccezionale, discutevano le antichità ed i proverbi menzionati da Bedwell. Tale carattere posseduto dalla Parish proveniva ancora dalle rilevanti case dei Mercanti. Daniel Defoe le considerava "ineguagliabili nel loro livello ..... generalmente appartenente al genere medio dell'umanità, cresciuto ricco di commerci e che ancora sembra di Londra"; molti proprietari, dividendo il loro tempo tra la City e la campagna, erano immensamente ricchi. Individuò una villa, la prima a colpire un viaggiatore da Londra, appena costruita da un ex Orafo chiamato Wanley (forse Geoffrey Wanley), sebbene piccola, la sua architettura e giardini la resero la più bella casa dell'intera Regione. Tali case si trovavano essenzialmente attorno Tottenham Green o lungo il lato orientale di High Road. I ricchi residenti lasciarono il segno in molte Istituzioni Caritatevoli, quasi tutte ospitate lungo High Road. La Scuola Blue Coat fu costruita nel 1735, l'Ospizio Reynardson fu aperto nel 1737 e l'Ospizio Pound o Phesaunt, dopo la demolizione delle vecchie strutture intorno al Cimitero, pochi anni dopo. Vicino ad High Street, a Marsh Lane, fu costruita una casa di lavoro nel 1783. La Scuola Industriale di Green Coat fu fondata nel 1792, seguita dalle Scuole Lancastriane nel 1812 e 1815. Mentre i Quaccheri continuavano nella loro Casa di riunione, altri Anticonformisti usarono stanze private dal 1790 sino a che la prima Cappella permanente fu costruita, per Metodisti, nel 1818. I Cattolici venerarono in Queen Street, vicino al confine di Edmonton, dal 1793. Nel 1795, Daniel Lysons riporta che a Tottenham vi erano 468 case che ospitavano 2.574 persone. La natura residenziale della maggior parte dei nuovi edifici diede a Tottenham del Tardo XVIII secolo l'aspetto di un sobborgo esteso, semi-rurale piuttosto che una città.

1.12 XIX secolo

Verso il 1800, si ebbero molti nuovi edifici, modifiche ed abbellimenti molto costosi. Vicino a Stamford Hill, sul lato orientale di High Road, Markfield House fu costruita da William Hobson, un Imprenditore edile Quacchero, che acquistò terreni agricoli vicini per costruire una tenuta di 37 acri entro il 1840. A Seven Sisters, all'angolo tra High Road e Page Green, fu sostituita una casa precedente di circa il 1800 da una villa che fu poi acquistata da Hobson ed occupata dal Primo Ministro della Cappella della Santissima Trinità. I cottages sul lato meridionale di Page Green vennero sostituiti verso il 1806 dalla residenza di William Row, ambientata nel 12 acri di terreni disposti da Humphry Repton e considerati tra i migliori della Parish. Nel 1809, la Alta Croce era stuccata ed ornata in stile gotico. Il già citato William Row comprò anche una villa vicina all'estremità orientale di Page Green, costruita all'incirca nella stessa data ed in seguito chiamata "Hurst". Sul lato settentrionale di Tottenham Green, Reynardson's House venne sostituita da due ville verso il 1810 e sul lato occidentale Grove House, un Collegio della metà del XVIII secolo, venne molto alterato. Dean Wood's House presso High Cross fu divisa e nel 1820 furono costruite tre ville dove un laghetto era stato riempito all'angolo tra High Road e High Cross Lane. Più a nord, all'angolo di Lordship Lane, sorgeva una casa forse risalente a prima del 1700, ma la cui facciata era stata rifatta verso il 1749 in Stile Palladiano e dotata di colonnati curvi fiancheggiati, quando era di proprietà di un Mercante Londinese di nome Philip de la Haize. Passò a un Commerciante di tessuti della City, Samuel Salte, e fu ingrandita da suo fratello William, quando veniva chiamata "The Corridor" (Corridoio) ed i cui giardini furono sistemati da Repton. William Salte, noto per la sua accoglienza sontuosa ma informale, nel 1808, vi ospitò i Duchi di Cambridge e del Sussex. Alterazioni furono eseguite anche nella Cascina di Asplins Farm dei primi anni del XVII secolo, che ricevette una facciata di tre piani verso il 1750, e, nel 1820, nella vicina Willoughby House. Tra la fine del XVIII secolo e l'inizio del XIX secolo, la diffusione di ville lungo alcuni dei vicoli che si dipartivano da High Road era più evidente della crescita di borghi separati. La edificazione più uniforme, resa possibile dallo smembramento della Tenuta del Manor nel 1789, ebbe luogo lungo la nuova strada chiamata Bruce Grove; case bifamiliari superiori, presto associate a ricche famiglie Quacchere, facevano parte del suo lato sud-occidentale entro il 1800. All'estremità nord-occidentale della fila, la residenza, chiamata in seguito "Elmhurst", era stata costruita entro il 1818 e sul lato meridionale di Lordship Lane, Elmslea si trovava di fronte al parco di Bruce Castle nel 1843. Sul lato setterntrionale di White Hart Lane, si ebbe anche edificazione: nel 1816, vantava numerose ville spaziose, probabilmente comprendenti Moselle House e Moselle Villa vicino alla Canonica, ed il nuovo Tottenham Terrace, il cui unico difetto fu che le abitazioni si trovavano troppo vicine tra loro. La stessa fila conteneva Trafalgar House, dal 1821 la casa del Topografo e Storico locale William Robinson, che acquistò molte proprietà vicine. Più a ovest, il sentiero passava tra Rectory Farm, a nord, ed il parco della Casa della Canonica, poi chiamata Moated House (= circondata da fossato). Oltre la campagna aperta, a parte una fattoria chiamata succesivamente "Tent Farm" sul sito di fabbriche di ceramica della fine del XIX secolo. L'industria, oltre alla produzione di mattoni, fu virtualmente confinata ai mulini lungo il Fiume sino alla costruzione di una fabbrica di merletti nel 1810 e di una fabbrica di seta cinque anni più tardi, una conceria nei terreni di White Hall che ebbe breve durata. Le fabbriche, vicino rispettivamente High Road, Love Lane e Factory Lane, passarono attraverso diverse mani prima del 1837, quando una di loro divenne una fabbrica di gomma, i cui proprietari presto affrontarono cause per aver causato inquinamento. Non c'erano altre aziende di qualsiasi altra dimensione, ad eccezione dei birrifici, a metà del XIX secolo. Nel frattempo, le Scuole private continuavano a beneficiare di un'aria relativamente sana; tra queste c'erano degli stabilimenti aperti nel 1827 a Bruce Castle e l'anno successivo a Grove House, entrambi divenuti noti a livello nazionale. Ancora nel 1859, l'Autrice, la Signora J. H. Riddell, che viveva a West Green, descrisse Tottenham come una città molto tranquilla ed isolata, dove le fortune potevano essere fatte da intraprendenti Commercianti o Artigiani che garantivano il patronato della nobiltà locale. Il raddoppio della popolazione tra il 1811 e il 1851 si riflesse in molte nuove Scuole e Cappelle e nella prima moderna Chiesa Anglicana, costruita a Tottenham Green nel 1830. L'inaugurazione di una stazione ferroviaria nel 1840, chiamata semplicemente "Tottenham" (per Tottenham Hale) e di una Chiesa a Wood Green nel 1844 presagì l'istituzione di un Consiglio locale nel 1848 e una trasformazione della vecchia Parish, quando si ridusse il livello sociale di molti alloggi lungo High Road e svanì il contrasto tra lo sviluppo concentrato e l'aperta campagna verso ovest. Nel 1840, tuttavia, fu ancora possibile per William Robinson affermare che il modello di insediamento non differiva molto da quello del 1619. Tutti, tranne alcuni abitanti, vivevano lungo High Road o in sua prossimità. Tottenham Hale era un villaggio con una locanda e circa 125 case, con oltre 600 persone. Intorno a West Green c'erano circa 18 case, alcune delle quali si consideravano rispettabili residenze familiari, ed a Wood Green Common ce n'erano solo dieci. Nel 1840, il già citato arrivo della "Northern and Eastern Railway" non migliorò significativamente le comunicazioni con Londra, né si formarono nuovi centri di popolazione attorno alle prime stazioni, ad est di Tottenham Hale e vicino ad Asplins Farm. L'ubicazone delle stazioni, tuttavia, determinò l'espansione degli edifici verso est da High Road. Nel 1863, Tottenham Hale era stato unito al villaggio intorno High Cross da edifici lungo il lato meridionale di High Cross Lane, mentre case a schiera fiancheggiavano parte delle nuove Somerset Road e Chesnut Road, un poco più a nord; Stamford Road e Markfield Road erano state disposte ad est di Page Green, dove 84 piccoli lotti erano stati messi in vendita dieci anni prima, anche se un tratto di Broad Lane si avvicinava ancora a Tottenham Hale attraverso i campi. Più a nord, vicino alla stazione di Park, c'erano case lungo una parte di Marsh Lane e Willoughby Lane, dove era stata costruita la Chiesa di St. Paul e Willoughby House era stata demolita nel 1858, e molte ville della Classe media lungo un nuovo collegamento tra la ferrovia ed High Road, chiamato Northumberland Park. Tottenham, su una mappa, non appariva più come un insediamento sviluppato lungo una strada. Negli anni '40 e '50 del XIX secolo, furono studiati diversi piani per ulteriori ferrovie. La prospettiva di migliori comunicazioni e servizi pubblici, piuttosto che lo stato di quelli già goduti, probabilmente stimolò lo sviluppo negli anni '50, quando la popolazione aumentò di oltre 4.000 persone. Un nuovo Cimitero, tra i campi a nord della Parish Church, fu consacrato nel 1857, un anno prima che la Drapers' Company di Londra comprasse "The Elms" di fronte ad High Cross come sito per una Scuola per ragazzi ed Ospizi. Il passaggio di Tottenham da una zona residenziale selezionata ad un sobborgo affollato, della classe medio-bassa e lavoratrice fu accelerato dal 1858, quando i Mercanti della City ed i Nobili che fino a quel momento avevano dominato il Consiglio locale furono sostituiti da uomini che lavoravano localmente, in particolare Medici e Costruttori, e chi vide il Distretto pronto per lo sviluppo. La frettolosa edificazione, che consentì alla popolazione di salire di quasi 10.000 persone nel 1860, causò molte crisi per la fornitura di acqua e la rete fognaria, per cui Tottenham divenne famoso. Verso la metà degli anni '60, non c'era campagna aperta lungo entrambi i lati di High Road a nord di Tottenham Green, sebbene molte residenze si trovassero ancora nei loro terreni. Tra Seven Sisters ed Hanger Lane (in seguito St. Ann's Road) gli unici edifici erano Stonebridge House ad ovest, Markfield House ad est ed un ponte che portava la "Tottenham and Hampstead Junction Rrailway". La presenza di edifici era più densa a nord, lungo viottoli e vicoli vicino ad High Road a sud di White Hart Lane, con piccole abitazioni a schiera in William Street, Moselle Street e Whitehall Street, precedentemente occupate dalla White Hall, nonché in Love Lane e Church Road. Lo sviluppo lungo le strade che portavano alle stazioni della "Great Eastern Railway" erano in parte bilanciate da abitazioni lungo le strade principali verso ovest: Hanger Lane, West Green Road, Philip Lane, Lordship Lane, contenente Bruce Terrace e White Hart Lane. Solo lungo il lato meridionale di Philip Lane, tuttavia, arrivava sino ad un altro villaggio, West Green. Nella parte orientale della Parish, la maggior parte dei locali lungo High Road aveva posteriormente ancora aperta campagna a nord di Tottenham Hale ed a sud di Marsh Lane. Al di là della linea ferroviaria, le paludi erano poco distanti da Ferry Lane, che conducevano oltre Tottenham Lock (chiusa) ai mulini da poco sventrati, e da Stonebridge Lock, Asplins Farm. Il centro della Parish era anche rurale, da Downhills Park a nord sino a Clay Hill. Oltre un gruppo di case intorno a Bruce Castle, Lordship Lane attraversava campi che si estendevano sino a Chapmans Green, gli unici edifici erano quelli di Broadwater Farm e Grainger Farm. Ad ovest di Tottenham Park, White Hart Lane, similmente, non passava alcunché, tranne Tent Farm e pochi cottages, mentre il viottolo verso nord superava Clayhill (più tardi la Devonshire Hill) Lodge e River House, attraverso il New River sino alla Clayhill Farm sul confine. Negli anni '60, si edificò principalmente nelle parti finora trascurate ad ovest di Tottenham High Road, in particolare intorno a West Green ed a Wood Green. Mentre la popolazione totale aumentò di quasi 10.000 persone, solo il Distretto di Green Wood ebbe un aumento di circa 5.500 anime. Nel 1869, i residenti di Wood Green chiesero il loro Consiglio locale ed era chiaro che il loro nuovo sobborgo, che godeva di un collegamento ferroviario separato con Londra, avrebbe avuto un futuro a sé stante. Inevitabilmente, lo sviluppo da quel momento si estese attorno High Road nella parte orientale della Parish, le linee ferroviarie a sud, e Wood Green ad ovest, lasciando terreni agricoli nel centro e nel nord che non vennero intaccati sino al XX secolo. Molti edifici coprivano i siti di antiche dimore. Lordship Hall, nell'angolo meridionale di High Road e Lordship Lane, fu demolita per ampliare le strade nel 1867. Talvolta, una grande casa privata venne adattata per essere utilizzata da una Istituzione, come fu il caso di Avenue House a Tottenham Green, comprata dalle Diasconesse Evangeliche Protestanti (poi Ospedale Generale del Principe di Galles) nel 1868. Il fattore cruciale nell'improvvisa crescita della parte orientale di Tottenham fu l'arrivo della Great Eastern Railway, che in definitiva andò da Liverpool Street ad Enfield, nel 1872. La linea stessa distrusse la maggior parte dei vantaggi rurali di cui godevano le grandi case sul lato occidentale di High Road o nei paragi, compresi quelli di Bruce Grove. Ancora più importante, la questione dei biglietti economici per la prima mattina a Londra, che fu strenuamente contrastata dai giornali locali, attirò migliaia di immigrati della classe operaia ed alla fine pose fine alla reputazione di Tottenham per la salute e la raffinatezza. Nel 1876, gli alloggi si estendevano quasi continuamente lungo le due miglia da Stamford Hill ad Edmonton; in gran parte, erano considerati luoghi popolari ed un poco miserabili, anche se qua e là, cancelli in ferro battuto o muri con alberi a strapiombo ricordavano giorni più maestosi. L'apertura delle stazioni sulla "Tottenham and Hampstead Junction Railway", a partire da South Tottenham nel 1871, e la costruzione della linea della Great Eastern Railway attraverso West Green nel 1878, affrettò la diffusione degli edifici a sud della Parish. Nel 1875, al nome della stazione venne aggiunto il suffisso "Hale", divenendo perciò Tottenham Hale (che venne eliminato nuovamente nel 1938 e ripristinato nel 1968). Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Tottenham come segue: "a parish, which is also a sub-district, in Edmonton district, Middlesex; averagely 5½ miles N by E of St. Pauls, London. It is bounded on the E by the river Lea; is impinged upon in the W by the Great Northern railway; is traversed along the E by the Eastern Counties railway, and across the S by the Tottenham and Hampstead Junction railway; is intersected through the middle by a continuous line of village, connecting on the S with Stoke-Newington, on the N with Edmonton; contains a large portion of Alexandra park; is divided politically into the wards of High-Cross, Lower, Middle, and Wood-Green; is cut ecclesiastically into the sections of All Saints, Holy Trinity, ....". Nel 1875, le ville intorno a St. Ann's erano state costruite su un terreno recentemente considerato una palude irrecuperabile e West Green era stato trasformato: "il vecchio villaggio è ancora lì, ma è rannicchiato contro strade, ville, e luoghi, e tutti gli altri dispositivi degli investitori moderni.". Di conseguenza, la popolazione della Parish più che raddoppiò durante gli anni '70, quando l'urgente richiesta di istruzione elementare frustrò sforzi locali determinati per evitare un Consiglio scolastico ed aveva raggiunto 97.174 persone nel 1891. Gli effetti dell'influsso furono riconosciuti nel 1888, quando Tottenham, con West Green, fu separato da Wood Green. Le loro differenti caratteristiche vennero descritte nel 1894: Tottenham, il più popoloso di tutti i distretti periferici di Londra, era principalmente destinato alla classe medio-bassa, in particolare impiegati della City e Magazzinieri, mentre Wood Green aveva molti residenti benestanti. Per gran parte dell'area, compresa la parte meridionale di Wood Green, la valutazione fiscale era lusinghiera; case a schiera uniformi di mattoni costituivano un sobborgo ferroviario della classe operaia, dove le case si estendevano 40 per acro, "con giardini posteriori decisamente minimali e giardini frontali meramente nominali". Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Tottenham come segue: "par., local govt. dist., and ry. sta. (Hale), Middlesex, in N. suburbs of London, 4642 ac., pop. 46,456; the sta. is 6 miles by rail N. of Liverpool Street sta., London; near the sta. is Tottenham High Cross, so called from a cross which has stood here from time immemorial.". Entro la metà degli anni '90 del XIX secolo, nessuno tra Tottenham Hale, West Green St. Ann's poteva essere distinto come borgo separato. Gli ultimi spazi aperti lungo Tottenham High Road erano spariti, con strade affiancate da case a schiera sui siti di Stonebridge House e Markfield House, sebbene poche vecchie residenze delimitavano High Road a Stamford Hill. I cambiamenti di Tottenham sono riassunti dai dati demografici: nel 1801, c'erano 3.629 abitanti, il cui numero è salito costantemente nei decenni successivi sino a raggiungere 6.937 nel 1831 e 9.120 nel 1851. La popolazione è rimasta abbastanza equamente distribuita tra i tre Distretti che coprivano High Road: i Distretti Lower, Middle e High Cross contenevano rispettivamente 1.612, 1.343 e 1.187 persone 1811 e 3.165, 2.273 e 2.413 nel 1851. Il Distretto di Green Wood, che comprendeva West Green, conteneva 429 persone, meno di un decimo del totale, nel 1811 e 1.269, meno di un settimo, nel 1851. La popolazione della vecchia Parish più che raddoppiò in due decenni dopo il 1851, raggiungendo 13.240 persone nel 1861 e 22.869 nel 1871.  La popolazione raddoppiò nuovamente a 46.456, nel 1881 ed ancora a 97.174 nel 1891. Il tasso di crescita della popolazione rallentò alla fine del XIX secolo, portando il totale a 102.541 nel Distretto Urbano di Tottenham  34.233 in quello di Wood Green nel 1901. 

1.13 XX secolo

La parte settentrionale di  Tottenham iniziò ad essere collegata a Wood Green nel 1901, quando il Consiglio della Contea di Londra, a dispetto della locale opposizione, comprò circa 225 acri di terra agricola con l'intenzione di fornire alloggio a 42.500 persone. Tottenham aveva 137.418 abitanti nel 1911 (34 persone per acro nel 1901 ed oltre 45 nel 1911). Sebbene la crescita fosse iniziata con le famiglie che lasciavano Londra, dove i capofamiglia viaggiavano per lavoro, era inevitabile che parte della terra vicino alle paludi o alle ferrovie, economica ma non auspicabile per gli alloggi, dovesse essere utilizzata per le fabbriche. Le imprese iniziarono a trasferirsi da Londra; la prima grande azienda fu il produttore di mobili Harris Lebus nel 1900, e presto fornì molti posti di lavoro locali. Nel 1914, c'erano tre principali zone industriali: nell'estremo sud, attorno a Vale Road, attorno a Tottenham Hale, ed a nord di Northumberland Park. I terreni aperti esistenti negli anni '90 del XIX secolo, erano molto ridotti nel 1920. A Tottenham, alcuni terreni incolti nell'estremo sud-est e un terreno ricreativo a Down Lane (ribattezzato Park View Road) costituivano le uniche aree tra la High Road e la linea della Great Eastern Railway che non erano state costruite, mentre le aree dell'industria erano chiaramente contrassegnate dalle fabbriche. Tottenham aveva 146.711 abitanti nel 1921, 157.772 nel 1931, mentre a Wood Green i numeri crebbero più lentamente da 49.369 a 50.707 e nel 1931, a 54,181. Durante le Due Guerre Mondiali, scomparvero i terreni agricoli. In tale periodo, la popolazione continuò a crescere, portando a Tottenham una densità di oltre 52 persone per acro nel 1931. Molti vecchi elementi scomparvero con una ricostruzione frammentaria lungo Tottenham High Road negli anni '20 e '30 del XX secolo. Essi includevano gli Ospizi di Phesaunt e Sanchez, la serie di negozi chiamata Sanchez House in costruzione nel 1923 e molte ville di fronte lo Stadio di calcio del Tottenham Hotspurs, dove nel 1934 fu costruita una grande struttura. Gli Ospiti dell'ultimo Ostello della Parish, Reynardson, andarono via nel 1938, dopo che una schiera di edifici venne costruita davanti alla più antica Cappella di Wesleyans, a sud dell'incrocio con Bruce Grove. La maggior parte di quegli edifici del XVII e XVIII secolo sopravvissuti nel 1937 si ergevano a nord di Bruce Grove e sul lato orientale di High Road. Anche l'industria si estese oltre la linea della Great Eastern Railway, lungo il margine delle paludi: le fabbriche di Keith Blackman furono costruite nel nord-est di Tottenham Hale nel 1938 e la vecchia casa colonica di Asplins fu circondata da fabbriche, che erano in costruzione lungo entrambi i lati di Garman Road. A West Green, uno spazio all'incrocio tra Philip Lane e West Green Road era pieno di abitazioni lungo Mansfield Avenue e strade limitrofe ad ovest. Molte proprietà nel periodo tra le Due Guerre Mondiali formarono oggetto di lavori da parte delle Autorità locali. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, Tottenham Green fu colpito da 57 bombe tedesche altamente esplosive ed 1 mina paracadutata. L'area che circonda Tottenham High Road apparentemente subì un limitato grado di danno dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale. Gli sviluppi successivi furono, pertanto, relativamente isolati e la maggior parte comportò la sostituzione o la conversione di edifici precedenti per fornire alloggi residenziali. Come nelle aree limitrofe, la popolazione si ridusse durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale: i dati per Tottenham e Wood Green, rispettivamente, erano 126.929 e 52,228 nel 1951 e 113.249 e 47.945 nel 1961. Le costruzioni municipali aumentarono dopo la Seconda Guerra Mondiale, la maggior parte su siti più vecchi ed in parte su quelli bombardati. Furono costruiti dei bungalow temporanei e nel 1946 furono fatti piani per trasferirvi circa 300 persone che vivevano nelle strade danneggaite dai bombardamenti ad Asplins Road, Manor Road e Chalgrove Road. Le proprietà requisite durante la Guerra furono gestite dalle Autorità di Tottenham, che nel 1955 avevano ancora a carico 1.900 di tali unità familiari. A quella data, non c'era praticamente più una nuova terra per le abitazioni nel Distretto e il Consiglio locale si stava preparando a costruire una tenuta di 300 abitazioni a Potters Bar. Durante gli anni '50 e '60, l'industria rimase nelle aree in cui era già stabilita; le fabbriche furono aperte fuori High Road e successivamente a Bounds Green, e nel 1966 una stazione di trasformazione elettrica sulle paludi gareggiava in dimensioni con le vicine fabbriche del gas, ad Edmonton. L'abbattimento dei bassifondi e l'allargamento della strada furono aiutati da un calo della popolazione, nonostante l'insediamento di molti immigrati di colore nella porzione meridionale di Tottenham. Gran parte del più fitto flusso di traffico si ebbe presso Tottenham High Road, a sud di Bruce Grove, anche se Wood Green High Road era sovraffollata a causa della sua crescente popolarità per quelli che facevano compere. La demolizione della casa colonica di Asplins, sopravvissuta nel 1951, lasciò pochi altri edifici pre-Vittoriani. La locanda Ferry Boat, ad est di Tottenham Hale, ha una facciata in stucco del XVIII secolo ritoccata verso il 1800. Bruce Terrace, una modesta fila di case di mattoni gialli, si erge trascurata vicino alla linea ferroviaria in Lordship Lane; fu costruita da Thomas Finney, un fondatore della ferrovia del principio del XIX secolo, e alcune case conservano gradini di ferro che venivano posati alle porte anziché in lastre di pietra. La ricostruzione municipale su larga scala fu pianificata nel 1974, in gran parte nella parte meridionale ed orientale di Tottenham. Vennero svolti lavori tra High Cross e Tottenham Hale, dove le case erano state demolite da Scales Road a Colsterworth Road, in zone su entrambi i lati di Broad Lane, a terra intorno al passaggio non lontano da Seven Sisters, e su siti più occidentali confinanti con esso, St. Ann's e le strade di West Green. Più a nord, a largo di High Road, la ricostruzione si svolgeva intorno a Stirling Road, a sud di Lansdowne Road, e intorno a Tenterden Road, a nord-est del parco di Bruce Castle. Nuove abitazioni erano state completate lungo Clyde Road, parallela a Philip Lane, e tra Durban Road ed il confine di Edmonton. Come risultato della ricostruzione, gran parte dellle strutture Vittoriane di Tottenham e Wood Green fu trasformato dopo la Seconda Guerra Mondiale. Nel 1973, ben poco sopravviveva da prima della metà del XIX secolo, anche se gli spazi aperti dell'Autorità della Valle del Lea e le pendici boschive intorno ad Alexandra Palace ricordavano che i viaggiatori, in passato, vedevano Tottenham come un villaggio lungo la strada, in una terra agricola bassa, con vette coperte da boschi ad ovest. La stessa Tottenham High Road era una strada trafficata, con pochi imponenti edifici, spesso congestionati sia dagli acquirenti che dal traffico. Gli alberi ancora riparavano un giardino pubblico a Tottenham o High Cross Green e l'Alta Croce (restaurata nel 1929), sorgeva sul lato est della strada. Gli sviluppi più significativi del Dopo-Guerra nella zona di Tottenham High Road si sono tuttavia, verificati negli ultimi decenni. Nel 1980, il grande magazzino di Burgess, che era stato costruito per sostituire l'Ospizio Sanchez fu abbattuto e sostituito con Tottenham Enterprise Store, in seguito, Aldi e Fitness First. Alla fine degli anni '80, l'Ospedale Principe di Galles fu chiuso, e nel 1993, l'edificio fu convertito per fornire 38 appartamenti e ribattezzato "Deconess Court". Allo stesso modo, la Ex Scuola Superiore di Tottenham per ragazze fu chiusa all'inizio degli anni '80, e dopo essere rimasta vuota per diversi anni, venne restaurata e convertita in appartamenti economici. Dal punto di vista amministrativo, nel 1965, con la nascita della Grande Londra, Tottenham. Wood Green ed Hornsey vennero uniti per formare il London Borough of Haringey

2. Lo sviluppo delle zone di Tottenham (Approfondimento)

Riteniamo utile aggiungere qualcosa sullo sviluppo di High Road, distinguendo tra il suo tratto meridionale e quello settentrionale:

2.1 Lo sviluppo di High Road a South Tottenham

La Mappa della Parish del 1619 indica che tutta High Road dal confine settentrionale dell'Area Protetta (Conservation Area) al confine della Parish con Stoke Newington era delimitata da terreni aperti. Ciò cambiò nel XVIII secolo quando Stamford Hill ed Upper Clapton divennero un rinomato ritiro per ricchi Londinesi. La Mappa della Parish del 1798 mostra che diverse abitazioni rilevanti erano state costruite sul tratto meridionale di High Road, tra Hanger Lane (ora St. Ann's Road) e il confine della Parish. Illustrate più dettagliatamente sulla Mappa delle Decime del 1844, esse comprendevano case monofamiliari e bifamiliari e case a schiera, tutte ben lontane dalla strada principale con vasti terreni. Includevano (come indicato dalla Ordnance Survey Map del 1864) Sherborough House a nord dell'incrocio con Hanger Lane, e Coleraine House, ora sede di Hillside Road. La maggior parte di loro avrebbe lasciato il posto agli sviluppi della fine del XIX secolo e nessuna sopravvive oggi. La Mappa del 1844 mostra anche l'inizio della diffusione verso l'esterno da High Road con una serie di abitazioni più piccole lungo il lato meridionale di Hanger Lane. La "Tottenham & Hampstead Junction Railway" fu aperta nel 1868, con una stazione a South Tottenham nel 1871. Nel 1894, i Gesuiti fondarono un Collegio e Cappella sul lato occidentale di High Road, sul sito di un paio di grandi ville; la Cappella, progettata da Benedict Williamson, fu rimpiazzata nel 1903, dall'attuale Chiesa di St Ignatius, del medesimo Architetto. Nel 1894, una rilevante proporzione del fronte di High Road fa nord di St. Ann’s Road (la ex Hanger Lane) era stata edificata, e ad est ed ovest, diverse strade di case a schiera erano complete o in corso di completamento; nel 1915, il citato fronte era fiancheggiato da edifici e l'entroterra era densamente sviluppato. Una sala cinematografica era presente nel 1915 sul sito occupato dall'attuale Loyola Hall. Il periodo tra le Due Guerre vide una limitata sostituzione edilizia, in particolare, il pub "The Mitre", ma cambiamenti sostanziali si verificarono alla fine del XX secolo, con la conseguente riconversione dell'intero lato occidentale di High Road, dall'attuale Ermine Road a St. Ann's Road, con l'eccezione del citato pub "The Mitre", e tratti rilevanti sul lato orientale.

2.2 Lo sviluppo di High Road a North Tottenham

Nel 1844, il fronte dal confine della Parish a White Hart Lane era densamente edificato. Sviluppi di terre posteriori di basso status stavano emergendo, in particolare su Love Lane e Church Road, probabilmente, abitazioni per Lavoratori della fabbrica di merletti e Wagon Lane sul lato orientale. Più a sud, tuttavia, il modello di sviluppo successivo al 1844 del lato occidentale differì da quello orientale in un aspetto fondamentale, a causa della maggiore abbondanza di proprietà distaccate in grandi appezzamenti, e di altri tratti di terra non sviluppati che ancora confinavano con la strada principale. Non appena i proprietari vendettero, molti di questi terreni furono sviluppati con una serie di facciate uniformi su High Road, tipicamente edifici a schiera a tre piani con negozi: nel 1864, la facciata, dall'attuale numero 773 sino al numero 731, sino a quel momento privo di edifici e chiuso da un tratto aperto del Ruscello Moselle, era fiancheggiato da una serie di case a schiera, con nuove strade di case a schiera dietro (Whitehall Street e Moselle Street) completate dal 1894 con i numeri 783-791 e 1-5 di White Hart Lane sul sito di una villa chiamata "The Yews". Più a sud, un'altra grande proprietà fu sviluppata con una Chiesa Presbiteriana e la Chiesa Cattolica di San Francesco di Sales (1895), separate da Brereton Road. Nel 1894, una grande villa, "Sycamores", aveva lasciato il posto ad una lunga sfilata di negozi, Criterion Buildings, intersecata da Ruskin Road e Cedar Road, mentre all'estremità meridionale (al di fuori del confine dell'Area Prottetta) una delle ultime antiche abitazioni di High Road era stata ricostruita con case, ora il sito di Millicent Fawcett Court. I principali sviluppi Eduardiani ed inter-Bellici furono gli uffici della Tottenham Gas Company (1900-1913) ed il Tottenham Technical College (1937-1939). I lavori di ristrutturazione del dopoguerra includono la Brook House, una villa del XVII secolo adiacente al confine della Parish, lasciando il posto alla Fabbrica della gomma Cannon, recentemente riqualificata come complesso ad uso misto (al di fuori del confine dell'Area Protetta) e Kathleen Ferrier House, che occupa il sito della Chiesa Presbiteriana. L'espansione della Scuola di San Francesco di Sales assorbì i siti di Beech House, una villa dei primi anni del XIX secolo, ultimamente un Convento Marista, ed anche una casa a schiera contemporanea a sud, che era stata demolita nel 1949, forse per i danni dei bombardamenti tedeschi. Il lato orientale di High Road aveva relativamente pochi lotti non sviluppati nel 1844, e la ricostruzione sino agli anni '30 del XX secolo fu principalmente limitata a singoli appezzamenti o piccoli gruppi. Vennero create diverse nuove strade residenziali: Northumberland Park, Bromley Road, Lansdowne Road e Brantwood Road. Le riqualificazione Vittoriane ed Eduardiane sopravvissute includono la Birreria Bell (1864), il Dispensario Pubblico di Tottenham ed Edmonton (ricostruito nel 1910), la Red House (circa 1878), ex "taverna del caffè" di temperanza, e l'ex pub "White Hart", ricostruito nel 1900 sul sito dell'antica locanda con lo stesso nome, e degli anni tra le Due Guerre, l'ex Edificio Cooperativo (1930), ricostruito identicamente dopo la sua distruzione nelle rivolte del 2011. La riqualificazione postbellica vide la rimozione di tutti gli edifici dal confine della Parish a Brantwood Road, compresa la rete di case a schiera di Wagon Lane, ormai famigerata baraccopoli, per far posto agli appartamenti Altair Close. A sud di questo, si ebbe un piccolo intervento di riqualificazione, da qui la notevole estensione del paesaggio urbano Georgiano. Recentemente, la terra tra Dial House e l'ex pub White Hart, comprendente i numeri 752-788, è stata ripulita dagli edifici in anticipo rispetto alla riqualificazione dello Stadio degli "Spurs". L'ex Casa di lavoro della Parish, conosciuta come "Coombes Croft House", successivamente Ufficio del Consiglio Locale e Caserma dei Pompieri, poi Biblioteca pubblica, è ora il sito degli appartamenti della "Coombes House". High Road dall'attuale Hampden Lane a Scotland Green è stata oggetto di un ampio intervento di riqualificazione dagli anni '60 del XX secolo. La parte più settentrionale di Tottenham High Road costituisce il centro di questo quartiere. È un vecchio centro, che forma il più consistente dei vari piccoli borghi sparpagliati che formarono la Parish di Tottenham prima che l'espansione suburbana di Londra si estendesse in questa zona, ma al momento non è dichiarato centro distrettuale. Tuttavia ha un grande entroterra e la ricostruzione dello Stadio del Tottenham Hotspur dovrebbero rendere la zona una rilevante area di commercio. Il confine settentrionale, come confine del London Borough of Haringey, non costituisce necessariamente un confine naturale della comunità ed il vivace centro commerciale di Upper Edmonton (spesso noto anche come "The Angel") forma un forte centro rivale nel nascente centro di North Tottenham e quello di lunga data virtualmente il più importante nwl centro di Tottenham a Bruce Grove. Il confine settentrionale di questa zona e della Municipalità è un antico confine della Parish segnato da siepi sopravvissute attraverso parchi, confini di proprietà locali e tracce antiche, ma oltre ad innalzarsi su una cresta verso ovest, manca di caratteristiche naturali. C'è un importante entroterra residenziale sia ad ovest che ad est di High Road, che si estende ad ovest per coprire la White Hart Lane Estate e le vicine strade residenziali. Ad ovest, questo si estende sino alle strutture industriali e sportive di White Hart Lane, approssimativamente dove inizia l'influenza rivale di Wood Green, ma si valuta che finisca a sud-ovest nei grandi spazi aperti collegati di Bruce Castle Park e del Cimitero di Tottenham, e nella Tenuta ad ovest, dove Great Cambridge Road diventa The Roundway.

3. Manor di Tottenham

La storia di questo Feudo offre un esempio dell'instabilità degli onori e delle proprietà, nei primi periodi degli Annali Inglesi. Durante il Regno di Edoardo Il Confessore (1042-1066), Tottenham era di proprietà del Conte Waltheof (nel Domesday Book chiamato Wallef), figlio del famoso Conte di Siward di Northumberland, che sconfisse Macbeth l'usurpatore della Corona di Scozia. Nel 1072, Gospatric, Conte di Northumberland, venne privato della sua Contea, poiché Guglielmo I Il Conquistatore lo diede, con le Contee di Huntingdon e Northampton, al detto Waltheof, che aveva sposato sua nipote Judith, figlia di Odo, Conte di Albemarle ( e figlia di Adelize, sorella di Guglielmo I Il Conquistatore). Ciò perché Waltheof, che aveva svolto un ruolo di rilievo tra gli oppositori Sassoni all'Invasione Normanna, dopo non molto tempo, era passato a sostentere Guglielmo I Il Conquistatore. Tuttavia, continuò a tramare con i Sassoni, e pochi anni dopo il matrimonio, venne tradito dalla moglie Judith e decapitato, nel 1076, a Winchester, essendo il primo Nobile, sembra, a subire la morte in Inghilterra. Tuttavia, Judith mantenne il Manor di "Toteham", a patto che pagasse al Re, annualmente, il valore di 5 unità, pari a ciurca 100 scellini Normanni. Ed infatti, Judith era in possesso di questo Manor quando venne effettuata l'Indagine Normanna (1086). Il Manor di Tottenham passò poi a Maud, figlia maggiore di Judith e Waltheof, che sposò prima Simon de St. Liz (un nobile Normanno, che si dice fosse stato rifiutato da sua madre perché zoppo da una gamba, morto nel 1111), poi, in seconde nozze, David, figlio di Malcolm III, Re di Scozia. Per il favore del Re Enrico I, questo David, che successe in seguito al Trono di suo padre, possedette la Contea di Huntingdon e tutte le terre che erano state del Conte Waltheof. Il Manor di Tottenham continuò ad essere annesso alla Contea di Huntingdon, e passò con essa, per concessioni Reali, ad Henry, figlio di David, Re di Scozia, nel 1134; a Simon de St. Liz (II), figlio del suddetto Conte col medesimo nome, nel 1136; a Malcolm IV, Re degli Scozzesi (figlio di Henry), nel 1152; a suo fratello William, soprannominato il Leone, Re di Scozia, nel 1165; a Simon de St. Liz (III), il terzo col medesimo nome, ed erede diretto, nel 1174: alla sua morte, avvenuta nel 1184, il Re Enrico II diede il Manor a William, Re degli Scozzesi, che lo consegnò l'anno successivo a suo fratello David, al quale il Manor di Tottenham fu confermato da Giovanni Senza Terra nel 1199. Tale David, che era Conte di Angus, Galloway ed Huntingdon, fu privato del Manor nel 1215, ma vi fu restaurato nel 1218, morì nel 1219, avendo sposato Maud, figlia ed erede di Hugh Kevelioc, Conte di Chester, la quale, nello stesso anno aveva il Manor Tottenham, tra le altre terre, assegnato come sua dote, avendo fatto parte del suo "frank marriage". Il loro unico figlio, John, Conte di Chester dal 1232) ed Huntingdon, gli successe nel 1219, fu avvelenato nell'anno 1237, da sua moglie Helen, figlia di Llewellin, Principe di Galles (da cui non ebbe figli). Poco dopo la morte del marito, sposò Robert de Quincy, un fratello minore di Roger, l'ultimo Conte di Winchester di quella Famiglia. Il Manor di Tottenham (unitamente a quello di Kempston) venne concesso alla citata ex vedova Helen, come dote consuetudinaria di una Contessa di Huntingdon. Il testo dell'atto, in Latino, datato 8 luglio, è il seguente (evidenziamo in neretto le parti salienti): "Pro comitissa Cestrie. — Quia rex didicit quod comitisse Huntind' semper habere consueverunt in dotem maneria de Kemeston' et de Totham, mandatum est ballivis A. regis Scottie de terris que fuerunt .J. comitis Hunt', quod Helene que fuit uxor J. comitis Cestrie et Huntind', de predictis maneriis cum pertinentiis tenendis nomine dotis sue, sine dilatione plenam seisinam habere faciant ; quod nisi fecerint, a vicecomitibus Bedef et Midd' id rex fieri precepit. Teste rege apud Wudestok', viij. die Julii. Et mandatum est vicecomiti Bed' quod, nisi dicti ballivi ei inde seisinam habere fecerint, ipse de manerio de Kemeston' seisinam ei habere faciat. Eodem modo vicecomiti Midd" de manerio de Totham.". Nel 1238, i due citati Manors vennero nuovamente concessi ad Helen ed al suo secondo marito Robert de Quincy. Nel 1253, alla morte di Helen, il Manor di Tottenham, come parte dell'Onore di Huntingdon (del suo defunto marito), passò ai discendenti delle sue sorelle sposate e relativi coeredi. Pertanto, nel 1254, fu necessario effettuare un'indagine sulle terre di Helen. I dati della suindicata indagine, limitatamente a quanto attiene a Tottenham, sono i seguenti: vi erano in demanio 527 acri di terreni arabili, valutati 9£. 17s.; 40 "virgates" erano in servitù, ognuno dei quali conteneva 32 acri, e pagava un fitto di 10s. o 3¾d. ad acro, oltre a certi affitti dai lavoratori agricoli valutati 3s. 4½d., 92 acri di prato; da cui deducendone 9 per le decime, ne restavano 83, del valore di 12 £. 5s, un lotto adibito a pascolo, contenente 26 acri, valutato 52s., un mulino ad acqua, che rendeva 4£. dopo aver dedotto la decima, il pascolo del Manor coltivato per 56 anni, gli affitti di importo esiguo dovuti dai proprietari valutati 4£. 10s. 4d, 2 boschi di estensione incerta, il cui valore non era specificato. L'intero valore del Manor era 57£. 15s. 6d .; il terzo, 19£. 5s. 2d. (come risultava da atti del Trentottesimo Anno del Regno di Enrico III), nei quali risulta anche la valutazione della Manor House e pertinenze come 33s. 6d, i frutti del giardino 12d, la vegetazione 1s. 6d ., "the fifth ponds" 2s ., "curtilage" (terreni che circondavano un edificio) 2s ., nel complesso, 40s. Quindi, nel 1254, il Manor di Tottenham perse la sua unitarietà e venne suddiviso in tre parti tra i coeredi di John, Conte di Chester (non compare Maud, una delle sue figlie, che morì senza sposarsi), probabilmente, dividendo i Conduttori, piuttosto che dividendo i terreni. Dei tre distinti Manors (che, leggerete successivamente, discesero poi separatamente sino a quando non furono riuniti da John Gedney all'inizio del XV secolo), alcuni, a loro volta, vennero ulteriormente suddivisi ed acquisirono anche il nome di Manor, traendo il nome dai loro differenti possessori (altre piccole proprietà, piccole porzioni di alcuni dei Manors prima menzionati, si ritrovano nei documenti senza nomi distinti). I tre eredi e relativi Manors furono:

  1. John de Baliol (Fondatore del Baliol College di Oxford e Lor di Galloway), sposato con Devorguilla, figlia maggiore di Margaret, sorella di John Conte di Chester, sposata con Alan de Galway. Tale terza parte del Manor di Tottenham, successivamente, si disse Manor di  Baliols, e poi Dawbeneys o Daubeneys (e successivamente, talvolta, anche Northamptons), dato che nel 1337, Eudardo III lo diede a William Dawbeny, in considerazione dei suoi serivzi militari;
  2. Henry de Hastings, sposato con Ada, una delle sorelle di John, Conte di Chester. Tale terza parte del Manor di Tottenham, successivamente, si disse Manor di Pembrokes (prima di Hastings), dato che andò a Lawrence de Hastings, il quale per discendenza da Isabel, la sorella maggiore e coerede di Aymer de Valence, Conte di Pembroke, fu dichiarato erede di quel Titolo da Eduardo III nel 1339.  
  3. Robert de Brus (che concorreva per la Corona di Scozia con Baliol), figlio di Isabel, la seconda per età delle sorelle di John, Conte Chester e Lord di Annandale. Il nome del possessore spiega il nome di questo Feudo, Manor di Bruses (denominazione ancora che lo distingueva nel 1795); ne abbiamo trattato in Bruce Grove. Una parte di tale Manor si disse Manor di Mockings (trattato in Northumberland Park), dato che successivamente venne venduto a John Mocking, che morì possedendolo nel 1347.

Onde evitare ripetizioni, rinviamo alle pagine suindicate in cui sono già stati trattate la Storia del Manor di Bruses e della sua parte che si disse Manor di Mockings, concentrandoci in questa sede su quella dei Manors di Baliols e Pembrokes, per la parte in cui furono autonomi, riprendendo poi la Storia dopo la riunificazione di tutti i Manors di Tottenham. Aggiungiamo, che, stando ad Edward Walford, i quattro Manors di "Bruce's, Pembroke's, Mocking's, and Dawbeney's. ...... erano tenuti a condizione che qualora il Re fosse andato in guerra di persona, il proprietario avrebbe dovuto fornirgli un paio di speroni d'argento".

3.1 Manor di Baliols, poi Dawbeneys o Daubeneys (e, poi, talvolta, Northamptons)

Tale terzo delle terre di Tottenham del Conte John andarono a Devorgild de Balliol, il quale nel 1281, le concesse a suo figlio John. Esse vennero requisite dopo l'abdicazione di John come Re di Scozia nel 1296 e vennero affittate prima nel 1299 a William Persone, poi al nipote di Eduardo I, John of Brittany, poi Conte di Richmond, il quale, nel 1308, si assicurò una concessione per sé ed i suoi eredi. Ma John morì senza prole nel 1334,  e le sue terre di Tottenham vennero conferite a vita a Sir William Daubeney (da cui il secondo nome del Manor), il qualle, parimenti, dopo tre anni, si assicurò una concessione per i suoi eredi. Una permuta delle quote di Tottenham tra Daubeney e quella di Kempston del Conte di Pembroke, autorizzata nel 1342, sembra non essere realizzata, dato che nel 1344, Balliols era ancora pertinente a Daubeney. Nel 1360, alla morte di Sir William Daubeney, il Manor passò a suo figlio Giles Daubeney, che nel 1382, fu autorizzato a trasferirlo al Commerciante di tessuti di Londra John di Northampton, altrimenti Comberton. Due anni dopo, nel 1384, dopo la confisca patita da John di Northampton, il Manor venne concesso a vita a John Beauchamp di Holt, poi Lord Beauchamp di Kidderminster, che pure patì la confisca nel 1388, con regresso alla Corona. Nel 1389, prima si ebbe una concessione a William Brightbrook ed altri, poi, nel medesimo anno, venne cancellata a seguito delle rivendicazini avanzate da John di Northampton, che riacquisì il Manor nel 1392 e che venne succeduto da suo figlio nel 1397, alla morte del quale, nel 1409, il Manor passò a William Comberton, figlio di John Comberton e nipote di William, che era stato fratello maggiore di John di Northampton, e nel 1412, il Manor era tenuto durante la minore età di William, da Thomas Burton, un Droghiere di Londra. Nel 1421, il Manor di Daubeneys venne ereditato da Richard Comberton, fratello di William, e nel 1426, esso venne trasmesso a Richard Chippenham ed altri che ancora lo possedevano nel 1433. In seguito, venne riunito con le altre suddivisioni del Manor che furono acquisite da John Gedney, un Commerciante di tessuti di Londra, che morì possedendoli nel 1449.

3.2 Manor di Hastings (poi di Pembrokes)

Tale terzo delle terre di Tottenham del Conte John andarono a Sir Henry de Hastings (da cui il primo nome del Manor), figlio di sua sorella Ada. Nel 1266, Sir Henry venne imprigionato con i sostenitori di Simon de Montfort, quando parte delle sue terre di Tottenham vennero assegnate a sua moglie Joan, le restanti essendo state date a John de Balliol. Entro il 1268, Tottenham era stato riattribuito ad Henry, quando lo impegnò a garanzia a lo assegnò a Joan come sua dote nel 1269. Successivamente, il Manor discese a John, figlio di Henry, Lord Hastings, da cui Hugh de Kendale, ottenne una concessione vitalizia nel 1292, al figlio John omonimo nel 1313, ed al più giovane figlio di John, di sei anni, Laurence, nel 1325. Laurence, Conte di Pembroke (da cui il secondo nome del Manor) dal 1339, morì nel 1348, succedendogli il suo fanciullo John, Conte di Pembroke, alla cui morte, nel 1375, vi fu una concessione di Pembrokes alla sua vedova Anne, come sua dote. Nel 1384, il Manor passò a John suo figlio di 11 anni, alla cui morte, nel 1389, al suo consanguineo Reynold, Lord Grey di Ruthin. La vedova di John, Philippa (morta nel 1401), che aveva sposato Richard Fitz Alan, Conte di Arundel, ottenne una concessione del Manor come sua dote nel 1397, dopo che Reynold, Lord Grey, lo aveva trasmesso in reversione a John Walden, suo fratello Roger, ed altri. Pembrokes, al pari di Bruces, venne successivamente tenuto da John Walden,  dalla sua vedova Idony, e dagli Amministratori fiduciari che lo trasmisero a John Gedney entro il 1427. 

3.3 Riunione dei Manors di Tottenham

Dal tempo di John Gedney, il Manor di Tottenham rimase unito, sebbene fosse normalmente descritto collettivamente come i Manors di Pembrokes, Bruces, Daubeneys e Mockings. Tutte e quattro le sue componenti vennero conferite da John Gedney a Thomas Staunton, Commerciante di tessuti, ed altri Amministratori fiduciari, i quali, nel 1459, vennero autorizzati a concederle alla vedova di Gedney, Joan, a vita, con regresso a Richard Turnaunt, marito della sua defunta figlia Elizabeth, e della sua nuova moglie Joan. Nel 1462, alla morte di Joan Gedney, le quattro componenti del Manor di Tottenham passarono alla Famiglia Turnaunt, che, nel 1464, nuovamente le attribuì a Thomas Staunton ed altri. Nel 1486, Turnaunt morì possedendo le quattrro parti del Manor di Tottenham, che passarono a sua figlia Thomasine, nipote di Joan Gedney e moglie di Sir John Risley.  Nel 1507, venne eseguito un recupero ed i terreni attribuiti a vita a Risley, con regresso al Vescovo di Winchester ed altri Infeudati per conto del Re. Risley, che sopravvisse a Thomasine, morì senza figli nel 1511 o 1512, dopo di che, le terre passarono alla Corona. Nel 1513, i Manors di Tottenham, con tutte le proprietà di Risley a Tottenham, Edmonton ed Enfield, furono concessi "in coda" a Sir William Compton, alla cui morte, nel 1528, passarono a suo figlio Peter, minorenne, il quale, nel 1549, venne succeduto dal figlio postumo Henry, in seguito Lord Compton (morto nel 1589). Anne, la seconda moglie di Henry, presumibilmente, tenne Tottenham come sua dote e sposò Robert Sackville nel 1592, ed in seguito, trasferì i Manors al suo figliastro William, Lord Compton, in seguito Conte di Northampton, che li vendette o li ipotecò a Thomas Sutton e Thomas Wheeler. Nel 1604, Wheeler vendette i Manors a Thomas Sackville, Conte di Dorset, a cui successe suo figlio Robert Sackville nel 1608. I Manors discesero a Richard, figlio di Robert e il figliastro di Anne, nel 1609 ed al fratello di Richard, Edward, nel 1624. Nel successivo 1625, furono venduti, per pagare i debiti di Richard, e nel 1626 convogliati agli Amministratori fiduciari per l'uso di Hugh Hare, Lord Coleraine. Dal 1626, i quattro Manors di Tottenham discesero per oltre un secolo nella Famiglia Hare. Nel 1682, passarono da Hugh, Lord Coleraine, a suo figlio Henry, Autore principale della "Storia di Tottenham", e nel 1708, da Henry, Lord Coleraine, a suo nipote ed omonimo, alla cui morte senza eredi legittimi, nel 1749, la linea Nobiliare si estinse. Il più giovane Henry, Lord Coleraine, per testamento del 1746, lasciò tutte le sue terre nel Middlesex ad Henrietta Rose Peregrina Duplessis, una figlia nata in Italia nel 1745 da Rose Duplessis, figlia di un Sacerdote Francese. La più giovane Rose fu riconosciuta come Signora dei Manors dal 1749 al 1755, ma fu poi esclusa, come estranea, mentre gli eredi legittimi di Lord Coleraine rimasero esclusi dal suo testamento. Pertanto, i Manors andarono alla Corona sino al 1763, ed in parte per il diritto di Chauncey Townsend, Membro del Parlamento, fu approvato un atto privato che autorizzava la loro concessione agli Amministratori fiduciari di Rose, che aveva sposato suo figlio James Townsend. I Manors passarono nel 1787 da James a suo figlio Henry Hare Townsend, che vendette all'asta la maggior parte delle terre nel 1789 e vendette i Manors nel 1792 a Thomas Smith di Grey's Inn. Nel 1805, i Manors furono trasmessi da Smith a Sir William Curtis, Membro del Parlamento, di Cullands Grove (Southgate), un ex Sindaco di Londra. Successivamente, i Manors discesero nella Famiglia Curtis, che possedeva anche la Signoria di Edmonton.

4. Sorgenti

Tre sorgenti (well) sono citate da William Bedwell, Vicario di Tottenham dal 1607 al 1632 ed Autore del primo libro di Storia locale, sebbene una di esse, Muswell ("Mossy spring" o "well"'), fosse in Hornsey. St. Loy's Well si trovava vicino High Road, a nord-ovest della Croce, presumibilmente vicino alla Cappella di St. Loy anche citata da Bedwell, e Bishop's Well scaturente da una collinetta a sud del Torrente Moselle, di fronte alla Casa del Vicario. Entrambe le sorgenti erano note per le loro proprietà curative prima del tempo di Bedwell e erano ancora così note all'inizio del XIX secolo, quando vennero purificate. Nel 1876, St. Loy's Well, vicino alla linea ferroviaria, era in stato di abbandono, mentre Bishop's Well era stato prosciugato per l'incorporazione do Well Field nel Cimitero di Tottenham. Il pozzo di Dunstan, a Tottenhamwood, fu riconoscibile dal 1619 fino agli anni '60 del XIX secolo. Un'altra sorgente, Dunstan's Well, in Tottenhamwood, fu identificabile dal 1619 sino agli anni '60 del XIX secolo. 

Haringey- Visita guidata

Stazione di South Tottenham

Stazione di South Tottenham

High Road

High Road

Il ponte che sovrasta High Road

Il ponte che sovrasta High Road

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it