www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Teddington

Sintesi

Teddington è una stazione ferroviaria (South West Trains). Nell'area, innanzitutto, trovate a "The National Physical Laboratory (aperto nel 1902), che oggi rappresenta il principale Istituto di misurazione del Regno Unito e che collabora anche con il Mondo accademico su una varietà di progetti di ricerca). Ed infatti, se osservate il cartello della stazione, vi leggete "Teddington, Welcome to the home of measurement, NPL National Physical Laboratory". In aggiunta, vi trovate "St Mary's University Twickenham, Teddington Lock Campus".

Distanza dal centro: 12,9 miglia.

Attrattiva: scarsa.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, sulla sinistra, trovate Victoria Road, fronte a voi Adelaide Road, che seguite sino ad incrociare l'ampia ma tetra Park Road, dove vedete la stazione della Polizia. Seguendo la strada verso sud (sinistra), raggiungete Bushy Park, mentre, andando verso nord (destra), giungete ad una rotatoria, con sulla sinistra, Broad Street, sulla destra High Street. Seguite quest'ultima, per tutto il suo tratto. Poco prima di raggiungere il Tamigi, sulla sinistra, trovate Saint Mary with Saint Alban, sulla destra, lo spazio verde Udney Hall Gardens e St Mary's University Twickenham,Teddington Lock Campus.

Toponimo

Il nome si ritrova per la prima volta come "Tudintún" in una concessione Anglo-Sassone del 15 maggio 969 (riprodotta in un documento dell'XI secolo, fortemente criticata, visto che da più parti è ritenuta falsa, anche se qualcuno aggiunge che, probabilmente, contiene informazioni genuine), con cui Re Edgard, richiamando una Bolla di Papa Giovanni, conferma a "St Peter's, Thorney", cioè, all'Abbazia di Westminster, libertà e terre a Ham (ad East Ham), Wennington (Essex), Morden (Surrey) Fanton (Hall) in North Benfleet (Essex), Aldenham (Hertshire). Bleccenham e Lothereslege (entrambe perse ad Hendon nel Middlesex, Holwell, Datchworth e Watton-at-Stone (Hertshire), Chollington in Eastbourne (Sussex), Staines, Teddington, Halliford, Feltham ed Ashford (Middlesex). Riportiamo il testo della concessione, in Latino, in cui abbiamo evidenziato le informazioni fondamentali, avvertendo il lettore che ci potrebbe essere qualche lieve errore di trascrizione dovuto al programma utilizzato che non riconosce tutti i caratteri antichi: "Ego Eadgarus dei gratia anglorum rex ; omnibus episcopis . abbatibus . comitibus . uicecomitibus . centenariis . ceterisque agentibus nostris . presentibus scilicet et futuris ; salutem. Dignum et conueniens est clementie principali inter ceteras actiones illud quod ad salutem anime pertinet . et quod pro diuino amore postulatur . pio auditu suscipere . et studiose ad effectum perducere . quatinus de caducis rebus presentis seculi que nunquam sine inquinamento et erumpna possidentur . peccatorum emundatio . et uite eterne securitas adquiratur ; iuxta preceptum domini dicentis . 'date elemosinam ; et omnia munda sunt uobis' . Ergo dando elemosinam iuxta hoc ipsius dictum . oportet nos mercari peccatorum nostrorum emundationem . ut dum ecclesiis Christi impertimur . congrua beneficia . et iustas bonorum uirorum petitiones efficaciter audimus ; retributorem deum ex hoc habere mereamur . Igitur postquam dono dei et paterna successione in regnum anglorum intronizatus 7 confirmatus fui . ubi uidi ecclesias dei tam peccatis exigentibus quam crebris barbarorum irruptionibus dirutas . . et maxime sanctam et apostolicam uitam id . est . monachicum ordinem per omnes regni mei prouincias funditus deperisse ; grauiter dolens . et consilium a sancto spiritu accipiens . Dunstano archiepiscopo . et Apelwoldo Wintoniensi episcopo . hoc negotium indixi . ut omnia monasteria que intra terminum totius anglie sita set supra uel infra circumirent ac reedificarent . et possessiones que ad fiscum redacte erant de ipsis monasteriis . uel ab aliis secularibus potestatibus peruase . ubicunque chartis uel testimoniis recognoscerent ; mea auctoritate freti ; ad integrum restituerunt . Et tanquam dicente mihi domino a capite incipe ; inprimis ecclesiam domni et specialis patroni ac protectoris nostri Petri . que sita . est . in loco terribili qui ab incolis Torneie nuncupatur ab occidente scilicet urbis Lundonie . que olim id . est . dominice incarnationis anno .DC.IIII to. beati Ædelberti hortatu primi anglorum regis Christiani . destructo prius 'ibidem' abhominationis templo regum paganorum . a Sæberhto prediuite quoddam subregulo Lundoniensi nepote uidelicet ipsius regis constructa . est ; 7 non ab alio sed ab ipso sancto Petro apostolorum principe in suum ipsius proprium honorem dedicata . dehinc ab Offa et Kenulfo regibus celeberrimis possessionum priuilegiis et uariis ornamentorum speciebus uehementer fuerat ditata ; et in qua sedes regia . et locus etiam consecrationis regum antiquitus erat ; hanc precepi ut studiosius restruerunt . 7 omnes possessiones eius readunarent ; 7 ipse de meis indominicatis terris aliquanta addidi . 7 carthis atque legitimis testibus corroboraui . Deinde succedente tempore concilio habito intra ipsam basilicam presidente me cum filio meo Eadwardo . 7 eodem archiepiscopo uenerabili Dunstano , 7 uniuersis episcopis . 7 baronibus meis . secutus exemplum maiorum meorum renouaui . addidi . 7 corroboraui carthas 7 priuilegia eiusdem loci . 7 ad apostolicam sedem legenda et confirmanda transmisi ; atque legitima concessione in hoc modum astipulata recepi. Iohannes episcopus . urbis Rome seruus [MS seruu 9] seruorum dei . domno excellentissimo Eadgaro filio suo regi anglorum salutem . 7 apostolicam benedictionem. Quia literis tue celsitudinis fili km'e nobis innotuisti de monasterio sancti Petri specialis patroni tui . quod ab antiquis anglie regibus a potestate Lundonice sedis episcopi cum consilio pontificum eiusdem patrie fuerit ereptum ; 7 ab hinc sub regimine regum uel clarissimorum abbatum semper dispositum . 7 postulasti a nobis ut priuilegium episcoporum de eodem monasterio factum . nostro priuilegio immo magis apostolorum principis roboraremus auctoritate ; libentissime secundum tue beniuolentie petitionem facimus. Auctoritate siquidem beati Petri apostolorum principis qui potestatem ligandi atque soluendi a domino accepit . cuiusque nos uicarii existimus ; stabilimus . ut ipse locus regum preceptis et priuilegiis apostolicis fultus . per omnia tempora sine repetitione [MS repetione] cuiuscumque Lundonice urbis episcopi . aut alicuius iudiciarie potestatis . uel cuiuscumque prepotentis hominis cuiusque ordinis ; uel dignitatis sit ; sed semper sicut preoptat et expetit beniuolentia tua ratus futuro tempore permaneat . Venerabiles igitur eiusdem loci fratres , idoneos ex se , uel ex qua uoluerint congregatione abbates siue decanos sibi per successiones eligendi . ex auctoritate huius sancte romane sedis et nostra . sicut postulasti amplius habeant potestatem . et ne impediantur ; apostolica auctoritate prohibemus . neque per uiolentiam extranea persona introducatur . nisi quam omnis concors congregatio elegerit . Preterea illi loco quicquid contuleris . uel collatum . est . uel conferetur . diuina 7 nostra auctoritate roboramus ; priuilegia uero possessionum et dignitatum km'i fratris . nostri uenerabilis Dunstani aliorumque fidelium ibidem indulta . necnon et priuilegia uostra ad honorem dei pertinentia que ibi instituere uolueris gratanti affectu annuimus . confirmamus . 7 confirmando inperpetuum rata inuiolataque stare decernimus . 7 infractores eorum ; æterna maledictione dampnamus . Obseruatores autem huius firmitatis ; gratiam 7 misericordiam a domino consequi mereantur . Causa g i infractionis nostri priuilegii ; ad posteros nostros perueniat . Datur rauenne ; .IX. kl. febr'. Cognoscat go magnitudo seu utilitas uostra quem decernimus 7 inperpetuo mansurum iubemus . atque constituimus ; ut pro reuerentia reliquiarum gloriosissimi apostoli Petri . 7 pro quiete monachorum ibidem deo famulantium honor . 7 laus eidem ecclesie habeatur 7 observetur ; id . est . ut quisquis fugitiuorum pro quolibet scelere ad prefatam basilicam beati apostoli fugiens procinctum eius intrauerit . siue pedes . siue eques . siue de curia regali . siue de ciuitate . seu de uilla . seu cuiuscunque conditionis sit ; quocumque delicto facinoris cuncta nos , uel succedentes reges anglorum uel cuncta alium quemlibet fidelem . sancte ecclesie dei forisfactus sit ; relaxetur . 7 liberetur . 7 uitam atque membra absque ulla contradictione optineat . Preterea interminamur diu'i'na auctoritate 7 nostra . ut neque nos . neque successores nostri . neque quilibet episcopus . uel archiepiscopus . nec quicunque de iudiciaria potestate in ipsam sanctam basilicam , uel immanentes in ipsa . uel in homines qui cum sua substantia uel rebus ad ipsam tradere , uel deuouere se uoluerint ; nisi per uoluntatem abbatis 7 suorum monachorum ullam unquam haberant potestatem . sed sit hec sancta mater ecclesia peculiaris patroni nostri beati Petri apostoli , libera . 7 absoluta ab omni inuasione uel inquietudine omnium hominum cuiuscunque ordinis ; uel potestatis .esse. uideantur . In maneria uero uel curtes prefate basilice ubi 7 ubi in quascunque regiones uel pagos in regno nostro , quicquid a die presenti ipsum monasterium possidere 7 dominari uidetur . uel quod a deum timentibus hominibus per legitima cartharum instrumenta ibidem fuit concessum . uel in antea er'i't additum uel delegatum . nec ad c[a]usas audiendum . nec ad fideiussores tollendos . nec ad freda uel bannos exigendum . 7 ad mansiones uel paratas faciendum . nec ullas redibitiones requirendum ; infra immunitatem sancti Petri ingredi uel requirere quoquo tempore presumu[..]ur sed quicquid exinde fiscus noster exauctare poterat ; omnia 7 ex omnibus pro mercedis nostre augmento . sub integra 7 firmissima immunitate concedimus ad ipsum sanctum locum . 7 inperpetuo confirmamus . Concedo etiam 7 confirmo omnes libertates 7 donationes terrarum que a predictis regibus seu aliis sicut legitur in antiquo telligrapho libertatis ante me donate sunt ; scilicet . Hamme . Winintune . Mordune . Fentune . Aldenham . Bleccenham . Loˇereslege . quas tamen uenerabiliter Dunstanus a me una cum predicto loco emerat . necnon 7 libertates atque emptiones quas idem Dunstanus me concedente ab optimatibus meis mercatus .est. 7 quas etiam coram legitimis testibus sigillo suo 7 anulo episcopali ibidem in usum fratrum prefate ecclesie in perpetuam perstrinxit possessionem . Nos itaque ad laudem nominis domini 7 ad honorem sancti Petri . terras que hic karaxantur ibidem donauimus . Holewelle . Decewrthe . Wattune . Cillingtune . Hec gi supradicta rura cum omnibus ad se pertinentibus . et cum cenobio quod stana uocatur , 7 omnibus sibi pertinentibus scilicet . Tudintún . Halgeford . Feltham . Ecelesford . priscis temporibus ad eandem perhibentur ecclesiam sancti Petri pertinere . sicut legitur ut diximus in antiquo telligrapho libertatis . quam rex Offa illi monasterio contulit . quando ecclesiis per uniuersas regiones anglorum recuperatiua priuilegia a Wlfiredo achiepiscopo hortante scribere iussit . Quod cenobium Stanense . iam olim regulari monachorum examine pollebat . postea uero hostili quadam expeditione fratribus dispersis . solotenus .est. diruta . Hanc itaque eandem libertatem prefate ecclesie sancti Petri principis apostolorum concessi . cui locus predictus . qui templum fuerat dudum apollinis ; dei prouidentia 'nunc' mirabiliter ab ipso clauigero .est. consecratus . ac dedicatus ; quatinus ab omni seculari sit liber . inperpetuum seruitute. Et ne quis presentium uel magis futurorum ambiget que sit illa libertas quam amabiliter 7 firmiter concedo . omnimodis cuncta illius monasterii possessio nullis sit unquam grauata honeribus . nec expeditionis . nec pontis 7 arcis edificamine . nec iuris regalis fragmine . nec furis apprehensione . 7 ut omnia simul comprehendam ; nil debet exsolui . nec regi . nec regis preposito . uel episcopo . uel duci . uel ulli homini . sed omnia debita exsoluant iugiter qui in ipsa damnatione fuerint ad supradictum sanctum locum . secundum quod ordinauerint fratres eiusdem cenobii . Obsecramus etiam omnes successores nostros reges . 7 principes . per sanctam 7 indiuiduam trinitatem . 7 per aduentum iusti iudicis . ut q'm ex munificentia antecessorum nostrorum ipse locus uidetur .esse. ditatus ; nullus episcoporum . uel abbatem aut eorum ordinatores . uel quelibet persona possit quoquo ordine de loco ipso aliquid auferre . aut aliquam potestatem sibi in ipso monasterio usurpare . uel aliquid 'quasi' per commutationis titulum absque uoluntate ipsius congregationis , uel nostrum permissum minuere . aut calices . aut cruces . seu indumenta altaris . uel sacros codices . aurum . argentum . uel qualemcumque speci'em ibidem collatam auferre ; uel alias deferre presumat . Sed liceat ipsi congregationi quod sibi per rectam delegationem collatum .est. perpetim possidere ; 7 pro stabilitate regni nostri iugiter exorare . quia nos pro dei amore 7 reuerentia sancti apostoli 7 adipiscenda uita eterna . hoc beneficium ad locum ipsum terribilem 7 sanctum cum consilio pontificum 7 illus trium uirorum nostrorum procerum gratissimo animo 7 integra uoluntate uisi fuimus prestitisse . eo uidelicet ordine . ut sicut tempore predecessorum meorum ibidem chorus psallentium per turmas fuit institutus ; ita die noctuque in loco ipso celebretur . Si autem quispiam hanc nostram auctoritatem uel immunitatem infringere uoluerit ; 7 alios ad hoc conduxerit ; unusquisque pro se ipso libras .V. partibus sancti Petri persoluat . 7 ut dictum .est ; quicquid exinde fiscus noster ad partem nostram separare poterat ; in luminaribus , uel stipendiis monachorum . seu 7 elemosinas pauperum ipsius monasterii perhenniter per nostra oracula ad integrum sit concessum ; atque indultum . Et ut hec auctoritas nostris 7 futuris temporibus circa ipsum sanctum locum perenniter firma 7 inuiolata permaneat ; uel per omnia tempora illesa custodiatur atque conseruetur ; 7 ab omnibus optimatibus nostris 7 iudicibus publicis 7 priuatis melius ac certius [MS certiu 9] credatur manus nostre subscriptionibus subter eam decreuimus roborare . 7 de sigillo nostro ; iussimus sigillare. Signum + Eadgari incliti 7 serenissimi anglorum regis. Signum + Eadwardi eiusdem regis filii. Signum + Æˇelredi fratris eius. + In Christi nomine ego Dunstan acsi peccator Dorobernensis ecclesie archiepiscopus . hanc libertatem sancte crucis agalmate consignaui . ac deinde secundum apostolici Iohannis preceptum . obseruatores huius libertatis auctoritate qua perfruor a peccatis suis absolui . infractores uero perpetim maledixi . nisi resipiscant ; 7 .III.bus annis a liminibus sancte ecclesie sequestrati . penitentiam agant.
+ Ego Oswoldus Eboracensis archiepscopus Imposui.
+ Ego Elfstanus Lundoniensis ecclesie episcopus Adquievi.
+ Ego Atheloldus Wintoniensis ecclesie episcopus Corroboravi.
+ Ego Ælfstanus Rofensis ecclesie episcopus Supposui.
+ Ego Æscwius Dor'c'censis ecclesie episcopus Impressi.
+ Ego Ælfeagus Licedfeldensis ecclesie episcopus Consolidavi.
+ Ego Æelsinus Scireburnensis ecclesie episcopus Commodum duxi.
+ Ego Wulgarus Wiltuniensis ecclesie episcopus Confirmavi.
+ Ego Aulfus Herefordensis ecclesie episcopus Ovanter divulgavi.
+ Ego Æelgarus Cisseniensis ecclesie episcopus Adnotavi.
+ Ego Sigarus Willensis ecclesie episcopus Gaudenter conclusi.
+ Ego Æluricus Cridiensis eccelesie episcopus Amen dixi.
+ Ego Sigarus Ællmhamensis ecclesie episcopus. Consigillavi. atque cum prescriptis archiepiscopis. 7 episcopis. abbatibus. luminibus accensis; uiolatores huius munificentie dignitatis. immo apostolici transgressores huius decreti in perpetuum excommunicentur . nisi pretitulatam penitentiam resipiscendo peragant.
+ Ego Folcmærus. abbas.
+ Ego Ælfric. abbas.
+ Ego Kineward. abbas.
+ Ego Osgar. abbas.
+ Ego Æelgar. abbas.
+ Ego Sideman. abbas.
+ Ego Foldbriht. [a]bbas.
+ Ego Godwi[ne] [ab]bas.
+ Ego Leofl[...] abbas.
+ Ego ˝imer. abbas.
+ Ego Ældred abbas consensi. 7 rege suisque precipientibus hanc libertatis singrapham scripsi. anno dominice incarnatione. D. CCCC mo. LXV moIIII no. Indictione .XII ma. Idus mai. Anno .XIII. regni regis Eadgari.
+ Ego Ælfere. dux.
+ Ego Marchere. dux.
+ Ego Oslac. dux.
+ Ego Byrhtnod. dux.
+ Ego Osred. dux.
+ Ego Fordwine. dux.
+ Ego Fri∂elaf. dux.
+ Ego Ænulf. dux.
+ Ego Ælfeg. dux.
+ Ego ˝Ured. presbiter.
+ Ego Leoffa. presbiter.
+ Ego Wlstan. presbiter.
+ Ego Æelbeald. presbiter.
+ Ego Wlfgeat. presbiter.
+ Ego Beremund. presbiter.
+ Ego Æelsige. presbiter.
+ Ego Wineman. presbiter.
+ Ego Oswardus presbiter cum supra dictis . 7 cum aliis .C.tum .VII.tem presbiteris ; infractores huius firmitatis excommunicentur. Ad ultimum itaque una cum rege et filiis eius . nos omnes confratres . 7 coepi' . 7 cum tota hac populosa 7 sancta sinodo . eiusdem loci omnes futuros abbates . decanos . atque ; prepositos contestamur . uer'etiam in nomine patris . 7 filii . 7 spiritus sancti prohibemus . quatinus sacros illius ecclesie thesauros non distraa't . neque terras . seu redditus . uel beneficia in suis uel parentum suorum usibus stolide expendant . neque a seruis dei que pro illis ibidem habetur substantiam ; subtrahendo minuant . Quodsi aliquis presumpserit ; illum sicut uiolatorem atque transgressorem huius nostri decreti immo apostolici . an' summum iudicem . cum uenerit seculum iudicare per ignem . responsorum super hac re inuitamus . SIGNUM . . . GIS
".

Successivamente, si ritrova "(æt) "Tudincgatunæ" (circa 970), "Tudingtune" (circa 1000), "Tudinton" (1198, 1235, 1274), "Tedinton" (1294), "Tudynton" (1298), "Todinton" (1274), "Tudington" (1274), "Todynton" (1316, 1336), "T(h)odyngton" (1341, 1443), "Tedyngton" (1428), "Tuddington" (1593, 1618), "Tedington" (1686), "Teddington" (1754). In merito al significato del termine, non vi è concordanza. Alcuni, rifacendosi ad alcune antiche versioni del nome, come Todynton e Totyngton, ritengono che esso andrebbe interpretato come "Tide-end-town", cioè indicherebbe la fine della marea, che non supera questo villaggio. In relazione a tale posizione, Daniel Lysons osserva che "Non ci può essere altra obiezione a questa etimologia che il luogo viene chiamato Totyngton in tutti i documenti per secoli, dopo essere apparso per la prima volta. L'etimologia, qualunque essa sia, è la stessa, probabilmente, di quella di Tooting nel Surrey. Un prato, è molto frequente nei nomi dei luoghi derivati dal Sassone. Il significato di Tot o Tote che suppongo essere stato descrittivo, non è in alcun modo, ritengo, definito in modo soddisfacente. Esso ricorre nei nomi di molte località oltre a quelli di cui sopra, come Toteham nell'Essex, Toteham o Totham, ora Tottenham nel Middlesex, nella Parish di Pancers, Totteridge, ecc." . Altri, invece, ritengono che il nome sia un composto formato da un nome di persona dell'Old English, "Tuda" (probabilmente un capo tribù) + connettori dell'Old English "ing" + "tūn", per cui, significa "Terreno coltivato (o tenuta) di un uomo chiamato Tuda".

Storia

Informazioni fondamentali sulla storia dell'area sono fornite da John Dart, in "Westmonasterium. Or, the History and Antiquities of the Abbey Church of St Peter's Westminster" (1723); da Daniel Lysons, alla voce "Teddington", in "The Environs of London: Volume 3, County of Middlesex" (1795), pagine 503-516 ed alla voce "Table of population of Middlesex", in "The Environs of London: Volume 3, County of Middlesex" (1795), pagine 642-644;  da Michael Robbins, in "Middlesex" (1953); si ritrovano in "Anectoda Oxoniensia - The Crawford collection of early charters and documents" (1895); alla voce "Spelthorne Hundred: Introduction", in A History of the County of Middlesex: Volume 2, General; Ashford, East Bedfont With Hatton, Feltham, Hampton With Hampton Wick, Hanworth, Laleham, Littleton" (1911), pagine 304-306; alla voce "The hundred of Isleworth", in "A History of the County of Middlesex: Volume 3, Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington, Heston and Isleworth, Twickenham, Cowley, Cranford, West Drayton, Greenford, Hanwell, Harefield and Harlington" (1962), pagine 83-84; alla voce "Teddington: Introduction", in "A History of the County of Middlesex: Volume 3, Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington, Heston and Isleworth, Twickenham, Cowley, Cranford, West Drayton, Greenford, Hanwell, Harefield and Harlington" (1962), pagine 66-69; alla voce "Teddington: Churches", in "A History of the County of Middlesex: Volume 3, Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington, Heston and Isleworth, Twickenham, Cowley, Cranford, West Drayton, Greenford, Hanwell, Harefield and Harlington" (1962), pagine 76-79; alla voce "Teddington: Manors", in "A History of the County of Middlesex: Volume 3, Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington, Heston and Isleworth, Twickenham, Cowley, Cranford, West Drayton, Greenford, Hanwell, Harefield and Harlington" (1962), pagine 69-71; alla voce "Teddington", in "An Inventory of the Historical Monuments in Middlesex" (1937), pagina 119, che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga "Teddington: Other estates", in "A History of the County of Middlesex: Volume 3, Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington, Heston and Isleworth, Twickenham, Cowley, Cranford, West Drayton, Greenford, Hanwell, Harefield and Harlington" (1962), pagina 71; "Teddington: Local government", in "A History of the County of Middlesex: Volume 3, Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington, Heston and Isleworth, Twickenham, Cowley, Cranford, West Drayton, Greenford, Hanwell, Harefield and Harlington" (1962), pagine 74-76; John Sheaf - Ken Howe "Hampton and Teddington Past" (1996); K. Ingram, "A Short History of the Parish of Teddington" (1909); H.T. Date, "The Parish church of St Alban the Martyr Teddington-upon-thames and the Old Parish Church of St Mary" (1947); y Mike Cherry - John Sheaf - Ken Hale (Author) "Twickenham, Teddington and the Hamptons Through Time" (2009); "'Teddington: Economic and social history", in "A History of the County of Middlesex: Volume 3, Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington, Heston and Isleworth, Twickenham, Cowley, Cranford, West Drayton, Greenford, Hanwell, Harefield and Harlington" (1962), pagina 71-74; Ken Howe - Mike Cherry "Twickenham, Teddington and Hampton in Old Photographs ..." (1998).

1. Eventi storici di rilievo

Nel territorio di Teddington, vennero ritrovati reperti risalenti alla Preistoria ed all'Età del Bronzo, come pure all'Epoca Romana. Tuttavia, solo in Epoca sassone, la favorevole posizione lungo il corso del Tamigi, nel punto in cui il Fiume descrive una grande ansa da sud-est a nord-ovest, creò le condizioni per la nascita di un insediamento permanente (che nei secoli, si sarebbe poi sviluppato, tanto sul Fiume, che verso l'interno, avendo come fulcro St. Mary's. che so trovava vicino al Fiume, all'angolo di High Street e Twickenham Road, e la Manor House, che si trovava fuori Twickenham Road, di fronte alla Chiesa ed un poco ulteriormente a nord). E' dubbio quando e da chi l'Abbazia di Westminster ottenne Teddington, la cui storia, nei primi tempi, fu strettamente legata a quella di Stanes (Staines). John Dart "Westmonasterium. Or, the History and Antiquities of the Abbey Church of St Peter's Westminster" (1723), alle pagine 7-8, fornisce i dati essenziali per inquadrare la questione. Trattando di Staines, Egli afferma che apparteneva a Westminster, come appariva in un'antica concessione di Re Offas, "che esisteva durante il Regno di Re Edgard, ma ora perduta, come era allora, suppongo, Terra di questa Chiesa; poiché Re Edgar nella sua Concessione, non la conferma come un ex come regalo, sebbene citi che in precedenza fosse appartenuta alla Chiesa, ma la dà come suo regalo. Venne poi confermata da Edoardo il Confessore con diverse sovvenzioni di privilegio, e da allora da Guglielmo il Conquistatore. Eduardo II diede all'Abate ed ai Monaci di Westminster la libertà di caccia nelle terre che quel Monastero posedeva a Stanes.". Immediatamente dopo, trattando di Teddington, scrive: "Tuddington, denominato anche Toddington, ed ora Teddington, .... una pertinenza di Stanes in una delle Concessioni di Re Edgar, ed in un'altra citata da sé e trovata appartenere alla Chiesa di Westminster al tempo di Re Offa dalla suddetta antica concessione (ndr quella relativa a Staines di cui in precedenza). Questo Re Edgar confermò, come fece successivamente Edoardo il Confessore, che si dice da parte di alcuni (anche se falsamente) di averlo dato. In origine, si trattò solo di una Fattoria a Stanes, e soggetta alla Chiesa lì, essendo essa stessa una piccola Cappelleria, che, così come il Manor, apparteneva all'Abate ed al Convento di Westminster. Ma qualche tempo dopo, sorse una disputa tra il Convento e William Vescovo di Londra, in merito al Diritto su questa Cappella, e il Vescovo, su Richiesta al Papa Honorius (ndr Onorio), ottenne la sua separazione da Stanes, e procurò per sé il diritto di concedere una licenza, l' Abbazia e il Convento solo assicurandosi per se stessi il diritto di presentare un Cappellano, al quale dovevano consentire sostentamento al di fuori del reddito del luogo. .... ". Estraendo i dati che ci interessano, quindi, in una concessione di Re Offa, Staines risultava appartenere a Westminster, come pure Teddington, che era una pertinenza di Staines. Numerose conferme a tale concessione vennero dai Monarchi successivi. La Chiesa di Teddington era precedentemente una Cappella di Stanes (Staines). Sorse una controversia, tra Westminster ed il Vescovo di Londra (aggiungiamo, perché non risulta nel testo, dovrebbe trattarsi di Courtney o di Gray), risolta dal Papa Onorio: il Vescovo di Londra sottrasse la Chiesa di Stanes all'Abbazia di Westminster (e quindi a Staines), stabilendosi, inoltre, che il Vicario di quella Parish (riteniamo Stanes) avrebbe nominato il Curato delle altre Cappelle nella sua circoscrizione, ma che l'Abate di Westminster avrebbe nominato il Cappellano a "Totyngton", assicurandogli un adeguato sostentamento. Il rapporto territoriale tra Staines e Teddington, nonché la configurazione del territorio di Teddington, risultano chiare portandosi al tempo dell'Invasione Normanna. Nel 1086, Teddingdon non rientrava nella Hounslow Hundred, come sostenne Michael Robbins (Middlesex cit.). E' vero che Teddington, a quella data, non è citato nell Domesday Book, ma la Spelthorne (Spelethorne) Hundred conteneva, nella sua sezione orientale, la Parish di Teddington, la quale, probabilmente, era una "berewick" (Old English "berewīċ" = una porzione distaccata e relativamente remota di terreni agricoli che apparteneva al Manor e che era riservata a uso proprio del suo Lord) di Staines (che si trovava verso occidente), e ciò sino a circa il XIII secolo (quando Teddington divenne un Manor indipendente). In aggiunta, essendo circondata da altre Parishes (a sud da Hampton con Hampton Wick, ad ovest da Hanworth), delimitata ad est dal Tamigi ed a nord dalla Isleworth Hundred, i confini della Parish di Teddington, probabilmente, erano già definiti sin da allora e coincidenti con quelli del Manor (e dovettero cambiare poco nei secoli, sino al 1912, quando a meno di mezzo acro della venne trasferito ad Hampton Wick). Al principio del XIII secolo, Teddington era una "Cappelleria" di Staines, cioè, un distretto religioso servito da una Cappella, la quale si pensa sia stata costruita dai Monaci Benedettini di Staines e dedicata a St. Mary, sul medesimo sito dell'attuale St. Mary's Church. Infatti, sembra che verso il 1217-1218, vi fosse effettivamente una Cappella a Teddington, quando la Chiesa-Madre di Staines andò all'Abbazia di Westminster, che già ne possedeva l' "advowson", cioè, il diritto di designare un membro del Clero per una sede vacante o di fare tale nomina. Si convenne, poi, che Teddington doveva essere rimosso dalla giurisdizione del sacerdote di Staines, che aveva fino a quel momento probabilmente nominato un vicario per la Cappella. In futuro, ci sarebbe stato un Cappellano, nominato e pagato dall'Abate di Westminster. Si stabilì, inoltre, che tutte le terre "demesne" della Chiesa dovevano appartenere al Vicario di Staines, compreso un acro e mezzo che si dichiara espressamente essere ubicato a Teddington. Non risulta alcuna altra traccia di un possedimento posteriore del Vicario, ma qualsiasi terra che la Canonica dovesse aver mantenuto a Teddington, venne fusa nel Manor. Una delle più vaste proprietà del Manor di Teddington comprendeva 3 "virgates" (unità di misura della terra corrispondente a 30 acri, quindi 90 acri in tutto) tenuti da Peter Hut per un Marco. Nel 1197, l'Abate di Westminster concesse tre "virgates" ad un Marco a Ailward de Cherringe e sua moglie Hawise. Nello stesso tempo, Peter Hut, Walter West possedevano 2 "virgates" e mezzo per 9s. 2d. Nel 1312, un altro Walter West, che possedeva 6 "virgates" per 23s. 10d., era il maggiore proprietario del Manor. Nel 1379, Ralph Thurbarn possedeva lo stesso ammontare allo stesso fitto ed i suoi possedimenti erano detti essere stati in precedenza quelli di West ed Huttes. Egli possedeva un'altra proprietà che si diceva comprendesse, alternativamente, o 1 "virgate" o 22 acri. Nel complesso, i possedimenti di Thurbarn dovrebbero essere state pari a circa 120 acri. Nel 1384, egli trasferì tutte le sue terre di Teddington al fratello Robert. Robert Thurbarn era il nome di un contadino di un contadino del "demesne" di Teddington al principio del XIII secolo. Durante il Regno di Eduardo I (1272-1307), l'Abate di Westminster reclamò il diritto di tenere Corti della Corona, "frankpledge" (sistema di responsabilità comune tra i membri di una collettività), la modifica di Corti di pane e birra, e tutte le Corti che lo Sceriffo del Re aveva nella Contea, salvo ricorsi e proscrizioni, ed il diritto di avere mercato, fiera, e pedaggio, a Staines e per i suoi membri. L'Abate basò la sua richiesta su una concessione di Enrico III (che regnò dal 1216 al 1272) che concedeva "sac e soke", pedaggio e "theam", "infangenthef e utfangenthef" (privilegi feudali concessi sotto la legge Anglo-Sassone dai Re d'Inghilterra che permettevano ai beneficiari di eseguire giustizia sommaria, compresa la morte, a ladri nei confini delle loro tenute) e altri privilegi al Monastero, che possedeva una Concessione, diceva l'Abate che era stata controllata e confermata da Eduardo I (1272-1307). Nel XIV secolo, la popolazione di Teddington oscillò tra le 100 e 200 unità. I fitti erano di durata pluriennale. Durante il XV secolo, i fitti in moneta rimpiazzarono quelli in natura (orzo), tipici dei primi periodi.  Nel 1518, l'Abbazia fittò per 30 anni i "demesnes" e "rectory" a Hugh Manning, il quale era l'occupante quando venne il Re acquisì il Manor. A riguardo, occorre sapere che vicino a Teddington, nel 1500, vennero creati i Giardini di Hampon Court, in vista della ricostruzione di una Manor House del XIV secolo, nel 1521, per realizzare il Palazzo di Hampton Court. I Giardini divennero la riserva di caccia, prima del Cardinale Wolsey, poi di Enrico VIII e della sua Famiglia. Nel 1536, l'Abbazia di Westminster concesse Teddington ed altre terre ad Enrico VIII in cambio di proprietà in precedenza appartenenti al Priorato di Hurley (Berkshire). Dopo la Soppressione dei Monasteri (1536-1540), "frankpledge" (sistema di responsabilità comune tra i membri di una collettività) venne tenuto nelle Parishes dai rispettivi Lord dei Manors. Fu anche tenuto a Teddington dal Lord del Manor. Nel 1540, alcune terre comuni di Teddington vennero recintate per formare Bushy Park ed essere utilizzate come ulteriore riserva di caccia. Nel 1547, il Manor di Teddington venne ceduto ad Enrico VIII dall'Abate e Convento di Westminster.  Il suo successore, Eduardo VI lo concesse in fitto a George Gates (morto nel 1562), il quale, nel 1551, si assicurò un nuovo contratto di fitto per 21 anni. I registri della Parish vennero iniziati nel 1558, anche se, Daniel Lysons fu in grado di reperire solo quelli a partire dal 1695. Nel 1567-1568, un fitto differito venne concesso a Richard Brown, per 31 anni, con inizio allo spirare del contratto del sovracitato Gerges Gates. Nel 1582, un'altro fitto differito per 40 anni a Sir Amias Pawlet (morto nel 1588). Il fitto di 8l. 6s venne riservato alla Corona in aggiunta all'obbligazione consuetudinaria secondo cui il Lord pagava una piccola somma annuale al Curato di Teddington. Non è noto se il fitto del sovracitato Sir Amias Paulet ebbe mai effetto, dato che nel 1603, quando doveva iniziare, la proprietà del Manor venne concessa da Giacomo I a John Hill, soggetta ad una "fee-farm rent" di 8l. . John Hill sembra essere stato succeduto dal figlio William Hill (morto verso il 1642), e questi da suo figlio William, morto tra il 1664 ed il 1671. La Manor House risulta occupata dalla sua vedova Alice nel 1671 e 1673, ed Edward Hill ne era in possesso nel 1694. Il Lord del Manor, sia o non sia stata, in ciascun caso, la stessa persona, era chiamato Edward Hill in diverse date tra il 1700 ed il 1736, quando Teddington venne venduta a Matthias Perkins, un Chirurgo di Twickenham. Tra il 1738 ed il 1746, Matthias venne succeduto da Tryon Perkins, che era ancora Lord nel 1754. John Perkins era in possesso dal 1764 alla sua morte nel 1794, quando il Manor passò a George Peters, Direttore della Banca d'Inghilterra, a cui John David, figlio maggiore di Perkins, aveva venduto il diritto differito qualche anno prima (nel 1786). Henry Peters successe tra il 1797 ed il 1800, e vendette il Manor nel 1801 a Thomas Woodrouffe Smith (morto nel 1811). Gli successe sua figlia (morta nel 1854) e suo marito George Head, che le sopravvisse. Nel 1862, il Manor era tenuto dai Reverendi Joseph Barton e Burwood Godlee, che erano i "devisees" di uno degli amministratori del testamento di T. W. Smith. La tenuta del Manor venne venduta nel 1861 e dal 1874 tutti i diritti vennero affrancati, per cui, il Manor praticamente cessò di esistere. Tornando indietro nel tempo, nel 1740, a Teddington, vivevano 119 famiglie e vi erano 11 case vuote. Gli abitanti erano 471, di cui 175 avevano meno di 16 anni. Nella Parish, il numero dei maschi era pari a 212, le femmine erano 259. C'erano 89 coppie sposate, nove vedovi e 35 vedove. Nel 1795, gli abitanti sarebbero divenuti 580, vivevano in 118 case. Nel 1754, sfruttando alcune sorgenti sul Common, venne portato un canale di acqua dolce attraverso Teddington, con una spesa di 45 sterline, che venne raccolta con una sottoscrizione, di cui il Lord del Manor contribuì con 15 ghinee. La fornitura di acqua prodotta in questo modo (vale a dire 30 tonnellate al giorno) fu comunque insufficiente, tanto che nel 1756, i canali di scolo attraverso le sorgenti vennero allungati, sotto la direzione del Dottor Hales, in modo che venne ricavata una quantità doppia. I particolari vennero inseriti dal citato Dottor Hales nel registro della Parish, il quale osservò che era possibile ottenere, in un qualsiasi momento futuro, una maggiore quantità d'acqua, con lo stesso mezzo. Dal 1345, vi fu una diga sul Tamigi a Teddington, sembra distrutta verso il 1535. Una nuova chiusa venne aperta nel nel 1811, e anche se ha smesso di essere la più bassa sul Fiume circa un centinaio di anni più tardi, segna ancora la fine della portata di marea del fiume. La chiusa venne ricostruita nel 1858, con una chiusa aggiuntiva. Lo sbarramento dovette essere ricostruito più volte dopo le alluvioni. Di tali chiusa (Lock) e sbarramento (weir) si trovava traccia come "Teddington Lock & Weir" nella Ordnance Survey Map del 1876. Nel 1904, venne aperta una doppia chiusa. Un ponte pedonale venne aperto nel 1889. Un'isola nel Tamigi a Teddington chiamato Creweyte è citata nel 1502. Nel XVIII secolo, c'erano due isolotti, ora uniti alla terraferma, a sud della superstite Trowlock Island, e uno, che da allora è scomparso, a nord. Entro il XVIII secolo, le case erano diffuse, in parti abbastanza sottili, lungo la High Street verso lo stagno del villaggio in un angolo di (Teddington) Park Road, e c'era un altro piccolo insediamento sotto (Teddington) Park Road, sul bordo del Common, il quale faceva parte di Hounslow Heath e copriva l'intera Parish ad ovest di (Teddington) Park Road e Stanley Road. Conteneva 450 acri quando è stato rinchiuso nel 1800. In passato, potrebbe essere stato esteso verso est in direzione di Waldegrave Road, a meno che questa zona tra Stanley Road e Waldegrave Road non facesse parte di campi aperti. I campi si trovavano a nord e sud del paese. Nel 1800, una certa quantità di terra intorno al villaggio e parecchia vicino alla Manor House fu recintata. Non vi è alcuna traccia di come o quando queste prime recinzioni vennero effettuate, anche se sono documentate uno o due piccole recinzioni del Common del XVIII secolo. I campi aperti che rimanevano sino al 1800 erano rappresentati da North Field (47 acri) ad est di Waldegrave Road, South Field (258 acri), che copriva quasi tutta la Parish a sud del villaggio ed ovest di Broom Road, e Town Mead e Mead Furlong (74 acri) lungo il Tamigi ad est di Broom Road.  Come indica il nome, le due ultime, un tempo, erano state state prati (meadows) e potrebbero aver costituito i prati comuni di Southmead, mentre la medioevale Northmead forse giaceva vicino alla Chiesa. L'area di North Field, come descritto sopra, nel 1800 comprendeva Sparksmead, che era di origine medioevale e forse si trovava vicino al Torrente che divideva Teddington dai campi aperti di Twickenham. Il nome dei campi appare comparativamente tardi: nel Medioevo, essi erano un insieme di unità separate piuttosto che grandi campi. Non c'erano boschi nel Manor dal XIV secolo. L'estensione della Parish di Teddington nel XIX secolo era all'incirca eguale a quella del Manor di Teddington nel Medioevo, pari a circa 200 acri. Nel 1861, dopo che le terre comuni erano state parcellizzate ed alla vigilia della disgregazione del Manor, c'erano ancora solo circa 430 acri di proprietà indipendenti nella Parish. Nel 1861, sebbene la Parish contenesse più del doppio delle case del 1801, Teddington rimaneva ancora poco più di un villaggio. Tra le case realizzate tra queste date c'era Teddington Hall, che, nel 1891 era descritta con vetrate colorate e mattoni della vecchia Star Chamber di Westminster. Ubicata a sud di Hampton Road, divenne proprietà del "National Physical Laboratory", ma ormai, non aveva più alcun vecchio vetro colorato. Un'altra casa era Gomer House, costruita verso il 1858 dal Romanziere R. D. Blackmore. In questa epoca, la ferrovia aveva raggiunto Twickenham e Kingston e c'erano autobus per Londra. Il lieve sviluppo della classe media conseguente, venne soddisfatto dalle nuove costruzioni che seguirono l'apertura delle due linee ferroviarie attraverso Teddington stessa, il ramo della "London & South-Western Railway" da Twickenham a Kingston, su cui si trovava la stazione di Teddington (aperta nel 1863), e la "Thames Valley Railway", con la stazione a Fulwell (aperta nel 1864). Pochi anni prima, la ferrovia era penetrata nella ampia tenuta del Lord del Manor che era stata posta sul mercato. Nel 1871, la Parish di Teddington conteneva 1.034 case contro le 254 di dieci anni prima. Ad ovest della stazione, apparve quello che venne denominato Upper Teddington, con piccole case a schiera che si distendevano tra Stanley Road e Waldegrave Road, ed il nuovo Cimitero (aperto nel 1878) a nord. Broad Street divenne un nuovo centro commerciale con negozi più vistosi di quelli del villaggio-madre, il nuovo Clarence Hotel venne costruito nel 1863, St. Peter's Church nel 1865-1873, il vecchio "cottage hospital" in Elfin Grove nel 1875, e la Town Hall, all'angolo di Causeway e Middle Lane nel 1886. Quest'ultima era di proprietà privata ed aveva una sala da ballo, un teatro e gli uffici del Consiglio Locale per la Salute. Venne distrutta da un incendio nel 1903. A nord di High Street, dove Manor Road venne realizzata nel 1861, le case apparvero rapidamente, ma erano più ampiamente distanziate, e fatta eccezione per la zona ad est della stazione, c'era poco spazio edificabile a sud di High Street. Verso il Fiume, nel 1889, St. Alban's fronteggiava l'antica Parish Church e per la fine del XIX sercolo, le ville si allungavano più o meno continuamente lungo il Fiume. A sud della stazione di Fulwell, comparvero case a schiera e case semi-indipendenti, adiacenti al di poco pregresso insediamento di New Hampton, al di fuori della Parish di Teddington.  A sud, vicino Hampton Wick, non esistevano affatto edifici sino a quando, nel 1851, vennero aperti gli impianti di produzione del gas in Sandy Lane. Dopo il 1864, nelle vicinanze, crebbe talmente velocemente un insediamento, che nel 1868, venne denominato New Found Out, per divenire, successivamente, South Teddington. Nel 1867, venne fornita una Chiesa Anglicana, nel 1884, una Chiesa Cattolica. Per la fine del XIX secolo, il Distretto era coperto da case a sud di Bushy Park Road, con case disperse che raggiungevano il nord lungo Kingston Road. Nel 1868, venne anche aperta una struttura privata per pazienti con problemi mentali che curava oltre 100 persone nel 1881 (divenute 200 nel 1957). Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descrive Teddington come segue: "a parish, with a village, in the district of Kingston and county of Middlesex; on the river Thames and on the Twickenham and Kingston railway, 2 miles NW of Kingston. It has a station on the railway, and a post-office‡ under London SW. Acres, 1,120. Real property, £8,420. Pop., 1,183. Houses, 242. T. Place is the seat of Sir J. Langham, Bart.; and there are many good residences. T. Lock, on the Thames, is the first lock on the river's navigation. The living is a p. curacy in the diocese of London. Value, £100.* Patron, the Earl of Bradford. The old church dates from about the time of the Reformation; and the new church was built in 1865. There are an endowed school with £20 a year, and a mutnal instruction Society.". Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descrive Teddington come segue: "town and par. with ry. sta. (Teddington and Bushey Park), Middlesex, on river Thames, 1½ mile NW. of Kingston upon Thames and 13¼ miles SW ½ of London, 1214 ac., pop. 6599; P.O., T.O., and P.O. at Upper Teddington; 1 Bank. Tedding Lock is the first lock on the navigation of the Thames.". Il tasso di incremento degli edifici, che si era ridotto negli anni '70 del XI secolo, riprese a crescere successivamente, tanto che circa 1.000 nuove case vennero costruite in ciascun decennio tra il 1891 ed il 1911. Nel 1911, si contavano 24 taverne, pubs ed hotels. IL 26 aprile 1913, un treno venne quasi completamente distrutto a Teddington a causa di un incendio delle "suffragettes". Anche i trasporti ebbero una notevole crescita, dato che ai già citati treni ed autobus, si aggiunsero anche i tram, i quali se, dal un lato, nel 1910 erano detti aver ridotto l'attrazione delle ville di maggiori dimensione costuite quaranta anni prima, dall'altro, accellerarono l'edificazione lungo Kingston Road, dove esistevano case più piccole e per la Prima Guerra Mondiale, la maggior parte delle strade di Teddington ormai erano state realizzate ed i rimamenti spazi aperti venivano destinati ad altri usi. Il "National Physical Laboratory", dalla sua fondazione nel 1902, presso Bushy House, estese gradualmente i suoi edifici in Teddington, tanto che nel 1957, i suoi spazi raggiungevano Hampton Road, Coleshill Road e Queens Road. Parti di High Street e Broad Street accolsero negozi nel XX secolo. Ii Cinema Savoy, costruito nei Tardi anni '30 del XX secolo, sostituì un cinema più piccolo che insisteva sullo stesso sito. Una serie di festeggiamenti ricordati dalle riviste in cui sono registrati i ricordi di Teddington, celebrarono la costruzione del War Memorial Hospital. La prima parte del palazzo venne aperto nel 1929, mentre il vecchio Ospedale a Elfin Grove, citato in precedenza, venne chiuso ed abbattuto. Tra le principali aree di edificazione sin dalla Prima Guerra Mondiale vi furono le case popolari con 124 case a Udney Park, 78 case a Mays Estate e 72 case a Shacklegate Lane (costruite nel 1921, rispettivamente, 1920-1921, 1930), e le costruzioni private a Teddington Grove (1929-1930), e nell'estremo nord-ovest della Parish attorno Rivermeads Avenue (circa 1933-1934). Tra il 1937 e il 1957, il Twickenham Borough Council costruì circa 40 case ed appartamenti. La maggior parte delle case costruite successivamente, riempirono i vuoti tra strade ed edifici: una delle caratteristiche salienti del Distretto è la combinazione, quasi ovunque, di costruzioni di varia data e tipologia. Durante la Seconda Guerra Mondiale, Teddinton venne colpita, tra ili 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, da 59 bombe esplosive. Il Distretto Urbano di Teddington, nel 1937, venne assorbito dal Borough of Twickenham. Nel 1965, con la creazione della Greater London, Teddington fa parte del London Borough of Richmond upon Thames. Oggi, Teddington è essenzialmente residenziale, con una popolazione prevalentemente Bianca Britannica, di media età e con buon livello di istruzione. L'abitato si presenta tagliato in due da una strada con negozi, uffici e altre strutture che vanno dal Tamigi a Bushy Park. Diverse case ed aziende lungo il Fiume, vennero ricostruite durante l'ultimo quarto del XX secolo per realizzare appartamenti. Chi fosse interessato a Teddington, sappia che nel 1973, dei residenti costituirono "The Teddington Society" per conservare il carattere di Teddington e sostenere i progetti della comunità locale.

2. St. Mary's (with St. Alban)

La Chiesa è una piccola struttura di mattoni, formata da un corpo formato da navata centrale, due navate laterali ed un presbiterio, a cui si aggiungono lateralmente la Sacrestia ed una Torre. La sua ubicazione non fu delle migliori, visto che si trova in prossimità del Tamigi, che spesso ruppe i suoi argini, ed in aggiunta, in un primo momento, non solo, la Chiesa non venne ben dotata, ma in aggiunta, servì una povera campagna circostante. Una ottima trattazione della sua storia è fornita da George e Katherine Worth St. Mary with St. Alban Parish Church of Teddington, in un pdf reperibile su Internet, che qui traduciamo e sintetizziamo liberamente. Si sarebbe fortemente tentati di cercare una origine sassone per la Chiesa; tuttavia, le prove a sostegno di tale tesi sono deboli. Dal "Toponimo", sapete che nel 969, il Re Edgar confermò le concessioni di una serie di terreni, tra cui la "cella in rovina di Stana (Staines) con le sue pertinenze, Tutyngton ..." (ed altri villaggi) all'Abbazia Benedettina di Westminster. Ci può essere stata qui una semplice Cappella, adeguata per le esigenze degli Agricoltori e Pescatori che pagavano le loro quote ai Benedettini di Staines, ricevendo in cambio le cure di uno dei Frati. Con il tempo di Edoardo il Confessore nel 1065, l'anno in cui l'Abbazia di Westminster è stata ricostruita, il maniero e la chiesa di Stane, con le sue terre, tra cui Tutindon, sono stati confermati come appartenente alla abate e il convento di Westminster. Todingtone è stato nuovamente citato nel 1157 nella conferma papale possedimenti dell'Abbazia. Al tempo di Eduardo il Confessore, nel 1065, l'anno della ricostruzione dell'Abbazia di Westminster, il Manor e la Chiesa di Stane, con le sue terre, compreso Tutindon, furono confermate come appartenenti all'Abate ed al Convento di Westminster. Todingtone venne citata ancora nel 1157, in una conferma Papale dei possedimenti dell'Abbazia di Westminster. Il primo riferimento preciso relativo all'esistenza di una Cappella si ha nel 1217, quando l'Abate di Westminster venne richiesto di indicare al Vescovo di Londra "un Cappellano adatto, con sostentamento, per Tudinton". Più o meno nello stesso tempo, i Manors di Sunbury e Todynton vennero assegnati per il sostentamento di Robert Papillon, ex Abate di Westminster, che era stato deposto per mancanza di cura del patrimonio, che cadeva in rovina, e per carenza di moderazione. Dopo una controversia tra il Vescovo di Londra e l'Abate di Westminaster, nel 1223, il Monastero di Westminster venne dichiarato esente dalla giurisdizione del Vescovo, ed il Cappellano di Toddington doveva essere nominato e sostenuto dall'Abate. Le annotazioni nelle scritture feudali tenute nella Biblioteca dell'Abbazia di Westminster mostrano conti, più di un secolo dopo, nel 1357, per la riparazione alla struttura di una Chiesa che deve essere stata sostanzialmente costruite (come quella nella vicina Twickenham) in stile locale con gesso e pietra focaia. Purtroppo, dal 1385 l'Abbazia, forse decimata dalla Peste Nera, non si interessò più della zona, ma affittò le terre del Manor ad Agricltori. La sola Chiesa, tuttavia, era autonoma, dato che nel 1427, sotto Enrico VI, pagava una tassa di 9 Marchi. All'inizio del XVI secolo, una Chiesa rientrava tra le proprietà del Manor e conosciamo il nome della prima carica conosciuta nel 1511, Sir Thomas di Todyngton, ("Sir" è il titolo dato a Sacerdoti ordinari). Pochi anni dopo, c'è una registrazione di un pagamento per lavori di due giorni per fare il tetto di paglia del "Curathous" e per le riparazioni della Cappella, la pavimentazione del Presbiterio ed altre opere. A tale epoca, deve riferirsi la costruzione del corridoio meridionale, la parte più antica esistente del fabbricato. La sua muratura Tudor può ancora essere vista sulla parete esterna, come pure un grosso chiodo che soleva essere utilizzato per sostenere un cestino di pane per i poveri. Nel 1535, Enrico VIII fece incriminare Robert Feron, il Curato perpetuo del tempo, per "aver tenuto conversazioni sovversive contro il Re ed il suo matrimonio con Anna Bolena". Nel 1536, il Manor, compreso l' "advowson" della Chiesa di Totyngton venne sottratto da Enrico VIII all'Abate Boston di Westminster ed incorporato con in un più ampio "demesne", più noto come "Honour of Hampton" e dato in fitto agli amici del Re. Il successore di Enrico VIII, Eduardo VI concesse il Manor a George Gates (morto nel 1562), il quale, nel 1551, si assicurò un nuovo contratto di fitto per 21 anni. La manutenzione della Chiesa venne assicurata da donazioni di terre. Il Lord del Manor era tenuto a nominare il Cappellano con uno stipendio di 6 sterline annue più 4 scellini per "sacramentali", uno stipendio povero per una Parish in crescita, che nel 1547 contava 100 persone, delle quali 72 prendevano i Sacramenti, ad esempio la Comunione. Non è una sorpresa, perciò, che solo pochi del Clero rimanevano a lungo o potevano permettersi di risiedere nella Parish. Nel 1603, il Manor passò alla Famiglia Hill che lo tenne sino al XVIII secolo. I suoi membri potrebbero aver avuto tendenze puritane, dato che il Sacerdote, nel 1615, Ephraim Udall, era un Puritano, come pure, nel 1631, lo era Matthew Rendall (Randall o Randall), il quale venne sospeso, presumibilmente per aver predicato un sermone troppo lungo. D'altro canto, il Reverendo Robert Mossom, Sacerdote dal 1647 al 1650, era un Monarchico, che prese parte all'Esercito del Re. Somministrando la Santa Comunione mensilmente ed usando il "Book of Common Prayer" (il testo originale venne pubblicato nel 1549 durante il Regno di Eduardo VI. Scaturì dalla Riforma Inglese a seguito della Scissione da Roma. Si trattò del primo libro di preghiere che comprendeva, in Inglese, le forme complete di servizio per il culto quotidiano e domenicale). violò le nuove leggi emanate dal Governo puritano. Per questo, venne messo da parte nel 1650. Una indagine al tempo di Cromwell relativa alle risorse della Chiesa a quel tempo, mostra che Teddington non aveva una Casa canonica o terreni e, dopo Mossom, per lungo tempo rimase senza un Curato. Dopo la Restaurazione nel 1660, un benefattore della Chiesa fu Sir Orlando Bridgeman, "Lord Custode del Grande Sigillo" di Carlo II. Nonostante fosse un Monarchico, si indignò per il comportamento del Re che chiuse "Exchequer" (in pratica, il Ministero delle Finanze) per un anno intero, con il risultato che i creditori non vennero pagati. Bridgeman consegnò il Gran Sigillo e si ritirò nella sua casa di Teddington. Fece varie beneficenze. Dopo la sua morte nel 1674, la sua vedova e il figlio continuarono il suo buon lavoro dotando ospizi ed una Scuola. I suoi eredi si alternarono col Lord del Manor ad indicare i Vicari, un accordo non molto soddisfacente, che portò a diversi contenziosi. I dati a nostra disposizione aumentano nel XVIII secolo, dato che i documenti della Sagrestia iniziano nel 1739, affincandosi ai Registri della Parish, risalenti a partire dal 1558. Gli incontri per l'amministrazione si svolgevano sia nella Chiesache in una delle locande del villaggio considerevolmente più calde della Sacrestia della Chiesa in inverno. Si trattavano non solo tematiche religose, visto che si trattava di una sorta di Ente locale, responsabile del sostegno ai poveri, dell'istruzione dei giovani, del miglioramento dell'approvvigionamento idrico, delle riparazioni, della nomina dei bidelli, poliziotti, degli autisti e delle guardie delle porte del villaggio (che erano sei). Comprarono anche un veicolo dei pompieri. Da notare, che nei primi periodi del funzionamento, solo chi aveva contribuito al suo acquisto ne avrebbe potuto beneficiare. In effetti, le finanze del villaggio erano del tutto sotto controllo della Sagrestia. I compiti dei bidelli comprendevano "mantenere un ordine decente" ed accendere il falò parrocchiale il 5 novembre. Da questo momento, sono documentate una serie di riparazioni ed ampliamenti della Chiesa in coincidenza con il mandato di Stephen Hales come Curato perpetuo dal 1709 al 1761. Venne riparato il tetto e la Chiesa ampliata con una spesa di 102£ 6s. 10d. . Nel 1748, una campana con un forte suono venne installata, dato che quelle esistenti non si sentivano a distanza. La Guglia venne sostituita da una lanterna e, successivamente, venne ricostruita in mattoni l'intera Torre di legno, dotandola di una Cupola. In questa Hales incorporò un sistema di ventilazione che aveva perfezionato e che venne usato dalla Marina e negli Ospedali. Egli pagò 200 sterline di tasca propria per la costruzione della "North Isle", dicendo che la Chiesa era "troppo piccola per contenere il numero di parrocchiani avrebbero dovuto frequentarla"'. Egli assegnò i nuovi banchi ai finanziatori, in modo da coprire il costo, una pratica ritenuta illegittima nel 1795, a seguito di un ricorso proposto da John Walter, un Parrocchiano appena arrivato. Questi trovò che i banchi erano collegati a case i cui proprietari potevano non aver mai risieduto nella Parish, in tal modo, escludendo i nuovi arrivati. In questo periodo, venne donata anche della terra per l'ampliamento del Cimitero, mentre le la Sagrestia era sovraffollate ed in uno stato deplorevole. Quando Hales morì nel 1761, gli successe il Dottor John Cozens. Come Hales, occupò una casa di sua proprietà, nota come "Casa canonica", anche se il termine non implica che la casa appartesse in alcun modo alla Chiesa. Dal 1791 al 1836, non vi fu un membro del Clero residente, per cui, la Chiesa venne servita da Curati-Assistenti. note del sagrestano della metà del 19 ° secolo descrivono come le bare dei parrocchiani notevoli sono stati sepolti sotto la chiesa piano- alcune soli 18 pollici sotto la superficie. Quando la marea era alta a Teddington Lock, ed a causa della tavola di acqua alta, si è detto che le bare galleggiavano, e spostati. Verso la metà del XIX secolo, nelle annotazioni del Sagrestano, si legge che le bare dei Parrocchiani di rilievo venivano sepolte sotto il pavimento della Chiesa a solo 18 pollici sotto la superficie; di conseguenza, quando la marea era alta e superava la Chiusa di Teddington (Teddington Lock), invadeva la Chiesa, facendo galleggiare e muovere le bare. Philip Aeneas Mackenzie, si lamentò dei topi che fuoriuscivano dalle volte sotto il tavolo della comunione, che perciò, vennero sigillate. Fu proprio il citato Mackenzie che informò Daniel Lysons, quando scrisse la sua monumentale "Environs of London", una delle nostre Fonti, che la popolazione del villaggio era pari a 580 persone e che c'erano 116 case accanto alle "almshouses" in Park Lane. Lysons lamentò il fatto che che avrebbe potuto ottenere delle informazioni dai membri della Famiglia Smith della Manor House, dicendo "Ma allora che cosa ci si può aspettare dai Quaccheri!", il quale commento denota il rapporto mutevole tra la Manor House e la Chiesa. Nel 1883, ulteriori lavori riguardarono la Chiesa, quando il Presbiterio venne esteso di 17 piedi ed una piccola Sacrestia venne costruita alla fine del corridoio settentrionale. Finalmente, venne costruita la Canonica, tanto necessaria. in High Street. Nel 1887, vennero effettuati più importanti lavori di ricostruzione, quando la Chiesa fu chiusa per consentire l'aggiunta di una Sacrestia per il Clero ed anche una camera d'organo per accogliere un nuovo organo a canne. Le gallerie esistenti vennero rimosse, il pavimento rinnovato, i vecchi banchi sostituiti da quelli aperti e le colonne in ghisa con pietra. Un fonte, il pulpito, il leggio e bancarelle vennero fornite e, tramite l'apertura della porta fuori del Presbiterio sul lato meridionale del nuovo Coro misto, si poteva passare per le loro bancarelle, invece di essere seduti nella Galleria. Venne aggiunta una sacrestia del Coro, rendendo, così, l'aspetto esterno dell'edificio molto simile all'attuale. Per finanziare questi cambiamenti, il Conte di Bradford, Patrocinatore, rinunziò ad i suoi privilegi, in modo da far ricevere alla Parish doni dalla Regina Anna e fondi diocesani. Contributi vennero effettuati anche dalla Regina, dalla Signora del Manor, dai Parrocchiani e dalla "Incorporated Church Building Society". Le tasse di sepoltura vennero fissate a 4 ghinee nella Chiesa ed 1 ghinea nel Cimitero. Nonostante questi sforzi, le sorti della Chiesa erano in declino. Era troppo piccola per ospitare una popolazione in crescita e non poteva espandersi più su quel sito. D'altra parte, si trovava a dover patire la concorrenza di altre fondazioni religiose che stavano nascendo. Un nuovo Vicario nel 1857, Daniel Trinder, che incontrò forte opposizione per le sue idee "Tractarian" (da una serie di pubblicazioni "Tracts for the Times", dal 1833 al 1841; sostenevano il ripristino di alcune antiche tradizioni Cristiane di fede e la loro inclusione nella liturgia e teologia Anglicana. Ritenevano che l'Anglicanesimo fosse una dei tre rami dell'Unica, Chiesa, Sacra, Cattolica ed Apostolica). Incapace di trovare la sua strada, Trinder fondò una nuova Chiesa, "SS Peter and Paul", mentre l'opposizione evangelica fondò la "Free Church of England" in Station Road; seguirono subito, i Battisti, i Cattolici ed i Metodisti. Il carattere del villaggio cambiò totalmente dopo l'arrivo della ferrovia nel 1863 ed in vista dell'esplosione della popolaione, vennero intrapresi passi per sostituire St. Mary's con una nuova alta Chiesa, in un sito adiacente. Progettata in stile neo-gotico da un Architetto locale, J. Niven, nel 1888, venne dedicata a St Alban e riccamente arredata grazie ad innumerevoli beneficenze. Si trattava di un edificio che ben si adattava all'alta forma anglicana di servizio che mira a rappresentare il meglio della tradizione ecclesiastica. St. Mary's venne chiusa nel 1889 e lasciata andare in rovina. Tuttavia, grazie ad un appello per salvarla come un importante edificio superstite della "Old Teddington", venne nuovamente dedicata nel 1938 e utilizzata come Cappella di servizio, fornendo servizi settimanali, fino al 1977. In questo periodo, le sorti di St Alban decaddero e St. Mary's divenne nuovamente la Parish Church, anche se di un'area meno estesa, dal momento che l'antica Parish era stata divisa per accogliere le Chiese più recenti. Oggi, la Chiesa, restaurata, serve sia i Parrocchiani che la comunità locale, cosa che non sarebbe stata possibile senza gli sforzi di due Vicari, il Reverendo Raymond Carter (1979-1991) ed il Reverendo John Cleaver (1992-2008). Concludiamo, aggiungendo che nella Sagrestia si trova la tomba di Stephen Hales, di cui abbiamo detto nella "Storia". Nell'iscrizione si dice "Here is interred the body of Stephen Hales, D. D. clerk of the closet to the Princess of Wales, who was minister of this parish 51 years (ndr dal 1706). He died the 4th of January 1761, in the 84th year of his age.".

3. Manor House

A Teddington, esisteva una Manor House sin dal XIII secolo. Nel XIV secolo, c'erano due sale ed una camera privata e fabbricati agricoli. Nel 1518, il contratto di locazione del Manor comprese l'impegno per riparare gli edifici. Questi, tra cui la Manor House, nel 1596, erano tutti di legno. La Tradizione secondo cui la Manor House come esisteva nel XVIII secolo fosse stata costruita da Thomas Sackville, Lord Buckhurst (Conte del Dorset dal 1604, morto nel 1608), sembra aver avuto origine con Daniel Lysons; si basava, evidentemente, sulla presenza in una delle principali sale dello stemma della Famiglia Buckhurst, con cresta e sostenitori e la data 1602. Forse, Egli era un sub-affittuario di uno dei locatari della Corona. I proprietari del Manor del XVII secolo vivevano a Teddington e dovevano la tassa sulle 18 famiglie nel 1664 e 1671. John, Visconte Dudley e Ward (morto nel 1788), occupò la casa realizzò motivi ornamentali intorno ad essa. Il Capitano John Smith (morto nel 1808) che sposò la vedova di Dudley, si dice che abbia apportato cambiamenti alla casa, e potrebbe essere stato allora che i presunti stemmi di Buckhurst furono rimossi. Gli occupanti successivi alterarono ancora la casa, che, nel 1816, era detta contenere molto poco del vecchio edificio. Nel 1893, esisteva ancora, ma venne abbattuta nel 1913.

4. Manor (o Estate) di Gayles (o Geles)

Il Manor (o Estate) di Gayles (o Geles) era tenuta nel XVI secolo dagli affittuari del "demesne" del Manor di Teddington. Allora, comprendeva una casa e 141 acri di terre coltivabili, e il proprietario teneva anche in fitto 44 acri del Manor di Teddington. Nei secoli XVII e XVIII, dovrebbe aver compreso circa 160 acri di terre coltivabili, prati e pascoli e nel 1607, comprendeva proprietà a Twickenham ed Hampton. In merito all'origine del nome, vennero avanzate due ipotesi: 1. è probabile, che questa tenuta abbia trovato la sua origine nel più grande possedimento immobiliare in proprietà di Teddington nel Medioevo; 2. il suo nome potrebbe essere collegato a John Gele, che nel 1443, trasferì 100 acri di terre coltivabili ed altre proprietà a Teddington ed Hampton. Poiché non si riesce a risalire ai primi proprietari, le due ipotesi non si escludono a vicenda. Nel 1499 e nel 1512, il contadino John Wether possedeva un caseggiato o Manor chiamato Gayles. Il suo successore come contadino, Hugh Manning, tenne il Manor di Geles durante il Regno di Enrico VIII.  William Manning (morto nel 1573) lo teneva nel 1569, e nel 1593, Henry Manning vi decise il matrimonio del figlio Henry.  Nel 1608, venne trasferito da Andrew Norwood a Thomas Hall, il quale forse aveva coltivato il "demesne" di Teddington poco prima. Robert Smith possedeva il Manor nel 1666, quando era chiamato Manor di Teddington o Gale.  il successivo ed ultimo riferimento a Geles si trova nel 1764, quando comprendeva una casa-fattoria e circa 160 acri, appartenenti a Thomas Duncombe e precedentemente acquistati da John Smith. Duncombe era l'eventuale erede di Sir Charles Duncombe (morto nel 1711), che comprò terre a Teddington e costruì una casa poi chiamata Teddington Place. La sorte di Geles dopo il 1764 è incerta, visto che nel 1800, la proprietà di Duncombe nella Parish (circa 123 acri), compreso Teddington Place, erano tutti in fitto.

5. Personaggi di rilievo e loro case a Teddington

Alcune ampie case vennero costruite da ricchi residenti di Teddington nei secoli XVII, XVIII e XIX, a seguito dell'incremento della popolarità delle vicine Richmond e Twickenham. Si trattò dell'aristocrazia terriera e della piccola nobiltà. Teddington, ai loro occhi, risultava attraente, inoltre, non solo per la sua vicinanza al Tamigi, ma anche per la presenza di strade importanti verso il centro di Londra. Di tutte le case che leggerete (anche la già citata Manor House), Udney Hall, The Grove, Bridgeman House, Gomer House, Elmfield House, residua solo l'ultima. Dopo la Manor House (v. paragrafo specifico), la prima fu probabilmente quella di Sir Orlando Bridgeman ("Lord keeper" dal 1667 al 1672), che si ritirò nel 1672 presso la casa che aveva costruito a Teddington. Si trovava a sud del villaggio, ma è improbabile che corrisponda a Bridgeman House, la quale sembra essere stata costruita successivamente. Sir Charles Duncombe (morto nel 1711), un Banchiere ed uno degli uomini più ricchi del suo tempo, costruì la casa poi nota come Teddington Place, in cui i soffitti vennero dipinti da Verrio e gli intagli realizzati da Grinling Gibbons. La casa si trovava a sud di St. Alban's Church, ed essa o un'altra sullo stesso sito, poi nota come Udney Hall, venne abbattuta nel 1940. La vicina Faversham House, forse costruita al principio del XVIII secolo, apparteneva alla stessa tenuta. Udney House, anche sul lato meridionale di High Street, ad ovest di Kingston Lane, reca la data 1768 e le iniziali "I. K." Era notevole principalmente per la bella raccolta di dipinti realizzati da Robert Udney (morto nel 1802). La galleria dei quadri venne abbattuta nel 1825 e la casa verso il 1899. Teddington Grove, a Twickenham Road, venne costruita nella metà del XVIII secolo, forse per Moses Franks, che morì a Teddington nel 1789 ed appartenne ad un gruppo di Ebrei residenti nei paraggi. Sir William Chambers progettò un tempio ornamentale ed una serra per il giardino di Franks. La casa appartenne poi a John Walter (morto nel 1812), il fondatore del giornale "The Times", e venne abbattuta dopo la Prima Guerra Mondiale. L'unica casa superstite di rilievo del XVIII secolo è, come anticipato, Elmfield House, con tre piani e cinque reparti, con un portico dorico aggiunto in seguito. Divenne la sede del Richmond Council. Lungo High Street vi è una fila di cottages a due piani risalenti al 1759 o forse più antichi. Ve ne sono latri del XVIII secolo e del principio del XIX secolo in Park Road e High Street e due o tre molti alterati piccoli edifici del XVII secolo in High Street. Teddington ebbe diversi residenti di rilievo, come Sir Orlando Bridgeman, Sir Charles Duncombe, John Walter e R. D. Blackmore, i quali edificarono delle case nel villaggio, di cui avete letto sopra, nonché il Poeta Thomas Traherne. Stephen Hales (morto nel 1761) fu un Ecclesiastico degno di nota. Thomas Sackville, Conte del Dorset (morto nel 1608), si dice che sia vissuto nel Manor. Il Conte di Leicester scrisse una lettera alla Regina da Teddington nel 1570. Molti sovrani devono aver attraversato Teddington andando o venendo da Hampton Court e Carlo II risulta aver visitato il Marchese di Winchester, che dovrebbe aver avuto una casa a Teddington, mentre si recava a Windsor nel 1679. Frederick, Principe di Galles, si dice che abbia voluto sorprendere Hales nel suo studio, mentre i visitatori della collezione di Robert Udney, compresi Giorgio III e la sua Famiglia e Horace Walpole da Twickenham. Guglielmo IV, come Duca di Clarence, visse vicino a Bushy House e lui e la Regina Adelaide erano benefattori della Chiesa e della Scuola. Alexander Herzen, il Liberale Russo in esilio, occupò Elmfield House nel 1863-1864, dove venne visitato da Garibaldi (ma stava dappertutto!!!!!!). Altre persone collegate con Teddington includono Thomas Blagrove (morto nel 1688), Musicista, che aveva una casa e le terre non alla sua morte, William Penn il Quacchero, presente qui nel 1688 (la lettera, in cui si affranca dall'accusa di essere un sostenitore del Papa, è datata 24 ottobre a Teddington). Nello stesso anno, Francis Manning, Autore di un volume di poesie, due commedie, una traduzione della vita di Teodosio il Grande, dal francese, visse molti anni a Teddington. La prefazione alla traduzione di Teodosio, uno dei suoi primi lavori, porta la data Teddington, dove risiedeva anche quando pubblicò le sue poesie diversi anni dopo. Margaret (Peg) Woffington (morta nel 1760), Attrice, che vi si ritirò nel 1757, Luffman Atterbury (morto nel 1796), Falegname e mMsicista, che vi abitò per alcuni anni, e G.M. Whipple (1842-1893), Fisico, che è nato qui. Divere tra le persone citate vennero sepolte nella Chiesa o nel suo Cimitero. Tra gli altri, si ricordano Henry Flitcroft (1697-1769), Architetto, e Paul Whitehead (1710-1774), Autore di satire.

Richmond upon Thames - Visita guidata

La stazione di Teddington

La stazione di Teddington

Adelaide Road

Adelaide Road

Park Road

Park Road

La rotatoria tra Broad Street e High Street

La rotatoria tra Broad Street e High Street

Broad Street

Broad Street

High Street

High Street

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it