www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Holloway Road

Sintesi

Holloway Road è una stazione della metropolitana (Piccadilly Line) che serve l'area tagliata in direzione nord-ovest/sud-est dall'omonima e lunga strada (3 chilometri). La sua estensione giustifica la presenza di ben altre tre stazioni, Archway, Upper Holloway, Highbury & Islington (dove la strada diventa Higbury Corner). "Holloway" è il nome dell'area solo dal principio del XIV secolo, visto che il tratto principale di Holloway Road attraversa il sito degli scomparsi Villaggi di Tollington e Stroud, di cui, però, resta traccia nella Toponomastica. Dal XVII secolo, ma probabilmente anche prima, dal XVI secolo, tre distinti borghi formavano il distretto: Upper Holloway, Lower Holloway e Ring Cross, il terzo assorbito successivamente dal secondo. La stazione di Holloway Road è la più vicina all'Emirates Stadium, ma i treni non vi si fermano nei giorni delle partite di calcio per evitare il congestionamento.

Distanza dal centro: 3,7 miglia.

Attrattiva: scarsa, salvo per chi sia interessato alla Metropolitan London University o all'Emirates Stadium.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, siete in Holloway Road. Sulla sinitra, vedete il ponte della metropolitana, che se sottopassate, seguendo verso nord la lunga strada citata, vi consente di raggiungere la stazione di Upper Holloway. Di fronte a voi e nei paraggi, su entrambi i lati della strada, avete le strutture del Campus di Londra settentrionale della Metropolitan London University. Se attraversate la strada, entrando in Hornsey Road, in cui sulla destra trovate anche un ristorante Italiano, Mamma Mia, dopo il senso rotatorio, vedete giganteggiare Emirates Stadium, preceduto da due cannoni neri, da "Gunners" (Cannonieri), il soprannome dato ai giocatori ed ai tifosi dell'Arsenal Football Club (o semplicemente Arsenal), che qui gioca, dato che lo stemma della squadra, ripetutamente modificato nel corso del tempo, ha comunque mantenuto almeno un cannone. Tornati indietro sulla strada principale, proseguite verso sud, cioè, andando a destra (volgendo le spalle alla stazione). Troverete St Mary Magdalene Gardens con all'interno St Mary Magdalene Church, progettata da William Wickings nel 1814 (è una delle Chiese londinesi del principio del XIX secolo meglio conservata), alle cui spalle trovate lo spazio verde Paradise Park. Non siete lontani dalla stazione di Highbury & Islington e dall'altro spazio verde Highbury Fields.

Toponimo

Nella Sintesi introduttiva siete già stati informati del fatto che il tratto principale di Holloway Road attraversa il sito degli scomparsi Villaggi di Tollington e Stroud, la cui data di fondazione non è nota, anche se i primi documenti risalgono al 1000. Dal principio del XIV secolo si iniziò ad usare il nome "Holloway" ed i nomi dei due Villaggio finirono nel dimenticatoio alla fine del XVII secolo, rimanendo, tuttavia, nella Toponomastica, a nord della stazione di Holloway Road, come Tollington Road, Tollington Park, Tollington Way, Tollington Place, Stroud Green Road. Si rende necessario, pertanto, indagare distintamente in merito alle tre denominazioni:

a. Tollington

Il nome ricorre per la prima volta verso l'anno 1000 come "Tollandune" in una concessione Anglo-Sassone contenente l'elenco dei contributi di uomini da tenute appartenenti al Vescovado di Londra e necessari per gestire una nave. I luoghi indicati sono numerosi, il contributo di Tollington è pari a due uomini. Il testo è il seguente: "[S]cipmen . Of Ticc .iiii. Of Tillingaham .ii. Of Dunmæwan . 7 of Tollesfuntan .i. Of Næsingstoce . 7 of Neosdune .iiii. Of Hinawicun . 7 of Tollandune .ii. Of Gnutungadene . 7 of Bræmbelege .i. Of Þottanheale .i. Of Clopham .ii. Of Bærnun . 7 of Ceswican . i. Of Drægtune .i. Of Caddandune .i. Of Sandune .i. Of Ceaddingtune .i. Of Fullanhamme .v. Of Forþtune .iii. Of Stybbanhyþe . 7 of Gislandune .ii. Of Orseaþun .i. Of Ligeandune .i. Of Seopinglande . 7 of þam westrum Orseaþum .i. Of Bylcham .i. Of Coppanforda 7 Holande .i. Of Suðmynster .v. Of Claccingtune .ii. Of Hæþlege . 7 of Codanham .i.". Viene, poi, la volta di "Tolentone" (1086), citato nel Domesday Book, che rientrava nella Hundred di Ossulstone della Contea del Middlesex. La popolazione totale era esigua, pari a 9 famiglie (5 nel Villaggio, 2 piccoli proprietari terrieri, 1 servo, 1 in un cottage), come pure le unità tassabili, solo 2. Vi era terra per 2 aratri coltivata dai residenti ed 1 da lavoratori per il Lord, oltre a 60 acri di terra, prati e pascoli. Il valore per il Lord era 2 sterline (1066), 3 sterline (circa 1070), 2 sterline (1086). Nel 1066, il Lord era Edwin, figlio di Burgred, e l'Overlord il Re Eduardo Il Confessore, nel 1086, il Lord era Ranulf, fratello di Ilger, che era anche tenant-in-chief (era stato infeudato direttamente dal Re). Successivamente, il nome si ritrova come "Tolendune" (circa 1150), "Tolesdon" e "Tolesdune" (circa 1154), "Tolinton" e "Tolindon" (1274), "Tolingdon" (1306), "Talington" (1336), "Tolyndon" (1392), "Tolyngton" (1468), "Tollington" (1680), "Tallington Green" (1682). In merito al significato del termine, si tratta di una parola composta dell'Old English, formata da un nome personale (caso genitivo -n) + "dūn", che viene tradotta come "Collina di un uomo chiamato Tolla".

b. Stroud

Si è soliti indicare la data 1407 come quella in cui ricorrerebbe la prima citazione del nome dell'area. A riguardo, siamo dubbiosi, dato che nelle nostre ricerche, ci sembra di aver individuato un documento antecedente di qualche decennio. Si tratta del testamento di John de Horwod l'Anziano, rilasciato a Londra il 23 febbraio A.D. 1374 (forse confermato o attuato il lunedì successivo prima della Festa di Santa Margherita Vergine, 20 luglio 1374). Tra le disposizioni, vi è quella a favore della moglie Margaret relativa al diritto che il disponente aveva in merito ad un contratto di fitto di un terreno a "Strode". Non si specifica dove si trovi, per cui, è incerto se si tratti della nostra Strode (nel Middlesex) o di un'altra nel Kent. Tuttavia, nell'atto, in precedenza, si destinano 60 sterline per la riparazione di una strada chiamata "le Oldestrete," che conduceva dal nuovo "churchyard without Aldrichgate" ad "Isildon" (Islington). Per cui, dovrebbe trattarsi della nostra Strode di Islington. Ad ogni modo, nessuna incertezza, invece, vi è in merito all'atto successivo, ancora un testamento, di William Cresewykm, cittadino ed uomo libero della City of London, rilasciato a Londra il 3 novembre A.D. 1405, ma sembra attuato o convalidato nel 1407. Tra le numerose disposizioni testamentarie, vi è quella relativa a "land at Strode near Heyghbury", nel Middlesex, in riferimento all'angolo vuoto sud-orientale della Parish di Hornsey. Successivamente, si ritrova ancora come "Strode" (1432). Il nome deriva dall'Old English "stōd" che significa "terreno paludoso coperto di sterpaglie". Successivamente, divenne "Strowde Grene" (1546, 1568), "Strodegrene" (1562), termine usato anche per designare uno dei quattro corsi d'acqua di tale Parish, che scorreva da Islington attraverso la punta meridionale di Hornsey, dove il suffisso "Grene" è una parola del Middle English che significa "Village green", cioè, area verde al centro del Villaggio.

c. Holloway

Il nome ricorre per la prima volta nel 1307 come "le Holeweye in Iseldon". Successivamente, si legge "Holway" (1473, 1535), "Holewey" (1487), "Holwey" (1489), "Halway" (circa 1493), "Holwey Islynton" (1541), "Holowey" (1543), "Holowaye alias Netherholowaye" (1553), "Hollowaye" (1554), "Halliwaye" (1593), "Holway the upper" e "Holway the lower" (1593, 1741-1745): da questo momento i due borghi saranno distinti, ritrovandosi come "Upper Holloway" e "Lower Holloway" (1822, Ordnance Survey Map). L'origine del nome è incerta. Vi è chi ritiene che derivi da "Hollow", piccola valle di origine fluviale o letto secco di un fiume, oppure da "Hollow way" (come ad esempio, Edward Walford), incavo significativamente più basso rispetto al terreno su entrambi i lati, originato da diverse possibili cause, ad esempio, erosione dell'acqua o di traffico, dallo scavo di argini per la pastorizia, dallo scavo di doppi argini per segnare i confini di due proprietà terriere. Di certo, Holloway fu il principale percorso per portare i bovini dal Nord al Mercato di Smithfield. In particolare, a Lower Holloway, l'ex Back Road, ora Liverpool Road, venne impiegata per far riposare e pascolare il bestiame prima di entrare a Londra. Ad ogni modo, sembra che l'interpretazione più plausibile sia quella che si ricollega alle parole dell'Old English "hol" + "weg", quindi, da interpretarsi come "Strada in una conca", in riferimento al tratto della Great North Road che attraversava i terreni relativamente bassi tra Highgate ed Islington dove si trovavano Tollington e Stroud. Altri, invece, ritengono che il nome derivi da "Hallow" relativo al significato storico della strada come parte del percorso di pellegrinaggio verso Walsingham, nella Contea di Norfolk, celebre per i Santuari religiosi dedicati alla Vergine Maria, dove insistono i resti di due Case Monastiche medioevali. Comunque, non vi sono prove documentali a sostegno della prima o della seconda ipotesi,

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da A. J. Robertson in "Anglo-Saxon Charters (1956), pagina 145; da Nelson, John in "The history, topography and antiquities of the parish of St. Mary Islington in the county of Middlesex : including bibliographical sketches of the most eminent and remarkable persons who have been born, or have resided there" (1811); da Edward Wedlake Brayley - James Norris Brewer - Joseph Nightingale in "London and Middlesex: or, An historical, commercial, & descriptive survey of the metropolis of Great-Britain: including sketches of its environs, and a topographical account of the most remarkable places in the above county, Volume 4" (1816), pagina 210; da Edward Walford in "Old and New London: Volume 5" (1878), alla voce "The northern suburbs: Holloway" (pagine 373-388); da Walter Thornbury in "Old and New London: Volume 2" (1878), alla voce "Highbury, Upper Holloway and King's Cross" (pagine 273-279); da Reginald Robinson Sharpe in "Calendar of wills proved and enrolled in the Court of Husting, London, A.D. 1258-1688 - Parte II A.D 1358-1688" (1889), pagine 161-162, 371-373; si leggono in "A History of the County of Middlesex: Volume 3, Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington, Heston and Isleworth, Twickenham, Cowley, Cranford, West Drayton, Greenford, Hanwell, Harefield and Harlington" (1962), alla voce "West Drayton: Roman catholicism and old catholics", pagine 204-205; in "A History of the County of Middlesex: Volume 1, Physique, Archaeology, Domesday, Ecclesiastical Organization, the Jews, Religious Houses, Education of Working Classes To 1870, Private Education From Sixteenth Century" (1969); sono fornite da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - M. A. Hicks - R. B. Pugh in "A History of the County of Middlesex: Volume 6, Friern Barnet, Finchley, Hornsey With Highgate" (1980), alle voci "List of illustrations" (pagine x-xi), "Islington: Communications" (pagine 3-8), "Hornsey, including Highgate: Introduction" (pagine 101-103), "Hornsey, including Highgate: Communications" (pagine 103-107), "Hornsey, including Highgate: Growth before the mid 19th century" (pagine 107-111), "Hornsey, including Highgate: Growth from the mid 19th century" (pagine 111-122), "Hornsey, including Highgate: Manors" (pagine 140-146), "Hornsey, including Highgate: Other estates" (pagine 146-149), "Hornsey, including Highgate: Economic history" (pagine 149-157), "Hornsey, including Highgate: Roman catholicism" (pagine 182-183); da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - Patricia E. C. Croot in "A History of the County of Middlesex: Volume 8, Islington and Stoke Newington Parishes" (1985), alla voce "Islington: Growth, Holloway and Tollington" (pagine 29-37); da Ken Gay in "Stroud Green and Finsbury Park - a Walk Paperback" (1997) Hornsey Historical Society, da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010); si leggono in "Brewer's Dictionary of London Phrase & Fable" (2011), che traduciamo e sintetizziamo liberamente.

1. Eventi storici di rilievo

La faticosa ma fruttuosa ricerca effettuata in merito ai toponimi dell'area, impone la necessità di distinguere la Storia in paragrafi:

1.1 Storia di Tollington

Dal "Toponimo", sappiamo che in Epoca Sassone, verso l'anno 1000, vi era un insediamento che dovette fornire due uomini per una nave. Si tratta dell'unico altro posto nella storica Parish di Islington ad essere citato nel Domesday Book come Manor separato (come "Tolentone"); l'Indagine Normanna, racconta che nel 1086, il Manor o tenuta, aveva 9 famiglie di conduttori, le cui fattorie, probabilmente, si trovavano nei pressi del bivio tra Heame Lane e Tollington Lane (poi, Seven Sisters Road e - dal 1740 - Hornsey Road), visto che una casa colonica con fossato si trovava sul lato meridionale dell'incrocio.  La vecchia Manor House venne comprata nel 1271 dal Priore del Convento dei Cavalieri Ospedalieri di di St. John di Gerusalemme di Clerkenwell come residenza estiva, che la fece ricostruire successivamente più più alta verso est, cambiando il suo nome da Tolentone a Highbury, di modo che il vecchio nome del Manor cadde in disuso. Durante il Regno di Riccardo II (1377-1399), quando Wat Tyler ed i suoi seguaci del Kent si catapultarono su Londra, un gruppo capitanato da Jack Straw, il Luogotenente di Wat, che in precedenza aveva saccheggiato e bruciato il Convento Clerkenwell, distrusse la Casa di Highbury, le cui rovine divennero in seguito note come il "Castello di Jack Straw". Degli Antiquari ritennero la Casa con fossato del Priore fosse stata il pretorio del campo estivo della guarnigione romana di Londra. Nel 1540, dodici affittuari a Tollington e Stroud facevano parte del Manor di Highbury,  e dal principio del XV secolo, alcuni erano Londinesi. Nel 1557, un caseggiato a Tollington Lane era la Fattoria di Barton. Sebbene sino alla fine del XVII secolo Tollington continuò ad essere utilizzato come luogo di sito, venne rimpiazzato dal nome Holloway, di modo che, il borgo perse la sua distinta identità dal XVIII secolo. I resti della vecchia Manor House con fossato a nord di Tollington Road sopravvissero sino alla metà del XIX secolo. Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva "Tollington Park" come segue: "eccl. dist., Islington par. and parl. bor., Middlesex, in N. of London, pop. 17,695.". Nel 1916, una mappa relativa ai distretti dell'Islington Metropolitan Borough riporta ancora Tollington ad est di Upper Holloway. L'area attorno Hornsey Road, una strada molto lunga che corre quasi parallela ad Holloway Road, era nota come Tollington. Il nome, come sapete, in disuso, rimane per designare un distretto elettorale per le locali elezioni amministrative, nonché è ricordato nella Toponomastica, a nord della stazione di Holloway Road, come Tollington Road, Tollington Park, Tollington Way, Tollington Place. A Tollington, nacque lo Scrittore e Romanziere K. M. Warwick, Autore del romanzo storico "Not Just A Whore" ("Non esattamente una puttana") (2012), un romanzo relativo alla scandalosa e sconcia Londra del XVIII secolo, caratterizzata dal dilagante crimine, da baraccopoli dalla sanità infinitamente precaria, da intermediari del sesso senza scrupoli, da pratiche dubbie e da residenti tormentati. Inoltre, descrive l'ascesa di una delle donne londinesi più ricche, celebrate e filantropiche, Doll Noble, divenuta un grande proprietario terriero ed urbanizzatore della "Metropoli", che si trovava sul punto di trasformare aree povere in esclusive, a seguito di un profonda riqualificazione.

1.2 Storia di Stroud

Stroud Green corrisponde all'area che insiste a nord di Finsbury Park ed a sud di Hornsey Vale. Mentre la maggior parte dell'area (a nord ed est) ricade nel London Borough of Haringey, una piccola pozione (a sud ed ovest), rientra nel London Borough of Islington. Stroud Green Road, che corre in direzione nord-ovest/sud-est, costituisce il confine tra le due Municipalità suindicate. In passato, la medesima strada costituiva il confine tra le antiche Parish ecclesiastiche di Hornsey ed Islington. Si è ritenuto che un strada romana da Cripplegate a St. Albans attraversasse Islington lungo la linea di Prebend Street ed Highbury Grove per Stroud Green, forse seguendo un pregesso sentiero, tuttavia, non furono individuate prove determinanti. Comunque, la principale strada che attraversava l'area, Stroud Green Road, ha origini antiche e formava parte di una antica strada che portava fuori Londra. Data la natura pianeggiante del territorio ed il pesante terreno argilloso, le strade risentivano malamente delle intemperie, tanto che nel XIV secolo, in inverno, le strade della Parish di Hornsey divenivano impraticabili. In generale, sembra che la manutenzione sia strata precaria perché le Autorità di Hornsey condivisero la responsabilità della manutenzione di molte delle sue strade lontane con altre Autorità; specificamente, per quel che attiene Stroud Green Road, ciò fu con la vicina Parish di Islington, che, come sapete, condivideva il confine proprio qui. Pessime riparazioni sono ricordate nel 1593, e spesso, le manutenzioni furono trascurate nei secoli XVII e XVIII. In particolare, nel periodo 1679-1686, e nel 1792, la situazione divenne molto grave, tanto che dovettero attivarsi addirittura i residenti. Come fu il caso raccontato dal Lloyd's Evening Post di Londra del 12 marzo 1764, quando gli abitanti di Crouch End, Mount Pleasant e Stroud Green, effettuarono una contribuzione volontaria per riparare strade che a quel tempo, erano in condizioni disastrose ed un notevole numero di persone furono utiilizzate per quello scopo. Nel 1811, la situazione doveva essere migliorata, dato che venne notato che la strada era ben fatta con siepi di piante vive su entrambi i lati, anche se sembra che si trattasse di un caso raro. Nel corso del XIX secolo, le dispute continuarono tra le Parishes di Hornsey ed Islington in merito alla manutenzione di Stroud Green Road, cosa che accade anche oggi, dato che, come sapete, la competenza per il lato orientale di Stroud Green Road è dell'Amministrazione di Haringey e quella del lato occidentale di quella di Islington. Il primo edificio di rilievo di Stroud Green fu Stapeleton Hall, citato nel 1577 (Manoscritti di San Paolo) ed ampliata o ricostruita nel 1609. Mentre in passato, da più parti (Gentleman's Magazine - novembre 1784, John Nelson 1811, Victoria County History), si ritenne che l'originaria Stapleton Hall sia stata fatta edificare sul sito di una pregressa casa da Sir Thomas Stapleton, le cui iniziali apparivano su pietre di datazione e pannelli, in tempi vicini a noi, Hornsey Historical Society (Bollettino marzo 2010), basandosi su maggiori prove architettoniche ed archivistiche, ritiene che proprietaria originaria fu la Famiglia Draper, altri locali proprietari terrieri. Sarebbe stato Thomas Draper, di cui si sa ben poco, nel 1609, a far costruire Stapleton Hall, forse sul sito di una casa precedente. Egli era figlio di John Draper, un Birraio di Londra, negli anni '70 del XVI secolo, affittuario dei boschi e principale conduttore del Manor di Brownswood (l'area a sud di Finsbury Park attorno all'odierna Brownswood Road). Quando morì, nel 1576, i suoi diritti sulla tenuta di Brownswood vertevano su 73 acri tra Stroud Green Road e Brownswood, nonché 32 acri tra quest'ultimo e Green Lanes. Gli successero i suoi eredi, presumibilmente i suoi figli, nel 1577, la sua vedova nel 1594, e poi il citato suo figlio maggiore Thomas (morto nel 1612). Alla sua morte, i beni andarono ad un altro Thomas (morto nel 1631), Robert (morto nel 1642), Roger. Nel 1636, il diritto era esercitato congiuntamente dalla Signora Sarah Kemp, vedova del giovane Thomas, Robert e Roger, e nel 1656, dal solo Roger. Sembra che facesse parte dei terreni che quest'ultimo trasmise a figlio di suo fratello Thomas (morto nel 1703), in seguito Baronetto, il quale sembra averli venduti. Sir William Paul of Bray (Berkshire), morto nel 1686, possedeva 110 acri. La tenuta era allora tenuta dalla sua vedova, che verso il 1709, sposò Sir Formedon Penystone e passò secondo il testamento di Sir William alla sua Famiglia Paul. Rientrò, presumibilmente, tra le proprietà ereditate da William Paul prima del 1727 da parte della figlia Catherine, moglie di Sir William Stapleton (morto nel 1740), che sembra averle trasferite al loro figlio Sir Thomas Stapleton (morto nel 1781). Tuttavia, nel 1796, la porzione orientale di 81 acri era posseduta da un tal Signor Lucas, a cui successe, nel 1808, John Lucas, proprietario nel 1822. Nel 1823, appartenevano a William Lucas e furono infeudate nel 1856 a James Lucas. Tra il 1861 ed il 1876, appartennero a Joseph Lucas, per essere, infine, edificate dal 1880. Nel XVIII secolo, la Famiglia Stapleton furono i proprietari assenti di Stapleton Hall, vicino l'estremità nord-occidentale di Stapleton Hall Road. Nel 1765, ottenne la licenza come Stapleton Hall Tavern. William Lucas dovrebbe averla divisa in due ed al suo tempo, era circondata da edifici agricoli. Nella metà del XIX secolo, Stapleton Hall aveva una fattoria di 80 acri ed il suo proprietario era restiò a vendere i suoi terreni a fini edilizi; fu l'arrivo della ferrovia rese talmente profittevole questa prospettiva, ogni sua resistenza fu vinta. Tra il 1856 ed il 1884, fu occupata da Charles Turner (morto nel 1892), membro di una importante famiglie e successivamente di Womersley House. Nel 1888, era diventata sede di Stroud Green Conservative C e nel 1962, fu comprata dal medesimo, che la occupava nel 1978. Questa parte della Parish di Hornsey, e quindi, Stroud Green, si estendeva all'interno dell'attuale Hackneh, seguendo l'odierna Blackstock Road, sino all'incrocio con Mountgrove Road, ben al di là di Seven Sisters Road, costruita verso il 1832, che rappresenta oggi il confine orientale di Stroud Green. In tale bordo sud-occidentale di Stroud Green, si trovava Eel Pie House, esistente già prima del 1804, e raffigurata in un bel quadro di circa il 1844 di Autore ignoto, dal 1847 Highbury Sluice House Tavern, con giardini lungo il Fiume New River (approssimativamente dove insiste l'odierna Arsenal Tavern, al numero 175 di Blackstock Road, quando il New River scorreva in superficie in questo punto, oggi è interrato) ed il limite della Taverna immediatamente a sud. Sino alla metà del XIX secolo, nellla Parish di Hornsey tra Crouch End ed Archway Road non vi erano case ad ovest, e solo l'enorme Harringay House tra Crouch End e Green Lanes. A sud, Stapleton Hall insisteva solitaria a Stroud Green, vicino a terreni comuni da poco recintati, ed Hornsey Wood House (in quello che oggi è Finsbury Park). Inizialmente, la crescita edilizia fu lenta, visto che la realizzazione di nuove costruzioni, sino agli anni '60 del XIX secolo, trovò ostacolo nella carenza di fognature. La situazione suindicata rimase sino al 1861, quando le costruende strade di Islington si stavano rapidamente avvicinando verso Stroud Green Road, lungo il lato orientale dove oggi si trovano numerose case di grande dimensione. Una mappa del 1862 di Edward Stanford mostra l'incrocio tra Tollington Park Road e Stroud Green Road. In tale anno, un provvedimento legislativo consentì alla Edgware Highgate & London Railway Co. (dal 1866, parte della Great Northern Railway) di aprire una linea per Finsbury Park attraverso Stroud Green ad Edgware, via Highgate, con successivi rami laterali ad Alexandra Palace ed High Barnet. Ciò fu uno stimolo alla crescita edilizia. Così, verso il 1870, iniziò la costruzione di case, che si estesero da Stroud Green Road (in origine Tollington Lane) in direzione nord-est nella Parish di Hornsey, con le case a schiera che aumentarono parallelamente allo sviluppo dell'area. Gli edifici a tre piani divennero la regola. La crescita fu così rapida che i dati del censimento del 1871 per Stroud Green furono ormai considerati inaffidabili già soltanto quattro anni dopo, nel 1875. E fu proprio a seguito di questa straordinaria espansione edlizia che Stroud Green iniziò a diventare parte del'area urbana comunque non ben definita chiamata Finsbury Park, in cui rientravano Brownswood Park e porzioni di Islington. La stazione di Stroud venne aperta nel 1881, sulla linea tra Edgware, Highgate e Londra, in Stapleton Hall Road, con negozi ed uffici di recapito del carbone attorno ad essa. Entro il 1877, Stroud Green era ormai una nuova area in rapida crescita, con un forte senso di comunità, tanto da avere il suo giornale. Vi risiedevano soprattutto pendolari, che usavano gli abbonamenti di seconda classe e terza classe. Nel 1894, a Stapleton Hall Road a Stroud Green vi era anche una stazione dei vigili del fuoco e vi si continuò a costruire sino al 1893, finché, nel 1896, ormai, l'area era satura, tanto che nel 1897, fu necessario abbattere delle case relativamente nuove per fare spazio alla Scuola di Stroud Green. Tuttavia, tra il 1901 ed il 1911, la popolazione di Stroud Green declinò costantemente. D'altro canto, però, la riduzione del numero dei componenti di ciascuna famiglia consentì l'occupazione multipla di case e la fornitura di appartamenti, che erano di livello più basso già dal 1900. L'arrivo di operai da Islington e l'aumento di leggi di scarsa qualità (per l'edilizia), portarono verso il 1925, a forti divisioni delle case a Stroud Green, a quel tempo, in decadenza. Durante la Seconda Guerra Mondiale, l'intera Hornsey fu pesantemente bombardata, tanto che oltre l'80% delle case patì danni. L'Amministrazione di Hornsey effettuò proprio a Stroud Green il primo maggiore intervento di ricostruzione, dove la maggior parte degli spazi tra Victoria Road, Stroud Green Road e Lorne Road ed Upper Tollington Park furono ripuliti. La stazione di Stroud Green fu chiusa nel 1954 ed il tratto tra le stazioni di Finsbury Park ed Highgate costituisce oggi un pubblico diritto di passaggio pedonale chiamato Parkland Walk. Stapleton Hall venne convertita in appartamenti e dotata di nuove ali nel 1989. Nonostante i danni della Seconda Guerra Mondiale, l'architettura di Stroud Green fu preservata, tanto che lo Storico local Ken Gay ha definito Stroud Green come "un interessante, non molto conosciuto, paesaggio urbano vittoriano". Ciò spiega perché le Autorità di Haringey, basandosi su di un atto del 1990, nel 2003 designarono Stroud Green come Area Protetta (Conservation Area), venendo considerata un'area dal "carattere speciale o di storico interesse, il cui carattere ed apparenza è auspicabile che venga conservato o migliorato". Ciò perché lo sviluppo residenziale di Stroud Green alla fine del XIX secolo costituisce l'esempio più diversificato di architettura domestica vittoriana concentrata rispetto a qualunque altra area di Londra. Il triangolo tra Stroud Green Road ed i confini di Haringey ed Islington a sud ed ovest, Mount View Road a nord-ovest, e la linea ferroviaria ad est, comprende una varietà significativa di tipologie di case del XIX secolo, che varia da cottages elegantemente realizzati da Artigiani, alle case a schiera in chiave di rivitazione Gotica o in stile Italiano, alle case semi indipendenti in stile Regina Anna. Tuttavia, nulla rimane a testimoniare fisicamente il passato più antico di Stroud Green. Oggi, Stroud Green Road è la principale strada dell'area essendo una frequentata strada commerciale, con ristoranti e bar molto popolari. Stroud Green Road viene presentata (esagerando) come la futura versione multicultura di Upper Street (la grande, viva e frequentata strada di Islington che va dalla stazione di Angel a quella di Highbury & Islington). Molte case sono state divise e Stroud Green è divenuto un posto preferito da giovani laureati, che godendo di retribuzioni relativamente alte, condividono l'appartamento. I residenti sono in prevalenza Bianchi, ma sono presenti rilevanti minoranze di Caraibici di colore ed Africani, ma anche persone provenienti dalla Turchia, Francia, Nigeria, Benin, Togo, Sierra Leone, Ghana meridionale. Più della metà dei residenti tra 16 e 74 anni nel distretto di Stroud Green di Haringey ha la laurea o livello superiore ed il 60% degli adulti non è sposato. Inoltre, quasi la metà dei residenti, nel censimento del 2011 dichiarava di non professare alcuna religione. Uno Storico ed Antiquario locale, il Dottor S. J. Madge (morto nel 1961), dal 1896 insegnò per molti anni nelle Scuole di  Stroud Green e South Harringay.

1.3 Storia di Holloway

Verso il 1170, due strade che collegavano Islington a Londra erano note come "streets" e nel XVI secolo, la parte settentrionale di Essex Road era chiamata Seveney Street, forse per indicarne l'origine Romana. La prosecuzione di Essex Road a Newington Green la collegava a Green Lanes, anch'essa ritenuta antica. Le continuazioni delle strade del XII secolo da Londra, St. John Street da West Smithfield e Goswell Street da Aldersgate, si univano poco prima di entrare ad Islington, vicino ad Angel. E' pertanto probabile che la Great North Road, di cui Aldersgate rappresentava l'inizio, già esistesse a quel tempo, correndo Upper Street in Holloway Road. Prima del XIV secolo, si pensa che lasciasse la Parish in direzione settentrionale lungo Tallington o Tollington Lane (detta anche Devil's Lane e poi Hornsey Road) verso Crouch End, ma dal XIV secolo, la strada pur avendo raggiunto l'importanza di Ermine Street, era così impraticabile, che il Vescovo di Londra fece costruire una nuova strada su Highgate Hill, reclamando il pedaggio dal 1318. Dal 1307, il tratto della citata Great North Road che attraversava la parte settentrionale di Islington divenne noto come "Le Holeweye in Iseldon" (la strada in un incavo ad Islington), iniziando a denominare l'insieme sparpagliato di abitazioni lungo la sua lunghezza, facendo cadere nell'oblio l'antica identità del Manor di Tollington. Entro la metà del XIV secolo, Holloway era divenuta la residenza di conduttori ed Artigiani e possedeva tre birrerie autorizzate. Una casa colonica medioevale con fossato si trovava circa a metà percorso lungo la strada nei pressi dell'incrocio con la futura Tufnell Park Road e gli affittuari di St. John's e St. Mary's di Clerkenwell, scelsero Holloway come loro residenza. Attorno all'incrocio tra Holloway Road ed Hornsey Road, vicinissimo alla stazione di Holloway Road, dal 1494, crebbe il borgo di Ring Cross. Dal XVII secolo, ma probabilmente, anche prima, tre distinti borghi costituivano l'insediamento, concentrato ai tre incroci della strada principale con le strade locali. Upper Holloway (all'estremità superiore dell'originale Maiden Lane, chiamata anche Hagbush Lane, vicino alla futura Junction Road ed Archway Tavern), Lower Holloway (presso Roffe's Lane), Ring Cross (a Tollington Lane). Nel XVII secolo, Holloway Road era nota per i suoi briganti, anche se divenne più sicura non appena le case iniziarono a collegare Ring Cross con Lower Holloway, all'estremità settentrionale di Holloway Road. Le aziende lattiero-casearie occupavano la maggior parte dei limitrofi terreni. Nel XVIII secolo, Holloway si segnalava per le torte di formaggio prodotte nelle fattorie e vendute presso le locali taverne. Nel 1814, venne costruita St. Mary Magdelene, a quel tempo semplice Cappella di servizio (divenne la Parish Church di Holloway Road nel 1894). Dal 1820, il nome Ring Cross fu abbandonato e l'area divenne Lower Holloway, mentre Upper Holloway fu utilizzato per l'intera superficie giù a Camden Road. Infatti, lo sviluppo successivo richiede di distinguere tra Lower Holloway, l'area delimitata da Camden Road, il confine della Parish ad ovest, e la Northern Line Railway, compresi gli edifici sul lato nord-orientale di Holloway Road a Ring Cross, ed Upper Holloway, la parte terminale settentrionale della Parish da Camden Road ad ovest e la Great Northern Railway ad est. Nel 1852, ad Holloway, su di un pregresso sito di sepolture di vittime del colera, venne costruita una prigione in Parkhurst Road, in origine, sia maschile (ospitò anche Oscar Wilde), che femminile, che divenne, verso il 1902-1093, solo per il gentil sesso, affermandosi come una delle principali prigioni del Regno Unito. Sino agli '20 del XIX secolo, Holloway rimase prevalemente rurale, ma l'espansione di Londra, nella seconda parte del XIX secolo, determinò una sua intensa urbanizzazione, che beneficiò anche della pregressa costruzione di Archway Road. L'Imperial Gazetteer of England and Wales del 1870-1872 di John Marius Wilson descrive Holloway come segue: "a metropolitan suburb and nine chapelries, in Islington parish, Middlesex. The suburb lies along the Great North road, in the hollow S of Highgate, on the Tottenham and Hampstead railway, adjacent to the Great Northern railway, 3¾ miles NNW of St. Paul's; has stations on the railways, and post offices ‡ under London N; comprises two parts, Lower H. on the S, Upper H. on the N, jointly about 11/2 mile long; and consists largely of ranges of handsome houses, many of them villas or detached buildings, with gardens in front. The city prison is here; was built, in 1851, under the direction of Mr. Bunning, the city architect; has six wings, radiating from a central tower; is surrounded by a wall 18 feet high, enclosing about 10 acres; and possesses capacity for 436 prisoners. Waterworks, gas works, a dispensary, the smallpox hospital, and the Whittington alms houses also are here. A public house, called the Mother Redcap, noticed in "Drunkard Barnaby's Itinerary, " is at Upper H.-The six chapelries are St. John, Upper H., constituted in 1830; St. James, Lower H., in 1839; St. Mark, Tollington Park, in 1854; St. Luke, Camden road, in 1861; St. Mary, Hornsey Rise, in 1862; St. Barnabas, in 1866; St. George and St. Anne, in 1867; and the chapel of ease, in 1811. Pop. of St. John, 6, 286; of St. James, 4, 313; of St. Mark, 1,873; of St. Luke, 3, 500; of St. Mary, 2, 000; of St. Barnabas, 8, 000; of St. George, 1, 400. Six of the livings are vicarages, and the others p. curacies, in the diocese of London. Value of St. John, £600; of St. James, £800; of St. Mark and St. George, each £400; of St. Luke, £500; of St. Mary, £375; of St. Barnabas, £350; of the chapel of ease, £550. Patrons of St. John, St. Luke, St. Mary, St. Barnabas, and St. George, TrusIslington; of St. Mark, the Vicar of St. John. St. John's church was built after designs by Barry; St. James's, in 1850; St. Mark's, in 1854; St. Luke's, in 1861, at a cost of £8, 000; St. Barnabas, in 1866, at a cost of 6, 000; St. George's, in 1867, at a cost of £5, 500; the chapel of ease, in 1811, at a cost of £30, 000. Another church was built in 1868-9; and two more were founded in 1869. An Independent chapel was built in 1867, at a cost of £6, 000; a Wesleyan chapel, in 1866; a NewMethodist chapel, in 1867; and there are several other dissenting chapels. A Roman Catholic chapel was founded in Aug. 1869, to cost £7, 000. The Islington new workhouse was built at Upper H. in 1869, at a cost of £63, 300. Part of the Alexandra Orphanage, at Hornsey-Rise, was completed in 1869; and the entire hospital was designed to be a quadrangle of cottages for 400 infant orphans.". La stazione di Holloway Road venne aperta nel 1906, dove insteva in precedenza il borgo di Ring Cross. Al principio del XX secolo, al pari della maggior parte delle altre zone della Londra interna, Holloway si espanse rapidamente, divenendo un importante centro commerciale, anche grazie al rilievo dell'incrocio presso The Nag's Head, che divenne un importante fulcro dei servizi di filobus, sino alla loro eliminazione negli anni '50. In precedenza, nell'ultima parte del XIX secolo, un importante ruolo per lo sviluppo commerciale e residenziale era stato svolto dalla stazione della London and North Eastern Railway, ubicata sul medesimo sito dell'attuale stazione di Holloway della metropoliana. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, Holloway fu colpita da 36 bombe tedesche altamente esplosive, neanche tante, se si pensa la vicinanza alla stazione di King's Cross. Nel 1954, Holloway Road fu la prima sede della Campagna per il disarmo nucleare all'atto della sua fondazione, nonché, due anni dopo, del National Youth Theatre, ospitato nell'ex People's Picture Palace. I supermercati cambiarono il volto di Holloway Road nei decenni successivi. Nel 2004, la London Metropolitan University (già Northenr Polythecnic Institute dell'ex University of North London) aprì il suo Campus settentrionale, con una scuola di specializzazione, coll'edificio Orion Building, il primo edificio a Londra dell'Architetto Daniel Libeskind (visibile nel tratto centrale di Holloway Road), integrando il blocco bianco curvo del 2000 di Rick Mather ed una torre di cemento risalente ai primi tempi quando era un Politecnico. Dal XX secolo, le Autorità locali demolirono case per realizzare condomini di appartamenti, ma si arrestarono negli anni '70. Questa è la ragione per la quale quasi la metà delle case di Holloway sono date in fitto dall'Amministrazione locale, una delle più alte percentuali di Londra. Oggi, Holloway Road è una delle strade commerciali della zona settentrionale di Londra, con negozi importanti e diversi negozi di piccole dimensioni. Dal punto di vista demografico, ad Holloway, le donne superano di poco gli uomini (siamo in linea con la demografia mondial). Si tratta di un'area molto multiculturale ed una delle più densamente popolate di Londra. E' la zona scelta da molti Artisti e da persone che lavorano nel settore della comunicazione. E' anche "alla moda" per molti "graffitari".

Islington- Visita guidata

La stazione di Holloway Road

La stazione di Holloway Road

Il ponte della metropolitana

Il ponte della metropolitana

Mamma Mia - Hornsey Road

Mamma Mia - Hornsey Road

I due cannoni davanti all'Emirates Stadium

I due cannoni davanti all'Emirates Stadium

Emirates Stadium

Emirates Stadium

Uno degli edifici della London Metropolitan Universtity

Uno degli edifici della London Metropolitan Universtity

Holloway Road

Holloway Road

Holloway Road

Holloway Road

Holloway Road

Holloway Road

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it