www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Upper Holloway

Sintesi

Upper Holloway è una stazione che serve l'area tagliata in direzione nord-ovest/sud-est dalla lunga Holloway Road (3 chilometri), lungo cui si trovano anche altre tre stazioni, Archway, Holloway Road, Highbury & Islington (dove la strada diventa Higbury Corner). L'area si chiama "Holloway" solo dall'inizio del XIV secolo, dato che la sezione principale di Holloway Road attraversa il sito degli scomparsi Villaggi di Tollington e Stroud, di cui, però, resta traccia nella Toponomastica. Dal XVII secolo, ma probabilmente anche prima, dal XVI secolo, tre distinti borghi formavano il distretto: Upper Holloway, Lower Holloway e Ring Cross, il terzo assorbito successivamente dal secondo. Fu in un seminterrato di Upper Holloway che, nel 1861, iniziò l'avventura di Willam Beale, che nel 1889, l'avrebbe portato all'inaugurazione di "Beale's of Holloway", uno splendido edificio Vittoriano per il dettaglio, in grado di competere con simili attività di rilievo nel West End e nella City of London.

Distanza dal centro: 4,4 miglia.

Attrattiva: scarsa. L'area si caratterizza per il tipico contesto suburbano Londinese, con un'Architettura variegata, con casette tipiche ad uno o due piani con negozi a livello stradale, casette residenziali nelle strade laterali, edifici moderni e non vecchissimi.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, conformemente al suo nome, vi trovate nella parte settentrionale di Holloway, lungo il tratto superiore di Holloway Road, nel punto in cui il ponte stradale sovrasta la ferrovia. Il contesto, sia che andiate verso nord, che verso sud, è quello che abbiamo indicato sopra. Immediatamente a lato della stazione, verso sud, trovate lo spazio verde Whittington Park, dove trovate il Monumento ai Caduti ed una Statua di un Gatto, di cui una tabella riporta la seguente spiegazione: "Whittington Park - Scultura Floreale del Gatto. Tale scultura ispirata da Dick Whittington ed il suo Gatto è colegata all'Area di Archway di Islington. Tale scultura è fatta con un reticolo di metallo ed è alta 1,8 metri. E' ricoperta da sedo - una specie sempreverde che fiorisce tutto l'anno. La coda e le zampe del gatto sono fatti con tubi riciclati di bicicletta dai bambini del Parco giochi d'Avventura Cornwallis".

Toponimo

Nella Sintesi introduttiva avete già letto che la sezione principale di Holloway Road attraversa il sito degli scomparsi Villaggi di Tollington e Stroud, di cui non si conosce la data di fondazione, anche se i primi documenti risalgono al 1000. Dal principio del XIV secolo si iniziò ad usare il nome "Holloway" ed i nomi dei due Villaggio finirono nel dimenticatoio alla fine del XVII secolo, rimanendo, tuttavia, nella Toponomastica, a nord della stazione di Holloway Road, come Tollington Road, Tollington Park, Tollington Way, Tollington Place, Stroud Green Road. Al fine di evitare di ripertere cose già scritte, rinviamo alla pagina dedicata a Holloway Road.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da  Corymbaeus (pseudonimo di Richardo Braithwaite) in "Barnabae itinerarium tituloque Anglico Barnabee's Journal" (1638); da John Roque in "Environs of London Map" (1741-1745), Foglio 5; Richard Dent nella "Mappa della "Parish di St. Mary, Islington" (1805); sono fornite da John Nelson in "The History, Topography, and Antiquities of the Parish of St. Mary Islington, in the County of Middlesex ..." (1811); si leggono in "Islington, St Mary; Plan of Islington Parish Reduced from the Survey Made by order of the Vestry in the years 1805 and 1806 by R Dent and corrected up to the present time by C H Hills" (1822); in  "A Topographical Dictionary of England" (1848), pagine 530-533 (voce "Holloway); sono fornite da William Howitt in "The northern heights of London; or, Historical associations of Hampstead, Highgate, Muswell Hill, Hornsey, and Islington" (1869); da Walter Thornbury in "Old and New London: Volume 2" (1878), alla voce "Islington" (pagine 251-268) e "Highbury, Upper Holloway and King's Cross" (pagine 273-279); da Edward Walford in "Old and New London: Volume 4" (1878), alla voce "Piccadilly: Northern tributaries" (pagine 291-314), ed in "Old and New London: Volume 5" (1878), alle voci "Underground London: Its railways, subways and sewers" (pagine 224-242), "The northern suburbs: Holloway" (pagine 373-388), "Highgate: Part 1 of 2" (pagine 389-405); da William J. Pinks in "The History of Clerkenwell" (1881), pagina 17; si leggono in "City of London Livery Companies Commission. Report; Volume 4" (1884), alla voce "City of London Livery Companies Commission, 'Report on the Charities of the Mercers' Company: Part III" (pagine 44-52); in "Abstracts of Inquisitiones Post Mortem For the City of London: Part 3" (908), alla voce "Inquisitions: 1589" (pagine 129-143); in "County of Middlesex. Calendar To the Sessions Records: New Series, Volume 3, 1615-16" (1937), alla voce "Sessions, 1615: 29 November and 1 December" (pagine 73-109); in "A History of the County of Middlesex: Volume 1, Physique, Archaeology, Domesday, Ecclesiastical Organization, the Jews, Religious Houses, Education of Working Classes To 1870, Private Education From Sixteenth Century" (1969), alla voce "Private Education from the Sixteenth Century: The reign of Victoria" (pagine 255-285); sono fornite da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - M. A. Hicks - R. B. Pugh in "A History of the County of Middlesex: Volume 6, Friern Barnet, Finchley, Hornsey With Highgate" (1980), alle voci "Finchley: Economic history" (pagine 64-73), "Hornsey, including Highgate: Communications" (pagine 103-107), "Hornsey, including Highgate: Roman catholicism" (pagine 182-183); si leggono in "A History of the County of Middlesex: Volume 8: Islington and Stoke Newington parishes" (1985), alla voce "Islington: Churches" (pagine 88-99); sono fornite da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - Patricia E. C. Croot in "A History of the County of Middlesex: Volume 8, Islington and Stoke Newington Parishes" (1985), alle voci "Islington: Introduction" (pagine 1-3), "Islington: Communications" (pagine 3-8), "Islington: Growth" (pagine 9-19), "Islington: Growth, Barnsbury and King's Cross" (pagine 24-29), "Islington: Growth, Holloway and Tollington" (pagine 29-37), "Islington: Growth, Highbury" (pagine 37-41), "Islington: Social and cultural activities" (pagine 45-51), "Islington: Manors" (pagine 51-57), "Islington: Other estates" (pagine 57-69), "Islington: Economic history" (pagine 69-76), "Islington: Local government" (pagine 76-82), "Islington: Public services" (pagine 82-88), "Islington: Churches" (pagine 88-99), "Islington: Roman Catholicism" (pagine 99-101), "Islington: Protestant nonconformity" (pagine 101-115), "Islington: Education" (pagine 117-135), "Islington: Charities for the poor" (pagine 135-138); da Eric A. Willats in "Streets with a story The book of Islington" (1986, 2017); da Derek Keene - Peter Earle - Craig Spence - Janet Barnes in "Four Shillings in the Pound Aid 1693/4: the City of London, the City of Westminster, Middlesex" (1992), alla voce "Middlesex, Islington (St Mary), Upper Holloway Liberty"; si leggono in "The retail palace of Holloway The tale of Beale's emporium, from humble beginnings to Victorian splendour" (Journal of the Islington Archaeology & History Society Vol 1 No 1 Spring 2011); in "Saint John The Evangelist, Upper Holloway: Pemberton Gardens, Islington" (Parish of St John the Evangelist, Upper Holloway, Church of England), che traduciamo e sintetizziamo liberamente.

1. Eventi storici di rilievo

Per quanto attiene, in generale, ad Holloway, e per quanto detto sopra, in merito a Tollington ed a Stroud, rinviamo alla pagina dedicata a Holloway Road. In questa sede riportiamo degli specifici approfondimenti relativi all'area che circonda Upper Holloway.

1.1 XVI-XVII secoli

Edward Walford riporta alcune voci indicate dai documenti della Parish di St. Mary ad Islington, tra cui le seguenti si riferivano a persone di Upper Holloway:

Nella inquisition post-mortem relativa a Roger Beckwith, tenutasi presso "The Guildhall", l'ultimo giorno di febbraio del Trentunesimo Anno del Regno di Elisabetta I (1589), si legge che all'indomani del Giorno della Purificazione della Beata Maria, nel Ventiduesimo Anno del Regno di Elisabetta I (1580) per l'adempimento di alcuni accordi fu inflitta una multa a Westminster e tra i beni indicati ricorrono "400 acri di bosco e 200 acri di ginestrone e brughiera nelle Parishes di St. Holborn, Holburne, Hornesey, Hollowaye, Upper Holloway, Lower Highgate alias Hygate, Yseldon alias Islington, and Hampsted in co. Middlesex". Verso la fine del XVI secolo, ai piedi della Collina di Highgate (Highgate Hill), sorgeva la residenza di un Gentiluomo, probabilmente un'antica fattoria, occupata all'inizio del XVII secolo, da Christopher Wase e successivamente dalle Famiglie Master e Blount. Una piccola casa accanto ad essa, fu venduta dalla Famiglia Blount a metà del XVII secolo. Nei giorni 29 novembre-1 dicembre 1615, Tredicesimo Anno del Regno di Giacomo I, presso il Giudice di Pace, si discute in merito a Francis Grevill e Hugh Jones di Clerkenwell, Vivandieri, per Robert Clemens alias Redhead di Upper Holloway, sposato, in relazione ad un mandato per mancanza di garanzie per un buon comportamento, ma senza altra causa espressa. Sul lato settentrionale della strada ad Upper Holloway, vi erano delle case che sembravano essere appartentute a persone eminenti. William Howitt (op. cit.) scriveva che "al tempo di Nelson, vi erano alcune vecchie case che sembravano essere appartenute a persone eminenti, sul lato nord della strada ad Upper Holloway. In (relazione ad) una di queste, che divenne il pub 'The Crown', e che è scomparso da tempo, c'era una Tradizione secondo cui Cromwell (vi) avrebbe ridieduto. Nelson dubita che Cromwell abbia mai avuto una casa lì, ma pensa che potrebbe aver visitato il suo amico, Sir Arthur Haselrigge (ndr Colonnello del Regimento dei Corazzieri chiamato 'Lobster'), che, senza dubbio, aveva una residenza ad Islington, come risulta dal seguente articolo sui giornali della Camera dei Comuni, del 21 maggio, 1664-1665: - "Sir Arthur Haselrigge, per ordine della Camera, riferì la circostanza di un assalto che aveva subito dal Conte di Stamford, ed Henry Polton e Mathew Patsall, suoi Domestici, nella strada principale che porta da Perpoole Lane a Clerkenwell, mentre stava pacificamente cavalcando dalla Camera dei Comuni alla sua casa di Islington, mostrandogli una spada sguainata ed altri strumenti offensivi, e gli è stato ingiunto di mantenere la pace, e di non inviare o ricevere una sfida.". Upper Holloway fu la residenza dell'antica ed onorevole Famiglia Blount citata in precedenza, durante una parte considerevole del XVII secolo. Sir Henry Blount, che nel 1634 andò nel Levante, scrisse un curioso libro di viaggi e contribuì ad introdurre il caffè in Inghilterra. Si dice che abbia sorvegliato e protetto i figli di Carlo I durante la Battaglia di Edgehill (o Edge Hill) e Kineton nel sud della Contea di Warwickshire, la domenica del 23 ottobre 1642. Entrambi i suoi due figli sono divennero Autori. Thomas scrisse "Osservazioni sulla Poesia", mentre Charles fu un "Deista" (Credente nel Dio delle leggi naturali), scrisse "La vita di Apollonio di Tyana" (che fu un Filosofo Greco Neo-Pitagoriano della città di Tyana, nella Provincia Romana della Cappadocia, in Anatolia, oggi Turchia), e si sparò nel 1693, per la disperazione di non aver ottenuto l'autorizzazione ecclesiastica di sposare la sorella della sua defunta moglie (nel 1878, Walter Thornbury riportava che, sino a qualche anno prima, la vecchia Manor House della Famiglia Blount era ancora in piedi). Verso gli anni '30 del XVII secolo, la Taverna" The Mother Red Cap", apparentemente un covo di prostitute, si trovava quasi di fronte al lato occidentale della strada principale. Un poco più a sud di questa, negli anni '80 del medesimo secolo, si trovava un'altra Taverna, successivamente nota come "The Horse and Groom". Nel 1676, Michael Davison, con testamento, lasciò una casa in proprietà e terre in Upper Holloway alla Parish di St. Benet Sherehog per la manutenzione della sua tomba (nel 1862, la tenuta di St. Benet corripondeva ad Euston Place, Holloway Road, e la casa era chiamata "Union Cottage", Hercules Terrace). Sin dal XVII secolo (ma probabilmente da prima), l'insediamento vedeva la presenza di tre borghi distinti ed era concentrato in corrispondenza degli incroci della strada principale con le strade locali: il borgo di Upper Holloway (dove, negli anni '40, delle case si ergevano su entrambi i lati della strada principale, all'incrocio con l'originale Maiden Lane, chiamata anche Hagbush Lane, vicino alla futura Junction Road ed Archway Tavern), era diviso dai campi dall'insediamento prossimo Lower Holloway, a sud lungo la strada principale, all'incrocio con Roffe's o Cock Lane (in seguito Tollington Way), e, con qualche altra casa in corrispondenza delle pietra delle tre miglia, all'incirca all'incrocio successivo di Camden Road. Al citato incrocio con Roffe's o Cock Lane almeno una Locanda, "The Crown", sorgeva all'inizio del XVII secolo. Di fronte all'ingresso della strada, all'inizio del XVIII secolo, sorgeva "The Half Moon", nota per le sue torte di formaggio Holloway (cheesecakes). Un poco più a sud, si trovava il sito circondato da un fossato della Brewhouse Estate. Agli inizi del XVIII secolo, vi fu costruita una casa, conosciuta poi come "Manor Farm" e parte del demanio di Barnsbury. Il terzo borgo era Ring Cross, era sorto a Tollington Lane, sopra e sotto Heame Lane, tra cui la fattoria in affitto circondata da fossato chiamata "Lower Place" o "The Devil's House", che si trovava lì nel XVI secolo ed era una Locanda nel 1721. Nel 1745, una incisione di Jean Baptiste Claude Chatelain (1710-1758, un Incisore Inglese di origini Francesi) mostra Highgate visto da Upper Holloway

1.2 XIX secolo

Sino al 1820, si verificarono pochi cambiamenti nel modello di insediamento suindicato. Nei borghi, costituiti principalmente da fattorie, locande e botteghe artigiane, si costruirono nuove case e le vecchie vennero migliorate. Sul lato nord-orientale della strada principale ad Upper Holloway si pensava che, nel 1811, alcune antiche case fossero state occupate da Nobili. Una era, probabilmente, la Casa della Famiglia Blount del XVII secolo, che sembra essere stata situata a sud del successivo "St. John's Way" e, probabilmente, nel 1806, era la casa di proprietà del signor Dickenson. Nel 1848, un'altra casa apparteneva a Robert William Sievier, Scultore ed inventore di processi produttivi (morto nel 1865), all'angolo meridionale di Red Cap Lane (poi Elthorne Road). Verso il 1830, unitamente al Sign. Cornish, in questo sito, fondò "Messrs. Cornish & Sievier", fabbrica di gomma indiana per la produzione di nastri elastici per cinture, bretelle ed articoli simili. Nel 1837, la ditta fu incorporata come "London Caoutchouc Co". La fabbrica impiegava c. 100 persone e utilizzava macchinari a vapore. Robert William Sievier condusse anche esperimenti di telegrafia elettrica. La Casa fu chiamata Old Manor House nel 1851, probabilmente perché una parte era antica, ma era stata raddoppiata, con un nuovo fronte che includeva un bassorilievo di Sievier; fu demolita nel 1897. Nel 1820, Hornsey Road era ancora detta essere il ritrovo dei Briganti. A quella data, tuttavia, nuovi edifici cominciarono a riempire le facciate lungo Holloway Road a sud di Lower Holloway, con piccole case a schiera e case in stile cottage costruite principalmente per i londinesi come "ville per pensionati". All'interno dei confini di Upper Holloway, si trovava il Collegio o Ospizio di Sir Richard Whittington, originariamente fondato nella Parish di St. Michael Paternoster a Londra dal celebrato Sindaco, il quale, nel 1421, aveva il residuo della sua Tenuta per la fondazione e la dotazione di Ospizi per tredici poveri sotto il controllo della "Mercers' Company". Il sovracitato William Howitt (op. cit.) racconta così la storia della fondazione di questi Ospizi: "La 'Mercers' Company, avendo 6.600 sterline dalle Tenute di Sir Richard Whittington, nel 1822, iniziò a fondare una serie di ospizi per ventiquattro donne non sposate che non avessero proprietà individuali per un importo di 30 sterline annue. Esse ricevevano uno stipendio annuo di 30 sterline ciascuna, oltre ad altri regali, con assistenza medica e infermieri in caso di malattia. All'inizio, fu proposto l'insediamento sulla strada principale su Highgate Hill, vicino alla Pietra di Whittington; ma non potendosi procurare il terreno, si costruì su Archway Road (ndr aperta nel 1813), ma ancora vicino alla pietra che ricorda il nome del Fondatore. Questa è una ubicazione molto migliore, tuttavia, a causa della sua maggiore apertura ed isolamento. Gli edifici sono gotici, di un piano, che formano tre lati di un quadrilatero, con l'area aperta alla strada. Nel centro dell'edificio principale c'è una Cappella o un Oratorio per la lettura delle preghiere quotidiane. L'istituto ha il suo tutore, o maestro, le sue governanti, le infermiere, il giardiniere, il guardiano della porta, ecc. È un oggetto straordinariamente piacevole visto dalla strada, con la sua area impreziosita da un prato alberato ed inclinato.". L'edificio, progettato in Antico Stile Gotico da George Smith (morto nel 1869), Ispettore della suindicata Compagnia, conteneva case gemellate per 30 donne che erano parenti dei membri della Compagnia. Dei giardini furono disposti intorno all'edificio, che, nel 1830, venne ricoperto da cemento Portland, mentre nel 187, fu aggiunta una camera da letto a ciascuna casa. Dal 1820, il nome Ring Cross fu abbandonato e l'area divenne Lower Holloway, mentre Upper Holloway fu utilizzato per l'intera superficie giù a Camden Road. Per tale ragione, l'espansione impose di operare la distinzione tra Lower Holloway, l'area delimitata da Camden Road, il confine della Parish ad ovest, e la Northern Line Railway, compresi gli edifici sul lato nord-orientale di Holloway Road a Ring Cross, ed Upper Holloway, la parte terminale settentrionale della Parish da Camden Road ad ovest e la Great Northern Railway ad est. Nel 1831, il Signor Softley, della Manor House Academy di  Upper Holloway, pubblicizzava che aveva speso 2.000 sterline per migliorare "questa deliziosa localizzazione". Upper Holloway costituiva uno dei tanti borghi nell'ambito dell'antica Parish di  St. Mary Islington, Poiché la popolazione della Parish era in crescita, in virtù della Legge del 1818 sulla Costruzione delle Chiese, un poco più a sud della Taverna "The Horse and Groom", si decise di costruire la Chiesa di St. John Upper Holloway, in modo da andare incontro alle esigenze spirituali dei residenti. L'edificio religioso venne progettato da Sir Charles Barry secondo lo "Stile perpendicolare", con il piano terra, una galleria ed una cripta. Le indicazioni di Daniel Wilson per gli interni seguivano la consuetudine di Islington e consistettero in un pulpito centrale a tre livelli, un tavolo della Comunione nel Santuario ed un leggero accenno di Coro (o Presbiterio). Il sito su cui venne realizzato l'edificio faceva parte della "Palmer Estate" lasciata dal Reverendo James Palmer, Vicario di St Bride (Fleet Street) e donato per la costruzione di una Chiesa dalla "Corporazione degli Orfani dei Sacerdoti". La Chiesa venne costruita nel 1826, consacrata il 2 luglio 1828 ed inaugurata da Daniel Wilson, allora Vicario di Islington e successivamente, Vescovo di Calcutta. I bambini di un orfanotrofio locale sedevano in una stanza della galleria chiamata "La stanza degli orfani", dove potevano assistere alla cerimonia senza essere veduti. Nel 1830, venne istituita una nuova Parish Ecclesiastica, iniziando la suddivisione della Parish di Islington, in modo da servire una vasta area, sino allla successiva costituzione di ben 14 Chiese-figlie (nel 1978, la Chiesa venne unita a quella di Saint Peter Dartmouth Park Hill, originando la "Parish of Saint Peter with Saint John, Upper Holloway"). Le sepolture avvennero nella cripta sino al 1855. Negli anni '40 del XIX secolo, ad Upper Holloway, vi fu un notevole aumento degli edifici. Nel 1842, la già citata Istituzione degli Orfani dei Sacerdoti concesse contratti di affitto edilizi per i terreni che circondavano "The Horse and Groom" e St. John's Park fu parzialmente allestito. Poiché la parte occidentale di Upper Holloway era ancora libera da costruzioni, nel 1832, la Corporazione di Londra acquistò 10 acri o più per un Cimitero durante l'epidemia di colera, e nel 1848, tenne circa 27 acri sul lato settentrionale di Camden Road. Tra il 1849 ed il 1852, su 8 acri, fu costruita una Casa di correzione per tutte le classi di criminali condannati, progettata da J. B. Bunning. La Prigione fu famosa per la sua facciata e per la sua porta d'ingresso, una copia del Castello di Warwick, costruita in pezzi del Kent con rivestimento di pietra di Caen. Poteva alloggiare 288 uomini in 4 ali a tre piani, in un'ala 56 donne ed un'altra ala 56 giovani. La prigione fu rilevata dal governo nel 1878 e usata solo per le donne da circa il 1903. La prigione di Holloway, divenne famosa per l'imprigionamento delle Suffragette, per gli internamenti durante la Seconda Guerra Mondiale e per le esecuzioni. Upper Holloway attirò anche alcune attività industriali, contro cui vennero elevate forti obiezioni da proprietari terrieri e residenti. Nel 1827, fu chiusa una fabbrica di inchiostri per stampanti, riaperta, chiusa di nuovo nel 1838 e nuovamente avviata nel 1853. La fabbricazione di mattoni e la mancanza di fogne erano altri problemi che peggiorarono di pari passo con l'espansione edilizia. Nel 1849, un tal Signor Vorley possedeva stalle per il bestiame ad Upper Holloway; nel 1853, si dedicò alla fabbricazione di mattoni in alcune delle sue terre. Nel 1852, ad Upper Holloway iniziò l'atttività di William Beale, il quale a 18 anni iniziò il suo apprendistato presso suo zio Edward, un Fornaio di Popham Street ad Islington, dove imparò il "mestiere" di Fornaio e Pasticciere. Nel 1861, si mise in proprio, in una piccola sede in Highgate Hill, partendo con un capitale personale di sole 50 sterline, a cui ne affiancò 200 ottenute in prestito. Le cose andarono bene, cosi che nel 1866, stipulò un contratto di fitto in Holloway Road, al canone annuale di 110 sterline. Se non abbiamo errato ad interpretare, tale inizio si ebbe in un piccolo negozio al numero 6 Whittington Terrace, Highgate Hill, Upper Holloway, in un seminterrato, aiutato dalla moglie Christina. Il duro lavoro pagò, tanto che, dopo alcuni spostamenti, la piccola attività iniziale divenne nel 1889, "Beale’s of Holloway", all'angolo di Tollington Road, un elegante punto di riferimento dello splendore Vittoriano in una delle strade per le compere allora più alla moda di Londra. Comprendeva un negozio di alimentari, grandi ristoranti, sale per banchetti, panetterie e una centrale elettrica nel seminterrato. L'edificio e la relativa attività potevano competere con gli edifici che uomini come Selfridge, Whiteley e Gamage stavano costruendo nel West End e nella City of London. "The Half Moon", particolarmente celebre, fu famoso per le sue torte di formaggio (cheesecake), vendute a Londra da un uomo a cavallo, che urlava "Le torte di formaggio di Holloway!". Orbene, tale uomo potrebbe essere stato proprio William Beale, il quale, di primo mattino, partiva con il suo furgoncino trainato dal cavallo, consegnava il suo pane, appena estratto caldo dal forno, nelle aree circostanti. Dal 1856, in virtù della Legge per la Gestione della Metropoli, le Parishes che superavano i 2.000 contribuenti fiscali vennero divise in distretti (wards) ed Islington risultò divisa in 8; Upper Holloway. Lower Holloway, Highbury, Thornhill, Barnsbury, St. Mary's, Canonbury, St. Peter's (nel 1896-1897, i distretti vennero aumentati a 120). Nel 1869,  William Howitt (op. cit.) scriveva che "Negli ultimi anni, i Cattolici hanno fondato una grande Cappella ed una casa per i Sacerdoti sulla collina che scende verso Holloway, all'ingresso di Maiden Lane, sotto il nome di St. Joseph's Retreat. La maggior parte dei Sacerdoti che sono stranieri e con una predominanza di Italiani, parla chiaramente della sua origine nella Propaganda; e sembra che abbia avuto successo, essendo la sua Cappella generalmente affollata, specialmente dagli Irlandesi che vivono ad Upper Holloway.". Nel 1872, La Signora Ward gestiva una Scuola Preparatoria per ragazzi tra i 6 ed i 13 anni. Tra il 1865 ed il 1872, in St. John's Road ad Upper Holloway, fu costruita una nuova Casa di lavoro per i poveri con un'infermeria per accogliere 1.142 adulti, anche se inziò ad essere nel 1870, quindi, ancor prima di essere terminata. Nel 1887, il Gazetteeer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Upper Holloway, allora nel Middlesex, come segue: "ry. sta. (for St John's Park), Islington par., Middlesex, in N. of London.". La stazione di Upper Holloway fu aperta nel 1868 lungo il tratto tra Tottenham ed Highgate Road della Midland Railway, ma chiuse per qualche mese nel 1870.  Dal 1871, si disse "Upper Holloway for St. John’s Park and Highgate Hill", poi, nel 1875, soltanto "Upper Holloway for St. John's Park", acquisendo l'attuale nome nel 1903. Prima del 1895, Thomas Dickenson lasciò 4.000 sterline a favore del titolare di St. John's ad Upper Holloway e ad Amministatori fiduciaril, affinché comprassero pane, patate e carbone per 20 famiglie che frequentavano la Chiesa di St. John. L'Istituzione denominata "Heartwell", fondata dalla Signora Louisa e dalla Signorina Emily Heartwell, in base a testamento provato nel 1896, forniva pane, patate, carbone, da darsi in inverno a 20 poveri di St. John's ad Upper Holloway, o di "St. Peter's and All Saints", per 4s. settimanali ciascuna. Ad Upper Holloway, i piccoli commercianti erano su entrambi i lati della strada e aumentarono quando le case vennero convertite in negozi o altri usi commerciali. Anche le poche grandi case private furono sostituite in quel periodo. Nel 1880, Grove House lasciò spazio al "Great Northern Hospital", mentre, nel 1897, la Casa della Famiglia Sievier a locali commerciali. Entro il 1894, la Casa della Famiglia Blount, forse chiamata Elm Lodge, ed alcune vicine case unifamiliari furono sostituite da Giesbach Road e negozi di fronte alla strada principale. Sebbene Tufnell Park e Tollington Park conservassero residenti benestanti, Upper Holloway negli anni '90 del XIX secolo ospitava impiegati ed artigiani, serviti da un esercito di piccoli commercianti e caratterizzati in "The Diary of a Nobody" (Il Diario di Nessuno) del Signor Pooter, che si sforzò di mantenere un fronte di raffinatezza.

1.3 XX secolo

Ad Upper Holloway, i primi alloggi municipali furono in Wedmore Street, nel 1901, dove il Consiglio della Contea di Londra comprò otto case a schiera con terreno sul retro come sito per Wessex Buildings, con sistemazione per 1.050 persone in tre edifici, due completati nel 1904 ed uno nel 1905. Thomas Lyon, con testamento provato nel 1905, effettuò un lascito da cui vennero realizzate £ 215 9s. 8d., che vennero divise equamente tra 20 poveri di St. John's ad Upper Holloway. Nel 1927, una grossa ed antica azienda, "Clark's Bakeries" lasciò Upper Holloway. Nel 1928, venne ralizzata una Cappella di servizio di metallo dedicata a St. Gabriel, in Hatchard Road ad Upper Holloway, dai Passionisti, con una capienza di 200 posti; venne ampliata verso il 1931.  Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, Holloway fu colpita da 36 bombe tedesche altamente esplosive, neanche tante, se si pensa la vicinanza alla stazione di King's Cross. Sul sito della BBC, si trova un articolo che parla delle bombe su tale area in quel periodo intitolato "The Upper Holloway V2 and the Electric Cinema". Nel 1949, Emma Elizabeth Jones vendette delle case di Southend-on-Sea (Essex) per creare un fondo col nome del padre "Charles William Jones Trust", che costituì nel medesimo anno. Il ricavo della vendita delle proprietà, £3,960 4s. 9d., fu investito nel 1962, ed il reddito derivante doveva essere destinato a persone bisognose, che vivevano preferibilmente ad Upper Holloway. Nel 1972, Barnsbury fu designata un'area da riqualificare, per cui gli Speculatori Immobiliari e gli Agenti Immobiliari misero sotto pressione gli Affittuari non protetti, la maggior parte immigrati di colore che vivevano in stanze ammobiliate, affinché se ne andassero; al tempo stesso, gli altri Affittuari ricevettero offerte di danaro per il medesimo fine o gli si offirono delle sistemazioni alternative, o, addirittura, si minacciò il ricorso al Giudice. Molti Affittuari andarono in sedi temporanee, sino a che vennero ricollocati in case municipali, o in aree degradate come Westbourne Road ed Upper Holloway. Nel 1983, Upper Holloway presentava un aspetto molto misto, con diversi tipi di abitazioni, commercio e piccola industria. La zona commerciale di Upper Holloway Road e Junction Road, un tempo, era stata importante ma offriva solo una fornitura limitata dopo la chiusura del grande magazzino cooperativo verso il 1980. Nonostante gli schemi per separare l'industria dalle abitazioni, rimasero molti piccoli laboratori sparsi dove ancora sorgevano edifici del XIX secolo.

2.1 Le terre ad Upper Holloway del Manor di St. John of Jerusalem Clerkenwell

I Cavalierri Ospedalieri, oltre al Manor di Highbury, possedevano diversi lotti ad Islington e Clerkenwell, comprese le terre consuetudinarie e libere ad Upper Holloway, in affitto e servizi. Tali terre, insieme alle rendite libere in altre Parishes, nel 1624 erano note come Manor di St. John of Jerusalem o St. John's Clerkenwell, nonostante che nessun Manor fosse documentato prima di quella data. Però, l'origine dei terreni di Holloway è incerta. L'Ospedale fu fondato verso il 1144 con donazioni di terre fatte da Jordan de Briset e sua moglie Muriel de Munteni. Jordan era il nipote di Brian, identificato come l'uomo la cui moglie, nel 1086, possedeva 5 unità del Vescovo di Londra nel Vescovato di Stepney, che potrebbero aver incluso i terreni donati da Jordan. Durante il Regno di Enrico VI (1422-1461, 1470-1471), tuttavia, il Priore dell'Ospedale possedeva metà "knight's fee" in precedenza di William de Vere, così la proprietà di Holloway, separata fisicamente dal resto delle terre dell'Ospedale, potrebbe essere stata acquistata da quella fonte. Dopo la Dissoluzione, le terre di Holloway rimasero alla Corona sino al 1624, quando furono concesse a pagamento a Robert Dixon e William Walley ed incluse nel Manor di Clerkenwell alias St. John's Clerkenwell, e la proprietà, in seguito, discese come parte di quel Manor. Nel 1539, la Tenuta di Holloway era data da 19 affitti consuetudinari e lavori consuetudinari per 8 possedimenti. Nel 1622, Christopher Wase comprò da William Daniell, ad Upper Holloway, una dimora residenziale e sette zone chiuse contenenti circa 50 acri, tutte in affitto dal Manor di St. John's Clerkenwell;  la casa e quattro delle zone chiuse di 45 acri erano state possedute da Humphrey Harbury (morto nel 1560) e dalla sua vedova Alice (di cognome pure Hancock) verso il 1570.  Christopher Wase morì nel 1643, possedendo la Tenuta, dove sembra vivesse, oltre la metà del Manor di St. John.  

2.2 Le terre ad Upper Holloway del Priorato di St. Mary Clerkenwell

Nel 1535, le terre del Priorato di St. Mary di Clerkenwell vennero valutate per rendite ad Islington di £15 5s. ed in Holloway di £1 14s. 2d. Dopo la Dissoluzione, i canoni consuetudinari sembrano essere rimasti col Manor di St. Mary's, poi St. James's Clerkenwell,  per caseggiati in Upper Holloway, che nel 1881, William J. Pinks riferiva estendersi per 110 acri: "Il Manor o Signoria di Clerkenwell è non infrequentemente indicato 'Il Manor di St- Mary, Clerkenwell' per distinguerlo da St. John's, Clerkenwell. ..... Il presente sito del Manor comprende circa 110 acri, la maggior parte ubicati di fronte alla strada principale lungo la salita per la Collina di Highgate, e  raggiunge la Chiesa di St. John, Upper Holloway, e dietro la Pietra di Whittington a Gordon Place, dove si estende attraverso Maiden Lane; essendo delimitato a sud dal Manor di Barnsbury, a nord dall'ultimo campo in Maiden Lane, ad ovest dai Manors di St. John of Jerusalem e Barnsbury, ad est dalla Strada principale, o Vecchia Grande Settentrionale che conduce da Highgate a Londra.". Nel 1637, il Reverendo James Palmer, Vicario di St. Bride (Fleet Street), comprò il contratto di affitto di una casa e di 47 acri ad Upper Holloway nel Manor di St. Mary's, Clerkenwell, e con testamento pubblicato nel 1659, lasciò la Tenuta ad Amministratori fiduciari che erano tenuti a continuare a versare 5 sterline annue a 20 vedove di Preti Ortodossi. Nel 1693, tali Amministratori fiduciari trasferirono la Tenuta di Palmer ai Governatori della Carità per il Sostegno delle Povere Vedove e Bambini dei Sacerdoti, più tardi conosciuta come la Corporazione dei Figli dei Sacerdoti, che mantenne la proprietà sino al 1972. La maggior parte di essa fu poi venduta al Peabody Trust. Nel 1684, la casa, di fronte ad Holloway Road, era la Taverna "The Castle and Falcon" (in seguito, "The horse and Groom"), e nel 1715, campi per un totale di 50 acri e mezzo si estendevano verso ovest dalla Taverna al confine della Parish. Circa 1 acro fu dato per il sito della Chiesa e della Scuola di St. John nel 1827 ed il resto fu affrancato nel 1846. Contratti edilizi vennero concessi dai primi anni '40 del XIX secolo, la maggior parte negli anni '50.

Islington- Visita guidata

La stazione di Upper Holloway

La stazione di Upper Holloway

Il ponte stradale che sovrasta la ferrovia

Il ponte stradale che sovrasta la ferrovia

Holloway Road

Holloway Road

Holloway Road

Holloway Road

Wedmore Gardens - Casette residenziali

Wedmore Gardens - Casette residenziali

Holloway Road

Holloway Road

Whittington Park

Whittington Park

Whittington Park - Monumento ai Caduti

Whittington Park - Monumento ai Caduti

Whittington Park - Statua del Gatto di Dick Whittington

Whittington Park - Statua del Gatto di Dick Whittington

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it