www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Herne Hill

Sintesi

Herne Hil è una stazione ferroviaria che serve quest'area storicamente divisa tra quello che oggi corrisponde al London Borough of Lambeth, in cui a stento ricade la stazione, dove trovate negozi indipendenti, gallerie d'arte, bar e ristoranti, ed il London Borough of Southwark, distante qualche decina di metri, dove l'altra metà North Dulwich Triangle. Questa parte di Herne Hill attrae i giovani Professionisti e presenta un'area architettonicamente protetta, all'incrocio tra Herne Hill, Half Moon Lane e Milkwood Road. Di domenica, qui si svolge Herne Hill Market. Va notato che, l'incertezza dei confini del Manor medioevale di Milkwell, di cui fece parte Herne Hill, si riflettono anche oggi, dato che i suoi confini restano comunque vaghi.

Distanza dal centro: 4,4 miglia.

Attrattiva: accettabile.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, siete in Railton Road, e vedete di fronte il pub The Commercial. Un cartello pubblicitario vi ricorda che questa è la sede di Herne Hill Market, un frequentato mercato settimanale domenicale. Seguendo la strada citata per tutto il suo percorso verso sud, raggiungete l'incrocio tra Half Moon Lane (direzione nord-est, che porta al pub Half Moon, di cui leggerete, sovrastata dal ponte della ferrovia), Norwood Road (direzione sud) e Dulwich Road (direzione nord-ovest). Seguite l'ultima strada citata ed entrate in Brockwell Park, dove trovate anche Brockwell Lido.

Toponimo

Il discorso è molto lungo, pertanto, è bene suddividere l'argomento in paragrafi:

1.1 Antiche denominazioni

Sin dal XIII secolo, l'area oggi nota come Herne Hill costituì una parte rurale del Manor di Milkwell (v. paragrafo specifico). In origine, i nomi utilizzati per designare questa zona collinare differirono da quella attuale e variarono nei secoli: verso il 1601, una Mappa di John Speed mostra l'area come "King's Hill"; vi sono riferimenti a "Ireland Green" ed in corrispondenza della stazione di Herne Hill vi era la confluenza di due affluenti del Fiume Effra, il che sembra spiegare il nome "Island Green" (con cui si faceva riferimento ai riflessi del Fiume Effra e dei suoi affluenti) utilizzato per designare quest'area nel 1746 nella celebre Mappa di John Rocque (An Exact Survey of the Citys of London, Westminster, ye Borough of Southwark, and the Country near Ten Miles round); nel 1758, la Mappa di Bennost (A New and Accurate Survey of the Country about the Cities of LONDON, and WESTMINSTER and the Borough of Southwark for 15 miles in Length & 12 in Depth) riporta semplicemente "Dulwich Hill".

1.2 Denominazione attuale

L'individuazione della prima ricorrenza temporale dell'attuale nome dell'area (o di una sua vicinissima variante) è frutto di un lungo ragionamento, per cui, armatevi di pazienza, altrimenti saltate questo sottoparagrafo. Il punto di partenza è rappresentato da una Mappa di James Edwards "A Companion from London to Brighthelmston (ndr Brighton), in Sussex: Consisting of a Set of Topographical Maps from Actual Surveys". Il libro venne pubblicato per la prima volta in versione completa nel 1801, sebbene sembra che parti separate siano state pubblicate in precedenza. Una tavola mostra anche questa parte di Londra e riporta la data di pubblicazione 1 marzo 1800, dove si legge il nome "Hearn Hill" e si vede un piccolo gruppo di abitazioni, approssimativamente dove la Chiesa di St. Paul sarebbe stata costruita. James Edwards cita una "piccola casa bianca signorile appena costruita dal Signor Smith" circa 60 yarde dopo il palo rosso in cima a Red Post Hill, ma non il gruppo oltre giù la collina e neanche Casino House, nonostante sia mostrata sulla mappa. Dal testo descrittivo risulta chiaro che l'Indagine di Edwards era in corso di svolgimento nel 1789 ed un piccolo schizzo (oggetto 59.55.596) nella Huntington Library in California di Thomas Girtin (1705-1802), intitolato "Herne Hill", contrasta uno scorcio di case a schiera su un terreno in pendenza associate più con un contesto urbanizzato (ed in primo piano una vecchia staccionata rustica che le separa da un campo), con quello che potrebbe essere materiale da costruzione in primo piano. Lo schizzo non è datato, ma ritenuto del 1796-1797. Il che sarebbe coerente con James Edwards che riporta le prime case su "Hearn Hill" nel decennio terminale del XVIII secolo. La nuova denominazione fu ingenerata dalla necessità di fornire una descrizione all'ubicazione delle case di nuova costruzione, anche se, è probabile, che il termine già fosse usato oralmente da lungo tempo. Ciò è in linea con due polizze assicurative antincendio emesse dalla Sun Insurance Company nel 1792, individuate grazie al lavoro di volontari che hanno indicizzato i registri delle polizze di tale Società Assicuratrice conservati presso gli Archivi Metropolitani di Londra. La prima polizza (numero 599651) del 30 aprile 1792 riporta Thomas Smith, Agricoltore, di "Hearne Hill, vicino Dulwich", con cui egli assicurò la sua abitazione di mattoni per 450 sterline, il contenuto per 100 sterline ed un fienile per 30 sterline, ed anche una costruzione di legno vicina con un tetto di tegole occupata da un tal "Thompson", Gentiluomo, per 200 sterline. Quest'ultima potrebbe essere una di quelle case pittate di bianco, con protezione di legno contro le intemperie comuni nel Surrey in quel periodo. La seconda polizza (numero 608231) del 21 novembre 1792 fu stipulata da Theophilus Lighfoot, Costruttore, di Denmark Hill, per quattro case a "Hern Hill vicino Dulwich", fatte di mattoni e tegole, vicine reciprocamente in equale proporzione, del valore non superiore a 200 sterline (200 sbarrato a margine e 300 sostituito). La "piccola bianca casa signorile appena costruita dal Signor Smith" di cui sopra, citata da James Edwards ed esistente verso il 1789 forse corrispondeva all'edificio occupato dal Thompson. I registri fiscali di Lambeth elencano Thomas Smith dal 1788 al 1796 tassato per proprietà in precedenza "Bulkley's", suggerendo che egli avesse acquistato la fattoria dopo la morte nel 1787 di Robert Bulkeley, un ricco proprietario terriero che viveva a Tulse Hill, il quale venne multato per aver abbattutto 2.000 alberi nell'area. Theophilus Lightfoot era il figlio di Luke Lightfoot, il colorito proprietario di "Denmark Hall Assembly Rooms", che morì nel 1789. Le quattro case a schiera su Herne Hill che egli assicurò nel 1792 sembrano essere state frutto di una speculazione e non occupate sino almeno tre anni dopo, quando due ulteriori case vennero censite fiscalmente. Una di queste era quella di John Davis, anche riportato nell'Indirizzario di Holden del 1799, descritto come un produttore di carta di marmo, e nel 1802 come Tinteggiatore di carta. L'altra persona elencata come contribuente fiscale nel 1796 è John Middlecoat, qualche volta indicato come Meddlicot. Nel seguente 1797 sono indicati ulteriori quattro occupanti, e dal 1800, quando "Hern Hill" è riportato con un indirizo per la prima volta, invece di "vicino a Dulwich", 14 persone sono indicate come contribuenti fiscali. Uno degli abitanti era descritto come povero, e potrebbe essere stato beneficiario di un sussidio (soldi, cibo, vestiti o beni), sei vennero tassati su proprietà valutate solo tra 8 e 12 sterline, ed il resto tra 15 e 28 sterline. Si tratta di un gruppo abbastanza misto confrontato con le grandi cases che iniziarono ad apparire dopo il 1800. L'ubicazione di questo insediemento può essere approssimativamente stimato tramite mappe di quel tempo. La prima che include le case è la Mappa sull'Uso della terra di Thomas Milne di circa il 1795 ed emessa il 1800. Essa mostra un piccolo gruppo sul lato di Lambeth di Herne Hill, proprio dove la strada scende verso il pub The Half Moon, all'incirca tra Gubyon Avenue, Woodquest Avenue e Kestrel Avenue. Esso è tra due svolte della strada principale (come leggerete tra poco, fornendo un certo sostegno all'ipotesi che il nome dell'area derivi dall'Anglo-Sassone 'hyrne' e posteriore Middle English "herne", che significa angolo o cantuccio, che è applicato altrove per caratterizzare tale ansa in un fiume). Una delle proprietà è mostrata sulla mappa verso Red Post Hill, ma molto oltre le 60 yarde citate da James Edwards per la "casa signorile" di Thomas Smith. Non vi sono costruzioni sul lato di Southwark e la maggior parte dei terreni circostanti sono agricoli, prati o pascoli. La Mappa di James Edwards del 1800 mostra le case aggiunte tra il 1796 ed il 1800, riempiendo lo spazio lungo la cima della collina verso dove Rollscourt Avenue raggiunge Herne Hill, con alcune costruzioni più piccole più giù. Sul lato di Southwark, dove è riportata Dulwich Hill, Casino House e giardini, completati nel 1800, sono chiaramente indicati. Nessuna delle mappe è precisa quanto le posteriori mappe della Ordnance Survey su vasta scala, ed è dubbio se tutte le proprieta siano incluse. Successivamente, il nome si legge nel 1801, 1802 (Indirizzario di Londra di Holden). 1816 (Ordnance Survey Map). Infine, nel 1888, una mappa mostra Herne Hill, delimitata da Champion Hill a nord, Knight's Hill a sud, Brixton ad ovest e Dulwich ad est.

1.3 Interpretazione del nome

In merito al significato del termine, non vi è concordanza in merito all'origine del nome: potrebbe trarre origine dalle parole dell'Old English "hyrne" (angolo, posteriore Middle English "herne", vicino all'Inglese moderno "Horn" = Corno) + "hyll" (Inglese moderno "Hill = Collina), ed in tal caso, significherebbe "Collina nei pressi di un angolo di terra", da cui sarebbe scaturito il nome di un terreno "le Herne" (circa 1495). Una seconda ipotesi, fa discendere il nome dalla importante Famiglia "Herne" citata in relazione alla vicina Dulwich dal XVII secolo (sebbene il cognome derivi quasi certamente dallo stesso, o da un simile, antico nome del luogo). Una terza possibilità è che il Fiume Effra, che oggi scorre quasi per tutto il suo corso nel sottosuolo, attirasse molti Aironi (Herons), di modo che una collinetta vicino al Fiume divenne nota come "Heron Hill". Una quarta possibilità è che il nome faccia riferimento alla mitica figura di "Herne the Hunter (il Cacciatore)", chiamato "Lord della Foresta", che era detto risiedere nella Foresta di Windsor e nel Grande Parco della Contea del Berkshire.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area si trovano in "Taxatio Ecclesiastica Angliae et Walliae Auctoritate P. Nicholai IV" (1291-1292); sono fornite da William Hone in "The every-day book and Table book : or, Everlasting calendar of popular amusements, sports, pastimes, ceremonies, manners, customs, and events, incident to each of the three hundred and sixty-five days, in past and present times; forming a complete history of the year, months, and seasons, and a perpetual key to the almanac ... for daily use and diversion. With four hundred and thirty-six engravings" (1830); si leggono in "The ABC; or, Alphabetical railway guide: showing at a glance how and when to go from London to the different stations in Great Britain, and return ...." (1870); sono fornite da J. E. B. Gover - A. Mawer - F. M. Stenton, in collaborazione con A. Bonner in "The Place-Names of Surrey" (1934); da T. Girtin- D. Loshak in "The Art of Thomas Girtin" (1954); si leggono in "Survey of London: Volume 26, Lambeth: Southern Area" (1956), alle voci "General introduction" (pagine 1-17), "Myatt's Fields, Denmark Hill and Herne Hill: Introduction and Myatt's Fields area" (pagine 141-145) e "Myatt's Fields, Denmark Hill and Herne Hill: Denmark Hill and Herne Hill" (pagine 146-154); sono fornite da James Benson Wilson in "The Story of Norwood" (1973); da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010); si leggono in "Brewer's Dictionary of London Phrase & Fable" (2011); sono fornite da John Brunton in "A Short History of Herne Hill" (2011, Herne Hill Society); si leggono in "Herne Hill Conservation Area - Conservation Area Statement" (Marzo 2012, Lambeth Council), pagine 7 e 16; sono fornite da Lawrence Roullier White in "Saturday Shopping: Herne Hill SE24" (30 agosto 2013, Dulwich OnView); da John Brunton - Jeffrey Doorn - Rebecca Lea Williams in "The Herne Hill Heritage Trail" (2014, The Herne Hill Society); da Laurence Marsh in "What's in a name? Laurence Marsh on the origins of Herne Hill" (Herne Hill Society Magazine, Spring 2016); da B. Nurse in "Insurance policies that hold the key to origins of Herne Hill" (Herne Hill Society Magazine, Summer 2016); si leggono in "The beginnings of Herne Hill", "The nineteenth century", "Towards modern times", 'Herne Hill today" (The Herne Hill Society); in "History of Herne Hill" (Ideal Homes: A History of South-East Suburbs), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Ulteriori specifiche informazioni sono fornite da Edward Walford in "Old and New London: Volume 6" (1878), alla voce "Peckham and Dulwich" (pagine 286-303); si leggono in "A History of the County of Surrey: Volume 4" (1912), alla voce "Parishes: Camberwell" (pagine 24-36); in "Survey of London: Volume 26, Lambeth: Southern Area" (1956), alle voci "Tulse Hill and Brockwell Park" (pagine 155-166), "Norwood: Introduction" (pagine 167-173), "Norwood: Cemetery, schools and domestic and other buildings" (pagine 180-187); in "A History of the County of Middlesex: Volume 11, Stepney, Bethnal Green" (1998), alla voce "Stepney: Communications" (pagine 7-13). Chi volesse approfondire la storia dell'area legga: Patricia M. Jenkyns "The Book of Herne Hill" (2003); George Young - Don Bianco "Herne Hill Heritage Trail" (2003, The Herne Hill Society).

1. Eventi storici di rilievo

Al fine di agevolare la lettura, distinguiamo la trattazione in paragrafi:

1.1 Preistoria

L'area architettonica protetta (Conservation Area) di Herne Hill si trova immediatamente a ridosso della stazione, a sud-est; essa è incentrata attorno al vivace incrocio tra Herne Hill (direzione nord-sud), Half Moon Lane (direzione ovest-est) e Milkwood Road (direzione nord-ovest/sud-est). L'ampiezza di questa intersezione dà spazio alla Taverna Half Moon, uno degli edifici più antichi dell'area. Non sono state trovate tracce significative di carattere archeologico in un questa zona.

1.2 Il Manor di Milkwell

Probabilmente, Herne Hill fece parte di Milkwell, un antico Manor medioevale relativamente piccolo che ricadeva in parte in Lambeth ed in parte in Camberwell, la cui storia è così oscura che la sua posizione non può essere indicata con precisione. Nel 1291, il Manor di Milkwell apparteneva all'Ospedale di St. Thomas di Southwark e venne tassato per 1 sterlina e 5 scellini. Nel 1305, venne concesso dal citato Ospedale al Priorato di St. Mary Overy al canone annuale di 10 scellini. All'atto della sopressione del Priorato venne valutato 5 sterline e 2 scellini. Nel 1540, il Manor ed "il bosco chiamato Mylkewell woodde" nella Parish di Lambeth, appartenenti al citato ex Monastero di St. Mary Overy, furono concessi a Sir Thomas Wyatt, da essere tenuti al canone di 10s. 9d. Nel 1550, la custodia del Manor fu concessa a Richard Duke durante la minore età di Thomas Duke, figlio ed erede del defunt George Duke. Nel 1609, dopo la morte di Thomas Duke, il Manor fu descritto come formato da 6 dimore con pertinenze, 8 cottages, 5 fienili, 5 giardini, 150 acri di terra, 20 acri di prato, 200 acri di pascolo, 30 acri di bosco a Milkwell, Camberwell e Lambeth, lotti di terreni dell'ex Priorato di St Mary Overy. Il citato Duke morì possedendo anche di 20 acri di terra, 7 acri di pascolo, 3 acri di prati a Camberwell e Lambeth, precedentemente lotti dei terreni del Monastero di St. Saviour di Bermondsey. Esclusi 25 acri, il Manor fu tenuto per il Re "in capite" per la decima parte di "knight's fee" al canone annuale di 40s. 9d. Sir Edward Duke, erede di Thomas Duke, vendette una piccola porzione del Manor ad Edward Alleyn di Dulwich, e la rimanente parte a Robert Cambell, Consigliere comunale di Londra. Quest'ultimo, con testamento, lasciò le sue terre a Lambeth Dean e Camberwell a suo figlio James, la cui vedova Theophila ottenne l'amministrazione della sua proprietà nel 1660. Theophila Cambell, che era comunemente chiamata "Lady Cambell", morì nel 1670 o 1671, lasciando tre figlie, Theophila, Philippa ed Isabella. Il Manor di Milkwell sembra essere stato diviso tra queste tre figlie, poiché un terzo discese da Theophila e nel 1672 Richard Bassett, marito di Philippa, subì un recupero di un altro terzo del Manor. La Storia successiva del Manor è molto confusa. Una delle tre figlie, Theophila, sposò Sir John Corbett, e, nel 1691, il loro figlio Robert Corbett, vendette il suo terzo del Manor a John Godschall di Londra, Mercante, per 3.680 sterline. Questa proprietà comprendeva circa 124 acri nelle aree successivamente note come Denmark Hill ed Herne Hill, e comprendeva una fattoria o Manor chiamato "Betton's". A dispetto della descrizione nell'atto di vendita come parte dei Manors di Betton's e Milkwell, una somma annuale di 6s. 8d. come "quit-rent" (pagato o dall'affittuario per essere liberato dall'obbligo di effettuare dei servizi dovuti in epoca feudale, o dall'occupante della terra per essere liberato da alcuni pesi derivanti dall'esercizio di diritti distinti gravanti sulla terra, ad esempio, diritti di caccia che avrebbero, altrimenti, intralciato l'esercizio dell'agricoltura) andava pagata al Manor di Lambeth. La Famiglia Godschall continuò a possedere questa terra sino al 1783, quando William Man Godschall la vendette a Samuel Sanders, un Commerciante di legna, con locali a Pedlar's Acre (Lambeth). Subito dopo l'approvazione del "Lambeth Manor Inclosure Act" del 1806, vennero avanzate obiezioni relative al fatto che la proprietà di Sander non rientrava nel Manor di Lambeth, ma Egli ed uno dei suoi affittuari parteciparono ad uno degli incontri dei Commissari per le recinzioni "e fecero risultare che la proprietà era nel Manor di Lambeth e pagava il 'quit-rent' al Lord". La discendenza degli altri 2/3 del Manor di Milkwell è meno chiara. Nell'ultima parte del XVII secolo, Abraham Harrison, un Orafo di Covent Garden, acquistò terreni nel Kent, e con testamento datato 1717, lasciò in eredità una fattoria chiamata "Lambeth Dean Farm", allora detta essere parte di un antico Manor, con 109 acri a Lambeth e Camberwell, a suo figlio Thomas. La proprietà passò al nipote di Thomas, James Harrison, che la vendette nel 1747 agli Esecutori del testamento di Thomas Lord Wyndham, ex Lord Cancelliere d'Irlanda, per 3.352 sterline. Nel 1762 la proprietà fu trasferita all'uso di Sir Wyndham Knatchbull Wyndham, e fu subito un recupero fu sofferto per bloccare l'affare. Poco dopo, Sir Wyndham morì, lasciando tutte le sue terre a suo zio Sir Edward Knatchbull. Nel 1770, quest'ultimo vendette la proprietà a Hughes Minet, i cui discendenti ne possedevano ancora la maggior parte nel 1797. Sebbene non sia stata rintracciata alcuna connessione diretta, è probabile che la proprietà di Minet fosse precedentemente parte del Manor di Milkwell. Owen Manning e William Bray affermarono che il Manor di Milkwell fosse stato acquistato dalla Famiglia Cambell dalla Famiglia Bowyer, da cui discese alle Famiglie Wyndham e Smyth. Queste ultime tre Famiglie, successivamente, possedettero vaste proprietà a Camberwell, unitamente ad un piccolo pezzo di Lambeth a sud-est di Kennington Common. Parte della loro proprietà, probabilmente, rappresenta il terzo finale del Manor di Milkwell. Lo sviluppo edilizio nell'area dell'ex Manor di Milkwell iniziò alla fine del XVIII secolo. Nelle aree di Denmark Hill ed Herne Hill esso assunse la forma semi-rurale di grandi case indipendenti con grandi giardini. A nord di Coldharbour Lane, non vi fu molta edificazione sino a dopo la formazione di Camberwell New Road nel 1818; qui l'attività edilizia avvenne su scala molto più modesta e, principalmente, assunse la forma di piccole case a schiera.

1.3 Dal XVII secolo ai nostri giorni

Fino al 1651, conclusione della Guerra Civile Inglese, Herne Hill fu fittamente coperto da boschi. Da quel momento, gran parte degli alberi vennero abbattuti per ricavare legname per la costruzioni di navi e per uso domestico. Con gradualità, gli spazi creati dal disboscamento vennero trasformati, risultando una combinazione di fattorie, piccole proprietà e boschetti. Ad ogni modo, nel 1746, la Mappa di John Roque (An Exact Survey of the Citys of London, Westminster, ye Borough of Southwark, and the Country near Ten Miles round) mostra ancora un'area molto rurale e scarsamente abitata. In tale XVIII secolo, la costruzione di ponti sul Tamigi a Westminster (1750) e Blackfriars (1769) permise a Londra di espandersi verso sud: sorsero case, negozi ed aziende lungo le nuove strade realizzate attraverso le campagne verso molti Villaggi meridionali, come Lambeth, Stockwell, Walworth, Camberwell. Tuttavia, soltanto i ricchi vennero a vivere a Herne Hill, dato soltanto l'unico mezzo di trasporto che consentiva di raggiungere la sede di lavoro della City of London era la carrozza con cavalli. I due locali proprietari terrieri non vollero suburbanizzare eccessivamente l'area; si trattava della Dulwich College Estate, che possedeva il lato di Camberwell di Herne Hill e Denmark Hill, e di Samuel Sanders, un ricco Commerciante di legname, il cui testamento contenne lasciti per 100.000 sterline. Nel 1783, Samuel Sanders acquistò la maggior parte dei terreni sul lato occidentale delle strade ora note come Denmark Hill ed Herne Hill, parte del Manor di Milkwell (v. paragrafo specifico). La citata Dulwich College Estate ed i discendenti di Sanders impedirono gli ampi ed affollati sviluppi abitativi caratteristici delle aree limitrofe a nord. Tuttavia, fittarono vasti lotti di terreni a persone facoltose, come Commercianti e Banchieri della City of London, che costruirono alcune case grandi e molto belle su Denmark Hill ed Herne Hill. Per questo, alla fine del XVIII secolo, Herne Hill appariva come un vasto ambiente rurale punteggiato da alcune grandi case. La storia della Famiglia di John Ruskin (1819-1900), il più importante Critico d'arte inglese dell'Epoca Vittoriana, nonché Mecenate, Pensatore sociale dì rilievo e Filantropo e tant'altro, tra cui Acquarellista, descrive la prima fase prospera della migrazione avvenuta nel XIX secolo verso i nuovi sobborghi. Sino al 1823 il padre di John Ruskin, un Commerciante di vino, viveva in una casa a schiera di Hunter Street, vicino a Brunswick Square ed il suo ufficio si trovava in Billiter Street nella City of London; ogni estate, la Famiglia si trasferiva per alcune settimane in un alloggio ad Hampstead o a Dulwich. Nel 1823, Egli affittò per lungo tempo una casa bifamiliare di tre piani (con soffitti e cantina) ad Herne Hill, il cui precedente occupante era stato un Commerciante di tessuti di lino di Cheapside. Successivamente, a tale casa venne attribuito il numero 28 (e venne demolita nel o poco prima del 1923; il suo sito corrisponde agli attuali numeri 26 e 28 di Herne Hill e una tavola ricorda l'Associazione dedicata a John Ruskin che si trova nel giardino del numero 28). A quel tempo, John Ruskin aveva quattro anni. Suo padre continuò a raggiungere il suo ufficio tutti i giorni, tornando a cena ad Herne Hill alle quattro e mezza. Dei loro vicini, la Famiglia non vedeva quasi nulla. "Erano per la maggior parte Commercianti Londinesi benestanti della classe migliore" e spesso "Erano un corteo di servi e lustrini di lamiera, vaste aree di divertimento, serre costose e carri trainati da cocchieri con parrucche". Nel 1842, la sua continua prosperità permise al padre di Ruskin di prendere una casa più grande e indipendente a Denmark Hill (oggi occupata da un condominio di case) dove visse fino alla sua morte nel 1864 e rimase della Famiglia Ruskin sino al 1871. Nel'ultima parte della sua vita, un cugino visse al numero 28 di Herne Hill, e John Ruskin rimase frequentemente lì.  Il racconto di John Ruskin della sua infanzia spiega l'impulso che spinse tanti ricchi Londinesi a trasferirsi in campagna al principio del XIX secolo: "La vista dalla cresta su entrambi i lati era, prima che arrivassero le ferrovie, del tutto incantevole: verso ovest alla sera, quasi sublime, oltre le morbide distese del bosco domestico; - Il Tamigi non è visibile, né i campi tranne immediatamente sotto; ma le cime di venti miglia quadrate di boschetti abitati educatamente. Sull'altro lato, ad est ed a sud, le Colline di Norwood, in parte grezze con ginestra selvatica, in parte boscose con betulle e rovere, in parte in puro verde bosco di rovi e pascoli piuttosto ripidi, salivano con la promessa di tutta la bellezza rustica del Surrey e del Kent in loro, e con così tanto spazio e altezza nella loro distesa, come se avessero dato loro una comunione con le colline dei veri distretti collinari.". Tra le più impressionanti case, vi fu Casino House, che aveva 15 acri di terreno paesaggistico realizzato da Humphry Repton. Il Vetraio John Blades demolì una casa situata vicino all'attuale delimitazione di Norwood Road con Brockwell Park, e costruì Brockwell Hall, un palazzo in cima alla collina, anche se, l'eccessiva vicinanza dell'edificio originale ad un affluente del Fiume Effra lo rendeva troppo umido. Negli anni '20 del XIX secolo, quando il Fiume Effra venne coperto, fu costruita Regent Road Estate per ospitare lavoratori e giardinieri impiegati a livello locale. Tuttavia, Herne Hill rimase in gran parte un distretto rurale ricco di grandi palazzi e giardini. Entro la metà del XIX secolo, l'area era divenuta un sobborgo dell'Alta classe, tanto che William Hone (1830) descriveva la collina di Herne Hill come "l'Esilio dei Mercanti". Non appena giunsero a scadenza i vecchi contratti di fitto, dalla seconda metà del XIX secolo, i Costruttori speculativi si spostarono nell'area. Nel 1843, una serie quasi continua di case si estendeva lungo i lati occidentali delle strade ora noti come Denmark Hill ed Herne Hill, esattamente dalla Chiesa di St. Matthew a Denmark Hill, alla estremità meridionale di Herne Hill. Già nel 1852 venne proposta la realizzazione di una linea ferroviaria che attraversasse Herne Hill, ma, non solo nulla se ne fece, ma nel 1860, fallì la Società ferroviaria che intendeva procedere. In base ai primi progetti, le strade tra Railton Road e Dulwich Road, ora note come "Poets' Corner", furono realizzate nel 1855 sulla metà orientale di Effra Farm dalla "Westminster Freehold Company". La stazione di Herne Hill fu realizzata dalla "London, Chatham and Dover Railway", su progetto dell'Architetto John Taylor e degli Ingegneri ferroviari Joseph Cubitt e J.T. Turner. Fu aperta il 25 agosto 1862, in un campo ai piedi della collina. Inizialmente, la stazione rappresentò il terminale della linea per Victoria, via Stewarts Lane e Brixton, ma l'anno successivo, che venne prolungata a sud per Beckenham. L'apertura della stazione, ovviamente, stimolò lo sviluppo ediizio di Herne Hill, fornendo accesso rapido ed economico al centro di Londra. Di conseguenza, tutte le grandi proprietà, alla fine, vennero abbattute per lasciare spazio a molte case più piccole destinate a famiglie di Impiegati ed Artigiani. Una guida turistica ferroviaria del 1870 riporta che la popolazione di Herne Hill era pari a 701 unità. La trasformazione è evidente comparando le trasformazioni nell'arco di qualche decennio:

Nel 1868, iniziò la costruzione di Railton Road, Poplar Road, Milkwood Road, Lowden Road ed Heron Road; la conseguenza di questa espansione stradale (ed ovviamente edilizia) fece crescere la popolazione a circa 3.000 anime, con la realizzazione di Scuole e Chiese. Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Herne Hill, allora nel Surrey, come segue "a suburb in Camberwell parish, and a chapelry partly also in Lambeth parish, Surrey. The suburb lies 4 miles S of St. Paul's, London, and has a station with telegraph on the London, Chatham, and Dover railway, and a post office under Dulwich, London S. A railway from it to Wimbledon and Kingston was opened in May 1869. ... The chapelry was constituted in 1845. Pop., 911. Houses, 131. Pop. of the Camberwell portion, 177. Houses, 29. The property is much subdivided. The houses are mostly villas, occupied by London merchants. Casino House is a fine mansion, with extensive grounds. The living is a vicarage in the diocese of The chapelry was constituted in 1845. Pop., 911. Houses, 131. Pop. of the Camberwell portion, 177. Houses, 29. The property is much subdivided. The houses are mostly villas, occupied by London merchants. Casino House is a fine mansion, with extensive grounds. The living is a vicarage in the diocese of Winchester. Value, £500. Patron, W. Stone, Esq. The church was built in 1844, burnt in 1858; was restored afterwards at a cost of £7, 000; and consists of nave, chancel, and aisles, with tower and spire.". Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Herne Hill come segue: "ry. sta. and S. suburb of London, Camber well and Lambeth pars., Surrey, pop. 10,489; sta., 1 mile NW. of Dulwich.". Nonostante la critica avanzata dal sovracitato John Ruskin al declino sociale dell'area, Egli, nel 1885, ancora poteva descrivere Herne Hill come "un'eminenza rustica a quattro miglia a sud dello Standard di Cornhill" di cui" il verde isolamento rimane invariato sino ad oggi". Ad ogni modo, la maggior parte degli alloggi ad ovest della linea ferroviaria era a schiera e di classe medio-bassa, mentre quelli verso est sono posteriori, di livello più elevato con abitazioni indipendenti o bifamiliari con giardini più ampi. Nel 1884, Herne Hill fu raggiunta da regolari servizi tramviari trainati da cavalli. I trams da Loughborough Junction passavano sotto il ponte della ferrovia ad Hinton Road e lungo il percorso di Milkwood Road. Nel 1892, Brockwell Park venne aperto come spazio verde metropolitano, su parte della originaria Brockwell Hall Estate. Si tratta del più impressionante spazio verde di Lambeth ed ancora mostra la casa di campagna sui suoi terreni, che appartennero a John Blades, un Produttore di vetro della City of London. La Casa, nota come "Brockwell Hall", realizzata nel 1813, fu comprata nel 1891, con i terreni dal London County Counci, per realizzare il parco pubblico, con aggiunzioni nel 1901. Alla cerimonia di apertura, del 6 giugno 1892, non potè, purtroppo, prendere parte June di Thomas Lynn Bristowe, Parlamentare per Norwood, morto improvvisamente: fu proprio grazie al suo impegno che venne realizzato il parco; due acquisti successivi di terreni portarono il parco alla sua estensione attuale. Il busto restaurato di Bristowe è tornato a Brockwell Hall, con cerimonia tenutasi il 6 giugno 2012 dal Sindaco di Lambeth (Consigliere Clive Bennett) e da Thomas Bristowe (discendente di Thomas Bristowe). Al principio del XX secolo, vennero introdotti i trams elettrificati ed a doppio piano, quando il London County Council rilevò il servizio. Il ponte su Hinton Road era troppo basso e parte di Milkwood Road era troppo stretta per consentire il passaggio di due linee tramviarie. Il percorso in una direzione venne modificato verso Herne Hill Road, Wanless Road, Poplar Road e Lowden Road, usando il vecchio tratto via Milkwood Road alla stazione di Herne Hill e Norwood. Negli anni '30 del XX secolo, i trams vennero rimpiazzati dai torpedoni (autobus). Nel 1904, la parte di Denmark Hill sul lato settentrionale appartenente alla Sanders Estate venne posta in vendita, ma grazie agli sforzi di Frank Trier, un residente di Champion Hill, si evitò la progettata edificaione dei terreni e la sua trasformazione in spazio verde pubblico, che venne aperto come Ruskin Park nel 1907. A distanza di tre anni, vennero aggiunti altri 12 acri, portando il parco all'incirca alla sua attuale estensione. Nel 1906, venne aperta la stazione dei pompieri di Herne Hill accanto all'Ufficio postale, che rimase operativa sino al 1920, quando il servizio venne trasferito alla nuova stazione di West Norwood. Sempre nel 1906, la Carnegie Public Library (Biblioteca) aprì in Herne Hill Road. La Prima Guerra Mondiale portò molti cambiamenti ad Herne Hill. Infatti, al principio della Guerra l'appena aperto King's College Hospital, che nel 1913 era stato trasferito in Denmark Hill dal suo originario sito di Aldwych, un Ospedale universitario, venne rilevato dal "War Office" e divenne noto come "Quarto Ospedale Generale di Londra", anche se continuò a prendersi cura della popolazione civile. Un ponte pedonale fu costruito sopra la ferrovia dall'Ospedale e Ruskin Park divenne un annesso del King's College Hospital, con padiglioni per soldati in convalescenza. La Chiesa di St Saviour ad Herne Hill Road formò un circolo per le mogli dei Soldati e dei Marinai e diede concerti alle truppe ferite del King's College Hospital. I Laboratori d ricerca Wellcome Physiological, che sino alla fine del XIX secolo avevano occupato una delle case (ora scomparse) di Brockwell Park, durante la Prima Guerra Mondiale lavorarono sulle antitossine per la difterite, il tifo ed i sieri anti-gas. Tuttavia, in quel periodo, non esisteva un efficiente sistema di razionamento del cibo, per cui, si verificarono molte carenze, tanto che molte persone utilizzarono aiuole e prati per piantare verdure. A Brockwell Park, pascolava un grande gregge di pecore. Molti giovani uomini e donne locali morirono in Guerra ed alcuni dei loro nomi sono riportati su uno schermo nella Chiesa di St Paul di Herne Hill. Due monumenti di Guerra si trovano nell'ex Chiesa di St John a Lowden Road, e nella Peabody Estate, al largo di Rosendale Road, un monumento sotto forma di una porta cimiteriale fu eretto dagli inquilini della tenuta ai 35 uomini della tenuta che persero la vita nella Prima Guerra Mondiale. Tra le Due Guerre Mondiali, vi fu una intensa attività edilizia ad Herne Hill. Le Autorità di Camberwell acquistarono i terreni di Casino House, demolita precedentemente nel secolo, e progettò Sunray Estate per le "Case per gli Eroi", che doveva essere un modello di efficienza edilizia e di qualità architettonica, oggi "Area di carattere particolare", con resti del verde paesaggistico di Repton che formavano i Sunray Gardens. Per fortuna, la parte sud-orientale di Casino Estate, ed il suo laghetto, non venne edificata, ma usata per realizzare un bel parco. Tra le grandi novità susseguenti al Conflitto vi fu il nuovo ruolo delle donne nella società: fu dato il voto alle donne ultratrentenni, la Scuola Medica del King’s College Hospital accolse epr la prima volta studentesse e 3 dei 10 membri adulti del Wellcome Laboratory di Brockwell Park furono donne e tutte e tre Membre della Società Reale. Nel 1936, su Herne Hill, venne costruita l'ampia Dorchester Court Estate, su un sito occupato in precedenza da ampie ville del XIX secolo. Nel 1937, venne costruito il Lido in un angolo di Brockwell Park (in tempi recenti, tale costruzione in stile "Art Decò" è stata ampliata e trasformata). Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, Herne Hill fu colpito da 75 bombe tedesche altamente esplosive, ed in generale, tra settembre 1940 ed febbraio 1945, vi furono circa 100 morti civili. Alla fine del Conflitto, la priorità fu riparare le proprietà danneggiate, ma nonostante ciò, vennero impiegati dei prefabbriocati, e successivamente, costruite nuove case sui siti sventrati dalle bombe, che contrastavano significativamente con le vicine proprietà tardo vittoriane ed eduardiane. Molte grandi case furono demolite o trasformate in appartamenti. Furono costruiti nuovi caseggiati e più tardi, più grandi proprietà di appartamenti e case, compresi edifici a torre, come in Dulwich Road. Oggi, Herne Hill, pur non disponendo di una stazione della metropolitana, usufruisce di buoni trasporti ferroviari e di autobus e ha una vivace comunità locale con diverse organizzazioni come "Herne Hill Forum" e "Herne Hill Society", volte a preservare quanto meglio rimane di Herne Hill ed a tramandarla ai posteri. Vi si celebrano un Festival annuale di musica ed uno di Lungometraggi (film). Alcuni vecchi stabilimenti industriali hanno cessato l'attività o si sono trasferiti altrove. Vi sono attività di piccola e media dimensione, come pure ristoranti e pubs, ma Herne Hill è prevalentemente un'area residenziale di pendolari, quindi, di persone che preferiscono vivere qui e spostarsi per raggiungere il posto di lavoro. Poichè l'area è divenuta molto popolare per le famiglie, i prezzi degli immobili sono aumentati di molto. Aggiungiamo che oltre al pub tradizionale Half Moon, dove si ascolta musica dal vivo e commedie (presenta splendidi interni vittoriani originali e specchi incisi, pareti rivestite di pannelli di legno), ed altri, vi è la presenza di due micro-birrerie, Canopy e The Bullfinch. Negli ultimi tempi, Herne Hill ha proseguito il suo miglioramento e rigenerazione, che ha riguardato Brockwell Park e nel 2010, il completamento del Progetto di Riqualificazione di Herne Hill Centre ha visto la pedonalizzazione di Railton Road (Station Square). Inoltre, molte delle case di Herne Hill sono state restaurate ed alcune proprietà divise sono state riunificate. In tal modo, Hern Hill sta riguadagnando parte della sua antica fama e splendore, in virtù di tale riqualificazione che l'ha resa "alla moda" ed alla sua vicinanza a Dulwich. La maggior parte dei residenti della parte di Herne Hill che ricade in Lambeth vive in case in affitto e la proporzione di adulti non sposati è quasi il doppio della media nazionale.

1.4 Herne Hill Market

Infine, ricordiamo che Herne Hill è sede di un frequentato mercato settimanale domenicale.

Lambeth - Visita guidata

La stazione di Herne Hill

La stazione di Herne Hill

Railton Road

Railton Road

The Commercial - Pub

The Commercial - Pub

Il cartello che pubblicizza Herne Hill Market

Il cartello che pubblicizza Herne Hill Market

Il ponte ferroviario che sovrasta Half Moon Lane

Il ponte ferroviario che sovrasta Half Moon Lane

Brockwell Park

Brockwell Park

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it