www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Feltham

Sintesi

Feltham è l'ultima stazione ferroviaria occidentale prima di entrare nella Contea del Surrey (ad ovest) ed è vicinissima al terminale 4 dell'Aeroporto di Heathrow (a nord). Per secoli, l'attività agricola costituì la principale fonte di occupazione. L'Ospedale dei Lebbrosi di St. Giles-in-the-fields di Holborn possedette qui un Manor. Dagli anni '20 del XX secolo, l'area venne urbanizzata rapidamente. Verso la fine del XX secolo, Feltham era ormai diventato un quartiere degradato, nonostante la comoda posizione per l'Aeroporto di Heathrow. Una gran quantità di sterline è stata destinata ad un programma di riqualificazione.

Distanza dal centro: 13,7 miglia.

Attrattiva: l'impressione che avete dell'area, e quindi, il giudizio che ve ne fate, cambia radicalmente in base al lato della stazione da cui uscite: quello settentrionale, vi porta in North Feltham, quello meridionale, in Feltham e Lower Feltham.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Se uscite dal lato settentrionale della stazione, da New Road, raggiungete Belfont Road, con casette tipiche ad uno o due piani e negozi a livello stradale, vedendo edifici moderni, le "spalle" del centro di Feltham, che rappresenta la vostra meta. Seguite l'ultima strada citata verso sud e raggiungete il bivio: a. verso nord (sinistra), trovate il tratto iniziale di Hounslow Road (non lontano trovate Station Approach, con l'uscita dal lato meridionale della stazione), dove, poco dopo, all'incrocio con Hanworth Road, trovate prima una struttura che sembra una Chiesa, poi, Bridge House Pond, uno spazio verde con stagnetto; b. verso sud (destra), trovate il tratto iniziale di High Street, delineato da una costruzione moderna con torretta. La strada principale di Feltham è trafficata e frequentata, con molti negozi. Sul lato settentrionale, ad immediato ridosso, si trova la moderna area commerciale. Sull'altro lato, quando vedete il Monumento ai Caduti, trovate lo spazio verde Feltham Green con al centro uno stagnetto. A ridosso, immediatamente, trovate Saint Lawrence's Roman Catholic Church. Proseguite diritto seguendo High Street, superando la costruzione moderna con torretta, e continuando a camminare sino a raggiungere l'incrocio tra High Street (est), Sunbury Road (sud), Ashford Road (ovest), St. Dustan's Road (nord): entrate in quest'ultima strada, raggiungendo St. Dustan's Church, attorno cui era concentrata l'antica Feltham.

Toponimo

Il nome si ritrova per la prima volta come "Feltham" in una concessione Anglo-Sassone del 15 maggio 969 (riprodotta in un documento dell'XI secolo, fortemente criticata, visto che da più parti è ritenuta falsa, anche se qualcuno aggiunge che, probabilmente, contiene informazioni genuine), con cui Re Edgard, richiamando una Bolla di Papa Giovanni, conferma a "St Peter's, Thorney", cioè, all'Abbazia di Westminster, libertà e terre a Ham (ad East Ham), Wennington (Essex), Morden (Surrey) Fanton (Hall) in North Benfleet (Essex), Aldenham (Hertshire). Bleccenham e Lothereslege (entrambe perse ad Hendon nel Middlesex), Holwell, Datchworth e Watton-at-Stone (Hertshire), Chollington in Eastbourne (Sussex), Staines, Teddington, Halliford, Feltham ed Ashford (Middlesex). Riportiamo il testo della concessione, in Latino, in cui abbiamo evidenziato le informazioni fondamentali, avvertendo il lettore che ci potrebbe essere qualche lieve errore di trascrizione dovuto al programma utilizzato che non riconosce tutti i caratteri antichi: "Ego Eadgarus dei gratia anglorum rex ; omnibus episcopis . abbatibus . comitibus . uicecomitibus . centenariis . ceterisque agentibus nostris . presentibus scilicet et futuris ; salutem. Dignum et conueniens est clementie principali inter ceteras actiones illud quod ad salutem anime pertinet . et quod pro diuino amore postulatur . pio auditu suscipere . et studiose ad effectum perducere . quatinus de caducis rebus presentis seculi que nunquam sine inquinamento et erumpna possidentur . peccatorum emundatio . et uite eterne securitas adquiratur ; iuxta preceptum domini dicentis . 'date elemosinam ; et omnia munda sunt uobis' . Ergo dando elemosinam iuxta hoc ipsius dictum . oportet nos mercari peccatorum nostrorum emundationem . ut dum ecclesiis Christi impertimur . congrua beneficia . et iustas bonorum uirorum petitiones efficaciter audimus ; retributorem deum ex hoc habere mereamur . Igitur postquam dono dei et paterna successione in regnum anglorum intronizatus 7 confirmatus fui . ubi uidi ecclesias dei tam peccatis exigentibus quam crebris barbarorum irruptionibus dirutas . . et maxime sanctam et apostolicam uitam id . est . monachicum ordinem per omnes regni mei prouincias funditus deperisse ; grauiter dolens . et consilium a sancto spiritu accipiens . Dunstano archiepiscopo . et Apelwoldo Wintoniensi episcopo . hoc negotium indixi . ut omnia monasteria que intra terminum totius anglie sita set supra uel infra circumirent ac reedificarent . et possessiones que ad fiscum redacte erant de ipsis monasteriis . uel ab aliis secularibus potestatibus peruase . ubicunque chartis uel testimoniis recognoscerent ; mea auctoritate freti ; ad integrum restituerunt . Et tanquam dicente mihi domino a capite incipe ; inprimis ecclesiam domni et specialis patroni ac protectoris nostri Petri . que sita . est . in loco terribili qui ab incolis Torneie nuncupatur ab occidente scilicet urbis Lundonie . que olim id . est . dominice incarnationis anno .DC.IIII to. beati Ædelberti hortatu primi anglorum regis Christiani . destructo prius 'ibidem' abhominationis templo regum paganorum . a Sæberhto prediuite quoddam subregulo Lundoniensi nepote uidelicet ipsius regis constructa . est ; 7 non ab alio sed ab ipso sancto Petro apostolorum principe in suum ipsius proprium honorem dedicata . dehinc ab Offa et Kenulfo regibus celeberrimis possessionum priuilegiis et uariis ornamentorum speciebus uehementer fuerat ditata ; et in qua sedes regia . et locus etiam consecrationis regum antiquitus erat ; hanc precepi ut studiosius restruerunt . 7 omnes possessiones eius readunarent ; 7 ipse de meis indominicatis terris aliquanta addidi . 7 carthis atque legitimis testibus corroboraui . Deinde succedente tempore concilio habito intra ipsam basilicam presidente me cum filio meo Eadwardo . 7 eodem archiepiscopo uenerabili Dunstano , 7 uniuersis episcopis . 7 baronibus meis . secutus exemplum maiorum meorum renouaui . addidi . 7 corroboraui carthas 7 priuilegia eiusdem loci . 7 ad apostolicam sedem legenda et confirmanda transmisi ; atque legitima concessione in hoc modum astipulata recepi. Iohannes episcopus . urbis Rome seruus [MS seruu 9] seruorum dei . domno excellentissimo Eadgaro filio suo regi anglorum salutem . 7 apostolicam benedictionem. Quia literis tue celsitudinis fili km'e nobis innotuisti de monasterio sancti Petri specialis patroni tui . quod ab antiquis anglie regibus a potestate Lundonice sedis episcopi cum consilio pontificum eiusdem patrie fuerit ereptum ; 7 ab hinc sub regimine regum uel clarissimorum abbatum semper dispositum . 7 postulasti a nobis ut priuilegium episcoporum de eodem monasterio factum . nostro priuilegio immo magis apostolorum principis roboraremus auctoritate ; libentissime secundum tue beniuolentie petitionem facimus. Auctoritate siquidem beati Petri apostolorum principis qui potestatem ligandi atque soluendi a domino accepit . cuiusque nos uicarii existimus ; stabilimus . ut ipse locus regum preceptis et priuilegiis apostolicis fultus . per omnia tempora sine repetitione [MS repetione] cuiuscumque Lundonice urbis episcopi . aut alicuius iudiciarie potestatis . uel cuiuscumque prepotentis hominis cuiusque ordinis ; uel dignitatis sit ; sed semper sicut preoptat et expetit beniuolentia tua ratus futuro tempore permaneat . Venerabiles igitur eiusdem loci fratres , idoneos ex se , uel ex qua uoluerint congregatione abbates siue decanos sibi per successiones eligendi . ex auctoritate huius sancte romane sedis et nostra . sicut postulasti amplius habeant potestatem . et ne impediantur ; apostolica auctoritate prohibemus . neque per uiolentiam extranea persona introducatur . nisi quam omnis concors congregatio elegerit . Preterea illi loco quicquid contuleris . uel collatum . est . uel conferetur . diuina 7 nostra auctoritate roboramus ; priuilegia uero possessionum et dignitatum km'i fratris . nostri uenerabilis Dunstani aliorumque fidelium ibidem indulta . necnon et priuilegia uostra ad honorem dei pertinentia que ibi instituere uolueris gratanti affectu annuimus . confirmamus . 7 confirmando inperpetuum rata inuiolataque stare decernimus . 7 infractores eorum ; æterna maledictione dampnamus . Obseruatores autem huius firmitatis ; gratiam 7 misericordiam a domino consequi mereantur . Causa g i infractionis nostri priuilegii ; ad posteros nostros perueniat . Datur rauenne ; .IX. kl. febr'. Cognoscat go magnitudo seu utilitas uostra quem decernimus 7 inperpetuo mansurum iubemus . atque constituimus ; ut pro reuerentia reliquiarum gloriosissimi apostoli Petri . 7 pro quiete monachorum ibidem deo famulantium honor . 7 laus eidem ecclesie habeatur 7 observetur ; id . est . ut quisquis fugitiuorum pro quolibet scelere ad prefatam basilicam beati apostoli fugiens procinctum eius intrauerit . siue pedes . siue eques . siue de curia regali . siue de ciuitate . seu de uilla . seu cuiuscunque conditionis sit ; quocumque delicto facinoris cuncta nos , uel succedentes reges anglorum uel cuncta alium quemlibet fidelem . sancte ecclesie dei forisfactus sit ; relaxetur . 7 liberetur . 7 uitam atque membra absque ulla contradictione optineat . Preterea interminamur diu'i'na auctoritate 7 nostra . ut neque nos . neque successores nostri . neque quilibet episcopus . uel archiepiscopus . nec quicunque de iudiciaria potestate in ipsam sanctam basilicam , uel immanentes in ipsa . uel in homines qui cum sua substantia uel rebus ad ipsam tradere , uel deuouere se uoluerint ; nisi per uoluntatem abbatis 7 suorum monachorum ullam unquam haberant potestatem . sed sit hec sancta mater ecclesia peculiaris patroni nostri beati Petri apostoli , libera . 7 absoluta ab omni inuasione uel inquietudine omnium hominum cuiuscunque ordinis ; uel potestatis .esse. uideantur . In maneria uero uel curtes prefate basilice ubi 7 ubi in quascunque regiones uel pagos in regno nostro , quicquid a die presenti ipsum monasterium possidere 7 dominari uidetur . uel quod a deum timentibus hominibus per legitima cartharum instrumenta ibidem fuit concessum . uel in antea er'i't additum uel delegatum . nec ad c[a]usas audiendum . nec ad fideiussores tollendos . nec ad freda uel bannos exigendum . 7 ad mansiones uel paratas faciendum . nec ullas redibitiones requirendum ; infra immunitatem sancti Petri ingredi uel requirere quoquo tempore presumu[..]ur sed quicquid exinde fiscus noster exauctare poterat ; omnia 7 ex omnibus pro mercedis nostre augmento . sub integra 7 firmissima immunitate concedimus ad ipsum sanctum locum . 7 inperpetuo confirmamus . Concedo etiam 7 confirmo omnes libertates 7 donationes terrarum que a predictis regibus seu aliis sicut legitur in antiquo telligrapho libertatis ante me donate sunt ; scilicet . Hamme . Winintune . Mordune . Fentune . Aldenham . Bleccenham . Loˇereslege . quas tamen uenerabiliter Dunstanus a me una cum predicto loco emerat . necnon 7 libertates atque emptiones quas idem Dunstanus me concedente ab optimatibus meis mercatus .est. 7 quas etiam coram legitimis testibus sigillo suo 7 anulo episcopali ibidem in usum fratrum prefate ecclesie in perpetuam perstrinxit possessionem . Nos itaque ad laudem nominis domini 7 ad honorem sancti Petri . terras que hic karaxantur ibidem donauimus . Holewelle . Decewrthe . Wattune . Cillingtune . Hec gi supradicta rura cum omnibus ad se pertinentibus . et cum cenobio quod stana uocatur , 7 omnibus sibi pertinentibus scilicet . Tudintún . Halgeford . Feltham . Ecelesford . priscis temporibus ad eandem perhibentur ecclesiam sancti Petri pertinere . sicut legitur ut diximus in antiquo telligrapho libertatis . quam rex Offa illi monasterio contulit . quando ecclesiis per uniuersas regiones anglorum recuperatiua priuilegia a Wlfiredo achiepiscopo hortante scribere iussit . Quod cenobium Stanense . iam olim regulari monachorum examine pollebat . postea uero hostili quadam expeditione fratribus dispersis . solotenus .est. diruta . Hanc itaque eandem libertatem prefate ecclesie sancti Petri principis apostolorum concessi . cui locus predictus . qui templum fuerat dudum apollinis ; dei prouidentia 'nunc' mirabiliter ab ipso clauigero .est. consecratus . ac dedicatus ; quatinus ab omni seculari sit liber . inperpetuum seruitute. Et ne quis presentium uel magis futurorum ambiget que sit illa libertas quam amabiliter 7 firmiter concedo . omnimodis cuncta illius monasterii possessio nullis sit unquam grauata honeribus . nec expeditionis . nec pontis 7 arcis edificamine . nec iuris regalis fragmine . nec furis apprehensione . 7 ut omnia simul comprehendam ; nil debet exsolui . nec regi . nec regis preposito . uel episcopo . uel duci . uel ulli homini . sed omnia debita exsoluant iugiter qui in ipsa damnatione fuerint ad supradictum sanctum locum . secundum quod ordinauerint fratres eiusdem cenobii . Obsecramus etiam omnes successores nostros reges . 7 principes . per sanctam 7 indiuiduam trinitatem . 7 per aduentum iusti iudicis . ut q'm ex munificentia antecessorum nostrorum ipse locus uidetur .esse. ditatus ; nullus episcoporum . uel abbatem aut eorum ordinatores . uel quelibet persona possit quoquo ordine de loco ipso aliquid auferre . aut aliquam potestatem sibi in ipso monasterio usurpare . uel aliquid 'quasi' per commutationis titulum absque uoluntate ipsius congregationis , uel nostrum permissum minuere . aut calices . aut cruces . seu indumenta altaris . uel sacros codices . aurum . argentum . uel qualemcumque speci'em ibidem collatam auferre ; uel alias deferre presumat . Sed liceat ipsi congregationi quod sibi per rectam delegationem collatum .est. perpetim possidere ; 7 pro stabilitate regni nostri iugiter exorare . quia nos pro dei amore 7 reuerentia sancti apostoli 7 adipiscenda uita eterna . hoc beneficium ad locum ipsum terribilem 7 sanctum cum consilio pontificum 7 illus trium uirorum nostrorum procerum gratissimo animo 7 integra uoluntate uisi fuimus prestitisse . eo uidelicet ordine . ut sicut tempore predecessorum meorum ibidem chorus psallentium per turmas fuit institutus ; ita die noctuque in loco ipso celebretur . Si autem quispiam hanc nostram auctoritatem uel immunitatem infringere uoluerit ; 7 alios ad hoc conduxerit ; unusquisque pro se ipso libras .V. partibus sancti Petri persoluat . 7 ut dictum .est ; quicquid exinde fiscus noster ad partem nostram separare poterat ; in luminaribus , uel stipendiis monachorum . seu 7 elemosinas pauperum ipsius monasterii perhenniter per nostra oracula ad integrum sit concessum ; atque indultum . Et ut hec auctoritas nostris 7 futuris temporibus circa ipsum sanctum locum perenniter firma 7 inuiolata permaneat ; uel per omnia tempora illesa custodiatur atque conseruetur ; 7 ab omnibus optimatibus nostris 7 iudicibus publicis 7 priuatis melius ac certius [MS certiu 9] credatur manus nostre subscriptionibus subter eam decreuimus roborare . 7 de sigillo nostro ; iussimus sigillare. Signum + Eadgari incliti 7 serenissimi anglorum regis. Signum + Eadwardi eiusdem regis filii. Signum + Æˇelredi fratris eius. + In Christi nomine ego Dunstan acsi peccator Dorobernensis ecclesie archiepiscopus . hanc libertatem sancte crucis agalmate consignaui . ac deinde secundum apostolici Iohannis preceptum . obseruatores huius libertatis auctoritate qua perfruor a peccatis suis absolui . infractores uero perpetim maledixi . nisi resipiscant ; 7 .III.bus annis a liminibus sancte ecclesie sequestrati . penitentiam agant.
+ Ego Oswoldus Eboracensis archiepscopus Imposui.
+ Ego Elfstanus Lundoniensis ecclesie episcopus Adquievi.
+ Ego Atheloldus Wintoniensis ecclesie episcopus Corroboravi.
+ Ego Ælfstanus Rofensis ecclesie episcopus Supposui.
+ Ego Æscwius Dor'c'censis ecclesie episcopus Impressi.
+ Ego Ælfeagus Licedfeldensis ecclesie episcopus Consolidavi.
+ Ego Æelsinus Scireburnensis ecclesie episcopus Commodum duxi.
+ Ego Wulgarus Wiltuniensis ecclesie episcopus Confirmavi.
+ Ego Aulfus Herefordensis ecclesie episcopus Ovanter divulgavi.
+ Ego Æelgarus Cisseniensis ecclesie episcopus Adnotavi.
+ Ego Sigarus Willensis ecclesie episcopus Gaudenter conclusi.
+ Ego Æluricus Cridiensis eccelesie episcopus Amen dixi.
+ Ego Sigarus Ællmhamensis ecclesie episcopus. Consigillavi. atque cum prescriptis archiepiscopis. 7 episcopis. abbatibus. luminibus accensis; uiolatores huius munificentie dignitatis. immo apostolici transgressores huius decreti in perpetuum excommunicentur . nisi pretitulatam penitentiam resipiscendo peragant.
+ Ego Folcmærus. abbas.
+ Ego Ælfric. abbas.
+ Ego Kineward. abbas.
+ Ego Osgar. abbas.
+ Ego Æelgar. abbas.
+ Ego Sideman. abbas.
+ Ego Foldbriht. [a]bbas.
+ Ego Godwi[ne] [ab]bas.
+ Ego Leofl[...] abbas.
+ Ego ˝imer. abbas.
+ Ego Ældred abbas consensi. 7 rege suisque precipientibus hanc libertatis singrapham scripsi. anno dominice incarnatione. D. CCCC mo. LXV moIIII no. Indictione .XII ma. Idus mai. Anno .XIII. regni regis Eadgari. +
Ego Ælfere. dux.
+ Ego Marchere. dux.
+ Ego Oslac. dux.
+ Ego Byrhtnod. dux.
+ Ego Osred. dux.
+ Ego Fordwine. dux.
+ Ego Fri∂elaf. dux.
+ Ego Ænulf. dux.
+ Ego Ælfeg. dux.
+ Ego ˝Ured. presbiter.
+ Ego Leoffa. presbiter.
+ Ego Wlstan. presbiter.
+ Ego Æelbeald. presbiter.
+ Ego Wlfgeat. presbiter.
+ Ego Beremund. presbiter.
+ Ego Æelsige. presbiter.
+ Ego Wineman. presbiter.
+ Ego Oswardus presbiter cum supra dictis . 7 cum aliis .C.tum .VII.tem presbiteris ; infractores huius firmitatis excommunicentur. Ad ultimum itaque una cum rege et filiis eius . nos omnes confratres . 7 coepi' . 7 cum tota hac populosa 7 sancta sinodo . eiusdem loci omnes futuros abbates . decanos . atque ; prepositos contestamur . uer'etiam in nomine patris . 7 filii . 7 spiritus sancti prohibemus . quatinus sacros illius ecclesie thesauros non distraa't . neque terras . seu redditus . uel beneficia in suis uel parentum suorum usibus stolide expendant . neque a seruis dei que pro illis ibidem habetur substantiam ; subtrahendo minuant . Quodsi aliquis presumpserit ; illum sicut uiolatorem atque transgressorem huius nostri decreti immo apostolici . an' summum iudicem . cum uenerit seculum iudicare per ignem . responsorum super hac re inuitamus . SIGNUM . . . GIS
".

Il medesimo nome "Feltham" del 969 si ritrova identicamente ancora nel periodo 1100-1135. Successivamente, si legge "Feltehā" (1086, Domesday Book), "Feltesham" e "Fultesham" (1274), "Felton" (1626, 1675), "Feltam" (1655), "Feltem" (1668). Si legge altresì "Felthamhill" (1822, Ordnance Survey Map). "Lower Feltham" e "North Feltham" sono aree residenziali ralizzate nel XX secolo. In merito al significato del termine, di certo, si tratta di una parola composta, ma il problema, è che non vi è certezza in merito ad alcuno dei suoi due componenti: la prima parte, potrebbe derivare dall''Old English "feld" (terra aperta, terreno sgombro - ad esempio, terreno senza alberi rispetto ad un bosco, terreno pianeggiante rispetto a collinoso, terreno senza edifici - terreni arabili, dalla fine del X secolo), oppure dall'Old English "felte" (nome di pianta che si ritrova solo nei nomi composti); la seconda parte, potrebbe derivare dall'Old English "hamm" (terra avvolta da acqua o palude, forse anche da un'altura, prato fluviale, terreno coltivato sul bordo del bosco o della baia), oppure, dall'Old English "hām" (villaggio, comunità, feudo, tenuta, casa o fattoria). Ne segue, l'interpretazione della parola è fortemente dubbia, potrebbe significare "Casa/FattoriaVillaggio/terreno recintato dove cresce il Verbasco (o simile pianta)" (se la parola deriva da felte + hām o hamm), oppure, "Terra aperta della Casa/Fattoria/Villaggio" (se la prima parte della parola deriva da feld).

Storia

Numerose sono le Fonti di informazione sulla Storia di Feltham, tanto che abbiamo "sfoltito" la lista, trascurando alcuni dati di importanza marginale. Le informazioni fondamentali sono fornite da John Ogilby in "Britannia, Volume the First: or, an Illustration of the Kingdom of England and Dominion of Wales: By a Geographical and Historical Description of the Principal Roads thereof ..." (1675); da William Dugdale in "Monasticon Anglicanum, or, The history of the ancient abbies, and other monasteries, hospitals, cathedral and collegiate churches in England and Wales. With divers French, Irish, and Scotch monasteries formerly relating to England" (1693); da John Rushworth in "Historical Collections of Private Passages of State: Volume 6, 1645-47" (1722), alla voce "Historical Collections: Further Parliamentary proceedings, June 1647" (pagine 545-604); da Daniel Lysons in "The Environs of London: Volume 3, County of Middlesex" (1795), alla voce "Heston" (pagine 22-45); da John Parton in "Some account of the hospital and parish of St. Giles in the Fields, Middlesex" (1822), pagina 27; da George James Aungier in "The history and antiquities of Syon monastery, the parish of Isleworth, and the chapelry of Hounslow" (1840); si leggono in "A Topographical Dictionary of England" (1848), alla voce "Feltham (St Dustan's)", pagine 228-230; in "Letters and Papers, Foreign and Domestic, Henry VIII, Volume 4, 1524-1530" (1875), alle voci "Henry VIII: October 1524, 21-25" (pagine 332-346) e "Henry VIII: December 1524, 26-31" (pagine 406-430); in "Middlesex County Records: Volume 2, 1603-25" (1887), alla voce "Middlesex Sessions Rolls: 1614" (pagine 94-107); in "Middlesex County Records: Volume 3, 1625-67" (1888), alla voce "Middlesex Sessions Rolls: 1636" (pagine 60-64); in "Alumni Oxonienses 1500-1714" (1891), alla voce "Tabbe-Thomyow" (pagine 1453-1478); in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 1, Richard I - Richard III" (1892), alle voci "London and Middlesex Fines: John" (pagine 4-12, voce 63), "London and Middlesex Fines: Henry III" (pagine 12-49, voci 354 e 362), "London and Middlesex Fines: Edward I'" (pagine 49-77, voci 248, 294 e 311), "London and Middlesex Fines: Edward II" (pagine 77-104, voci 92, 148 e 175a), "London and Middlesex Fines: Richard II" (pagine 153-168, voce 38), "London and Middlesex Fines: Henry IV" (pagine 169-177, voci 38 e 55), "London and Middlesex Fines: Henry V" (pagine 177-181, voci 19 e 31), "London and Middlesex Fines: Henry VI" (pagine 182-202, voce 3); in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 2, Henry VII - 12 Elizabeth" (1893), alle voci "London and Middlesex Fines: Henry VII" (pagine 1-15), "London and Middlesex Fines: Henry VIII" (pagine 16-68), "London and Middlesex Fines: Edward VI" (pagine 68-86), "London and Middlesex Fines: Philip and Mary" (pagine 89-105), "London and Middlesex Fines: 1-12 Elizabeth" (pagine 105-159); in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 2" (1894), alla voce "Deeds: C.2401 - C.2500" (pagine 516-526, voce C. 2433); in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 3" (1900), alla voce "Deeds: D.1001 - D.1100" (pagine 523-536, voce D. 1067); sono fornite da Beatrice de Bertouch in "The life of Father Ignatius, O.S.B., the Monk of Llanthony" (1904), pagina 393; si leggono in "Middlesex County Records. Calendar of Sessions Books 1689-1709" (1905), alle voci "Sessions Books: 1696" (pagine 143-162), "'Sessions Books: 1699" (pagine pagine 193-208), "Sessions Books: 1700" (pagine 208-223); in "Calendar of Letter-Books of the City of London: G, 1352-1374" (1905), alla voce "Folios xxi - xxx: Sept 1354" (pagine 25-35); in "Letters and Papers, Foreign and Domestic, Henry VIII, Volume 20 Part 1, January-July 1545" (1905), alla voce "Henry VIII: May 1545, 26-31" (pagine 402-428, alle voci 8 e 846); sono fornite da J. E. E. S. Sharp - A. E. Stamp in "Calendar of Inquisitions Post Mortem: Volume 7, Edward III (1909), alla voce "Inquisitions Post Mortem, Edward III, File 42" (pagine 448-458); si leggono in "A History of the County of Middlesex: Volume 2, General; Ashford, East Bedfont With Hatton, Feltham, Hampton With Hampton Wick, Hanworth, Laleham, Littleton" (1911), alle voci "Table of population, 1801-1901" (pagine 112-120), "Spelthorne Hundred: Introduction" (pagine 304-306), "Spelthorne Hundred: Ashford" (pagine 306-309), "Spelthorne Hundred: East Bedfont with Hatton" (pagine 309-314), "Spelthorne Hundred: Feltham" (pagine 314-319), "Spelthorne Hundred: Hampton, introduction" (pagine 319-324), "Spelthorne Hundred: Hanworth" (pagine 391-396); sono fornite da J. E. E. S. Sharp - E. G. Atkinson - J. J. O'Reilly in "Calendar of Inquisitions Post Mortem: Volume 8, Edward III" (1913), alla voce "Inquisitions Post Mortem, Edward III, File 58" (pagine 150-155); in "Survey of London: Volume 5, St Giles-in-The-Fields, Pt II" (1914), alla voce "Site of the Hospital of St. Giles" (pagine 117-126); in "Calendar of Treasury Books, Volume 13, 1697-1698" (1933), alla voce "Warrants etc: April 1698, 16-30" (pagine 301-322); in  "An Inventory of the Historical Monuments in Middlesex" (1937), alle voci "Sectional Preface" (pagine xxiii-xxxiii) e "Feltham" (pagina 25); sono fornite da O. von Feilitzen in "The Pre-Conquest Personal Names of Domesday Book (1937), pagina 258; si leggono in "County of Middlesex. Calendar To the Sessions Records: New Series, Volume 4, 1616-18" (1941), alla voce "Sessions, 1618: 24 and 25 February" (pagine 339-348); sono fornite da Cyril Flower - M. C. B. Dawes - A. C. Wood in "Calendar of Inquisitions Post Mortem: Series 2, Volume 3, Henry VII" (1955), alla voce "Inquisitions Post Mortem, Henry VII, Entries 451-500" (pagine 273-297); si leggono in "A History of the County of Middlesex: Volume 3, Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington, Heston and Isleworth, Twickenham, Cowley, Cranford, West Drayton, Greenford, Hanwell, Harefield and Harlington" (1962), alle voci "Shepperton: The hundred of Spelthorne (continued)" (pagine 1-12), "Sunbury: Manors" (pagine 53-57), "Sunbury: Local government" (pagine 59-61), "Sunbury: Churches" (pagine 61-63), "Heston and Isleworth: Introduction" (pagine 85-94), "Heston and Isleworth: Hounslow Heath" (pagine 94-96), "Heston and Isleworth: Other estates" (pagine 111-112), "Heston and Isleworth: Mills" (pagine 112-114), "Heston and Isleworth: Churches" (pagine 122-129), "Twickenham: Other estates" (pagine 150-151); in "A History of the County of Middlesex: Volume 1, Physique, Archaeology, Domesday, Ecclesiastical Organization, the Jews, Religious Houses, Education of Working Classes To 1870, Private Education From Sixteenth Century" (1969), alle voci "Domesday Survey: Introduction I" (pagine 80-88), "Domesday Survey: Introduction IV" (pagine 95-98), "Domesday Survey: Introduction V" (pagine 98-118), "Domesday Survey: Translation of the Text" (pagine 119-129), "Religious Houses: House of Trinitarian friars" (pagine 191-193), "Religious Houses: Hospitals" (pagine pagine 204-212), "Index to the translation of the Domesday Survey" (pagine 361-362); in "A History of the County of Hertford: Volume 4" (1971), alla voce "Houses of Benedictine nuns: Cheshunt Priory" (pagine 426-428); sono fornite da A. K. McHardy in "The Church in London, 1375-1392" (1977), alla voce "Taxation of the clergy, 1379-81: Poll tax of 1381 in archdeaconry of Middlesex" (pagine 29-38, voce 360); si leggono in "London and Middlesex Chantry Certificate,1548" (1980), alle voci "Chantry Certificate, 1548: Middlesex" (pagine 60-81) e "Index of person and places" (pagine 96-119, voce Feltham Midd. 174); sono fornite da Jonathan Mackman - Matthew Stevens, in "Court of Common Pleas: the National Archives, Cp40 1399-1500" (2010), alla voce "CP40/664: Hilary term 1427"; sono fornite da A.D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010) e "A Dictionary of British Place Names (2011); si leggono in "Brewer's Dictionary of London Phrase & Fable" (2011), che traduciamo e sintetizziamo lberamente.

1. Eventi storici di rilievo

La notevole abbondanza delle Fonti rende preferibile dividere la trattazione in paragrafi, onde consentire al lettore di apprezzare maggiormente le vicende storiche di Feltham.

1.1. Epoca Sassone

Nel "Toponimo", abbiamo spiegato l'assoluta incertezza circa l'interpretazione della parola "Feltham", di origine Sassone, per cui, al di là dello specifico significato, in qualche modo, dovrebbe ricollegarsi ad un insediamento Sassone dell'VIII secolo, per cui, potrebbe significare anche "Insediamento in un campo".

1.2 Domesday Book (1086): Feltham nella Hundred di Spelthorne

Nel "Toponimo" avete letto di "Feltham" del contestato documento Sassone del 969. In tale epoca, delle acque del Fiume Crane, denominato "Fiscesburna" in Old English, usufruivano i prati ed i pascoli di Feltham. Certa, invece, è "Feltehā" riportata nel 1086 nel Domesday Book, che faceva parte della Contea del Middlesex nell'ambito della Hundred di Spelthorne (Spelethorne nell'XI secolo), che aveva la forma di una sorta di uccello ad ali aperte, di cui la Parish di Feltham occupava "il petto". Altre Parishes che rientravano nella citata Hundred erano: Ashford, East Bedfont con Hatton, Hampton con Hampton Wick, Hanworth, Laleham (comprendeva Littleton non citato viene dal Domesday Book), Shepperton, Staines, Stanwell, Sunbury, Teddington. La Hundred di Spelthorne fu sempre posseduta dalla Corona, ma la giurisdizione dello Sceriffo del Re fu in gran parte ridotta, sino alla soppressione dei Monasteri, dalle numerose ed estese franchigie di cui godevano l'Abate ed Convento di Westminster. Al tempo el Domesday Book, il Conte di Mortain possedeva 2 unità a "Bedefunt" (Bedfont), che rientravano nel suo Manor di Feltham, ma non vi è ragione di supporre che le 2 unità di Bedfont fossero incluse nelle 12 unità per cui Feltham venne valutato. Tale terra di Bedfont non essendo più menzionata successivamente, è probabile che venne fusa nella Parish di Feltham, che è limitrofa ad East Bedfont. Nel 1540, Feltham, unitamente ad Ashford, Laleham, Hanworth, Teddington e Sunbury, fu annessa all'Onore di Hampton Court (di cui leggete successivamente). "Feltehā" = Felteham, secondo i dati riportati nel Domesday Book (1086), aveva una popolazione formata da 21 nuclei familiari (abbastanza grande), con 12 unità tassate (molto larga). Vi era terra per 10 aratri,  19 nuclei familiari nel villaggio, 2 di servi, terreni del Lord e pascoli. Il valore per il Lord era 8 sterline (1066), 4 sterline (circa 1070), 6 sterline (1086). Nel 1066, il Lord era Gouti di Stambourne, Overlords erano Eduardo Il Confessore ed il Conte Harold, nel 1086, il Lord era il Conte Robert di Mortain, che era anche "Tenant-in-chief". Osserviamo che nelle tenute (tutte) possedute dal Conte Harold, vi erano due "homines" che non potevano sottrarsi alla sua Signoria (servi, se non addirittura schiavi), mentre altri tre, tra cui rientrava il sovracitato Gouti, erano liberi di prendere terreni altrove. In particolare, Gouti, "huscarle Heraldi comitis" possedeva due unità a Bedfont e "hec terra iacuit et iacet in Felteham". Tale ultima affermazione così identifica Gouti con l' "homo" senza nome del Conte Harold che possedeva 7 unità a Feltham "pro uno manerio". Il nome Gouti è di origine Scandinava e, sebbene meno comune di altri, si ritrova in un certo numero di Contee nel Domesday Book, particolarmente nell'East Anglia. C'è, però, un solo uomo che porta tale nome con cui Gouti del Middlesex può essere ragionevolmente identificato; è il Nobile del Conte Harold che e possedeva due unità a Cockhampstead (Hertfordshire). Persino tale identificazione, comunque, non può essere considerata certa poiché Gouti dell'Hertfordshire fu succeduto dal Conte di Mortain.

XIII secolo

Nel Quindicesimo Anno del Regno di Giovanni Senza Terra (1199-1216), si ha un atto tra Gillian (Juliana), vedova di Robert Simplex, con Simon de Pinken che funge da suo Procuratore, e Umphry di Scovill e Matilda sua moglie, con Richard de Scovill, Procuratore di Lei: la terza parte di 2 unità di terra a Cowley, di 1 carucate (Latino carūcāta, la terra che un aratro trainato da otto buoi potrebbe lavorare in una stagione agraria, all'incirca 120 acri (circa mezzo chilometro quadrato) di terreno a Feltham, di 2 virgates (Latino virgāta, pari ad 1/4 di unità, circa quindi, a 30 acri) di terreno a Northal e di 2 virgates di terreno a Rokeshal. Gillian afferma che le proprietà costituivano la sua dote, datatale da Robert. Umphry e Matilda concedono a Juliana una porzione delle proprietà per la durata della sua vita, mentre lei rimette loro tutti i suoi diritti che andranno a loro alla sua morte. Nel 1229 (anno in cui Feltham sembra essere stata assorbita nel Manor di Kempton), Enrico III ordinò che le Suore del Priorato Benedettino di St. Mary di Cheshunt, anche chiamato St. Mary di Swetmannescrofte (fondato prima del 18 dicembre 1183, data in cui Papa Lucio III emanò una Bolla in suo favore) godevano di pacifico possesso di 1 virgate di terra a Feltham nel Middlesex, loro dato da William de Rivers (o Redvers o de Ripariis). Nel Quarantesimo Anno del Regno di Enrico III (1216-1272), si ha un atto relativo a terra a Lalham tra Richard de Feltham, sua moglie Alice e William de Molendino, di Stanes. Nel successivo Anno del medesimo Regno, vi è un atto relativo ad una terra a Feltham tra Agnes de la Rye e Dyonisia, Priora di Cesterhunte, di cui sopra. Il sovracitato Priorato Benedettino di St. Mary di Cheshunt fu colpito da due incendi, uno nel 1290, l'altro a pochi anni di distanza, che attaccarono la Casa, la Chiesa ed i beni, richiedendo, pertanto, l'esenzione da pagamenti dovuti in virtù della loro povertà. Proprio lo stato di necessità dovrebbe aver indotto il Priorato a vendere le proprietà di Feltham nel 1311. Nel febbraio del Ventiduesimo Anno del Regno di Eduardo I (1272-1307), si ha un contratto relativo ad immobili a Reye (v. paragrafo specifico), vicino Feltham, tra Gunnilda, figlia di Alexander le Warenner, ed Alexander le Warenner, cioè, tra figlia e padre. Nel Ventinovesimo Anno del medesimo Regno, si ha un contratto relativo ad una terra a Feltham tra John le Warenner e sua moglie Matilda, e William, figlio di William de Suthwelle, di Combe. Nel Trentatreesimo Anno del medesimo Regno, si ha un atto relativo ad immobili a Reye (v. paragrafo specifico) e Feltham tra John le Waruner, di Kenyngton, e Thomas le Bakere, di Certeseye, e sua moglie Gunnulda.

XIV secolo

Durante il XIV secolo, vi furono distinti assaggiatori di birra per Kempton, Feltham, La Hyde (v, paragrafo specifico). Nel 1311, Quinto Anno del Regno di Eduardo II (1307-1327), il martedì della Festa di San Bartolomeo Apostolo, a Londra, Alice de Someri, Priora di "Chesthunte" ed il Convento stesso, rilasciano a John le Warner, di Keneton, tutti i loro diritti relativi al canone di 7s. anni da un caseggiato e terreno a "la Reye" nella Parish di Feltham ed a 5s. annui da altri terreni nella stessa città. Testimoni: William de Foleham, Assistente del Vescovo di Londra, ed altri (nominati). Nel Sesto Anno del Regno di Eduardo II (1307-1327), si ha un atto relativo ad immobili ad Estbedefunte, Stanewell, Feltham, tra William de Salingge, e William, figlio di Mathew le Specer, di Londra, e sua moglie Joan. Due anni dopo, quindi, nell'Ottavo Anno del medesimo Regno, si ha un atto relativo ad immobili ad Estbedefunte, Stanewelle, Feltham, Echelesford, tra Walter de Salyngge e sua moglie Chistiana, e Walter Gratefige e sua moglie Anabilla. L'anno successivo, durante il medesimo Regno, si ha un atto relativo ad immobili a Feltham, Haneworth, Lalham, tra John de Cheleseye e sua moglie Margery, e Thomas, figlio di John de Punt, di Feltham. Durante il Regno di Eduardo III (1327-1377), i diritti relativi alle responsabilità comuni di Kempton coprivano anche La Hyde (v. paragrafo specifico), in Laleham, ed almeno parte di Halliford. Il 6 maggio del Nono Anno del Regno di Eduardo III (1327-1377), in una inquisition post mortem relativa a John le Hauberger, tra l'altro, risulta a Feltham, un podere, tre cottages, 28 acri di terra e 2 acri di brughiera, di cui egli era stato infeudato unitamente a sua moglie Margery, tenute "in chief" per il Re, al canone annuale di 5s, presso il Manor del Re di Kenyton, nonché un podere ed 8 acri di terra, tenuti similmente per il Maestro dell'Ospedale di St. Giles (Holborn), dietro canone annuo di 4s.  Tali immobili, ed altri a Laleham, Haneworth, Echelesford, erano detenuti da John e Margery, in virtù di somme riscosse nella Corte di Eduardo II, affinché John ed i suoi eredi, li tenessero pe sempre. In una Inquisition post mortem relativa ad Edward Le Hauberger, figlio ed erede di John Le Hauberger, il 27 marzo del Dodicesimo Anno del Regno di Eduardo III (1327-1377), si effettua la prova dell'età: John Martyn, Cavaliere, di più di 40 anni, dice che detto Edward aveva 22 anni il precedente 31 gennaio, era nato a Feltham nella detta Contea (ndr Middlesex), e battezzato nella Chiesa lì nel detto giorno, l'Ottavo Anno del Regno di Eduardo II (1307-1327); e di ciò ne era a conoscenza perché il medesimo giorno che detto Edward venne battezzato Egli vide il Re Eduardo II venire nella Chiesa di Feltham per sollevare il detto Edward dal sacro Fonte e dargli il suo nome; il quale evento detto John lo riportò su un certo calendario, e così l'età di detto Edward era sufficientemente certa per lui. Geoffrey Pellam, dell'età di più di 56 anni, concorda e lo sa, poiché, nella detta Chiesa nel medesimo giorno, dopo il battesimo del detto Edward, a richiesta di certi suoi amici, ottenne il perdono di Edoardo II per una certa proscrizione (dichiarazione secondo cui una persona non può beneficiare della protezione della legge in una giurisdizione) per la morte di John le Ferour, per cui era stato rinviato a giudizio, e dalla data di questa concessione la verità dell'età del detto Edward era sufficientemente certa per lui. William le Hale, di oltre 47 anni, concorda e lo sa poiché nel detto giorno egli si trovava nella città di Feltham col detto John Martyn e diversi altri, quando il Re Eduardo II venne nella Chiesa per sollevare il detto Edward dal Sacro Fonte … ed Egli chiese al detto John di scrivere il detto giorno di nascita nel suo calendario. John Cosyn, di oltre 50 anni, concorda e lo sa, poiché nel medesimo giorno Egli era a Westminster davanti a Sir William de Bereford, allora un Giudice ….. delle Corti Comuni, in una inquisition tra Gilbert Binorth e John Bile, e, poi, di notte, quando fece ritorno alla sua casa, sentì da sua moglie che John le Hauberger aveva un figlio, a cui il Re Eduardo II aveva dato (imposuerat) il suo nome. Robert de Erllesdon, di oltre 53 anni, dice lo stesso e lo sa, poiché nello stesso giorno Egli ... con l'Arcidiacono del Middlesex …. John Bisshop, di cui egli era esecutore, e lì …. sollevò detto Edward dal Sacro Fonte ….  …., di oltre 45 anni …. dice che egli era presente ........ …. dal Sacro Fonte …. Nel 1340, c'era un mulino noto come "Eldeford" si trovava ad Haneworth, una Piccola Parish ad est di Feltham. Tale mulino sembra che si trovasse vicino ad un canale chiamato "Mersdich", che andava da Hanworth a Kempton. Vi fu una disputa relativa a tale canale ed al ponte pedonale che consentiva di attraversarlo, dando accesso al mulino. Al principio di gennaio 1338-1339, Roger, Vescovo di Coventry e Lichfield, sottolineò di non essere tenuto a riparare il canale, se non in proporzione all'uso che veniva fatto dai suoi gioghi (lo strumento che attacca gli animali all'aratro) di buoi (pro averiis spannatis), aggiungendo che aveva fatto sufficientemente la sua parte, per cui, riteneva di non dover riparare la passerella dal mulino, e ciò nonostante, era stato multato dallo Sceriffo per 38s. 8d. con il pretesto che il canale non fosse stato adeguatamente ripulito, né sollevato (l'argine), né il ponte pedonale riparato. Lo Sceriffo fu accusato di averlo multato in assenza di prove sufficienti, e per questo, gli venne ordinato di comparire davanti al Re, accompagnandosi con quattro bravi uomini di ciascuna delle quattro cittadine più vicine al ponte. Lo Sceriffo comparì il giorno prescritto, dicendo che il ponte era in stato pericoloso per colta di John Dayrell, Lord di Hanworth, che era tenuto a ripararlo come erano soliti farlo i suoi antenati a memoria d'uomo. Tuttavia, i quattro uomini che dovevano accompagnarlo, non si presentarono, dato che l'ordine era giunto troppo tardi, per cui, il caso venne aggiornato ad una data successiva. Venne rinviato a metà estate, quando furono presenti Vescovo, Sceriffo e quattro uomini provenienti da ciascuno delle cittadine di Twickenham, Hampton, East Bedfont e Feltham, e la Giuria definì che il ponte non fosse destinato all'uso pubblico, ma fosse, invece, un piccolo ponte dal Mulino di Eldeford per la servitù del Mugnaio e quelli dei paraggi che venivano a macinare il grano; inoltre, il Lord del Manor di Hanworth non era tenuto a ripararlo. Il Vescovo recuperò l'importo dell'ammenda pagata, mentre lo Sceriffo fu accusato di aver fatto una dicharazione che esulava dalla sua giurisdizione, dato che una delle estremità del ponte che conduceva a Hanworth era all'interno la Libertà dell'Onore di Wallingford, l'altra entro la Libertà del Manor di Isleworth della Regina Filippa. Nel 1370, i Frati del Convento di Hounslow (Ospedale di "Howndeslowe"), citato per la prima volta in una concessione del 1200 (e che nessun Autore data prima del 1196), suggerirono ad un Vescovo una concessione ad Ministro del Culto. Nel Quarto Anno del Regno di Riccardo II (1377-1399), si ha un atto relativo ad immobili a Feltham, Haneworth, Bedefunt, Echelisford, Lalham, tra Alan Laurence, di Feltham, e Richard Lucas, di Londra, e sua moglie Joan. "Poll" è un termine arcaico per "Head" (testa); "Poll Tax", perciò, anche "Head Tax" (o "Capitation", è una tassa pro-capite di importo fisso fatta gravare su ogni adulto, prescindendo dal suo reddito o patrimonio. In relazione alla "Poll tax" del 1381 nell'Arcidiocanato del Middlesex, da particolari del conto del Priore della Holy Trinity di Londra, Esattore nel citato Arcidiaconato concessi dal Clero al Re Riccardo II nel Quarto Anno del suo Regno (1377-1399) - dove ogni persona pagava 3s 4d salvo atrimenti indicato, tranne nel caso di Ecclesiastici, che pagavano invariabilmente 1s. - risulta per Feltham: John, Vicario, 7s. 4d.

XV secolo

Nel Sesto Anno del Regno di Enrico IV (1399-1413), vi è un contratto relativo ad immobili ubicati a Chirchebedfounte, Feltham, Stanwell, tra John Ogham, e Thomas de Kyrkeby con sua moglie Juliana. L'Ottavo Anno del medesimo Regno, immobili nei luogh di cui sopra (forse gli stessi), formano oggetto di un altro contratto tra, William, Abate di Sunnbury, e William Chichele, Salumiere di Londra, con Beatrice, sua moglie. Nel Quinto Anno del Regno di Enrico V (1413-1422), si ha un contratto relativo ad immobili siti a Stanewell tra John Laurence, di Feltham, e Walter Tailloure, di Sibbeston, nella Contea del Middlesex, e William Chapman, di Stanewell, e sua moglie Agnes. Nell'Ottavo Anno del medesimo Regno, si ha un contratto relativo ad immobili a Sunbury e Feltham tra William Orkisle, di Southwark, ed Agnes, sua moglie, e John Orkisle, di Sunbury, e Margaret, sua moglie. Nel periodo gennaio-marzo 1427, in una causa discussa in Tribunale di diritto comune, si fa riferimento a 60 alberi di olmo e quercia che crescevano nella Signoria di Rye (v. paragrafo specifico) nella Parish di Feltham. Nel Primo (ed unico) Anno del Regno di Enrico VI (1470-1471), si ha un atto relativo ad immobili a Sunbury e Felthamheth, nella Parish di Feltham, tra Robert Warner ed Henry Aubre, e William Orkisle, di Southwark, e sua moglie Agnes. Nell'Ottavo Anno del Regno di Enrico VII (1485-1509) si ha un atto relativo ad immobili in Sonbury e Feltham tra Peter Curteys, William Colet, Richard Geliot, William Benet, e Peter Quusouot (?), sua moglie Margaret, Richard Stevynson, fratello di lei.

XVI secolo

Già sapete che Hanworth era una Piccola Parish ad est di Feltham. Hanworth Park citato a partire dal principio del XVI secolo, occupava l'angolo nord-orientale della Parish di Hanworth ed era stato allargato nei precedenti Regni con l'aggiunta di considerevoli terreni nella limitrofa Parish di Feltham. Nel Sedicesimo Anno del Regno di Enrico VII (1485-1509), i Manors e terre a Hanworth e Feltham (tranne quelle chiamate "Audymers landes") erano nell'uso di un tal John Crosseby (Crosby), padre del figlio omonimo, morto il 14 gennaio, dalla cui Inquisition post mortem, del 23 febbraio dell'anno seguente nel medesimo Regno, si ricavano questi dati. Nella medesima Inquistion, si fa riferimento ad un podere e 19 acri di terra chiamati "le Rie" (v. paragrafo specifico) a Feltham, di cui il podere e 12 acri erano tenuti da George Sutton, Maestro dell'Ospedale di Burton St. Lazar, e 7 acri, erano tenuti per il Re, come del suo Manor di Kenyngton alias Coldkenyngton. A Pasqua del Sedicesimo Anno del Regno di Enrico VIII (1509-1547), si ha un atto relativo a terre a Sonbury e Feltham. tra John Grover, di Kyngeston on Thames, Commerciante di Tessuti, e William Wodye, di Stanys, e sua moglie Agnes. Il 21 ottobre 1524, nel Sedicesimo Anno del Regno di Enrico VIII (1509-1547), si ha una concessione di terre a Feltham nella Contea del Middlesex, come contropartita di certe altre terre prese da Enrico VII per l'ampliamento di Hanworth Park (Westminster), per Thomas Norton, Maestro dell'Ospedale di Burton Lazars e St. Giles-in-the-Fields (Holborn). Il 31 dicembre 1524, la Hundred di Isleworth e Spelthorne risultava formata da "Istelworthe, Twickenham, Howneslowe and Heston, Stanwell, Stanys, Estbedford, Feltham, Hanworth, Sunbury, Hampton, Todyngton, Shepperton, Lyttelton, Lalam, and Ashford", Commissari erano Lord Windsor, Robert Chaseman, John Croke, Robert Burgyn, (per) William Walwyn. Il 10 gennaio del Diciottesimo Anno del Regno di Enrico VIII (1509-1547), si ha una concessione da parte di Ralph Kempe, Vicario di Feltham, figlio ed erede di John Kempe, prededentemente di Twickenham, a William Tyler, William Cowper, John Holden, Thomas Stanard, Vicario di Twykenam (Twickenam), e John Crofton, di uno spazio chiuso a Twickenham chiamato "Andrewes mershe"' ad uso del detto William Tyler. Sembra vi sia stata una successione abbastanza costante di Curati dalla Soppressione dei Monasteri. Uno, che era stato descritto come lettore già nel 1577, studiava Latino nel 1592 quando era solo un Diacono. Divenne Vicario di Feltham l'anno successivo, forse mantenendo la sua posizione ad Hounslow. Nel 1539, una legge del Parlamento rese Hampton Court un "Honour". I terreni annessi ad Hampton Court derivarono in parte da proprietà monastiche confiscate, ma anche da acquisti o privazioni di diritti civili. Limitatamente al Middlesex, vennero annessi i Manors di Hanworth e Kempton, Feltham, Teddington, con i Parchi di Hanworth e Kempton, e terre ad Hampton, Kempton, Feltham, Teddington, mentre, il successivo 1540, ulteriori Manors vennero aggregati all' "Honour" di Hampton Court, e per quanto riguarda il Middlesex, Haliford, Ashford, Laleham, Isleworth con i suoi membri, il sito dell'ex Monastero di Syon, ed altri terreni ad Hampton, Sunbury, Walton, Hanworth, Shepperton, Feltham. Il 31 maggio 1545, si ha una concessione che riguarda John Dudley, Visconte Lisle e Grrande Ammiraglio a John Welbeck della Canonica e del diritto di nomina del Rettore (advowson) relativa alla Casa Parrocchiale di Feltham nell'allora Middlesex. Nel Primo Anno del Regno di Eduardo VI (1547-1553), si ha un contratto relativo ad immobili a Feltham;e Laleton, tra, da un lato, Richard Lawrens e Nicholas Lawrens, dall'altro, Philip Martyr e sua moglie Joan. Nel Terzo Anno del medesimo Regno, il giorno di Pasqua, si ha un atto, supponiamo un testamento, relativo ad immobili, che vede da una parte Roland Page, John Bokenham e sua moglie Elizabeth, dall'altra, Margaret West, figlia e coerede di Edward West, deceduto. Si fa riferimento al Manor di Patys ed immobili ad East Bedfounte altrimenti Churche Bedfounte, Feltham, Asshford, Echelford, Stanes, Stanwell. Lo stesso Anno, si ha un altro atto relativo ad immobili a Feltham e Lyttelton, tra Richard Lawrens e Nicholas Lawrens, con sua moglie Dorothy. A Pasqua del Primo e Secondo Anno del Regno di Maria I e Filippo di Spagna (1553-1558), si ha un atto relativo ad un caseggiato con pertinenze e terreni a suo uso chiamato Dynes ed immobili a Feltham tra William Pyckley e William Bourne, e sua moglie Joan. Nel Terzo e Quarto Anno del Regno di Elisabetta I (1558-1603), il Giorno della Festa di San Michele, si ha un atto relativo ad immobili nel Manor di Patys ed a East Bedfount, altrimenti Churche Bedfount, Feltham, Assheford, altrimenti Echelford, Stanes, Stanwell, tra Thomas Brend e Roland Page. A Pasqua del Decimo Anno del medesimo Regno, si ha un atto relativo ad immobili a Feltham, tra Thomas Harte e John Turner e sua moglie Constance. Nella stessa data, si ha un altro atto, sempre relativo ad immobili a Feltham, tra Richard Lawrence e John Turnor e sua moglie Constance (gli ultimi due dovrebbero essere i medesimi che compaiono nel precedente atto). A tal punto, occorre preliminarmente spiegare il significato di "Chantry" (Latino "Obiit" = è dipartito) che era un fondo costituito durante l'Epoca Medioevale Inglese ante Riforma e destinato all'assunzione di uno o più Sacerdoti deputati a cantare un certo numero di messe per l'Anima di una ben specificata defunta persona, normalmente colui che aveva previsto la cosa nel suo testamento. Tali canti erano destinati a terminare dopo un certo periodo definito dalla morte del testatore, il che è logico, visto che la funzione delle messe era quella di far transitare più rapidamente l'Anima del defunto nel Purgatorio, in modo che raggiungesse eternamente nel Paradiso. Quindi, è ovvio che, una volta che l'Anima avesse raggiunto il Paradiso, non avrebbe avuto alcun senso protrarre le messe. Nell'Inghilterra Medioevale, perciò, le Cappelle dove tali canti si svolgevano divennero lo strumento necessario, pertanto, ne vennero fondate e dotate tante, con terre, rendite rinvenienti da specifiche proprietà, nonché altri beni forniti dal testatore. Le entrate servivano per sostentare il Sacerdote della Cappella, la quale veniva realizzata su terreni privati o era semplicemente rappresentata da un'area a tal uopo destinata o un altare in una Parish Church o una Cattedrale, appositamente realizzate per consentire al Sacerdote l'esercizio dei suoi compiti. Quindi, non necessariamente la "Chantry" era una Cappella racchiusa all'interno di una Chiesa di maggiori dimensioni, potendo bensì essere un singolo altare collocato in un corridoio laterale di una Chiesa, in genere dedicato al Santo preferito del testatore. Ci si rende, perciò, facilmente conto che, col passare dei secoli, le ricchezze afferenti divennero enormi, anche perché tanti donatori contribuirono all'accumulo. Nel frattempo, i Sacerdoti deputati o i feudatari che li avevano assunti, molto spesso, erano in condizione di usufruire di tali ricchezze. Gli effetti nefasti, furono, da un lato, il "deragliamento" dei Religiosi dal tipo di vita che avrebbero dovuto condurre ...., dall'altro, l'acquisizione di un enorme ricchezza e potere da parte della Chiesa, che sfuggiva al controllo feudale della Corona. Tale degenerazione costituì una delle ragioni che indusse Enrico VIII a disporre la Soppressione dei Monasteri in Inghilterra: le Cappelle vennero soppresse e le loro ricchezze vendute o concesse a persone designate da Enrico VIII e suo figlio Eduardo VI, tramite la c.d. "Court of Augmentations", che, nel 1554, venne incorporata nel c.d. "Exchequer" (Tesoro) come "Augmentation Office". Orbene, e finalmente, dopo tutto questo "sproloquio", giungiamo al dato che interessa specificamente ai fini di questa pagina web, nel 1584, in relazione ai "Chantry Certificate" del Middlesex, non risultano terre destinate a questi scopi, e si legge "Memoranda: 85 communicants. Sir Thomas Cotton, rector, receives £11 p.a. Sir Richard Penmentory, vicar, receives £8 p.a.".

XVII secolo

Nel 1604, le imposte comuni erano pagabili alle Corti per Kempton, Feltham, Halliford e Sunbury. Il 21 ottobre del Dodicesimo Anno del Regno di Giacomo I (1603-1625), presso Hickes Hall, fu dato l'ordine relativo alla tassazione di complessive 2.000 sterline per l'acquisto, la costruzione ed il completamento di una Casa di Correzione nel Middlesex, ripartendosi la somma tra le sue Hudreds (lasciamo l'Inglese del tempo, in modo che il lettore possa apprezzarlo): "that a Rate and Taxacion for the levyinge and raysinge of the somme of 2000 li. shold be ymposed and rated and taxed upon the whole Countye of Middlesex" (for the buyinge, buildinge and finishinge of a House of Correccion for the say'd countye) in manner and forme followinge", e relativamente alla Hundred di The Hundred of Spelthorne. l'importo in sterline fu: Stanes 40, Stanwell 30, Laleham 15, Shepperton 18, Litleton 18, Ashforde 18, Sonburye 22, Hampton 22, Tuddington 12, Hanworthe 10, Feltham 18, East Bedfonte 18. Nel 1616, Obadiah Tangley era il Vicario di Feltham, che, se non abbiamo errato ad interpretare, era uscito dal Corpus Christi College il 9 luglio 1612. Il 24 e 25 gennaio del 1617-1618, Quindicesimo Anno del Regno di Giacomo I, in una "Session of the Peace and Gaol Delivery", si ordina che Jane Chaundelor, una vagabonda presa a Stanwell, il cui luogo di nascita non è conosciuto, sia sostentata nella Parish di Feltham, dove si era stabilita nel corso di un anno passato, e che George Chaundelor di Hillingdon debba assumere obbligazione con fideiussioni per il pagamento di 12d. settimanali e gli arretrati, dovuti agli abitanti di Feltham, per cui Egli, sino ad allora, aveva dato il suo consenso al pagamento. Il 3 ottobre 1636, Dodicesimo Anno del Regno di Carlo I (1625-1649), a Turnham Green nell'allora Contea del Middlesex, viene fatta la valutazione settimanale per aiutare le persone affette o che saranno colpite dalla peste nelle varie Parishes di St. Giles-in-the-Fields, St. Giles Criplegate e St. Sepulcher's nel Middlesex., Clerkenwell, Islington, St. Katherin's, Eastsmithfeild, Whitechappell, Stepney, Shoreditch e Isleworth; dato che gli abitanti di dette Parishes, essendo stati già tassati per il sostegno della povera gente infettata dalla peste nell'ambito di dette Parishes, non erano ritenute più in grado di alleviare se stessi più a lungo. L'importo relativo a Feltham è pari a 10s. Il 25 giugno 1647, una lettera riporta che vi era stato un errore nel posizionamento di alcuni reggimenti, che si erano avvicinati troppo a Londra, senza mantenere la distanza approssimativa corrispondente ad Uxbridge, e su erano acquartierati a distanza pari, ad esempio, ad Harrow on the Hill, Hayes, Brentford, Harlington, Feltham, Hanworth. Fu inviato l'ordine di allontanarsi ed allinearsi ad una distanza di circa 15-16 miglia da Londra. In aggiunta, si intimò ai Generali ed agli Ufficiali di non avanzare, né di accamparsi più in prossimità di Londra, prima che fosse stata data notizia al Parlamento ed alla (Corporazione) della City of London. Nel 1670, terreni a Isleworth ed Heston vennero trasferiti con i Manors di Hanworth e Feltham. Lungo il Fiume Crane, sotto Baber Bridge, nel 1675, John Ogilby riportò una fabbrica di produzione di spade, e si dice che la fabbrica si fosse spostata qui dalla fabbrica di Bedfont, dopo che era stata convertita in fabbrica di polvere da sparo. Nel 1687, tuttavia, si affermò affidabilmente che i proprietari della fabbrica di Bedfont sopra il ponte avevano ricevuto un contratto di locazione congiunto circa 21 anni prima dal Conte di Northumberland, proprietario del Diume, e da Francis Phillips, il proprietario della terra, ed avevano poi costruito una seconda fabbrica di polvere da sparo sulle sponde di Feltham sotto il ponte. Nel 1679, la Signora Mary Reeve, nel suo testamento, lasciò dei terreni nei campi comuni di Laleham e di Feltham, i cui canoni dovevano essere utilizzati per la distribuzione del pane ai poveri di Ashford che frequentavano la Chiesa nella proporzione di 12d. settimanali, ed il residuo pane ai poveri di Laleham. All'atto delle recinzioni nelle rispettive Parishes, vennero attribuiti rispettivamente, circa 3 acri e mezzo a Laleham e 2 acri a Feltham, che erano affittati per 14 sterline all'anno. Nel 1694, Kempton e Feltham avevano entrambe un Sovrintendente. Nel gennaio 1696, si ha un ordine in una disputa tra le Parish di Hanworth e Feltham relativa ad un tal Robert Weatherhead. Il 21 aprile 1698, in riferimento ad un fitto da parte della Corona per 16 anni a favore di Samuel Newton e suoi eredi, al canone annuo di 600 sterline, gli Amministratori fiduciari per la concessione ricevono i mandati di incasso, che, in base al preventivo della ripartizione del canone nella City of London, prevede per il Manor di Feltam alias Felthams, la somma di 2£ 0s. 0d. Nell'aprile 1699, vi è una disputa tra le Parishes di Feltham e Twickenham, in riferimento alla quale si ha un ordine per la sistemazione di Edward Persfield, la vedova Stanley ei suoi (di lei) due figli. Il detto Persfield serviva James Gardiner, di Feltham, agricoltore, come inserviente da tre anni.

XVIII secolo

Un'imposta variamente denominata, "County" "Borough", "Marshalsea", "Gaol" (Rate) fu applicata dai Giudici distrettuali a tutti i proprietari di casa per pagare le spese del tribunale, il trasporto di vagabondi, il mantenimento delle carceri e case di correzione, la riparazione di ponti e, soprattutto in guerra, l'assistenza ai soldati e marinai feriti. Orbene, nell'aprile 1700, Thomas Foot, di Feltham, viene nominato Tesoriere per "Marshalsea" (Rate) per le Hundreds di Elthorne, Spelthorne (in cui ricadeva Feltham) ed Isleworth. Nel 1704, il Lord del Manor di Sunbury reclamò il diritto di condurre il "Common" di Ashford, Charlton, Feltham, Halliford, Kempton, Sunbury. In merito ad accampamenti (riteniamo di soldati) su terreni privati e relativi indennizzi, il sito di un campo fu fittato da Lord Belasyse (morto nel 1689), che si diceva avessa casa a Whitton. Hospital Bridge, oltre il Fiume Crane a sud di Whitton, era così chiamato nel 1754 probabilmente per l'esistenza dell'Ospedale da campo.  Stampe del 1686 mostrano il campo ad est del Fiume Crane e la maggior parte a sud di Staines Road, ma un'altra mappa del 1740 suggerisce che almeno parte del campo si trovasse ad ovest del Fiume Crane. Tale incertezza fu dovuta forse al fatto che i pagamenti per i danni causati dall'accampamento furono fatti a Sir Thomas Chambers, un proprietario terriero a  Feltham ed Hanworth. Essi vennero anche reclamati da Lord Berkeley, che possedeva a Cranford. La maggior parte dei campi venne smantellata dopo l'ascesa al Trono di Guglielmo III (1689-1702), ma rassegne militari e raduni continuarono ad essere tenuti sulla brughiera ad intervalli durante il XVIII secolo e nel 1784, il Generale William Roy fissò la linea di base dell'Ordnance Survey sulla Brughiera di Feltham. William Wynne Ryland, il noto Incisore, pioniere nell'uso del gesso o linea tratteggiata (tecnica del puntinismo), è sepolto nel Cimitero-Giardino di St Dunstan's. Fu impiccato a Tyburn il 29 agosto 1793 per aver contraffatto due obbligazioni della Compagnia delle Indie Orientali.

XIX secolo

La Parish di Feltham fu recintata nel 1800 con Hanworth e Sunbury.  Sino a quella data, Hounslow Heath si estendeva sopra la parte orientale della Parish, ed apparentemente, le sole strade esistenti allora erano quelle da Ashford e da Hanworth (la brughiera, stando ad un'indagine del 1546, si estendeva su 4.293 acri di terra nelle Parishes e borghi di Hounslow, Heston, Isleworth, Brentford, Twickenham, Feltham, Harlington, Cranford, Harmondsworth, Stanwell, Hanworth, Bedfont, Hampton, Teddington). Neli secoli XVII e XVIII esisteva un ponte che portava oltre il Fiume Crane a Feltham su Hounslow Heath, ma nel XIX secolo, non esisteva più. Persino quella che al principio del XX secolo sarebbe diventata la strada principale, che conduceva dal Villaggio di Feltham ad Hounslow, venne costruita successivamente alla data citata. Anche il bivio da Hatton e le strade che conducevano ad ovest dalla Chiesa di St. Dunstan verso Bedfont e verso sud fino a Feltham Hill vennero disegnate in questo periodo, le due ultime seguendo i percorsi di antichi sentieri.  La Chiesa odierna risale al 1808, quando vennero realizzate la navata ed il Presbiterio di eguale larghezza, con torre occidentale e guglia di legno coperta da coppi (tipo di tegola). Nel 1853, vennero aggiunte le Navate settentrionali e meridionali, in flebile stile Romanico, ed a nord del Presibiterio, la Sagrestia. Il tutto realizzato con mattoni gialli e violacei, con finestre a tutto sesto. Da segnalare, una tavole di Sir Thomas Crewe di Steane (Northampton), del 1688 e tre campane di Thomas Mears del 1803. Nel 1848, in "A Topographical Dictionary of England", si legge quanto segue: "FELTHAM (St. Dunstan), a parish, in the union of Staines, hundred of Spelthorne, county of Middlesex, 4 miles (S. W.) from Hounslow; containing 1029 inhabitants. This place, which is noticed in Domesday book, is supposed to have been originally called Feldham, signifying "the field village." The manor and advowson were given to the hospital of St. Giles without the Bars, which grant was confirmed by Henry II. In 1634, the manor-house and nearly the whole village were destroyed by an accidental fire, when, also, the registers of the parish were burnt. The living is a discharged vicarage, valued in the king's books at £8; net income, £302; patrons, the family of Morris; impropriators, the family of Tousaint. The church was rebuilt in 1802, and contains some interesting monuments.". Il centro di Feltham ebbe il suo sviluppo socio-economico dal 1860, quando il "fulcro" del Villaggio si spostò da St. Dustan's verso nord, stimolato dall'arrivo della ferrovia e dalla costruzione della stazione nel 1848. da parte di Windsor Staines and South Western Railway, divenuta successivamente London and South Western Railway. Il villaggio era sviluppato in lunghezza ed in maniera irregolare e estendeva per oltre un miglio (a sud-ovest della stazione di Feltham) lungo la strada per Hounslow. La parte più antica si trovava verso sud, attorno alla Chiesa St. Dunstan. Le case erano vicino lungo alla strada stretta, che descrive una curva bruscamente a destra, e poi con una svolta ad angolo retto a sinistra procedeva oltre Feltham Farm verso la parte centrale di Feltham. In tal punto, prende il nome di High Street, e si allargava leggermente prima di raggiungere il Red Lion Hotel, appena oltre il quale si trovava un grande stagno alla destra della strada. Verso nord, ancora una volta vi erano case e negozi più moderni, che aumentavano di anno in anno. Più a nord-ovest, c'era Southville, che al principio del XIX secolo era formato da due strade di case della classe operaia. Edifici moderni erano stati realizzati a breve distanza dalla stazione, che si trovava sul ramo di Windsor della London e South Western Railway. La Parish di Feltham era conosciuta soprattutto per la Scuola Industriale del Middlesex per i ragazzi, che occupava un ampio tratto di terreno nel sud-ovest tra le strade per Ashford e East Bedfont. Venne costruita nel 1859 per ospitare circa 1.000 studenti, con un grande edificio principale, Cappella, infermeria, laboratorio, fabbrica di gas, residenze per i dipendenti ed altri edifici indipendenti. Circa 70 acri di terreno erano coltivati da tale Istituzione. Vicino al Villaggio di Feltham, c'erano fabbriche di lavorazione dell'avorio ed una fabbrica di cartucce sorgeva sulle rive del Fiume Crane. Vicino alla stazione vennero costruite delle segherie; in precedenza, nei pressi della linea ferroviaria, operava una grande cava di ghiaia. Una parte considerevole della Parish era coltivata con vivai ed orti. Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Feltham nella Contea del Middlesex come segue: "a village and a parish in Staines district, Middlesex. The village stands on the Richmond Extension railway, near the Longford river, 4¼ miles E by N of Staines; has a station on the railway with telegraph, and a post office‡ under Hounslow, London W; and is a pleasant rural place, environed by many ornate dwellings. ... The parish comprises 2, 620 acres. Real property, £6, 615. Pop. in 1851, 1, 109; in 1861, 1,837. Houses, 306. The increase of pop. arose partly from the facilities of railway communication with London, and partly from the establishment of industrial and Welsh schools. The manor belonged, at Domesday, to Earl Mortaigne; passed to the Cottingtons, the Beauclercs, and others; was held, in 1537, by Henry VIII.; went to the Veres; and belongs now to Messrs. Barnett and Birch. The living is a vicarage in the diocese of London. Value, £302.* Patron, W. J. Jemmett, Esq. The church occupies the site of an ancient one; was built in 1802, and enlarged in 1856; and has a tower and spire. There are chapels for Independents and Wesleyans. Charities, £90.". Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Feltham come segue: "par. and vil. with ry. sta., Middlesex, 6 miles SW. of Brentford and 15 miles SW. of London, 1790 ac., pop. 2909; P.O., T.O.; contains the seat of Feltham Park". I bisogni spirituali della crescente popolazione vennero soddisfatti con l'erezione di St. Catherine's, costruita nel 1880 alla fine superiore del Villaggio (nella Toponomastica residua Saint Catharines Court), come Cappella di servizio della Parish Church, che si trova alla fine superiore del villaggio. Nel 1890, venne aggiunto un portico settentrionale ed una torre e guglia nel 1898. Vi erano anche due grandi Cappelle Congregazionali, una delle quali fondata nel 1805 e ricostruita nel 1865, la seconda realizzata nel 1905. Una Cappella Wesleyana fu eretta nel 1870, e nello stesso anno anche una Cappella Battista. Nel 1880, venne realizzato un Cimitero di 1 acro e mezzo al costo di circa 1.400 sterline. Nel 1868, Padre Ignatius fondò il Convento di SS. Mary and Scholastica, appartenente ad una Comunità Anglicana di Suore che seguivano la Regola di San Benedetto. Si sostentava principalmente dalla vendita dei lavori di cucito e ricamo realizzati dalle Suore; c'era un piccolo Orfanotrofio ed una Scuola diurna collegata ad esso. Lo stabilimento terminò la sua attività e fu rimosso nel 1873. Il borgo di Feltham Hill si trovava ai confini meridionali della Parish, a ridosso di St. Dustan's, a nord della Chiesa. Era formato principalmente da poche case private su terreni di proprietà. Alfred William Smith, uno dei principali proprietari terrieri a Feltham, viveva in "The Park" a Feltham Hill. La vecchia Manor House di Feltham era la residenza di un altro proprietario terriero, Robert Smith. L'Attrice Frances Marie Kelly, Fondatrice della Scuola di Recitazione di Dean Street a Soho, trascorse gli ultimi anni della sua vita a Ross Cottage, ed è sepolta a Feltham. Morì nel 1882. Le statistiche relative all'evoluzione della popolazione della Parish di Feltham, dell'estensione di 1.709 acri, durante tutto il XIX secolo e l'inizio del XX secolo forniscono i seguenti dati: 620 (1801), 703 (1811), 962 (1821), 924 (1831), 1.029 (1841), 1.109 (1851), 1.837 (1861), 2.748 (1871), 2.909 (1881), 3.661 (1891), 4.534 (1901).

XX-XXI secoli

Nel 1911, dei 1.789 acri e mezzo del territorio di Feltham, circa i 2/3 erano formati da terreni coltivabili e 371 acri erano stabilmente coperti da erba. C'erano solo 20 acri di boschi, che si trovavano per lo più nei pressi delle case private nel nord-est. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, Feltham North fu colpita da 34 bombe tedesche altamente esplosive, Feltham West da 27 bombe tedesche altamente esplosive. Winston Electronics Ltd. si trasferì qui da Hampton Hill nel 1955, quando aveva circa 85 dipendenti. Nel 1958, il numero dei dipendenti era più che raddoppiato, alcuni dei quali vivevano a Feltham e Sunbury. Per la maggior parte del XX secolo, High Street di Feltham mantenne l'aspetto tradizionale con facciate di negozi in stile Tudor ed una grande Manor House medievale che fu controversamente demolita alla metà degli anni '60 per far posto a una concessionaria di auto e ad una pompa di benzina, poi, rimpiazzate da negozi e supermercati. La maggior parte dell'originaria High Street venne anche abbattuta a partire dal periodo di cui sopra sino al principio degli anni '70. Lungo Hanworth Road e strade limitrofe, si trovano edifici a schiera a più piani vittoriani ed eduardiani, case bifamiliari ed indipendenti, nonché nella piccola zona protetta a Feltham Pond sulla High Street. Lungo la linea ferroviaria, furono abbattuti molti vecchi cottages e case a schiera di lavoratori, al cui posto vennero costruiti condomini pubblici per senza tetto e per zone sovraffollate, che, comunque, nei primi anni del XXI secolo vennero rimpiazzati da appartamenti di proprietà in edifici con balconi. Nel 2006, venne aperto quello che rappresenta il fulcro attuale di Feltham, "The Centre", con cui vennero mantenuti, ma ristrutturati diversi negozi costruiti negli anni '60 (al posto degli edifici abbattuti), lungo High Street, ma molti vennero rimpiazzati da nuovi e più ampi negozi. L'area venne migliorata ulteriormente con la Biblioteca, un centro medico, un hotel, un pub, caffetterie, negozi.

2. Manor di Feltham

Dal "Toponimo", sapete non solo che "Feltham" è citata nella concessione del 969 del Re Edgard come uno dei membri di Staines, che era stata data a "St Peter's, Thorney", cioè, all'Abbazia di Westminster, da Offa, Re di Mercia, ma anche che tale concessione è di dubbia origine, e, sebbene Feltham possa essere appartenuta a Westminster in tempi antichi, non è citata tra i Manors appartenenti a Staines nella concessione di conferma di Eduardo Il Confessore, la cui autenticità è certa. Stando al Domesday Book, c'erano due Manors a Feltham prima della Conquista Normanna, uno formato da 5 unità tenute da un vassallo del Re Eduardo Il Confessore, l'altro, formato da 7 unità, tenute da un vassallo di Re Harold. Entrambi i Manors furono dati da Guglielmo Il Conquistatore a Robert, Conte di Mortain, che li tenne come un unico Manor. Nel 1104, le terre di Mortain furono acquisite da Enrico I dopo la ribellione di William, il figlio del citato Robert, Conte di Mortain.  Poco dopo, Feltham sembra essere stata concessa alla Famiglia Bedvers, che la tenne per il Re in "chief". Tale concessione, probabilmente, fu fatta a Richard de Redvers, che ottenne molte donazioni di terre come ricompensa dei suoi servizi ad Enrico I, prima dell'ascesa al Trono di quest'ultimo, e il figlio di Richard, Baldwin de Redvers, teneva terre a Feltham, mentre la figlia, Hawise de Roumare, Contessa di Lincoln, diede la Chiesa a St. Giles in the Fields. Il Manor passò apparentemente per linea maschile, giungendo poi a William de Vernon, anche noto come de Ripariis, o Rivers, il secondo figlio di Baldwin de Redvers, che subentrò nelle tenute di Famiglia e nel titolo di Conte del Devon dopo la morte dei figli di suo fratello maggiore, il più giovane dei quali morì nel 1184. William de Vernon morì nel 1216, e Feltham sembra essere passata attraverso il matrimonio di sua figlia Joan ad Hubert de Burgh, (matrimonio progettato, ma non realizzato) Giustiziere d'Inghilterra. Hubert de Burgh, nel 1228 o 1229, trasferì tutti i suoi diritti nel Manor ad Enrico III, insieme ai suoi diritti sul Manor di Kempton nella Parish di Sunbury, in cambio dei Manors di Aylsham (Norfolk) e Westhall (Suffolk). Da tale momento, o forse anche da prima, Feltham fu strettamente legata a Kempton, e come parte di quel Manor, fu soggetto alla giurisdizione del suo più vasto vicino (e per diversi scopi, continuò ad essere sua parte sino al XVII secolo). Nel 1245, Richard de Ponte, in virtù della sua qualifica di Custode del Manor di Kempton, ottenne l'esenzione da tutte le imposte e servizi dovuti per 2 virgates (Latino virgāta, 1/4 di unità, quindi, circa 30 acri) ed 1 acro e mezzo di terreni a Feltham, con riduzione del canone da 11s. 5½d. a 5s. Nel 1440, Robert Manfield, allora Custode del Manor, e William Pope, ebbero una concessione di 12s. giornalieri dai profitti delle città di Feltham e Kempton in ragione del loro ufficio di portare l'asta del Re e dei Cavalieri della Giarrettiera alla Festa di San Giorgio. Nel 1445, il Re estese la protezione a tutti gli uomini, affittuari e residenti nel suo Manor di Feltham, con l'assicurazione che il loro mais, fieno, cavallo, carrozza ed altre merci e di beni mobili non sarebbero stati sequestrati per essere usati dal Re per un periodo di dieci anni. Il 2 giugno 1536, Enrico VIII effettuò una permuta con il Maestro di Burton Lazars, a cui diede delle proprietà nel Leicestershire, ricevendo in cambio, tra gli altri, i Manors di Feltham ed Heston, immobili a Feltham ed Heston, con riserva della Chiesa e Canonica di Feltham, e tutte le porzioni di terreni al servizio del Clero da cui essi ritraevano un reddito, decime, che le appartenevano. Successivamente, Feltham fu annessa da Enrico VIII al Manor di Hampton Court, ed era tenuta per quel Manor nel 1594 e poi sino al 1631. Nel 1594, le "prerogative e questioni dei Tribunali, tutte le franchigie, prigilegi, emolumenti e beni ereditabili" a Feltham furono concessi a Sir William Killigrew con un contratto di locazione del Manor di Kempton e reativo Parco per 80 anni. Questa concessione forse fu fatta in vista delle recinzioni. Nel 1631, il figlio di Sir William, Sir Robert, ottenne una concessione in "free socage" dello stesso Manor e del Parco, presumibilmente con gli stessi diritti su Feltham; l'atto fa riferimento alla concessione di cui sopra a Sir William delle Corti e dei profitti dei Tribunali, ed altri emolumenti a Feltham, anche se nella conferma conseguente a Sir Robert, Feltham non è citato per nome. Nel 1651, suo figlio Sir William e suo nipote, e Robert Killigrew, tenevaro i diritti feudali su Feltham insieme al Manor di Kempton, e li trasmisero entrambi a Sir Brocket Spencer e William Muschamp. La concessione di giurisdizione di Feltham a Kempton a Sir William Killigrew nel 1594 non incise, ovviamente, sul possesso da parte del Re di queste terre a Feltham. Nel 1631, Francis Lord Cottington ottenne una concessione attraverso i suoi Amministratori fiduciari, Sir Henry Browne e John Cliffe, di queste terre sotto il titolo di "tutte le terre, caseggiati, e beni ereditari noti come il Manor di Feltham", insieme ad alcuni caseggiati specificati. Nel 1634, un grande incendio distrusse la Manor House di Lord Cottington, unitamente a 13 case, 16 fienili, determinando una perdita di circa 5,000 sterline. Lord Cottington parteggiò per il Re durante la Guerra Civile Inglese, e fu tra quelli che il Parlamento escluse da indennità o risarcimenti. Le sue tenute furon confiscate ed assegnate, nel 1649, a John Bradshaw (il Giudice-Capo che pronunziò la sentenza di morte al processo di Carlo I; alla Restaurazione di Carlo II, i suoi resti vennero riesumati ed impiccati simbolicamente nel 1660), ma vennero recuperate con la Resaturazione da suo nipote ed erede Charles Cottington. Egli vendette Feltham nel 1670 a Sir Thomas Chambers. Interessante è un ordine che si ritrova in un documento della Corte del 1676, secondo cui nessuno era autorizzato "a portare o ricevere nella Parish di Feltham o intrattenerervi qualsiasi estraneo o straniero come abitante" senza il consenso della maggioranza della Parish e senza aver dato assicurazioni agli Amministratori civili della Chiesa o Sorveglianti dei poveri in merito alla cura di tale straniero. Qualunque trasgressione di tal fatta sarebbe stata passibile di una multa di 11d., da pagare al Lord del Manor di Kempton. A quel tempo, la Parish non era recintata ed esisteva una grande distesa di pascoli comuni per i suini, e di conseguenza, vennero nominate per l'anno due persone per condurre i suini nella Corte Manoriale. Uno dei loro compiti era quello di dare l'allarme ai proprietari per ogni maiale non anellato, che avessero trovato nei campi comuni o nei campi, e se dopo due giorni l'avvertimento fosse stato ancora disatteso, avevano diritto ad incassare 4d. per ciascun fondo e 2d. per ogni suino, al di là dell'importo dell'ammenda pagata dal proprietario al Lord del Manor. Nel 1670, i Manors di Hanworth e Feltham formarono oggetto di trasferimento unitamente a terreni a Twickenham. Sir Thomas Chambers morì nel 1692, e fu succeduto da suo figlio Thomas, che lasciò due figlie. Per matrimonio della più anziana, Mary, Feltham andò al Lord Vere Beauclerk.  Fu eraditata dal loro figlio, Aubrey (Beauclerk) Baron Vere, che succedette suo cugino nel 1787 come Duca di St. Albans. Possedeva ancora il Manor nel 1802, ma, probabilmente, venne venduto dopo la sua morte nel 1803 al Signor Fish, che morì prima del 1816.  Prima del 1874 andò a Thomas ed Edward Barnet, e Peregrine Birch, che insieme ad altri, lo tenevano nel 1911. Sembra probabile che i diritti feudali su Feltham si estinsero verso la fine del XVII secolo. Ci sono prove di Corti svolte lì dai Lords di Kempton nel 1676 e 1700. I diritti feudali, probabilmente, si estinsero subito dopo.

3. Rectory Manor e l'Ospedale di St. Giles-in-the-fields

Era anche noto come "Manor di Feltham" ed era tenuto per il Re "in chief". L'Ospedale (per i lebbrosi) di St. Giles-in-the-Fields (fondato nel 1101 da Matilda di Scozia, moglie di Enrico I) ricevette una concessione di terra a Feltham in epoca remota dal Conte Baldwin de Redvers. Il dono fu ascritto ai Regni di Riccardo I e Giovanni Senza Terra, ma nessun membro della Famiglia chiamata Baldwin viveva a quel tempo, per cui, è probabile che la donazione fu fatta da Baldwin de Redvers figlio ed erede di Richard de Redvers, e Primo Conte del Devon, la cui sorella aveva dato la Chiesa di Feltham all'Ospedale. In tal caso, la concessione deve aver avuto luogo prima del 1155, l'anno in cui Baldwin morì. Essa fu confermata all'Ospedale dal Papa Alessandro IV al tempo di Enrico III (1216-1272). L'Ospedale di St. Giles-in-the-fields aveva, tra le altre, proprietà concentrate nella sezione occidentale del Middlesex, a Feltham, Heston ed Isleworth. Di tutte le proprietà dell'Ospedale. solo la Chiesa di Feltham era soggetta al Vescovo, mentre solo il Re aveva il diritto di visitare St. Giles. Durante il Regno di Giovanni Senza Terra, il Maestro ed i Fratelli di St. Giles-in-the-fields concessero terra a Feltham a Robert Simplex al canone annuale di 14s. Quando uno dei Fratelli passava per Feltham, in base ai termini del contratto di locazione, l'affittuario Robert Simplex era obbligato a di riceverli nella Casa (Hospicium) e fornire loro gli alimenti che era in grado di dare. In aggiunta, era tenuto a dare all'Ospedale un decimo del prodotto della terra, e un terzo di tutti i suoi beni mobili alla sua morte, in cambio dei quali la terra era assicurata a lui ed ai suoi eredi, anche se non la poteva né dare in pegno, né alienare, e l'Ospedale era obbligato a costringere i villani della tenuta a lavorare per lui. Si tratta, forse, della medesima Casa citata nel 1307 sotto la custodia di Robert Simplex. Un'inchiesta fu fatta allora sull'opportunità di far terminare una strada nel Villaggio di Feltham che conducesse al Villaggio ben attraverso il cortile intermedio della Casa appartenente a St. Giles. Il Villaggio sembra essere stato esattamente all'interno del Manor di Feltham del Re, ma alla condizione che l'Ospedale realizzasse un nuovo ed egualmente conveniente approccio al pozzo essi sarebbero stati autorizzati a terminale la vecchia strada. La modifica avvantaggiò effettivamente entrambe le parti, visto che, non solo l'Ospedale si assicurò la riservatezza della Casa ed al tempo stesso la nuova strada era significativamente più breve e più larga della vecchia. Nel settembre 1354, nei "Calendar of Letter-Books" della City of London, è citata una lettera di protezione di Papa Alessandro (forse IV, il cui Pontificato andò dal 1254 al 1261), in favore dell'Ospedale di St. Giles "without London" (si trovava allora fuori delle mura della City), a cui confermava, tra l'altro, la Chiesa e terre a Feltham date dal Conte Baldewyn de Redivers e dalla Contessa Hawysia. Tale concessione e conferma andavano debitamente osservati sotto pena della scomunica. L'Ospedale di St. Giles tenne il Rectory Manor sino al 1537, quando, in cambio del Manor di Burton Lazars, venne ceduto al Re. Dopo la Soppressione della Casa, nel 1544, tutti i terreni che l'Ospedale aveva posseduto a Feltham, vennero concessi a John Dudley, Visconte Lisle, figlio del Conte di Northumberland. Egli li vendette nel maggio 1545 a John Welbeck, che li trasmise durante il medesimo mese a John Leigh di Londra, probabilmente ipotecati, dato che Welbeck fu autorizzato a venderli ad Andrew Bury nel seguente dicembre. Vi è incertezza su come Rectory Manor giunse ad Edward Bashe o Baeshe, che morì possedendolo nel 1587. L'anno precedente, lo aveva destinato a suo figlio ed erede Ralph, dal suo ultimo matrimonio con Frances, figlia di Edward Cary. Nel 1595, Ralph e Frances lo strasmisero a Walter Gibbes e sua moglie Elizabeth. Con testamento datato 7 giugno 1612, Walter lo destinò ad Elizabeth per 21 anni. Ella apparentemente morì prima del maggio 1620, dato che Walter Gibbes, il figlio maggiore ed erede del più vecchio Walter, venne nella sua eredità a quel tempo. Nel 1626, Egli lo trasmise a William Penfather, da cui passò a Francis Lord Cottington, il quale, nel 1631, ebbe una concessione sul reputato Manor di Feltham. Da quel momento, Rectory Manor passò attraverso gli stessi proprietari del Manor di Feltham (v. paragrafo specifico).

4. Rye

Avete letto già più volte questo nome, che si presenta anche come "Reye", "Ray", "Raye" (XVI e XVII secoli). Tale tenuta fu posseduta per i Lords di Feltham. William de Vernon diede terreni a Feltham al Convento di Cheshunt,  e tale donazione fu confermata da Hubert de Burgh come Lord del Manor di Feltham prima del 1229. La terra del Convento fu tentua da Agnes de la Rye, probabilmente la figlia o la vedova di Richard de la Rye. Sia che Egli abbia tratto il suo nome dalla terra o che la terra abbia tratto il nome da lui, sembra essere stato conosciuto come "The Rye" da quel momento. A causa di Dionysia, Priora di Cheshunt, e come risultato di una causa forse collusiva, Agnes trasferì la sua terra nel 1257 a John "the Warrener" (doveva essere un allevatore di conigli, visto che "Warren" era una serie comunicante di tane di conigli) di Kempton, al canone annuale di affitto di 7s. Nel 1311, Alice de Somery, che era allora la Priora, rilasciò tutto i diritti del Convento sulla terra a John, che sembra averla estesa in misura considerevole tramite aggiunzioni; tuttavia, di questo sub-affitto, si è persa traccia. "The Rye" essendo passata alla Corona nel 1228 come parte del Manor, nel 1524, fu concessa da Enrico VIII all'Ospedale di St. Giles-in-the-fields, in cambio di altre terre di Feltham che Enrico VII aveva preso per l'ampliamento del Hanworth Park, e per i quali nessun compenso era stato fatto. "The Rye", allora, era costituita da un fienile, una casa colonica, un fazzoletto di terra, uno spazio chiuso e 30 ettari di terreno. Dopo che le terre di St. Giles vennero cedute alla Corona nel 1537, "The Rye" fu concessa a John Welbeck nel 1543, con un contratto di 21 anni. Venne inclusa nella concessione del Manor agli Amministratori fiduciari di Lord Cottington nel 1631,  ed era a quel tempo, come lo era stata nel 1543, divisa in due parti, "Great Rye", contenente un fienile, due spazi rinchiusi, 4 acri di pascoli e boschi, "Little Rye", formata da 3 acri.  Entrambe le parti vennero incluse nel Manor nel 1670.  "Rye Close" era ancora nota nel 1800, sul bordo meridionale della Parish ad est di Feltham Hill.

5. Haubergers (o Lucyes)

Una tenuta chiamata "Haubergers" a Feltham era tenuta apparentemente "in chief", cioè, da un vassallo per investitura diretta del Re. John le Hauberger tenne una rilevante tenuta a Feltham al tempo del Regn odi Eduardo II (1309-1327). Circa 40 acri di terra erano appartenuti a Thomas atte Brugge, che li teneva per il Re, e questi erano stati acquistati da John le Hauberger da Thomas le Spenser nel Regno precedente di Eduardo I (1272-1307). Poiché la transazione venne effettuata senza ottenere l'autorizzazione del Re, i terreni andarono nelle sue mani. Dietro il pagamento di un'ammenda, tuttavia, la viiolazione venne perdonata e John le Hauberger venne autorizzato a rientrarvi in possesso nel 1326. Egli morì nel 1335, ed unitamente a sua moglie Margaret possedeva un certo ammontare di terre a Feltham per il Re al canone annuale di 15s., pagabili al Manor di Kempton.  Egli possedeva anche una piccola tenuta dell'Ospedale di St. Giles-in-the-fields ed entrambe vennero ereditate da suo figlio Edward le Hauberger, che nacque e venne battezzato a Feltham. E' probabile che furono queste terre ad essere conosciute successivamente come "Haubergers" o "Lucyes". Una fattoria con questo nome venne venduta da Nicholas Townly a Francis Lord Cottington nel XVII secolo e passo unitamente al Manor a suo nipote Charles Cottington. Il Manor venne venduto a Sir Thomas Chambers nel 1670, ma Haubergers venne escluso. Fu causa di contenzioso subito dopo tra Charles Cottington e Francis Philips, che teneva il Manor di Kempton e la fattoria fu venduta alla fine all'ultimo nel 1674 per la somma di 150 sterline, ed in considerazione del rilascio di £29 13s. 4d. che Cottington gli doveva come costi e spese nella precedente causa. Era allora nota come Feltham Farm, e sembra che sia passata col Manor di Kempton, dato che nel 1800, era supposta formare parte della proprietà di Edmund Hill, che aveva comprato Kempton nel 1798. Al principio del XX secolo, Feltham Farm si snodava lungo la strada principale vicino alla parte più vecchia del Villaggio. 

6. St. Dustan's

La Chiesa è citata per la prima volta in una concessione del XII secolo, quando essa fu data all'Ospedale di St. Giles in-the-Fields (Holborn) da Hawis, moglie di William de Roumare, Conte di Lincoln, sorella del Conte Baldwin de Redvers che diede altre terre (v. Rectory Manor) a Feltham al medesimo Ospedale. Il dono della Chiesa venne confermato da Enrico II, e verso il 1221, da Eustace, Vescovo di Londra, ed ancora da Papa Alessandro IV, e successivamente, da Eduardo I.  Prima del 1322, venne creata una Canonica (abitazione del Parroco) e dotata, a cui continuariono a contribuire il Guardiano ed i Fratelli sino alla Soppressione. Nel 1293, quando i Fratelli di San Giles in-the-Fields resistettero alla pretesa del Vescovo di Londra di esercitare la giurisdizione sopra l'Ospedale e tutti i suoi possedimenti, un'eccezione speciale fu fatta per Feltham, e la sua Chiesa fu dichiarata completamente fuori Londra, ma nella Diocesi di Londra, tanto che i Vescovi, abituati a visitarla, apparentemente continuarono a farlo. Nel 1398, Riccardo II diede l'Ospedale di St. Giles in-the-Fields, con la Chiesa di Feltham, all'Abbazia di St. Mary Graces presso la Torre di Londra. E' dubbio, tuttavia, se la concessione abbia prodotto effetto, ed, in ogni caso, la custodia di St. Giles in-the-Fields fu confermata da Enrico V al Monastero di Burton Lazars (St Lazarus) nel Leicestershire. Quando nel 1537, il Maestro di Burton (Ordine militare ed ospedaliero di Saint Lazarus) cedette il "Rectory Manor" (v. paragrafo specifico) di Feltham al Re, la Chiesa venne esclusa dalla concessione e, probabilmente, non giuse alla Corona prima della Soppressione del Monastero nel 1539. Da allora, il diritto di nomina del Rettore (advowson) fu tenuto unitamente al "Rectory Manor (v. paragrafo specifico). Nel 1649, all'atto della confisca delle tenute di Lord Cottington, citato in precedenza, il diritto di nomina (advowson) fu assegnato col Manor a John Bradshaw. Nel 1651, nel ricevere le decime di Feltham, Egli inviò una esternazione agli abitanti della Parish, affermando che la sua anzietà relativa alle "cose spirituali" lo aveva indotto a fornire loro e dotare un Ministro del Culto senza imporre loro dei costi. Nel suo testamento, effettuò un lascito finalizzato al sostentamente di un buon Ministro a Feltham,  ma tutte le sue proprietà furono confiscate in forza di una legge del maggio 1660,  ed il diritto di nomina del Rettore (advowson) fu ricostituito in capo al nipote ed erede di Lord Cottington, Charles Cottington. Tale diritto continuò col Manor per oltre un secolo, e così, nel 1802, era tenuto del Duca di St. Albans, anche se, sembra, fu separato dal Manor al principio del XIX secolo. Dal 1816 al 1840 spettò al Reverendo Joseph Morris,  poi al Reverendo P. P. Bradfield sino a circa il 1850, poi da Charles E. Jemmet, alla cui morte, fu gestito dai suoi esecutori testamentari. Nel 1911, spettava a E. J. Wythes di Copped Hall (Essex), il cui padre aveva sposato Catharine Sarah, figlia del citato Charles E. Jemmet. I registri di St. Dustan's antecedenti al 1634 perirono in un incendio di quell'anno, residuandone cinque, di cui due riportano i dati dal 1634 in ordine irregolare, un terzo contiene i battesimi dal 1711 al 1806, un quarto i matrimoni dal 1754 al 1812 in forma stampata, un quinto le sepolture del 1754 e 1812. St. Dustan's, o anche Parish Church of St. Dustan, si trova sul lato meridionale di Lower Feltham. Venne interamente ricostruita nel 1802, conservando e ricollocando qualche elemento della Chiesa pregressa, e venne ampliata nel 1855–1856. Deve essere stata apprezzata, visto che fu scritto: "may be mentioned as of unusually good character for its period".

Hounslow - Visita guidata

L'uscita della stazione dal lato settentrionale

L'uscita della stazione dal lato settentrionale

New Road

New Road

Belfont Lane

Belfont Lane

Moderni edifici

Moderni edifici

Londford River

Londford River

Chiesa

Chiesa

High Street - Torretta iniziale

High Street - Torretta iniziale

High Street - Negozi

High Street - Negozi

Un angolo della moderna area commerciale

Un angolo della moderna area commerciale

Monumento ai Caduti

Monumento ai Caduti

Feltham Green

Feltham Green

Saint Lawrence's Roman Catholic Church

Saint Lawrence's Roman Catholic Church

High Street - Toretta finale

High Street - Toretta finale

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it