www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Moorgate

Sintesi

Moorgate è una stazione della metropolitana (Circle Line, Metropolitan Line, Hammersmith & City Line) ed una stazione ferroviaria (First Capital Connect).

Distanza dal centro: 2,2 miglia.

Attrattiva: notevole, sia dal punto di vista storico (rovine romane ed architettura medioevale) che culturale (Barbican Centre).

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione della metropolitana, siete su Moorgate. Guardandovi attorno, siete colpiti dalle tante costruzioni moderne che sovrastano quelle antiche, alcune carine. Imboccando in direzione est Finsbury Circus, avete ad immediata "portata di piede" l'omonimo spazio verde Finsbury Circus. A tal punto: 1. Se andate verso nord, alle spalle della piazza trovate St Mary Moorfields Roman Catholic Church (l'unica Chiesa Cattolica nella City). Imboccate South Place e girate a destra in Finsbury Pavement, in modo da raggiungere Finsbury Square Gardens (sulla destra) e dopo poco Bunhill Fields Burial Grounds, ma ormai, siete più vicini alla stazione di Old Street; 2. Se invece, dopo aver gironzolato per Finsbury Circus andate in direzione sud, seguite Circus Place, per raggiungere la lunga strada London Wall: andando a sinistra, raggiungete i paraggi della stazione di Liverpool Street, mentre andando a destra, se girate subito in Moorgate, raggiungete la stazione di Bank (a metà strada, tra le stazioni di Moorgate e Bank, si trova il Guildhall, sede della City of London Corporation e sede del governo della City dal Medioevo. Accanto ad essa, e collegata internamente, si trova la Guildhall Art Gallery, che ospita raccolta d'arte della City of London); invece, se girate sulla destra in Monkwell Square, alle sue spalle trovate il Barbican Centre (di cui leggete in Barbican). Proseguendo ancora lungo la strada sovracitata, raggiungete il Museum of London: siete a distanza intermedia tra le stazioni di St Paul's e Barbican.

Toponimo

Il nome si ritrova quasi immutato nel corso dei secoli: "Mor" (XI secolo), "La More" (1265), "Moregate" (1415, 1603), "Moor Gate" (1658) ed altre varianti simili "Moore-gate", "Mooregate", "Moorgate". Nessun dubbio in merito al suo significato, visto che il termine è chiaramente composto da Moor (Old English mor) (Brughiera, Palude) + Gate (Porta di città fortificata), per cui, significa "Porta da cui si esce verso la brughiera o palude".

Storia

Per agevolare la lettura, distinguiamo i seguenti punti:

1. Eventi storici di rilievo

In epoca romana, c'era una porta minore o un passaggio. Non si trattava, perciò, di una delle più grandi ed importanti porte di Londinium. Chiamata in Tardo Latino "Posterula" (ndr in Italiano, "Postierla"), tramite il Vecchio Francese "Posterne", era stata recepita in Middle English come "Postern". In un documento dell'XI secolo, si fa riferimento alla brughiera o palude a nord delle mura della City: "thoene mor with-uten Crepelesgate" (brughiera fuori Cripplegate). Ed infatti, successivamente, nel 1411-1412, veniva descritta "una piccola porta nel muro settentrionale tra le porte di Bisshopesgate e Crepylgate" che conduceva ad una brughiera chiamata "Le More" (successivamente denominata "Moorfields"), che costituiva uno degli ultimi pezzi di terra aperta nella City. Verso il 1415, un decreto di Thomas Falconer, Sindaco di Londra, stabilì che la vecchia piccola porta costruita nelle mura della City che conduceva a "The Moor" fosse abbattuta e ne venisse costruita una nuova e più grande ad ovest di essa, in legno, da tener chiusa di notte", rompendo il muro della "Cittie" vicino "Colemanstreete". Tale potenziamento venne fatto per utilità dei cittadini, affinché potessero agevolmente raggiungere i campi. Va notato che essi si dividevano in tre aree: Moorfields propriamente detta, fuori le mura ma all'interno dei confini della City of London, Middle Moorfields ed Upper Moorfields, a nord. Nel 1472, la Porta venne fatta allargare da William Hampton, Sindaco di Londra. Nel 1511, Roger Achely, Sindaco di Londra, fece realizzare canali e ponti e, per rendere più agevole il passaggio, livellare il suolo, dato che per quel tempo, era stato innalzato. La Porta venne ampliata. John Stow, in "A Survey of London" (1603), ancora scrive della "Postern(e)" ed indica la sua posizione: "The next is Brodeſtreete warde, which beginneth within Biſhopſgate, from the water conduit weſtward on both the ſides of the ſtreete, by  Alhallowes church  to an Iron grate on the channell which runeth into the water courſe of Walbrooke before ye come to the Poſterne called  Mooregate: and this is the fartheſt weſt part of that ward.". Le modifiche fatte, il tempo impiegato ed i costi sopportati per migliorare il sito produssero il loro frutti, dato che il luogo insalubre del passato era stato migliorato. Ancor di più, Sir Leonard Holliday - anche Hollyday o Halliday (circa 1550–1612), Sindaco di Londra per un anno (ottobre 1605 - ottobre 1606), lo trasformò, drenando l'acqua, livellando la superficie, creando giardini circondati da mura di mattoni, dove passeggiare piacevolmente tra l'ombra degli alberi. Verso il 1636, tra Bishopsgate e Mooregate, il muro della City, di fronte a Winchester Street, venne abbattuto e venne realizzata una piccola Porta ("Postern") o un passaggio, per i pedoni. Verso il 1655, venne fatta una nuova breccia vicino la fine settentrionale di Bassinshaw Street, che portava in Forestreet, in precedenza chiamata la piccola Porta ("Postern") che portava a More-Fields. Dopo il Grande Incendio di Londra (1666), che danneggiò Moor Gate, gli scampati alle fiamme vennero raccolti in questa zona e crearono dei campi temporanei. Vanamente, il Re Carlo II (1660 - 1685), incoraggiò tali malcapitati a lasciare Londra. John Strype (1643-1737), in "A Survey of the Cities of London and Westminster" (1720), scrive che la Porta venne abbattuta nel 1672 e ne venne eretta una nuova di pietra, con un alto arco, dato che la City of London aveva programmato, anche se poi non realizzò, un Mercato del fieno a Little More-Fields. Tuttavia, la nuova Porta venne costruita con piccole Porte ("Posterns") per i pedoni, su entrambi i lati dell'arco. Al principio del XVIII secolo, Moorfields rappresentò il sito dove si tenevano occasionali mercati all'aperto, mostre, aste. Inoltre, le case dell'area erano abitate da gente povera e la zona godeva di una pessima reputazione, per la presenza dei briganti (es. James Dalton, Jack Sheppard), bordelli e aree di incontro di omosessuali. Nella mappa di John Roque, in "Survey of Cities of London and Westminster & Borough of Southwark" (1746), appare Moor Gate. Moor Gate subì la sorte di tutte le altre porte della City of London, che avevano ormai perduto la loro funzione e che furono abbattute nel 1761-1762. Le pietre di risulta vennero comprate per centosessantasei sterline dalla City of London Corporation, per essere impiegate, unitamente a quelle delle altre porte abbattute, per sostenere i bastioni delll'appena ampliato arco centrale di London Bridge. La maggior parte di Moorfields venne sviluppata nel 1777, quando i Finsbury Fields vennero trasformati in Fisbury Square. I rimanenti spazi verdi vennero urbanizzati nei decenni immediatamente successivi. Nel giugno 1780, vi furono dei disordini, noti come "Gordon riots", contro i Cattolici. L'area di Moorfields, una delle più povere di Londra, ospitava molti immigrati Irlandesi (Cattolici). Nonostante la richiesta di un importante Mercante irlandese, James Malo rivolta al Sindaco di Londra, Brackley Kennet, l'area non venne protetta adeguatamente. Il giorno 3 giugno, la folla, che si era radunata a Moorfields, approfittò del sopravvenire dell'oscurità per scatenarsi, saccheggiando e bruciando la casa di James Malo. Nel pomeriggio del 15 settembre 1784, i Moorfields furono il luogo su cui si ebbe il primo volo dei palloni alimentati ad idrogeno in Inghilterra, quando l'Italiano Vincenzo Lunardi decollò dall'area della Honourable Artillery Company (vicino City Road) alla presenza di centomila spettatori, tra cui il Principe di Galles, il futuro Giorgio IV. Si trattava di un pallone di dimensioni notevoli, del diametro di trentatre piedi (circa undici metri), che richiese tutto il precedente pomeriggio e la prima mattinata per essere riempito di idrogeno. Il 31 ottobre 1795, al numero 199 di Moorgate, nacque uno dei principali Poeti del Movimento Romantico Inglese, John Keats. Il sito ospitava The Swan and Hoop Inn, dove il padre era uno stalliere.  Oggi, il pub, prossimo alla stazione di Moorgate, si chiama "The John Keats at Moorgate", in precedenza, essendo stato denominato "The Moorgate Coffee House" e "The Moorgate". Il Dispensario di Londra per la cura delle malattie dell'occhio e dell'orecchio venne fondato sulle Moorfields nel 1805, divenendo successivamente Moorfields Eye Hospital (City Road, nei pressi della stazione di Old Street). Nel 1837, durante degli scavi, vennero rinvenuti diversi reperti antichi, tra cui monete e ceramica. Verso il 1846, venne costruita Moorgate Street, come una dei nuovi collegamenti al London Bridge. La seconda parte del nome è caduta in disuso. Infatti, oggi si dice solo "Moorgate". La stazione di Moorgate venne aperta dalla Metropolitan Railway nel dicembre 1865, quando venne estesa la linea tra Paddington e Farringdon. La piattaforma della Northern Line platforms venne aperta dalla City & South London Railway (C. & S. L. R.) come Moorgate Street nel febbraio 1900, rappresentando il terminale settentrionale da Stockwell. L'anno successivo, la linea venne estesa ad Angel. Nel febbraio 1904, la Great Northern & City aprì una linea per Finsbury Park. Si fecero dei progetti ulteriori, ma di fatto, non vennero attuati. Tra gli anni '40 e gli anni '60, il personale di indagine della HM Customs and Excise (Entre preposto alla tassazione) venne ubicato presso Moorgate Hall al numero 153 di Moorgate. La stazione di Moorgate patì un grave incidente nel 1975, quando un treno non riuscì a fermarsi, finendo contro un muro di mattoni. Vi furono quarantatre vittime. Per tale ragione, vennero installati dei sistemi automatici in metropolitana che fermano i treni, divenuti noti come "Moorgate control". Oggi, Moorgate è una strada molto animata. Innanzitutto, dal punto di vista commerciale, aspetto sottolineato dall'apertura nel 2005, sul sito di un piccolo edificio di uffici risalente agli anni '60, noto come Moor House, dell'omonima costruzione, molto particolare, che vedete in una delle immagini proposte. E' ubicata all'angolo settentrionale del distretto finanziario, esattamente all'angolo tra Moorgate e London Wall, progettata da Foster and Partners. E' alta duecentosettantasei piedi (ottantaquattro metri). La progettazione della struttura che sovrasta la sottostante stazione, già di per sé "futuribile", è stata fatta tenendo conto per resistere ad ulteriori scavi sotto di essa. Ha le fondamenta più profonde di qualsiasi edificio londinese, ben centoottantasette piedi (cinquantasette metri). Il costo fu di centoottantadue milioni di sterline. Moorgate ospita anche molti uffici, sia in edifici storici che moderni, come pure un Campus della London Metropolitan University.

2. Residui dei nomi "Moor Gate" e "Moorfields"

Nella toponomastica, si ritrova traccia dei nomi suindicati. Già avete letto che la strada oggi denominata "Moorgate" ha perso, nel corso del tempo, la seconda parte "Street". La sua prosecuzione settentrionale, Finsbury Pavement, si chiamava "Moor Fields Pavement", poi City Road. Vi sono anche Moorfields, la corta strada parallela ad ovest di Moorgate, Moorfields Highwalk (una strada pedonale a livello elevato, ma siamo nella Barbican Estate, quindi, prossimi all'altra stazione di Barbican), Morgate Place, una piccola strada ad est di Moorgate. Oltre ai nomi delle citate strade, il principale residuo legato alle vecchie denominazioni è rappresentato da St Mary Moorfields Roman Catholic Church, le cui origini si ricollegano alle diverse Cappelle che erano distribuite nell'area nei secoli XVII e XVIII e che erano denominate localmente "Penny Hotels", dato che occorreva pagare un penny per entrare. A quei tempi, il culto Cattolico era vietato ed i Cattolici se la passavano male. Già avete letto nel paragrafo precedente dei "Gordon riots", i disordini contro i Cattolici. In aggiunta, la Cappella in Ropemakers Alley venne attaccata, con conseguente asportazione dell'altare, arredi e crocifissi. Solo grazie al "Catholic Relief Act" del 1791, ai Cattolici venne permesso di celebrare in pubblico. Di conseguenza, nel 1820, la prima Church of St Mary Moorfields venne costruita a Finsbury Circus e, come sede permamente del Vicario Apostolico, funse da pro-Cattedrale del Cardinale Nicholas Wiseman (1802 - 1865), dal 1850 (con la Bolla del Papa Pio IX, Universalis Ecclesiae, del 29 settembre, con cui Egli ricreò la gerarchia diocesana della Chiesa Cattolica, estintasi con la morte dell'ultimo Vescovo Marian, durante il Regno di Elisabetta I) al 1869. Tale prima Chiesa venne abbattuta nel 1899, venendo sostituita dall'attuale, in Eldon Street, aperta al pubblico il 25 marzo 1903. Il progettista fu l'Architetto George Sherri.

3. Finsbury Circus

Il nome fa capire che la piazza non ha forma quadrata o rettangolare, ma ovale. Si trova sul sito del vecchio Bethlem Hospital e parte dei Moorfields. Il giardino che occupa lo spazio centrale della piazza si estende per 1,2 acri (5.000 metri quadrati) ed è delimitato da inferriata. Venne realizzato nel 1814 e presenta l'asse principale nella direzione ovest-est.

City of London - Visita guidata

La stazione della metropolitana di Moorgate

Stazione della metropolitana di Moorgate

Morgate (Street)

Morgate (Street)

Finsbury Circus

Finsbury Circus

Finsbury Square

Finsbury Square

Moor House

Moor House

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it