www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Old Street

Sintesi

Old Street è una stazione della metropolitana (Northern Line) ed una stazione ferroviaria (First Capital Connect). Si trova vicino al confine con la City of London (a sud) e al London Borough of Hackney (ad est).

Distanza dal centro: 2,6 miglia.

Attrattiva: discreta, soprattutto se siete interessati alla vivacità della vita notturna nelle zone adiacenti.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione della metropolitana, vi trovate sul lato superiore di un senso rotatorio e nei pressi dell'omonima stazione ferroviaria. Avete quattro possibilità: 1. Seguire Old Street, andando verso est, sino a raggiungere, sulla destra, uno piccolo spazio verde recintato, con St Luke's. Attraversando la strada, dall'altro lato, inizia di fronte a voi Whitecross Street, dove si tiene un mercato di strada; 2. Seguire City Road in direzione sud, sino a trovare sulla destra Bunhill Fields (Burial and Gardens), lambiti dall'altro lato da Bunhill Row; 3. Seguire City Road in direzione opposta, verso nord-ovest, sino a raggiungere le propagini del Regent's Canal; 4. Seguire Old Street verso est, ma davvero non riusciamo ad individuare una possibile destinazione di rilievo.

Toponimo

Il nome si ritrova come "Ealdestrate" o "Ealdeſtreete" (circa 1200), "Eldestrete" o "Ealdeſtréete" (1275),"Eldestret" o "Ealdſtreet" (1291), "le Oldestrete" (1373), "Yealdestrete" o "Ealdſtreete" (1535), "Alderstreet" (1603), "Old Streete" (1629). Il significato è chiaro: "Old Street" nei nomi antichi fa riferimento ad una strada romana, o almeno ad una strada lastricata, in contrapposizione ai più comuni sentieri sporchi, e la nostra strada ne rappresentava un esempio. John Stow la descrive come "the old highway from Aldersgate for the north-east parts of England, before Bishopsgate was built". E' documentata già come "old" dalla fine del XII secolo.

Storia

1. Eventi storici di rilievo

Sapete che l'etimologia di "Old Street" si ricollega ad una vecchia strada romana. In aggiunta di ciò, non abbiamo trovati elementi di rilievo in merito alla storia dell'area. Tuttavia, facendo le nostre ricerche, abbiamo trovato una cosa interessante in merito ad una sorgente d'acqua ubicata lungo Old Street, anche se come leggerete, non vi era concordanza se fosse sul lato meridonale o settentrionale della strada. Traduciamo liberamente le informazioni riportate in "Historical introduction: The well of Dame Agnes Clare", in "Survey of London: Volume 8, Shoreditch" (1922), pagine 25-29. Il sovracitato John Stow, trattando dei pozzi nelle vicinanze di Londra, scrive che un poco a nord di Holywell c'era un altro "well, curbed square with stone, and is called Dame Annis the Cleare.". L'origine del nome è sconosciuta, non esiste alcuna traccia documentale pregressa ed è priva di fondamento la storia secondo cui il pozzo avrebbe tratto il nome da una ricca vedova londinese chiamata Annis Cleare, che si unì con uno scatenato cortigiano di Eduardo I, il quale dissipò tutte le sue ricchezze, lasciandola in grande povertà. La storia ci ha interessato perché è complicata. La mappa della Parish of St. Leonard in Shoreditch, Middlesex, del Cartografo Peter Chassereau del 1745 mostra il pozzo sul lato meridionale di Old Street all'intersezione di tale importante strada con Willow Walk. Molti documenti ad essa relativi concordano nell'assegnarlo a tale sito e ad una delle "Prebends of St. Paul's". Tuttavia, esistono altre versioni. Tra le indagini sulle proprietà della Corona realizzate al tempo del "Commonwealth", nel Parliamentary Surveys del 1650, numero 79, si legge di alcuni capanni e di un "certaine well called Dame Ann A Cleere. . . late parcell of the possessions of Charles Stewart, late King of England.". Il sito viene descritto come "all that well comonly called or knowne by the name of Dame Anne A Cleere invironed aboute with a brickwall, scituate, lying and being on the late King's waste . . . in a certaine higheway leading from a certaine streete called Old Streete towardes Shoreditch. And att the west end of the same there is standing over some parte of the said well one shedd or tenement builte highe, made with boardes & covered with boardes, consisteing of two roomes, one above another, with a pumpe standing in the said well reaching upp to the highermost roome, where there is a place made for a laborer to stand to pumpe water out of the said well to convey it unto some ale brewers dwelling in some parte of Old Streete. Which said well is bounded with the land of Mr. Marsh on the north and the way leading from Old Streete to Shoreditch on the south, and the garden of one Mr. Pollard on the east, conteining in length three score and seaventeene foote of assize, and in breadth 28 foote and a half, now in the occupacion of some brewers in Old Streete. And is worth per annum xjl.". I Commissari parlamentari fanno riferimento ad un'indagine dell'11 settembre, 1622, con cui si verificò che il pozzo si trovava sul "King's waste, in the tenure of John Million" ed aveva il valore annuo di 40 scellini. Poi, essi riportano: "Memorandum, the above said well is but only a cisterne which doth receave and hould the water as doth proceede and runn from severall little springs which arrise out of Mr. Marshes grownd of Newington and other mens growndes thereaboutes, which said springes ye nearest lyeth 40 pole from the said well, and doe runn downe into the said well thorough some brick channells which lye in the aforesaid groundes, which said well is very comodious and of good use for some ale-brewers in those partes. Provided allways that the gen1 whoe are the owners of the land from whence theis small springs doe proceed and passe thorough doe not convert it to some other use, or turne it some other way or plasse: which they may easily doe in two houris tyme, without any trouble or charge and mak it of small use." The document is endorsed to the effect that the premises had been sold by "ye contractor for Deanes and Chapters Landes.". Va sottolineato che nella descrizione di cui sopra, la proprietà è abbastanza esplicitamente dichiarata essere stata sul lato nord di Old Street e di essere appartenuta alla Corona. Il 5 luglio 1661, la Corona fissò il sito a Jonathan Ash per 5 sterline all'anno. Nel 1662, venne emesso un mandato per la concessione a Rebecca Ash, affittuaria di una sorgente nella Parish di Shoreditch chiamata "Dame Annis St. Clere" come cauzione rilasciata da Thomas Dawson ed altri in relazione alle loro molestie nel godimento della citata sorgente. Sembrerebbe, perciò, che la locazione venne ostacolata, tanto che una registrazione nei "Receiver's Accounts" di Giacomo II (1688) mostra che per tredici anni, il fitto (65 sterline) fu in ritardo e che il sito non venne mai goduto dall'affittuario. Per chiarire tale punto, occorre tornare indietro alla vendita del pozzo tra le proprietà del Diacono e Capitolo di San Paolo. Il 21 maggio 1650, i Commissari parlamentari vendettero a Thomas Davis il Manor di Hoxton, comprese "all that building or waterhouse within the libertyes of Hoxton, on the south side of the highway there leading betweene Shorditch and Old Streete at the west side of a certeyne pond there commonly called Annis a Cleare.". Dopo l'acquisto, Thomas Davis scoprì che le opere della proprietà non erano prossime, che non aveva prove degli affitti a lui dovuti e che c'era una certa riluttanza, non del tutto sorprendente da parte dei nativi a dargli informazioni precise sul punto. Inoltre, tali persone, pur sapendo che "the waterhouse and the pond called Annis A Cleere are parcell of the mannoure of Hoxton and within the perambulation thereof, yet . . . endeavour to make a title to the City of London to the said waterhouse as parcell of their mannour of Fynnesbury.". Ma le possibilità in merito alla proprietà non erano ancora esaurite. Nel giugno 1671, Henry Halsteed divenne "Prebendary" di Eald Street. Sulla base di informazioni di cui venne in possesso, giunse alla conclusione che il pozzo fosse situato sullo spazio del Manor ed immediatamente si adoperò per recuperarlo. Il 1 maggio 1672, lo passò a William Winchester con l'indicazione di una residenza e mezzo acro di terra coperto da acqua. Ciò portò ad un'azione legale, in cui Henry Halsteed ebbe ragione. Seguirono altri procedimenti, durante i quali vennero rivelati alcuni interessanti particolari. Innanzitutto, che i firmatari (produttori di birra in Shoreditch e St. Giles, Cripplegate) identificarono il pozzo sequestrato dal "Prebendary" come ubicato senza alcun dubbio sul lato meridionale di Old Street, "upon the Kings Majesties Wast" ed inoltre sostennero che possedevano il sito sotto Jonathan Ash, affittuario della Corona. E' abbastanza chiaro, perciò, che c'è un solo pozzo in questione e non due. Stando ai firmatari, inoltre, da tempo "whereof the memory of man is not to the contrary," tutti "having occasion" erano soliti "to fetch water from the said spring and well, as well for the brewing of ale and beere as for other occasions at their . . . wills and pleasures, without any hindrance or disturbance of any person . . . whatsoever.". Il pozzo era precedentemente rimasto "open and unfenced" con la conseguenza che molte persone, viaggiatori ed altri, erano annegati, e per evitare ciò, e per il fatto che l'acqua non poteva essere danneggiata dalla caduta di bagaglio o di altra sporcizia, i produttori di birra, circa un secolo e mezzo prima, avevano costruito un muro di mattoni. La superficie delle strade, naturalmente, soffriva per continuo passaggio di carretti che trasportavano acqua, per cui, nel 1647, gli abitanti delle Parishes richesero ai birrai di trovare un modo per trasportare l'acqua dal pozzo e di evitare che ciò venisse fatto usando carretti e carri. Perciò, i birrai realizzarono delle condutture dal pozzo alle loro birrerie e costruirono un centro di pompaggio. Tuttavia, avevano paura che i tubi venissero danneggiati, col risultato che le loro attività sarebbero state rovinate, le loro famiglie incapaci di soddisfare i propri bisogni e perduta la rendita riservata del Re, come pure le accise pari a 1.500 sterline annue. A dispetto di tale pietosa richiesta, il "Prebendary" vinse la causa e per venti anni continuò a godere del sito, il quale, tuttavia, rese assai poco ad Henry Halsted, a dispetto delle tante spese e sofferenze patite. Ciò è dovuto al fatto che egli non poteva legalmente ottenere un fitto superiore a 21 anni o tre vite, ma nel 1691, ottenne un atto del Parlamento che gli permise di ottenere un fitto per 40 anni. Non si sa esattamente per quanto tempo l'acqua del pozzo continuò ad essere usata per la produzione di birra. Quando Peter Chassereau fece la sua indagine nel 1745, il pozzo era "a cold bath, and much frequented for cure of rheumatick pains, etc.". Sembra che abbia subito tale metamorfosi prima del 1731 (alla fine dei primi 40 anni di fitto). Un annunzio pubblicitario di quell'anno, infatti, afferma  "that there is now opened at St. Agnes le Clear, Hoxton, not far from Moorfields, the place formerly distinguished by the sign of the 'Sun and Pool of Bethesda' (ndr l'ultimo nome suggerisce che l'acqua fosse usata a scopi terapeutici prima del 1731), a new cold bath, larger and more commodious than any in or about London, being 30 feet long, 20 feet broad, and 4 feet 6 inches deep, the water continually running, where ladies and gentlemen may depend upon suitable accommodation and attendance.". Ulteriori riferimenti ai bagni nel 1748, 1756 e 1778 vengono forniti da Foord,  ed un accordo di intesa datato 6 novembre 1778, tra John Tipp di "St. Agnes le Clair" e Thomas Watts dello stesso luogo, fa riferimento alla "dwellinghouse with the ladies' and gentlemen's cold baths.". Tali bagni vennero interrotti dopo un disastroso incendio del 1845, ma nel 1852, il pozzo era ancora funzionante, dato che l'acqua veniva usata per un mulino. Il sito del pozzo, con alcune proprietà limitrofe, sembra essere stata l'unica porzione del "corpus of EaldStreet prebend" a sopravvivere, la parte rimanente era già andata perduta prima del 1650, e supposta essere stata inghottita, da un lato, dal "Wenlock-barnes" e dall'altro, da Hoxdon. Che il "corpus of the prebend" fosse in precedenza molto più esteso è dimostrato dal fatto che (1) Thomas Catcher, nel 1629, lasciò The White Lion e 3 acri di terra in Hoxton della "prebend"di "Eld street alias Old Streete" e (2) che l'ampia proprietà tenuta successivamente da Sir Charles Pitfield era alla morte di Sir Anthony Roper nel 1635 (allora descritta 60 acri) possesso del Diacono e del Capitolo di San Paolo, come della loro "Prebend of Eald Street". Nell'atto del 1691, la proprietà è descritta come "a certaine spring or well commonly called Dame Agnes de Clare alias Annis the Cleere, and certain wast ground to the said prebend belonging and to the said well adjoining, containing from east to west 520 foote of assize or thereabouts and abutting upon a parcell of land formerly belonging to the priory of Holywell, east, and upon the King's highway called Old Street, north and west, and abutting upon the common shoare bounding the manor of Finsbury south, and containing from north to south at the east end thereof 86 foote of assize or thereabouts, and at the south and west end thereof 40 foote of assize or thereabouts." Esistono un certo numero di mappe della proprietà copiate da vecchie opere, nelle quali, tuttavia, la lunghezza complessiva di 520 piedi data sopra è riprodotta, la lunghezza delle varie porzioni aggiunte insieme arriva però a solo 499 piedi e tre quarti. Confrontando tali mappe con l'Ordnance Sheet del 1871 e quella del 1896, è evidente che la porzione più orientale della proprietà coincideva con il sito segnato "Site of St. Agnes Le Clere's Well" nell'Ordnance del 1896, il confine tra la proprietà dell'Holywell Priory (il campo senza nome) e quella della EaldStreet Prebend può perciò assumersi essere entrata in Old Street in un punto a circa 68 piedi ad ovest di Bath Place.

2. St Luke's Old Street

Alcune informazioni su St Luke's Old Street si trovano in " A Topographical Dictionary of England" (1848), pagine 190-194 e nella "List of churches built", in "The Commissions For Building Fifty New Churches the Minute Books, 1711-27" (1986), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. St Luke's era una Parish suburbana che comprendeva, tra l'altro, Old Street, East Finsbury, West Finsbury, Golden Lane, Whitecross Street. La prima notizia di tale Distretto si ha in relazione a Eald o Old Street, con cui i Sassoni designavano la strada militare romana dall'estermità meridionale di Londra, fuori la grande palude che diede nome a Fensbury (Finsbury) e Moorfields. La strada è detta essere stata prolungata dal London Wall (mura della City) ad Hoxton, e di essere stata proseguita attraverso gli spazi di St. Leonard's (Shoreditch) e della Parish di Bethnal-green, sino a Old Ford vicino Hackney. La parte meridionale della palude venne progressivamente innalzata dall'accumulo di vari depositi, soprattutto da molte centinaia di carrettate di ossa rimosse dall'Ossario di San Paolo per ordine del Duca di Somerset, allora Protettore, da cui il nome "Bonehill" (Collina di Ossa), oggi Bunhill Fields. L'area venne prosciugata nel 1527. Una porzione del sito venne appropriata dalla City come Cimitero per la peste nel 1665, divenendo poi sito di regolari sepolture. Un'altra porzione degli stessi campi venne destinata alla pratica del tiro con l'arco, dalla Corporation della City of London, nel 1498. Successivamente, andò in amministrazione a Sir Paul Pindar, e nel 1641 divenne luogo di esercizio per le bande della City. Poi, divenne proprietà della Artillery Company. St. Luke's era anticamente parte della Parish of Cripplegate, la cui Chiesa era divenuta inadeguata ad accogliere tutti i Parrocchiani, per cui, venne eretta una Chiesa aggiuntiva in Old Street dai Commissari per le nuove Chiese nel Regno della Regina Anna (1702 - 1714), che la assegnarono al Distretto in questione. Dopo il completamento della Chiesa (venne costruita tra il 1727 ed il 1733), vennero costruite numerose strade e piazze, affiancate da edifici in ogni direzione, tanto da far divenire St Luke's una delle Parish più popolose di Londra. La Chiesa, ben pavimentata, fu progettata da N. Hawksmoor e J. James. Si trattava di un edificio in pietra, in stile greco, con un campanile alto in forma di un obelisco scanalato. L'interno era ben organizzato, col tetto sostenuto da colonne ioniche che separavano la navata centrale da quelle laterali. Un nuovo organo, di grande potenza, fu inaugurato nel mese di marzo, 1844.

3. Bunhill Fields

A tale Cimitero-giardino abbiamo dedicato una pagina specifica nell'ambito dei Parchi e Giardini di Londra.

4. Whitecross Street Market

A tale Mercato abbiamo dedicato una pagina specifica nell'ambito dei Mercati di Londra.

Islington- Visita guidata

St Luke's Gardens

St Luke's Gardens

St Luke's Old Street

St Luke's Old Street

Whitecross Street

Whitecross Street

Townmead Road

Una bancarella a Whitecross Street Market

Bunhill Fields - Tomba di John Bunyan, Autore di Pilgrim's Progress

Bunhill Fields - Tomba di John Bunyan, Autore di Pilgrim's Progress

Bunhill Row

Bunhill Row

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it