www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Barkingside

Sintesi

Barkingside è la penultima stazione nord-orientale della metropolitana (Central Line) prima di entrare nell'Essex.

Distanza dal centro: 12,3 miglia.

Attrattiva: scarsa.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla piccola stazione, dovete necessariamente seguire la strada (senza nome) che la fiancheggia, in leggera discesa, dato che dall'altro lato termina. Tenetevi sulla sinistra, sino a raggiungere Horns Road. Vedete un edificio che colpisce subito lo sguardo, sormontato da una torretta con orologio. Si tratta di The Village Church circondata da The Village Green. Uno dei lati, quello settentrionale, è delimitato da Tanners Road, il cui nome ricorda una delle attività produttive (v. paragrafo specifico) svolte qui nei secoli passati (Tanner = Conciatore). Raggiungete Cranbrook Road. Di fronte a voi (verso ovest), trovate Barkingside Park (un tempo detto Cranbrook Park); se seguite la strada verso sud (a sinistra) raggiungete la Chiesa Cattolica di St. Augustine of Canterbury, mentre se andate sulla destra (verso nord), trovate High Street. In quest'ultimo caso, prendete la prima strada sulla sinistra, Mossford Green per raggiungere Holy Trinity Church.

Toponimo

Il nome si ritrova per la prima volta nel 1538 come "Barkingside". Successivamente si legge "Barking Side" (1805, Ordnance Survey Map). In merito al significato del termine, si tratta chiaramente di un composto "Barking" + "Side", in cui la seconda parte deriva dal Middle English, in cui assume il significato di "Area a lato di una caratteristica topografica", pertanto il termine va tradotto come "Luogo accanto a Barking", volendo esprimere con ciò l'ubicazione di Barkingside sul bordo estremo della antica Parish di Barking.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da Phil Harding - J Nowell in "Archaeological Investigation Of Land At Cranbrook Road, Barkingside, London Borough Of Redbridge"; si ritrovano in "A History of the County of Essex: Volume 5" (1966) alle voci "Economic influences on growth: The land" (pagine 30-31), "Local administration and public services: Utility services" (pagine 37-47), "The ancient parish of Barking: Introduction" (pagine 184-190), "The ancient parish of Barking: Manors" (pagine 190-214), "The ancient parish of Barking: Agrarian history, markets and fairs" (pagine 214-219), "The ancient parish of Barking: Abbeys and churches founded before 1830" (pagine 222-231), "The borough of Ilford" (pagine 249-266), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga: "A History of the County of Essex: Volume 5" (1966) alle voci "The ancient parish of Barking: Charities" (pagine 233-235) e "The borough of Barking" (pagine 235-248); Edward Tuck "A Sketch of Ancient Barking Its Abbey and Ilford" (1899); George E. Tasker "Country Rambles around Ilford" (1910); George Tasker "Ilford Past and Present" (1992); H. Smith "The Ecclesiastical History of Essex under the Long Parliament and Commonwealth" (1931); John Wesley Bready "Doctor Barnardo Physician, Pioneer, Prophet : Child Life Yesterday and To-Day" (1932); George Caunt "Ilford's yesterdays: the story of a village that became a town" (1963); Terence Young - Earl Stanley Baldwin Baldwin "Becontree and Dagenham" (1934); "The Queen's London, A Pictorial And Descriptive Record Of The Streets, Buildings, Parks, And Scenery Of The Great Metropolis In The 59Th Year Of The Reign Of Her Majesty Queen Victoria" (1896).

1. Eventi storici di rilievo

In una indagine archeologica effettuata a Cranbrook Road, in relazione ad un sito che doveva essere destinato a strutture al dettaglio, vennero rinvenute delle asce risalenti al Paleolitico durante l'estrazione di ghiaia nella zona circostante. Inoltre, una piccola fattoria, o comunque una recinzione, insistevano nei paraggi. Durante tale scavo, vennero recuperate due selci del Paleolitico. In Epoca Romana, c'era un insediamento a Barking, o nelle sue immediate vicinanze, ed un altro vicino Carswell, non lontano da Barkingside (residua nella Toponomastica Carswell Close, tra le stazioni di Barkingside e Redbridge, più vicino a quest'ultima). Nel nord della Parish, lungo il bordo della Foresta di Hainault, c'erano borghi e fattorie, che nel 1650 si diceva ospitassero 100 famiglie. I principali insediamenti erano Barkingside e Little Heath. Una mappa del 1777 mostra la Parish di Barking prima delle trasformazioni moderne. L'estrema porzione meridionale era occupata da paludi non urbanizzate. A nord, la Foresta di Hainault comprendeva circa 4.000 acri, di cui approssimativamente la metà copriva Barking. I principali centri abitati erano la cittadina di Barking ed il Villaggio di Ilford. Due miglia ad est di Ilford c'era il borgo di Chadwell Street, lungo la strada principale Londra-Colchester. C'erano altri borghi a Little Heath e Padnall, sul bordo sud-orientale della Foresta, e Barkingside sul suo bordo sud-occidentale. Manor Houses (Case padronali), fattorie e cottages erano più numerosi al nord della strada di Londra che a sud. Nel XVIII secolo, la strada principale che andava verso nord dal Villaggio di Ilford era Ley Street (1456),  che continuava come Horns Road, un nome probabilmente derivato da Richard Horne (1547), che conduceva a Barkingside e Aldborough Hatch (del cui Manor abbiamo trattato nell'ambito di Newbury Park), mentre Cranbrook Lane, poi Cranbrook Road, andava dal Villaggio verso nord, attraversando Valentines, verso Wanstead e Woodford. L'agricoltura intensiva veniva praticata da circa il 1840. Negli anni '60 del XIX secolo, c'erano orti nella cittadina di Barking, a Longbridge Road e Ripple Road, ed a Ilford, a Ilford Lane, High Road, Ley Street, Sams Green, ad Aldborough Hatch e Barkingside. Il Crescione veniva coltivato lungo il Torrente Roding a Uphall. Nel 1840, Barkingside ed i limitrofi borghi e ville erano erano cresciuti sufficientemente da giustificare la costruzione della Chiesa della Santissima Trinità (Holy Trinity) a Mossford Green, ma nel 1876, James Thorne rilevò che l'insediamento era "semplicemente un insieme di poche piccole case lungo un incrocio e poche altre prossime ad uno spazio verde pieno di cespugli; gli abitanti sono principalmente impegnati nell'agricoltura.". Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Barkingside come segue: "a chapelry in Great Ilford parish, Essex. It was constituted in 1841: and has a post office under Ilford, London E. Pop., 1,712 Houses, 334. The living is a vicarage in the diocese of London. Value, £110. Patron, the Vicar of Great Ilford.". Se un Ufficio telegrafico era stato aperto a Barking nel 1870 ed Ilford nel 1871, già in precedenza, un semplice Ufficio di ricezione era stato aperto a Barkingside già nel 1863 ed un altro venne aperto successivamente ad Horns (Newbury Park) nel 1883. Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Barking Side come segue: "eccl. dist., Great Ilford par., S. Essex, pop. 2630; P.O.". Poco dopo le osservazioni di James Thorne, che avete letto in precedenza, il Dottor Thomas John Barnardo fondò una Casa-Villaggio per bambini e ragazze a Mossford Green, con Chiesa ed Ospedale (v. paragrafo specifico). Le persone che erano pronte a spostarsi in Distretti meno accessibili alcuni anni prima che l'espansione edilizia raggiungesse anche tale aree remote, potevano ottenere siti ancora più a buon mercato: nel 1899, in un'asta a Barkingside, terre potenzialmente edificabili di fronte alla strada principale, ma non ancora molto importante, furono vendute a £ 80 e £ 65 4s . 5d per acro, mentre terreni prettamente agricoli a £ 40 e £ 44 8s . 1d . In generale, non appena le aree come queste vennero urbanizzate, i prezzi dei terreni aumentarono a qualcosa dell'ordine di 300-500 sterline per acro, prezzi che erano alla portata di un vasto pubblico proprietario di case. La crescita di Ilford negli anni '90 del XIX secolo, che sembrava preludere ad un'ulteriore espansione successiva, stimolò la progettazione di "Fairlop Loop" (Loop = Anello, Circuito), che collegava la linea principale a Seven Kings. Tale circuito, inaugurato nel 1903, fornì un percorso alternativo tra Ilford e Londra. C'erano sei stazioni intermedie, di cui quattro a Ilford: Hainault, Fairlop, Barkingside e Newbury Park. Si disse che la stazione di Barkingside, deve il suo stile ornato alle frequenti visite da parte dei membri della Famiglia Reale alla Casa-Villaggio del Dottor Barnardo (v. paragrafo specifico). L'Ilford District Council aprì un sistema tranviario nel 1903,  che da Broadway serviva Barking, Barkingside e Seven Kings.  Nel 1914, dei sei pozzi in uso della South Essex Co., i più produttivi si trovavano a Barkingside, Dagenham ed Ilford, mentre un altro era in costruzione a Seven Kings. Nel 1921, il London County Council iniziò ad edificare sulla Becontree Estate. La sua porzione di Ilford, completata per la maggior parte entro il 1926, rappresentava solo il 10% del totale, ma rappresentò una significativa aggiunta alla cittadina. Tra le Due Guerre Mondiali, vennero rapidamente costruite anche case private. L'area urbana venne estesa verso nord attraverso Gants Hill e Newbury Park a Barkingside, e vi furono anche sviluppi edilizi nella sezione meridionale della cittadina, attorno Loxford Park, ulteriormente ad est vicino South Park ed a Chadwell Heath. La costruzione di Eastern Avenue nel 1925 stimolò l'espansione edilizia verso sud in direzione di Gants Hill e l'assorbimento di Mossford Green e Fullwell. Quando finalmente negli anni '30 del XX secolo la sezione settentrionale di Ilford effettivamente si espanse rapidamente, si decise che il Circuito suindicato divenisse parte di una linea estesa della linea metropolitana (Central Line), anche se tale progetto venne ritardato dallo scoppio della Seconda Guerra Mondiale (tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, Barkingside venne colpita da 27 bombe esplosive tedesche) e completato solo nel 1947–1948. Verso la metà degli anni '50 del XX secolo, vennero costruite nuove Chieses Anglicane e Cattoliche. Gli Ebrei utilizzarono la Chiese della Casa-Villaggio di Barnardo sino alla convesione di una vecchia Scuola elementare in Sinagoga a Newbury Park nel 1981. Dal punto di vista amministrativo, Barkingside ha fatto parte della Conte dell'Essex sino al 1965, quando con la creazione della Greater London, venne inglobata nel London Borough of Redbridge. La strada principale di Barkingside la distingue dalle propaggini di Ilford, anche se la prevalenza di negozi indipendenti e locali della ristorazione veloce riflettono il declino del suo ruolo commerciale. Dal punto di vista religioso, l'area, pur caratterizzandosi per l'elevata presenza di Ebrei, è comunque mista, data la presenza anche di Cristiani, Induisti, Musulmani, Sikh.

2. Manors

Del Manor di Aldborough Hatch, ad est di Barkingside, ne abbiamo trattato nell'ambito di Newbury Park. Il Manor di Emelingbury o Emelyn si trovava a Barkingside. Il nome, oggi perduto, ricorre per la prima volta negli estratti dei Rotoli della Corte di Barking del 1349–1469, prodotti alla fine del XV secolo o al principio del XVI secolo in una controversia riguardante le Decime. Vi si trovano riferimenti, da altre Fonti, a Emelynes Bery (1441), Emlyngby (1456), Elmbury Grove e Elmesbury (1540), Elmingbury Hawe (1609). I confini dati in tali documenti mostrano che il sito si trovava vicino a Mossford Green e Gayshams. "Browning under Emlyngby", che ricorre nel 1456 e che può essere localizzato esattamente da documenti successivi, era un possedimento ad est di Dunsprings Lane. Nel 1540, un possedimento coincidente chiaramente con Browning si trovava tra Elmbury Grove (ad ovest) e la terra del Re, parte di Gayshams, e sopra il sentiero (presumibilmente Dunsprings Lane), conducente da Motts Grove ad Elmesbury verso l'ovest. Messi assieme tutti tali riferimenti, essi indicano che Emelingbury si trovava a nord-ovest di Browning, sul terreno più rialzato alla fine di Dunsprings Lane. Il suffisso "bury" suggerisce che Emelingbury facesse parte dell'originario demanio dell'Abbazia di Barking. Se davvero così fu, deve essere stato fuso con uno degli possedimenti demaniali prima del 1540, dato che non ve ne fu allora alcun riferimento nel fitto dell'Abbazia come proprietà distinta. Gli estratti delle Decime del 1349–1469, già citati, rendono virtualmente certo che Emelingbury venne fuso con Gayshams. Tra il 1349 ed il 1390, gli esattori delle Decime erano scelti per Emelingbury, ma non vi è menzione per Gayshams. Dal 1399 al 1449, d'altro canto, gli esattori erano scelti per Gayshams, ma non c'è menzione per Emelingbury. Nel 1450, vi fu una controversia su decime tra Emelingbury e l'Ospedale di Ilford. Parecchi terreni citati in questo caso possono essere identificati come paganti decime a Gayshams in epoche successive. Vi fu un'altra disputa nel 1469, tra Westbury, le cui decime allora apparteneva all'Ospedale, e Gayshams. Tali estratti impicano che, o Gayshams era semplicemente un nome diverso usato per Emelingbury, o che Emelingbury venne fuso con Gayshams, che in precedenza non vantava diritti a decime. Quest'ultimo deve essere stato il caso: sino ad almeno il 1363, Gayshams era un libero possedimento e perciò non aveva diritto a decime, che appartenevano all'Abbazia di Barking. Ma per qualche tempo tra il 1363 ed il 1441, Gayshams divenne parte del demanio dell'Abbazia e fu durante tale periodo, come gli estratti delle decime mostrano, che questo Manor è citato per la prma volta in connessione alle decime. Perciò sembra che Emelingbury si fuse ocn Gayshams verso il 1400 ed alla fine perse la sua identità.

3. Attività economiche

Sino alla moderna espansione di Ilford, la principale attività degli abitanti dell'area era l'agricoltura. La concia fu una delle prime industrie di Barkingside, riflessa nella Toponomastica nel 1456 da Tanners Brook, probabilmente, all'estremità settentrionale del Cranbrook. Circa ad un quarto di miglia dal Ponte di Ilford, il Roding è raggiunto dal citato Cranbrook, che sorge a  Barkingside. Il primo riferimento documetario al Torrente, allora chiamato Cranbrook Rill (Rill = Ruscelletto), risale al 1650, ma il suo nome era molto più antico, dato che il Manor di Cranbrook, che trasse da esso il suo nome, ricorre nel XIII secolo. Nel 1456, la parte settentrionale del Torrente era chiamata Buntons Brook,  un nome associato ad una locale Famiglia, e poi usato per il Ponte di Bunters o Bunting, vicino Aldborough Hatch (di cui leggete in Newbury Park). Nel XVII secolo, venne costruito una grande gora di mulino sopra il citato Ponte di Bunting, sulla Aldborough Hatch Estate, forse per servire una conceria. Al principio del XIX secolo, c'era una conceria in Tanners Lane, che cessò la sua attività verso il 1840.

 

4. Personaggi celebri

Tra le persone illustri dell'area, riteniamo di segnalare, innanzitutto, Smart Lethieullier (1701–1760), celebre Antiquario e Lord del Manor di Barking, che scrisse un manoscritto sulla storia della Parish utilizzato da Lysons nel suo celebre "Environs of London". Alla fine del XIX secolo, Edward Sage e suo figlio Edward J. Sage, successivamente Vice-Amministratori del Manor, raccolsero una gran mole di materiali sulla storia di Barking. Un altro Storico locale fu Edward Tuck (1819-1907), Direttore delle Scuole di Barkingside (1842-1849 ) ed Ilford (1849-1897). Ma il personaggio il cui nome viene, oggi, immediatamente ricollegato il nome con Barkingside è senz'altro il Dottor Thomas John Barnardo (1845–1905), fondatore delle Case per Bambini e Ragazze indigenti di Barkingside. Egli nacque in Irlanda, a Dublino nel 1845. All'età di 16 anni si convertì al Protestantesimo Evangelico e poco prima del compimento del diciassettesimo anno, decise di diventare Medico missionario in Cina; perciò, nel 1866, si recò a Londra per fare il tirocinio di Medico presso il London Hospital di Whitechapel, che si trovava nell'East End di Londra, dove i problemi rilevanti della Londra Vittoriana erano "moltiplicati all'ennesima potenza": gran parte della enorme crescita della popolazione conseguita alla Rivoluzione Industriale si era concentrata in quell'area ed al sovraffollamento, si aggiungevano povertà, edifici di pessima qualità, disoccupazione, malattie. Dopo pochi mesi dall'arrivo di Thomas Barnardo, a Londra scoppiò un'epidemia di colera che dilagò nell'East End, uccidendo più di 3000 persone e riducendo alla povertà le famiglie: migliaia di bambini dormivano per strada e molti erano costretti a chiedere l'elemosina. Nel 1867, Barnardo aprì nell'East End una Scuola elementare gratuita per bambini. dove quelli poveri potevano ricevere un'istruzione basilare. Un ragazzo, Jim Jarvis, lo portò in giro per l'East End e gli mostrò bambini che dormivano sui tetti e nelle grondaie: Thomas Barnardo rimase così colpito, che decise di abbandonare il suo sogno cinese e dedicare la sua vita ai bambini bisognosi. Nel 1870, Thomas John Barnardo aprì la sua prima casa per Ragazzi a Stepney Causeway formando ragazzi in falegnameria, lavorazione dei metalli e della calzatura. Acquisendo tali abilità, i ragazzi erano pronti per l'apprendistato ed il lavoro. Inizialmente, Thomas John Barnardo pose un tetto al numero di ragazzi che potessero utilizzare la struttura. Tuttavia, una sera, un ragazzo di 11 anni, John Somers (soprannominato "Carrots") fu allontanato dato che la struttura era piena: due giorni dopo, il ragazzo venne trovato morto per malnutrizione ed assideramento. Da quel momento, Barnardo decise che nessun altro bambino sarebbe stato allontanato e fece appendere un annunzio che statuiva: A nessun bambino bisognoso verrà mai rifiutata l'ammissione". Nello spazio di circa sette anni, quando Thomas John Barnardo non aveva ancora raggiunto i trenta anni, aveva già fondato una Scuola elementare gratuita per bambini bisognosi, una Casa (ed Agenzia di collocamento) ed una Chiesa. Inoltre, aveva comprato più di una dozzina di proprietà nella zona orientale di Londra e comprato una rivista per bambini. Nel 1872, Barnardo affittò "The Edinburgh Castle", un edificio che ospitava un bar che vendeva gin ed una sala da musica che si trovava a Limehouse, che trasformò in una caffetteria e Chiesa. Ciò indusse altri ricchi ed influenti Protestanti Evangelici a sostenerlo nel suo sforzo a favore dei bambini. Nel 1873, Thomas Barnardo sposò Syrie Louise Elmslie, Filantropa ed Evangellista. Come regalo di nozze, ricevettero un fitto per 15 anni di Mossford Lodge a Barkingside, un sito di 60 acri, tra Cranbrook Road e Horns Road, dove Barnardo visse dopo all'incirca il 1873 e che permise a Barnardo di aprire una Casa per ragazze bisognose. L'idea di fornire cottage individuali, ognuno con una Casa-madre, per le ragazze di età diverse era allora del tutto nuovo. Circa 26 cottages vennero completate nel 1880, il cui costo fu finanziato da diverse organizzazioni o singoli donatori. Si trattava di case individuali a due spioventi, fatte di mattoni in un semplice stile mezzo-Vittoriano e disposte su tre lati di un grande spazio verde aperto. Più case, che circondavano altri due spazi verdi, vennero aggiunte nel corso della vita del Dottor Barnardo. La "Chiesa dei Bambini", costruita nel 1892, di mattoni coperti di pietra in stile gotico, presentava una navata, un Presbiterio ed un portico a nord-ovest sormontato da una Torre. Nel 1900, c'erano 65 cottages, una Scuola, un Ospedale e una Chiesa attorno a tre spazi verdi del Villaggio. Negli anni '20 del XX secolo, il Villaggio era in grado di ospitare ben 1500 ragazze. Anche per loro, Barnardo continuò a favorire la formazione, principalmente per i lavori domestici, che si rivelò talemente di qualità, che le ragazze venivano richieste dalla Famiglia Reale e da quelle dell'Alta Società. Le ragazze venivano anche formate come puericultrici, di cui Barnardo fu il pioniere del loro primo programma di formazione. Thomas e Syrie ebbero sette figli (complimenti!!!), tra cui Marjorie che nascque con la Sindrome di Down. Stando alle memorie di Syrie, l'esperienza di Barnardo nel prendersi particolare cura di Marjorie influenzò il suo approccio nella cura dei bambini disabili. L'Ente accettò bambini sia con disabilità fisiche che di apprendimento e molto presto Barnardo creò diverse Case specializzate per i bambini disabili. Quando Thomas John Barnardo morì nel 1905, l'Ente che Egli aveva fondato aveva aperto 96 Case che si prendevano cura di oltre 8500 bambini. Il suo monumento, opera di Sir George Frampton, si trova sulla sua tomba in uno degli spazi verdi citati.

5. Chiese

Forniamo alcune notizie storiche su alcune Chiese di Barkingside:

5.1 Holy Trinity  

Nel 1838, gli abitanti di Ilford inviarono una petizione ai Commissari per la Costruzione delle Chiese promettendo di raccogliere 1000 sterline per una nuova Parish Church a Barkingside. Nella petizione si sottolineava come gli abitanti di Barkingside fossero "indigenti e degeneri" a causa delle tentazioni a cui erano esposti dalla vicinanza alla foresta, la natura delle loro occupazioni e loro visite ai mercati di Londra. Si diceva che i locali proprietari terrieri, essendo non residenti, non avevano molto interesse negli abitanti. L'unico luogo di culto nel Distretto era una Cappella privata ad Aldborough Hatch. I Commissari decisero di dare 350 sterline per una Chiesa ed il terreno venne fornito dai proprietari di Gayshams Hall. L'edificio, a Mossford Green, progettato da Edward Blore. fu completato nel 1840 e nel 1841, Barkingside divenne un ambito distrettuale di una Cappella. Il nuovo beneficio fu un vicariato perpetuo, nel dono del Vicario di Great Ilford (= Ilford). Oltre al denaro speso per la costruzione della Chiesa, 1455 sterline vennero investite come dotazione, venne assegnata una decima d'affitto di 45 sterline dal Vicariato di Gran Ilford e furono forniti 20 acri di "glebe" (pezzo di terra le cui rendite andavano a favore di un Rettore o Vicario per consentirgli di sostentarsi e rispettare i suoi compiti pastorali). In occasione della creazione della Parish di Holy Trinity (Santissima Trinità) a Barkingside nel 1841, la Parish di St. Mary di Great Ilford (attuale Ilford), venne divisa con la creazione anche delle Parishes di St. Chad a Chadwell Heath (1895) e St. Clement a Ilford (1904). Altre parti della Parish di St. Mary vennero trasferite a quelle di St. John a Seven Kings, All Saints a Goodmayes e St. Thomas a Becontree. Holy Trinity è un edificio di mattoni gialli in stile normanno, formato da navata, presbiterio (aggiunto verso il 1895) e un portico nord-occidentale che formano la base di una torretta con una guglia. Le Sagrestie ad ovest e nord furono aggiunte nel XX secolo, La piastra della Chiesa comprende una patena d'argento del 1724.

5.2 Altre Chiese

A Horns Village, ora Newbury Park, nel 1890, in Netley Road, già esisteva una Chiesa missionaria di ferro dedicata a St. Laurence. Venne ampliata nel 1898 e rimase legata ad Holy Trinity di Barkingside sino al 1934, quando venne creato un Distretto da pezzi delle Parishes di Holy Trinity di Barkingside, St. Peter di Aldborough Hatch e St. Clement di Ilford, e venne costruita una Sala parrochiale in Emmott Avenue. Nel 1939, venne aperta l'attuale St. Laurence Church di Barkingside ed il Distretto divenne una Parish. Si trova all'incrocio tra Hamilton Avenue e Donington Avenue; è fatta di mattoni marroni con navata, transetto e torre centrale. Sono stati effettuate delle indagini strutturali al fine di aggungere, in futuro, un Presbiterio ed innalzare l'altezza della torre. Una Chiesa Cattolica temporanea dedicata a St. Augustine of Canterbury venne aperta nel 1928 a Cranbrook Road, rimpiazzata da un edificio permamente nel 1954. Si tratta di una struttura in mattoni bruno-rossi in stile romanico italiano semplificato. Esso contiene un nartece (atrio o cortile), una navata con corridoi e lanterne (finestre sopra la linea del tetto) ed un presbiterio superficiale fiancheggiato da Cappelle.

Redbridge - Visita guidata

La piccola stazione di Barkingside

La piccola stazione di Barkingside

Horns Road

Horns Road

The Village Church

The Village Church

Il tratto finale di Tanners Road

Il tratto finale di Tanners Road

Cranbrook Road

Cranbrook Road

Barkingside Park (già Cranbrook Park)

Barkingside Park (già Cranbrook Park)

High Street

High Street

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it