www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Chadwell Heath

Sintesi

Chadwell Heath è l'ultima stazione ferroviaria (Tfl Trains) all'interno del London Borough of Redbridge. Infatti, basta che mettiate piede fuori dalla stazione, su Station Road, per entrare nel London Borough of Bakingh & Dagenham. Chadwell, infatti, è amministrativamente uno "spezzatino", essendo suddivisa, oggi, tra tali due Municipalità, il che inevitabilmente crea problemi di non poco conto ai residenti (v. paragrafo "Guazzabuglio amministrativo a fine pagina) e ci ha fatto lavorare molto per comprendere la Storia dell'area, origine della frattura attuale. In estrema sintesi, Chadwell venne originariamente impiegato in riferimento all'insediamento lungo la strada tra Londra e Colchester (ubicato sul confine tra le Parishes di Barking e di Dagenham) denominato Chadwell Street (dove "Street" ha il più vecchio significato di "borgo"). Ad est della strada citata si trovava Blackheath Common, che nel XVII secolo, venne ridenominato "Chadwell Heath", che espandendosi (divenne un importante terminale dei trasporti) assorbì "Chadwell Street", che scomparve dai Toponimi.

Distanza dal centro: 14,4 miglia.

Attrattiva: scarsa.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Seguendo Station Road verso nord, giungete ad una rotatoria. A destra avete Broomfield Road, che trascurate. Sulla sinistra, Wangey Road (vi consente di rientrare in Redbridge) incrocia High Road, come pure la prosecuzione di Station Road che avete davanti a voi. Quale che sia la scelta, potete seguire la successiva e prossima Chadwell Heath Lane, una strada molto lunga (che vi conduce a Little Heath, Saint Bede's Catholic Church, Eastern Avenue), oppure, passeggiare lungo la citata High Road, la strada principale. In tal caso, dopo aver girato a destra, quindi, verso est, dopo poco, trovate una serie di case tipiche (sulla destra): se proseguite diritto, vedete sulla destra Chadwell Heath Baptist Church, e nei pressi St Chad's Church, mentre se, attraversate, di fronte, entrate in Japan Road, raggiungendo lo spazio verde St. Chad's Park, creato nel 1831, quando la Corona concesse 4 acri dell'antica Brughiera come quote di terreni per i poveri (quando la Brughiera venne recintata nel 1866, 7 suoi acri, compresi i terreni citati, vennero destinati ad uso pubblico.

Toponimo

Da quanto anticipato all'inizio e da quanto leggerete nella "Storia", occorre distinguere due Toponimi, che si riferiscono a due siti originariamente distinti anche se limitrofi:

In merito al significato del termine odierno, la prima parte (Chadwell) è parola composta derivante dall'Old English "ceald" + "wella" o "cald" + "wielle" (sorgente fredda o ruscello), a cui, nel Medioevo venne aggiunto "hethe" (Inglese moderno "Heath" = Brughiera). L'acqua del pozzo era ritenuta essere curativa dei disturbi agli occhi. La credenza popolare erroneamente collegò la prima parte "Chad" a St Chad, a cui qui è dedicata una Chiesa e che fu il primo Vescovo di Lichfield, dove morì nel 672. Di ciò resta traccia anche nello spazio verde St Chad's Park. Diversa è l'intepretazione di Don Hewson (op. cit, pagina 9), che scrive: "Chadwell Heath è spesso considerata come essere stata solo un luogo insignificante lungo la principale strada dell'Essex nel corso dei secoli -ma una indagine più approfondita suggerisce un ruolo maggiore. Il nome di Chadwell Heath sembra risalire ai tempi Druidici Pre-Cristiani, come molti altri luoghi dell'Essex. La vicina Seven Kings rientra in questa teoria - i Sette Re essendo connessi non con governanti Sassoni come spesso suggerito ma con un precedente concetto britannico di divinità che prevedeva sette sfaccettature. Gli alberi nei boschetti sacri druidici erano dedicati a Uch o "the High One", le cui differenti sfaccettature erano note come i Sette Re. I Romani giunsero e tagliarono la loro strada attraverso il bosco per realizzare la loro grande strada per Colchester, forse distruggendo alcuni di questi boschetti. Forse, il personale impegnato in questo grande compito costruì l'originaria Chadwell Heath.". Relativamente a "Blackheath", significa proprio quanto indica letteralmente, cioè "Brughiera di colore scuro".

Storia

Informazioni fondamentali sulla storia dell'area sono fornite da "A History of the County of Essex: Volume 5" (1966) alle voci: "Dagenham: Introduction and manors" (pagine 267-281), "The ancient parish of Barking: Agrarian history, markets and fairs" (pagine 214-219), "The ancient parish of Barking: Manors" (pagine 190-214), "The ancient parish of Barking: Introduction" (pagine 184-190), "Dagenham: Churches, schools and charities" (pagine 294-302); sono fornite da George Samuel Measom in "The Official Illustrated Guide to the Great Western Railway" (1865); si ritrovano in "Chadwell Heath - Town Centre Health Check - August 2012" a cura del London Borough of Barking & Dagenham e del London Borough of Redbridge; da Don Hewson in "Chadwell Heath & the Road to Romford Market" (2009), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Ulteriori informazioni, ma scarne, sono fornite sempre da da "A History of the County of Essex: Volume 5" (1966) alle voci: "Metropolitan Essex since 1919: Suburban growth" (pagine 63-74), "Social conditions and activity" (pagine 47-63), "Dagenham: Economic history and local government" (pagine 281-294), "The borough of Ilford" (pagine 249-266); "The ancient parish of Barking: Roman Catholicism and Protestant Nonconformity" (pagine 231-233). Infine, altre ancora, sempre limitate, si leggono alla voci "Romford: Religious history", in "A History of the County of Essex: Volume 7" (1978), pagine. 82-91.

1. Eventi storici di rilievo

Chadwell Heath era un borgo nell'antica Parish di Dagenham edificato lungo l'antica strada romana che collegava Londra a Colchester. Si trattava di un percorso ben noto ai pellegrini. Recentemente, sono state rinvenute prove di una seconda strada romana, che corre in direzione nord verso le aree di Warren Farm e Marks Gate. Forse esisteva in quella zona una villa sul bordo o nel mezzo della Foresta; di certo, nel 1935, venne scoperta la sepoltura di un Romano (probabilmente un soldato), quando il campo in cui era stato sepolto divenne una cava di sabbia. Nei pressi si trova un moderno Cimitero. Chadwell Heath si ritrova citato per la prima volta nel 1254, quando appare come Claudeswell, anche se il nome venne poi mutato in Chadwell Street. All'anno citato risale Wangey House (di cui leggete in uno specifico paragrafo). La Foresta di Hainaut era una parte della Foresta Reale dell'Essex, i cui confini, come definiti nel 1225, vennero confermati nel 1301 da Eduardo I. In particolare, il confine a sud della strada principale per Londra veniva definito avente il suo inizio da una croce "alla testa di un ..... sentiero chiamato Wytheslane" (tale punto, nel 1641, coincideva col confine sud-orientale della Foresta ed era segnato da una pietra - dal 1963 trasferita presso Valence House - in corrispondenza dell'attuale High Road di Chadwell Heath). Nel 1440, Chadwell Heath faceva parte della riserva reale di caccia di Enrico VIII. Una mappa del 1777, mostra la Parish di Barking prima dei cambiamenti moderni: nell'estrema porzione meridionale c'era la palude; a nord, la Foresta di Hainault comprendeva circa 4000 acri, di cui circa la metà in Barking. I principali centri abitati erano la cittadina di Barking ed il Villaggio di Ilford, a due miglia ad est del quale insisteva il borgo di Chadwell Street, lungo l'antica strada Londra-Colchester. C'erano altri borghi a Little Heath e Padnall, sul margine sud-orientale della Foresta, e Barkingside sul suo margine occidentale. Manor Houses, fattorie, cottages, erano più numerosi a nord della strada per Londra, che a sud. La Brughiera (Heath), ai margini meridionali della Foresta di Hainault, aveva una pessima reputazione, costituendo luogo di ritrovo di banditi e ladri. Una mappa di Chadwell Heath del 1791, nell'ambito della mappa della Foresta disegnata da Joseph Pennington (corretta e ripubblicata nel 1849), mostra molto chiaramente la situazione al quel tempo e la Brughiera (che sarebbe poi stata disboscata e riconvertita a seguito di una legge del 1851). Proprio lungo la citata strada romana si verificò un primo sviluppo edilizio lungo di essa di cottages coperti da paglia e St Chad's Church, con piccole fattorie, tre muini a vento (su Mill Lane, sino alla demolizione negli ani '60 del XIX secolo), nonché un punto di sosta, precisamente presso il pub "The Greyhound" (Greyhound = tipo di levriero) per i viaggiatori ed i loro cavalli, che risale all'Epoca Tudor. Nel 1801, Chadwell contava 317 abitanti, che nel 1841, erano diventati 758. Durante quest'ultimo decennio, la popolazione rimase quasi stazionaria, anche se la crescita riprese nel successivo decennio. La Brughiera venne recintata dalla Corona nel 1860 e parte residua come St Chad's Park, il più antico Parco nell'attuale London Borough of Barking and Dagenham. Sul sito di uno degli edifici più antichi di Dagenham, risalente alla metà del XIII secolo, la Wangey House (v. paragrafo specifico) la Great Eastern Railway edificò la stazione (che rappresentò anche il terminale sia per i tram che per gli autobus elettrificati). Tuttavia, né tale apertura (11 gennaio 1864), né la recinzione del Common (1866), trasformarono immediatamente Chadwell Heath, anche se prepararono il terreno alla sua crescita suburbana. Nel 1872, la popolazione era pari a 882 unità e la crescita, come vedremo, iniziò verso il 1900, procedette costantemente sino al 1914, per accellerare dopo il 1918. Disponiamo di una "fotografia" dello stato di Chadwell Heath prima della sua espansione, visto che ce la fornisce Sir George Samuel Measom (1818-1901), un Incisore Inglese, Editore ed Autore di guide di viaggio ferroviarie nella Gran Bretagna della metà del XIX secolo (successivamente, si impegnò in opere caritatevoli e venne insignito del titolo di Cavaliere nel 1891). Tale descrizione di Chadwell Heath viene fornite in "The Official Illustrated Guide to the Great Western Railway" (1865): "A due minuti di cammino dalla stazione, lungo il lato meridionale di High Road, che corre parallela alla ferrovia sul lato settentrionale della stazione, si trova Chadwell Heath, un piccolo villaggio. La Brughiera contiene circa sei acri, a nord di High Road, ventuno dei quali sono stati venduti successivamente a fini edificatori: la rimanente porzione (con l'eccezione di sette acri che sono stati destinati a scopi ricreativi) è stata assegnata a persone che hanno diritto di 'herbage' (es. il diritto di far pascolare animali). Ubicati in un triangolo sulla Brughiera vi sono tre mulini a vento e la casa adiacente, proprietà del Signor Archer Moss Junior. Di fronte ai mulini, sul lato meridionale di High Road, si trova Heath House, la residenza e proprietà di Archer Moss Senior. Sul lato settentrionale della strada, ulteriormente ad est, si trova Whalebone House (Henry Mull). A circa un quarto di miglio a nord di questa, Paulatim Lode (George Raymond). La terra qui è principalmente agricola, ed è coltivata principalmente per gli ortaggi per i mercati di Londra.". Nell'antica Parish di Barking, oltre ai terreni agricoli comuni ed alle paludi comuni, c'erano anche delle aree comuni non coltivate. La più grande di queste era la Foresta di Hainault Forest, che era sopravvissuta sino agli anni '50 del XIX secolo. Poche altre, tutte vicino a tale Foresta, identicamente residuavano ancora nel 1847: in particolare, Chadwell Heath, la maggior parte della quale rientrava in Dagenham, comprendeva anche 8 acri in Ilford (venne recintata nel 1867), mentre, Little Heath comprendeva 2 acri e mezzo. Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Chadwell Heath come segue: "CHADWELL, or Chadwell-Heath, a ward in Barking parish, Essex; on the Eastern Counties railway, 2½ miles E by N of Great Ilford. It has a station on the railway, and a post office under London E. Real property, £3,615. Pop., 882. Houses, 181. There is a Baptist chapel.". Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Chadwell Heath come segue: "hamlet, and sta. on Great Eastern Ry., Dagenham-par., S. Essex, 10 miles NE. of London; P.O., T.O., called Chadwell.". Entro il XIX secolo, Chadwell Heath raggiunse la dimensione di un ampio villaggio e, nel 1877, alcuni membri locali del Clero e della Aristocrazia terriera si incontrarono per discutere la possibilità di edificare una Chiesa al servizio della crescente comunità. Richard Payze, un uomo d'affari locale, donò generosamente il terreno per la costruzione della Chiesa. Frederick Chancellor, un Architetto di Chiese, ottenne l'incarico di progettare l'edificio religioso, e di fatto produsse cinque differenti progetti, prima che la scelta finale venisse effettuata. Furono necessari tre anni per raccogliere le 3000 sterline necessarie per poter iniziare i lavori. Verso il 1880, il Vicario J.S. Moore iniziò a tenere celebrazioni a Chadwell Heath. La prima pietra della Chiesa venne posta il 28 maggio 1884, ma solo dopo circa due anni, il 2 marzo 1886, il giorno di St. Chad, l'edificio potette essere usato per le celebrazioni domenicali. St. Chad’s Church venne aperta come Cappella di servizio di Peter and St Paul, Parish Church di Dagenham ed occorsero altri nove anni prima che St Chad’s Chadwell Heath divenisse una Parish Church autonoma, esattamente il 2 giugno 1895, quando il Vescovo di Colchester dedicò l'edificio religioso. La nuova Parish di Chadwell Heath venne formata e comprendeva Chadwell Heath e Marks Gate a Dagenham, e parte di Chadwell Street a Ilford. L'edificio, di mattoni rossi con rivestimento di pietra, ha una navata laterale, il Presbiterio ed una Torre merlata a nord-ovest, con orologio, che venne aggiunta successivamente per celebrare il "Diamond Jubilee" della Regina Vittoria (1837-1897) e fu un regalo di T. H. Sale della "Bengal Engineers". Venne dedicata il 2 agosto 1898 dal Vescovo di Saint Albans. Alla fine del XIX secolo, dopo l'abbattimento della Foresta di Hainault, si rese, ovviamente, disponibile tanta terra per l'agricoltura come non mai a Dagenham. Tuttavia, per quel che riguarda Chadwell Heath, si iniziò a costruire e venti anni dopo la maggior parte dei terreni della Parish vennero impiegati a fini edilizi, originando una espansione più rapida nel principio del XX secolo. Nel 1904, il Reverendo J. P. Shawcross osservò che "con l'eccezione di pochi contadini e commercianti, gli abitanti erano un insieme povero e prodigo di persone, che vivevano in capanne di legno e paglia di piccole dimensioni, alte un piano .... Vivevano una vita precaria coltivando fazzoletti di terra, potando alberi, allevando bovini, puledri, asini, maiali ed oche ... ". Dal punto di vista della circolazione stradale, il 1925 fu molto importante per Chadwell Heath, dato che High Road, che sin dal tempo dei Romani aveva costituito la principale direttrice di traffico in qulla zona dell'allora Essex (e che dal 1721 fu soggetta al controllo del Middlesex and Essex Turnpike Trust): venne aperta la Eastern Avenue, parallela ad essa a circa mezzo miglio a nord. La maggior parte degli edifici oggi esistenti venne realizzata tra le Due Guerre Mondiali. Confrontando quattro mappe che coprono esattamente un secolo (anni '70 e '90 del XIX secolo ed anni '30 e '70 del XX secolo), si vede come la prima espansione fu egualmente intensa sia lungo Station Road che Roman Road, con crescita a grappoli lungo High Road. Il centro della cittadina era probabilmente all'intersezione tra High Road, Chadwell Heath Lane e Station Road, con l'Ufficio Postale (ora PG Ashton), la stazione della Polizia (ora Eva Hart), e Coopers Arms e London Provincial Bank (ora Major Stores e Co-operative Stores (ora un negozio di bicilette) più avanti nella strada. Tudor Parade venne costruita sul lato meridionale di High Road nel 1938. Whalebone House rimase in piedi sino ai bombardamenti tedeschi della Seconda Guerra Mondiale. Questi colpirono Chadwell tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941 con 35 bombe esplosive ed una mina paracadutata. Chadwell Heath è un centro residenziale periferico con importanza locale, a metà strada tra i più ampi centri metropolitani di Romford ed Ilford. E' fortemente lineare e fatto di diverse file di negozi inframezzati da case, nonché una serie di comunità ed altri edifici. Il centro è relativamente popolare e la qualità delle aree commerciali e limitrofe residenziali è relativamente di buona qualità, sebbene vi siano indicazioni che la qualità dell'offerta nella cittadina possa peggiorare. E' ben servita da spazi verdi, con St Chad's Park di facile accesso dal centro. L'area attorno alla stazione fu nota per attività industriali, come un imporante panificio (Hemmings) ed una fabbrica di pittura (Bergermaster), rilevanti fonti di lavoro locale, soprattutto Inglesi ed Irlandesi. Molti abitanti di Dagenham si trasferirono a Chadwell Heath. A nord del centro cittadino, hanno chiuso recentemente ampi siti industriali come Wiggins Teape e Morganite Carbons Ltd, mentre Sunlight e Dairy Crest rappresentano ancora importanti datori di lavoro nell'area (quest'ultimo, nel 2001, ha raddoppiato gli impianti di lavorazione in Selinas Lane). In effetti, le due parti di Chadwell Heath, si caratterizzano differentemente dal punto di vista socio-economico: le case di proprietà (sia pure gravate da mutui) sono maggiori nella parte di Redbridge, mentre, quella di Barking and Dagenham presenta una più alta proporzione di operai (bianchi) in affitto. Concludiamo ricordando che diversi personaggi reali attraversarono l'area: Elisabetta I (1553-1603), che viaggiò da Londra lungo la grande strada dell'Essex quando venne ospitata da membri della Nobiltà locale; Maria dei Medici, la Regina Madre di Francia passò nei pressi nella sua carrozza lungo la strada da Harwich a Londra, quando visitò sua figlia, Henrietta Maria, moglie di Carlo I. La Principessa Charlotte seguì anch'ella questa strada quando venne in Inghilterra per sposare Giorgio III nel settembre 1761. La carrozza reale venne inviata per prenderla a Romford, dove si era fermata per rifocillarsi, e la casa dove stette venne denominata Queen's House dopo la sua visita. Nel 1821, la triste processione che trasportava il corpo di Charlotte di Brunswick passò qui lungo la sua strada per la Germania. Ella fu la moglie separata del Principe di Galles (che divenne Giorgio IV).

2.1 Wangey Manor

Il Manor di Wangey si estendeva su entrambi i lati della strada principale, oggi High Road, allora la strada tra Londra e Colchester. L'origine del nome è oscura. Nel XV secolo, Wangey apparteneva all'Abbazia di Barking. La sua stroria pregressa non è stata tracciata con certezza, ma non è improbabile che questa corrispondesse alla tenuta di 112 acri trasferita nel (o verso) 1366 da John, figlio di John de Sutton di Wivenhoe.  Il padre di Sutton, John, figlio di William de Sutton, aveva posseduto una tenuta leggermente più piccola a Dagenham e Barking nel 1318. William de Sutton aveva sposato Margery, coerede di Richard Batayle di Wivenhoe,  che possedeva terre a Barking nel 1289. Il che suggerisce che la discendenza di Wangey, nel corso del Tardo XIII secolo e nel principio del XIV secolo, sia stata la stessa dei Batayles in Stapleford Abbots. L'Abbazia di Barking mantenne Wangey sino alla sua dissoluzione (Enrico VIII). Nel 1440 e 1456 la tenuta era in locazione a John Longe. Nel 1534-1539, era in locazione a John Humfrey, il quale la teneva nel 1540 in base ad un contratto di locazione di 21 anni concesso nel 1536. Nel 1551, Wangey fu concesso dalla Corona ad Edward Fiennes, Alto Ammiraglio, che lo vendette nello stesso anno a Thomas Baron (o Barnes), che già possedeva Aldborough Hatch, Downshall, e Newbury. Wangey passò in discendenza con Aldborough Hatch sino al 1590, quando Thomas Barnes, figlio dell'acquirente, lo trasmise a Joseph Haynes (morto nel 1621), che in precedenza aveva acquisito Newbury. Nel 1623, Simon Haynes, figlio di Joseph, vendette Wangey a Francis Fuller. Nel 1629, Fuller comprò anche Loxford, e Wangey passò in discendenza con Loxford, e poi con il Manor di Barking, sino al 1805, quando Sir Edward Hulse, lo vendette ad Henry Pedley, che era ancora il proprietario nel 1836. Tra il 1780 e il 1832, era stato fittato a conduttori di nome Burley. Nel 1847, Samuel Pedley possedeva 107 acri a Chadwell Heath, quasi interamente nella Parish di Ilford. Di queste, Wangey Hall (edificata entro il 1777, ad est di Chitty's Lane, ora Station Road), con 32 acri di terreno, era occupata da John Bonnett, presumibilmente in base ad un contratto di locazione annuale. Il resto era tenuto da vari locatari, che erano sub-locazione. La maggior parte della porzione di Dagenham della tenuta era, ormai, stata fusa, sotto diversi proprietari, nella Chadwell Heath Farm, nella Parish di Dagenham. La famiglia Pedley mantenne Wangey sino alla fine del XIX secolo o oltre. Wangey Hall Farm venne smembrata verso il 1936 a fini edificatori. Sul suo sito venne eretta Hemmings Bakery nel 1938. 

2.2 Wangey Estate - Wangey House

La relativa Tenuta (Wangey House Estate) venne creata nel Tardo XVI secolo dalla Famiglia Harvey. Al principio del XVII secolo, essa comprendeva circa 30 acri in piena proprietà e circa 230 in affitto di lungo periodo, rientranti nel Manor di Barking, oltre a circa 5 del Manor di Marks. Sir James Harvey (morto nel 1583), Sindaco di Londra nel 1581, lasciò in eredità al suo secondo figlio, James, una casa e la terra "nel villaggio di Wangey e Chadwell e dintorni", e anche una nuova casa a Becontree Heath, terreni a Eastbrook End ed un tratto di palude a Sandy Creek. Tali proprietà erano state vendute da Sir James per Clement Sysley, John Thatcher, Paul Stevens ed altri. L'acquisto principale sembra essere stato quello da Sysley, realizzato nel 1571. La tenuta di James Harvey, totalmente descritta nel fitto del 1609 del Manor di Barking, comprendeva molti lotti sparsi di terreno, che si estendevano verso sud da Chadwell Heath al Tamigi. Nel 1626, alla sua morte, la tenuta passò a sua moglie Elizabeth, con reversione a John, il suo figlio più anziano. Questi, che successe a sua madre nel 1633, morì nel 1656, lasciando la sua tenuta al nipote James Harvey. Una mappa del 1652–1653 mostra alcune delle proprietà di Harvey a Chadwell Heath, compresa la stessa Wangey House, sul sito della stazione ferroviaria di Chadwell Heath. Tale Casa appare come una ampia costruzione rettangolare con una torre. I campi appartenenti alla Famiglia Harvey erano mescolati con quelli del Manor di Wangey, appartenente alla Famiglia Osbaston. verso il 1670, James Harvey vendette la sua tenuta (Wangey Estate). Nel 1676, questa era posseduta da George Dewey, che ne aveva comprato una parte da Thomas Waldegrave, e parte direttamente da Harvey. Successivamente, la tenuta passò a Samuel Strode, la cui vedova Anne la vendette nel 1740 a Josiah Chitty, il quale morì nel 1750, dopo averla lasciata a suo nipote Joseph Chitty, il quale visse presso Wangey House sino alla sua morte avvenuta nel 1795. La tenuta sembra essere stata suddivisa quando la Eastern Counties Railway costruì la linea principale attraverso Chadwell Heath nel 1836–1839. Infatti, un provvedimento del 1836 l'aveva autorizzata ad acquistare Wangey House e terreni limitrofi dall'allora proprietario Thomas G. Fuller. Parte della Casa, che si diceva essere Elisabettiana, venne abbattuta quando venne edificata la ferrovia immediatamente a nord di essa ed un'altra parte, nel 1901, quando la stazione di Chadwell Heath venne ampliata. La parte rimanente della costruzione venne demolita nel 1937. Una fotografia del 1932 mostra una facciata del XVIII secolo a due piani. Il tetto era sovrastato da una bassa struttura a torre, probabilmente una piattaforma di osservazione, che è più chiaramente mostrata in un quadro della parte posteriore della Casa fatto nel 1901.

3. Whalebone Lane

Nel camminare lungo High Road, l'antica strada che collegava Londra a Colchester, che segue la direttrice ovest-est, se andate verso Romford (quindi ad est), la strada è tagliata perpendicolarmente (nord-sud) da un'altra strada denominata "Whalebone Lane". La strada, come lascia intendere il nome (Whale = Balena, Bone = Osso, Lane = Viottolo) trasse il suo nome da un paio di costole giganti di una balena che per due secoli vennero poste come casello di pedaggio sulla strada per Romford. Il primo riferimento conosciuto delle ossa risale al 1641, quando si affermò che la costola di una balena era stata recentemente posta al bivio. Una mappa del 1652 mostra lì un osso di balena nel mezzo della strada. Al principio del XVIII secolo, si sostenne che un osso ivi infisso derivava da una balena presa nel Tamigi nel 1658. Tale Tradizione non è smentita dai riferimenti precedenti, dato che è chiaro che sono coinvolte diverse diverse ossa. Nel 1904, c'erano due ossa di balena che sovrastavano le porte della Whalebone House, che si trovava sul lato nord di High Road ad est del bivio, ed allora si affermò che un'altra coppia di ossa, che era rimasta all'angolo opposto di Whalebone Lane, era stata recentemente rimossa. Il paio della Whalebone House nel 1963 si trovava presso Valence House.

4. I Mulini

Nel 1841, nella Parish di Dagenham esistevano sei mulini a vento: tre vicini gli uni agli altri a Chadwell Heath, uno in New Road, vicino Beam Bridge, uno a Becontree Heath ed un altro a Marks Gate.  Solo uno di questi già esisteva a Chadwell Heath nel 1770.  Gli altri due a Chadwell Heath vennero costruiti successivamente verso il 1810. Nel 1841, i tre mulini di Chadwell Heath appartenevano ad Archer Moss, la cui Famiglia continuò a portare avanti l'attività sino al 1914. Uno dei mulini fu demolito verso il 1893, un secondo nel 1903-1904, il terzo che era statao trasformata a motore, venne chiuso durante la Prima Guerra Mondiale.

5. Il guazzabuglio amministrativo

Per concludere, riteniamo approfondire il problema che abbiamo segnalato sin dall'inizio al lettore, derivante dalla suddivisione amministrativa e politica dell'area tra due diverse Municipalità Londinesi, Barking and Dagenham e Redbridge. Interessante a questo fine, è quanto riportato in un forum su Intenet (http://forums.redbridge.gov.uk) che spiega il disorientamento dei cittadini, che traduciamo: "Barking and Dagenham possiede una circoscrizione denominata Chadwell Heath, e Redbridge ne ha una chiamata Chadwell. Allo stato, Chadwell Heath è divisa tra il London Borough of Redbridge ed il London Borough of Barking and Dagenham. 2/5 di Chadwell Heath sono in Redbridge, mentre gli altri 3/5 sono in Barking and Dagenham. Ciò significa che non otteniamo politiche coerenti o una gestione ottimizzata delle tasse che pagiamo, dato che Redbridge fa una cosa, da un lato, e Barking and Dagenham, un'altra, dall'altro lato. Molti edifici principali (ndr pubblici) sono suddivisi tra le due Municipalità. Ad esempio, il nostro Parco, St Chad's, si trova nel London Borough of Barking and Dagenham. La maggior parte dei residenti di Chadwell Heath non visitano mai Ilford (centro amministrativo di Redbridge), dato che tendono ad andare a Romford (sebbene si trovi a Havering, ndr che è una terza Municipalità!!!!!), dato che è più vicina. Spesso nelle riunioni di comunità, la Polizia ed i Consiglieri dicono "ciò non è dal nostro lato, è dell'altra Municipalità .... " ecc. . Ciò non serve ai residenti. A loro non importa chi lo fa o i problemi scaturenti da questioni di confine, visto che essi vogliono semplicemente che qualcuno agisca. Il rapporto qualità-prezzo è un altro problema-chiave. Ad esempio, la spesa è duplicata su due biblioteche, una a Grove Roadd (Redbridge, Keith Axon Centre) e l'altra a Chadwell Heath High Roadd (Barking and Dagenham, Robert Jeyes Library). Pertanto, non dovremmo essere sotto una sola Municipalità? Probabilmente, nel London Borough of Barking and Dagenham, in cui rientra la maggior parte dell'area.".  

Redbridge - Visita guidata

La piccola stazione di Chadwell Heath

La piccola stazione di Chadwell Heath

Station Road

Station Road

Rotatoria

Rotatoria

High Road

High Road

Case tipiche

Case tipiche

St Chad's Park

St Chad's Park

Chadwell Heath Baptist Church

Chadwell Heath Baptist Church

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it