www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Tufnell Park

Sintesi

Tufnell Park è una stazione della metropolitana (Northern Line) che serve quest'area rientrante in parte nel London Borough of Islington (in cui per un "pelino" rientra la stazione) ed in parte nel London Borough of Camden. Si tratta di un caratteristico schema residenziale sviluppato principalmente nel XIX secolo, con ampie strade alberate ed alloggi personalizzati,

Distanza dal centro: 3,6 miglia.

Attrattiva: accettabile. La stazione attira lo sguardo per la terracotta smaltata con cui è rivestita, come pure l'edificio dall'altro lato dell'incrocio con torretta ed orologio, dove insiste un pub.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione della metropolitana, siete giusto all'incrocio tra Tufnell Park Road (direzione ovest-est) con Brecknock Road (direzione sud), dove confluiscono anche Junction Road (direzione nord-est), Dartmouth Park Hill (direzione nord-ovest), dove trovate il Ristorante Sardo Nuraghe, Forest Road (direzione sud-ovest). Le varie mappe differiscono leggeremente in merito alla linea di confine tra le Municipalità, per cui, certamente la prima e la terza rientrano in Islington, la quinta in Camden, mentre le altre due, in Islington e forse in piccola porzione in Camden). Lo sguardo viene attratto dalla costruzione dall'altro lato dell'incrocio con torretta ed orologio, sotto cui si trova il pub The Boston Arms. Nelle strade dell'incrocio, vedete edifci bassi con negozi a livello stradale.

Toponimo

Il nome deriva da William Tufnell (che poi assunse il nome di Joliffc), Lord del Manor of Barnsbury (di cui a lungo quest'area fece parte), il quale in base alle disposizioni testamentarie di Sir William Halton (morto il 12 febbraio 1754), rese in data 13 gennaio 1753, entrò in possesso del Manor e ne godette sino al 1797, quando morì senza lasciare eredi.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da Thomas Edlyne Tomlins in "A Perambulation of Islington" (1858), pagina 106; da Edward Walford in "Old and New London: Volume 5" (1878), alla voce "The northern suburbs: Holloway" (pagine 373-388), da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - Eileen P. Scarff - G. C. Tyack in "A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham" (1976), alla voce "Hendon: Churches" (pagine 33-37); da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - M. A. Hicks - R. B. Pugh in "A History of the County of Middlesex: Volume 6, Friern Barnet, Finchley, Hornsey With Highgate" (1980), alla voce "Hornsey, including Highgate: Social and cultural activities" (pagine 157-162); da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - Patricia E. C. Croot in "A History of the County of Middlesex: Volume 8, Islington and Stoke Newington Parishes" (1985), alle voci "Islington: Introduction" (pagine 1-3), "Islington: Communications" (pagine 3-8), "Islington: Growth, Barnsbury and King's Cross" (pagine 24-29), "Islington: Growth, Holloway and Tollington" (pagine 29-37), "Islington: Growth, Holloway and Tollington" (pagine 29-37), "Islington: Social and cultural activities" (pagine. 45-51), "Islington: Manors" (pagine 51-57), "Islington: Other estates" (pagine 57-69), "Islington: Education" (pagine 117-135); da Sara McConnell in "The perks of park life" (24 ottobre 2000, Evening Standard); da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010) e "A Dictionary of British Place Names" (2011); si leggono in "Brewer's Dictionary of London Phrase & Fable" (2011); si leggono in "37 Things You Never Knew About Tufnell Park" (12 giugno 2014, kentishtowner), che traduciamo e sintetizziamo liberamente.

1. Eventi storici di rilievo

Dal "Toponimo" sapete che la storia dell'area è legata al Manor di Barnsbury di cui a lungo quest'area fece parte, per cui, è opportuno far luce su alcuni eventi riguardanti tale Manor che chiariscano il contesto e che, in qualche modo, siano ricollegabili con la Storia dell'area.

1.1 Manor di Barnsbury

In precedenza chiamato "Bernersbury" o Iseldon Berners", trasse origine da 5 unità che prima del 1066 erano divise in parti eguali tra Sired, Canonici di San Paolo ed i Canonici, mentre nel 1086 erano tenute per Hugh de Bernes dal Vescovo di Londra. Nel 1646, Sir Thomas Fowler acquistò dal Parlamento il diritto del Vescovo sul Manor, che non sembra sia stato reso allo stesso nel 1660. Nel 1656 il Manor andò alla sua figlia maggiore Sara, vedova di Sir Thomas Fisher. Dopo la morte di Lei, verso il 1666, il Manor passò al figlio maggiore Sir Thomas Fisher (morto nel 1670), a suo figlo Sir Thomas (morto nel 1671), e poi al secondo figlio di Sarah Sir Richard Fisher (morto nel 1707). Poiché Richard non ebbe figli, le sue terre passarono a Sir Thomas Halton (morto nel 1726), figlio di sua sorella Ursula, e poi al figlio di Sir Thomas, Sir William (morto nel 1754) che lasciò il Manor in amministrazione al suo figlioccio e consanguineo William Tufnell. Questi, che assunse il cognome Jolliffe o Joliffc ereditando un'altra tenuta (tenuta dagli Ammistratori fiduciari di Tufnell Estate nel 1862), venne succeduto nel 1797 dal fratello George Tufnell (Foster), Membro del Parlamento (morto nel 1798), e poi dal maggiore dei figli di George, William (morto nel 1809). Nel 1804, parte della proprietà fondiaria andò alla moglie di William, Mary Carleton.  Il più anziano dei figli di William, il politico Henry Tufnell, morì nel 1854, lasciando un figlio giovanissimo Henry Archibald Tufnell (morto nel 1898), a cui successe il LuogoTenente Colonnello Edward Tufnell (morto nel 1909), la cui vedova Ellen Bertha mantenne il possesso vitalizio di una parte del Manor ed i cui amministratori fiduciari erano i Lords nel 1925, quando terminano libri della Corte Manoriale. Da tale momento, non è più possibile seguire la discendenza del Manor.

1.2 Storia dell'area

Tufnell Park Road segue il percorso di un'antica strada Romana che, approssimativamente, si allungava da Holloway Road a Dartmouth Hill ed oltre Hampstead Heath. Edward Walford (Old and New London, Volume 5) fornisce una raffigurazione del paessaggio attorno a "Roman Road" com'era nel 1838. Una casa colonica medioevale circondata da un fossato (di proprietà nel XV secolo del Manor di Barnsbury e che nel 1725, risultava essere fittata John Warminger, Carpentiere, con un caseggiato che Warminger aveva da poco edificato nel fossato. Tale casa, o un'altra confinante col fossato, era nota come "Manor Farm" o "Manor House" nel XIX secolo - la seconda, nel 1851, era occupata da Manor House School), si trovava a circa metà percorso di Holloway Road, in prossimità dell'intersezione con la futura Tufnell Park Road (all'estremità orientale). Dei contratti privati stipulati nel 1822 e 1862, autorizzarono gli Amministratori fiduciari della Tufnell Estate a stipulare dei contratti di fitto edificatori. Sino al principio del XIX secolo, l'area fu nota per i suoi caseifici, che rifornivano Londra di latte. Tuttavia, nel 1822 la Famiglia Tufnell cercò di ottenere l'autorizzazione a concedere fitti immobiliari e realizzò Tufnell Park Road due anni dopo. Altre strade vennero denominate da altri rami della Famiglia estesa. Dalla metà del XIX secolo, unitamente a St. Bartholomew's Road (poi Dalmeny Avenue), venne edificato un terreno di incerta origine, chiamato "Baker's Field" e posseduto da St. Bartholomew's Hospital nel 1806, che si trovava tra Camden Road e Tufnell Park nel 1849. Bisogna però distinguere tre "ondate" legate all'urbanizzazione dell'area e/o ai nuovi venuti. La prima iniziò nel 1845 secondo uno schema proposto da Henry Tufnell e progettato da John Shaw Junior (che aveva anche progettato Eton Estate di Chalk Farm). Tale prima fase fu limitata essenzialmente alla zona attorno a Carleton Road. Nel 1865, il progetto venne rilevato dall'Archietto Scozzese George Truefitt che realizzò la maggior parte delle ville locali e la Chiesa Anglicana secessionista di St. George nel 1865. Quindi, in circa 15 anni venne costruita la maggior parte delle case a schiera, spesso adottando la soluzione dei tetti a scomparsa separati, di modo che sembrassero delle case bifamiliari. Sebbene il progetto avesse visto il coinvolgimento di due soli Architetti indicati, essi diversificarono ogni strada, e talvolta, ogni villa all'interno di una strada. Le facciate erano spesso semplici, ma fantasiosamente ornate, soprattutto intorno alle finestre. L'edificazione iniziò attorno alla Chiesa di St. George e si estese in Carleton Road, essendo stato abbandonato lo schema per un parco, tanto che l'intera area, gradualmente, venne coperta da edifici. Le case qui erano ancora ville di un certo rilievo simili a quelle di Tollington Park e di Hanley Road. Entro il 1886,  Tufnell Park era parzialmente ricoperta di case: lungo Carleton Road, c'erano case indipendenti e bifamiliari, ma rimanevano terreni in Anson Road, Hugo Road e Dalmeny Road, ad ovest e nord della Chiesa di All Saints. L'Artista Ford Madox Brown, Pittore di soggetti morali e storici, realizzò il suo dipinto più importante "Work", mentre viveva al numero 56 di Terrace Road. Il lavoro venne iniziato ad Hampstead nel 1852 e venne esibito in una mostra retrospettiva nel 1865. Thomas Plint diede un anticipo, finanziando la realizzazione dell'opera, in attesa di riceverla compiuta, ma morì nel 1861 prima che vennisse finita. Ford Madox Brown, tramite il dipinto, cercò di sintetizzare in una sola immagine l''intera esperienza sociale dell'Epoca Vittoriana intermedia, dove ogni personaggio rappresentava una classe sociale. Essendo valida la qualità delle case, Tufnell Park conservò un buon nome sino alla fine del XIX secolo. Infatti, il Filantropo e Riformatore Sociale Charles Booth (noto per i suoi lavori pioneritici sulla vita londinese delle classi lavoratrici alla fine del XIX secolo), rilevò che le case più vecchie su Anson Road e Carleton Road ospitavano una miscela di Mercanti in pensione ed Artisti musicali ricchi abbastanza da portesi permettere le vacanze all'estero durante l'inverno. Tuttavia, stando al citato Charles Booth, la seconda "ondata" di urbanizzazione, attorno a Celia Road, Hugo Road, Corinne Road, Huddleston Road ed Archibald Road rappresentò una minaccia che avrebbe creato una Metropoli "da cui i ricchi sarebbero fuggiti repentinamente": la reputazione di Tufnell Park era seriamente compromessa! La Chiesa bizantina di St. George fu inclusa nell'ambito di un progetto di sviluppo ed venne dotata per la Chiesa libera dell'Inghilterra nel 1868. La sua torre adiacente fu costruita nel 1875. Il Circolo di cricket Phoenix di Tufnell Park rilevò un piccolo circolo locale,"The Hanover", e si fuse con un altro ex circolo di Tufnell Park, "The Carlton", nel 1875. Edward Walford racconta (1878) che, passando in direzione settentrionale lungo Holloway Road, avendo sul lato sinistro Tufnell Park, Dartmouth Park ed altre tenute erano in rapida edificazione. Nel 1873, al numero 65 di Tufnell Park Road, venne fondata a Clyde House, una Scuola. Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Tufnell Park come segue: "eccl. dist., Islington par. and bor., Middlesex, in N. of London, pop. 6199". Il pub "The Boston Arms" fu ricostruito nel 1899, come si legge su una targa sulla facciata dal lato di Junction Road, fu progettato dagli specialisti Thorpe e Furniss. Va notato, però, che negli anni '90 del XX secolo, mentre Tufnell Park e Tollington Park conservavano anche residenti benestanti, Upper Holloway era principalmente la sede di impiegati ed artigiani, serviti da un esercito di piccoli commercianti. La stazione di Tufnell Park venne aperta il 22 giugno 1907 dalla Charing Cross, Euston & Hampstead Railway. La facciata caratteristica fu progetata dall'Architetto Leslie Green e fu rivestita da piastrelle di terracotta smaltate fornite da Leeds Fireclay Company. Osservando i dati statistici, mentre in diverse zone, prima della Seconda Guerra Mondiale, i tassi di presenza per stanza, indicavano da 1 a 1,75 persone, a Tufnell Park ed Highbury, quasi dappertutto, vi era meno di 1 persona per stanza. Nel 1936, il London County Council progettò la costruzione di case popolari a Tufnell Park Road, ma poichè gli edifici esistenti non erano totalmente deperiti, le nuove case non vennero terminate sino a circa il 1950. Ad esse vennero aggiunte altre case comunali dal 1967. Nel 1974, venne costruita una nuova Chiesa di St George (ora St. George and All Saints), anche se realizzata all'incrocio tra Crayford Road e Carleton Road. Verso la fine del XX secolo, la vecchia Chiesa a Tufnell Park Road venne usata come teatro dove gli spettacoli di Shakespeare venivano presentati secondo uno stile elisabettiano; il sito fu anche destinato a dare ai giovani attori una formazione classica e per soddisfare esigenze locali ed ospitare eventi. Il Cinema Gaumont, all'angolo tra Holloway Road e Tufnell Park Road, divenne il Cinema Odeon tra il 1959 ed il 1964, ed ancora vi si proiettavano lungometraggi nel 1983. Come accadde in tanta parte della Vittoriana Londra settentrionale, nel XX secolo, vi fu la suddivisione di molte delle case e la sostituzione di altre con case comunali, in modo che la maggior parte dei residenti di Tufnell Park vive in appartamenti, affittati privatamente o dall'Amministrazione locale o da associazioni di alloggi. In tempi più recenti, però, vi è stato un processo inverso, di ritorno al passato, visto che alcune case sono state riunite, poiché le classi medie più ricche sono tornate a stabilirsi nell'area, soprattutto nella sezione occidentale. Ecco che, oggi, Tufnell Park sta vivendo la terza "ondata", visto che la classe media di Londra nord si è resa conto dei vantaggi che offre l'area: solide case Vittoriane ripittate in strade alberate, percorsi piastrellati originali accuratamente restaurati verso le porte anteriori, case a schiera Vittoriane trasformate in spaziosi appartamenti e casette a due piani. Ed è facile comprendere come sia stata possibile questa trasformazione da area non eccelsa a fascia relativamente elevata (che tecnicamente si definisce "gentrification"): Tufnell Park occupa una posizione strategica dal punto di vista stradale e si trova in prossimità di piacevoli strade ed aree residenziali; l'incremento dei prezzi ha allontanato una certa tipologia di acquirenti, ma ne attratti dei nuovi, anche tenuto conto che, a parità di spesa, si ottiene di più in termini di stanze rispetto ad altre aree ad essa paragonabili. Unica nota "stonata" è la scarsità di negozi di un certo livello, di pubs e ristoranti nelle vicinanze. Ma gli aspetti positivi sono tanti, per cui, Tufnell Park si è rimpita di coppie di professionisti della clase media e di famiglie. Concludiamo, segnalando, da un lato, che ancora oggi è possibile vedere quanto rimane delle mura dei cancelli del Manor all'estremità occidentale di Tufnell Park Road, dall'altro che, Tufnell Park viene delimitato dalla guida A-Z come l'area fiancheggiata da Holloway Road, Junction Road, Brecknock Road e Camden Road. Ma la Tufnell Park della classe media inizia a sud su Carleton Road e termina a nord, attorno a Foxham Road. Per cui, gli Agenti immobliari suggeriscono a chi voglia comprare, "Più lontano ci si tiene da Holloway Road, meglio è!".

2. Tufnell Park Road Market

Si tratta di un mercato gestito da operatori privati autorizzati dalle Autorità di Islington.

Islington- Visita guidata

Stazione di Tufnell Park

Stazione di Tufnell Park

Tufnell Park Road

Tufnell Park Road

L'incrocio tra Junction Road (destra) e Dartmouth Park Hill (sinistra)

L'incrocio tra Junction Road (destra) e Dartmouth Park Hill (sinistra)

Oggetti di antiquariato in vendita a Camden Passage

Ristorante Nuraghe

Fortess Road

Fortess Road

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it