www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

North Acton

Sintesi

North Acton è una stazione della metropolitana (Central Line) in prossimità del confine col London Borough of Hammersmith and Fulham. Si tratta di una zona "ibrida", che da un lato appare moderna ed in parte ancora in edificazione, dall'altro, è criticata per problemi di sicurezza ed igiene. Se per decenni, North Acton fu associata alla BBC, dato che, in prossimità della stazione, l'emittente aveva i suoi principali studi per le prove televisive e la sua collezione di costumi, oggi, l'area si può considerare una zona commerciale che Western Avenue separa dal resto di Acton. A titolo di curiosità, sappiate che l'intersezione tra la A40 e Horn Lane, a sud della stazione di North Acton, è detta "Gipsy Corner", per ricordare che rappresentava un luogo di sosta dei gruppi di viaggiatori irlandesi che entravano ed uscivano da Londra. Acton rientra prevalentemente nel London Borough of Ealing; tuttavia, parte di East Acton fa parte del London Borough of Hammermisth & Fulham, mentre una piccola parte di South Acton giace nel London Borough of Hounslow. Altra caratteristica di Acton è di ospitare un elevato numero di stazioni, maggiore di qualsiasi altra area di Londra, le cui ragioni abbiamo chiarito alla fine della pagina, in un apposito paragrafo.

Distanza dal centro: 7 miglia.

Attrattiva: potrebbe interessare se vi piacciono gli edifici moderni.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla piccola stazione della metropolitana, non potete andare diritto, dato che di fronte a voi, trovate una tettoia dove sono riparate le biciclette in parcheggio; un cartello avvisa "Cycles may be left here free of charge, at owners risk": la zona è in via di riqualificazione, con tanti edifici moderni terminati o terminandi, ma qualche problemino di sicurezza nell'area è da più parti segnalato sul web! Potete andare verso sinistra, in leggera salita, o verso destra, salendo delle scale, ma in ogni caso, siete circondati, anzi, sovrastati, da edifici moderni, anche imponenti.

Toponimo

Il nome "Acton" è da più parti detto comparire per la prima volta nel 1181 come "Acton(e)". Tuttavia, la Fonte solitamente richiamata, sinteticamente "The Domesday of St. Paul's of the Year M.CC.XXII.", che riporta, tra l'altro, i documenti relativi ai Manors e Chiese appartententi al Diacono e Capitolo di San Paolo di Londra nei secoli XII e XIII, riporta un accordo di cui è testimone Vitalis, una persona del luogo, che indica un altro anno (1114) ed un nome leggermente differente (Actona):

"FORMS OF AGREEMENT, BT WHICH THB MANORS BELONGING TO THE CHAPTER OF ST. PAUL'S WERE LET TO FARM AT VARIOUS TIMES DURING THE TWELFTH CENTURY. FROM THE BOOK MARKED I, NOW REMAINING IN THE ARCHIVES OF THE DEAN AND CHAPTER.

DE TUIFERDE.
Anno ab incarnatione domini millesimo centesimo xiv. facta est haec conventio inter canonicos sci Pauli et Walterum de Cranford. R. lundoniensis episcopus et Willmus decanus et conventus canonicorum sci Pauli concesserunt supra dicto Waltero et filie ipsius Athalais terram quandam nomine tuiferde, quam Reinerus tenuerat prius sub ipsis canonicis; et eandem terram ipse Reinerus in capitulo sci Pauli quietam quantum ad se clamavit. Ea conventione, ut Walterus eam haberet. Pro ista terra reddet Walterus et filia ejus supra nominata singulis annis ad festum sci Michaelis v. sol. ipsis canonicis, et insuper decimationem annone et ovium et caprarum de ipsa terra . Et haec conventio duratura est quam diu alter eorum vixerit. Cum autem alter obierit, corpus suum reddet sancto Paulo cum xx. sol. Cum autem uterque obierit, terra quam tenuerunt libera et soluta sancto Paulo in manu canonicorum remanebit. Testes hujus conventionis sunt. Rogerus filius aluredi. Willmus fr Walteri, et Ricardus fr Walteri. Aldricus de coleham. Vitalis de actona. Ansgotus clericus de coleham. Tovi enganet. Generamnus de lundonia. Robertus sellarius. Baldewinus de aldermannesberi. Reinerus qui prius tenuit illam terram. De ipsis canonicis hii affuerunt. Guillmus decanus. Reingerus archidiaconus. Quintilianus archid. Artukus. Rad' gundram. Wlframus . hamo. Eklwinus filius Golwini. Hugo filius Alberti. Ailwardus. Robertus filius Generani.
".

Succesivamente, si legge "Acton(e)" (1232), "Acton juxta Braynford" (1294), "Aketon" (1211, 1213, 1316), "Chirche Acton" (1347), "Aghton" (1398), "Churche Acton" (1551). Il nome è un composto delle parole dell'Old English "āc" (albero di quercia) + "tūn" (recinzione, fattoria, villaggio, tenuta), per cui, può tradursi come "Fattoria (o villaggio) vicino all'albero di quercia" o "Fattoria specializzata dove si lavora il legno di quercia". La denominazione trova giustificazione nella grande quantità di legna da querce che si produceva e che ancora oggi abbonda in funzione di siepe. In alcuni toponimi riportati avrete notato la presenza del riferimento ad una Chiesa (che era St. Mary): orbene, esso serviva a differenziare il Villaggio principale dal borgo separato di East Acton.

Storia

Informazioni sulla storia dell'area sono fornite da Diane K. Bolton - Patricia E. C. Croot - M. A. Hicks, in "A History of the County of Middlesex: Volume 7, Acton, Chiswick, Ealing and Brentford, West Twyford, Willesden" (1982), alle voci "Acton: Growth" (pagine 7-14), "Acton: Economic history" (pagine 23-30), che traduciamo e sintetizziamo liberamente.

1. Eventi storici di rilievo

La Storia generale di Acton è trattata in Acton Town. Questo paragrafo è dedicato alla Storia di quest'area. Approfondimenti specifici riferiti alle altre singole zone di Acton sono riportate nelle pagine ad esse dedicate: South Acton, West Acton, Acton Central, Acton Main Line, East Acton.

Dai tempi di Elisabetta I (che regnò dal 1558 al 1603), le sorgenti termali di Acton Wells, ritenute salutari, prosperarono sul margine orientale della zona, nei pressi di Old Oak Common. Nella seconda metà del XVIII secolo, proprio qui si tenevano delle corse di cavalli. Nel tardo XIX secolo, vicino al Grand Junction Canal e Willesden Junction, apparvero poche fabbriche. Nel 1866, Naphtha Works venne fondata in Old Oak Common Lane, accanto al Canale (tra le stazioni di North Acton ed East Acton), ma chiuse tra il 1885 ed il 1894, quando il sito venne occupato da segherie. Sempre lungo Old Oak Common Lane, ma a sud del Canale, nel 1868, Willesden Paper e Canvas Works, formarono una società per la produzione pioneristica di carta impermeabile e nel 1873, aprirono una fabbrica sperimentale, che venne ingrandita nel 1888. Durante la Prima Guerra Mondiale, la Società produsse tende applicando il suo processo di impermeabilizzazione ai tessuti. Nel 1924, venne riorganizzata come Willesden Dux Oriental, sempre lungo il Canale, ma nel 1932, il sito venne venduto. Nel 1895, lungo Park Royal Road, venne aperto il Cimitero di Acton. Un ponte sulla linea ferroviaria congiunge le due metà del Cimitero, che hanno ormai esaurito la capacità di contenere nuove sepolture, anche se continuano ad essere impiegati dei lotti familiari già esistenti. Dopo la Prima Guerra Mondiale, lo sviluppo industriale di North Acton fu legato alla crescita di Park Royal. Nel 1923, venne aperta la stazione sulla Central Line, rimpiazzando un pregresso servizio ferroviario della Great Western. Nei successivi anni '30, North Acton rientrò nell'espansione industriale che, durante i Due Conflitti Mondiali, rese Acton la più grande città manifatturiera dell'Inghilterra sud-orientale. La rapida crescita della popolazione che si verificò a partire dalla seconda metà del XIX secolo, portò alla creazione di nuove Parishes: South Acton (1873), East Acton (1880), Acton Green (1888), West Acton (1907), Acton Vale (1915), ed infine, proprio North Acton (1930). John Compton Organ Works fu tra i datori di lavoro più noti di North Acton; realizzava organi per le Chiese, teatri e cinema, tra cui alcuni magnifici strumenti in stile Wurlitzer. A partire dal 1940, prima i danni arrecati dai bombardamenti tedeschi, poi la delocalizzazione industriale, determinarono il progressivo declino nella zona. Da un punto di vista storico, North Acton fu parte del Municipal Borough of Acton nella Contea del Middlesex, per essere accorpato al London Borough of Ealing con la formazione della Greater London nel 1965. Oggi, North Acton è normalmente ritenuto parte del distretto commerciale di Park Royal, il quale si espande in North Acton, anche se alcune strade residenziali finiscono per interrompere la monotonia commerciale. La maggior parte delle attività produttive è di piccole dimensioni, principalmente legate al magazzinaggio ed alla distribuzione. Dei locali dismessi di grandi dimensioni sono stati trasformati in uffici, laboratori e studi per le piccole imprese con il sostegno di Park Royal Partnership. Si mira, in tal modo, alla creazione di un'area ad uso misto ed ad alta densità, con imprese dei mezzi di comunicazione unitamente ad unità residenziali e servizi locali. Su Noel Road, trovate la Parish Church of St Gabriel, (più vicina alla stazione di Acton Main Line), accanto a North Acton Playing Fields, un vasto spazio pubblico, dove ci sono campi da calcio, cricket, tennis, pallacanestro, macchine per esercizi ginnici, una caffetteria, spazi per giochi per bambini, un'area per scampagnate con tavoli ed altro ancora.

2. Le ragioni che spiegano l'esistenza ad Acton del maggiore numero di stazioni rispetto a qualsiasi altra area Londinese

Se l'importanza di un luogo venisse fatta discendere dal numero di stazioni presenti in un'area, allora, Acton sarebbe la prima della Capitale Britannica!!!!! Innanzitutto, è l'unico posto di Londra ad avere stazioni corrispondenti a tutti e quattro i punti cardinali: North Acton, South Acton, West Acton, East Acton, a cui vanno aggiunte Acton Main Line, Acton Central, Acton Town. Inoltre, l'attuale stazione di Chiswick Park, un tempo, si chiamava Acton Green. Infine, vennero chiuse la stazione di Park Royal & Twyford Abbey (nel 1931) e le fermate a Rugby Road e Woodstock Road (nel 1916), North Acton ed Old Oak Lane (nel 1947), lungo linee dismesse, mentre esisteva anche un altro South Acton accanto all'attuale, vicinissimo ad Acton Town. Sorge pertanto spontanea la domanda: come si spiega il numero così elevato di stazioni ad Acton, che non è certamente il "meglio" di Londra, costituendo un sobborgo variegato, vivibile in alcune zone, problematico (alquanto) in altre, ma non certamente un luogo attraente ed importante?  Tre sono le ragioni che spiegano la proliferazione delle stazioni "Acton"izzate:

  1. Innanzitutto, in realtà, alcune delle stazioni che attualmente portano il nome di "Acton", non solo non ricadono nei tradizionali confini della Vecchia Parish di Acton, né nel Vecchio Municipal Borough of Acton, ma neanche negli attuali confini del London Borough of Ealing, visto che, se Acton Town è giusto al confine della Municipalità, East Acton ricade nel London Borough of Hammermisth & Fulham, South Acton in piccola parte nel London Borough of Hounslow. Se non fosse per la pessima impressione che abbiamo, in generale, di Acton, concorderemmo con quelli che vedono nell'utilizzo del suo nome una tecnica di marketing usata dagli Agenti Immobiliari: ma ciò si fa per "elevare" un'area, mentre usando "Acton", in generale, ci sembra, invece che si finisca per "declassare" un posto!!!!
  2. Storicamente, durante il Medioevo, il Villaggio di Acton esisteva nel 1086 al tempo del Domesday Book e la Chiesa di St. Mary certamente sin dal XIII secolo. East Acton si sviluppò separatamente, come è agevole riscontrare considerando una qualsivoglia antica Mappa del Middlesex. Inoltre, nel XIX secolo, sulla Ordnance Survey Map del 1850, compare anche Acton Green (che sapete corrispondere all'attuale Chiswick Park), a sud, con campi che la separano dagli altri due siti.
  3. Lo sviluppo delle ferrovie stimolò la crescita suburbana ed ogni stazione "Acton"izzata aveva, a quei tempi, una sua giustificazione, che mantiene ancora oggi. Infatti, un tempo, Acton costituiva una sosta rurale lungo la strada da Londra ad Uxbridge. Nel XIX secolo, la veloce espansione della Metropoli avvantaggiò Acton, dato che, nel 1859, una modifica nella legislazione permise che le terre comuni divenissero di proprietà privata e venissero edificate. Conseguentemente, si trasferirono qui facoltose persone che desideravano godere della migliore qualità di vita offerta da un luogo ancora rurale, rispetto a quello del centro, ma, avendo al tempo stesso, la possibilità di raggiungerlo in tempi brevi. Dal 1853, ciò fu consentito loro dalla stazione di Old Acton (ora Acton Central), che, non solo permise ai pendolari di raggiungere facilmente la City of London, ma anche di accedere a località turistiche come Kew e Richmond upon Thames. Nel 1868, si aggiunse la stazione di Acton (oggi Acton Main Line), quando la Great Western Railway (GWR) fissò qui una fermata, mentre, successivamente, nel prosieguo del XIX secolo, varie linee ferrate raggiunsero Acton o vennero prolungate attraverso il suo territorio, in modo da soddisfare le varie aree residenziali che, nel frattempo, erano sorte. Senza dimenticare che, nel corso del XX secolo, Acton divenne in tempi brevi un'area industriale, tanto da essere soprannominato "Città del motore", visto che si spercializzò nelle automobili, e svolse un ruolo rilevante durante la Seconda Guerra Mondiale nella produzione di aerei. Inoltre, nel corso degli anni, lo sviluppo della ferrovia spinse la crescita di Acton, piuttosto che assecondandola, tanto che, negl anni '20 del XX secolo, la Great Western Railway vi costruì un complesso residenziale per ospitare il suo personale.

Ealing - Visita guidata

Di fronte alla stazione della metropolitana, vedete la tettoia che protegge le biciclette e la stradina in salita

Di fronte alla stazione della metropolitana, vedete la tettoia che protegge le biciclette e la stradina in salita

La lettura del cartello vi fa comprendere come la zona non sia delle più sicure

La lettura del cartello vi fa comprendere come la zona non sia delle più sicure

Le scale sovrastate da moderni edifici in costruzione

Le scale sovrastate da moderni edifici in costruzione

London's Transport Acton Museum Depot

Edifici moderni

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it