www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Acton Main Line

Sintesi

Acton Main Line è una stazione ferroviaria. Acton rientra prevalentemente nel London Borough of Ealing; tuttavia, parte di East Acton fa parte del London Borough of Hammermisth & Fulham, mentre una piccola parte di South Acton giace nel London Borough of Hounslow. Altra caratteristica di Acton è di ospitare un elevato numero di stazioni, maggiore di qualsiasi altra area di Londra.

Distanza dal centro: 7 miglia.

Attrattiva: scarsa.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, siete lungo Horn Lane, proprio laddove viene intersecata da Friary Road, che procede verso est. Verso nord, la prima strada citata passa sul ponte che sormonta la ferrovia; se andate diritto, ed svoltate a sinistra in Noel Road, raggiungete lo spazio verde North Acton Playing Fields. Procedendo, invece, verso sud, trovate il tipico contesto periferico londinese, con casette a due piani e negozi a livello stradale, ma con l'aggiunta di edifici più recenti e più alti. Le cose non cambiano granché, anche se imboccate una delle traverse, come Essex Road o Birkbeck Avenue. L'area sembra priva di un qualche rilevante interesse,

Toponimo

Il nome "Acton" è da più parti detto comparire per la prima volta nel 1181 come "Acton(e)". Tuttavia, la Fonte solitamente richiamata, sinteticamente "The Domesday of St. Paul's of the Year M.CC.XXII.", che riporta, tra l'altro, i documenti relativi ai Manors e Chiese appartententi al Diacono e Capitolo di San Paolo di Londra nei secoli XII e XIII, riporta un accordo di cui è testimone Vitalis, una persona del luogo, che indica un altro anno (1114) ed un nome leggermente differente (Actona):

"FORMS OF AGREEMENT, BT WHICH THB MANORS BELONGING TO THE CHAPTER OF ST. PAUL'S WERE LET TO FARM AT VARIOUS TIMES DURING THE TWELFTH CENTURY. FROM THE BOOK MARKED I, NOW REMAINING IN THE ARCHIVES OF THE DEAN AND CHAPTER.

DE TUIFERDE.
Anno ab incarnatione domini millesimo centesimo xiv. facta est haec conventio inter canonicos sci Pauli et Walterum de Cranford. R. lundoniensis episcopus et Willmus decanus et conventus canonicorum sci Pauli concesserunt supra dicto Waltero et filie ipsius Athalais terram quandam nomine tuiferde, quam Reinerus tenuerat prius sub ipsis canonicis; et eandem terram ipse Reinerus in capitulo sci Pauli quietam quantum ad se clamavit. Ea conventione, ut Walterus eam haberet. Pro ista terra reddet Walterus et filia ejus supra nominata singulis annis ad festum sci Michaelis v. sol. ipsis canonicis, et insuper decimationem annone et ovium et caprarum de ipsa terra . Et haec conventio duratura est quam diu alter eorum vixerit. Cum autem alter obierit, corpus suum reddet sancto Paulo cum xx. sol. Cum autem uterque obierit, terra quam tenuerunt libera et soluta sancto Paulo in manu canonicorum remanebit. Testes hujus conventionis sunt. Rogerus filius aluredi. Willmus fr Walteri, et Ricardus fr Walteri. Aldricus de coleham. Vitalis de actona. Ansgotus clericus de coleham. Tovi enganet. Generamnus de lundonia. Robertus sellarius. Baldewinus de aldermannesberi. Reinerus qui prius tenuit illam terram. De ipsis canonicis hii affuerunt. Guillmus decanus. Reingerus archidiaconus. Quintilianus archid. Artukus. Rad' gundram. Wlframus . hamo. Eklwinus filius Golwini. Hugo filius Alberti. Ailwardus. Robertus filius Generani.
".

Succesivamente, si legge "Acton(e)" (1232), "Acton juxta Braynford" (1294), "Aketon" (1211, 1213, 1316), "Chirche Acton" (1347), "Aghton" (1398), "Churche Acton" (1551). Il nome è un composto delle parole dell'Old English "āc" (albero di quercia) + "tūn" (recinzione, fattoria, villaggio, tenuta), per cui, può tradursi come "Fattoria (o villaggio) vicino all'albero di quercia" o "Fattoria specializzata dove si lavora il legno di quercia". La denominazione trova giustificazione nella grande quantità di legna da querce che si produceva e che ancora oggi abbonda in funzione di siepe. In alcuni toponimi riportati avrete notato la presenza del riferimento ad una Chiesa (che era St. Mary): orbene, esso serviva a differenziare il Villaggio principale dal borgo separato di East Acton.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area si trovano nella "Mappa del Middlesex del 1695" di Robert Morden; sono fornite da John Bowack in "The Antiquities of Middlesex; Being a Collection of the Several Church Monuments in That County: Also an Historical Account of Each Church and Parish;" (1705); da Daniel Lysons, in "The Environs of London: Volume 2, County of Middlesex" (1795), alla voce "Acton" (pagine 1-20); si leggono in "A Topographical Dictionary of England" (1848), alla voce "St Mary Acton" (pagine 9-12); sono fornite da William Hale Hale in "The Domesday of St. Paul's of the Year M.CC.XXII.: Or, Registrum de Visitatione Maneriorum Per Robertum Decanum, and Other Original Documents Relating to the Manors and Churches Belonging to the Dean and Chapter of St. Paul's, London, in the Twelfth and Thirteenth Centuries, Volume 69" (1858), pagine 122 e 127-128; si leggono in "City of London Livery Companies Commission. Report; Volume 4 (1884), alla voce "Report on the Charities of the Goldsmiths' Company" (pagine 284-302); in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 1, Richard I - Richard III" (1892), alla voce "London and Middlesex Fines: Henry IV" (pagine 169-177); in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 2, Henry VII - 12 Elizabeth" (1893), alla voce "London and Middlesex Fines: Henry VII" (pagine 1-15); in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 2, Henry VII - 12 Elizabeth" (1893), alla voce "London and Middlesex Fines: Edward VI" (pagine 68-86); in "Calendar of the Patent Rolls Preserved in the Record Office. Edward III. Vol. XI. 1358-1361" (1911), 25; in "Calendar of the Patent Rolls Preserved in the Record Office. Edward III. Vol. XII 1361-1364" (1912), 382; in "Calendar of The Close Rolls Preserved in the Record Office, Richard II: Volume 1, 1377-1381 (1914); sono fornite da Percival Jolliffe in "Acton and its history" (1910); si leggono in "East Acton Manor House. Being the seventh monograph of the Committee for the Survey of the Memorials of Greater London" (1921); sono fornite da Philip Norman in "Survey of London Monograph 7, East Acton Manor House" (1921), alle voci "Plate 2: East Acton in 1745" (pagina 2), "East Acton Manor House: Architectural description" (pagine 11-14), "East Acton Manor House: Historical notes" (pagine 15-18), "East Acton Manor House: Biographical notes" (pagina 19-24), "Appendix 1: Will of John Perryn, 1656" (pagina 25), "Appendix 2: Lease of 1717" (pagina 26-27), "Appendix 3: Katharine, Viscountess Conway" (pagina 28-30); da Diane K. Bolton - Patricia E. C. Croot - M. A. Hicks in "A History of the County of Middlesex: Volume 7, Acton, Chiswick, Ealing and Brentford, West Twyford, Willesden" (1982), alle voci "Acton: Introduction" (pagine 1-2), "Acton: Communications" (pagine 2-7), "Acton: Growth" (pagine 7-14), "Acton: Social and cultural activities" (pagine 14-16), "Acton: Manors and other estates" (pagine 16-23), "Acton: Economic history" (pagine 23-30), "Acton: Public services" (pagine 32-35), "Acton: Churches" (pagine 35-39); da "Early Charters of the Cathedral Church of St. Paul, London" (1939); da Diane K. Bolton - H. P. F. King - Gillian Wyld - D. C. Yaxley in "A History of the County of Middlesex: Volume 4, Harmondsworth, Hayes, Norwood With Southall, Hillingdon With Uxbridge, Ickenham, Northolt, Perivale, Ruislip, Edgware, Harrow With Pinner" (1971), alla voce "Norwood, including Southall: Economic and social history" (pagine 45-48); da Diane K. Bolton - H. P. F. King - Gillian Wyld - D. C. Yaxley in "A History of the County of Middlesex: Volume 4, Harmondsworth, Hayes, Norwood With Southall, Hillingdon With Uxbridge, Ickenham, Northolt, Perivale, Ruislip, Edgware, Harrow With Pinner" (1971), alla voce "Hayes: Economic and social history" (pagine 29-31); si leggono in "Survey of London: Volume 42, Kensington Square To Earl's Court" (1986), alle voci "The Edwardes estate: Edwardes Square area" (pagine 249-263) e "Southern Kensington in retrospect" (pagine 395-413); in "Chelsea Settlement and Bastardy Examinations, 1733-1766" (1999), alla voce Examinations, 1733-1750: nos 101-120" (pagine 32-38); sono fornite da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010); si leggono in "Brewer's Dictionary of London Phrase & Fable" (2011), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica legga "Averil/Thomas Harper Smith "East Acton Village" (1993). Ulteriori specifiche e limitate informazioni sono fornite da Daniel Lysons in "The Environs of London: Volume 2, County of Middlesex" (1795), alla voce "Ealing" (pagine 223-240); si leggono in "A History of the County of Middlesex: Volume 2, General; Ashford, East Bedfont With Hatton, Feltham, Hampton With Hampton Wick, Hanworth, Laleham, Littleton" (1911), alla voce "Sport, ancient and modern: Golf" (pagine 278-283); in "An Inventory of the Historical Monuments in London, Volume 4, the City" (1929), alla voce "Aldersgate Ward" (pagine 1-4); sono fornite da Diane K. Bolton - Patricia E. C. Croot - M. A. Hicks in "A History of the County of Middlesex: Volume 7, Acton, Chiswick, Ealing and Brentford, West Twyford, Willesden" (1982), alle voci "Acton: Protestant nonconformity" (pagine 39-42) e "Acton: Education" (pagine 42-49).

1. Eventi storici di rilievo

La Storia generale di Acton è riporata in Acton Town, per cui, per evitare inutili ripetizoni, rimandiamo a tale pagina web.

Qui aggiungiamo soltanto le specifiche informazioni attinenti alla stazione di Acton Main Line, la quale fu inaugurata dalla Great Western Railway (GWR) il 1 febbraio 1868. Originariamente, il nome fu quello di "Acton". Negli anni '20 del XX secolo, la citata GWR realizzò "GWR Garden Estate" per sistemare i suoi dipendenti, soprattutto i conducenti dal vecchio Deposito di Old Oak Common (tra Harlesden ed East Acton). Tale vasto complesso residenziale per famiglie veniva servito e delimitato da ciascun lato dalle tre stazioni di Acton Main Line, North Acton e West Acton, e dal quarto lato, dalla A40. Nel 1948, a seguito della nazionalizzazione delle linee ferrate, la gestione della stazione passò ad una sezione delle Ferrovie Britanniche. L'attuale nome di Acton Main Line risale al 1 novembre 1949. Inizialmente, il servizio venne offerto dalla Network SouthEast (NSE), uno dei tre settori destinati ai passeggeri delle Ferrovie Britanniche, ma dal 1994, il servizio formalmente venne privatizzato. Prima di tale evento, negli anni '60, la stazione del XIX secolo era stata abbattuta e rimpiazzata da una piccola biglietteria. L'attuale stazione di Acton Main Line venne terminata al principio del 1996; inoltre, verso la metà del 2013, venne realizzata una barriera cancellata, in modo da dividere due piattaforme.

Ealing - Visita guidata

La stazione di Acton Main Line

La stazione di Acton Main Line

Il punto in cui Horn Lane viene intersecata da Friary Road

Il punto in cui Horn Lane viene intersecata da Friary Road

Il ponte sulla ferrovia

Il ponte sulla ferrovia

Il solito contesto periferico londinese lungo il tratto meridionale di Horn Lane

Il solito contesto periferico londinese lungo il tratto meridionale di Horn Lane

L'incrocio con Essex Road

L'incrocio con Essex Road

L'incrocio con Birkbeck Avenue

L'incrocio con Birkbeck Avenue

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it