www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

East Acton

Sintesi

East Acton è una stazione della metropolitana (Central Line) che sfugge alla giurisdizione del London Borough of Ealing in cui rientra quasi tutta Acton (che ne costituisce l'angolo sud-occidentale), visto che la zona che circoscrive la stazione rientra per poco all'interno del London Borough of Hammersmith & Fulham.

Distanza dal centro: 6,1 miglia.

Attrattiva: nulla. East Acton è stato definito "uno degli angoli meno prestigiosi di Acton", e se pensate che già il nome "Acton", in generale, non evoca buone sensazioni ...... Tuttavia, cercando di essere obiettivi, abbiamo visto aree di gran lunga peggiori .....

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla piccola stazione, siete in Erconwald Street. Se andate a sinistra, superando il ponte della metropolitana, raggiungete lo spazio verde Wormwood Scrubs Park. Se andate a destra, raggiungete l'incrocio con Old Oak Common Lane, con di fronte a voi, St Aidan Roman Catholic Church, e Du Cane Road. Se seguite la prima strada verso sud, superando Westway, entrate in Old Oak Road, seguitela sino all'incrocio con The Vale (verso ovest) e Uxbridge Road (verso est). Entrate nella prima, sino a raggiungere Acton Park, ma a tal punto, avete raggiunto la stazione di Acton Central.

Toponimo

Il nome "Acton" è da più parti detto comparire per la prima volta nel 1181 come "Acton(e)". Tuttavia, la Fonte solitamente richiamata, sinteticamente "The Domesday of St. Paul's of the Year M.CC.XXII.", che riporta, tra l'altro, i documenti relativi ai Manors e Chiese appartententi al Diacono e Capitolo di San Paolo di Londra nei secoli XII e XIII, riporta un accordo di cui è testimone Vitalis, una persona del luogo, che indica un altro anno (1114) ed un nome leggermente differente (Actona):

"FORMS OF AGREEMENT, BT WHICH THB MANORS BELONGING TO THE CHAPTER OF ST. PAUL'S WERE LET TO FARM AT VARIOUS TIMES DURING THE TWELFTH CENTURY. FROM THE BOOK MARKED I, NOW REMAINING IN THE ARCHIVES OF THE DEAN AND CHAPTER.

DE TUIFERDE.
Anno ab incarnatione domini millesimo centesimo xiv. facta est haec conventio inter canonicos sci Pauli et Walterum de Cranford. R. lundoniensis episcopus et Willmus decanus et conventus canonicorum sci Pauli concesserunt supra dicto Waltero et filie ipsius Athalais terram quandam nomine tuiferde, quam Reinerus tenuerat prius sub ipsis canonicis; et eandem terram ipse Reinerus in capitulo sci Pauli quietam quantum ad se clamavit. Ea conventione, ut Walterus eam haberet. Pro ista terra reddet Walterus et filia ejus supra nominata singulis annis ad festum sci Michaelis v. sol. ipsis canonicis, et insuper decimationem annone et ovium et caprarum de ipsa terra . Et haec conventio duratura est quam diu alter eorum vixerit. Cum autem alter obierit, corpus suum reddet sancto Paulo cum xx. sol. Cum autem uterque obierit, terra quam tenuerunt libera et soluta sancto Paulo in manu canonicorum remanebit. Testes hujus conventionis sunt. Rogerus filius aluredi. Willmus fr Walteri, et Ricardus fr Walteri. Aldricus de coleham. Vitalis de actona. Ansgotus clericus de coleham. Tovi enganet. Generamnus de lundonia. Robertus sellarius. Baldewinus de aldermannesberi. Reinerus qui prius tenuit illam terram. De ipsis canonicis hii affuerunt. Guillmus decanus. Reingerus archidiaconus. Quintilianus archid. Artukus. Rad' gundram. Wlframus . hamo. Eklwinus filius Golwini. Hugo filius Alberti. Ailwardus. Robertus filius Generani.
".

Il nome di cui sopra ed i successivi "Acton(e)" (1232), "Acton juxta Braynford" (1294), "Aketon" (1211, 1213, 1316), "Chirche Acton" (1347), "Aghton" (1398), "Churche Acton" (1551), si riferiscono al Villaggio principale di Acton (dove c'era la Chiesa), non ad East Acton, un borgo separato, che si ritrova come "Estacton" (1294, 1412) ed "Estactongrene" (1474). Il nome è un composto delle parole dell'Old English "āc" (albero di quercia) + "tūn" (recinzione, fattoria, villaggio, tenuta), per cui, può tradursi come "Fattoria (o villaggio) vicino all'albero di quercia" o "Fattoria specializzata dove si lavora il legno di quercia". Ovviamente, "East" indica la collocazione dell'antico borgo ad oriente rispetto al Villaggio principale.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area si trovano nella "Mappa del Middlesex del 1695" di Robert Morden; sono fornite da John Bowack in "The Antiquities of Middlesex; Being a Collection of the Several Church Monuments in That County: Also an Historical Account of Each Church and Parish;" (1705); da Daniel Lysons, in "The Environs of London: Volume 2, County of Middlesex" (1795), alla voce "Acton" (pagine 1-20); si leggono in "A Topographical Dictionary of England" (1848), alla voce "St Mary Acton" (pagine 9-12); sono fornite da William Hale Hale in "The Domesday of St. Paul's of the Year M.CC.XXII.: Or, Registrum de Visitatione Maneriorum Per Robertum Decanum, and Other Original Documents Relating to the Manors and Churches Belonging to the Dean and Chapter of St. Paul's, London, in the Twelfth and Thirteenth Centuries, Volume 69" (1858), pagine 122 e 127-128; si leggono in "City of London Livery Companies Commission. Report; Volume 4 (1884), alla voce "Report on the Charities of the Goldsmiths' Company" (pagine 284-302); in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 1, Richard I - Richard III" (1892), alla voce "London and Middlesex Fines: Henry IV" (pagine 169-177); in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 2, Henry VII - 12 Elizabeth" (1893), alla voce "London and Middlesex Fines: Henry VII" (pagine 1-15); in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 2, Henry VII - 12 Elizabeth" (1893), alla voce "London and Middlesex Fines: Edward VI" (pagine 68-86); in "Calendar of the Patent Rolls Preserved in the Record Office. Edward III. Vol. XI. 1358-1361" (1911), 25; in "Calendar of the Patent Rolls Preserved in the Record Office. Edward III. Vol. XII 1361-1364" (1912), 382; in "Calendar of The Close Rolls Preserved in the Record Office, Richard II: Volume 1, 1377-1381 (1914); sono fornite da Percival Jolliffe in "Acton and its history" (1910); si leggono in "East Acton Manor House. Being the seventh monograph of the Committee for the Survey of the Memorials of Greater London" (1921); sono fornite da Philip Norman in "Survey of London Monograph 7, East Acton Manor House" (1921), alle voci "Plate 2: East Acton in 1745" (pagina 2), "East Acton Manor House: Architectural description" (pagine 11-14), "East Acton Manor House: Historical notes" (pagine 15-18), "East Acton Manor House: Biographical notes" (pagina 19-24), "Appendix 1: Will of John Perryn, 1656" (pagina 25), "Appendix 2: Lease of 1717" (pagina 26-27), "Appendix 3: Katharine, Viscountess Conway" (pagina 28-30); da Diane K. Bolton - Patricia E. C. Croot - M. A. Hicks in "A History of the County of Middlesex: Volume 7, Acton, Chiswick, Ealing and Brentford, West Twyford, Willesden" (1982), alle voci "Acton: Introduction" (pagine 1-2), "Acton: Communications" (pagine 2-7), "Acton: Growth" (pagine 7-14), "Acton: Social and cultural activities" (pagine 14-16), "Acton: Manors and other estates" (pagine 16-23), "Acton: Economic history" (pagine 23-30), "Acton: Public services" (pagine 32-35), "Acton: Churches" (pagine 35-39); da Diane K. Bolton - H. P. F. King - Gillian Wyld - D. C. Yaxley in "A History of the County of Middlesex: Volume 4, Harmondsworth, Hayes, Norwood With Southall, Hillingdon With Uxbridge, Ickenham, Northolt, Perivale, Ruislip, Edgware, Harrow With Pinner" (1971), alla voce "Norwood, including Southall: Economic and social history" (pagine 45-48); da Diane K. Bolton - H. P. F. King - Gillian Wyld - D. C. Yaxley in "A History of the County of Middlesex: Volume 4, Harmondsworth, Hayes, Norwood With Southall, Hillingdon With Uxbridge, Ickenham, Northolt, Perivale, Ruislip, Edgware, Harrow With Pinner" (1971), alla voce "Hayes: Economic and social history" (pagine 29-31); si leggono in "Survey of London: Volume 42, Kensington Square To Earl's Court" (1986), alle voci "The Edwardes estate: Edwardes Square area" (pagine 249-263) e "Southern Kensington in retrospect" (pagine 395-413); in "Chelsea Settlement and Bastardy Examinations, 1733-1766" (1999), alla voce Examinations, 1733-1750: nos 101-120" (pagine 32-38); sono fornite da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010); si leggono in "Brewer's Dictionary of London Phrase & Fable" (2011), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica legga "Averil/Thomas Harper Smith "East Acton Village" (1993). Interessante dovrebbe essere A. Harper Smith "East Acton: Middlesex. Hamlet 1600–1866"' (1967, reperibile, forse, presso la Biblioteca di Acton). Ulteriori specifiche e limitate informazioni sono fornite da Daniel Lysons in "The Environs of London: Volume 2, County of Middlesex" (1795), alla voce "Ealing" (pagine 223-240); si leggono in "A History of the County of Middlesex: Volume 2, General; Ashford, East Bedfont With Hatton, Feltham, Hampton With Hampton Wick, Hanworth, Laleham, Littleton" (1911), alla voce "Sport, ancient and modern: Golf" (pagine 278-283); in "An Inventory of the Historical Monuments in London, Volume 4, the City" (1929), alla voce "Aldersgate Ward" (pagine 1-4); sono fornite da Diane K. Bolton - Patricia E. C. Croot - M. A. Hicks in "A History of the County of Middlesex: Volume 7, Acton, Chiswick, Ealing and Brentford, West Twyford, Willesden" (1982), alle voci "Acton: Protestant nonconformity" (pagine 39-42) e "Acton: Education" (pagine 42-49).

1. Eventi storici di rilievo

Dal "Toponimo" sapete che l'insediamento medioevale di Acton era raggruppato attorno al Villaggio principale di "Church Acton", o Acton Town, ed al borgo di East Acton, citato per la prima volta nel 1294, quando aveva già assunto la connotazione di villaggio agricolo ed era formato da case coloniche e cottages a nord e sud delle terre comuni (note successivamente come East Acton Green dal 1474). Nel 1394, l'insediamento comprendeva delle case in proprietà ed in fitto. Nel 1412, si legge di proprietà ad "Estacton" in riferimento a John Broker, di Estacton, e Joan, sua moglie, e William Bryggeman, di Estacton, e Juliana, sua moglie. Le case comprendevano, nel 1482, in proprietà, "Bishops" e "Parkers", nel 1489, "Taygroves", nel 1532 chiamata anche "Parkes, e dal 1532, "Fowlers", "Curles" o "Curlewyns", "Dowyscroft" ed in fitto "Fosters" o "Hill House". Nel 1688, una casa in fitto con 30 acri di terreno era nota come "Farm House", ma dalla fine del XVIII secolo, anche "Elm farm" o "The Elms". Nel Ventunesimo anno del Regno di Enrico VII (1485-1509), sono documentate proprietà ad East Acton, nella Parish di Chirch Acton, in merito a John Foxley, e Thomas Crosse, Droghiere di Londra, ed Elizabeth, sua moglie. Nel Primo Anno del Regno di Eduardo VI (1547-1553), è documentato un atto relativo a proprietà a Church Acton ed East Acton tra Nicholas Russell e William Smyth, e Blitha, sua moglie. Nel 1558, esisteva un campo aperto chiamato North field ad est di Friars Place Green ed a nord di East Acton. Nel XVI secolo, sembra che il Manor di Acton avesses quattro mulini, sebbene soltanto due siano stati individuati con certezza. Un mulino a vento si trovava all'estremità orientale di Church Field, a sud del sentiero per East Acton, su parte del moderno Acton park,  dove spazi incolti di fronte al mulino sono citati nel 1622.  Si sa che l'occupante, nel 1851, era William Harding, Mugnaio e rivenditore di mais, anche se, probabilmente, il mulino fu abbattuto prima del 1877, quando Goldsmiths' Company pianificò di costruire nei paraggi. Al principio del XVII secolo, Sir Richard Sutton comprò molti dei circostanti terreni, compreso "Fosters", quando si trasferì ad East Acton Lane lontano dalla Casa e strutturò dei terreni. Nel 1664 la Casa, in seguito chiamata Manor House, aveva 20 famiglie ed era la più grande della Parish, mentre le altre 14 case soggette a tassazione ad East Acton avevano 5 famiglie o meno.  John Perryn, un Orafo che nel 1654 si era trasferito ad East Acton, nel 1665, con testamento datato 18 dicembre, diede tutte le sue case in proprietà, terreni ed assi ereditari, tra gli altri, ai poveri di East Acton, nella misura di 10 sterline, trasferendo la sua tenuta alla citata "Worshipful Company of Goldsmiths" (v. paragrafo dedicato a East Acton Manor House). Alla fine del XVII secolo, probabilmente nel 1682, sul lato meridionale della Manor House ad East Acton, c'era un campo da bowling. A circa mezzo miglio da East Acton, vi erano tre fonti di acqua minerale, sgorganti da argilla profonda, denominate "Acton Wells". Il sito di Acton Wells apparteneva al Duca del Devonshire. Acton Wells, già citato nel 1612 e riportato nella Mappa del Middlesex del 1695 di Robert Morden, sul bordo occidentale di Old Oak Common, fu ampiamente conosciuto dal 1699. Le acque ebbero grande reputazione quali acque medicamentose, addirittura, furono reputate uno dei più forti purganti di Londra; erano biancastre e dolci, piuttosto che salate, con un poco dell'amarezza delle acque di Epsom. Le acque venivano bevute presso le sorgenti, soprattutto a maggio e giugno e, nel 1746, erano vendute in grandi quantità. Verso il 1775, si tenevano delle colazioni pubbliche ed assemblee in estate, tanto che venne costruita un'apposita sala riunioni, con un campo di corsa nel parco. Tuttavia, alla fine del XVII secolo, i pozzi non erano più di moda, dato che avevano perso in favore di altre sorgenti a maggiore distanza dalla capitale. La sala riunioni divenne successivamente una scuola, una abitazione privata, una casa colonica, finché venne abbattuta nel 1908. Abbiamo rinvenuto una testimonianza raccolta il 16 agosto 1742 da John Edlin Sworn, alla presenza di Peter Elers e George Abbott e data da un tal John Edlin, Calzolaio di East Acton nella Contea del Middlesex, dell'età di circa 47 anni. Ne sintetizziamo il contenuto, visto che ci offre uno "spaccato" della sua vita, dato che egli riferisce del suo lavoro e della sua famiglia: sotto giuramento, dice che nell'anno 1708, era Apprendista presso Richard Simmons, Calzolaio a New Brentford nella Parish di Hanwell nella medesima Regione per la durata di sette anni, con il quale continuò e svolse tutto l'apprendistato. Durante tale apprendistato non prese in affitto una casa per 10 sterline annue, né pagò imposte parrocchiali, o fece qualsiasi atto o cosa (per quanto ricordava), cui tramite ottenere un accordo legale. Inoltre, circa quattordici anni prima, aveva sposato Betty, la sua attuale moglie, a Bristol, dalla quale aveva avuto due figli viventi, Betty, di 8 anni, e Polchampton, di circa 4 anni. Nel 1800, il lato meridionale del "Green" era fiancheggiato da case, da un gruppo di cottages all'estremità orientale sino alla successiva East Acton Manor House (v. paragrafo specifico) e dall'altro lato, da Crown Lane sino ad una casa poi chiamata "Beeches". La Goldsmiths' Company di Londra, che già aveva costruito "almshouses" nel 1812, apportò diversi miglioramenti attorno al "Green" nel 1818, murando il fossato davanti alle case e recintandole. Nel 1816, James Heath ottenne il fitto di due cottages dalla citata Società, a condizione che li avrebbe sostituiti con una nuova casa, come fece nel 1818, probabilmente con la già citata "Beeches". Nel 1829, all'angolo tra Friars Place Lane ed East Acton Lane venne costruito "The Goldsmiths' Arms". Nel 1808, William Elderton Allen, un Avvocato, era abbastanza ricco per essere in grado di permettersi di vivere in campagna ad East Acton Manor House, che affittò come suo rifugio di campagna, anche se in seguito, lasciò l'Inghilterra dato che i suoi affari andavano male. Nel 1802, questi aveva ereditato circa 5.000 sterline dalla madre, e in quel periodo, aveva cominciato a coinvolgere se stesso nello sviluppo di Little Guilford Street a Bedford Estate, dove nel 1803 vendette migliorate rendite fondiarie. In quest'ultimo anno, iniziò ad occuparsi nella costruzione di Montague Street, dove uno dei suoi collaboratori successivi fu Changeur. Sino a circa il 1804, fu socio dello Studio di Sloper e Allen in Great Russell Street a Bloomsbury. Pessimi servizi igienico-sanitari e fognari furono riferiti al locale competente Comitato per la Salute nel 1832, quando fu ordinato ai residenti di rimuovere le sostanze nocive e si raccomandò il riempimento dello stagno in fondo ad East Acton. Gli Ispettori avrebbero dovuto eliminare il pozzo nero sul retro del Sagrato ed il canale sotterraneo in fondo ad East Acton. Nel 1834, si votò al fine di realizzare una fogna adeguata per migliorare Horn Lane. Nel 1842, il villaggio era formato principalmente da costruzioni a schiera. Nel 1848, venne istituita una Commissione sanitaria che ispezionò quasi 400 locali ed ascrisse molte malattie allo scarso drenaggio ed ai servizi igienico-sanitari. Il Comitato fu sciolto nel 1849, dato che si disse che il suo lavoro era terminato. "A Topographical Dictionary of England" (1848) riporta che la popolazione complessiva di Acton, East Acton e Steyne sommava a 2665 abitanti. Ad East Acton vi erano delle belle case, realizzate e dotate da Goldsmiths' Company, che ospitavano 12 uomini e 12 donne. Si aggiungeva che in un giardino su Old Oak common vi era una sorgente di acqua minerale, che in precedenza godeva di rinomanza generale, ma ormai in disuso. Nel 1855, le Autorità locali dovettero affrontare la grave carenza di acqua ad East Acton, in cui i poveri, apparentemente, facevano affidamento sugli stagni. Con un'autorizzazione del 3 marzo 1878, il Consiglio di Gestione dell'Ente benefico creato da John Perry autorizzò gli Amministratori fiduciari a fare un accordo con George Wright per la vendita ed utilizzazione del terreno per la produzione di mattoni sopra e sotto due pezzi di terra ad East Acton, contenenti rispettivamente 39 acri e mezzo e 10 acri, ad una profondità di 6 piedi. Con un'altra autorizzazione dell'8 luglio 1879, i medesimi Amministratori fiduciari furono autorizzati a stipulare un ulteriore accordo per la lavorazione del terreno al fine di produrre mattoni in certe parti del terreno ad una profondità maggiore di 6 piedi. L'ammontare delle somme incassate per i mattoni per il 1878, 1879 e 1880, vennero investite in acquisti per 2,829l. 5s. 6d. Nel 1881, i Commissari Ecclesiastici, in qualità di successori del Vescovo, trasmisero alle Autorità di Acton i loro diritti sui terreni incolti di Friars Place Green, Steyne, East Acton Lane, ed Acton Green Common. Sino a dopo la Prima Guerra Mondiale vi furono poche ulteriori aggiunte. tranne l'edificio della National School nel 1870. Lo stagno sul "Green" vicino ad East Acton House fu riempito nel 1894. Hindley House venne abbattuta nel 1902 e successivamente rimpiazzata da una Parish Hall. La fatiscente Manor House venne demolita nel 1911 (v. paragrafo specifico) ed il suo sito usato per campi da gioco. I terreni attorno al villaggio vennero rapidamente edificati alla fine degli anni '20 del XX secolo, quando vennero fatti dei cambiamenti alle case lungo il "Green". Nel 1935, "The White House" venne comprata da "Goldsmiths' Company", che nel 1937, aveva lasciato il posto ad un caseggiato di appartamenti chiamato East Acton Court. Glendun House fu usata dall'Acton Golf Club sino al 1919 ed abbattuta negli anni '20, Glendun Road fu realizzata attraverso il sito e "Stud Farm" venne, probabilmente, abbattuta nello stesso periodo. "The Chestnuts", "The Lodge", e "Shakespeare House" vennero tutte rimpiazzate da case semi-indipendenti entro il 1938, venendo lo spazio alle loro spalle utilizzato per "allotments", ed una Chiesa Battista fu costruita sul sito di "Ivy Lodge". Dopo la Prima Guerra Mondiale, la locale Amministrazione divenne il principale costruttore, comprando due siti per le abitazioni degli operai: 59 acri a nord dei terreni di Goldsmith's Company ad East Acton tra Old Oak Common Lane e la N.L.R., alla quale vennero aggiunti successivamente 15 acri e mezzo, per 600 case, e 18 acri ad ovest di Friars Place per 175 case. Ad East Acton, noto anche per breve tempo come Acton Wells Estate, vennero costruite 268 case in base a contratti ed altre 22 in auto-costruzione. Trenta furono costruite dal Consiglio delle costruzioni del Ministero della Salute al fine di dimostrare i tipi di costruzione, tra cui case di cemento aperte nel 1920. Il taglio dei sussidi per le case nel 1921, tuttavia, costrinse l'Amministrazione a fittare o vendere la terra rimanente ai costruttori privati. Nel 1922, venne crata la Parish Cattolica di Acton East, la cui Chiesa, St Aidan di Lindisfarne (v. paragrafo specifico). Nel 1926, nell'elenco delle aziende (Kelly's Directory of Middlesex) è riportata East Acton Brick Co., la quale, nel 1951, come East Acton Brick Works & Estates Co. Ltd. lavorò un sito di 22 acri a Yeading. La produzione era soltanto 1/4 dei dati ante-Guerra, ma venne calcolato che la produzione poteva continuare per almeno altri 30 anni. Se non abbiamo errato a ricostruire i dati raccolti, tra il 1868 ed il 1910 Goldsmith's Company aveva stipulato degli accordi sui pregressi Church Field ed East field, e quest'ultimo passò ad to East Acton Brickworks & Estates nel 1888. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, East Acton fu colpita da 78 bombe tedesche altamente esplosive e 2 mine paracadutate. Solo il sito di Manor House e alcuni terreni attorno ad essa non era ancora stato edificato nel 1945. East Acton House divenne una Scuola privata, ma essendo stata danneggiata durante la Seconda Guerra Mondiale, fu poi demolita prima del 1955 per far spazio alla Scuola Secondaria Bromyard.  Nel 1956, il sito di Manor Farm venne edificato con appartamenti attorno ad un giardino, e nel 1977, una fila di cottages vicino al sito di Hindley House fu rimpiazzato da case a schiera (dalla base ristretta ed a più piani). Nel 1980, delle vecchie case, rimanevano soltanto "Beeches" ed "Ivy Lodge", mentre il "Green" era stato gravemente ridotto dall'ampliamento della strada. Dal 3 luglio 2012, East Acton ospita la Cattedrale della Chiesa Siriana Ortodossa nel Regno Unito, dedicata a San Tommaso, che venne inaugurata il 17 novembre 2016, alla presenza del Principe Carlo. Tra i personaggi illustri di East Acton, ricodiamo l'Antiquario Thomas Park (1759–1834), il Viaggiatore Nicholas Pearce (1779–1820), che entrambi trascorsero i loro primi anni ad East Acton. Il Mineralogista Thomas Davies (1837–91), invece, vi morì. 

2. East Acton Manor House

Della casa precedente che John Perryn occupò nel 1654, nulla si sa di preciso, e persino il suo sito è incerto. Sembrerebbe, tuttavia, che in ogni caso, la casa originale sia stata quasi totalmente abbattuta quando la nuova venne costruita. Quest'ultima durò circa duecento anni, e fu demolita, a quanto pare senza proteste, nel 1911.

2.1 Storia di East Acton Manor House

Il borgo di East Acton veniva approssimato da East Acton Lane, che si estendeva verso nord da Uxbridge Road. Si trovava a circa un miglio ad est della Parish Church di Acton, attraverso un tratto di prati, tra cui vi era un pittoresco mulino a vento pittoresco dove si trova Acton Park. La proprietà appartenente ad East Acton Manor House era sul lato orientale East Acton Lane, ed era in parte piena proprietà ed in parte in fitto del Manor di Acton. Per questa Casa, come per molte altre, è dubbio se il nome "Manor" sia correttamente applicato, anche se è noto che Acton possedeva più Manor, senza alcun dubbio sussidiari di quello di Fulham, proprietà dai primissimi tempi dei Vescovi di Londra. La parte principale della costruzione non può essere ritenuta antecedente ai primi anni del XVIII secolo. Tuttavia, vi sono documenti da cui risulta l'esistenza in precedenza di una casa, sullo stesso sito o su una parte della stessa tenuta. Con testamento datato 18 dicembre 1656, il Consigliere Municipale John Perryn lasciò in eredità la proprietà alla Goldsmith's Company, di cui fu "Prime Warden" nel 1655-1656, e rimase nel possesso della citata Società sino alla sua morte, avvenuta il 26 febbraio 1657. Nel citato testamento, si cita "una Manor House, casa di abitazione (ndr e pertinenze) o caseggiato con cinque diverse fattorie, case di abitazione, caseggiati ..... che si trovano ed insistono ad East Acton", ecc. che lui aveva "recentemente acquistati . . . da Sir Richard Ashfeild Kent". In documenti successivi negli archivi della Società, la "casa di abitazione o casa padronale" viene descritta come "di solito chiamata o conosciuta con il nome di Fosters". In aggiunta, da Daniel Lysons (Environs of London) aggiunge che John Perryn lasciò anche tutta la sua tenuta di East Acton di circa 200 acri. Il nome "Fosters" ricorre in un fitto ad Henry Lambe del 1686 e viene mostrato distintamente nei piani in possesso della Goldsmith's Company su porzioni della proprietà situata a nord-est della Manor House, in prossimità dell'Acton Golf Club (1921). Da ciò si può dedurre che il sito venne cambiato, ma le indicazioni di parti di un pregresso edificio nella struttura già descritta sono prove del contrario, a meno che non si consideri questo pregresso edificio come parte di uno dei fabbricati agricoli della tenuta. Mettendo assieme i dati dei documenti della Goldsmith's Company e quelli relativi alla individuazione reddituale dei poveri presso la Parish Church, si ricostruisce l'elenco degli occupanti della Casa dal 1634 al 1884. Ci soffermiamo su alcuni di loro, dato che, in tal modo, si riesce ad acquisire notizie della Casa ancora anteriori. Dai dati sovracitati si riesce ad individuare Sir John Ashfield come primo possessore nel periodo 1634–1638, a cui fece seguito, nel periodo 1639–165, la moglie, Elizabeth, figlia ed unica erede di Sir Richard Sutton, che fu Controllore degli Anticipi di Giacomo I (che regnò dal 1603 al 1625). Non si sa se Elizabeth abbia vissuto ad Acton, mentre suo padre Sir Richard Sutton probabilmente, vi fu una sola volta, in quanto vi è documentazione della sepoltura di Elizabeth ad Acton nel 1625, e va sottolineato che l'anno della sua morte (1634) è la prima data indicata nel vecchio libro delle tassazioni della Parish per la residenza di Sir John Ashfield nella "Great House". Particolari della proprietà di Sir Richard Sutton si trovano nella "Inquisitio post mortem" tenuta presso "Le questhouse in alta holborne" il 9 giugno, Decimo Anno del Regno di Carlo I (1634). Il documento è molto interesante e riporta che Sir Richard, morto il 26 aprile dello stesso anno, possedeva un caseggiato nella Parish di St. Botolph, Aldersgate Without, nella o vicino "una stradina chiamata Little Brittaine" Dopo di che, vi è una descrizione dei beni nel Manor di Shripney (Sussex), e poi, i dettagli delle sue terre ad Acton. Queste ultime comprendevano 6 acri a Southfields, posseduti per il Vescovo di Londra, 2 acri a Northfields del Re, 1 del Vescovo di Londra, 11 acri, chiamati "Dustcrofts", comprati da John Garrowaye, tenuti per il Vescovo di Londra, ed "anche una casa di abitazione, un cottage, due giardini, due frutteti e 50 acri di terreno, due acri di prato, due acri di pascoli e comuni di pascolo per ogni sorta di bestie ad Acton ed East Acton nella Contea del Middlesex acquistati da Richard Sutton da John Suckling e Jane sua moglie, tenuti per il Vescovo di Londra come il suo Manor di Acton, che valgono insieme annualmente al di là delle uscite, 26s. 8d.". La proprietà di Sir Richard Sutton è ancora più dettagliatamente descritta nei documenti del Manor del Vescovo di Londra conservati presso il "Public Record Office". La voce più importante è relativa ad una Corte tenutasi il 25 aprile 1610, quando Edward Blowfield, di Londra, e Francesca, sua moglie, consegnarono all'uso di Richard Sutton ed Elizabeth, la moglie "tutto quel caseggiato e pertinenze che si trova ad East Acton chiamato Fosters" con un gran numero di porzioni di prato, pascoli e boschi, tutto descritti con grande dettaglio. Da un'ammissione di Sir Richard Sutton, nel 1606, la terra incolta adiacente la sua "casa ad East Acton" le cui misure dalla "portineria" sono accuratamente esposte, si apprende che Edward Blowfield era il suo Procuratore, per cui, è possibile l'atto del 1610 costituisse una mera formalità. I documenti attestanti gli acquisti indicati in precedenza da Sir John Suckling riferiti nella Inquisitio post mortem non sono stati trovati, come pure quelli da John Garroway. Il suo nome, comunque, appare frequentemente negli atti della Corte e la sua morte viene riferita presso una Corte tenutasi nel 1592. Suckling, comunque, possedeva terreni ad Acton, e nel 1603, con la sua prima moglie, fu ammesso in un cottage o caseggiato e 30 acri. Nel 1607, quando viveva a Whitton, dove nacque suo figlio, il Poeta, egli ottenne una "autorizzazione a fittare" e poichè i documenti fanno specificamente riferimento alla sua seconda moglie Jane, la vendita della proprietà dovette necessariamente avvenire dopo il 1613, anno della morte della prima moglie. Tuttavia, risulta che Sir Richard Sutton possedesse "Fosters" già nel 1610, per cui, manca la prova diretta che Sir John Suckling avesse preceduto Sutton nella "Great House". Considerando l'elenco dei più importanti successivi proprietari o conduttori della Casa non è agevole individuare con certezza il nome di chi costruì l'ultima struttura, ma sembra che la scelta possa restringersi tra Henry Lambe (possessore nel 1686 e 1687–1712) o la Duchessa di Hamilton (1718–1722). Tuttavia, non vi è nessuna citazione della ricostruzione nell'atto di fitto del 3 febbraio 1717, che descrive la proprietà, in cui la vedova di Lambe (con certezza 1713–1715, ma dovrebbe anche essere sino al 1718) fornisce una descrizione della proprietà. Il dettaglio della costruzione suggerirebbe, forse, una data anteriore dell'occupazione della Signora Hamilton, ma lo stile della sua architettura persistette per diversi anni nel XVIII secolo, e la data 1727 sul piombo della cisterna doveva vedersi alla Casa sino alla sua demolizione. A questo proposito, è da notare che Bowack, nel suo supplemento di "Antiquities of Middlesex" (1706), pagina 59, si riferisce alla Casa come segue: "Ad una certa distanza a est, di un piccolo villaggio chiamato East Acton, vi è un bel posto con bei giardini già appartenenti al Consigliere Municipale Peryn prima accennato, ora ad (ndr Henry) Lamb che qualche tempo lo ha acquistato con una buona tenuta intorno ad esso.". Anche in questo caso manca la citazione della ricostruzione. Manor House divenne difficile da fittare alla fine del XIX secolo, per cui fu abbattuta nel 1911.

2.2 Architettura di East Acton Manor House

Prima che la vecchia casa venisse distrutta nel 1911, G. H. Lovegrove preparò una planimetria del pianterreno, da cui risulta che il blocco principale seguiva il solito schema delle case della fine del XVII secolo o inizio XVIII secolo. Era formata da un rettangolo con due brevi ali sporgenti verso est, la parte centrale era occupata da un ingresso verso il vialetto, e una scala guardava i giardini. La parte meridionale, tra cui un'ala, era divisa in due sale di ricevimento, mentre la parte settentrionale conteneva una stanza adibita a sala da pranzo, con gli uffici ed una seconda scala. Più a nord, vi era una notevole serie di edifici (inclusa la cucina), che sembra essere stata moderna, con l'eccezione di un edificio che conteneva tre camere ed una scala che guardava verso ovest. Non vi è alcuna prova evidente della data o dello scopo originale di questo blocco, che non aveva alcuna comunicazione diretta con la Casa, anche se era ad essa collegato tramite la sua parete meridionale, che affiancava il cortile d'ingresso. L'edificio appare nella raffigurazione del dipinto presso Goldsmiths' Hall, e appare, dai suoi conci di pietra e le finestre a battente, risalire a data anteriore a quella della stessa Casa, nel qual caso, probabilmente, era la parte superstite della casa di John Perryn o di una delle case coloniche menzionate nel suo testamento del 1656. Fu evidentemente ristrutturato all'inizio del XVIII secolo e coperto da un tetto a padiglione in armonia con l'edificio principale. Un dipinto di G. Hickes Oliver raffigura la nuova East Acton Manor House come appariva nel 1921, al tempo in cui era conservato presso Goldsmiths' Hall. Descrivendo l'architettura dell'edificio, così si esprimeva Philip Norman: "L'Artista ha trasmesso con successo la dignità familiare e il fascino silenzioso di questa casa, che degnamente rappresentava gli ideali dei costruttori all'apertura del XVIII secolo. I frontoni e bifore della casa colonica elisabettiana e primo Periodo Stuart vennero lasciati alle spalle, e al loro posto vi erano i filari signorili di finestre a ghigliottina, il cornicione ben proporzionato alla gronda, e piccoli abbaini (ndr tipo di finestre) del frontone appollaiati sui tetti a padiglione di tegole. La formalità di architettura era di carattere dolce, non troppo espansiva, ma puntava ad una piena misura di correttezza scientifica e forma decorosa. Né l'abilità del Costruttore meno in evidenza nella cornice della casa, la sua distanza dalla strada che permetteva una prospettiva ambita, il suo approccio alberato, e le pareti curve che incorniciavano le sue porte d'ingresso. Vedremo che il fronte opposto aveva avuto una qualche forma di trattamento qualche tempo prima, e alcune caratteristiche interne suggeriscono che o una parte di una vecchia casa rimase (ndr inglobata nella nuova struttura) o che alcuni dei suoi accessori decorativi vennero riaffissi. Il fronte occidentale, o Entrata, tuttavia, mostrata nella pittura, non era toccata da elementi di carattere precedente.".

3. Comunicazioni

Acton si trovava sulla strada maestra da Londra ad Oxford, la quale venne sostituita da Western Avenue solo negli anni '20 del XX secolo. Nel 1358 e 1363, venne concesso ad alcuni residenti di Acton ed Uxbridge il diritto di riscuotere una tassa per la lastricatura delle strade, in modo da reperire i fondi per riparare la strada maestra nelle loro Parishes sino alla City of London. Siamo riusciti ad individuare le due autorizzazioni:

Nel 1504, un Londinese lasciò dei soldi per le riparazioni della strada di cui sopra. Nei secoli XVII e XVIII, gli abitanti di Acton spesso non ripararono la strada, per cui, i proprietari terrieri ricevettero l'ordine di tagliare le siepi per prevenire rapine. Nel 1737, venne proposto di utilizzare le sorgenti di East Acton per mantenere la strada pulita. Un viottolo andava verso sud da Friars Place all'estremità occidentale di East Acton era chiamato nel 1639, Worton Green Lane, e Batteridges Lane, nel 1746, dal nome di un abitante del luogo. East Acton era collegata con Uxbridge Road da un viottolo a partire dalla estremità occidentale del "Green". Da East Acton, un sentiero conduceva alla Parish Church lungo la moderna Churchfield Road, essendo unita da un altro dalla fine del "Green" nel mezzo di Church Field. Appena lasciava Church Field, il sentiero formava un viottolo, apparentemente chiamato Lyvyngeslane (in un atto del 1380, che proponiamo di seguito) che era collegata ad East Acton tramite la strada principale: "Henry Frowyk, Thomas Cherlton, John Durum, Richard de Eston, William Mordon. Dated Acton, 24 January 2 Richard II. William atte Wotton of Acton to John Holmes of the same and Isabel his wife, the heirs and assigns of the said John. Charter with warranty of rents received from the messuage of Adam Dyker in Acton between ' the Coke on the Hope,' the tenement of Gilbert Milleward and the high road from London to Oxford on the north, from the messuage of Richard Clerc of Acton, from a messuage called 'Waueshalle' in Acton, from two crofts called 'Eauconeresfeldes' in the parish of Fulham held by John Kymmot lying along the lane from Acton to Harleston on the west and the bishop of London's field called 'Busshefeld' on the east and abutting on the highAvay from Harleston to London on the north and the wood called 'Eldeholt' on the south, from the house of Aldith Dyker in Acton between the said William's tenement and land called 'Galouneshawe' abutting on the road from London to Oxford on the north, from the house of John Clerk in Acton (bounded as the last), and from 11/2 acre called 'Wynseloweslonde' in 'Chirchefeld' between land of William Mordon and 'Botelereslonde' abutting on 'Botelereslonde' on the north and on the highway from 'Lyvyngeslane' to Est Acton on the south, with wards, marriages etc. Witnesses: Thomas Bray, Richard de Eston, John Fyghter, William Moredon, John Clerc. Dated Acton, Palm Sunday 3 Richard II.". In un primo momento, l'unica stazione in prossimità di Acton fu East Acton, oltre il confine di Hammersmith, inaugurata nel 1920 per servire Old Oak Estate del London County Council. Nel 1923 vennero aggiunte le stazioni di West Acton e Nord Acton: la seconda, non lontano dalla fermata del 1904, permise un interscambio tra il centro di Londra ed il servizio a vapore della Great Western Railway.

4. St Aidan di Lindisfarne

Nel 1922, venne crata la Parish Cattolica di "Acton East", la cui Chiesa, St Aidan di Lindisfarne venne costruita nel 1961 a Oak Common Lane in 1961. Il Vicario James Ethrington ordinò diversi lavori d'arte per questa nuova Chiesa, tra cui, nel 1963, la Crocifissione, di Graham Sutherland, che pende sull'Altare. La Chiesa si trova al numero 85 di Old Oak Common Lane, una delle principali strade commerciali di Acton, vicino alla stazione della metropolitana. Venne consacrata nel 1972. St Aidan di Lindisfarne viene festeggiato il 31 agosto, giorno della sua morte nel 651. E' noto come "L'Apostolo della Northumbria", dato che in qualità di Monaco Irlandese, Missionario, gli viene attribuita la restaurazione della Cristianità in tale Regione. Fondò una Cattedrale monastica sull'isola di Lindisfarne, dove ne fu il primo Vescovo, viaggiando incessantemente per le campagne, diffondendo il Vangelo sia presso i Nobili Anglo-Sassoni che presso i diseredati, compresi bambini e schiavi. Dopo la sua morte, il corpo di Aidan fu sepolto a Lindisfarne, sotto l'Abbazia che aveva contribuito a fondare. Anche se la sua popolarità diminuì negli anni successivi, nel X secolo, i Monaci di Glastonbury ottennero alcune presunte reliquie di Aidan e per la loro influenza, la Festa di Aidan apparve nei primi calendari del Wessex, che forniscono la prova principale del suo culto dopo l'età di Beda. Coniugando ad un tempo origini Irlandesi, Monachesimo Scozzese ed esercizio del culto in Inghiterra, venne proposto come Patrono del Regno Unito. Ancora oggi, il significato dell'Opera di St Aidan viene sottolineato dalla frase del Vescovo Joseph Lightfoot: "Agostino fu l'Apostolo del Kent, ma Aidan fu l'Apostolo degli Inglesi".

Hammersmith & Fulham - Visita guidata

La piccola stazione di East Acton

La piccola stazione di East Acton

Il ponte della metropolitana

Il ponte della metropolitana

Erconwald Street

Erconwald Street

St Aidan Roman Catholic Church

St Aidan Roman Catholic Church

Old Oak Common Lane

Old Oak Common Lane

Du Cane Road

Du Cane Road

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it