www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Le tre componenti originarie di Barnet

Sintesi

In origine, nettamente distinte erano tre aree, di cui due, East Barnet e Chipping Barnet, rientravano nell'Hertfordshire ed erano possedimenti dell'Abbazia di St Albans, la terza, Friern Barnet, invece, faceva parte dell'antica Contea del Middlesex ed apparteneva ai Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme (a Clerkenwell). Esisteva, infatti, un preciso luogo di demarcazione tra l'Hertfordshire ed il Middlesex rappresentato da Barnet Gate, una porta o cancello che separava le due Contee. Di esso si ha notizia come "(a) Grendeles gatan" in una concessione Anglo-Sassone del 978 (da molti, però, ritenuta falsa), con cui Dunstan, Arcivescovo di Canterbury, acquista per trenta sterline ulteriori 3 unità a Lotheres leage, precedentemente detenute da Brihtferth, Cacciatore, e concede la tenuta a San Pietro di Westminster. Il testo è il seguente (abbiamo evidenziato le parti rilevanti): "Tunc Dunstan archiepiscopus probata pecunia xxx librarum . Hanc eandem terram sub testimonio idoneorum virorum ab Eadwardo rege in hereditatem emit sancto Petro ad locum qui dicitur Westmynster . Hanc que possessionem injuncxit ad alias o rex cassatas o quos prius emit ab Ædgaro rege eosque sub uno territorio prefato promulgavit monasterio obsecrans in Christo Jhesu ut quicumque hanc institutionem inrumpere conetur totum mundum judicante Deo dampnetur. Et his limitibus hæc telluris pars circumgyrari videtur Ærest of þam ealdan tunstealle on wæclinga stræt. Innan Ægces wer æfter stan burnan on sulh swa on yburnan et lang yburnan oþ Iccenes ford et lang sihtre oþ þone hagan et lang hagan to grendeles gatan æfter kincges mearce innan brægentan of brægentan æfter merce innan tatan burnan þanon oþ heandunes gemære on holan riwe þanon on sulh of sulh eft to þam ealdan tunstealle Acta est autem hæc præfata emptio anno dominicæ incarnationis dcccclxxviii sub testimonio æpiscoporum nostrorum.", Successivamente, si legge "Greensgate" (1574, Surveys of the Manor of Hendon), "Grinsgate" (1741-1745, John Rocque, An exact Survey of the Cities of London, Westminster and Southwark and the country c. 10 miles round; 1746, John Rocque, A plan of the Cities of London and Westminster; 1754, John Rocque, A Topographical Map of the County of Middlesex), "Barnet Gate" (1822, Ordnance Survey Map). In merito all'originario significato del termine, esso significa in Inglese Moderno "Grendel's Gate", cioè, "Porta di Grendel", che fa riferimento a Grendel, il mostro divoratore di uomini ucciso da Beowulf, l'eroe nel poema epico Anglo-Sassone.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia di Barnet e delle sue tre componenti originarie sono fornite da Jeff Denton in "Taxatio Ecclesiastica Angliae et Walliae Auctoritate Papae Nicholai IV (c.1291)" (University of Manchester); Frederick Charles Cass in "East Barnet" (1885), pagine 158-163; da Thomas Walsingham - Mattew Paris in "Chronica Monasterii St. Albani - Gesta Abbatum Monasterii Sancti Albani, A Thoma Walsingham, Regnante Ricardo Secundo, Ejusdem Ecclesiæ Præcentore", Volume I, A.D. 793-1290, (1867), pagine 49-51; da Walter de Gray Birch in "Cartularium saxonicum: a collection of charters relating to Anglo-Saxon history" (1885-1893); si leggono in "Feet of fines of the seventh and eighth years of the reign of Richard I, A.D. 1196 to A.D. 1197" (1896), punto 37, pagine 28-29; si leggono in "History of the County of Hertford: Volume 2" (1908), alle voci "Parishes: Barnet" (pagine 329-337) e "Parishes: East Barnet" (pagine 337-342); sono fornite da Vivian Galbraith in "The abbey of St. Albans from 1300 to the dissolution of the monasteries" (1911); da R. W. Chambers in "Boowulf An Introduction to the Study of the Poem with a Discussion of the Stories of Offa and Finn" (1921); da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - Eileen P. Scarff - G. C. Tyack in "A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham" (1976), alla voce "Monken Hadley: Introduction" (pagine 260-263); sono fornite da Gillian Gear - Diana Goodwin in "East Barnet Village, St Mary’s Church, East Barnet" (1980); A. P. Baggs - Diane K. Bolton - M. A. Hicks - R. B. Pugh, in "A History of the County of Middlesex: Volume 6, Friern Barnet, Finchley, Hornsey With Highgate" (1980), alla voce "Friern Barnet: Introduction" (pagine 6-15),  A. D. Mills in "A dictionary of London Place Names (2010); si leggono in "New Barnet" (London Borough of Barnet), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga: W. H. Gelder "Historic Barnet" (1985); "A Place in time, The London Borough of Barnet up to c.1500" (Hendon and District Archaeological Society); Ralph Walker "Chipping - High Barnet 800 Years; a history for young people"; Pamela Taylor "The London Borough of Barnet up to c. 1500" (Hendon and District Archaeological Society).

Toponimi

Ricostruiamo la Storia relativa ai vari toponimi, partendo da quella generale dell'area (Barnet), indagano poi su quelle specifiche delle sue tre parti componenti originarie (East Barnet, Chipping Barnet, Friern Barnet)

1. Barnet

Il nome si ritrova per la prima volta nel 1064-1077 (circa 1070) come "Barneto" nell'ambito di un documento intitolato "De causa perditionis possessionum Monasterio Sancti Albani pertinentium". In esso, Guglielmo I Il Conquistatore esprime la sua sorpresa per la sottomissione generale al suo dominio. L'Abate di St. Albans, Federico, sottolinea il sostegno datogli dagli Ecclesiastici del Regno. Il Re, col pretesto di aver bisogno di valletti militari, priva l'Abbazia di parte delle sue terre. L'Abate decide di abbandonare St. Albans, fugge ad Ely, dove muore. Riportiamo il testo (in Latino), evidenziano i riferimenti di cui sopra: "Eo tempore, cum Willelmus, Conquaestor Angliae, alias dictus "Nothus', Dux Normanniae, unico belli congressu Anglos ita vicisset, ut in conspectu suo tota terra sileret, quasi mirans fatum, in quodam conventu, ubi cuncti prelati cum nobilioribus regni convenerant, omnes ita convenit ; — "Miror,'' ait, " quod hujus regni "militia, sive communitas, quae nullius jugum ferre consuerunt, sine frequenti recalcitratione me susceperint et admiserint, atque toleraveiint libenter, ut dominum; et velut infortunio unius horae fracti, ut imbelles, meo se dominio pacifice submiserimt. Quotiens regni praesentis militia Danis, Pictis, et Scotis, rebellaverit, et semper libertatem, cum victoria, reportaverit, libri nostri manifeste declarant." Ad hoc cum starent stupefacti milites, et Anglorum Abbot nobiles, et, tanquam perculsi verecundia, non haberent responsum congruum tantae Regis insolentiee. Abbas Monasterii Sancti Albani supradictus, cupiens sibi nomen adquirere, et ab Anglis tergere venenum ignaviae, simul et gratias reportasse, pro omnibus respondit; — "Rex," inquit, " illustrissime, quod Anglos de facili ita vicisti, et regnum pacifice possedisti, religiosis regni tui debes gratiam et favorem. Nempe praedeceasores tui, gloriosi reges Angliae, magnam partem insute, partim arti devotione, partim coacti miraculis, religiosorum domibua oontulerunt. Quae si permansisset in manibus dominomin temporalium, forsitan quilibet ex parte sua contra te resistentiam paravisset. Sed quia religiosi noluerunt, sicut nec debuerunt, adversus te rebellionem, cui certis de causis putabant regni jura competere, vicisti facilius, intrasti liberius, et ad praesesens usque regnum quietius possedist. Rex, hiis auditis, ex Abbatis ore verbum rapiens ita respondit; — "Si," inquit, "possessiones vobis datae, "et ereptae militibus, sunt in causa quare Angli nequiverunt mihi resistere, patet quod in futurum Rex Daciae vel quilibet alius, mihi bellum inferre poterit, et non erit qui me defendat, vel regnum meum. Et ideo de ore tuo te judico, et a te primis incipio, repetens possessiones quibus nimis abundas; quibus exhiberi possint milites ad defensionem regni praesentis." Et hac occasione dicitur abstulisse de Domo Sancti Albani totum pene dominium quod habuit a Bameto usque Londonias, ad locum vocatum vulgariter "Londoneston." Ceopit igitur ipsis diebus Abbas Fredericus vehementer formidare, ne Rex, vel suus Lanfrancus, in ipsum, tanquam praecipuum Anglorum fautorem, hostiliter desaeviret; ita ut, a culmine suae dignitatis praecipitatum, carceri vel morti truculenter manciparet. Et cum posset ipsum Wolstanus Episcopos, cui ipse Abbas sanctitate et aetate fuit simillimus, Regi vel Archiepiscopo pacificare, ipse Abbas, nolens credere ei, tristis venit in Capitulum, et coram fratribus prorumpens in lacrymas, ait; — "Fratres ac filii, sectmdum praeceptum Evangelicum, fugiendum est a facie persequentium "a civitate in civitatem; "de licentia igitur Conventus, et consilio, assumptis secum quibusdam libris et pannis, et viaticis necessariis, in insulam clanculo Abbot fugit Eliensem; ubi per aliquot dies graviter infirmatus, diem clausit extremum; ibique corpus suum dicitur requiescere.". E' importante notare che il Manor di Barnet non viene citato nel Domesday Book (1086), né ricorre alcuna concessione col suo nome a favore dell'Abbazia di St. Albans, tuttavia, esso venne confermato all'Abbazia citata da Enrico II e Giovanni unitamente ai Boschi di Southaw e "Huzeheog". Altri toponimi con cui fu identificato Barnet furono: "Bernet" (1196), "Barnet" (1197, 1200), "Barnat" (1219), "La Bernete" (1230), "La Barnette (Abbatis)" (1248, 1257), "La Bernette" (1275, 1278), "Barneth" (circa 1275), "Barnete" (1290-1301), "Bernat" (1307), "la Barnet Staple" (1326-1335), "The Barnet" (1398), In merito al significato del termine, deriva dall'Old English "Bærnet", che significa "Terra ricavata tramite incendio (del bosco)". Infatti, in epoca remota, qui vi era una fitta foresta, "Southaw". Tuttavia, l'antico villaggio appare anche denominato nelle prime opere come "Bergnet" e tale vocabolo, di origine Sassone (Old English) significa "Piccola collina" (in Latino monticulus).

2. East Barnet

Al principio dell'XI secolo, il Manor di East Barnet era posseduto dall'Abbazia di St Albans. Esisteva solo una piccola comunità attorno a St. Mary's Church (che nonostante le notevoli modifiche subite, mantiene le sue caratteristiche normanne), ad (East) Barnet, che ancora era priva del prefisso "East"; infatti, ancora a distanza di un secolo, il 22 novembre 1196, Ottavo anno del Regno di Riccardo I, la Chiesa di Santa Maria, i terreni ed i boschi di Barnet (non ancora distinto dalle vicine Barnet nell'Hertfordshire) sono richiamati in un atto in cui il Re concede, alla presenza di numerosi testimoni, tra cui "Wilto de sce marie Eccla", "de tota terra de Barnet q de feudo ipsius Epi et de omib ptin eius ...". "East Barnet" si legge solo successivamente: infatti, il nome si ritrova come "Est Barnet" (circa 1275), "Estbarnet" (1294), "Low Barnet" (XV secolo). In merito al significato del termine, nessun dubbio che si tratti di un composto dove il prefisso "East" distingue l'area da Chipping Barnet (che sapete essere stata in passato spesso denominata West Barnet). Quindi, traduciamo con "Il Manor orientale di Barnet". Il Villaggio medioevale si espanse attorno all'attuale incrocio di East Barnet Road, Cat Hill e Church Hill Road. E' probabile che "Cat Hill" (tramite il pub "The Cat") derivi da "Katbrygge", un ponte medievale per il bestiame che attraversava il Torrente Pymmes. Nel 1291-1292, per ordine di Papa Niccolò IV, venne fatta la "Taxatio Ecclesiastica", che contiene la valutazione, oltre a dettagli, delle Chiese parrocchiali Inglesi e Gallesi e prebende. East Barnet compare in riferimento alla "Ecclesia de La Bernett" (St. Mary The Virgin citata), sotto il patrocinio dell'Abbazia di St. Albans nell'Hertfordshire. La Chiesa, che venne valutata ai fini della tassazione £ 6. 13s. 4d.. St Mary The Virgin era la Chiesa Madre di Barnet e l'intera moderna area di Barnet, sostanzialmente, si evolse da East Barnet. Al tempo della citata "Taxatio", il Villaggio poteva avere circa 30 abitazioni e venne rilevato un mulino (di cui, però, oggi, non residua traccia), che si trovava lungo il corso del Torrente Pymme. Nel Diciottesimo anno del Regno di Eduardo II (1307-1327), in un atto tra Richard de Pouns, Margaret, sua moglie, e Master William de Pouns, Parroco della Chiesa di "Barnette", si citano immobili a "Southmymmes" e "Barnette". Nel 1506, la villa documentata successivamente come "Clockhouse" rappresentò una delle poche costruzioni significative prima della fine del XVII secolo, quando residenti della City of London iniziarono a costruire qui le loro residenze rurali. A quel tempo, invece, Chipping Barnet si era già saldamente affermato come il centro commerciale dell'area. Nella metà del XVIII secolo, ad East Barnet vennero aperti una Scuola ed il pub "The King's Head" a Cat Hill. East Barnet è il luogo di sepoltura di Sir Alexander Cumming o Cuming, Capo dei Cherokee. Nel 1729, egli intraprese un viaggio verso i Monti Cherokee al confine del South Carolina e Virginia, e nell'aprile 1730, "con il consenso unanime del popolo, fu reso legislatore, comandante, leader e capo della nazione Cherokee". Le sue esplorazioni vennero pubblicate sul London Daily Journal dell'8 ottobre 1730. Morì nel 1775, quando era ospite della Charterhouse. Richard Bundy (che tradusse "Apparatus Biblicus, Sive Manuductio ad Sacram Scripturam" (1696) del Francese Bernard Lamy, nonché "The Roman history: with notes, historical, geographical, and critical: and illustrated with copper plates, maps, and a great number of authenitick medals/done into English, from the original French of the Rev. Fathers Catron and Rouillé" (1728-1737) dei Gesuiti François Catrou e Pierre Julien Rouillé), nel 1733, venne designato allo svolgimento delle funzioni ecclesiastiche ad East Barnet con dotazione di beni capitali fissi che gli assicuravano il sostentamento e le connesse entrate derivanti da tali attività. Daniel Augustus Beaufort, il Geografo, nacque ad East Barnet. L'Accademia Reale Irlandese deve, in gran parte, la sua nascita ai suoi sforzi. La sua opera più importante fu mappa dell'Irlanda pubblicato nel 1792, accompagnata da un libro di memorie dello stato civile ed ecclesiastico del Paese. Egli è anche noto per il ruolo di primo piano speso nella fondazione di scuole domenicali e nella preparazione di opere educative elementari. Nel 1869, parte della Parish venne assegnata al Distretto Ecclesiastico di Lyonsdown. Nel 1905, la Parish conteneva 70 acri di terre coltivabili, 926 di prati permanenti e 10 di boschi. Il suolo era argilloso ed il sottosuolo ghiaioso, il principale raccolto era rappresentato dal fieno. Nel 1908, troviamo questa descrizione dell'area: "East Barnet è una lunga e stretta Parish situata a nord e sud lungo la Valle del Torrente Pymme. E' delimitata ad ovest dalla linea principale della Great Northern Railway, e ad est raggiunge Enfield Chase nella Contea del Middlesex. Il terreno degrada su questo lato ad un'altezza di circa 200 piedi. Una strada importante da Londra verso nord corre lungo il confine orientale, ed una strada parallela al fondo della valle, con due strade adest ed ovest che collegano queste strade principali. Ci sono due stazioni della Great Northern - New Barnet ed Oakleigh Park. La parte principale della popolazione è raggruppata intorno alla stazione di New Barnet, e forma un nucleo urbano piccolo ma in rapida crescita con quel nome, che si riunisce Chipping Barnet, ad ovest, e si sta estendendo verso est lungo Enfield Road al borgo di Crock Fosters, sul confine orientale della Parish .... La vecchia Parish Church di East Barnet si erge quasi abbandonata sul versante occidentale della Valle del Torrente Pymme. Ci sono alcune residenze in questa Valle ed un certo numero di grandi case nei loro parchi e giardini sulla cresta orientale un poco indietro rispetto alla strada principale .... ". Nel 1925, la già citata "Clockhouse" venne rimpiazzata da una serie di negozi, al tempo in cui l'espansione periferica era in atto, processo che subì un'accellerazione grazie al prolungamento della Piccadilly Line a Cockfosters nel 1933. Nel medesimo anno, venne aperto al pubblico Oak Hill Park, il cui suolo formato da una pianura alluvionale venne elevato utilizzando il terreno scavato durante la costruzione della linea ferrata. Nel 1937, a Chestnut Grove, aprì East Barnet School. Entro lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, quasi tutte le costruzioni antecedenti il XX secolo erano state rimpiazzate da lunghe file di case semi-individuali ed a schiera. Alcune costruzioni vennero terminate solo dopo la Seconda Guerra Mondiale, ma le case successive ebbero il medesimo aspetto dei loro predecessori degli anni '30 del XX secolo. Nel 2009, chiuse il pub King’s Head (divenuto "The Drum") e la struttura ebbe un mutamento di destinazione. Nel 2011, venne ricostruita East Barnet School. Oggi, East Barnet viene visto come un luogo senza una forma ben definita che si concentra tra Cat Hill e Church Hill Road, ad est di Oakleigh Park. In merito al dato etnico-religioso-sociale, i residenti di East Barnet sono in prevalenza Bianchi, sposati e proprietari della casa in cui vivono. A titolo di curiosità, sappiate che Church Hill Road, la strada che fiancheggia Oak Hill Park e che conduce a St Mary The Virgin, viene chiamata "Passeggiata dei Fantasmi", dato che si dice siano stati visti dei Cavalieri a cavallo, cani senza testa e Nobili vaganti. La causa di tali fenomeni viene ricollegata al diniego della sepoltura cristiana ad un impopolare locale proprietario terriero, Geoffrey de Mandeville, perchè morì scomunicato nel 1144. I Cavalieri Templari si fecero carico del suo corpo e lo seppellirono nella Chiesa del Tempio (Temple Church) nella City of London (la stazione di Temple, però, è di poco fuori dei suoi confini, rientrando nella City of Westminster). Suo figlio fece porre una lapide sul pavimento, ancora visibile.

3. Chipping Barnet

Sino al XVII secolo, High Barnet venne impiegato come nome alternativo a Chipping Barnet, anche se oggi, invece, sulle mappe viene indicato separatamente. Rinviamo, pertanto, a quanto riportato in quella pagina web, salvo a specificare l'evoluzione del toponimo di Chipping Barnet, il cui insediemento si sviluppò tardivamente nonostante che Chipping Barnet sia ubicato su un cuscinetto di ghiaia ben servito dall'acqua, il che lo rendeva un luogo ideale per un insedidamento sin da epoche antiche: tuttavia, mancano prove di insediamenti sia in Epoca Romana che Sassone, quando Chipping Barnet era fittamente coperta da boschi. Chipping Barnet nacque quando venne costruita la strada che conduceva da Londra a St Albans. "Chipping" significa "Il Mercato": nel 1199, Giovanni Senza Terra concesse all'Abate di St Albans di tenere un mercato settimanale a Barnet, e da quel momento, Chipping Barnet fu frequentato da Pellegrini, Mercanti, Soldati. Successivamente, il nome si ritrova come "Chepyng Barnet" (1321, 1329), "Chepinbarnet" (1347), "Westbarnet" (1449), "West Barnet alias West Chepynge Barnet" (1558), "Chipping Barnet alias High Barnet" (1628), "Chippen Barnett" (1648). In merito al significato del termine, è chiaramente formato da due parole dell'Old English "Bærnet" (Terra ricavata bruciano il bosco) + "Cīeping" (mercato, già sapete della concessione del 1199, anche se già da circa un secolo si svolgevano degli scambi non ufficiali).

4. Friern Barnet

L'area, indicata come "la Bernet" e "la Barnate" (1235), sino al XIII secolo, venne specificamente individuata come "Little Barnet". Infatti, ancora nel 1237, nel Ventunesimo anno del Regno di Enrico III (1216-1272), in riferimento ad un terreno in "Little Bernete" si legge di John de Halewik, John de Nevill e Margery de Ripar, che Walter de Horton "calls to warrant".  Versioni diverse del nome attuale compaiono a partire dal 1274 come "Frerennebarnethe", "Frerenbarnet" e "Fernebernete". Successivamente, si legge "Frerenebarnet"(1294), "Charneres Bernete" (1294), "Sarner(e)sbarnet" (1316, 1341), "Sarnieres barnatt" (1322), "Freresbarnet" (1336), "Frerynbury" (1428), "Freren Bernett" e "Friern Bñet" (1535), "Fryeringe Barnet" (1549), "Fryernbarnet" (1550), "Freering Barnet" (1551),"Fryan Barnett" (1665). Il termine si spiega facilmente, dato che il prefisso "Freren" (o espressioni similari) è parola del Middle English che significa "dei Fratelli" (= Frati), dato che questo Manor apparteneva ai Frati del Priorato dell'Ordine dei Cavalieri dell'Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme (Ordo Fratrum Hospitalis Sancti Ioannis Hierosolymitani) a Clerkenwell (Ordine noto anche come Ordine di San Giovanni, Ordine dei Cavalieri Ospedalieri). E' quindi, chiaro il significato del composto che significa "La (parte) di Barnet dei Frati (del citato Priorato)". L'originario insediamento dovrebbe aver confinato con Friern Barnet Lane vicino alla Chiesa. La Manor House medioevale viene indicata nel 1428 come "Frerynbury", che significa Manor dei Fratelli". Durante il XVI secolo, essa venne sostituita (subito dopo il 1551) da una nuova casa chiamata "Friary House" o "The Friary" che Elisabetta I diede a Sir Walter Relegh. Nel 1544, a Friern Barnet, vi erano 80 persone che facevano la Comunione. Nel 1642, 84 maschi adulti effettuarono il giuramento relativo alla difesa della Religione Protestante (Protestation oath). Nel 1754, due case coloniche erano le uniche residenze dell'area, come si vede dalla Mappa di John Roque. Al principio del XIX secolo, l'area era ancora totalmente rurale: nel 1801, a Friern Barnet si contavano solo 55 case. Nel 1828, vennero proposte nuove strade per la zona centrale di Friern Barnet, dove vennero fatti i primi piani per l'accesso a Great North Road piuttosto che a Friern Barnet Lane. L'inizio del cambiamento dell'area, a metà del secolo, fu dovuta a due fattori: 1. La costruzione di Colney Hatch Lunatic Asylum (Ospedale psichiatrico appunto a Colney Hatch - ridenominato Friern Hospital nel 1937 - ubicato a Friern Barnet Road, pochissimo a nord rispetto all'attuale stazione di New Southgate, come si vede sulla Ordnance Survey Map del 1876–1881), che contribuì a tagliare l'area a sud; 2. l'apertura di stazioni della Great Northern Railway e della metropolitana sempre nella metà del secolo, che stimolarono l'urbanizzazione per prima della parte estrema della Parish (a cui contribuirono ulteriormente i tram elettrici nel XX secolo), con l'urbanizzazione per prima della parte estrema della Parish. Infatti, la zona centrale di Central Friern Barnet crebbe lentamente, anch'essa parallelamente allo sviluppo dei trasporti. Nel 1883, su "Barnet Press" del 13 ottobre, si leggeva che a Friern Barnet vi erano solo 90 case. Sino alla Prima Guerra Mondiale, comunque, Friern Barnet rimase largamente rurale. Da questo momento, l'Autorità locale funse da principale costruttore su vasta scala. Nel 1975, Friern Barnet era ancora divisa dal citato "Asylum" e da un ampio tratto vuoto su entrambi i lati di North Circular Road. Per quanto attiene alla popolazione, questa crebbe rapidamente da 432 (1801) a 974 (1851), a 3344 (1861), a 6.424 (1881), 14.994 (1911), 17.375 (1921), 23.101 (1931). I dati, però comprendono i pazienti nell'Ospedale psichiatrico come segue: 2.009 (1861), 2.351 (1881), 2.452 (1911), 2.854 (1921), 2.880 (1931), 29.163 (1951), 28.813 (1961), 15.112 (il Distretto di Friern Barnet, a tale data, copriva 313 ettari, corrispondenti a circa i 3/5 del precedente Distretto Urbano). Dal punto di vista amministrativo, nel 1884, la Parish ebbe una Amministrazione locale, che nel 1895, divenne Distretto Urbano e nel 1965 venne inclusa nel London Borough of Barnet nell'ambito della Greater London.

Barnet - Visita guidata

Barnet London Borough

Barnet London Borough

East Barnet Road

East Barnet Road

High Street

High Street

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it