www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

New Southgate

Sintesi

New Southgate è una stazione ferroviaria divisa esattamente in due (direzione nord-sud) dal confine tra il London Borough of Enfield (ad est) ed il London Borough of Barnet (ad ovest). Ne trattiamo nell'ambito della prima dato che la strada più importante, Station Road, si trova dal lato di Enfield, mentre solo una stradina secondaria, Regal Drive, costeggia il lato di Barnet. In aggiunta, poco più a sud, inizia una terza Municipalità londinese, il London Borough of Haringey. L'antico nome Sassone della maggior parte di quest'area fu "byttes stigle", che divenne col tempo "Betstile" (o denominazioni simili). Oggi, vi è chi estende l'area, comprendendovi oltre New Southgate, anche Brunswick Park e porzioni di Colney Hatch.

Distanza dal centro: 8,3 miglia.

Attrattiva: scarsa.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Giunti alla stazione, potete solo seguire il percorso sopra la strada ferrata nelle due direzioni possibili: 1. andare verso est, raggiungendo Station Road, nel punto in cui tale strada si allarga per consentire un temporaneo parcheggio o transito rispetto all'ingresso della stazione. Notate anche uno strano palo. Se andate verso nord, incrociate Friern Barnet Road, se invece, deviate a destra in Woodland Road, all'incrocio con High Road, raggiungete St. Paul's New Southgate. Se cercate spazi verdi, proseguite (trovate un cartello London Borough of Enfield)sino alla rotatoria all'inizio di Bowes Road, e proseguite verso nord sino a raggiungere New Southgate Recreation Ground, attraversate Brunswick Park Road sino al War Memorial; 2. andare verso ovest, raggiungendo Regal Drive, che anch'essa porta verso nord a Friern Barnet Road.

Toponimo

Un tempo, la maggior parte dell'attuale New Southgate costituiva il borgo di Betstile (o denominazioni similari), nome che venne "riportato in vita" al principio del XX secolo, con Betstyle Road e poi Betstyle Circus. Orbene, un antico documento Sassone, riporta quanto segue (il testo evidenziato in neretto corrisponde a "Betstile"): "Ðis synt ðes pealdes gemære into ðære ealdan byrig - Ærest of hæpenes hlæpe andlang ene-feld inga gemære on scir burnan , of scir burnam to æðeleof hæcce · Of þam hæcce to æscbprihtes heale , of ðam heale andlang eadulf-ing-tun inga gemære to seodes geate, of þam geate on byttes stigle, of byttes stigile andlang þæs biscopes gemære on pakel-ing mor, of þam more on aggan geat, of þam geate on ðone steort æ[t] bræneten, andlang brænæten a beo þam geondran stæðe on ðæne sihter æ[t] tate hriges ænde of þam sihtre andlang hean-dun inga gemære on grendeles gat , of grendeles gate andlang scen-lea inga gemære on ruge beorc lege, of beorc lege on hæþ lege, of hæþ lege a beo pyrtruman æft on hæpenes hlape". Il testo in Old English, ovviamente, crea problemi di interpretazione. Pertanto, siamo andati alla ricerca del testo integrale (in Latino). Va premesso, tuttavia, che A. S. Napier e W. H. Stevenson, commentarono la concessione Sassone come "un poco dubbia, se falsa, un'imitazione singolarmente intelligente; data complessa, probabilmente significa 1005". Ciò premesso, il Re Æthelred effettua una concessione all'Abbazia di St Albans nella persona del suo Abate, Leofricus, di 1 unità (cassata) a Flamstead e 5 a St Albans nell'Hertfordshire, rinnovando le ampie libertà concesse da Re Offa. L'Abate Leofricus aveva dato 200 libbre di oro ed argento al Re per pagare i Danesi, ricevendo in cambio queste 6 unità (1 a Flamstead e 5 a St Albanse) e 55 unità ad Eadulfinctun (ma ora, restituisce queste ultime). Il testo Latino è il seguente (evidenziamo in neretto i dati essenziali): "Cum nos in extrema pene huius uitae margine cernamus sistere, et ultima quaeque senescentis mundi pericula indesinenter luere, admonemur per hoc patenter paruipendere fugitiuam atque caducam huius temporis pompam, et ad immarcessibilem aeternae beatitudinis per bonorum operum exhibitionem tendere palmam: et quicquid utilitatis nostris fuerit dei mirifica allubescente clementia statutum temporibus hoc apicum notis inserere cartis, ne hoc ipsum, quod absit, a subsequentibus causa ignorantiae annullari ullo modo queat, et nostra tunc merces minoretur. Quapropter ego Æ∂elredus, sceptrigera ditione Anglis, caeterisque sistentibus in circuitu gentibus, uoce, habitu morumque uarietate distantibus rex subthronizatus, ob meae remedium animulae et ob stabilimentum regni coelitus mihimet concessi, atque etiam ob maximae pecuniae pretium mihimet pro hoc ipso collato, condono ad sancti et eximii huius patriae protomartyris Albani coenobium, quandam iuris mei portiunculam, cassatas equidem senas, binis in locis semotas, unam scilicet, ubi ab accolis usitato nomine dicitur Fleamstede, et quinque ubi noto uocitamine ob olim castellum iam pene dirutum Ausonica lingua dicebatur Uerulamium, quod nos uulgariter dicimus Wætlingaceaster, ubi et ipse sanctissimus Christi agonista uaria pro fide Christi sustulit tormentorum cruciamenta. Hoc sagaciter meo reuoluens animo iustius fore multo, locum in quo passus est, suo aeternaliter mancipari coenobio almifico, quam diutius fisco regali uel cuilibet terreno audacter subiacere negotio. Decens est enim ut locus quem suo sacratissimo agonizans pro Christo aspersit et sacrauit cruore, ad ipsum perpetualiter reuertatur locum, ubi et ipse martyrio expleto, capite truncato, brauium coeleste et immarcessibilis uitae meruit coronam. Hoc nempe meae dapsilitatis emolumentum libens sub aeternali libertate liberum concedo, sicut abauus praedecessor meus Offa, scilicet, rex inclitus, omnia quae ipse ad ipsum coenobium contulit libertate ditauit. Eadem inquam libertate non solum hanc possessiunculam liberam libens statuo, sed etiam quicquid a meipso uel a qualibet persona maiori siue minori ab heri et nudiustertius, et exin usque ad terminum istius transitorii regni, uitaeque labantis extrema datum fuerit ad supradicti martyris tumbam, sub hac libertatis et renouationis cartula aeternali libertate permaneat liberum. Et ne forte quis praesentium uel magis futurorum ambiget quae sit illa libertas, qua ipsum coenobium rex beneuolus Offa ditauit, et egomet nunc confirmando renouaui, dicam plane, quod omnimodis cuncta illius monasterii possessio nullis est obnoxia fiscis, scilicet, nec expeditionis, nec pontis et arci aedificamine, nec iuris regalis fragmine, nec furis apprehensione, et ut omnia simul comprehendam, nil debet exsolui, uel regis praeposito, uel episcopi, uel ducis, uel ullius hominis, sed omne debitum exsoluant iugiter, qui in ipsa possessione fuerint, ad praedicti martyris mausoleum, secundum quod ordinauerit abbas, qui ipso praefuerit coenobio. Notum etiam uobis cupio fore quantum pretium pro hoc ipso abbas ipsius coenobii nomine Leofricus mihimet contulit, quando illud graue uectigal Danis exsoluebamus; praestitit nempe mihi ducentas libras auri et argenti, ex appensione Danorum, et pro foenore ipsius pretii accepit a me uillam quae dicitur Eadulfinctun, quinquaginta quinque mansas habens, et has etiam sex mansas. Et nunc gratanter ipse mihimet mente beneuola reddit praedictas quinquaginta quinque mansas, et contentus est in ipsis sex mansis, pro ducentis libris; ideoque hanc libertatis et renouationis scedulam facilius adeptus est. Permaneat itaque praedicta possessio, cum omnibus utensilibus ad se rite pertinentibus, sub praedictae libertatis chirographo uoti compos. Et quisquis nostrae hoc liberalitatis donum augmentare mente maluerit iocunda, sentiet se donis per hoc locupletari diuinis. Si autem, quod absit, uspiam quis laruarico attactus instinctu mente hoc subdola machinatus fuerit adnullare, uel quippiam in peius quam constituimus transuertere, sua pro audacia a coetu in hac uita anathematizetur fidelium, et in tremendo dei examine astantibus coelorum agminibus hominumque turmis, necnon et horrendis Erebi uernulis palam cunctis damnetur cum haedis, auerni cruciamenta sine fine luiturus, ni ante obitum condigne emendauerit. Scripta est autem huius libertatis cartula decursis annis ab incarnatione Christi .DCCCC.XC. nouenis terque binis in cursu millenario equidem sexto, his testibus fauentibus quorum hic dignitates cum onomate contemplari ualebis.
+ Ego Æ∂elredus regia infula comptus propriae munificentiae donum stabiliter confirmo.
+ Ego Wulfstanus archiepiscopus Eboracensis aecclesiae assentio.
+ Ego Æ∂elstan clito.
+ Ego Ecbyrht clito.
+ Ego Eadmund clito.
+ Eadred clito.
+ Ego Eadwig clito.
+ Ego Eadgar clito.
+ Ego Eadward clito.
+ Ego Ælfheh episcopus.
+ Ego Ordbriht episcopus.
+ Ego A∂ulf episcopus.
+ Ego Æ∂elsie episcopus.
+ Ego Lifing episcopus.
+ Ego Ælfwold episcopus.
+ Ego Ælfhelm episcopus.
+ Ego Ælfric abbas.
+ Ego Wulfgar abbas.
+ Ego Kenulf abbas.
+ Ego Ælfric abbas.
+ Ego Leofric abbas.
+ Ego Eadno∂ abbas.
+ Ego Ælfwerd abbas.
+ Ego Ælfric comes.
+ Ego Ælfhelm comes.
+ Ego Leofwine comes.
+ Ego Æ∂elmær minister.
+ Ego Wulfgeat minister.
+ Ego Eadric minister.
+ Ego Wulfhet minister.
+ Ego Æ∂elric minister.
+ Ego Æ∂elwine minister.
+ Ego Æ∂elwerd minister.
+ Ego Æ∂elstan minister.
+ Ego Ulfcytel minister.
+ Ego Bryhtric minister.
+ Ego Leofwine minister.
"

Il nome si ritrova successivamente come "Bettestigle" (XIII secolo), "Bettestile" (1303), "Bettestyle" (1370, 1492). In merito al significato del termine, è stata proposta la sua interpretazione in Inglese moderno come "Betta's Path". La porzione più meridionale dell'area era nota come Colney Hatch Park. Poiché il nome richiamava quello di Colney Hatch Lunatic Asylum (Ospedale Psichiatrico), che si trovava nella limitrofa Parish di Friern Barnet, a seguito delle pressioni da parte dei residenti, che non gradivano questo accostamento, il nome fu cambiato in New Southgate. Southgate, la Porta meridionale di Enfield Chase, venne citata per la prima volta nel 1166-1189, South Street, la strada che portava a tale Porta, nel 1321, quando sembra che siano state costruite delle case, e una di esse, nel 1338, era denominata Ryneshamstall. Successivamente, si legge "S(o)uthgate" (1370), "Southgate" (1372), "le South gate" (1608), "Southgate" (1904, Ordnance Survey Map). In merito all'origine del nome, siamo di fronte ad un nome composto dell'Old English "sūð" (south = sud) + "geat" ("gate" in Inglese moderno). Il significato è evidente, visto che significa "Porta meridionale" (South = Sud) + (Gate = Porta) di Enfield Chase (in origine, una foresta, poi riserva di caccia reale), che si trovava approssimativamente dove Chase Road interseca Winchmore Hill Road (a poco più di 200 metri dalla stazione di Southgate, in direzione nord-est). "New" aggiunto a Southgate sottolinea come quest'area sia di nuova edificazione, che, come leggerete, venne realizzata alla fine del XIX secolo, a seguito dell'arrivo della Great Northern Railway.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da William Robinson in "The history and antiquities of the parish of Edmonton" (1819); si leggono in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 1" (1890) ed in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 2" (1894); sono fornite da John Eric Bruce Gover in "The place names of Middlesex (including those parts of the county of London formerly contained within the boundaries of the old county" (1894): da A. S. Napier - W. H. Stevenson in "The Crawford Collection of Early Charters and Documents" (1895); da Tom Mason "The Story of Southgate and Other Local Essays" (1948); Tom Mason "A Southgate Scrapbook" (1948); Herbert W. Newby "Old Southgate" (1949); Walker Round (pseudonimo) Dudley Heath - C. D. Stooks "The Story of Southgate and Winchmore Hill"; da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - Eileen P. Scarff - G. C. Tyack in "A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham" (1976), alle voci "Edmonton: Communications" (pagine 133-137), "Edmonton: Growth before 1851" (pagine 137-142), "Edmonton: Growth after 1851" (pagine 142-149), "Edmonton: Economic history" (pagine 161-172), "Edmonton: Public services" (pagine 179-181), "Edmonton: Churches" (pagine 181-187); da David Pam "The New Enfield - Stories of Enfield, Edmonton and Southgate" (1977); da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - M. A. Hicks - R. B. Pugh in "A History of the County of Middlesex: Volume 6, Friern Barnet, Finchley, Hornsey With Highgate" (1980), alle voci "Friern Barnet: Introduction" (pagine 6-15), "Friern Barnet: Manors" (pagine 15-17), "Friern Barnet: Other estates" (pagine 17-23), "Friern Barnet: Local government" (pagine 25-27), "Finchley: Introduction" (pagine 38-55); da David Pam in "Southgate and Winchmore Hill: A Short History" (1982); da Michael J. Franklin "Medieval Ecclesiastical Studies: In Honour of Dorothy M. Owen" (1995); da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010); si leggono in "New Southgate (Finchley N11)" (London Borough of Barnet); in "New Southgate (a history)" (Enfield Council), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga: A P Baggs, Diane K Bolton, Eileen P Scarff and G C Tyack, 'Edmonton: Introduction', in A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham, ed. T F T Baker and R B Pugh (London, 1976), pp. 130-133; A P Baggs, Diane K Bolton, Eileen P Scarff and G C Tyack, 'Edmonton: Roman catholicism', in A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham, ed. T F T Baker and R B Pugh (London, 1976), pp. 187-188; A P Baggs, Diane K Bolton, Eileen P Scarff and G C Tyack, 'Edmonton: Social life', in A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham, ed. T F T Baker and R B Pugh (London, 1976), pp. 172-175; A P Baggs, Diane K Bolton, Eileen P Scarff and G C Tyack, 'Edmonton: Protestant nonconformity', in A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham, ed. T F T Baker and R B Pugh (London, 1976), pp. 188-196; A P Baggs, Diane K Bolton, Eileen P Scarff and G C Tyack, 'Edmonton: Judaism', in A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham, ed. T F T Baker and R B Pugh (London, 1976), p. 196; A P Baggs, Diane K Bolton, Eileen P Scarff and G C Tyack, 'Edmonton: Education', in A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham, ed. T F T Baker and R B Pugh (London, 1976), pp. 196-203; A. P. Baggs - Diane K. Bolton - M. A. Hicks - R. B. Pugh in "A History of the County of Middlesex: Volume 6, Friern Barnet, Finchley, Hornsey With Highgate" (1980), alle voci "Friern Barnet: Social and cultural activities" (pagine 23-25), "Friern Barnet: Public services" (pagine 27-29), "Friern Barnet: Churches" (pagine 29-32), "Friern Barnet: Protestant nonconformity" (pagine 32-33), "Friern Barnet: Education" (33-36).

1. Eventi storici di riievo

Già sapete che, in origine, l'area era denominata "Belstile" (o similmente), per cui, vediamo, innanzitutto, quale fu la Storia di Belstlie, per poi proseguire con la Storia generale dell'area in tempi successivi.

1.1 Belstile

Dal "Toponimo", sapete alcune varianti del nome dell'area, sin dall'Epoca Sassone. In aggiunta a quanto già riportato in precedenza, siamo riusciti a ricavare altre informazioni, sia per via diretta, riguardando direttamente Betsttile, che indiretta, riguardando le aree limitrofe. Nel XIII secolo, sapete che si legge "Bettestigle" ed un documento ad esso relativo riporta una concessione sembra da John, figlio di John di Edelmeton a John, il Priore ed i Canonici della Holy Trinity di Londra, di un terreno ad "Edelmeton", ed una via ampia 12 piedi (circa 4 metri) che si estendeva dalla strada principale che portava a "Bettestigle" a detto terreno. Come testimoni, sono indicati William de Forda, Hugh Peverel ed altri. Nel 1303, ricorre il nome "Bettestile", che diventa nel 1370 (e si ritrova nel 1492) "Bettestyle". Sotto tale denominazione, al tempo di Eduardo III (1327-1377) abbiamo trovato una concessione datata il giorno di Domenica di Pentecoste del Primo Anno del suo Regno, da parte di Richard Neweman, di "Edelmetone", a John le Rede, di Haringeie, di terreni "in the vill of Edelmetone" a ridosso della strada da "Bettestyle" a "Heybourne", e sulla terra chiamata "Semannes Land". Ricaviamo, ora, per via indiretta altri dati su Betstile, molti dei quali contenuti nei manoscritti della Cattedrale di San Paolo. Il Manor di Halliwick, citato per la prima volta tra il 1278 ed il 1285 si estendeva lungo il lato meridionale di Friern Barnet Road dal confine di Finchley a Betstile ed in Edmonton (verso il 1810). Friern Barnet Road divideva la Parish medioevale di Friern Barnet tra i Manors di Whetstone ed Halliwick. I conduttori in affitto dei terreni erano tenuti a mostrare segni distintivi in forma di doppie croci sulle loro porte e, nel 1515, in base a consuetudini esistenti da lungo tempo, dovevano mantenere le doppie croci indicanti i confini del Manor di Friern Barnet con quello di Finchley e con l'Hertfordshire. Nei Manoscritti della Cattedrale di San Paolo, nel 1504, è citata una croce a Betstile ed una precedentemente, nel 1399, a Muswell Hill. Friern Little Park fronteggiava il tratto terminale di Oakleigh Road e, nel 1512-1513, era delimitato a nord dal Torrente Blackett. Friern Great Park, a nord di Friern Barnet Road, probabilmente affiancava Betstile Grove (Grove = Boschetto) ad ovest ed, un tempo, era separato da Little Park solo dal Torrente Blackett. Friern Barnet Lane, anche nota come Friern Lane (che venne riallineata verso il 1790), si chiamava Wolkstreet verso il 1518. Colney Hatch Lane (così denominata dal 1846), si chiamava "Halwykstrete" (Halliwick Street) nel 1398; e Muswell Hill Lane o Aspen Lane nel 1801. Tranne che tramite Whetstone, non vi erano strade che conducevano verso ovest. Ad est, una strada conduceva da Colney Hatch a Betstile, dove incontrava le strade per Enfield, Tottenham e Wood Green, East Barnet, e la moderna Oakleigh Road. Fu nota come Betstile Lane tra il 1549 ed il 1785 (Southgate Lane nel 1801,  High Road nel 1879 e Friern Barnet Road dal 1889). Dal principio del XVIII secolo, esisteva una strada in direzione est-ovest nella parte settentrionale di Whetstone, la cui porzione da Totteridge (allora Hertfordshire) a Whetstone nel 1651 era chiamata Totteridge Lane ed al principio del XIX secolo occasionalmente Brick Lane. Orbene, tale strada continuava verso est attraverso Friern Barnet lungo la linea della moderna Oakleigh Road a Betstlile, dove incontrava un'altra strada che correva ad est da Great North Road vicino near Tally House Corner attraverso il confine settentionale di Finchley Common (chiamato Woodhouse Road dal 1897). Giorgio II (1727-1760), venendo in visita ad uno dei predecessori del Duca di Chandos, fu costretto a passare attraverso il Boschetto di Bet-stile (Betstile Grove) e mentre passava, l'uomo che controllava il cancello, a cui venne ordinato di aprirlo per Sua Maestà, rifiutò dicendo""Se fosse il diavolo, dovrebbe pagare prima di passare". La conseguenza fu che il Duca trasformò la strada in gratuita. Armolt Street (1322)  o Hawland Lane andava verso ovest da Southgate Green al confine, che seguiva come la strada a Betstile (XIII secolo) o Betstile Lane (1567). L'intera strada divenne Waterfall Road. Nell'angolo sud-occidentale della Parish, univa Bowes Road e Bounds Lane e Green. Proprio sulla citata Waterfall Road, probabilmente verso il 1800, Sir William Curtis, o John Schneider, fece erigere Betstlie Bridge, con tre arcate. L'area rimase sostanzialmente deserta anche oltre il principio del XIX secolo: il borgo di Betstile si trovava all'estremità orientale di Friern Barnet Road. Prima del 1815, la maggior parte delle case si trovavano nell'Hertfordshire o ad Edmonton, tranne Betstile House, all'angolo tra Friern Barnet Road e Oakleigh Road (Middlesex), ma nel 1846, altre case si trovavano a nord della strada, sul sito del pregresso Friern Great Park, mentre il pregresso Friern Little Park in Oakleigh Road era stato diviso in lotti di cottages. Betstile House fu rimpiazzata da cottages a schiera prima del 1888,  quando G. K. Smith vendette 8 acri per ulteriore edificazione (aveva già costruito in zona). Nel 1851, a Betstile, esisteva una fornace per la produzione di mattoni.

1.2 Da Colney Hatch a New Soutghate

Lo schema stradale di Edmonton (in cui ricadeva Betstile) venne definito verso il 1600 e cambiò poco sino alla metà del XIX secolo. La c.d. "Edmonton Enclosure Map" del 1801 mostra l'area corrispondente all'attuale Southgate come ancora quasi interamente non urbanizzata, tranne due gruppi di costruzioni agricole in Bowes Road. Il sistema stradale essenziale era delineato: infatti, sulla Mappa si distinguono Bowes Road, High Road e Waterfall Road. Il distretto, a quel tempo, era noto ancora come Betstile, ma in alternativa, si usava anche la denominazione di Colney Hatch (dal villaggio nella vicina Friern Barnet). A quel tempo, la maggior parte dei terreni rientrava in grandi tenute (Estates): Minchenden, Beaver Hall, Arnos Grove, Broomfield e l'area era sostanzialmente disabitata, tranne la presenza di Betstile Lodge, che apparve nel 1851. Di conseguenza, quando, nel 1850, venna aperta una stazione sulla linea principale della Great Northern Railway, quella da Londra a Peterborough, l'unico modo di concepire questo sito fu quello di una considerarlo una estensione orientale di Colney Hatch, per cui, fu questo il nome dato alla stazione. Tale apertura, però, rappresentò il punto di svolta della Storia dell'area. Nel 1851, venne aperto un Ospedale psichiatrico a Friern Barnet, chiamato "Colney Hatch Lunatic Asylum". Subito dopo, iniziò l'edificazione vicino alla stazione (l'area, in origine, era nota come Colney Hatch Park). Dopo il 1854, venne sviluppato il c.d. "Avenue District", un piccolo triangolo tra Friern Barnet Lane ed Oakleigh Road, per case dei lavoratori dell'Ospedale psichiatrico. Era sovraffollato ed ebbe la reputazione di uno dei distretti più difficili del Middlesex. Nel 1858, la creazione di "Southgate and Colney Hatch Gas Light and Coke Company" rappresentò un altro segnale di imminente urbanizzazione. Immediatamente a sud della stazione di New Southgate, accanto alla ferrovia, venne costruito un impianto per la produzione del gas. Nel 1867, ad est di High Road, venne fondato "North Middlesex Waterworks", che venne rilevato nel 1871, da "New River Company". Entro il 1867, il nucleo di New Southgate era ormai stato realizzato, formato da un'area triangolare di case di buona qualità delimitata da High Road, Palmers Green Road (ora Palmers Road) e Bowes Road. A sud di Friern Barnet Lane c'era Colney Hatch Estate. In un primo tempo, fu un'area abitata dalla classe media, ma la vicinanza all'Ospedale psichiatrico incise negativamente sul valore delle case. La necessità di separare "idealmente" l'insediamento dall'associazione mentale con l'Ospedale psichiatrico spinse all'introduzione del nome di New Southgate, su imitazione di New Barnet, mutuando il nome dal suo più vecchio vicino Southgage. Ciò si ripercosse anche sul nome della stazione: chiamata in origine Colney Hatch, venne ridenominata Southgate and Colney Hatch (1855), New Southgate and Colney Hatch (1876), New Southgate for Colney Hatch (1883) e New Southgate and Friern Barnet (1923); Friern Barnet venne eliminato dal nome della stazione all'atto dell'elettrificazione nel 1976. In aggiunta, anche il nome dell'Ospedale venne cambiato in Friern Barnet nel 1937. Purtroppo, però, "Colney Hatch" continuava a rimanere indelebile nella mente della gente, che continuava ad associarlo alle malattie mentali. L'espansione di New Southgate fu prevista molto presto e l'urbanizzazione venne divisa tra East Barnet, Friern Barnet e Southgate, e tra le Autorità dell'Hertfordshire e del Middlesex, il che, però, creò grossi problemi di programmazione. Il nuovo sobborgo londinese continuò a crescere e, nel 1873, venne costruita l'Anglicana St Paul's Church, con 700 posti a sedere, ma nel 1903, era frequentata da poco più della metà della sua capienza. Nel 1883, venne aperta una Scuola. Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva New Southgate nel Middlesex come segue: "Southgate, New, vil. with ry. sta. (for Colney Hatch), Edmonton par., and eccl. dist., partly also in Fryern Barnet par., Middlesex - dist., pop. 3006; the vil. is 3 miles SE. of New Barnet sta. by rail.". Una fotografia degli anni '90 del XIX secolo mostra Betstile Farm con angolo visuale sud-est. La Fattoria era sistuata dove ora si trovano i negozi di Betstyle Circus. La bella Casa colonica di Betstyle Lodge si trovava su Bowes Road e si vede alla destra della fotografia. Accanto ad essa, al centro, si vede la cima del camino di Betstile Mill Waterworks. Nel 1901, lungo Grove Road, venne costruita una Cappella Battista in stile gotico, di mattoni rossi, poi trasformata in appartamenti e ridenominata Old Church Court. Migliorarono i trasporti, grazie ai tram elettrici da Wood Green, che raggiunsero New Southgate nel 1907 e si spinsero sino a North Finchley nel 1909, favorendo la crescita della popolazione, che nel 1921 raggiunse le 7.000 unità. Nel 1914, l'espansione edilizia si era estesa molto oltre i confini della originaria Colney Hatch Park Estate. La zona tra High Road e Station Road era stata edificata e si costruiva oltre il confine di Barnet nella zona tra Oakleigh Road South e Brunswick Park Road. A tale data, finalmente, il distretto aveva perduto la sua negativa connostazione di cui abbiamo citato, e divenne prevalentemente abitato dalla classe operaia. Tuttavia, New Southgate rimaneva separata fisicamente dal resto di Londra, per la presenza di aperta campagna rispetto a Wood Green. L'urbanizzazione a nord di Bowes Road venne impedita dalla presenza di Arnos Grove Estate, ancora posseduta alla Famiglia Walkery. Negli anni '30 del XX secolo, nell'area iniziò ad insediarsi una comunità Ebraica. Nel 1932, l'apertura della stazione di Arnos Grove rappresentò la spinta per l'ulteriore crescita edilizia ad est di New Southgate. Ormai, entro il 1939, tutta l'area era edificata. La maggior parte della citata Arnos Grove Estate era urbanizzata, ma parte venne comprata dall'Amministrazione di Southgate ed aperta al pubblico come Arnos Park. Ulteriori miglioramenti nei trasporti si ebbero con la North Circular Road, che progettata sin dal 1912, e rinviata a causa della Prima Guerra Mondiale, attraversò finalmente New Southgate nel 1929. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la maggior parte del vecchio distretto era in pessime condizioni, anche a causa dei danni causati dai bombardamenti tedeschi. Nel 1956, l'Amministrazione di Southgate, dopo aver effettuato una approfondita indagine sentendo i residenti, varò un piano di ricostruzione di quasi tutta New Southgate, di cui, la prima parte venne iniziata nel 1959, con l'erezione di caseggiati a torre in Highview Gardens, e completata nel 1960. Si continuò anche dopo la creazione, nel 1965, delle due nuove Municipalità London Borough of Enfield e London Borough of Barnet, che la ferrovia divise nettamente in due. La prima Municipalità continuò il progetto, che completò verso la metà degli anni '70 del XX secolo. "The Turrets", già Railway Hotel, chiuse nel 2003, e dopo essere stato utilizzato ad altri fini, per il suo decadimento, venne abbattuto per la realizzazione di appartamenti. Un nuovo profilo suburbano viene conferito da un nuovo progetto di riqualificazione iniziato nel 2010, detto "Shaping New Southgate", con case popolari, negozi, spazi comuni, servizi, parcheggi e trasporti. Il Cimitero di New Southgate, sorto nel 1861 come Great Northern Cemetery (il primo nel Regno Unito dove venisse praticata la cremazione), presenta delle sezioni Cattoliche, Greco-Ortodosse e Caraibiche. Concludiamo ricordandovi che tra i personaggi famosi dell'area vanno ricordati James Selby (morto nel 1888), Cocchiere, portato sino al Railway Hotel (nel 1887 era stato ornato con estensioni tipo-castello, che successivamente ispirarono il nuovo nome "The Turrets") negli anni '60 del XIX secolo. Egli raggiunse la distanza massima raggiunta da un Cocchiere, nonché il minor tempo di cambio di una squadra di cavalli (47 secondi); Jerome K. Jerome, un Romanziere molto prolifico, ricordato soprattutto per aver scritto "Three Men in a Boat" (1889). Egli trascorse parte della sua infanzia a Springfield Road ed è ricordato qui da una statua di una barca e mosaico di un cane a New Southgate Millennium Green su Station Road. Il sito della sua casa è occupato da una Scuola.

Enfield - Visita guidata

L'uscita che porta dal lato di Enfield

L'uscita che porta dal lato di Enfield

Station Road

Station Road

Palo di fronte alla stazione

Palo di fronte alla stazione

Friern Barnet Road

Friern Barnet Road

Il cartello che ci conferma che siamo ad Enfield

Il cartello che ci conferma che siamo ad Enfield

La rotatoria all'inizio di Bowes Road

La rotatoria all'inizio di Bowes Road

L'uscita che porta dal lato di Barnet

L'uscita che porta dal lato di Barnet

Regal Drive

Regal Drive

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it