www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Brockley

Sintesi

Brockley è una stazione della Overgroung ed una stazione ferroviaria (Southern) che serve l'area sviluppatasi dopo il 1871, con l'apertura di quest'ultima, ad oltre un miglio di distanza dall'originario borgo di Brockley, che è servito dalla stazione di Crofton Park.

Distanza dal centro: 5,8 miglia.

Attrattiva: discreta, ma solo considerando il fatto che Brockley è ritenuta essere uno dei sobborghi vittoriani londinesi meglio conservati e più coerenti della Londra interna, presentando tipologie di quasi ogni stile architettonico dalla metà al tardo XIX secolo, dalla ripresa del "Gotico" alle modeste case operaie.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione della Overground, raggiungete Coulgate Street. Sulla sinistra, limitatevi ad osservate uno spazio verde, Brockley Common, mentre dirigetevi a destra, seguendo la strada citata. Continuate diritto all'incrocio con Foxberry Road, sino all'incrocio con Brockley Road. A tal punto, se andate sulla sinistra, trovate subito un pub dove ci siamo fermati una volta, The Brockley Barge. Siete nel solito contesto suburbano londinese, con casette di due piani e negozi a livello stradale, o, dove è esclusivamente residenziale, con casette tipiche con piano-terra e primo piano. Non mancano le aree verdi, verso sud-est, come Hilly Fields Park (vicino alla stazione di Ladywell) o nord-ovest, come Telegraph Hill Park (vicinissimo alla stazione di Nunhead).

Toponimo

Il nome si ritrova come "Brocele" (1182–1184), "Brocleg" (1226), "Brokele" (1270), "Brokle"(1278), "Brockele" (1328), "Brookley" (1690). L'interpretazione del termine non è univoca ed il problema è legato all'origine della prima parte della parola: se deriva dall'Old English "brocc" (caso genitivo, plurale brocca) + Leah o Ley, significa "Radura del bosco frequentata da tassi", se, invece, la prima parte deriva dall'Old English "broc" (tasso), allora significa "Radura boschiva nei pressi di un ruscello", se, infine, la prima parte è un nome personale, Broca, allora significa "Radura boschiva di Broca.

Storia

1. Eventi storici di rilievo

Informazioni sulla storia dell'area sono fornite da Daniel Lysons, alla voce "Deptford, St Paul", in "The Environs of London: Volume 4, Counties of Herts, Essex and Kent" (1796), pagine 386-393, nonché da Edward Hasted, alla voce "Parishes: Deptford", in "The History and Topographical Survey of the County of Kent: Volume 1" (1797), pagine 340-371 ed alla voce "Lewisham", sempre in " The History and Topographical Survey of the County of Kent: Volume 1" (1797), pagine 503-526, e da Henry Ireland, in "England's Topographer: Or A New and Complete History of the County of Kent ..., Volume 4" (1830), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Il Manor di Brockley, in parte in Deptford, in parte in Lewisham, venne concesso, con le sue pertinenze, da Wakelin de Maminot Il Giovane, verso la fine del Regno di Enrico II (principio del XIII secolo), a Michael de Turnham, per il canone annuo di dodici pence, in luogo di tutti i servizi, a seguito della cui concessione Michael divenne suo "affittuario feudale", corrispondendogli quaranta scellini. Michael de Turnham subito dopo vendette la sua terra di "Brocele", come le sue "free gavilkinde" (sistema ereditario che prevedeva che la terra di un defunto venisse divisa in egual modo tra tutti gli eredi maschi) e "stockinkinde", a Juliana, Contessa di Norfolk, moglie di Wakelin sopraindicato, affinché ella potesse fondare qui una casa religiosa, col consenso di Stephen de Turnham, suo nipote. I Monaci Cattolici dell'Ordine Praemonstratensiano (dal Latino Ordo Praemonstratensis, fondato a Prémontré (Francia) da San Norberto, poi Arcivescovo di Magdeburgo (ex Germania Orientale), che si insediarono inizialmente a Ottham, nel Sussex, da Ralph de Dene, trovando quel luogo molto scomodo, decisero di lasciarlo per uno più adeguato, e con ogni probabilità furono questi ai quali la contessa Juliana e Michael de Turnham concessero un sito, in elemosine pure e perpetue, per una abitazione: il quale regalo venne confermato da Jeffry de Say, essendo la terra parte della sua Baronia. Ma essi non rimasero lì a lungo, dato che, non molto dopo, Robert de Turnham, nipote di Michael, diede ai Monaci una proprietà a Begham, nel Sussex, confermando loro anche il Manor di Brockley. I Monaci si spostarono rapidamente, con il consenso di Ela de Sackville, figlia di Ralph de Dene, che confermò per loro la sua terra qui a Brockley, in elemosine pure e perpetue, da tenere da Jeffry de Saye e suoi eredi, pagandogli l'affitto abituale in luogo di tutti i servizi e esazione secolare; il quale regalo venne confermato da suo fratello, Stefano de Thurnham. Re Giovanni, nel suo IX anno, confermò la terra di "Brokele" all'Abate e Convento di Begham. Re Edoardo III nel suo II anno di Regno (1328), concesse loro una concessione di libera caccia a "Brokele". La tenuta rimase ai Monaci sino alla soppressione dell'Abbazia di Begham, nel XVII anno del Regno di Enrico VIII, quando, essendo uno di quei Monasteri più piccoli, il Cardinale Wolsey ottenne poi dal Re, con una concessione di quell'anno, per la dotazione del suo College ad Oxford, perciò denominato Cardinal's College, a Oxford, dove rimase solo quattro anni. Nel 1529, il Cardinale perse "præmunire" (o "praemunire facias" = legge che proibiva la rivendicazione o il mantenimento della giurisidizione papale o di altro tipo, contro la supremazia del Monarca) tutti i possedimenti di questa fondazione, che vennero confiscati dal Re e continuarono nelle mani della Corona sino al 1532, ad eccezione di quelli che, di tempo in tempo, venivano dati ai famelici cortigiani, che non erano pochi. Tale parte della tenuta si trovava a Lewisham dove si chiama Forest Place, alias Brockley-Farm. Nel 1717, John, Duca di Montague, ottenne una legge del Parlamento per il conferimento del Manor di Catford a Lewisham, con annessi e connessi ed altro chiamato anche Catford, con le terre ed altro di sua proprietà, a Lewisham, Lee e Deptford, e la frazione del Manor o Farm, qualche tempo chiamata Forest-Place e poi Brockley Farm. L'altra parte, che rientrava nella Parish di St. Paul's a Deptford, che era detta Hither o Upper Brockley Farm alla fine del XVIII secolo e si trovava nei pressi di New Cross, venne concessa dalla Regina Elisabetta I, nel suo X anno di Regno, in riferimento a diritti sul Manor di Brockhill a Philip Conway, Un fitto di tale parte del Manor di Brockley venne concesso nel 1568 a Philip Conway per 21 anni. Tale tenuta, verso il tempo della Restaurazione, venne conferito a Sir John Cutler, il quale, con atto del 1692, lo passò (dopo la sua morte) a Edmund Boulter, che, per testamento, nel 1707, lo lasciò a suo fratello William. Nel 1709, William Boulter, fece un accordo, con cui lo passò al nipote Richard Wilkinson, e poi a William Wickham e Maria sua moglie, sorella di detto Richard. Per alcune generazioni, appartenne alla Famiglia di Wickham, di Garsington, nell'Oxfordshire, i quali possedevano notevoli proprietà, sia in questa Parish, che in quella di St. Nicholas a Deptford. Tutte, tramite due coeredi femmine con tale nome, passarono verso la fine del XVIII secolo, per matrimonio a Thomas Drake Tyrwhitt, e il medico Reverendo John Drake, i due figli più giovani di William Drake, di Amersham, nella Contea di Bucks, che li possedevano nel diritto di proprietà delle rispettive mogli. Nel XVIII secolo, l'area era ancora fittamente boschiva. Brockley era un piccolo insediamento sul lato di Lewisham sul confine tra Lewisham e Deptford, tra cui il suo territorio si divideva. I principali edifici erano Brockley Farm, Manor Farm, Brockley Hall (una grande residenza privata abbattuta nel 1931) e Brockley Jack, un pub, in precedenza, una caratteristica costruzione di legno, nota, ma senza che vi fossero prove, essere stato un covo di banditi. Apparteneva alla Famiglia Noakes, Birrai che vivevano presso Brockley Hall. Lo sviluppo industriale si ricollega all'arrivo del Croydon Canal, che venne rimpiazzato dalla London & Croydon Railway, che attraversa Brockley, la cui stazione venne aperta nel 1871. La parte settentrionale di Brockley appartenente alla Famiglia Tyrwhitt-Drake, in precedenza usata per l'orticoltura, a partire dagli anni '40 del XIX secolo, venne da questa urbanizzata con la realizzazione di grandi ville a tre o quattro piani, per professionisti (molte delle quali sono adesso divise in appartamenti). Alcune delle più vecchie case di Brockley sono rappresentate da cottages e negozi che formano una piccola serie di case a schiera a Coulgate Street, ad est della stazione di Brockley station. Si ritiene che risalgano a partire dal 1833 ed erano originariamente legate al Canale. Brockley Cemetery venne aperto nel 1858 per servire la crescente popolazione di Deptford. Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Brockley come segue: "a hamlet on the NW border of Kent; adjacent to the Croydon railway, 1 mile WSW of Lewisham. It has a post office under Lewisham, London, S. E.; and had anciently a Premonstratensian monastery, founded about the end of the reign of Henry II.". Nel tardo XIX secolo ed al principio del XX secolo, l'area venne edificata, creando un sobborgo vittoriano, a sud di New Cross;ed ad ovest di Lewisham. La "London and Croydon Railway", che attraversa Brockley, venne aperta nel 1839, anche se la stazione di Brockley venne costruita solo nel 1871. Nel 1872, ad essa seguirono, prima la stazione di Brockley Lane station (ora chiusa), poi, nel 1892, quella di and Crofton Park. Come leggerete nel sottostante paragrafo di approfondimento, l'area dell'originaria Brockley corrisponde a Crofton Park, dal nome della appena indicata stazione, che a sua volta, trasse il nome da una area immobiliare. Il punto centrale di Brockley è diventato l'intersezione di Drakefell Road, Shardeloes Road, Brockley Road e Upper Brockley Road, noto come Brockley Cross. Dopo la Prima Guerra Mondiale, Brockley iniziò a perdere la sua esclusività dato che i benestanti cominciarono a spostarsi verso altri sobborghi e le grandi case furono sempre più suddivise. Le case di Upper Brockley Gardens e Harefield Road, realizzate tra i Due Conflitti Mondiali, sono palesemente più modeste delle loro vicine vittoriane. Durante la Seconda Guerra Mondiale, l'area patì ingenti danni dai bombardamenti tedeschi, richiedendo la ricostruzione di immobili, di cui l'edilizia residenziale pubblica post-bellica di Wickham Road e della parte terminale occidentale di Adelaide Avenue rappresentano la testimonianza. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la maggior parte delle grandi case vennero divise in diversi appartamenti. Negli anni '50 e '60 del XX secolo, tali case offrirono alloggio ai nuovi arrivati Afro-Caraibici, molti dei quali trovarono lavoro a Deptford. Nell'immediato Secondo Dopo-Guerra, altri immigrati vennero dall'Italia, Cipro, Turchia e dall'Asia (soprattutto Sri Lanka). Va osservato che in tale periodo, era estremamente difficile ottenere un mutuo per comprare una casa realizzata prima della Prima Guerra Mondiale, da qui la suddivisione frequente delle vecchie grandi case realizzate in questo periodo. Dalla metà degli anni '60, diversi Artisti iniziarono a vivere nelle grandi (ed al tempo trascurate) case di Manor Avenue (tra le stazioni di Brockley e St Johns), avviando un processo di miglioramento dell'area, ancora in atto. Appartenuto alla Contea del Kent, nel 1889, Brockley venne inserito nel Metropolitan Borough of Deptford nella Contea di Londra. Nel 1965, con la creazione della Greater London, venne inserito nel London Borough of Lewisham. La maggior parte di Brockley nord venne designata "Conservation Area" nel 1974. Proprio in tale anno, venne costituita la Brockley Society, con la missione di preservare e proteggere il carattere dell'area. L'arrivo della Overground nel maggio 2010, ha stimolato un nuovo sviluppo edilizio attorno alla stazione di Brockley. A Brockley, si tiene annualmente il Brockley Max Arts festival. La località ospita anche il Brockley Jack Theatre (una grande casa vittoriana, realizzata nel 1895 sul sito del pub Brockley Jack). Blythe Hill Park (o Open Space), per la sua altitudine, consente di godere di belle vedute su Catford e Lewisham. La cima della collina è 175 piedi sul livello del mare.

2. Lo spostamento del centro di riferimento suburbano

Come capita spesso, la costruzione di una stazione, altera gli equilibri urbani pregressi e determina nuovi centri di interesse. Infatti, nella "Storia", avete letto che l'area dell'originaria Brockley corrisponde a Crofton Park, dal nome della omonima stazione ferroviaria realizzata nel 1892, dalla "London, Chatham and Dover Railway". In precedenza, aperta il 6 marzo 1871, la stazione di Brockley era usata dalla "London, Brighton and South Coast Railway", ad ovest della Brockley Conservation Area. A dispetto della vicinanza a tale insediamento, la stazione si trovava ad oltre un miglio di distanza dall'originario borgo di Brockley e si trovava in un differente "Borough" (Old Ordnance Survey Maps, London Sheet 118.2 Brockley 1894). Come accaduto in altre zone di Londra, la creazione di una stazione finì per definire geograficamente l'area circostante e le zone a nord ed ovest della stazione, in precedenza, ritenute parte di Hatcham o New Cross, oggi, vengono ritenute parte di Brockley. Le Ordnance Survey Maps di Brockley sino agl anni '40 del XIX secolo tendevano a focalizzare Brockley attorno a The Jack, The Hall ed alla stazione ferroviaria di Crofton Park, mentre mappe più recenti pongono l'accento sulla stazione di Brockley.

3. Brockley Market

Si tratta di un piccolo mercato che si svolge di sabato, tra la fine di aprile e la fine di luglio. Si tiene a Lewisham College Car Park, Lewisham Way, London, SE4 1UT. Oltre alla stazione di Brockley, le altre stazioni più vicine sono St Johns, Lewisham, New Cross, New Cross Gate, Deptford Bridge, Elverson Road. Potete anche utilizzare i torpedoni (bus) 21, 47, 171, 321, 484. In genere, i mercati rispecchiano il carattere dell'area che servono. Ed infatti, il mercato viene descritto come una "cooler, mini version of Borough". Vi potete comprare una varietà di prodotti: innanzitutto, prodotti agricoli organici stagionali locali, frutta fresca, verdura, carne, pesce, pollame, selvaggina, pane artigianale, salumi, piante, fiori, gelati, torte e dolcetti di fine settimana, colazioni e "brunch" (misto di colazione e pranzo) di qualità. Ecco perché TBC Magazine espresse questo giudizio: "Brockley Market is a foodie delight". La BBC, nel 2014, sottolineò come Brockley Market si fosse rapidamente caratterizzato come una delle principali "vetrine" londinesi per artigiani e piccoli produttori agricoli. Già nel 2012, aveva sottolineato come Brockley Market esprimesse un bell'equilibrio tra merci calde e fredde. Ancora positive le recenzioni dell'Evening Standard, che sottolineò la disponibilità di spazio per sedersi e la notevole maggiore economicità rispetto ad altri delle municipalità occidentali.

Lewisham - Visita guidata

Coulgate Street, con sulla sinistra in alto, un angolo di Brockley Common

Coulgate Street, con sulla sinistra in alto, un angolo di Brockley Common

Negozio in Coulgate Street

Negozio in Coulgate Street

Brockley Road

Brockley Road

The Brockley Barge - Pub

The Brockley Barge - Pub

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it