www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Camden Town

Sintesi

Camden Town è una stazione della metropolitana (Northern Line), già molto frequentata nei giorni feriali, per divenire affollatissima nel fine settimana per l'enorme massa di visitatori dei Mercati di Camden.

Distanza dal centro: 2,3 miglia.

Attrattiva: notevole, Camden Town è uno dei luoghi più vivi ed interessanti di Londra.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione della metropolitana, siete sulla trafficata Camden High Street. Immediatamente percepite l'atmosfera vivissima di quest'area. Siete attorniati da negozi di vario tipo, pubs, ristoranti. Dirigetevi verso nord, nella direzione della stazione di Chalk Farm. Dopo poco, sulla sinistra, troverete Inverness Street Market. Dopo averlo visitato, proseguite nella stessa direzione e giusto se vi va, guardate sulla destra Camden Canal Market. Continuate verso nord, visto che vi attende il "piatto forte", la zona che più ci piace: trovate il Regent's Canal (volendo potete fare una passaggiata lungo il suo corso), Camden Lock (le chiuse), Camden Lock Market. Proseguite ancora e, a distanza intermedia rispetto alla stazione di Chalk Farm, sulla destra, trovate Castlehaven Open Space (e più lontano, Camden Gardens, più vicino alla stazione di Camden Road), sulla sinistra, Camden Stables Market. Non lesinate sul tempo! Attardatevi, vale davvero la pena di trascorrere in zona ore, se non giorni! Tornati alla stazione, in direzione sud, trovate St Martin's Gardens e The Jewish Museum.

Toponimo

Camden Town trae il nome, ma indirettamente, da William Camden, Autore di "Britannia", che era affittuario del Prebendal Manor of Cantelows (= Chalk Farm). Sir Charles Pratt, Procuratore Generale e Gran Cancelliere durante il regno di Giorgio III (1760 - 1820), Avvocato e Politico, divenuto primo Conte di Camden nel 1786, essendo la sua tenuta a Camden Place, nel Kent, vicino Chislehurst (ora rientrante nel London Borough of Bromley), in precedenza, appartenente allo Storico William Camden. Questi, che morì nel 1794, acquisì il Manor of Kentish Town (in cui rientrava Camden Town) per matrimonio contratto con Elizabeth, figlia e coerede di Nicholas Jeffreys, figlio ed erede di Geoffery Jeffreys, di Brecknock. Il citato Charles Pratt avviò lo sviluppo edilizio di Camden Town. Il suo figlio più anziano, John Jeffreys Pratt, venne nominato, nel 1812, Conte di Brecknock e Marchese Camden (e morto nel 1840). Il secondo titolo nobiliare di Camden era Viscount Bayham. Tutti questi nomi, Pratt, Jeffreys, Brecknock e Bayham, si ritrovano in Camden Town. Nella mappa di Greenwood e nella Ordnance Survey map del 1822, l'area residenziale è appunto denominata Camden Town.

Storia

In origine, quest'area rientrava nel Manor of Kentish Town e nella Parish of St Pancras. La storia dell'attuale Camden Town è relativamente recente, visto che inizia alla fine del XVIII secolo, precisamente, nel 1791, quando Lord Camden, destinò i terreni agricoli alla costruzione di ben 1.400 case. Quelle ubicate in Camden Road e Camden Square avevano un aspetto più aristocratico delle altre nel medesimo Distretto. Suo figlio John Jeffreys Pratt, continuò l'espansione edilizia di Camden Town. In generale, le case erano ben costruite e regolari e consentivano una parziale ma gradevole vista sulle colline di Hampstead e Highgate. Le strade, ampie e regolari, erano illuminate e parzialmente pavimentate. Gli abitanti, inoltre, beneficiavano della fornitura pubblica dell'acqua. Camden High Street, in origine, formata da una fila di piccoli negozi con un piano al di sopra, e piccoli giardini, separati da cespugli, negli anni successivi, ricostruiti o ampliati. La crescita di Camden Town si ricava dall'analisi delle mappe del tempo. Quella di Tompson mostra l'inizio dell'urbanizzazione del lato settentrionale di Crowndale Road (già Fig Lane), a cui venne dato il nome di Gloucester Place. Sul lato orientale della strada a carreggiate separate, oggi Camden High Street, che rappresentava il margine occidentale della tenuta le costruzioni seguivano in continuità sino a Halfway House (Mother Red Cap), dove Kentish Town Road gira a destra e dove Camden Road fa intersezione. Da est ad ovest, Pratt Street e King Street (poi Plender Street) erano già state progettate, mentre già viene mostrato l'inizio meridionale di Bayham Street, Camden Street e Royal College Street, che vanno da sud a nord per Crowndale Road. Ad est di Royal College Street c'è il Veterinary College, mentre ad ovest c'è il recinto ampio quattro acri di proprietà del College citato. Il cimitero comprato nel 1803 da St. Martinin-the-Fields, non è mostrato, dato che verrà aperto solo due anni più tardi. Nel 1816, venne costruito nell'area il Regent's Canal. Parallela ad High Street, verso oriente, si trova Bayham Street, da segnalare essendo stata la prima casa londinese di Charles Dickens, quando vi giunse da Chatham con i suoi genitori nel 1821, dove rimase impressionato per la notevole povertà; infatti, stando al racconto della vita di Dickens fatto da Forster, "Bayham Street era a quel tempo tra le più povere parti dei sobborghi londinesi, e la casa era un misero, piccolo caseggiato, con un miserabile squalido giardino confinante con una altrettanto squallido cortile .....". Tuttavia, un vecchio abitante che viveva nei paraggi ed un altro che egualmente trascorse la sua infanzia nella strada citata, protestarono in merito alla precisione della descrizine fatta, con una lettera a The Daily Telegraph. Il primo, che si firmò "F. M.", scrisse: "Cinquanta anni fa, Camden Town, al pari di altri sobborghi londinesi, era tutto tranne che un villaggio. Bayham Street aveva del verde che lottava con la nuova strada pavimentata. Non c'erano più di circa venti o, al massimo, trenta case di nuova costruzione. Esse erano occupate, al numero 1, dal Signor Lever, il costruttore delle case, al numero 2, dal Signor Engelheart, poi un affermato intagliatore, al numero 3, il Capitano Blake, al numero 4, un pensionato venditore di biancheria di lino, al numero 5, da mio padre e dalla sua famiglia, al numero 6, da un pensionato ex mercante di diamanti, due dei cui figli hanno fatto strada, uno come Artista e l'altro come Autore di "True to the Core", al numero 7, viveva un parrucchiere pensionato, che come tanti qui, era in affitto. In un'altra casa viveva un gioielliere di Regent Street; e così sarei in grado di indicare gli abitanti di questo squallido vicinato. Quando Charles Dickens venne a vivere qui doveva essere circa il 1822 .... Avevo sei anni all'incirca e, secondo l'impressione di bambino, era un villaggio di campagna. Il campo del Signor Lever era alle spalle della fila principale delle case, in cui la raccolta del fieno era apprezzata in questa stagione, ed era, senza dubbio, una bella passeggiata attraverso i campi della Copenhagen House. Camden Road non esisteva. La cassetta del guardiano si trovava alla fine della strada vicino al "Red Cap". Il vecchio Lorimer, che viveva in Queen Street, con giardini ed un campo di fronte ma una fila di case, era l'unico poliziotto. Occasionalmente, furti di articoli nelle "dependances" erano fonte di costernazione, ma il gas non era ancora giunto per illuminare il buio di questo squallido quartiere." Il racconto di cui sopra di Bayham Street e dei suoi abitanti venne integrato da altre due lettere in The Daily Telegraph. Nella prima, firmata "C. L. G.," lo scrivente osservava: "Da bambino ero un visitatore abituale di una della case ora occupate dall'ultimo Signor Holl, ìl noto intagliatore, il padre del Signor Frank Holl, e dell'ultimo William Holl, intagliatori, e del Signor Henry Holl, Attore e Novellista. Il Signor Charles Rolls, un'altro Artista degno di nota, in aggiunta al Signor Engelhart ed al Signor Henry Selous, il Pittore ed al Signor Angelo Selous, l'Attore drammatico, tutti risedevano in Bayham Street". In un'altra lettera, in cui appaiono le iniziali "E. P. H.", è riportato un diverso profilo di Bayham Street. Lo scrivente sottolinea: "Ricordo perfettamente Bayham Street trenta anni fa, e l'ho raggiunta stamattina passeggiando per vedere se potevo trovare traccia a cui il Signor Forster fa riferimento. Entrando la strada da Crowndale Road, mi strofinai leteralmente gli occhi con meraviglia. C'è un pub all'angolo, la cui insegna è "Hope and Anchor". Quando nota l'ultima volta il nome sulla porta era "Barker", ora è "Dickens". Chi dirà che questo non è un mondo di strane coincidenze quando un Dickens viene a Bayham Street per vivere proprio quando al tempo in cui abbiamo testimonianza di un più grande Dickens che si aggirava all'angolo dove si trova quel pub? "F. M." mi sembra essere in errore circa l'essere stata Bayham Street così rispettabile per molti anni. Il blocco di case a cui egli si riferisce si trovava da un capo della strada; poi venivano i campi; e giù in basso, la Old St. Pancras Road, molte piccole case o cottages con giardini di fronte, in uno dei quali presumo abbiano vissuto i genitori di Charles Dickens. Ci sono ancora due case residue, vicino Pratt Street, che io ricordo già vecchie venticinque anni fa". Per raggiungere le case di Bayham Street occorreva attraversare i campi, su cui poi vennero costruite le migliori case di Camden Town. La descrizione fatta dal tardo Charles Dickens di Bayham Street deve essere stata influenzata dalle sue personali privazioni. Nella mappa di Britton del 1834, lo schema generale appare più completo, sebbene le costruzioni appaiano ancora sparse. Camden Town Chapel (poi All Saints' Church) era stata costruita nel 1824. La nuova strada, Camden Road, era stata realizzata ed i terreni a sud i essa, oltre il Regent's Canal, erano già parzialmente edificati. Dopo il 1834, la crescita urbana accellerò. La Church of St. Paul, a Camden Square, venne costruita tra il 1847 ed il 1849, mentre St. Michael, a nord di Camden Road, nel periodo 1880–1881. I residenti alla metà del XIX secolo, ammontavano a 14.987 abitanti. Oltre ad essere attraversata dal Regent's Canal, Camden Town divenne un importante luogo durante il primo sviluppo delle ferrovie. Almeno sino alla metà del XX secolo, Camden Town era considerata una località "fuori moda". Oggi, lo sviluppo industriale è stato sostiutito dal commercio al dettaglio, turismo e svago, compresi i Mercati di Camden, internazionalmente noti, che abbiamo trattato nell'ambito dei Mercati di Londra: Camden Lock Market, Camden Stables Market, Inverness Market, Canal Market. In aggiunta, vi sono siti dedicati alla musica ed alla cultura alternativa.

Camden - Visita guidata

Siamo arrivati, il cartello non lascia dubbi!

Siamo arrivati, il cartello non lascia dubbi!

L'animata Camden High Street

L'animata Camden High Street

Camden Lock? Arrivati!

Camden Lock? Arrivati!

Una delle costruzioni in cui si svolge Camden Lock Market

Una delle costruzioni in cui si svolge Camden Lock Market

Inverness Street Market - Frutta in vendita

Inverness Street Market - Frutta in vendita

Camden Stables Market

Camden Stables Market

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it