www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Kentish Town

Sintesi

Kentish Town è una stazione della metropolitana (Northern Line) ed una stazione ferroviaria (First Capital Connect).

Distanza dal centro: 3,5 miglia.

Attrattiva: assai scarsa, in generale, quella che si è soliti indicare come "atmosfera", è alquanto grigia.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione della metropolitana siete in Kentish Town Road. Andate a destra, superate il ponte sulla ferrovia. All'angolo trovate il pub The Assembly House. Successivamente, la strada sulla destra è Leverton Place, chiusa da Leverton Street, dove trovate il pub Pineapple. Fermatevi un momento, a guardare questo angolino, dove trovate delle casette pittate con colori pastello. Per il resto, andate in giro: troverete il solito contesto suburbano londinese, grigio, grigio assai, con case ad uno e due piani con negozi a livello stradale. Non riusciamo a segnalare nulla di gradevole. A distanza intermedia dalla stazione di Camden Road si trovano due spazi verdi, Cantelowes Gardens e Camden Square Gardens.

Toponimo

Nel corso dei secoli, il nome è rimasto quasi immutato: risulta per la prima volta come "Kentisston" (1208), poi, "Kantistun" (circa 1220), "Kentissetone" (1227), "Kensenton" (1282), "Kentisshetune" (1291), "Le Kentishton" (1294), "Kentissetown" (1301), "Kentyssheton" (1316), "Kentisstown" (1488), "Kentishe Towne" (1535). Dibattuto ed incerta è l'origine del nome e, conseguentemente, del significato da attribuirgli. Potrebbe derivare da "Ken-ditch", che significa "Letto di un corso d'acqua", corrispondente al Fiume Fleet, che un tempo attraversava l'area. In tale ottica, l'originario insediamento doveva insistere lungo tale Fiume, che oggi scorre sotterraneo. Si potrebbe obiettare che non c'è bisogno di complicarsi la vita, visto che la spiegazione più semplice ed ovvia è quella di "Tenuta (o fattoria) di una persona del Kent (o che aveva proprietà in tale Contea). E non è così, visto che vi è anche una terza teoria, secondo cui il nome deriverebbe da un'alterazione del nome "Cantilupe" degli originari proprietari dell'area, una Famiglia di grande importanza al tempo del Re Giovanni Senza Terra (che regnò dal 1199 al 1216), Enrico III (che regnò dal 1216 al 1272) ed Eduardo I (che regnò dal 1272 al 1307). Walter de Cantilupe fu Vescovo di Worcester, dal 1236 al 1266, e Thomas de Cantilupe fu Vescovo di Hereford dal 1275 al 1282. Il Casato poi si estinse. Per cui, se tale terza visione è corretta, il sito si ricollegherebbe al Manor nella "Hundred of Ossulston" (che copriva Camden, Hackney, Hammersmith & Fulham, Islington, Kensington & Chelsea, Tower Hamlets, City of Westminster) noto come " Kantelowes" o "Kentelowes", che sembra anche essere stato chiamato talvolta "Kentestown", "Kenedge Town", " Kauntelows". Tale terza opzione sarebbe anche confortata dall'esistenza dei Cantelowes Gardens ricordati in precedenza.

Storia

Se mancano elementi che inducano a ritenere una frequentazione remota dell'area di Kentish Town, relativamente alla sua più antica storia medioevale, due sono le affermazioni ricorrenti: 1. Kentish Town sarebbe stata menzionata nel Domesday Book (1086) come "Cantelows" o "Kennistotune"; 2. Kentish Town sarebbe stata un Manor dei Canonici di San Paolo. La prima affermazione è errata, dato che, come abbiamo controllato, né di "Cantelows", né di "Kennistotune" si ritrova traccia nel Domesday Book, anche se, ancora oggi, tra Kentish Town e Camden Road vi siano dei giardini detti Cantelowes Gardens. Relativamente alla seconda affermazione, occorre partire dalla constatazione che Kentish Town era un borgo nella Parish of St. Pancras originato dal taglio della foresta del Middlesex. Nel (Great) Domesday Book, alla voce Middlesex (Folio 128r/, 1-7, 44), si legge che "ad Sanctum Pancratii tenent canonici Sancti Pauli quatuor hidas", "Hoc Mauerium (= Manor) fuit et est in dominio Sancti Pauli",""Ad Sanctum Pancratium tenet Walterus canonicus Sancti Pauli i. hidam", "Hsec terra jacuit et jacet in dominio ecclesie  Sancti Pauli." Quindi, le terre circostanti la Chiesa di San Pancrazio afferivano a San Paolo ed erano tenute dai Canonici di quella Chiesa. Il Manor suindicato rientrava nel Dominio di San Paolo. E' possibile, quindi, ed con ciò verifichiamo la seconda affermazione, che l'attuale Kentish Town rientrasse nel Manor of St Pancras, ma occorre osservare che nel Domesday Book si ritrova menzione di altri due Manors anche fatti rientrare generalmente nei confini della Parish of St Pancras, entrambi appartenenti ai Canonici di San Paolo: il primo, "Totehele" dovrebbe corrispondere all'attuale Tottenhall o Tottenham Court, mentre il secondo nome Rugemere, non trova alcun riscontro nell'attuale nomenclatura del Distretto. Mentre è da escludere che, come alcuni ipotizzano, l'insediamento sia nato attorno a St Pancras Church o addirittura originariamente, St Pancras e Kentish Town coincidessero. Al più, potrebbe essere che l'insediamento originario fosse una striscia lungo la strada per Highgate e col passare dei secoli si sia sviluppato in direzione nord sino all'attuale ubicazione. Pertanto, chiudendo tutto questo "cappello" introduttivo, il toponimo "Kentisston" citato nel 1208, fa supporre l'esistenza di un aggregato di case a tale epoca, al tempo del Re Giovanni Senza Terra, da cui possiamo ritenere inizi la storia medioevale di questo sito, che divenne famoso nel tempo per le sue fattorie, campi di fieno ed acque limpide. Sir John Betjeman, celebre Poeta inglese (1906 - 1984), nella poesia "Parliament Hill Fields" cita "the curious Anglo-Norman Parish Church of Kentish Town", cioè, la curiosa Parish Church Anglo-Normanna di Kentish Town. A Kentish Town, William Bruges, "Garter King-at-Arms" (posizione araldica più elevata nel Regno Unito), durante il regno di Enrico V (che regnò dal 1413 al 1422), aveva una casa di campagna, dove ospitò, Sigismondo, Imperatore del Sacro Romano Impero (dal 1433 al 1437) e Re di Germania dal 1411, quando questi visitò l'Inghilterra, per promuovere negoziati di pace con la Francia. Non è certo, ma sembra che nel 1456, gli abitanti di Kentish Town ottennero la costruzione di una Cappella di servizio. Infatti, al tempo di Elisabetta I (che regnò dal 1558 al 1603) non era descritta come struttura di recente costruzione. Tale Cappella si trovava sul sito poi noto come Old Chapel Row. Nel 1600, John Norden riferisce di una Cappella di servizio esistente nel villaggio, dato che trattando della Old Parish Church, scrive: "Persone del borgo di Kennistonne ora (= 1600) ed allora (= in precedenza) la visitano ma non spesso, "having a chapele of their owne.", cioè disponevano di una propria Cappella. A partire dal 1783, la Cappella di servizio venne ricostruita in mattoni, ma in un sito più elevato, su progetto di Wyatt, in un periodo scuro per l'architettura delle Chiesa, ma comunque che ha reso più adatta per la celebrazione, dato che venne ampliata verso il 1850, ed alterata allo stile precedente su progetto del Signor Bartholomew. Le strade erano insicure, nei secoli XVII e XVIII, per la presenza dei briganti, nei tempi più antichi, soprattutto quando calavano le tenebre, come si deduce dalle tristi notizie pubblicate dai giornali nella metà del XVIII secolo: come si legge su "The London Courant" dell'8 agosto 1751, la notte di domenica 5 agosto precedente, il Signor Rainsforth e sua sorella, di Clare Street, Clare Market, mentre tornavano a casa attraversando Kentish Town, verso le otto di sera, vennero attaccati da tre briganti e dopo essere stati brutalmente percossi, il Signor Rainsforth, venne depredato del suo orologio e dei soldi. Pochi anni più tardi, una vicenda simile viene raccontata ne "The Morning Chronicle" del 9 gennaio 1773, che riporta come la notte di martedì dei delinquenti avevano attaccato un mezzo di trasporto e privato i passeggeri di danaro, orologi e fibbie. Nella fretta, avevano dimenticato di frugare tra le tasche del Signor Corbyn, il droghiere, ma questi, contento di ricevere lo stesso trattamento dei suoi sventurati vicini, chiamò uno dei furfanti, dicendogli: "Fermati, amico, hai dimenticato di prendere il mio danaro!". A seguito di questi e tanti altri eventi simili, gli abitanti del Distretto adottarono alcune misure di prevenzione, come risulta da alcuni annunzi nei giornali: "Gli abitanti di Kentish Town, e di altri luoghi tra lì e Londra, hanno deciso di fare delle offerte volontarie per avere il sostegno di guardie o ronde che proteggessero i viandanti da e verso ciascun luogo durante la stagione invernale (cioè) da domani .... come segue - Una protezione di due uomini, bene armati, inizierà domani alle sei di sera, da Mr. Lander's, The Bull a Kentish Town, e da lì a Mr. Gould's, The Coach and Horses, che fronteggia il cancello del Foundling Hospital, in Red Lion Street, London; ed alle sette, tornerà da lì dietro a The Bull; alle otte, inizierà ancora da The Bull a The Coach and Horses, alle nove tornerà di nuovo da lì a The Bull; e continuerà così per ogni sera durante la detta stagione invernale, dai quali luoghi, alle suindicate ore, tutti i passeggeri saranno scortati senza che debbano pagare alcunché.". Kentish Town divenne anche famosa per quelli che cercavano una casa di campagna vicino a Londra. L'Antiquario William Stukely fu uno dei tanti a trovare qui un ritiro rurale nella metà del XVIII secolo, durante il quale l'area ospitò una grande costruzione di legno, Assembly Rooms, ubicata in un angolo della strada, dove nelle notti di gala era radiante di luce, che riflettevano la sua brillantezza giù lungo l'intera strada. sale da ballo alla moda, dove si tenevano balli regolari. Da questo punto di vista, non era dissimile da Hampstead. A lato della strada che fronteggiava l'Old Assembly Rooms, c'era un albero di olmo, sotto i cui rami c'era una tavola ovale coperta da una lastra di marmo, sui cui bordi si leggeva la seguente iscrizione: "Posuit A.D. 1725 in Memoriam Sanitatis Restauratæ Robertus Wright, Gent." Tale albero venne colpito da un fulmine nel 1849. Un vecchio edificio importante di Kentish Town era Emanuel Hospital, destinato all'accoglienza dei ciechi. L'edificio venne comprato da un certo Signor Lowe, che era uno dei più attivi promotori della carità e che fece ogni possibile sforzo per raccogliere offerte. Venne incaricato di gestire la progettazione e raccogliere le sottoscrizioni che arrivarono abbondanti. Egli assicurò la struttura per 4.000 sterline. Dopo di che, l'edificio andò distrutto in un incendio nel 1779. La causa non fu un incidente ed i sospetti andarono concentrandosi sul Signor Lowe, il quale, prima di essere assicurato alla giustizia, si suicidò ingerendo del veleno. Kentish Town, descritta nel 1784 da William Thornton in "The New, Complete, and Universal History, Description, and Survey of the Cities of London and Westminster ...", appare piacevole e ricca: "un villaggio sulla strada per Highgate, dove, di estate, la gente fitta camere ammobiliate, soprattutto quelli affetti da tubercolosi ed altre malattie". Qualche decennio più tardi, nel 1804, in ""Select Views of London and its Environs," pubblicato da S. Gosnell, Little Queen Street - Holborn, è descritto come un "villaggio molto decoroso tra Highgate e Londra, che contiene diverse belle case, e particolarmente un sito costruito da Gregory Bateman, inteso come una specie di miniatura della Wanstead House, nell'Essex." All'inizio del XIX secolo, la Cappella venne convertita in Holy Trinity Church. Nel dicembre 1813, il Principe Reggente, sulla sua strada per recarsi a visitare il Marchese di Salisbury, a Hatfield House, Herts, il Principe fu costretto a tornare a Carlton House, poiché uno dei suoi battistrada, a causa della fitta nebbia, era caduto in un fosso all'ingresso di Kentish Town, che a quel tempo non aveva l'illuminazione pubblica. Nel 1830, esisteva ancora una taverna denominata Mother Red Cap, che ai tempi di Oliver Cromwell era temuta dai viaggiatori, essendo il luogo maledetto a Kentish Town, dove "Moll Cut-Purse" la celebre brigante, soleva smontare da cavallo e sostare. Nel 1833, si tenevano delle corse a Kentish Town. I particolari, descritti da "The Daily Postboy", vennero riportati da Samuel Palmer, in "History of St. Pancras." Tali corse attraevano più spettatori di Epsom, ma poi non più. C'era anche un circolo che si chiamava "The Corporation of Kentish Town". Nel 1841, la popolazione di Kentish Town superava le 10.000 unità. Poco prima della metà del XIX secolo, Kentish Town era ancora per metà rurale, con una comunità di Artisti ed Intagliatori. Ma tra gli anni ' 40 e '50, ampie zone di campagna vennero utilizzate per la ferrovia, con due stazioni, più quelle di poco al di fuori dei suoi confini, oltre a tram, vetture che la collegavano a Fleet Street, il West End, Charing Cross ed altre zone di Londra. La popolarità del sito venne anche favorita dall'elogio dell'aria salubre e dell'acqua pulita che ne fece un dottore, definendo Kentish Town "La Montpelier dell'Inghilterra", tanto che ci andò a vivere, mentre, al contrario, Mary Shelley, la condannò come un "odioso acquitrino". Il più celebre residente di Kentish Town fu, comunque, Karl Marx, che, dal 1856, visse al numero 46 di Grafton Terrace (più vicina alla stazione della Overground di Kentish Town West). Comunque entro la parte centrale della seconda metà del XIX secolo, ormai, il sito era completamente urbanizzato. La stazione della metropolitana aprì a South Kentish Town (che chiuse, senza essere più riaperta, nel giugno 1924) e Kentish Town nel 1907. Nel 1912, su progetto dell'Architetto Earnest Charles Shearman, venne costruita e consacrata la Church of St. Silas the Martyr, che divenne nel dicembre di quell'anno "Parish". Durante la prima parte del XX secolo, alcune parti del Distretto divennero cadenti e, nei primi anni '30, il Council fece abbattere un primo settore di edifici diruti. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, vennero avanzati profondi programmi di ricostruzione, anche se, di fatto, vennero attuati solo dei tenui cambiamenti e solo dal 1960, la classe media iniziò a riscoprire Kentish Town. Non vi sono resti visibili di edifici risalenti a prima del XVIII secolo, mentre nella parte residenziale sopravvivono edifici della metà del XIX secolo, molto ammirati dal punto di vista architettonico. Kentish Town ha totalmente perso il suo carattere rurale, come pure il Fiume Fleet, che un tempo lo attraversava. Dal punto di vista socio-demografico, i residenti sono un misto di colletti blu e giovani professionisti, oltre hce alcuni proprietari benestanti di case vittoriane ristrutturate.

Camden - Visita guidata

Guadate in alto nei pressi della metropolitana: siete a Kentish Town!

Guadate in alto nei pressi della metropolitana: siete a Kentish Town!

Oltre al ponte sulla ferrovia, di cui a destra si vede il muro, di fronte vedete il pub The Assembly House

Oltre al ponte sulla ferrovia, di cui a destra si vede il muro, di fronte vedete il pub The Assembly House

All'angolo tra Leverton Place e Leverton Street, trovate delle casette di color pastello

All'angolo tra Leverton Place e Leverton Street, trovate delle casette di color pastello

Casette color pastello a Leverton Street

Casette color pastello a Leverton Street

Kentish Town Road

Kentish Town Road

Solito contesto suburbano londinese

Solito contesto suburbano londinese

Solito contesto suburbano londinese

Solito contesto suburbano londinese

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it