www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Sanderstead

Sintesi

Sanderstead è una stazione ferroviaria che serve un'area frequentata sin dalla Preistoria. Essa è molto prossima alla stazione di Purley Oaks.

Distanza dal centro: 12 miglia.

Attrattiva: accettabile, se vi piace il verde e la tranquillità. Trattasi di una delle tante aree suburbane londinesi con tali caratteristiche.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Parallelamente ai binari, scorrono due stradine, per cui, uscendo dalla stazione, se andate verso sud, seguite il tratto in salita di Mayfield Road, per raggiungere quello pianeggiante, con casette tipiche residenziali ad un piano, in una zona alberata. Seguite questa strada verso sud, sino all'incrocio con Heathhurst Road, caratterizzato dal medesimo contesto. Proseguendo ancora nella stessa direzione, a pochi passi, trovate l'incrocio con Sanderstead Road, che se seguite verso nord (destra), vi consente di raggiungere lo spazio verde South Croydon Recreation Ground, dopo aver superato degli edifici con ristoranti.

Toponimo

Il nome dell'area ricorre per la prima volta tra l'871 e l'899 (circa nell'880) come "Sonden stede" in una concessione Anglo-Sassone. Si tratta del testamento di Alfred, Aldermanno (Magistrato a capo di una Contea dell'Inghilterra Anglo-Sassone, al comando dell'esercito della Contea e dei distretti che controllava come rappresentante del Re, in Latino "Dux" o "Praefectus"), che comprende lasciti di 32 unità a Sanderstead e Selsdon nel Surrey, 20 a Westerham nel Kent, 6 a Lingfield e 10 a Horsley, entrambi nel Surrey e 6 a Nettlestead, nel Kent [a sua moglie, a Werburg, e la loro figlia, Alththryth]; di un rendita annuale di 200 pence da una tenuta a Clapham, Surrey [a Chertsey Minster]; di 2 unità a Waddington ed 1 a Gatton, Surrey [a suo figlio, Æthelwald]; di 1 unità a Linkfield in Reigate, Surrey, al suo parente Beorhtsige; di terra a Nettlestead, nel Kent, al suo parente Sigewulf, gravato da una rendita annuale a Christ Church, Canterbury; di terra a Farleigh, nel Kent, gravata da una rendita annuale a Rochester, a Eadred, dopo il tempo di Æthelred, con regresso ai parenti materni di Alfred. A differenza di tante altre concessioni del medesimo tenore, generalmente ritenute false, questa, invece, è ritenuta "genuina", "originale", avanzandosi solo alcune osservazioni in merito all'ortografia, ai nomi usati dei siti del Kent, al linguaggio, al valore della terra, alla formula impiegata nel documento, al lascito a Christ Church, al possesso ereditario. Il testo è in Sassone. Per agevolare la lettura, evidenziamo in neretto gli elementi essenziali ai fini della successiva trattazione: "+ Christus Ic Elfred dux hatu writan 7 cyðan an ðissum gewrite Elfrede regi 7 allum his weotum 7 geweotan 7 ec swylce minum megum 7 minum gefeorum þa men þe ic mines erfes 7 mines boclondes seolest onn ðet is þonne Werburg min wif 7 uncer gemene b[earn] þæt is þonne et erestan an Sonden stede 7 on Selesdune .xxxii. hida 7 on Westarham xx hida 7 on Cloppaham .xxx. hida 7 on Leangafelda vi. hida 7 on Horsalege .x. hida 7 on Netelam\styde/ .vi. hida Ic Elfred dux sello Werburge 7 Alhdryðe uncum gemenum bearne æfter minum dege þas lond mid cwice erfe 7 mid earðe 7 mid allum ðingum ðe to londum belimpað 7 twa þusendu swina ic heom sello mid þem londum gif hio[t] hio gehaldeð mid þare clennisse þe uncer word gecweodu seondan 7 hio gebrenge et sancte Petre min twa wergeld gif þet Godes willa seo þet heo þæt fereld age Ond efter Werburge dege seo Alhðryðe þa lond unbefliten on Sondem styde 7 on Selesdune 7 on Leangafelda Ond gif heo bearn hebbe feo ðet bearn to ðem londum efter hire Gif heo bearn nebbe feo ðonne an hire rehtfederen sio neste hond to þem londe ond to ðem erfe 7 swa hwylc minra fedrenmega swa ðet sio þæt hine to ðan gehagige þæt he þa oðoro lond begeotan mege 7 wille þonne gebygcge he þa lond et hire mid halfe weorðe Ond swe hwylc mon swa ðet sio þet ðes londes bruce ofer minne deg on Cloppaham þanne geselle he .cc. peninga eghwylce gere to Ceortesege for Elfredes sawle to feormfultume Ond ic sello Eðelwalde minum sunu .iii. hida boclondes .ii. hida on Hwetedune [an]es hides an Gatatune 7 him sello þerto .c. swina 7 gif se cyning him geunnan wille þes folclondes to ðem boclonde þonne hebbe he 7 bruce Gif hit þet ne sio þonne selle hio him swa hwaðer swa hio wille swa ðet lond an Horsalege swa ðet an Leangafelda On\d/ ic sello Berhtsige minum mege an hide boclondes on Lencanfelda 7 þerto .c. swina 7 geselle hio .c. swina to Cristes cirican for me 7 fer mine sawle 7 .c. to Ceortesege 7 þone oferecan mon gedele gind mynsterhamas to Godes ciricum in Suþregum 7 in Cent þa hwile þe hio lestan willen Ond ic sello Sigewulfe minum mege ofer Werburge deg þet lond an Netelhæmstyde Ond Sigulf geselle of ðem londe .c. peninga to Cristes cirican Ond eghwylc þara erfewearda þe efter him to ðem londe foe þonne ageofen hio þa ilcan elmessan to Cristes cirican for Elfredes sawle þa hwile þe fulwiht sio 7 hit man on ðem londe begeotan mege Ond ic sello Eadrede minum mege þet lond on Fearnlege efter Eðelredes dege gif he hit to him geearnian wile 7 he geselle of ðem londe .xxx. omb[ras] cornes eghwelce gere to Hrofescestre Ond sio ðis lond gewriten 7 unbefliten efter Eadredes dege in Aelfredes rehtmeodrencynn ða hwile þe fulwihte sio on Angelcynnes ealonde Ðeos foresprec 7 þas gewriotu þe herbeufan awreotene stondað ic Ælfred willio 7 wille þæt hio sion soðfestlice forðweard getrymed me 7 minum erfeweardum Gif ðet ðonne God ællmehtig geteod habbe ond me þet on lene gelið þet me gesibbra erfeweard forðcymeð wepnedhades 7 acenned weorðeð ðanne ann ic ðem ofer minne deg alles mines erfes to brucenne swa him leofust sio . And swa hwylc mon swa ðas God 7 þas geofe 7 þas gewrioto 7 þas word mid rehte haldan wille ond gelestan gehalde hine heofones cyning in þissum life ondwardum 7 eac swa in þem towardan life . ond swa hwylc mon swa hio wonie 7 breoce gewonie him God almahtig his weorldare ond ea\c/ swa his sawle are in eona eonum.
+ Her sindon ðæra manna naman awritene ðe ðeosse wisan geweotan sindon.
+ Ic Æðered arcebiscop mid ðære halgan Cristes rode tacne ðæs word 7 ðas wisan festnie 7 write.
+ Ælfred dux
+ Beorhtuulf dux
+ Beornhelm ab’
+ Earduulf ab’
+ Wærburg
+ Sigfreð pr’
+ Beonheah pr’
+ Beagstan pr’
+ Wulfheah
+ Æðelwulf pr’
+ Earduulf pr’
+ Beornoð diac’
+ Wealdhelm diac’
+ Wine subdia’c
+ Sæfreð.
+ Ceolmund minister
+ Eadmund minister
+ Eadwald minister
+ Siguulf minister"
.

Successivamente, si legge "Sandestede" (1086, Domesday Book), "Sanderstede" (1221), "Saundrestede" (1276). Incerto è il significato del termine, facendosi discendere alternativamente la sua origine dalle parole dell'Old English "sanden" (aggettivo, sabbioso) + "stede" (luogo, sito, località; casa o fondazione religiosa; luogo di attività comune; fattoria, caseificio, tenuta), oppure delle parole dell'Old English "Sand" (= Sabbia, identico in Inglese moderno) + hām-stede (fattoria, abitazione), per cui andrebbe tradotto, probabilmente, come "Posto sabbioso", ma forse, "fattoria sabbiosa" (in riferimento al terreno sabbioso, che concorda con la natura del terreno).

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da William Dugdale in "Monasticon Anglicanum, or, The history of the ancient abbies, and other monasteries, hospitals, cathedral and collegiate churches in England and Wales. With divers French, Irish, and Scotch monasteries formerly relating to England" (1693); da Walter de Gray Birch in "Cartularium Saxonicum: a collection of charters relating to Anglo-Saxon history" (1885-1899); si leggono in "A Topographical Dictionary of England" (1848), alla voce "Sanderstead (All Saints), pagine 11-15; "City of London Livery Companies Commission. Report; Volume 4" (1884), alle voci "City of London Livery Companies Commission, 'Report on the Charities of the Fishmongers' Company: Part I'" (pagine 223-249), "City of London Livery Companies Commission, 'Report on the Charities of the Fishmongers' Company: Part II'" (pagine 249-263), "City of London Livery Companies Commission, 'Charitable accounts of the Fishmongers' Company" (pagine 275-283); in "Calendar of Papal Registers Relating To Great Britain and Ireland: Volume 2, 1305-1342" (1895), alla voce "Regesta 52: 1305-1306" (pagine. 1-15), punto 3; in "Petitions to the Pope 1342-1419" (1896), alla voce "Volume XXI: 10 Clement VI" (pagine 208-227), punto 222; in "Calendar of Papal Registers Relating To Great Britain and Ireland: Volume 3, 1342-1362" (1897), alle voci "Regesta 209: 1351-1352" (pagine 429-444), punti 431 e 446, "Regesta 210: 1351-1352" (pagine 444-447); sono fornite da George Clinch in "Prehistoric Man in the Neighbourhood of the Kent and Surrey Border: Neolithic Age (1899, Journal of the Anthropological Institute of Great Britain And Ireland- Vol. 29) pagine 127-129; si leggono in "The Victoria history of the county of Surrey Volume 1" (1902); in "A History of the County of Hampshire: Volume 2" (1903), alla voce "Houses of Benedictine monks: New Minster, or the Abbey of Hyde" (pagine 116-122); sono fornite da William Dendy in "The History and Antiquities of the Parish of Sanderstead in the County of Surrey" (1905-1907, 1908-1911); si leggono in "A History of the County of Surrey: Volume 4" (1912), alle voci "The hundred of Wallington: Introduction and map" (pagina 163), "Croydon: Borough, manors, churches and charities" (pagine 217-228), "Parishes: Sanderstead" (pagine 237-243), "Parishes: Lingfield" (pagine 302-311), "Parishes: Warlingham" (pagine 334-338); sono fornte da A. E. Stamp - E. Salisbury - E. G. Atkinson - J. J. O'Reilly in "Calendar of Inquisitions Post Mortem: Volume 10, Edward III" (1921), alla voce "Inquisitions Post Mortem, Edward III, File 134" (pagine 259-274); si leggono in "Calendar of Treasury Books, Volume 8, 1685-1689" (1923), alla voce "Entry Book: May 1687, 1-10" (pagine 1338-1356); in "Calendar of Treasury Books, Volume 14, 1698-1699" (1934), alla voce "Appendix" (pagine 419-427), punto 419; sono fornite da Cyril Flower - M. C. B. Dawes - A. C. Wood in "Calendar of Inquisitions Post Mortem: Series 2, Volume 3, Henry VII" (1955), alle voci "Inquisitions Post Mortem, Henry VII, Entries 451-500" (pagine 273-297) e "Inquisitions Post Mortem, Henry VII, Appendix I: 1122-1171" (pagine 562-586); si leggono in "A History of the County of Surrey: Volume 2" (1967), alla voce "House of Cluniac monks: Abbey of Bermondsey" (pagine 64-77); sono fornite da Jonathan Mackman - Matthew Stevens in "Court of Common Pleas: the National Archives, Cp40 1399-1500" (London, 2010), alla voce "CP40/799: Michaelmas term 1460"; da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010) e "A Dictionary of British Place Names" (2011); si leggono in "An Extract from "Village Histories 3. Sanderstead" (14 ottobre 2011, The Bourne Society); in "Sanderstead Plantation history" (Croydon Council); in "History of the Sanderstead Residents' Association" (Sanderstead Residents' Association); in "Sanderstead" (surreyinthegreatwar); sono fonnite da "joanbones" in "Sanderstead" (14 agosto 2004, BBC WW2 People's War); si leggono in "Sanderstead Pond history" (Croydon Council); in "Sanderstead - A concise history" (The Bourne Society), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica legga alcuni libri pubblicati da "The Bourne Society": Joy Gadsby "Sanderstead - Village Histories no 3."; Joy Gadsby "If Stones Could Speak - History from Sanderstead Churchyard"; Brian Roote "Sanderstead Servicemen and Civilians who died in Two World Wars"; Harley Sherlock "Villagers - Five Shillings".

1. Eventi storici di rilievo

Per agevolare la lettura, distinguiamo la trattazione in paragrafi:

1.1 Preistoria

Sanderstead è ricco di resti antichi. Nel 1958‐1960, il Gruppo Archeologico di Sanderstead, scavando in prossimità dello Stagno, trovò tracce della presenza umana risalenti al Meseolitico, circa 12.000 anni fa. Nel nord della Parish, a Croham Hurst (ad 1,4 miglia ad est della stazione di Sanderstead), su una collina boscosa, i cui terreni vennero acquistati dalle Autorità di Coydon per essere destintati a spazio aperto, furono rinvenuti dei cerchi di capanne, che George Clinch (op. cit.) ascrisse al Neolitico, descrivendole, testualmente e figurativamente, a seguito di attente indagini compiute nel Surrey (in cui allora ricadeva quest'area) e nel Kent. Abbiamo ritenuto interessante quanto scrisse a suo tempo, per cui, riteniamo opportuno stralciare alcuni passi. Egli, in più siti aveva trovato "un gran numero di depressioni circolari che sembravano essere state una volta i pavimenti delle capanne". Nel 1886, estese le sue ricerche e notò "fosse simili per molti aspetti a queste ..... a Croham Hurst .... nel Surrey. Tutte erano associate a schegge, scaglie e nuclei di selce, apparentemente di Età Neolitica, ma al di là di ciò, vi erano poche prove positive sul periodo a cui le abitazioni, se fossero state tali, si sarebbero potute attribuire." Inoltre, " .... la necessità di un riparo durante il maltempo deve essere stata avvertita dagli abitanti del luogo durante il Neolitico. Sembrò che valesse la pena, perciò, cercare tracce di antiche dimore sotto il riparo di pendii così ripidi che si potevano trovare con un aspetto meridionale o sud-occidentale. Croham Hurst, un tratto straordinariamente bello di terreno boschivo situato a circa un miglio a sud di Croydon, offriva proprio quelle condizioni di riparo dai venti freddi e dalle tempeste di neve dell'inverno che sarebbero state ricercate come luoghi di dimora da uomini e donne Neolitici ....". L'Autore continua: "I siti scavati a Croham Hurst, che sono io incline a ritenere fossero occupati come dimore in Epoca Neolitica, sono di due tipi, cioè, (1) Depressioni grandi, circolari o quasi circolari, alla superficie da 8 metri a 17 metri di diametro e da 60 centimetri a 1-6 metri di profondità. Esse sono situate suo vicino alla cresta della collina. (2) Depressioni simili alle precedenti, ma meno profonde e più piccole, e spesso ricorrenti in coppia a circa metà strada lungo il ripido pendio della collina. Sparse in abbondanza intorno a queste fosse ci sono numerosi fiocchi, frammenti e nuclei di selce, ma la spessa copertura di foglie morte e altri materiali vegetali rende estremamente difficile esaminare la superficie del terreno. Durante un certo numero di esami sulla superficie ho trovato verso l'alto un centinaio di frammenti di selce, ognuno dei quali è stato scheggiato con uno scopo preciso, ma in quasi tutti i casi, sono tali da essere privati dai noduli di selce in preparazione per o nel processo di fabbricazione di attrezzi e scaglie. Sono stati trovati pochi fiocchi perfettamente rifiniti, ma abbastanza per mostrare che gli attrezzi ben fatti sono stati prodotti qui, e questi, è quasi certo, possono ancora essere trovati, se cercati, tra il materiale che è rotolato giù per il ripido lato della collina. Nel marzo 1899, grazie all'autorizzazione del Governatore della Fondazione Whitgift, quattrdo di queste depressioni circolari vennero aperte con risultati che, sebbene debbano essere descritti come generalmente neutri, in alcuna maniera militato contro la teoria della loro Età Neolitica. In un grande fosso situato vicino alla cima della collina e misurante 17-5 metri ad est ed ovest, 15 metri . nord e sud e profondi 1-6 metri, ho scavato alcuni fori sperimentali dai quali è emerso che c'era uno strato di torba compatta di 30 centimetri di spessore, sotto la quale risultavano ciottoli. La terra che era stata rimossa da questa depressione era stata apparentemente depositata intorno ad essa come un tumulo a cerchio, ma questo tumulo era diventato molto appiattito a causa degli agenti atmosferici e per altre cause. Il deposito di torba, 30 centimetri, spesso, indica un'antichità considerevole, poiché questo tipo di torba non si forma rapidamente e la fossa non si trovava in una posizione particolarmente buona per ricevere o trattenere grandi quantità di materia vegetale. Gli scavi nelle depressioni sul fianco della collina tesero a mostrare che c'era una certa quantità di materiale portato giù dalla sovrastante collina per varie cause. Ciò non è notevole quando si ricorda il ripido versante meridionale di Croham Hurst. Tuttavia, lo scavo ha rivelato un deposito di torba, 20 centimetri spessa sul fondo della fossa sotto il materiale tirato giù. Per quanto sono stato in grado di indagare sulla questione al momento, la prova principale dell'Età Neolitica di queste fosse si trova nei fiocchi di selce, nelle schegge e nei nuclei che sono associati a loro, e quando si ricorda che, su Croham Hurst, non vi è naturalmente selce (pietra focaia) adatta allo scopo di produrre gli attrezzi su Croham Hurst, la loro presenza qui ha un significato maggiore di quello che altrimenti sarebbe il caso. Questo significato è aumentato dal fatto che quasi ogni frammento di selce di gesso trovato su Croham Hurst è stato lavorato ed ha una superficie antica e liscia. Inoltre, possiamo notare che i campi arati adiacenti (sulla cui superficie si trovano naturalmente le selci) sono fittamente disseminati di scaglie e altre evidenze del lavoro Neolitico. Così, anche se le capanne, come quelle di Hayes Common, hanno conservato a malapena qualsiasi altra indicazione del loro scopo e della loro età eccetto la loro forma generale, il loro tumulo a cerchio ed il loro spesso deposito di torba, i fiocchi associati e le schegge di selce sembrano dimostrare in modo abbastanza definitivo che Croham Hurst fu occupato dall'uomo durante il Neolitico, e la forma delle depressioni offre una forte presunzione che fossero i pavimenti delle capanne in cui egli dimorava.".

1.2 Romani

Nel 1958‐1960, il Gruppo Archeologico di Sanderstead, scavando in prossimità dello Stagno, trovò frammenti di ceramica databili tra i 100 ed il 1300.

1.3 Sassoni

Nel 1884, mentre si iniziava a realizzare degli edifici a Sanderstead, a est di Croydon Road, sei o sette scheletri furono portati alla luce in uno spazio di 40 piedi quadrati, a circa 300 metri a sud della stazione ferroviaria; ma i resti erano dispersi e nessuna osservazione competente è stata fatta fino a una settimana dopo, quando altre cinque tombe sulla linea della nuova strada in costruzione furono scoperte ed esaminate dal Garraway Rice, FSA, il quale acconsentì gentilmente che venisse redatto un racconto dalle sue note e dalle mappe degli scavi. Le tombe trovate in questa occasione erano situate sul pendio della collina, e erano profonde da 18 pollici a 2 piedi, tagliate nel gesso solido, che era coperto solo da circa 9 pollici di terreno. I corpi erano stati posati a tutta lunghezza, con le braccia distese ai lati, e tutti erano posizionati con la testa verso ovest. Tuttavia, le tombe, benché orientate allo stesso modo, erano collocate in modo irregolare; e poiché molte erano state precedentemente trovate nel centro della carreggiata di 50 piedi, è probabile che i limiti del cimitero non fossero stati raggiunti. Nonostante un'attenta ricerca fosse fatta delle reliquie, solo tre articoli furono recuperati. Alla testa della prima tomba aperta fu trovato un piccolo vaso di ceramica di struttura ruvida e di un colore grigio scuro, pur mostrando un rosso opaco dove era rotto. Esso misurava 3 pollici e mezzo di lunghezza e 3 pollici e mezzo nel punto più largo, con l'apertura in alto, che era senza becco, essendo di 2 pollici e mezzo di diametro. Come quelli rinvenuti a Croydon e Leatherhead, tali questo aso non era fatto a mano, e sotto questo aspetto ricorda quasi tutta la ceramica trovata nelle tombe Pagane del periodo Anglo-Sassone. Un rozzo vaso non decorato sarebbe rimasto di data incerta, se la sua scoperta non fosse stata seguita da quella di due piccoli coltelli di ferro in sepolcri separati. Questi sono raramente assenti dalle tombe Anglo-Sassoni, ed erano apparentemente portati da persone da entrambi i sessi per scopi domestici e generali. Sempre presso lo Stagno, nella medesima occasione del 1958-1960, i citato Gruppo Archeologico di Sanderstead tgrovò anche una fascia di bronzo di Epoca Sassone.

1.4 Normanni

Sanderstead faceva parte della Hundred di "Waletone" (Wallington) nell'ambito della Contea del Surrey, unitamente ad Addington, Chaldon, Coulsdon, Croydon, Beddington, Woodmansterne, Carshalton, Cheam, Mitcham, Morden and Sutton (che ancora comparivano come Parishes di questa Hundred nel 1831). Al tempo del Domesday Book (1086), la popolazione totale di "Sandestede" era pari a 26 nuclei familiari (dato ampio), di cui 21 nel Villaggio, 1 nei cottages, 4 di servi. Le unità tassabili erano 18 (dato ampio). Vi era terra per 10 aratri, con 1 gruppo di lavoro del Lord ed 8 di uomini liberi, boschi per nutrire 30 maiali. Il valore per il Lord era 5 sterline (1066), 7 sterline (circa 1070), 12 sterline (1086). Nel 1066, il Lord del Manor era l'Abbazia di San Pietro dio Hyde a Winchester, che lo era anche nel 1086, quando era anche "Tenant-en-chief".

1.5 Chiesa di "All Saints"

Sulla sommità di una ripida collina, dove insiste anche il Villaggio di Sanderstead, su pregresse fondazioni, la Chiesa attuale fu iniziata verso il 1230, sebbene alcuni intagli di ascia sulle pietre all'estremità orientale della navata settentrionale suggeriscano una data precedente. Leggerete successivamente, nel paragrafo dedicato al Manor di Sanderstead, che adiacente al Sagrato, sul lato meridionale ed orientale, ma diviso da una siepe di alta siepe, si trovavano i terreni di Sanderstead Court. La parte più antica della struttura è l'arco orientale sul lato settentrionale, con un mezzo pilastro attaccato ad un muro ed il primo pilastro. La baia orientale del corridoio meridionale seguì verso il 1250. Nel 1291, la Chiesa viene citata per la prima volta nella "Taxatio Ecclesiastica Angliae et Walliae Auctoritate" di Papa Niccolo IV. Il diritto di nomina del Rettore (advowson) apparteneva, unitamente al Manor di Sanderstead, all'Abbazia di San Pietro di Hyde a Winchester (a cui rimase sino alla sua soppressione nel 1538). Verso il 1310, vennero aggiunte le due baie occidentali su entrambi i lati, creando un'arcata di tre archi per entrambi i corridoi, il che suggerisce che la navata originale potrebbe avere avuto il suo muro occidentale un poco ad ovest della seconda colonna da est, dando una lunghezza di circa 28 piedi e mostrando un'estensione di circa 15 piedi 6 pollici verso ovest per l'intero edificio. Molto singolarmente, tuttavia, sembra che questa estensione non sia stata eseguita prima che fosse pianificato un ulteriore cambiamento, che prevedeva il blocco parziale dell'arco occidentale su entrambi i lati. Ciò fu causato dall'erezione della torre; e parte degli archi, insieme con il mezzo pilastro occidentale attaccato al muro, delle arcate della navata può essere rilevata costruita nella massa di muratura che forma le spalle dell'arco alto della torre. Al principio del XVI secolo, venne inserita una nuova finestra nel corridoio settentrionale. Altri lavori vennero effettuati nei secoli seguenti.

1.6 XIII secolo

Diversi riferimenti ricorrono in merito a terreni ubicati nella parte periferica di Croydon chiamata Selsdon. Nel 1285, quattro case residenziali, 100 acri di terra, 7 ettari di bosco e 11s. 11d. di affitto a Sanderstead e Selsdon furono attribuiti a Robert de Wallington e sua moglie Isabel. 

1.7 XIV secolo

Nel Calendario dei Registri Papali relativo alla Gran Bretagna ed Irlanda, in corrispondenza della data del 5 dicembre 1305, si legge che Reginald de Sancto Austolo, Prete, della Diocesi di Exeter, viene dispensato dal ricevere i frutti della Chiesa di Abbots Anne, sebbene non residente, per lo scopo di studio, avendo rassegnato le dimissioni dalla Chiesa di "Sanderstede", nella Diocesi di Winchester, che in precedena teneva per dispensa, per illegittimità, come figlio di un commesso in Odini Minori, con il permesso di accettare un altro beneficio al suo posto. Il 5 settembre viene accolta una petizione rivolta al Papa Clemente VI, con cui Peter Hatter altrimenti detto "de Croyndon", Rettore di "Saundrested" nel Surrey, nella Diocesi di Winchester, viene dispensato da tenere un beneficio addizionale per la cura delle anime; inoltre, gli si riserva un beneficio, di 25 marchi con la cura delle anime, o 18 senza, in dono dell'Arcivescovo, Priore e Capitolo di Canterbury, con dispensa di mantenere la detta Canonica, quindi, viene autorizzato a rassegnare le dimissioni e cambiare sede.

1.8 XV secolo

Nel periodo di San Michele del 1460, si ha una causa nei Tribunali di diritto comune, in cui Thomas Broke, assistito dall'Avvocato Philip Squery, cita in giudizio John Walker, difeso dall'Avvocato John Aleyn. Thomas Broke afferma che il 1 marzo 1453, a Sanderstead, fu assunto da John Walker per servirlo sia in allevamento che anche nell'acquisto e nella vendita di mercanzie ed altre cose, per un periodo di 6 anni con uno stipendio di 100s. all'anno, pagabili egualmente alla Natività di San Giovanni Battista e Natale. Nononstante lo avesse servito bene e fedelmente per quel periodo, John Walker non aveva pagato le 30 sterline dovutei a lui per questo servizio. Inoltre, lo stesso 1 marzo 1453, John Walker aveva acquistato da lui 200 grandi vasi di legno chiamati chiglia per 10 sterline, pagabili a richiesta, ma John Walker non aveva pagato ciò, né le altre 30 sterline, per cui, stimava il danno patito in 40 marchi. Il convenuto in giudizio, John Walker, si difese asserendo che non doveva a Thomas Broke quanto da questi reclamato. La causa fu aggiornata, se non abbiamo errato ad interpretare, una prima volta, all'Ottava di "Hillary" (11-31 gennaio), una seconda volta, dato che lo Sceriffo non aveva inviato un suo scritto, al Quindicesimo di Pasqua del 1461. Il 17 giugno 1461, Thomas Broke richiese un mandato allo Sceriffo del Surrey affinché convocasse nuovamente John Walker ed avere una giuria, cosa che fu concessa in corrispondenza dell'Ottava della Festa di San Michele 1461. Pare che, comunque, ancora una volta, lo Sceriffo mancò di inviare uno scritto, per cui, sembra di capire che vi fu un ulteriore rinvio di un mese. Non risulta come finì la causa.

1.9 XVI secolo

Il 22 marzo del Ventiduesimo Anno del Regno di Enrico VII (1485-1509), morì Thomas Elmebrigge, con erede sua figlia Anne Elmebrigge, di più di un anno e mezzo. Abbiamo individuato due inquisition post-motem: 1. 28 luglio del Ventiduesimo Anno del Regno di Enrico VII: nei suoi possedimenti nel Surrey, rientravano anche gli immobili indicati al punto successivo, che, perciò, evitiamo di ripetere; 2. 25 giugno del Ventitreesimo Anno del Regno di Enrico VII: nei suoi possedimenti nel Surrey, rientravano anche 17 acri di bosco che copriva, tra l'altro, anche parte di "Sanderstede". I terreni ivi ubicati erano tenuti per l'Abate di San Pietro di Hyde a Winchester, a canone di 20s.. Nel complesso, Sanderstede, Addington, il Manor di Crowham ed altre terre valevano 11 sterilne.

1.10 XVII secolo

Nel 1676, Selsdon Park era in possesso di Christopher Bowyer, che fu sepolto nel Cimitero di Sanderstead; Egli sembra essere morto nel 1711, ma l'anno è omesso nei registri. Aubrey lo descrive come "una persona generosa ed ospitale". Il 9 maggio 1687, nei Registri del Tesoro, si legge di una comunicazione fatta dai Tesorieri al Signor Sheppard, "Ministro" di Sanderstead, nel Surrey: "Le è stato frequentemente richiesto il resoconto del danaro racolto nella Vostra Parish nel 1680 per la Redenzione dei prigionieri ...; ma Lei rifiuta ancora di dare un tale resoconto per iscritto, come ha fatto il resto del Clero, il che ci dà ottimi motivi per credere che il denaro sia nelle sue mani e che Lei voglia nascondere lo stesso con grande pregiudizio dei poveri prigionieri. Lei dovrà immediatamente inviarne un resoconto al Signor Middleton, che è incaricato da noi per questa faccenda.". Nel Calendario dei Registri del Tesoro, il 24 marzo 1698-1699, viene riportato l'affitto annuale della cittadina di "Saunderstead", pari a £0 10d. 0s., in riferimento a canoni di fattorie da passare al Conte del Dorset. Il Gruppo Archeologico di Sandestead, nel 1958-1960, scavando nelle vicinanze dello Stagno di Sanderstead, trovò tracce di una casa-rifugio del XVII secolo.

1.11 XVIII secolo

L'area intorno allo stagno e alla Chiesa costituiva, un tempo, il Villaggio di Sanderstead, finché nel 1799, lo spazio verde del Villaggio fu aggiunto al Parco del Manor, processo di recinzione che andò avanti a Sanderstead nei secoli XVII, XVIII e XIX.

1.12 XIX secolo

Nei documenti di "The Worshipful Company of Fishmongers" (o Fishmongers' Company) nella City of London, si trovano diversi riferimenti a Sanderstead. Il 21 marzo 1881, a favore degli Amministratori civili di Sanderstead, vi fu la destinazione di una somma da parte della Signora Anne Allott, che, il 9 luglio 1841, compare nella relazione del Maestro della Compagnia, in cui vengono riportati le date ed i particolari di lasciti di 34 dotazioni, tra cui, rilevante ai fini di questa pagina è quello operato testamentariamente (non è nota la data del testamento) dalla citata Signora: innanzitutto, vi è la donazione di 100 sterline alla Compagnia, affinché effettui prestiti a due uomini liberi della Compagnia che commercino in pesce, e che paghino 4 sterine annue per lo stesso. Inoltre, il testamento prevede di destinare a nove poveri che vivono di elemosina e vivono nel piccolo Ospizio di Church Street, la somma di 3 sterline, da essere equamente distribuita e pagata tra di loro, nella misura ciascuno di 6s. 8d., il 23 marzo; nonché di pagare, nei tempi che precedono, il Parroco e gli Amministratori civili della Parish di Sanderstead, nella detta Contea del Surrey, la somma di 20 s., che deve essere concessa e distribuita ogni anno per riparare e modificare la Chiesa Parrocchiale di Sanderstead, per la loro supervisione, a cui ci si riferisce con la suddetta volontà della detta Signora Anne Allott, e qualora i detti 20 s. annui dovressero essere convertiti a qualsiasi altro uso o uso diverso dalla riparazione della detta Chiesa, che i detti 20 s. annui cesseranno per l'anno successivo e saranno pagati e divisi equamente tra i poveri che abitano nel piccolo Ospizio sovraindicato, e, di tanto in tanto, sarà ritirato dalla suddetta Parish di Sanderstead tutte le volte che dovessero trascurare il loro impiego. per l'uso previsto, a condizione che il Parroco e gli Amministratori civili della Chiesa siano diffidati da Lui o Loro che avevano la supervisione delle riparazioni come suindicato per riparare la suddetta Chiesa entro un anno, dopo di ché, se non dovessero eseguirlo e farlo, allora detti 20 s. andranno distributie ai poveri del piccolo Ospizio suddetto. Nel 1848, "A Topographical Dictionary of England" descriveva Sanderstead (All Saints) come segue: "a parish, in the union of Croydon, First division of the hundred of Wallington, E. division of Surrey, 3 miles (S. S. E.) from Croydon; containing 264 inhabitants. The parish is pleasantly situated, and is intersected by the London and Brighton railway. It comprises by measurement 2195 acres, of which 310 are meadow and pasture, 270 woodland, and the remainder arable. The living is a rectory, valued in the king's books at £7; patron, A. D. Wigsell, Esq.: the tithes have been commuted for £456, and the glebe consists of 19 acres. The church is an ancient edifice, with a low tower surmounted by a spire, and contains some interesting details; the chancel was nearly rebuilt in 1832, at the expense of the Rev. J. Courtney. Purley House, here, was the residence of John Home Tooke, author of the treatise on English Grammar, called from that circumstance The Diversions of Purley.". Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Sanderstead, allora nella Contea del Surrey, come segue: "a parish, with a village, in Croydon district, Surrey; 1¾ mile E by N of Caterham Junction r. station, and 3 S S E of Croydon. It has apillar-box under Croydon. Acres, 2, 245. Real property, £2, 483. Pop., 206. Houses, 41. S. Court is the seat of A. D. Wigsell, Esq. Purley House wasoccupied by Horne Tooke, when he wrote his " Diversions of Purley; " and is now the residence of J. ... H. Smith, Esq. The living is a rectory in the diocese of Winchester. Value, £500.* Patron, A. D. Wigsell, Esq. The church was recently restored, and has a spire. There are a parochial school, and charities £11.". Nel 1875, venne costruita la Scuola elementare pubblica, per 75 bambini. Vi erano anche delle Scuole private. L'inizio della trasformazione di Sanderstead da una zona rurale ad un sobborgo londinese dsi ricollega all'apertura da parte della "London, Brighton and South Coast Railway", il 10 marzo 1884, della stazione di Sanderstead, sulla linea Croydon-East Grinstead, realizzata nel 1882. Esistendo già le stazioni di South Croydon e Purley Oaks, l'unico nome verosimile per la stazione fu "Sanderstead". Tuttavia, per raggiungere il villaggio occorreva percorrere un miglio a piedi su Sanderstead Hill. Nel 1887, l'Imperial Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Sanderstead come segue: "par. and vil. with ry. sta., Surrey, 3 miles SE. of Croydon, 2268 ac., pop. 382; near the vil. is Sanderstead Court, seat.". Particolarmente rigida fu l'invernata 1894-1895, quando la superifice dello Stagno congelò a partire da Natale 1894, mantenendosi sino al marzo 1895. Durante queste circa 10 settimane, la superificie ghiacciata venne usata dai ragazzi delle fattorie circostanti per scivolare sullo Stagno.

1.13 XX secolo

Dal 1905, la vita nella sezione settentrionale della Parish mutò in fretta con "case di qualità per le classi medie" che vennero realizzate lungo Mayfield Road, Heathhurst Road, Sanderstead Road a Sanderstead Hill, e dopo tale sito, esistevano solo terreni agricoli. La crescita della popolazione a nord della Parish determinò la nascita di una nuova zona commerciale nei pressi della stazione di Sanderstead, che divenne di gran lunga più importante di Kensington Place. Naturalmente, non tutti i Negozianti ebbero la stessa sorte. Alfred Lye, al numero 1 all'estremità settentrionale della serie di negozi, aprì nel 1901, aprendo un sub-ufficio l'anno successivo. Sembra che gli affari gli andarono bene sin dall'inizio, continuando l'attività sino al 1927, riuscendo a gestire anche un'attività di Fruttivendolo dal 1912 al 1920, al numero 3. Altri Negozianti del periodo iniziale, furono meno fortunati, tanto che la maggior parte dei negozi cambio titolarità più volte durante i loro primi anni di attività, sebbene nella maggior parte dei casi, l'attività svolta nei locali fosse la medesima. Addirittura, il Pescivendolo che operava al numero 5, pare essere cambiato ben sei volte tra il 1908 e il 1921, con Harrison & Co. in alternanza con Arthur Ramkin. Al contrario, tra quelli che ebbero maggiore fortuna, vi fu Alex Oswald, che iniziò la sua attività di conducente di carretti a due ruote trainato da cavalli (precursore del tassista) in Glossop Road nel 1909 ed aprì un ufficio nel numero 8 di nuova costruzione nel 1911. Nel 1913, si autodefiniva "Proprietario di una carrozza" e continuò ad operare da quell'ufficio sino a circa il 1930. Uno degli sviluppi più importanti, che può essere considerato come l'indice della costituzione di Station Parade e Station Approach come significativa area d'affari e commerciale, fu l'apertura, nel 1911, di una filiale della "London Joint Stock Bank" al numero 9. Attraverso fusioni, la Banca divenne in seguito "London Joint Stock & Midland Bank" e, successivamente, il 1925, "Midland Bank" (la sede continuò sino agli anni '80). Nel 1930, la seconda banca, Barclays, aprì in Station Parade ai numeri 12 e 13. Al tempo della Prima Guerra Mondiale, il modello di proprietà si era stabilizzato e nel 1916 James Relf aprì il suo vivaio a Purley Oaks Road, più vicino alla stazione che al vecchio villaggio. Nel 1921, fu aperto il primo garage, il "Sanderstead Motor Works", di proprietà di G. S. Vellacott, siituato in Sanderstead Road, appena a sud dell'incrocio con Broomhall Road (ha cambiato proprietà, ma l'attività è la stessa). Nel 1928, tre altri piccoli negozi furono costruiti in Station Approach. Nel 1930, furono costruiti due piccoli negozi in St Mary's Road, il primo occupato da una lavanderia a secco. Il secondo, nel 1932, fu la prima base di allestitori sportivi di Dick Townley, che si trasferì nel 1934 a Station Approach, e più tardi a Cranleigh Parade, dove è ancora in essere. Oltre alle attività di cui avete letto, comparvero anche altri Professionisti, tra cui quelli legati all'espansione edilizia. Nel 1902, l'Architetto H. R. Houchin, aprì degli uffici nei pressi della stazione, in Sanderstead Road, anche se soltanto temporaneamente. Nel 1905, l'Ingegnere Elettrico A. Wunderlich, si trasferì in Mayfield Road, dove operò anche l'Architetto E. B. Trigg. Nel 1910, l'Ingegnere James E. Tuke, si spostò al numero 18 di Mayfield Road. Inoltre, negli anni '20 del XX secolo, diversi Avvocati si trasferirono nella Parish. La Sanderstead antecedente allo scoppio della Prima Guerra Mondiale (1914) era molto differente dall'attuale. Il Villaggio era circondato da sette fattorie appartenenti alla Famiglia Atwood, Lord del Manor dal 1600 al 1919, che visse presso Sanderstead Court, abbattuta nel 1957, dopo essere stata danneggiata da un incendio. I lavoratori delle fattorie vivevano in cottages, così che la popolazione rimase limitata a circa 300 persone, che vivevano in meno di 100 case. Nel 1912, nel Villaggio di Sanderstead, c'erano pochi vecchi cottages e la vecchia Canonica, che risaliva al 1680. Sempre nel 1912, sebbene la Parish non fosse intensamente edificata come Coulsdon, esisteva, comunque, un significativo numero di villa, come pure di grandi case. Al principio della Prima Guerra Mondiale, Sanderstead era un villaggio ed una Parish rurale con una popolazione, nel 1911, di 2.813 persone. L'area, pur disponendo di tutti i servizi, banca, albergo, farmacia, panetteria, pescherie, negozi alimentari e magazzini generali, mancava un pub; inoltre, le attività ricreative erano molto ben tenute, dato che a Sanderstead vi erano "The Carlton Lawn Tennis and Croquet Club", "Heathhurst Lawn Tennis Club", "Purley Downs Golf Club", "The Purley Oaks Tennis", "Bowling & Croquet Club". L'area era ancora sufficientemente rurale per avere Contadini, un Fabbro e un Carradore (produceva o riparava le ruote di legno). Nel 1921, venne introdotto il servizio di torpedone (autobus) per raggiungere la stazione. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, Sanderstead fu colpito da 56 bombe tedesche altamente esplosive. Un interessante racconto su tale periodo di bombardamenti si trova sul sito della BBC (v. rif.), dove si legge di una residente in cima ad una collina di Sanderstead, che allevava qualche gallina nel suo giardino, data la scarsità di uova in quel periodo. Nonostante le bombe volassero basse dirette verso il centro di Londra, solo occasionalmente cadevano su Sanderstead, per cui, la cosa non spaventò i pennuti, che continuarono a produrre le uova. Nel 1958-1960, la Fox Farm fu sviluppata per l'edilizia abitativa, con negozi ad Elmfield Way ed una Scuola.

1.14 XXI secolo

Residua ancora il vecchio Stagno, sebbene non sembri così idilliaco come venne raffigurato nel 1918 da Alfred Reid. Esso, quasi certemante, non è alimentato da una sorgente, ma dall'acqua piovana e venne scavato centinaia di anni fa per abbevarare bestiame e viaggiatori, tra cui, molti Pellegrini lungo la strada verso Canterbury, che si fermavano presso la Parish Church di Croydon, e viaggiavano lungo Pilgrims Way, Croham Hurst. Da quanto scritto, si comprende come il livello del'l'acqua sia fluttuante durante l'anno, ed il graduale aumento del limo e della vegetazione aggravano anche il problema. Pertanto, lo stagno viene pulito regolarmente e la spazzatura, alcune varietà di piante acquatiche e di limo vengono rimosse.

2.1 Manor di Sanderstead

Già sapete che sia alla fine dell'Epoca Sassone (1066), che durante la Dominazione Normanna (1086), Lord del Manor era l'Abbazia di San Pietro di Hyde a Winchester. Aggiungiamo che essa venne fondata nel 901 da Eduardo Il Vecchio (che regnò dall'899 al 924), per rispettare il desiderio di suo padre, il Re Alfredo Il Grande (che regnò dall'871 all'899). Volendo essere pignoli, più esattamente e lungamente, si trattava dell'Abbazia di "The Holy Trinity, the Blessed Virgin Mary, and St. Peter of the New Minster", cioè, "della Santissima Trinità, della Beata Vergine Maria, e San Pietro della nuova Cattedrale". La prima concessione di Eduardo Il Vecchio previde la dedica solo all'Onore della Santissima trinità, ma la seconda dedica fu quella che abbiamo riportato. Va aggiunto che, successivamente, compare una dedica all'Onore di "St. Saviour and St. Grimbald". Fatta questa premessa definitoria, va ulteriormente chiarito che un Cartolario dell'Abbazia citata riporta la donazione di 6 unità di terra a Lingfield fattale da Ethelflæd, moglie del Re Edgardo Il Pacifico (che regnò dal 959 al 975) e madre di Edward Il Martire (che regnò dal 975 al 978). Poichè tra i possedimenti dell'Abbazia nel 1086 non rientrano tali 6 unità, forse, a quel tempo, furono considerate pertinenti a Sanderstead, con cui Lingfield è associato nel testamento del "Dux Ælfred" citato nel "Toponimo" e con il quale fu conferito all'Abbazia da Ethelflæd; nel Surrey, non erano rare queste tipologie di associazione di una tenuta sul bosco con un'altra su un terreno più secco e più abitato. I Manors di Sanderstead e di Warlingham erano contigui ed il loro confine mal definito portò a molte liti tra l'Abate di San Pietro di Hyde a Winchester ed il Priore di Bermondsey, che era Lord dei Manors adiacenti. Nel 1272, al principio del Regno di Eduardo I (1272-1307), iniziò una causa che si protrasse a lungo tra i due sovracitati Religiosi per definire la divisione delle terre e, quindi, i confini tra le terre del Priorato a Warlingham e quelle dell'Abate a Sanderstead: il Priore di Bermondsey lamentò che il suo vicino si era appropriato di 16 acri di terra in un sito ed 1 rood e mezzo in un altro. L'Abate di San Pietro di Hyde a Winchester, che aveva richiesto di essere esonerato dall'apparire in giudizio, essendo malato e non in grado di alzarsi dal letto (tecnicamente, "essoin de malo lecti") nella causa contro John, Priore di Bermondsey davanti ai Giudici secondo l'ultima lettera del Re, chiese di essere autorizzato ad alzarsi, cosa che fu concessa perché il Re morì (20 novembre 1272) prima che l'Abate fosse visitato secondo le consuetudini (la visita al malato era effettuata da una commissione di quattro Cavalieri), ed anche perché John (Priore di Bermondsey) era diventato Priore di Wenlock ed un altro era stato messo al suo posto come Priore, il qale, al principo del successivo 1273 ottenne una licenza per attraversare il mare sino alla Festa di San Michele, e nominò Ralph de Derby un Monaco di Bermondsey e William Godyn come suoi0 Procuratori in giudizio. La disputa era ancora in atto nel gennaio 1275, quando l'Abate di San Pietro di Hyde a Winchester nominò dei rappresentanti nella causa davanti al Re contro Henry, Priore di Bermondsey, Walter le Bailif de Warlingham, William Atteful di Warlingham ed altri, in giudizio per violazione dei confini, che, allora, non erano definiti. Nel seguente 1276, l'Abate di San Pietro di Hyde a Winchester citò in giudizio il Priore di di Bermondsey per aver posto una forca all'interno del suo Manor di Sanderstead, mentre il citato Priore sosteneva che fosse all'interno del suo Manor di Warlingham. Nel 1277-1278, la perdita diritti civili di Adam de Stratton, al quale il Convento aveva trasmesso molte terre, portò a molte petizioni al Parlamento dopo la restaurazione della proprietà al Priorato di Bermondsey dagli Inquilini della parte sfrattata e dal suo fratello Henry de Stratton, che chiese la restituzione di un titolo ad una pensione di 40 s. fatto a lui dal Priore e Convento di Bermondsey, che era stato incluso tra i documenti di suo fratello presi in custodia dal Re al momento della sua espulsione. Nel 1291, nella Taxatio Ecclesiastica Angliae et Walliae Auctoritate di Papa Niccolo IV, il Manor di Sanderstead fu valutato £16 2s 3¾d. e nel medesimo anno, le sue terre vennero aumentate dalla concessione di 1 "carucate" di terra da John de la Sale. (Latino Medioevale "carrūcāta"o "carūcāta", corrispondente approssimativamente al terreno coltivabile da un gruppo di lavoro di un aratro trainato da otto buoi in una stagione agricola; la sua estensione era pari, normalmente a 120 acri = 49 ettari, ed equivale a certe definizioni della "unità", anche se la sua dimensione varò nel tempo ed in funzione della fertilità del suolo). Nel 1310, l'Abate concesse una rendita dal Manor di Sandestead al Maestro Jordan Morant. Nel 1339, Richard Woodstock pagò 5 marchi per l'autorizzazione del Re a mantenere il Manor di Sanderstead. L'Abate ed il Convento sembrano aver lasciato sempre fittato il Manor per brevi periodi di tempo; nel 1323-1324, ricevettero la licenza di affittarlo con relative pertinenze, ad eccezione del diritto di nomina del Rettore (advowson), a Walter Bishop di Exeter per dieci anni a un canone annuale di 20 sterline. Nel 1348, essi lo fittarono ad usi agricoli a Nicholas e Thomas de Chynham, che si rifiutarono di pagare il quindicesimo di lana, che oltre al decimo, era stato concesso dal popolo dell'Inghilterra al Re, affermando che le terre della Chiesa erano soggette solo alle decime. In riferimento alla connessione di Sanderstead con il sovraindicato Lingfield, abbiamo individuato una inquisition post-mortem relativa a Robert de Dool o de Dole, tenutasi a "Lyngefeld" il 2 giugno del Trentesimo Anno del Regno di Eduardo III (1327-1377), quindi, 1367. In essa si legge, relativamente al Surrey, che, tra l'altro, il de cuius possedeva a Lyngefeld, 7 acri di terreni agricoli, 8 acri di bosco, e 33 s. di canone da liberi Affittuari che non erano tenuti ad adempimenti nelle Corti, tenute per l'Abate di San Pietro di Hyde a Winchester, per servizio di tenere cause presso la Corte di "Saundrestede" del detto Abate alla Festa di Sant'Andrea. Sanderstead continuò ad essere proprietà dell'Abbazia di San Pietro di Hyde a Winchester sino al 1538, quando l'Abate, alla soppressione del Monastero, dovette cederla ad Enrico VIII. Il seguente 1539, Enrico VIII concesse il Manor di Sanderstead a John Gresham  (Sindaco di Londra nel 1537) e rinnovò la concessione a canone nel 1545. Nel 1546, Egli venne nominato Cavaliere, e prima della sua morte, dieci anni dopo, destinò testamentariamente la Tenuta a sua moglie Katherine, a vita, con regresso al suo terzo figlio Edmund ed ai suoi eredi maschi. Edmund morì nel 1586, lasciando il Manor di Sanderstead per testamento a suo figlio Richard e suoi eredi. Nel 1590–1911, Richard lo vendette a John Ownsted (Sergente delle Carrozze della Regina Elisabetta I, secondo l'iscrizione sulla sua tomba nella Chiesa di Sanderstead; la Famiglia Ownsted e quella Atwood, che le successe appaiono nei paraggi sin dal 1370) e sua moglie Joan. Nel 1600, John Ownsted morì possedendo il Manor di Sanderstead. Non avendo figli, attribuì Sanderstead a sua moglie Margaret, a vita. Dopo la morte di Lei, sua sorella Anne Knepp e Joyce Holloway ne avrebbero dovuto avere 1/3 e suo cugino Harman Atwood i 2/3. Nel 1618, Harman Atwood aveva acquistato le frazioni (metà) di 1/3 dalle sorelle di John Ownsted o dai loro eredi e nel 1653 morì posssedendo il tutto. Gli successe il suo quarto figlio, Harman, che morì nel febbraio del 1676-1677. Sanderstead rimase alla Famiglia Atwood sino al 1759, quando John Atwood morì senza figli, traferendolo a sua moglie a vita, con regresso a suo nipote Thomas Wigsell, un Avvocato di New Inn, a Londra, che morì nel 1778. La Tenuta divenne, a turno, proprietà dei suoi nipoti Atwood Wigsell e del Reverendo Thomas Wigsell e di sua nipote Susannah, che morirono tutti senza figli, e nel 1807 andò ad Atwood Wigsell Taylor, che ha assunse il nome di Wigsell. Egli morì nel 1821 e gli successe suo figlio il Colonnello Wigsell, che morì dopo il 1880. Il suo successore fu il capitano F. Wigsell Arkwright, che morì verso il 1902. Nel 1912, Lord del Manor era E. F. Wigsell Arkwright.

2.2 Manor House

Gli Abati di San Pietro di Hyde a Winchester sembra che abbiano avuto una grangia collegata al Manor di Sanderstead, che venne abbattuta alla soppressione del Monastero (1538). Dai resti del pozzo si ricavava che attingesse acqua a 350 piedi di profondità. Con i materiali di risulta, venne realizzata la Manor House, chiamata "Sanderstead Place", e forse, sul sito della grangia, che si trovava a sud-est di Sanderstead Court. La citata Manor House venne abbattuta verso il 1800. La successiva Manor House, chamata "Sanderstead Court", fu ricostruita da Harman Atwood, che fece incidere lesue iniziali e stemma sulla porta d'ingresso. Egli morì il 16 febbraio 1676-1617, e deve averla ricostruita entro un anno dalla sua morte. Esisteva una pregressa casa, dato che la Famiglia Atwood fu descritta come di Sanderstead Court nel 1586 (monumento funerario di Nicholas Atwood nella Chiesa; Joan Ownsted fu descritta di Sanderstead Court sul suo monumento nel 1587). La casa conteneva una grande sala risalente al XVI secolo, ma decorata nel XVIII secolo. Aveva due piani e colonne scanalate con capitelli corinzi. Degni di nota erano i camini, con mattoni modellati. All'incirca al principio del XX secolo, si diceva che fosse stata scoperta una camera segreta dietro il camino del salone. Tuttavia, era parzialmente chiusa e potrebbe essere stata nient'altro che la nicchia di un grande camino aperto. C'è una stanza chiamata "La stanza della Regina", in cui si dice che la Regina Elisabetta I abbia dormito, ma era dubbio che la stanza fose di una data così remota.

2.3 Lymes Place

Quando Sir John Gresham era Lord del Manor di Sanderstead (1545-1556), John Comport possedeva per Lui una dimora residenziale, una casa colonica, un terreno ed uno di 18 acri con pertinenze a Sanderstead. Egli chiese che Sir John Gresham acconsentisse a che tali beni andassero per 20 anni a Robert Mellish, e così fu, a patto che il ricevente erigesse a sue spese una nuova casa su tali siti. In una inquisition post-mortem tenuta nel 1627 risultò che Robert Mellish possedeva alla sua morte una villa chiamata "Lymes Place" a Sanderstead (tale Robert Mellish sembra essere il figlio di John Mellish ed essere nato nel 1573; probabilmente, era nipote del primo Robert). Suo figlio Henry Mellish, un Mercante col Levante, morì nel 1677. Lasciò due figli, George e John, dei quali George morì a 22 anni, nel 1603, ed una figlia Mary, la moglie di Walter Hampton, che ebbe figli. Henry St. John fu l'unico Gentiluomo residente tornato alla visita del 1725. Lui ed Henry St. John, figlio di Henry St. John, furono battezzati a Sanderstead nel 1716, si sposò nel 1746, e fu seppellito lì nel 1773, e potrebbe aver vissuto a Lymes Place.

Croydon - Visita guidata

La stazione di Sanderstead

La stazione di Sanderstead

Il tratto iniziale in salita di Mayfield Road

Il tratto iniziale in salita di Mayfield Road

Mayfield Road

Mayfield Road

Heathhurst Road

Heathhurst Road

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it