www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Sutton

Sintesi

Sutton è una stazione ferroviaria che serve un'area, un tempo, facente parte del Manor omonimo appartenente all'Abbazia Benedettina di Chertsey. Sino all'arrivo della ferrovia, nella metà del XIX secolo, l'attuale London Borough of Sutton era formato da una serie di piccoli villaggi e terre coltivabili: fu la ferrovia a portare la vivacità degli affari, ad indurre la costruzione di case, a favorire la prosperità.

Distanza dal centro: 12,2 miglia.

Attrattiva: scarsa. Ogni volta che veniamo a Sutton, non riusciamo a trovare serie motivazioni che giustifichino una visita turistica, salvo che non vi sia una ragione specifica per giungere qui.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, seguite High Street, con discreto movimento di persone, lungo cui vedete costruzioni variegate, tradizionali e moderne. Incrociate Cheam Road girando a sinistra e poi subito a destra per entrare in St. Nicolas Way, al cui lato vedete Trinity Church. Proseguite e raggiungerete Gibson Road, dove si fronteggiano gli edifici dei Civic Offices (The London Borough of Sutton) e Central Library con St Nicolas Church. Di qui, a poche centinaia di metri, trovate Manor Park.

Toponimo

La prima possibile ricorrenza del nome dell'area dovrebbe apparire nel 675 come "Suþtone" (ripreso in un documento postumo del XIII secolo), quando il Manor di Sutton fu concesso all'Abate di Chertsey da Frithwald, "Subregulus" (Governatore) del Surrey (alcune Fonti riportano il nome come "Suthtone" o "Sudtana". L'Abbazia Benedettina di Chertsey, fondata nel 666, che si trovava nei pressi del Tamigi, nel Surrey nord-occidentale. A tale periodo, esattamente tra il 666 ed il 675 della conferma fatta da Wulfhere, Re di Mercia, alla Chiesa di San Pietro dell'Abbazia di Chertsey, della concessione fatta da Frithuwold, "Subregulus" (Governatore del Surrey) e da Eorcenwold. All'inizio abbiamo usato il condizionale, dato che la concessione è unanimemente ritenuta falsa e basata sul testo di una successiva concessione a favore di Chertsey, anch'essa ritenuta falsa. Il testo è in Latino (abbiamo evidenziato in neretto la parte che riteniamo rilevante): "+ Regnante domino nostro Jhesu Christo in perpetuum . Ego Wlfarius rex Mercianorum . largiente domino et omnibus sanctis ejus omnes terras quas Fritheuualdus subregulus et beatus Erkenuualdus Ecclesiæ sancti Petri Certeseye dederunt æternaliter confirmo . et præcipio in nomine sanctæ et individuæ trinitatis ut omnes supranominatæ terræ æternaliter sint liberæ ab omni jugo terrenæ servitutis . necnon et hoc præcipio in nomine Dei omnipotentis et omnium sanctorum ejus quod nullus Rex aut episcopus vel aliquis alius potens sit tam audax ut huius meæ confirmacionis condictum confringere præsumat . Si quis vero hanc confirmacionem adaugere voluerit adaugeat ei Deus præmium in regno cælorum. Si quis autem minuerit minuatur merces ejus hic et in regno Dei nisi prius cum satisfactione digna emendaverit. Amen.". Di questo periodo è un'altra lunga concessione del 1 marzo 672-674, sempre da parte di Frithuwold, ad Eorcenwold e San Pietro di Chertsey, che evitiamo di riportare, dato che, manca esplicitamente, come nel caso precedente, il nome dell'area di cui stiamo discorrendo. Nel luglio 678, il Vescovo Eorcenwold concede e conferma ai Monaci di Chertsey privilegi e terre, ma, non abbiamo trovato la loro indicazione speficifica. Finalmente, la prima volta riusciamo a leggerla effettivamente è nel 727, quando Frithuwold, "Subregulus" (Governatore) del Surrey, ed Eorcenwold, alla Chiesa di Chertsey concedono diverse unità (mansae) di cui 30 a Sutton. Come in tante altre concessioni Medioevali, vengono avanzati dubbi in merito alla sua autenticità, viene ritenuta falsa, in parte modellata sulla precedente concessione, si avanzano dubbi in merito alla forma dei nomi utilizzata, anche se si osserva che potrebbe avere elementi valore storico, probabilmente formulata in Epoca Anglo-Sassone, forse, la concessione fu scritta per rimpiazzare un documento andato smarrito. Il testo è in Latino (abbiamo evidenziato in neretto la parte che riteniamo rilevante): "Hæc est carta Fritheuualdi et Earkenuualdi fundatorum Monasterii quod nuncupatur Certeseig, id est insula Cirotis . [I]n nomine domini Dei salvatoris nostris Jhesu Christi . Hanc donationem juris nostri ego Fritheuualdus subregulus provinciæ Surrianorum una cum venerabili patre Erkenuualdo propria voluntate sana mente integroque consilio ad libertatem uniuscujusque rei concedimus et de nostro jure in monasterium quod nuncupatur Certeseg transcribimus ad augendum idem monasterium quod primo sub Rege Egberto constructum est . Hæc est enim reliqua villularum possessio ultra aquam quæ dicitur Waie , quæ ad idem monasterium jure hæreditario et de nostro patrimonio donavimus concessimus et confirmavimus . scilicet . xx . mansas apud Muleseie . x . apud Piterichesham . vii. apud Totinge cum Stretham . vii . apud Micham . xxx . apud Suþtone . x . apud Æuueltone . xx . apud Bedintone . vii . apud Whatindone . xx . apud Curedesdone cum pascuis illuc rite pertinentibus . necnon . xx . apud Mestham . v . apud Chepstede cum Chalvedune . x . apud Benstede cum suþemeresfelda . v . apud þeddewurþe . xx . mansas apud Ebesham . xxx . apud Euuelle cum Cotintone . xx . apud Cegeham cum porcorum pascuis in þanewald . xx . apud Bocham cum Effingeham . xx . apud Coveham cum Pontintone . v . apud Essere cum quinque mansis apud Epse . x . apud Clenedone . et in altera Clenedone . ii . apud Aldeburi . iiiior . apud Comptone . v . apud Henlea . xxx . apud Winchefeld 'cum Elfteham' apud Byflete . viii . mansas cum Weibrugge . x . apud Waltham. Hæc ergo donatio taliter a nobis concessa est et confirmata ut ab omni jugo mundiali sit libera et inviolabilis permaneat. Si quis vero hanc donationem vel libertatem augere voluerit adaugeat omnipotens Deus sibi longævam in hoc sæculo vitam et post finem istius vitæ cælestis regni jocunditatem. Si quis vero, quod non optamus , huius decreti syngrapham infringere temptaverit , aut aliter quam a nobis statutum est mutare studuerit, sit a consorcio æcclesiæ Christi et a collegio sanctorum hic et in futuro segregatus, parsque ejus cum avaris rapacibusque ponatur , ejusque ligamine se sciat esse constrictum cui Christus claves regni cælestis commendans ait. 'Tu es Petrus et super hanc petram ædificabo æcclesiam meam , et tibi dabo claves regni cælorum et quodcunque ligaveris super terram ; erit ligatum et in cælis , et quodcunque solveris super terram ; erit solutum et in cælis.'1 Namque adhuc pro ampliori firmitatis testamento omnimodo præcipimus atque præcipiendo monemus et obsecramus ut maneat ista donacio atque libertas insolubiliter ab omni sæculari servitute exinanita et inconcussa , ut prædiximus , cum omnibus per circuitum ad se rite pertinentibus scilicet . campis . pascuis . pratis . silvis . aquis . stagnis . et rivulis. Idcirco huius donationis et confirmationis munificentiam tam firmiter et immobiliter imperamus observari quia pro hoc ab omnipotenti domino cælestis regni beatitudinem speramus accipere illo largiente cui est honor potestas et imperium per infinita sæculorum sæcula . Amen. Acta est hæc præfata donatio et confirmatio anno dominicæ incarnationis . dcc . xxvii.
Ego Friþeuualdus donator una cum Erkenuualdo subscripsimus. + .
Et ut firmius hæc donatio et confirmatio stabilis fieret a Wlfario Rege Mercianorum hæc cartula confirmata est. Nam et in altare posuit manum suam in villa quæ vocatur Tamu et manu sua propria signo sanctæ crucis subscripsit . + .
Similiter Humfridus episcopus rogatus ab Erkenuualdo manu propria subscripsit . + .
".

Tale Manor  faceva parte delle terre incluse nel presunto dono all'Abbazia di Chertsey del 727, così come in quelle di Athelstan ed Edgar (v. paragrafo dedicato ai "Manors") che confermano la donazione originale. Successivamente, si legge "Suðtone" (1062), "Sudtone" (1086, Domesday Book), "Sudtona" (1155), "Sutton(e)" (1164), "Suthton(a)" (XII secolo, 1174, 1199), "Sutton(e) juxta Kershaltone" (1325). Il nome è diffuso in diverse parti dell'Inghilterra e deriva dalle parole dell'Old English "Sūð" o "Sūth" (meridionale) + "Tūn" (Recinzione, Fattoria, Villaggio, Insediamento). Per cui, significa "Insediamento o fattoria a sud" rispetto a qualcosa, all'Abbazia di Chertsey, a cui Sutton a quel tempo apparteneva. o forse a Mitcham e Morden con cui Sutton era probabilmente in rapporto. Ma poiché potrebbe significare "Recinzione meridionale", dato che nel Surrey, un recinto iniziale era di solito una fattoria, ed a Sutton si riferisce molto probabilmente Oldfields Farm (Farm = Fattoria), sul versante meridionale da Rose Hill a "The Angel". Era un recinto "a sud" perché si trovava a sud della strada Romana Stane Street, che faceva parte del confine settentrionale della Parish di Sutton, ed è ora tracciata dalle moderne strade Stonecot Hill e London Road.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da Daniel Lysons in "The Environs of London: Volume 1, County of Surrey" (1792), alla voce "Sutton" (pagine 492-496); si leggono in "A Topographical Dictionary of England" (1848), alla voce "Sutton (St. Nicholas)", pagine 271-274; in "A History of the County of Surrey: Volume 4" (1912), alle voci "The hundred of Wallington: Introduction and map" (pagine 163) e "Parishes: Sutton" (pagine 243-246); sono fornite da Owen Manning - William Bray in "The History and the Antiquities of the County of Surrey Volume 1" (1804); si leggono in "Sutton, London Borough (formerly in the county of Surrey)" (Bobulous Central); in "Sutton - A brief history" (Sutton Concil); in "Bombing in Sutton Surrey" (threecountiesaction), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga: Charles John Marshall "A history of the old villages of Cheam and Sutton: which, with part of the parish of Cuddington, now form the Borough of Sutton and Cheam" (1936, 1971); Robert P. Smith "A History of Sutton A.D. 675-1960. With a Tribute to Carshalton and Banstead Downs" (1970); Martin Andrew "Around Sutton" (2001); Sara Goodwins "Sutton Past and Present" (2004); Roland Sparkes "Sutton Through Time" (2015).

1. Eventi storici di rilievo

Per agevolare la lettura, suddividiamo la trattazione in paragrafi:

1.1 Preistoria

Non lontano dall'area, a Beddington, vi furono dei ritrovamenti archeologici databili ad oltre 10.000 anni fa. Nel 1981, degli scavi rivelarono ceramica ed utensili dell'Età del Bronzo, nonché un'ascia di pietra del Neolitico. L'area non venne abbandonata, visto che nel I Secolo A.C. è provata la presenza umana.

1.2 Romani

Sempre nella vicina Beddington, si ebbe la priva prova evidente di uno stanziamento con la scoperta di una villa Romana e di terme, effettuata nel 1871. Scavi accurati evidenziarono l'uso della terra durante l'Occupazione Romana. In aggiunta, tracce sul sito dimostrano che fu frequentemente utilizzato dalla fine del I Secolo sino a dentro il IV Secolo.

1.3 Sassoni

Tali nuove popolazioni di stirpe Germanica, stabilendosi in Inghilterra, preferirono dividere il Paese in Parishes quadrate incentrate attorno alla Chiesa, alla Manor House ed al villaggio, con campi coltivati attorno a questi ed i pascoli comuni all'esterno. Poichè gli insediamenti che si svilupparono risultarono troppo vicini tra loro per consentire questa sistemazione, di conseguenza, le Parishes in questa zona furono lunghe e strette, con la Chiesa, il Manor ed il villaggio sempre al centro, ma con i campi coltivati accanto a questi ed i pascoli comuni oltre. Di conseguenza, la Parish di Sutton è lunga circa tre miglia e larga circa un miglio. Sapete che è di questo periodo la prima ricorrenza evidente di "Suþtone", esattamente del 727, come abbiamo spiegato dettagliatamente nel "Toponimo".

1.4 Normanni

"Sudtone" apparteneva alla Hundred di Wallington nell'ambito della Contea del Surrey. La popolazione totale era formata da 27 nuclei familiari (dato ampio), di cui 21 nel Villaggio, 4 nei cottages e 2 di servi della gleba. Le unità tassabili erano 30 (dato ampio). Vi erano terre per 15 aratri, con 2 gruppi di lavoro del Lord e 13 di uomini liberi, 2 acri (8.100 mq) di prati, boschi per nutrire 10 maiali, 2 Chiese. Il valore per il Lord era 20 sterline (1066), 15 sterline (1086). Nel 1066, il Lord del Manor era l'Abbazia Benedettina di San Pietro Chertsey, che lo era anche nel 1086, quando era anche "Tenant-in-chief". Come si vede, la titolarità di Sutton da parte della citata Abbazia era consolidata da secoli.

1.4.1 Le due Chiese

Due Chiese risultano citate nel Domesday Book: prima della Conquista (1066) valevano 20 sterline, a quel tempo (1086) 15 sterline:

  1. Una Chiesa era quasi certamente sul sito dell'attuale Chiesa di St. Nicholas, di fronte alla Biblioteca Centrale (che oggi presenta navata e coro, con campanile, originariamente di legno, poi abbattuto e ricostruito con mattoni). Il diritto di nomina del Rettore (advowson) seguì il Manor senza interruzione sino alla fine del XVIII secolo. Nel 1537, la pensione pagabile all'Abbazia di Chertsey dalla Canonica fu concessa come parte della dotazione della nuova fondazione di Bisham (Berkshire).  
  2. La storia della seconda Chiesa è molto oscura. Si ipotizza che si trovasse ad "Horley in the Weald" (non citato dal Domesday Book, vicino all'attuale Aeroporto di Gatwick), che apparteneva all'Abbazia di Chertsey, e vicino a cui c'erano le 30 unità (mansae) a Thunresfelda (Thundersfield) citate nelle concessioni di Athelstan ed Edgar come annesse a questo Manor. Thundersfield Common era in parte a Horley, in parte a Horne, ma vicino alla Chiesa di Horley, il cui diritto di nomina del Rettore (advowson) apparteneva all'Abbazia di Chertsey da una data sconosciuta.

1.4.2 Configurazione di Sutton

Nonostante questi dati, non si sa praticamente nulla della planimetria di Sutton in quest'epoca, eccettuati i dati già citati relativi alle Chiese. Dovevano anche esserci parecchi granai ed altre costruzioni in cui l'Abbazia incassava le rendite derivanti dai suoi possedimenti. Le case erano in legno ed erano ricoperte da tetti di paglia. Non si sa se a quel tempo le case fossero raccolte in un villaggio attorno alla Chiesa (St. Nicholas), o se, invece, fossero sparse in piccoli casali un poco più lontano in basso verso Wallington Green (v. paragrafo specifico). È anche possibile che il villaggio non esistesse in questa data e che le case fossero disseminate tra piccoli borghi.

1.5 Dopo il Domesday Book sino alla fine del Medioevo

Negli oltre quattro secoli che vano dal Domesday Book (1086) alla fine del Medioevo (1492), quasi nulla è noto di Sutton, anche se dovrebbero essere stati caratterizzati da numerosi eventi: i terreni furono divisi in grandi grandi campi, a loro volta suddivisi in strette strisce. Ciascuno degli Inquilini dell'Abbazia coltivava mais e fagioli su un certo numero di queste strisce, pascolava gli animali sulle terre comuni all'estremità settentrionale della Parish e nelle valli a sud. Il grano veniva macinato in farina nel Mulino dell'Abbazia a Carshalton, poiché i torrenti di Sutton erano troppo piccoli per fornire energia sufficiente.

1.5.1 XIV secolo

Fino al XIX secolo, Sutton fu una Parish nella Hundred di Wallington nella Contea del Surrey, anche se, al tempo di Riccardo II, che regnò dal 1377 al 1399, la Parish era temita a pagare imposte feudali alla Corte della Hundred di Wallington, essendo, probabilmentre, esente per le franchigie accordate ai suoi Lords.

1.6 XVI secolo

Nel 1538, Enrico VIII soprresse l'Abbazia di Chertsey, ed in questo modo, il suo possesso di sette secoli e mezzo di Sutton terminò, per cui, il Manor di Sutton, unitamente ai Manors di Ebisham (Epsom), Coulsdon, e Horley, andarono alla Corona. Nello stesso anno, Enrico VIII li assegnò tutti a Sir Nicholas Carew di Beddington, il quale, però, non ebbe necessità di una casa a Sutton, per cui, il Villaggio non ebbe una Manor House o un Lord residente. Quando Nicholas Carew venne condannato a morte per tradimento e giustiziato nel 1539, Enrico VIII si riappropriò dei Manors, che rimasero possedimento della Corona, ma nel 1554, il figlio Francis Carew riottenne il possesso. Eduardo VI assegnò a Thomas, Lord di D'Arcy di Cliché, parte dei Manors, salvo quelli di Sutton, Ebisham e Coulsdon. Successivamente, la Regina Maria (che regnò dal 1553 al 1558) ripristinò tutti questi Manors a Francis, unico figlio di Sir Nicholas Carew.

1.7 XVII secolo

Nel 1611, la proprietà del Manor passò dalle mani dei Carew, alla morte di Francis, e da tale data, sino alla fine del XVII secolo o all'inizio del XVIII secolo, il Manor potrebbe essere appartenuto a proprietari terrieri non residenti. Su entrambi i lati di Carshalton Road insistevano due cave di gesso da cui si suppone sia strato tratto il materiale per erigere la Cattedrale di San Paolo a Londra. Non si conosce la ragione per cui il Manor tornò in possesso della Corona, cosicché, nel 1663, Carlo II concesse il Manor di Sutton al Duca di Portland, il quale, a sua volta, lo vendette nel 1669 a Sir Robert Long, che a sua volta, nel medesimo anno, lo cedette a Sir Richard Mason, la cui figlia Dorothy lo portò al marito Sir William Brownlow.

1.8 XVIII secolo

Il già citato Sir William Brownlow morì nel 1700. Nel 1720, venne la volta dell'acquisto da parte della famiglia Cliffe. Henry Cliffe morì nel 1761. Sua figlia, a cui venne intitolato il Manor, nel 1785, sposò Thomas Hatch. Verso la metà del XVIII secolo, Sutton era ancora un piccolo villaggio formato da case disperse lungo High Street, dall'incrocio di The Cock a Wallington Green (v. paragrafo specifico). Da notare la costruzione, nel 1755, di una strada a pedaggio tra Londra e Brighton (allora località balneare in via di affermazione), che si intersecava con un'altra strada a pedaggio tra Carshalton e Ewell, realizzata nello stesso tempo. Si trattava di una forma di privatizzazione a cui si faceva ricorso frequentemente a quel tempo in modo da consentire il miglioramento delle strade: veniva gestita da Amministratori fiduciari che si impegnavano a tali migliorie in cambio della tariffa applicata al traffico. Il passaggio delle carrozze lungo le strade per Epsom e Brighton mutò il carattere di Sutton, o che era allora un villaggio insignificante: i cavalli delle carrozze si stancavano rapidamente, pertanto, dovevano essere frequentemente cambiati; inoltre, i passeggeri avevano bisogno di cibo e bevande. Per soddifare tali bisogni, sorsero le Locande per le carrozze, di cui due a Sutton: "The Greyhound" in High Street, dove oggi insiste un supermercato, e "The Cock", all'incrocio in cima ad High Street. Entrambe le Locande avevano nomi sportivi, che senza dubbio riflettono l'altro aspetto della loro attività: almeno dal XVII secolo, i "Downs" a sud di Sutton ed Epsom erano stati il luogo preferito per le corse di cavalli e di altri sport. Nel 1792, riporta Daniel Lysons che "il presente numero delle case è circa 100."

1.9 XIX secolo

La riscossione del pedaggio, forse, contribuì ad aumentare la prosperità di Sutton, ma non fece crescere molto il villaggio, dato che, nel 1801, all'atto del primo censimento, la popolazione era di 579 abitanti, cioè inferiori a quelli di Cheam, Wallington e di molto rispetto a Carshalton. Nel 1841, Sutton aveva una popolazione di 1304 persone, poco più grande di Cheam, ma molto più piccola di Carshalton. Nel 1848, "A Topographical Dictionary of England" descriveva Sutton (St. Nicholas) come segue: "a parish, in the union of Epsom, Second division of the hundred of Wallington, E. division of Surrey, 5 miles (E. N. E.) from Epsom; containing 1304 inhabitants. It comprises 1768 acres of land, chiefly arable; and includes some extensive downs, on which between 200 and 300 sheep, remarkable for their small size and superior flavour, are annually reared. The soil in the northern part is clay; in the south, chalk; with an intervening narrow tract of sand. The living is a rectory, valued in the king's books at £16. 18. 4., and in the patronage of the Rev. Thomas Hatch; the tithes have been commuted for £520, and there are 33 acres of glebe. The church is partly in the decorated English style; it had formerly a wooden tower, now replaced by one of brick, and contains among other handsome monuments, chiefly of the Talbots, one to the memory of Lady Dorothy Brownlow. In Domesday book two churches are mentioned as existing here. There is a meeting-house for Independents; and a national school is supported by subscription. The parish contains a large chalk-pit, in which many curious fossils have been found.". La stazione ferroviaria di Sutton venne inaugurata il 10 maggio 1847, lungo la linea da Croydon ad Epsom, unitamente ad un deposito merci, sul sito attuale, che, allora, si trovava oltre il margine meridionale del Villaggio, ma poiché assicurava un rapido spostamento verso il centro di Londra, la popolazione di Sutton più che raddoppiò tra il 1851 ed il 1861, trasformando il villaggio in un paese. L'arrivo della ferrovia coincise con un cambiamento nella proprietà della maggior parte dei terreni di Sutton quando, nel 1845, Thomas Alcock divenne Lord del Manor, che vendette i terreni e consentì la realizzazione di nuove case, il che fece nuovamente più che raddoppiare la popolazione di Sutton tra il 1861 ed il 1871. La parte superiore di High Street era nota come "Cock Hill" sino agli anni '80 del XIX secolo, con i negozi costruiti in quel periodo nel corso di dieci anni sia sul lato orientale che occidentale della strada. In particolare, però, occorre distinguere tra l'estremità settentrionale dell'area, Benhill Estate, dove vennero costruite Benhill Road, Benhill Street e Benhill Wood Road, divise i terreni lungo la strada in lotti edificabili, destinati a grandi case borghesi, mentre il nuovo sobborgo, inziato nel 1852, detto perciò "New Town" (o semplicemente "Newtown") nella zona di Lind Road, ad est di High Street, all'estremità meridionale verso Carshalton Road fu per i lavoratori. La Chiesa di Benhilton fu realizzata per Benhilton Estate e St. Barnabas per "New Town". Nel 1868, New Town fu in parte costruita, ma lo sviluppo di Benhilton fu molto lento (tanto che el 1913 c'erano ancora molti terreni edificabili). Nel 1862, fu ricostruita la Chiesa di St. Nicholas. La stazione divenne un nodo di raccordo quando nel 1865, aprì la linea di Epsom Downs e la sua importanza fu ulteriormente aumentata nel 1868, con l'apertura della linea per Mitcham Junction. Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Sutton come segue: "a village and a parish in Epsom district, Surrey. The village stands adjacent to the Epsom railway, 4½ miles WSW of Croydon; consists chiefly of one street; is the head polling place for Mid-Surrey; and has a post-office‡ under London S, a r. station with telegraph, and two hotels.—The parish includes Ben-hilton group of new villas at Been Hill, numerous other new villas and cottages, and the South Metropolitan District school. ... Acres, 1,803. Real property, £12,061; of which £30 are in gasworks. Pop. in 1851, 1,387; in 1861, 3,186,-of whom 900 were in the S. M. D. school. Houses, 452. The property is much subdivided. A section with a pop. of about 1,100, was formed, in 1863, into the chapelry of Benhilton. The head living is a rectory, and that of B. is a vicarage, in the diocese of Winchester. Value of the former, £660.* of the latter, £200.* Patron of the former, H. Padwick, Esq.; of the latter, the Representatives of the late T. Alcock Esq. The parochial church was rebuilt in 1863, at a cost of £6,000; and is in late first-pointed style. B. church was built in 1864, and is in the decorated English style. There are several dissenting chapels, a slightly endowed school, and charities £51.". Nel 1881, Sutton era ormai più grande delle sue originarie rivali, Cheam, Wallington e Carshalton, messe assieme! Le barriere del pedaggio sovracitate trattando del XVIII secolo rimasero in esercizio sino al 1882. Nel frattempo, erano sorte diverse piccole aziende, direttamente collegate al traffico sulle strade a pedaggio, formate da panettieri, birrai, che servivano i visitatori, sarte che riparavano "al volo" i vestiti dei viaggiatori, e lavoratori della pelle per riparare i relativi articoli e successivamente, per fornire merci alle comunità contigue. Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Sutton come segue: "par. and vil. with ry. sta., Surrey - par. (containing Benhilton), 1836 ac., pop. 10,334; vil., 4½ miles SW. of Croydon; P.O., T.O., 1 Bank, 2 newspapers.". Una costruzione di rilievo eretta nel 1894, fu quella che ospitava la "London and Provincial Bank" Dal 1894, Sutton fu amministrato da un Consiglio del Distretto Urbano e fu suddiviso nei distretti nord-orientale, nord-occidentale e meridionale. Nel 1897, fu costruita la "Masonic Hall". Nel 1898, fu costruito l'Istituto Tecnico di Sutton e Scuola d'Arte.

XX secolo

Nel 1901, Sutton era una cittadina di 17.233 abitanti. Nel 1902, fu aperto "The Cottage Hospital" in Hill Road. Lo sviluppo continuò nel Periodo Eduardiano (1091-1910), quando molte case furono costruite ad est di Brighton Road, lungo il lato meridionale di Cheam Road e ad ovest di High Street. Per l'inizio del XX secolo, ormai, High Street era edificata massicciamente. Nel 1912, Sutton era ormai una cittadina considerevole di ville e piccole case, con negozi. Il distretto chiamato Benhilton, correttamente Bonhill, (ndr Benehill 1505), Bonehill, o Benhill, e Sutton New Town, lo collegava a Carshalton, e le case si estendevano sino a Cheam dall'altra parte. Il distretto di Belmont sulla terra alta a sud si trovava a Sutton e Cheam. La parte settentrionale della Parish, sebbene in parte costruita, era ancora prevalentemente agricola. Ancora prima dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, le macchine avevano fatto la loro prima apparizione a Sutton. Al termine della Prima Guerra Mondiale, Sutton era gìà una cittadina. Di conseguenza, gli sviluppi degli anni '20 e '30, che incisero notevolmente sul tessuto urnano in altre parti della Municipalità, qui furono meno profondi. Tuttavia, un notevole ammontare di case venne costruito, specialmente nella zona settentrionale della Municipalità e nei "Downs" a sud. Negli anni '20, il traffico iniziò a porre dei problemi, per cui, venne costruita una circumvallazione attorno al lato occidentale del centro, in modo da alleviare la congestione che si aveva in High Street. Sebbene nei Tardi anni '30 si erano registrati dei cambiamenti in alcuni negozi, in generale, la struttura degli edifici rimaneva sostanzialmente inalterata. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, il centro di Sutton fu colpito da 26 bombe tedesche altamente esplosive, la zona settentrionale da 32, quella meridionale da 15, quella occidentale da 28. Il sito della BBC riporta il racconto di tali bombardamenti. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, Sutton continuò a svilupparsi come centro commerciale. Tra la metà degli anni '70 e la metà degli anni '80, High Street venne pedonalizzata. Da allora, è stata realizzata una grande quantità di uffici, negozi e parcheggi. Le modifiche di maggior rilievo, a parte High Street, hanno riguardato l'abbattimento di quasi tutte le grandi case Vittoriane e la loro sostituzione con case più piccole ed edifici condominiali. Concludendo, ricordiamo che dal punto di vista amministrativo, l'antica Parish di Sutton divenne un Distretto di Governo locale nel 1882 e, poi, nel 1894, Consiglio del Distretto Urbano. Nel 1928, Sutton e Cheam furono unite per formare il Distretto Urbano di Sutton e Cheam, a cui, nel 1934, fu dato lo status di "Municipal Borough". Infine, con la creazione della Greater London, nel 1965, venne costituito il London Borough of Sutton.

2. Manors

Bisogna distinguere tra il Manor di Sutton (o Sutton Abbas) da un secondo Manor di Sutton:

2.1 Manor di Sutton (o Sutton Abbas)

Tale Manor  faceva parte delle terre incluse nel presunto dono all'Abbazia di Chertsey del 727, a cui pertenevano anche una proprietà staccata, nel "Weald" (Bosco) a Thundersfield vicino Horley. Le concessioni di Athelstan, richiamata, indicava "cum Dunresfelda silvatica", e quella richiamata di Edgar "cum cubilibus porcorum quae illue pertinent scilicet in Dunresfelda", che confermavano la donazione originale. Nel 1232, Henry, Priore di Merton, ed Alan, Abate di Chertsey, si accordarono in merito ad un pascolo comune a Sutton presso il fossato chiamato "Middleditch". Nel 1496, i confini del Manor erano così descritti al tempo di Thomas Pigot, Abate a quel tempo: "Cominciano al recinto di Robert de Cheyham, vanno ad Hale a nord, quindi ad Innemere, e da lì a Pilford Bridge, quindi a Wollardsfelde ad est, salgono ad Hethcroft a sud, da lì a sud attraverso Kynwardesley Field, da qui scendono ai due 'aldefeldes' sino a Redorton, e quindi a Esthelds, quindi a Cayneres Bush, quindi a Batheman, e da lì giù per Dolleway ad Alveslaweshull e così giù ad Hertesden ad Ovest, da lì a Nord-Ovest a Beteburewe, da lì al recinto di Robert de Cheyham sopra citato". Nel 1537, l'Abate cedette il Manor ad Enrico VIII, che nel novembre di quell'anno lo concesse a Sir Nicholas Carew in linea maschile. Sir Nicholas fu condannato per alto tradimento, venne privato dei diritti civili e giustiziato nel 1539, e le sue proprietà vennero confiscate. Nel 1540, il Manor fu annesso all'Onore di Hampton Court. Nel 1553, Primo Anno del Regno di Maria I, Sutton ed altre proprietà di Carew furono restituite a Sir Francis Carew, suo figlio, che morì senza figli. Aveva due sorelle: Mary, che sposò Sir Arthur Darcy, il terzo figlio di Thomas, Lord Darcy, giustiziato per complicità nel Pellegrinaggio della Grazia, e un'altra, la moglie di Sir Thomas Throckmorton. La proprietà di Sutton andò alla Famiglia di Lord Darcy e quella a Beddington alla Famiglia Throckmorton. Nel 1589, Trentunesimo Anno del Regno di Elisabetta I, la Regina concesse la reversione del Manor ad Edward Darcy, figlio di Mary Darcy, in linea maschile. Nel 1609, Sir Francis Carew ed Edward Darcy trasmisero il Manor a Sir Robert Darcy per l'uso di Sir Francis a vita e la reversione a Sir Robert Darcy. Nel 1612, Sir Edward Darcy morì lasciando come erede suo figlio Sir Robert. Nel 1614, Giacomo I prelevò una rendita di 40 sterline su Sutton ed Epsom, allora in possesso a Sir Edward, per la sua consorte, la Regina Anne. Nel 1618, Sir Robert morì, lasciando un figlio ed erede Sir Edward, che non ebbe figli maschi e la reversione fu, perciò, a favore della Corona. Sir William Throckmorton-Carew, James Rooks e Jerome, Conte di Portland gareggiarono per la reversione, e nel 1663, il Conte di Portland fu premiato con il Manor. Nel 1665, Carlo II riservò una simile rendita di £45 12s. 3d. a favore della sua Regina Catherine. Nel 1670, Edward Darcy comprò l'affitto del canone della fattoria dei Commissari per la vendita nominati dal Parlamento. Nel 1669, Thomas, Conte di Portland vendette il Manor a Thomas Walcott e Edward Poulter, probabilmente in affidamento per Robert Long, che subito dopo, lo vendette a Sir Richard Mason. Nel 1669 Mason ricevette una rinunzia al diritto da William Barnes e sua moglie Elizabeth e Sir Erasmus Phillips, e sua moglie Katherine, essendo Elizabeth e Katherine le figlie di Edward Darcy. Richard Mason lasciò due figlie, Anne, la moglie di Henry Brett (morto nel 1671), e Dorothy, la moglie di Sir William Brownlow. Nel 1716, dopo la morte di Dorothy, Anne Brett (la sorella minore) e Sir John Brownlow, figlio di Sir William, si unirono in una vendita a Henry Cliffe, un Capitano della Compagnia delle Indie Orientali, che lo destinò testamentariamente in coda ai due figli. Richard, il più anziano, morì senza contrarre matrimonio, Henry, il più giovane, lasciò una figlia Margaretta Eleanora, che nel 1785 sposò Thomas Hatchc, che morì nel 1822. Nel 1831, il Reverendo Thomas Hatch, suo figlio, ed Anne Marie Ellen, sua moglie, trasmisero il Manor a Charles Thelwell Abbott. Nel 1912, il Signor Norman E. Lamplugh, di Carshalton Place, era il Lord del Manor, ma tutti i diritti feudali erano stati aboliti.

2.2. Secondo Manor di Sutton (poi Halle o Sutton Hall)

Esisteva anche un altro Manor di Sutton, con pertinenenze a Sutton ed Ewell, apparentemente appartenenti a questa Parish, di cui, però, si sa assai poco. Daniel Lysons scrive: "Sembra che in questa Parish esistesse un Manor distinto da quello dell'Abate di Chertsey, valutato nel Regno di Re Giovanni (ndr Senza Terra, 1199-1215) otto marchi, e poi detenuto da Gilbert Basset. Il Manor, che fu concesso nel Regno di Eduardo III (ndr 1373) da Sir Simon de Codyngton a Richard Cok (ndr di Carshalton) e William Hardegrey, e da essi alienato a Sir Simon St. Michael (ndr Lord di Cuddington ed Idonea sua moglie), con regresso a Ralph Codyngton (ndr figlio dei due ultimi citati), fu tenuto sotto l'Abbazia di Chertsey.". Successivamentre, il citato Ralph, figlio di Simone e Idonea, concesse a John Lepyndon e John Bampton tutti i suoi diritti, anche se non risulta in base a quale titolo. Probabilmente, tale Manor coincide con le terre del Manor di Sutton citate nei Rotoli della Corte di Sutton, indicate da Manning e Bray, come tenute nel 1362 da Simon de Cuddington e nel 1408 precedentemente sue. Nell'ultimo anno citato, veniva chiamato Halle. Dalla stessa Fonte risulta che nel 1509, Thomas Ellingbridge possedeva terre del Manor di Sutton Hall. Lasciò una figlia Anne, che sposò John Danett. Dato che "Sutton" è un nome che ricorre in luoghi diversi, Sutton in Shiere e Sutton in Woking furono, talvolta, confusi con questo Manor. Fulk Bassett, a cui Manning e Bray attribuirono tale secondo Manor di Sutton, possedeva a Sutton, ma quello  in Woking, non questo Sutton!

Sutton - Visita guidata

La stazione di Sutton

La stazione di Sutton

High Street

High Street

Trinity Church

Trinity Church

Civic Offices e Central Library

Civic Offices e Central Library

St Nicolas Church

St. Nicolas Church

Tombe nel cimitero-giardino di St Nicolas Church

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it