www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Coulsdon South

Sintesi

Coulsdon South è una stazione che serve, come lascia intendere la seconda parte del nome (South = Sud), la porzione meridionale di Couldson (in passato, chiamato Smitham e varianti). La stazione rientra nel London Borough of Croydon, ma a poche centinaia di metri sono sia il confine (verso ovest/nord-ovest) col London Borough of Sutton, che il confine (verso sud-ovest) con la Contea del Surrey. "Old Coulsdon" si trova a sud-est dalla stazione di Coulsdon South. Poiché abbiamo trattato di Smitham (oggi Coulsdon Town) nella pagina dedicata a Coulsdon Town, in questa pagina ci concentriamo su Old Coulsdon. Nel corso dei secoli, l'ortografia di Coulsdon è cambiata moltissimo, conseguentemente, la pronunzia del nome; quello odierno va correttamente pronunziato "Coalsdon" e non "Cooolsdon".

Distanza dal centro: 14,6 miglia.

Attrattiva: scarsa, salvo gli spazi verdi.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, raggiungendo Brighton Road e seguendola verso nord, andate verso Couldson Town ed omonima stazione. Se vi interessano gli spazi verdi, andate in direzione opposta, esattamente verso sud-est, superando Fairdene Road, raggiungendo Coulsdon Memorial Ground, assai ben tenuto, delimitato da Marlpit Lane, propagine settentrionale del vasto spazio verde Farthing Downs.

Toponimo

Il nome dell'area ricorre in concessioni Anglo-Sassoni di dubbia reputazione, alcune delle quali abbiamo riportato trattando di Sutton. La prima volta si verifica verso il 675 come "Cuthraedesdune", quando il Manor di Sutton fu concesso all'Abate di Chertsey da Frithwald, "Subregulus" (Governatore) del Surrey. L'Abbazia Benedettina di Chertsey, fondata nel 666, si trovava nei pressi del Tamigi, nel Surrey nord-occidentale. A tale periodo, esattamente tra il 666 ed il 675 della conferma fatta da Wulfhere, Re di Mercia, alla Chiesa di San Pietro dell'Abbazia di Chertsey, della concessione fatta da Frithuwold, "Subregulus" (Governatore) del Surrey) e da Eorcenwold. All'inizio abbiamo usato il condizionale, dato che la concessione è unanimemente ritenuta falsa e basata sul testo di una successiva concessione a favore di Chertsey, anch'essa ritenuta falsa. Il testo è in Latino (abbiamo evidenziato in neretto la parte che riteniamo rilevante): "+ Regnante domino nostro Jhesu Christo in perpetuum . Ego Wlfarius rex Mercianorum . largiente domino et omnibus sanctis ejus omnes terras quas Fritheuualdus subregulus et beatus Erkenuualdus Ecclesiæ sancti Petri Certeseye dederunt æternaliter confirmo . et præcipio in nomine sanctæ et individuæ trinitatis ut omnes supranominatæ terræ æternaliter sint liberæ ab omni jugo terrenæ servitutis . necnon et hoc præcipio in nomine Dei omnipotentis et omnium sanctorum ejus quod nullus Rex aut episcopus vel aliquis alius potens sit tam audax ut huius meæ confirmacionis condictum confringere præsumat . Si quis vero hanc confirmacionem adaugere voluerit adaugeat ei Deus præmium in regno cælorum. Si quis autem minuerit minuatur merces ejus hic et in regno Dei nisi prius cum satisfactione digna emendaverit. Amen.". Di questo periodo è un'altra lunga concessione del 1 marzo 672-674, sempre da parte di Frithuwold, ad Eorcenwold e San Pietro di Chertsey, che evitiamo di riportare, dato che, manca esplicitamente, come nel caso precedente, il nome dell'area di cui stiamo discorrendo. Nel luglio 678, il Vescovo Eorcenwold concede e conferma ai Monaci di Chertsey privilegi e terre, ma, non abbiamo trovato la loro indicazione speficifica. Finalmente, la prima volta riusciamo a leggerla effettivamente è nel 727, quando Frithuwold, "Subregulus" (Governatore) del Surrey, ed Eorcenwold, alla Chiesa di Chertsey concedono diverse unità (mansae) di cui 20 a "Curedesdone" (Coulsdon) con pascoli pertinenti. Come in tante altre concessioni Medioevali, vengono avanzati dubbi in merito alla sua autenticità, viene ritenuta falsa, in parte modellata sulla precedente concessione, si avanzano dubbi in merito alla forma dei nomi utilizzata, anche se si osserva che potrebbe avere elementi valore storico, probabilmente formulata in Epoca Anglo-Sassone, forse, la concessione fu scritta per rimpiazzare un documento andato smarrito. Il testo è in Latino (abbiamo evidenziato in neretto la parte che riteniamo rilevante): "Hæc est carta Fritheuualdi et Earkenuualdi fundatorum Monasterii quod nuncupatur Certeseig, id est insula Cirotis . [I]n nomine domini Dei salvatoris nostris Jhesu Christi . Hanc donationem juris nostri ego Fritheuualdus subregulus provinciæ Surrianorum una cum venerabili patre Erkenuualdo propria voluntate sana mente integroque consilio ad libertatem uniuscujusque rei concedimus et de nostro jure in monasterium quod nuncupatur Certeseg transcribimus ad augendum idem monasterium quod primo sub Rege Egberto constructum est . Hæc est enim reliqua villularum possessio ultra aquam quæ dicitur Waie , quæ ad idem monasterium jure hæreditario et de nostro patrimonio donavimus concessimus et confirmavimus . scilicet . xx . mansas apud Muleseie . x . apud Piterichesham . vii. apud Totinge cum Stretham . vii . apud Micham . xxx . apud Suþtone . x . apud Æuueltone . xx . apud Bedintone . vii . apud Whatindone . xx . apud Curedesdone cum pascuis illuc rite pertinentibus . necnon . xx . apud Mestham . v . apud Chepstede cum Chalvedune . x . apud Benstede cum suþemeresfelda . v . apud þeddewurþe . xx . mansas apud Ebesham . xxx . apud Euuelle cum Cotintone . xx . apud Cegeham cum porcorum pascuis in þanewald . xx . apud Bocham cum Effingeham . xx . apud Coveham cum Pontintone . v . apud Essere cum quinque mansis apud Epse . x . apud Clenedone . et in altera Clenedone . ii . apud Aldeburi . iiiior . apud Comptone . v . apud Henlea . xxx . apud Winchefeld 'cum Elfteham' apud Byflete . viii . mansas cum Weibrugge . x . apud Waltham. Hæc ergo donatio taliter a nobis concessa est et confirmata ut ab omni jugo mundiali sit libera et inviolabilis permaneat. Si quis vero hanc donationem vel libertatem augere voluerit adaugeat omnipotens Deus sibi longævam in hoc sæculo vitam et post finem istius vitæ cælestis regni jocunditatem. Si quis vero, quod non optamus , huius decreti syngrapham infringere temptaverit , aut aliter quam a nobis statutum est mutare studuerit, sit a consorcio æcclesiæ Christi et a collegio sanctorum hic et in futuro segregatus, parsque ejus cum avaris rapacibusque ponatur , ejusque ligamine se sciat esse constrictum cui Christus claves regni cælestis commendans ait. 'Tu es Petrus et super hanc petram ædificabo æcclesiam meam , et tibi dabo claves regni cælorum et quodcunque ligaveris super terram ; erit ligatum et in cælis , et quodcunque solveris super terram ; erit solutum et in cælis.'1 Namque adhuc pro ampliori firmitatis testamento omnimodo præcipimus atque præcipiendo monemus et obsecramus ut maneat ista donacio atque libertas insolubiliter ab omni sæculari servitute exinanita et inconcussa , ut prædiximus , cum omnibus per circuitum ad se rite pertinentibus scilicet . campis . pascuis . pratis . silvis . aquis . stagnis . et rivulis. Idcirco huius donationis et confirmationis munificentiam tam firmiter et immobiliter imperamus observari quia pro hoc ab omnipotenti domino cælestis regni beatitudinem speramus accipere illo largiente cui est honor potestas et imperium per infinita sæculorum sæcula . Amen. Acta est hæc præfata donatio et confirmatio anno dominicæ incarnationis . dcc . xxvii.
Ego Friþeuualdus donator una cum Erkenuualdo subscripsimus. + .
Et ut firmius hæc donatio et confirmatio stabilis fieret a Wlfario Rege Mercianorum hæc cartula confirmata est. Nam et in altare posuit manum suam in villa quæ vocatur Tamu et manu sua propria signo sanctæ crucis subscripsit . + .
Similiter Humfridus episcopus rogatus ab Erkenuualdo manu propria subscripsit . + .
". Ed ancora, sempre nell'ambito di due lunghe concessione Anglo-Sassone ritenute false (le Abbazie di San Paolo e Chertsey si sarebbero accordate per produrre documenti fraudolenti), nel 967, il Re Edgar conferma privilegi e terre all'Abbazia di Chertsey, tra cui "XX . in Cudredesdune cum pascuis illic rite pertinentibus" (20 unità a Coulsdon con pascoli pertinenti), nel 1062, il Re Eduardo conferma all'Abbazia di Chertsey privilegi e terreni, tra cui "xx. mansas cum Curedesdune" (20 unità con Coulsdon). Sucessivamente, si legge "Colesdone" (1086, Domesday Book, e poi frequentemente sino al 1374), "Cullesdona" (1100-1129), "Culesdon" (1174-1189, 1235, 1258, 1292), "Culisdon" (1242), "Culesdene" (1255), "Cullesdon(e)" (1323, 1342, 1404, 1434, 1461, 1498), "Cullysdon" (1377), "Colendone" (circa 1270), "Kulisdon" (1279), "Collesdon" (1288, 1301, 1403, 1404), "Colleston" (1324), "Coulesdon" (1346), "Colynsdon" (1428), "Cowlesdon" (1557), "Coulsdon" (1597), "Couldisdon" (1610), "Couldesdon" (1675), "Coulsdon alias Cullesdon" (1693). "Coulsdon Common" è riportato nella Ordnance Survey Map del 1816. In merito al significato del termine, considerando le versioni del nome pre-Conquista Normanna, generalmente, si ritiene che si tratti di un composto delle parole dell'Old English "Cūthraed" (nome personale) + "Dūn" (collina), combinati in Sassone "Cuthraed's Down" o "Cuthraed's Den", per cui, si traduce come "Collina di un uomo chiamato Cūthraed": la prima, sarebbe uno sperone di collina a sud della cittadina, il secondo, Cuthraed, probabilmente, il Re del Regno del Kent che visse qui nel VII secolo. Tuttavia, riferendosi alle versioni del nome post-Conquista Normanna (più veritieri, per quanto leggerete nella parte Storica), il primo elemento del nome composto potrebbe essere, invece, corrispondere alla parola Celtica o primitiva Gallese "Cull", che significa "borsa di pelle", "scroto" (sacca dei testicoli), "seno" o "petto", "grembo" o "utero", "ventre", usata come nome della collina.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da Owen Manning - William Bray in "The History and Antiquities of the County of Surrey", Volume II (1804-1814), pagina 449; da William Illingworth - John Caley in "Placita de quo Warranto temporibus Edw. I et II et III In Curia receptae Scaccarii Westm. asservata" (1818), pagina 744; si leggono in "Calendar of the patent rolls preserved in the Public Record Office Edward II Volume V 1324–7" (1904), pagina 19; in "Calendar of the patent rolls preserved in the Public Record Office Edward III 1338-1340", pagina 47; in "Calendar of the patent rolls preserved in the Public Record Office Volume VII Edward III 1345-1348" (1903), pagina 120; sono fornite da Lucy Wheeler in "Chertsey Abbey: an existence of the past" (1905); si leggono in "A History of the County of Surrey: Volume 4" (1912), alle voci "The hundred of Wallington: Introduction and map" (pagina 163) e "Parishes: Coulsdon" (pagine 199-205); sono fornite da J. E. B. Gover - A. Mawer - F. M. Stenton, con la collaborazione di A. Bonner iin "The Place-Names of Surrey (1934); da J. L. Kirby in "Calendar of Inquisitions Post Mortem: Volume 18, Henry IV" (London, 1987), alla voce "Inquisitions Post Mortem, Henry IV, Entries 741-803"', pagine 244-268 (punto 741); da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010) e "A Dictionary of British Place Names" 2011; si leggono in "Brewer's Dictionary of London Phrase & Fable" (2011); sono fornite da Tom Searle - Tony Wise (aggiornamento ed integrazione di Nigel Messett) in "The History of Coulsdon Manor"; si leggono in "Bradmore Green" (London Parks & Gardens Trust), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga: U. Broadbent "A Short History of Coulsdon: Based on Material Collected By the Bourne Society for a History of Coulsdon Being Prepared for Publication Paperback" (1970); Roger Packham - Jean Tooke "Coulsdon in Old Picture Postcards" (1995); Ian Scales "Village Histories: Coulsdon" (2000, Bourne Society).

1. Eventi storici di rilievo

La morfologia del suolo, descritta nel 1912 in "A History of the County of Surrey: Volume 4” (cit.), fornisce elementi che si ricollegano alle condizioni che favorirono la presenza umana in loco: “Coulsdon è una Parish sui Chalk Downs …. Il sottosuolo è tutto gesso, ma sulla superficie si trovano argilla, argilla per mattoni e ghiaia. Il terreno è secco e l'acqua è ottenuta da pozzi profondi nel gesso; ma la curiosa Depressiones secca nel gesso, chiamata Smitham Bottom, un tempo senza dubbio il letto di un ruscello, la cui acqua ora fuoriesce solo ai piedi del gesso a Croydon e Beddington, la attraversa. …… Caterham Valley, un’altra depressione, raggiunge Smitham Bottom da sud-est, e nelle stagioni umide, l'acqua era solita sgorgare vicino a Caterham e correre giù a Croydon. È possibile che l'acqua fosse in superficie quando una popolazione preistorica abitava i Chalk Downs. Gli attrezzi ed i fiocchi Neolitici ricorrono molto frequentemente. Su Farthing Down ci sono un gran numero di tumuli, che dai resti trovati indicano sepolture Anglo-Sassoni (aggiungendo in nota: "I tumuli sono ampiamente dispersi e potrebberero non essere tutti di un periodo); ma non è impossibile che lo stesso punto possa essere stato il sito di sepolture Britanniche.". Ed infatti, vennero rinvenute testimonianze di asce di selce (circa 100.000 A.C.), un sistema di campo Celtico su Farthing Downsi, datato intorno al 550 A.C. ed un Cimitero romano. In merito al Periodo Sassone, se non vi è dubbio in merito alla presenza di tale Popolazione in loco, nel "Toponimo" abbiamo già avvertito il Lettore delle ritenuta falsità di tante pergamene relative ad atti che riguardarono la Storia dell'area. "Colesdone" rientrava nella Hundred di Wallington nell'ambito della Contea del Surrey. Il Domesday Book (1086) fornisce i seguenti dati: la popolazione totale era pari a 14 nuclei familiari (dato medio), di cui 10 nel Villaggio e 4 nei cottages, vi erano 20 unità tassabili (circa 120 acri, (dato ampio), vi era terra per 10 aratri, con 1 gruppo di lavoro del Lord e 6 gruppi di lavoro di uomini liberi, una Chiesa, boschi per nutrire 3 maiali. Il valore per il Lord era 6 sterline (1066), 7 sterline (1086). Nel 1066, il Lord era l'Abbazia di San Pietro di Chertsey, che lo era ancora nel 1086, quando era anche "Tenant-in-chief". La Chiesa di St. John the Evangelist occupa il sito di una Chiesa ivi esistente al tempo del Domesday Book ed esisteva nel XII secolo (ha una torre del XV secolo). Il diritto di nomina del Rettore della Chiesa di Coulsdon apparteneva all'Abbazia e Convento di Chertsey, che ottenne una Bolla da Papa Clemente III (1187-1191) per la sua appropriazione. La concessione di John de Pontoise, Vescovo di Winchester, che dava l'autorizzazione per l'approvazione fu confermata da Eduardo I nel 1292,  ma non fu mai attuata. Tuttavia, l'Abbazia di Cherstey aveva una porzione di decime di alcuni terreni a Coulsdon del valore di 25 scellini. Una Bolla di Papa Alessandro IV (1254-1261) confermò tale diritto. Le presentazioni alla Chiesa di Couldson furono talvota fatte "cum capella Whatingdon" (Watendene o Whattingdon). Nel 1349, la Peste Nera flagellò l'Inghilterra, dimezzandone la popolazione, portandola da 5 milioni a 2,5 milioni! Mancano, però i dati relativi alle morti di Coulsdon. Durante il Regno di Enrico IV (1399-1413), nella inquisition post-mortem di Hugh Queche, tenutasi a Reigate l'8 gennaio 1403, si legge, tra l'altro, che tenne dopo la morte di sua moglie Elizabeth, 2 casseggiati chiamati "Woodplace" e "Boxers" a Coulsdon, dell'Abate di Chertsey, non è noto i tipo di servizio relativo (es. canone), del valore annuale di 40s. and 26s.8d. Egli morì il 1 novembr; Joan, sua figla di 26 anni e più, fu sua erede. I Rotoli dei Tribunali mostrano che i campi comuni sono esistiti nella Parish, ma la data di recinzione non è nota. Bradmore Green è quanto residua dello spazio verde e dello stagno del vecchio Villaggio di Coulsdon (oggi Old Coulsdon) ed un tempo, faceva parte delle terre del Manor detenute dall'Abbazia di Chertsey sino alla dissoluzione dei Monasteri nel XVI secolo. I diritti sul Manor passarono ad Enrico VIII e poi a varie famiglie. Come leggerete nel paragrafo dedicato al "Manor di Coulsdon"; nel 1782 Thomas Byron comprò la vasta Tenuta del Manor e la sua Famiglia mantenne la sua residenza qui per poco meno di un secolo e mezzo. Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Coulsdon, allora nella Contea del Surrey, come segue: "COULSDON, or Cullesden, a parish in Croydon district, Surrey; between the Brighton and Caterham railway, 2½ miles SSW of Caterham-Junction r. station, and 5 S by W of Croydon. Post town, Caterham, under Red Hill. Acres, 4, 403. Real property, £4, 451 . Pop., 993. Houses, 140. The property is divided among a few. The living is a rectory in the diocese of Winchester. Value, £636.* Patron, the Archbishop of Canterbury. The church has a curious monument of 1635; and is good. An hospital for incurables, spacious, cheerful, and even elegant, was erected at Coulsdon in 1863.". Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Coulsdon come segue: "par. and vil., mid. Surrey, 5 miles SW. of Croydon, 4314 ac., pop. 2589; P.O.; contains C. Court.". Nel 1912, il Villaggio di Couldson era formato da qualche paio di gruppi di vecchie case, le scuole nazionali ed edifici agricoli, raggruppati intorno allon spazio verde e stagno di anatre citati, su un lato del quale vi era un casotto circolare di mattoni e selce, che portava a "The Grange", la residenza del Signor C. Babington, una casa vecchio stile su un sito antico, incastonata in splendidi terreni simili a parchi adiacenti alla Chiesa. Vi era una pittoresca casetta a due spioventi sullo spazio verde, con un piano superiore sporgente, probabilmente risalente al principio del XVI secolo. La posizione del Villaggio era inusuale, essendo al culmine di una salita piuttosto ripida, su una lunga cresta o un altopiano sopraelevato, come nel caso dei Villaggi limitrofi di Sanderstead, Farley e Warlingham. Una caratteristica pittoresca di Coulsdon era rappresentata dai bei elmi alti che costeggiavano le strade ed erano disseminati nel parco di The Grange. Coulsdon Court, con vasti terreni, insisteva a nord del Villaggio. Nella valle ad est, vicino alla linea ferroviaria della Valle di Caterham, insisteva un fienile medievale o scuderia, molto ben fatta, con selci nere e rivestimento di pietra refrattaria. Presentava degli stretti circoli della stessa pietra nei muri, e negli ultimi anni a cavallo del 1912, appariva essere stato utilizzato come stalla di "The Rose and Crown, una Taverna risalente al XVI secolo. Il fienile o stalla fu probabilmente costruito dall'Abbazia di Chertsey come un granaio delle decime (grande granaio dove venivano custodite le decimea gricole di una Parish) nel XIV secolo. La Famiglia Byron tenne le terre sino al 1921, quando passarono al Consiglio del Distretto Urbano di Purley e Coulsdon (v. paragrafo "Manor di Coulsdon): fu da tale epoca che l'area inizio a cambiare profondamente, con l'arrivo della ferrovia al fondo di Marlpit Lane, dando impulso allo sviluppo. Ed infatti, questo è quanto si legge ancora nella Fonte citata in precedenza: "L'intero aspetto della Parish è stato completamente Trasformato durante gli ultimi vent'anni (ndr fine XIX secolo-inizio XX secolo) con la costruzione. Poco tempo fa era completamente rurale con alcune nuove case sparse lungo la linea della ferrovia e risalendo la valle verso Caterham, da dove un'altra profonda depressione nel gesso scorre giù fino a Smitham Bottom. Ora ci sono file continue di ville e cottages e negozi da Croydon a sud dellastazione di Coulsdon. ….. Farthing Down, ….Coulsdon Common sono ancora, tuttavia, spazi aperti. Le linee utilizzate congiuntamente dalla London, Brighton and South Coast Railway e South-Eastern and Chatham Railway percorrono Smitham Bottom con Purley, precedentemente chiamata Caterham Junction, Stoat's Nest (stazione merci) e Coulsdon su di esse ......... Vicino alle stazioni di Coulsdon e Purley, vi sono stabilimenti di calce molto estesi.”. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre ed il 6 giugno 1941, Coulsdon West fu colpito da 105 bombe altamente esplosive tedesche, Couldson East da 82. Dal 1968, un'Area Prottetta (Conservation Area) protegge il cuore di Old Coulsdon, compresa "Bradmore Green Farmhouse" ed il suo fienile del XVII secolo. Tuttavia, in periferia, diversi piccoli vicoli hanno preso il posto di ex grandi giardini.

2. Manor di Coulsdon

Dal "Toponimo", sapete che il Manor di "Colesdone" è citato nel Domesday Book (1086), quando era tenuto dall'Abbazia di San Pietro di Chertsey, ed i segni di confine del Manor sono descritti molto dettagliatamente nel "Ledger Book" (libro contabile cronologico con le transazioni economiche e saldi) di quell'Abbazia. Nel 1278-1279, durante il Regno di Eduardo I, "Placita de Quo Warranto" (cit.), riporta sotto la voce "Lib'tates Abb'is de Cherteseye & Eiusdem Loci Conventus", che l’Abbazia e Convento di Cherstey non avevano il diritto di libera caccia a "Colendon" (Coulsdon). Il 16 agosto 1324, Eduardo II autorizzò la vendita in manomorta all'Abate e Convento di Certeseye da parte di Charles de Conductu, Parroco della Chiesa di "Colesdon" (Coulsdon) di 171 acri, 1 rood (1/4 di acro) ed 1 rood di bosco. Owen Manning afferma che tale terra venne concessa allo scopo di fondare una Cappella nel Monastero di Chertsey da essere fonita da un Cappellano secolare, ma ciò non è riportato nella concessione. Il 10 aprile 1338, Eduardo III autorizzò l’Abate ad acquisire 21 acri di terra a "Colesdon" per permute di terreni con Thomas North di "Colesdon" (Coulsdon). Il 12 maggio 1346, Eduardo III, con atto rato a Westminster, perdonò uno sconfinamento e concesse l'autorizzazione per il violatore ed i suoi eredi a mantenere un caseggiato, terre e bosco sottoindicate: Bartholomew, per qualche tempo Abate di "Certeseye (Cherstey), ed il Convento di quel luogo, Lords del Manor di "Culesdon"', che tenevano il Manor per il Re Giovanni (Senza Terra) in capo, avevano venduto a Peter de Wychurst un caseggiato, 36 acri di terra e 4 acri di bosco, a "Culesdon", da tenersi per lui ed i suoi eredi per la resa del vero valore dello stesso, e questi erano discesi a Geoffrey atte Wode in canone; e laddove lo stesso Peter e Geoffrey, come pure tutti gli altri che avevano posseduto i siti dal tempo dell'alienazione vi fossero entrati senza l'autorizzazione del Re, questi, avendo riguardo al tempo in cui l'alienazione venne effettuata, come da inquisition effettuata da Reginald le Forster, Incameratore della Contea del Surrey (trasferiva la proprietà di un defunto senza eredi della Corona o allo Stato, in modo da evitare che la proprietà rimanesse senza titolare), e, tenuto conto della multa di 40 scellini fatta per Geoffrey, il Re perdonò lo sconfinamento e concesse autorizzazione per lui ed i suoi eredi a mantenere il caseggiato, terre e bosco. Il Manor di Coulsdon continuò ad essere tenuto dal’Abbazia di Chertesy sino alla sua soppressione nel 1537, quando venne trasmesso dall’Abate al Re. Nello stesso anno, il Re lo concesse in coda maschile a Sir Nicholas Carew, ma nel 1539, a causa della Perdita dei diritti civili di Sir Nicholas, ritornò al Re e nel 1540, fu annesso all'Onore di Hampton Court. La Regina Maria, nel Primo Anno del suo Regno (1553-1558), concesse la Tenuta a Francis, figlio unico di Sir Nicholas Carew, da essere tenuta "in capo" al servizio di una quarantesima parte di "knight’s fee". John Berriman di Thames Ditton, Piccolo proprietario terriero, Affittuario dell'Abbazia di Chertsey, trasferì il residuo del suo contratto di locazione a Carew nel 1582. Nel 1589, Elisabetta I concesse la reversione della Tenuta in caso di morte di Carew senza figli maschi al nipote di Sir Francis Carew, Edward Darcy, ed i suoi eredi maschi da tenere con un affitto annuale di £45 12s. 3d. Sir Francis morì scapolo nel 1611. Sir Edward Darcy (Cavaliere nel 1603) gli successe, ed alla sua morte nel 1612, possedeva il Manor. Suo figlio Robert morì nel 1618, lasciando un figlio ed erede Edward, di otto anni. Vi furono diversi firmatari alla Corona per la reversione del Manor di Coulsdon, nel caso in fosse andato alla Corona per mancanza di eredi maschi di Edward Darcy, e nel 1663-1664 (Darcy non aveva allora figli) Charlo II concesse il regresso della Tenuta a Jerome Secondo Conte di Portland in considerazione della sua rinunzia alla Presidenza di Munster, da essere tenuto come Manor Reale di East Greenwich in "free socage" (sistema feudale di possesso della terra, soggetto a pagamento di un canone o prestazione di servizi non militari) dietro pagamento di un affitto di £ 45 12. 3d. Tale affitto il Re concesse alla sua Regina Katherine. Edward Darcy, che tenne una Corte (tribunale) a Coulsdon nel 1668, comprò l'affitto delle terre/fattorie nel 1670. Thomas, Quarto Conte di Portland, titolare della reversione, la vendette nel 1669 a Thomas Walcott ed Edward Pulter, probabilmente Fiduciari di Richard Mason, ai quali nello stesso anno, Elizabeth Barnes e Katherine Phillips, figlie di Edward Darcy, con i loro mariti trasferirono tutti i diritti al Manor. Sir Richard Mason tenne una Corte nel 1670. Egli morì nel 1685, e con suo testamento, datato 10 marzo 1685, trasferì tutti i suoi ben iimmobili a sua moglie e sua figlia. La Signora Mason tenne la sua Corte a Coulsdon nel 1687, e l'anno seguente lei e sua figlia Dorothy vendettero la Tenuta a Sir Edward Bouverie. Durante i successivi cento anni il Manor rimase alla Famiglia Bouverie, che fu elevata alla nobiltà nel 1747, mentre Sir Jacob Bouverie fu creato Visconte Folkestone e Barone Longford. Suo figlio William, creato Conte di Radnor nel 1765, morì nel 1776 e suo figlio, nel 1782, vendette a Thomas Byron, un ricco uomo d'affari, Coulsdon, Hooley e Oxgate e Willesdon, il quale divenne, pertanto, noto come "Thomas Byron di Hooley & Nottingham Place". Nel 1801, Egli si trasferì da Londra nella Hooley House, una villa di campagna ricostruita. La Mappa delle decime di Old Coulsdon, datata 1837, mostra che circa metà della Parish apparteneva a Thomas Byron come Lord del Manor. I terreni del Manor comprendevano fattorie quali Portnalls, Tollers, Old Lodge, Colegrims, Stoats Nest, Greenways, Garston, Place House e si estendevano da Purley (a nord) a Caterham (a sud) e da Chipstead (ad ovest) a Kenley (ad est). Una conigliera apppartenente al Manor di Coulsdon è menzionata nelle concessioni della Regina Maria a Sir Francis Carew, ed in quella al Conte di Portland, e ci sono due concessioni di Sir Francis Carew relative ad un affitto del "gioco del coniglio" nella Parish di Coulsdon. La consigliera era su Hartley Down, copriva 77 acri e produceva venti dozzine di conigli all'anno quando fu demolita nel 1760. Questo sembra un piccolo numero, ma i conigli non erano così numerosi allora come lo erano stati da quando i loro nemici naturali furono distrutti dai Guardiacaccia. Nel 1912, il Manor era di proprietà del Signor Edmund Byron, che risiedeva a Coulsdon Court (bisogna distinguere Old Coulsdon Court, fattoria del XVI-XVII secolo, che si trovava vicino alla Chiesa di St. Johns e faceva parte della Squire Byron's Estate"; nel 1850, la Casa venne ridenominata "The Grange" ed il nome "Coulsdon Court" fu dato alla nuova costruzione in via di edificazione, la cui pietra di fondazione venne posta dal figlio di Thomas, Edmund, di soli 6 anni, ed occorsero sei anni per completare la Casa: il nome di "Coulsdon Court" venne dato alla nuova Manor House. Tale "New Coulsdon Court" fu costruita sul sito della Old Hartley Farm, le cui origini risalivano al 1235, quando era chiamata "Hartlees"). La Famiglia Byron tenne il Manor di Coulsdon dal 1782 al 1921 (si pensa che non vi siano state relazioni di parentela con il celebre Poeta Lord Byron). Infatti, nel 1921, Edmund Byron morì all'età di 77 anni. Fu sepolto nella tomba di famiglia che venne rivestita di muschio. La bara fu portata attraverso il parco dai suoi Affittuari e dal personale della Chiesa di St. John. Ai bambini delle scuole che presero parte al funerale venne dato 1 scellino (5 pence odierni) e la campana suonò 77 volte, una volta per ogni anno della sua vita. Come Lords del Manor, i Byron erano benefattori locali. Costruirono Ospizi per il loro personale andato in pensione (di fronte al Coulsdon Bowls Club) e diedero un terreno su cui fu costruita la Smitham Bottom School (a quel tempo, Coulsdon Town era noto come Smitham Bottom). Dopo la morte di Edmund Byron, la Tenuta venne affidata ad Amministratori fiduciari, che posero all'asta tutta la proprietà il 24 ottobre 1922, che comprendeva villa e terreni, fattorie e proprietà residenziali, per un totale di 1226 acri. Nel 1923, tali Amminstratori fiduciari vendettero Coulsdon Court ad un Costruttore locale, Charles H. Cearn, per 32.500 sterline. Questi, nel luglio 1925, trasferì 220 acri alla Coulsdon Court Estate Ltd, una Impresa edile, per 70.600. L'accordo prevedeva che Egli avrebbe realizzato un campo di golf su 35 acri che avrebbe tenuto, costruito 6 campi da tennis e ricostruito Coulsdon Court in modo da soddisfare le esigenze di un circolo golfistico. I costi per il Signor Cearn sarebbero stati limitati a 6.000 sterline; il sito sarebbe dovuto rimanere circolo di campagna per almeno 15 anni. D'altra parte, lo Sviluppatore doveva costruire case sulla sua terra ed ogni acquirente di case avrebbe avuto il diritto di diventare socio del circolo con una quota di 20 ghinee. Il Circolo aveva un limite di 200 membri. Il Signor Cearn incaricò Harry S. Colt di costruire il campo, il quale era un famoso Architetto di campi da golf, noto per il progetto di Sunningdale, Royal Lytham St Annes, St Georges Hill ed oltre 300 campi in tutto il mondo. Il suo principio di progettazione era che il campo da golf dovesse mimetizzarsi e non essere imposto al paesaggio. Il campo rimase privato sino a poco prima della Seconda Guerra Mondiale. La società di sviluppo, tuttavia, in seguito, si ritirò dal programma di edilizia abitativa e il Signor Cearn riacquisì il possesso dei suoi 220 acrì di proprietà. Nel 1934, il Signor Cearn vendette la Tenuta ed il campo da golf all'Ucraino Nenski per 62.200 sterline, che lo rivendette ad società di sviluppo, Purley & Coulsdon Estates Ltd che controllava, con un guadagno di 15.000 sterline. Nel febbraio 1936, la società di sviluppo offrì il campo da golf, la terra e la casa in vendita all'Amministrazione locale che era d'accordo sul principio, ma non sul prezzo. Poiché non fu possibile concordare il prezzo, la società minacciò di vendere ad un Imprenditore edile, pertanto, l'Amministrazione locale emanò un ordine di acquisto obbligatorio. Ciò portò ad un'inchiesta pubblica nel novembre 1936, che indusse il Ministero della Salute (Precursore del Ministero degli Alloggi e degli Enti locali) a confermare l'ordine di acquisto obbligatorio. Il Consiglio del Distretto Urbano cercò di ottenere una sovvenzione per la cintura verde per l'acquisto ma non ci riuscì. Venne contattato il Comitato di Riferimento dei Valori dei Terreno per fissare un prezzo. Frank Hunt un ex valutatore della Consiglio della Contea di Londra e residente a Croydon fu nominato "Arbitro ufficiale". Il prezzo fu fissato a 54.735 sterline per poco più di 146 acri, includendo il campo da golf, la casa ed altri edifici. Ulteriori 1.600 sterline vennero pagati per determinati effetti nella Casa e nella Tenuta e l'acquisto è venne completato il 26 novembre 1937. Ancora prima che l'acquisto venisse terminato, l'Amministrazione locale provvide a nominare uno speciale Comitato, noto come "Coulsdon Court Committee" per valutare la futura destinazione di "Coulsdon Court". Nel luglio 1937, con il voto determinante del Presidente, il Consiglio decise che la Tenuta sarebbbe stata utilizzata come spazio pubblico aperto e fu autorizzato a verificare la possibilità di affittare il sito al Circolo golfistico esistente o aprirlo come Circolo Municipale: la scelta ricadde sulla seconda opzione e l'8 genneio 1938, vi fu l'apertura al pubblico del Circolo Golfistico di Coulsdon Court, poco prima dell'inizio della Seconda Guerra Mondiale. Durante il Conflitto, Coulson Court venne requisito dalla R.A.F come centro di intrattenimento e svago. Dal settembre 1940, "The Grange", citata precedentemente, fu utilizzata come centro operativo per il Comando degli Aviatori di Kenley e fu visitata dal Re Giorgio VI. Uomini e donne che lavoravano per il Comando degli Aviatori erano soliti attraversare il campo da golf tra i turni per raggiungere la Casa del Circolo. Durante un attacco nel 1940 un Messerschmitt 110 Tedesco cadde in fiamme uccidendo tutto l'equipaggio. Si pensa che si sia schiantato da qualche parte vicino alla Quarta Piazzola danneggiando alcune delle case vicine. Inoltre, alcune bombe caddero sul campo da golf e si pensa che due crateri rimangano ancora oggi sul lato della Settima Piazzola e tra l'Ottava e la Nona Piazzola. Dopo la Guerra, il Consiglio del Distretto Urbano di Coulsdon e Purley, divenuto in seguito parte del London Borough of Croydon, riprese la disponibilità del campo da golf, riempiendo alcuni dei crateri delle bombe e riconvertendo il terreno destinato alla produzione di cereali durante il Conflitto. I 35 acri all'estremità settentrionale erano ancora parco aperto, ma furono usati quando il campo fu esteso e cambiato dopo la Guerra, portando il totale a 140 acri. Il campo da golf fu notevolmente modificato rispetto al progetto originale. Si diceva che ad un certo punto del suo sviluppo avesse 365 buche, uno per ogni giorno dell'anno. Nel 1946, il Campo da golf venne aperto nuovamente al pubblico. Esisteva una casetta per i Giardinieri in fondo a quello che ora è il campo-pratica e la Decima Buca. Nel 1981, la Casa era in rovina e ritenuta da abbattere, per cui, le Autorità di Croydon, non volendo spendere soldi a tal fine, decisero di dare in affitto la casa e il campo di golf, che acquisitrono entrambi da Waites Builders sotto il nome di "All Weather Sports" che affittò l'intero sito, realizzando un Albergo ed aumentando la capacità, costruendo un'estensione e anche un circolo di Squash col suo bar. Quando il suo piano di sviluppo edilizio sul lato del campo di golf venne rigettato, cedettero il contratto di affitto alla catena alberghiera Best Western, che apportò alcune modifiche minori. A sua volta, la citata catena alberghiera vendette a quella Marston, che cambiò il nome in Coulsdon Manor Hotel, nonostante che il circolo conservasse ancora il nome di Coulsdon Court. Nell'aprile 2005, il contratto di locazione fu nuovamente ceduto alla catena alberghiera Swallow, e successivamente, a quella Oxford, attuale proprietaria. Nel 2013, la catena alberghiera Bespoke rilevò la gestione sia dell'hotel che del campo da golf e i piani per un'ulteriore estensione vennero. L'Amministrazione di Croydon, comunque, mantiene la proprietà.

Croydon - Visita guidata

La stazione di Coulsdon South

La stazione di Coulsdon South

Fairdene Road

Fairdene Road

Coulsdon Memorial Ground

Coulsdon Memorial Ground

Marlpit Lane

Marlpit Lane

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it