www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Shadwell

Sintesi

Shadwell è una stazione della Docklands Light Railway (DLR) e della Overground. Si distingueva in Upper Shadwell (occupato in prevalenza da Sun Tavern Fields ed attraversato da High Street Shadwell, in precedenza chiamata Ratcliffe Highway, che aveva tale nome perché originariamente era l'antica strada rialzata che attraversava i terreni acquitrinosi accanto al Tamigi) e Lower Shadwell (la parte più vicina al Tamigi, che anticamente faceva parte delle paludi di Wapping, che era povera e fonte di possibili epidemie).

Distanza dal centro: 3,8 miglia.

Attrattiva: nulla se ci limitiamo agli immediati paraggi della stazione, discreta, o anche di più se si considera che allontanandosi verso sud-est si raggiunge King Edward VII Memorial Park e, andando verso il Tamigi, il celebre pub storico Prospect of Whitby.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione della Overgound, vi rendete immediatamente del "tenore" dell'area immediatamente prossima: piccole casette tradizionali, ma di livello non eccelso, frammischiate ad edifici moderni, alcuni anche alti. La migliore cosa da fare è seguire Watney Street verso sud, sino ad incrociare Cable Street. Qui avete due possibilità: 1. andare verso est, lungo Cable Street, sino a raggiungere l'incrocio con Glamis Road. Andate a destra sino a raggungere King Edward VII Memorial Park (se andate a sinistra, proseguendo sempre diritto sino a che potete e poi a sinistra, raggiungete, Lukin Street, dove trovate Roman Catholic Church of St Mary & St Michael); 2. andate verso ovest, a destra, non girate nelle due strade a sinistra che trovate, ma proseguite avendo davanti a voi Saint George's Town Hall, entrando nella stradina che vi immette in St George's Gardens. Qui potete ammirare un murales che descrive la Battaglia di Cable Street, nonché St George's Chuch e Henry Raine Memorial, il monumento dedicato a quello che fu una figura-chiave nella creazione della Parish di St George-in-the-East (nel 1729). Vicino c'è anche il Monumento ai Caduti di tale Parish. Alternativamente, ma anticipiamo che non si tratta di una valida alternativa, dalla stazione potete, invece, seguire Watney Street verso nord. La prima strada sulla sinistra è Chapam Street, dove trovate tanti negozi, soprattuto di frutta e verdura. Andando, invece, sempre diritto, raggiungete Watney Street Market. Tuttavia, l'area non è affatto interessante, come pure il Mercato.

Toponimo

Il nome si ritrova indicato sotto una duplice veste, per cui due sono le interpretazioni che vengono date in merito alla sua origine in riferimento a tali due versioni. La prima denominazione si ritrova come "Schadewell(e)" o "Shadewell(e)" (1222, 1223, 1235, 1294, 1314), "Scaldewell" (1314), "Shaldewell" (1316): si ritiene generalmente che tali termini derivino dalle parole dell'Old English "Sceald" (Shallow in inglese moderno = poco profondo) + "Wella" (Well in inglese moderno = sorgente), per cui, significa "Sorgente (o ruscello) poco profonda (quindi, superficiale)". Una seconda denominazione, si riallaccia ad un altro nome usato nel XIII secolo, "Scadflet"(circa 1218) o "Shatfliet" (XIII secolo), derivato dall'Old English "Fleot", che significa un torrente o una baia poco profonda (leggerete che qui i terreni erano bassi ed acquitrinosi finché vennero drenati per legge del Parlamento dopo il 1587 da Cornelius Vanderdelf). La sorgente che diede il nome all'area riforniva un pozzo ad est della locale Chiesa di San Paolo (poi individuato sotto un pilastro presso l'angolo sud-orientale della nuova Chiesa, all'interno del suo cortile), venne dedicata a San Ciad o Cead, il famoso Vescovo dei Sassoni orientali e secondo Vescovo di Londra, ed alimentò un vicino pozzo. Quindi, l'origine del nome, secondo tale seconda versione è confusa, poiché potrebbe essere associata sia all'originario uso, che al successivo pozzo.

Storia

Molte informazioni sulla storia dell'area sono fornite da Sydney Maddocks, alla voce "Shadwell" in "The Copartnership Herald", Vol. II, numero 23 (Natale 1932-Gennaio 1933) e "The Copartnership Herald", Vol. V, nunero 57 (Novembre 1935). Ulteriori informazioni sono fornite da Daniel Lysons, alla voce "Shadwell", in "The Environs of London: Volume 3, County of Middlesex" (1795), pagine 383-390; "Deeds: A.2501 - A.2600", in "A Descriptive Catalogue of Ancient Deeds: Volume 2" (1894), pagine 87-99; John Noorthouck, "Book 5, Ch. 3: Parishes east of the Tower", in "A New History of London Including Westminster and Southwark" (1773), pagine 769-772, che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga: Derek Morris - Ken Cozens "London's Sailortown 1600–1800, A Social History of Shadwell and Ratcliff, an Early-Modern London Riverside Suburb" (2014).

1. Eventi storici di rilievo

Sul lato settentrionale di Highway, si trovava Ratcliff Fields, che in seguito venne distinta come Sun Tavern Fields (Upper Shadwell). Mentre venivano compiuti degli scavi, nel 1614 vennero rinvenuti reperti di epoca romana, di cui Sir Robert Cotton, Antiquario, fornì una particolare descrizione. Egli affermò che una cassa di piombo "nella parte superiore era guarnita con conchiglie in un bordo. A capo e piedi della bara c'erano due vasetti lunghi tre piedi, e ai lati una serie di bottiglie di scintillante terra rossa, alcune dipinte, e molte grandi fiale di vetro, circa sei, circa otto quadrati, con un liquore biancastro all'interno. All'interno della cassa vi era il corpo di una donna (come i chirurghi giudicarono dal cranio). Su entrambi i lati della donna, vi erano due scettri di avorio lunghi diciotto pollici, e sul petto una piccola figura di Cupido, ben tagliata in pietra bianca" - una piccola figura di un taglio Cupido in pietra bianca! Non lontano, vi erano i resti di un uomo in una bara di pietra. Si ritenne che entrambi vissero e morirono verso il 235, dato che vennero trovate diverse monete di quel periodo. Scavi archeologici hanno portato alla luce la prova di una cava romana, successivamente utilizzata come Cimitero, con una torre-mausoleo. Dal III Secolo, l'area venne suddivisa in lotti, su cui si costruirono delle residenze domestiche. Un bikini di pelle venne scoperto in un serbatoio foderato di legno risalente al IV secolo. Dopo tale periodo, il sito fu abbandonato ed utilizzato a fini agricoli. Lungo il Tamigi, in epoca romana, c'era un segnale (funzione faro, per intenderci) per guidare le imbarcazioni in avvicinamento. La prima volta che l'area si ritrova designata per nome, come si rileva in "Toponimo" è all'incirca nel 1218, quando si legge di "Scadflet" nell'ambito della conferma da parte di Matilda, figlia di Bernardo, figlio di Roberto, a Pietro, il Priore, e i Canoni della Santa Trinità di Londra, della vendita e rilascio che William de Clovilla fece loro di 8s. di affitto che Ralph, nipote di Brice de Stebbehee, era solito pagare a lui per una terra chiamata "Scadflet" nella Palude di Stebbehee, che Rodland, fratello di Matilda, diede a detto William; pagando 4s. annuali. Testimoni: Maurice de Herlaue, Canonico di St. Paul's, William Blund e altri (citati per nome). Un susseguirsi di proprietari terrieri normanni tenne una tenuta che il Vescovo de Fauconberg, alla sua morte avvenuta nel 1228, lasciò in eredità al Decano ed al Capitolo della Cattedrale di San Paolo. Entro la fine del XIII secolo, ulteriori incrementi portarono la proprietà a quasi un centinaio di acri. Il sovracitato Sydney Maddocks, nel primo dei due articoli suindicati, inizia riferendo un Atto del Parlamento che autorizzò il recupero di centotrenta acri di terreni acquitrinosi, in seguito noti come "Wapping Marsh", ed afferma che "At that time, 1587, Shadwell in name did not exist". Egli erra, dato che, come avete letto in "Toponimo", il nome esisteva sin dal 1218 e 1222 (a seconda di quale delle due versioni del nome si consideri). Ciò premesso, l'Autore passa, tra l'altro, a delinerare i tratti salienti dello sviluppo di Shadwell. Sino al 1615, lungo le sponde del Tamigi tra le attuali Wapping e Ratcliff era inedificato tranne verso nord, dove c'erano parecchie case, tra cui almeno una di buone dimensioni che aveva una birreria e un grande frutteto. Questa terra, su cui si trovava Lower Shadwell e che ora è in gran parte occupata dal "King Edward VII Memorial Park", faceva parte della proprietà, che si estendeva a Ratcliff Highway (ndr Highway), del Decano e del Capitolo di St. Paul di St. Paul's, il cui titolo di possesso risaliva ad oltre tre secoli. E' oggetto di disputa come essi siano entrati nel possesso dei terreni dal Manor di Stepney, persino al tempo in cui appartenevano al Vescovo di Londra. Tuttavia, la circostanza che, anticamente, la manutenzione delle pareti del Tamigi ed i fossati sulle paludi ad est di St. Katharine fosse affidata alla loro cura, rende probabile che la bonifica del territorio dal Tamigi in questa località particolare fosse il loro lavoro, e, conseguentemente, il suo possesso ne rappresentasse la loro ricompensa. A sostegno di questa ipotesi si può osservare che, un tempo, lungo Ratcliff Highway (ndr Highway), vi era una striscia di terra conosciuta come "Dean's Lynches", il che implica un tappeto verde sul bordo della palude (Verso la seconda metà del XVII secolo, vi fu un contenzioso su questa terra, visto che la Signora Theodosia Ivie avviò una causa in merito a sette acri e mezzo che si trovavano lungo il Tamigi a Lower Shadwell, sostenendo che facevano parte del terreno drenato da Cornelius Vanderdelf e che le spettavano per diritto di eredità. Il responso del giudice, nel primo grado di giudizio, fu a lei favorevole, ma su ulteriori procedimenti, davanti al "Chief Justice Jeffreys", portarono ad un verdetto a lei sfavorevole, dato che le prove su cui si fondavano le sue asserzioni erano risultate false: per cui, il citato Giudice dispose il sequestro del terreno ed aprì un procedimento penale nei confronti della Signora Theodosia Ivie. Il processo, però, portò alla sua assoluzione, sembra per insufficienza di prove contro di lei. Ad ogni modo, la Signora sostenne sino alla morte che la proprietà le appartenesse. A dire il vero, i sette acri e mezzo di terreno paludoso oggetto di contenzioso non avevano molto valore. Erano irrigati da una serie di tagli o canali, il principale andava verso ovest dal Tamigi a Bell Wharf via Cock-Hill, attraverso il quale l'acqua della sopraggiungente marea giungeva sino agli stagni e fossati, che riceveva e manteneva per un poco, in modo che potesse essere restituita ad un tasso uniforme del flusso di lavoro della ruota del Mulino di Ratcliff). L'incremento del valore del terreno lungo il Fiume e l'edificazione su di esso fu il risultato della crescita dell'industria navale, che, iniziata a Deptford, Blackwall e Ratcliff, a tempo debito, rese Lower Shadwell un luogo di una certa importanza e prosperità. Nel 1615, c'erano non più di dieci navi di oltre 200 tonnellate appartenenti al Porto di Londra, mentre nel 1640, erano diventate un centinaio di navi a vela che potevano essere trasformate navi da guerra, oltre ad un centinaio di altre navi che erano state aggiunte alla Marina militare. In pochi anni, vennero costruite strade e case, le quali ultime vennero occupate da costruttori di barche, velai, costruttori di alberi (di navi), montatori, produttori di biscotti, panettieri, bottai, imprese di approvvigionamento delle navi, produttori di ancore, oltre ad altre persone impegnate in occupazioni marine. Sino alla metà del XVII secolo, questa parte della Highway passava attraverso aperta campagna e c'erano poche case nelle sue immediate vicinanze. Si trattava di una strada principale molto trafficata, e, di conseguenza, una locanda o due con stalle per i cavalli avevano un posto importante nella vita di tutti i giorni. Sul lato settentrionale, si trovava Ratcliff Fields, che in seguito venne distinta come Sun Tavern Fields. Si estendeva da Blue Gate Fields verso est fino al triste nome Cut-Throat Lane, ormai noto, però, come Love Lane. Da lì, si ricavava la ghiaia e veniva portata giù per il Tamigi per fornire la zavorra per le navi da qui la derivazione dei nomi Old Gravel Lane e New Gravel Lane. Alcuni anni prima che il piccolo paese si fosse formato, arrivò nella Highway (Upper Shadwell) un certo John Shakespeare, che fondò una fabbrica di corde, che ebbe successo. Per la sua prima moglie nel 1642, scelse Margaret Judd, vedova di Stepney. Si sposò una seconda volta nel 1658, all'età di trentacinque anni, Martha Seeley di Wapping Wall, una giovane di 19 anni. Il registro della Chiesa di Stepney, nel 1652, riporta la sepoltura di Margaret, moglie di John Shawespeare di Ratcliff Highway, cordaio. La variazione della grafia del cognome è uno dei tanti si trovano nei libri di St. Paul's, Shadwell e St. Dunstan di Stepney, dove vennero battezzate, sposate, vissute e sepolte tre generazioni della Famiglia. Persino il nome dell'attività di cordaio o produttore di corde venne alterato, tanto da essere volgarmente chiamato "Shagsby's Walk", dopo aver cessato di essere utilizzato per il suo scopo originale: divenne un quartiere residenziale, una corte lunga circa 850 yarde con alberi piantati lungo il corridoio centrale. Raggiungeva Wapping Wall da Highway, ma ora è del tutto scomparso; la sua parte più grande venne utilizzata per formare il bacino di Shadwell dei London Docks. Una figura-cardine per lo sviluppo di Shadwell fu Thomas Neale. Questi fu, innanzitutto, "Master of the Mint" (Capo della Zecca) dal 1678 sino alla data della sua morte, quando gli succedette Sir Isaac Newton, che trovò l'Istituzione un covo di sfaccendati ed operatori di borsa. Verso il 1684 Thomas Neale venne nominato "Groom-porter" di Carlo II, un incarico che prevedeva che sovrintendesse agli alloggi del Re, affinché fossero arredati con tavoli, sedie e fornaci, nonché per fornire carte e dadi, e risolvere le controversie al tavolo da gioco e sul campo da bocce. Fu autorizzato dal Re a concedere in licenza e sopprimere le Case da gioco e perseguire chi svolgesse attività di giochi e scommesse senza licenza. Per conto proprio, originò un'attività di prestiti ed una lotteria basata sul "sistema veneziano" che fu di successo in una certa misura. Ma ancora più importante ai fini di questa pagina fu la sua attività speculativa edilizia, con cui trasformò il borgo di Shadwell in un piccolo paese, che poi divenne Parish. A Thomas Neale va il merito di essere riconosciuto un pioniere della pianificazione urbana (Neal Street a Seven Dials, ha il suo nome), nonostante non rimangano edifici per mezzo dei quali giudicarlo direttamente. La prima attività edilizia intrapresa da Thomas Neale fu proprio a Lower Shadwell, dove nel 1656, aveva già iniziato attività che successivamente svolse come affarista. Era interessato al commercio con l'East India, e lui ed i suoi amici, si resero conto chiaramente che lo sviluppo del lungo-Fiume avrebbe portata profitti con l'incremento del trasporto marittimo. La proprietà del Decano e Capitolo di St Paul's venne posta in vendita come terreni della Chiesa, e come tale venduta per 9.500 sterline, e vennero così goduti sino alla Restaurazione, quando Thomas Neale, qualunque sia stata la sua posizione precedentemente, appare sulla scena come il locatario. Le strutture che eresse erano in gran parte di legname, per cui, a causa di vari incendi e del degrado, erano già scomparse al principio del XIX secolo, quando cottages costruiti semplicemente in mattoni presero il posto della maggior parte di loro. Il fatto che fu attraverso Neale (grazie alla cui mugnificenza venne creata una Cappella nei giorni di Cromwell), che venne erettta la prima Parish Church. egli costruì un mercato ed assicurò una concessione per esso, e, per di più, fece costruire un acquedotto, convertendo l'ingresso del Fiume (allora flusso idrico che azionava un mulino) a questo scopo, tutti tali elementi vanno ad indicare uno schema definito di operazioni realizzate in maniera efficace. Durante i venti anni successivi il 1656, vennero costruite 289 case. Nel 1732 il numero era salito a 1800. Queste dovevano essere in qualche in stetta contiguità considerando le dimensioni della Parish (circa 900 yarde per 750 yarde) e la quantità di terra all'interno di esso rimase vuota per molti anni dopo. L'acquedotto di Shadwell venne creato nel 1669 da Thomas Neale. In un primo momento, si impiegò solo un motore a quattro cavalli. L'acquedotto venne ricostruito in scala più ampia nel 1679, quando vennero eretti due motori. Nel 1687, non potendo più sopportare finanziariamente da solo l'attività, raccolse una considerevole somma di denaro dividendo l'impresa in 36 quote. Dopo tre anni, i proprietari crearono una persona giuridica autorizzata nel 1691, sino al 1750 (nel frattempo, a dispetto, però, della vivace attività svolta in vita da Thomas Neale, questi era morto insolvente verso il 1699), e continuarono a sollevare l'acqua con i cavalli. Poi venne costruito un motore a vapore basato sul principio originario, ma fu così inadeguato allo scopo, che la società ha subì perdite considerevoli. Nel 1774, venne adottato un migliorato motore a vapore, costruito dalla Ditta Bolton & Watt e si constatò che a fronte di un notevole aumento di potenza, il consumo di carbone si era ridotto di due terzi. Il quartiere servito dall'acquedotto di Shadwell conteneva quasi 8000 case, oltre ad edifici pubblici; si estendeva dalla Torre di Londra al Ponte di Limehouse e da Whitechapel al Tamigi. Una indagine del 1650 rivela l'esistenza di 4 moli (docks) e 32 pontili (wharves) lungo una sezione di 400 yarde ed anche che il 53% della popolazione attiva era formata da marinai, il 10% da costruttori di navi, il 7% da lavoratori nelle chiatte, ma c'erano anche operai, fabbri, cordai ed altri ausiliari commerciali, conciatori e produttori di birra. Nel settembre 1665, a causa della pestilenza, a Shadwell, vi furono 115 sepolture, ad ottobre 299, a novembre 80, a dicembre 10. Dietro influenza della Corte ed a seguito di una petizione degli abitanti, Carlo II concesse al borgo di Shadwell di tenere una Fiera e Mercato. Poco dopo, nel 1669, con legge del Parlamento, venne creata la Parish autonoma (aveva 8.000 residenti) staccandola da Stepney, con una esigua estensione, visto che la sua massima lunghezza fu circa 900 yarde e la larghezza di circa 750 yarde. La Parish di Shadwell ebbe tanto in comune con quelle limitrofe in merito alle condizioni non eccelse di vita. Shadwell High Street parte della vecchia Ratcliff Highway, condivideva con St. George Street la sua cattiva reputazione. Ogni contrasto che si presentava nel corso della prima metà del XIX secolo era dovuto alla porzione occidentale della Strada, associata ad occasionali comportamenti scorretti dei marittimi di tutte le nazionalità, che comunque portavano soldi nelle tasche dei negozianti e altri, mentre il lato di Shadwell di essa era affetta dalla povertà di una classe rozza della popolazione che viveva nella zona situata tra essa ed il Tamigi. La Parish di St George, a cui non mancavano i soldi, non guardava di buon occhio il suo vicino, che offriva così poco e voleva così tanto in termini di carità ed il borgo di Ratcliff sul suo confine occidentale pensava alla vicinanza di Shadwell come uno dei mali di cui si doveva far carico, salvo però quando non pochi dei poveri sconfinavano nella propria circoscrizione. Pertanto, Shadwell era ignorata e lasciata a se stessa a risolvere i suoi problemi. Tuttavia, rimaneva un grande timore, dato che Shadwell era uno dei tanti luoghi dove era prevedibile che scoppiasero epidemie di tifo. La colpa di Shadwell era che non vi risiedevano famiglie agiate, come invece, accadeva in altre parti di Stepney. Lower Shadwell, la parte più vicina al Fiume era povera e molte delle case erano in pessimo stato causato dagli occupanti delle case popolari, piuttosto che dalla negligenza volontaria dei proprietari. L'aumento del commercio del carbone via mare portò una certa prosperità in riva al Fiume, ma distrusse il carattere di un piacevole sobborgo che aveva per i suoi primi abitanti, che vennero impegnati in professioni marittime e mestieri affini. Entro la metà del XVIII secolo, la domanda di manodopera non qualificata, soprattutto per la movimentazione del carbone, portò a Shadwell persone grezze, rozze. Gli alloggi per queste persone vennero ricavati, nelle strade esistenti, in corti e vicoli, che, per gli stessi nomi con cui erano conosciuti, implicano che funsero da cortili posteriori di taverne o occuparono i siti dei giardini delle case più vecchie. Tuttavia, come il numero degli abitanti aumentava per la domanda di lavoro manuale, il numero delle case disponibili diminuita, il che comportò il sovraffollamento dei caseggiati. In aggiunta, va considerato che le navi a quel tempo andavano a vela, non a motore, per cui, il lavoro e, quindi, l'occupazione, di molti dipendevano dal vento: ad esempio, la prevalenza di venti contrari, che non permettevano alle navi di entrare nel Tamigi, o le gelate, che rendevano il Fiume non navigabile, erano causa improvvisa di indigenza e miseria. I datori di lavoro, spesso una classe di intermediari che erano gestori di pubs, si impegnavano a fornire manodopera per lo scarico di merci. I disordini erano sempre all'ordine del giorno, ma il più grave di tutti si verificò 1768, un anno di alti prezzi dei viveri. Gli scaricatori del carbone lamentarono di essere maltrattati, di ricevere salari non in danaro, ma in liquori e prodotti di cattiva qualità. Il malcontento era generale lungo la riva del Fiume e causò scontri tra gli scaricatori di carbone ed i marinai, che apparentemente erano stati indotti a contrastarli. In un'occasione, diversi marinai vennero uccisi a Stepney Fields ed gli scaricatori di carbone marciarono in trionfo. A Sun Tavern Fields, vicino a dove si era svolta una sommossa, sette scaricatori di carbone vennero impiccati per aver sparato al Signor Green, il titolare della Roundabout Tavern di Shadwell. Queste esecuzioni pubbliche produssero l'effetto voluto, dato che i tumulti cessarono immediatamente e la pace e le attività produttive ripresero felicemente. Nel XIX secolo, la domanda di lavoratori dal fisico possente ingenerò un grande afflusso di Irlandesi. Essi furono attratti da quello che sembrava loro un alto tasso di retribuzione, per cui abbandonarono l'Isola dello smeraldo (Emerald Isle), dove vivevano in modo sano tra maiali e mucche in condizioni molto diverse da quelle cittadine. Per cui, non c'è da meravigliarsi se non furono in grado di elevarsi ai livelli necessari per il benessere della comunità. Nel 1816, si ritenne che ben 14.000 Irlandesi si trovassero a Shadwell e nel distretto adiacente. Il loro lavoro fu estremamente irregolare e furono gli intermediari a spingerli a bere molti alcolici, il che portò alla dissolutezza ed al disordine, per fronteggiare i quali non vi erano sufficienti forze di polizia. Shadwell era ben fornita di pubs, ad esempio, Paddy's Goose si trovava all'interno della Parish. Il numero relativamente scarsp di case rispetto alla popolazione causò la sub-locazione alle famiglie, che occupavano ciascuna una stanza, che erano spesso arredate con legno. Blanchard Jerrold, in "London: A Pilgrimage" (1872), scrisse "the densely-packed haunts of poverty and crime – in the hideous tenements stacked far and wide, round such institutions as the Bluegate Fields ragged schools in Shadwell.". Gustave Doré fornì una illustrazione suggestiva della scena. Il grande miglioramento della condizione sociale del quartiere si ebbe nei sessanta anni seguenti, grazie alla polizia, all'istruzione, al Comitato dei lavori (Board of Works) ed alle fatiche disinteressate di uomini di coraggio e buona volontà. Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Shadwell come segue: "a parish and a sub-district in Stepney district, Middlesex. The parish lies on the river Thames, near the Blackwall railway, 2½ miles E S E of St. Paul's, London; took its name from St. Chad's mineral well, in Sun Tavern fields; was part of Stepney till 1669; continued till then to be a hamlet, belonging to the Nealds; is now a compact portion of the metropolis, divided into Lower S. and Upper S.; is inhabited, in its L. part, chiefly by ship-chandlers, provision-merchants, sail-makers, anchor-smiths, coopers, and seamen; contains Lascar barracks and the new works of the London docks; and has a station on the railway, a post-office‡ under London E, and a police station.". Uno speciale atto del Parlamento del 1882 consentì l'apertura di un Mercato del pesce e di utilizzare quattro acri di terra a tale scopo. Il diritto di tenere un mercato è un grande privilegio da ottenersi solo con costi considerevoli per legge, dato che la Corporazione della City di Londra impediva la creazione di un mercato in un raggio di sette miglia di qualsiasi parte della City Il progetto è stato ideato dal Signor C. Dunch, il Geometra del Consiglio Superiore dei Lavori di Limehouse, e tra i nomi degli amministratori comparivano quelli dei Signori Spencer Charrington, Edward Rider Cook e Theodore H. Bryant, tutti ben noti nella parte orientale di Londra. Il mercato fu un fallimento. Il suo sito ricade all'interno del King Edward VII Memorial Park. Su di un muro della Gosling House, all'incrocio tra Cable Street e King David Lane, si celebra Sir William Henry Perkin (1838-1907), che visse qui studiando Chimica. All'età di 17 anni, in laboratorio nella sua casa su questo sito, cercò di realizzare sinteticamente il chinino per essere utilizzato come una cura per la malaria. Uno dei suoi tentativi falliti produsse però un brillante liquido colorante color malva. Si rese subito conto di aver scoperto per primo al mondo un colorante all'anilina. Poi scoprì altri colori ed iniziò la loro fabbricazione su larga scala. Fece nascere la moderna industria chimica della produzione di coloranti sintetici. Il 24 giugno 1922, venne aperto al pubblico il Parco dedicato al Re Eduardo VII, a cui abbiamo dedicato un punto successivo. Se alcune baraccopoli scomparvero con la costruzione delle banchine nel 1850 ed altre vennero autorizzate nel 1860, il carattere di Shadwell, soprattutto Lower Shadwell, è sostanzialmente rimasto sino a dopo la Seconda guerra mondiale, quando le case popolari municipali "germogliarono" in tutti gli angoli. Oggi, l'architettura è cambiata e vi sono zone dove il valore delle aree è aumentato, ma tuttavia, molti dei residenti di Shadwell vivono ancora in condizioni svantaggiate. La maggior parte delle case sono in affitto dal Council o da Cooperativa edilizie e la disoccupazione è alta. Quasi la metà dei residenti proviene dal Bangladesh o ha discendenza da tale Paese, mentre i Bianchi britannici sono meno di un terzo della popolazione. Conseguentemente, l'Islamesimo qui è più praticato del Cristianesimo.

2. St Paul's Parish Church

Costruita originariamente nel 1656, come sapete principalmente a spese e per influenza di Thomas Neale, affittuario di una tenuta che comprendeva i due terzi della Parish, la Cappella, con l'aggiunta di una torre alta sessanta piedi, divenne quindici anni dopo, la Parish Church of St. Paul's, dedicata ai proprietari del suolo, il Decano e Capitolo di St. Paul's. Venne consacrata il 12 marzo 1670-1671. Si trattava di una struttura di mattoni, con un Presbiterio, tre navate ed una bassa torre quadrata, con ampie gallerie a sud, ovest e nord. Venne abbattuta nel 1817. Il nuovo edificio venne progettato da John Walters e realizzato nel 1820. Il Vescovo Butler, in qualità di Decano di St. Paul's, nominò suo nipote alla gestione della Chiesa, il quale, tuttavia, fu talmente poco felice della cosa, che nel suo primo sermone affermò "Woe is me, that I sojourn in Mesech, that I dwell in the tents of Kedar!". Tuttavia, una Canonica a St. Paul ed il permesso di risiedere in Norfolk Street nello Strand, gli fecero cambiare idea, tanto che tenne la Canonica per 57 anni.

3. King Edward VII Memorial Park

Eduardo VII, fu Principe di Galles (cioè erede al Trono) per ben 60 anni, a causa della longevità di sua madre, la Regina Vittoria: per cui, fu Re soltanto per 9 anni (1901-1910). Per tale ragione, nel 1910, il Governo ritenendo di dover commemorare la vita e il Regno di re Edoardo VII, pensò che ciò potesse essere meglio assicuratoo da monumenti locali, piuttosto che nazionali. Si ritenne che Londra sarebbe stata gratificata dal fare onore alla memoria del compianto Sovrano ed il Sindaco nominò un grande e influente Comitato in rappresentanza di tutti i settori della comunità affinché riferisse sul problema. Venne anche aperto un fondo, a cui affluì un numero considerevole di sottoscrizioni da tutte le classi. Uno dei suggerimenti del citato Comitato, che poi venne seguito, fu la creazione di un Parco a Shadwell. Nella sua costruzione, molte case e vecchi edifici fatiscenti vennero rasi al suolo, compreso il fatiscente Mercato del pesce, creato in base alle competenze attribuite una società privata nel 1882 e trasferito, con la proprietà adiacente, circa sette acri e mezzo, alla City Corporation nel 1901, e che venne valutato in base ai valori contabili 140.000 sterline. La City Corporation accettò per 70.000 sterline, beneficiando così dei fondi a disposizione del Comitato suindicato Memoriale per tale importo. A causa della Prima Guerra Mondiale, si rinviò la sistemazione dei terreni ed il Comitato non fu in grado di completare i lavori. Il London County Council, rendendosi conto che se non si fosse intromesso nella questione il Parco non sarebbe stato terminato, decise di procedere con i lavori, ampliando il sito sito e, per via negoziale, eliminando alcuni inconvenienti che avrebbero pregiudicato la bellezza del Parco. In esso, ergendosi da una base di granito, la cui parte anteriore forma una poltrona, un'asta di pietra Portland reca su di un medaglione di bronzo il ritratto del defunto Re Edoardo VII con questa iscrizione:

ALLA
GRATA MEMORIA DEL
RE EDUARDO VII
QUESTO PARCO E' DEDICATO AL-
L'USO E PIACERE DELLE
PERSONE DI EAST LONDON PER SEMPRE.
INAUGURATO DAL
RE GIORGIO V
1922

Sino alla costruzione del Parco, non esisteva acceso al Tamigi dalla Torre di Londra all'Isle of Dogs, per cui, qui non era possibile il panorama del Fiume ed il passaggio delle navi. Una volta inaugurato, il Parco si riempiva soprattutto durante le vacanze scolastiche estive, quando era affollato da bambini, alcuni grandi, altri piccoli, e non pochi più piccoli, che giocavano, giocare, litigavano e gridavano di buon umore, come i loro padri prima di loro. Poi, raggiungendo un masso di pietra lì eretto, si vedono delle tavole di ceramica con figure di navi a vela, sotto cui si legge la scritta:

QUESTA TAVOLA E' IN MEMORIA DI
SIR HUGH WILLOUGHBY, STEPHEN BOROUGH
WILLIAM BOROUGH, SIR MARTIN FROBISHER
ED ALTRI NAVIGATORI CHE NELLA ULTIMA
META' DEL XVI SECOLO, PARTIRONO
DA QUESTO PUNTO DEL FIUME TAMIGI VICINO
RATCLIFF CROSS (ndr Ratcliffe Stairs, alla fine di Narrow Street)
PER ESPLORARE I MARI DEL NORD.

Sir Hugh Willoughby condusse una spedizione nel 1553 alla scoperta di regioni sconosciute e raggiunse la Penisola di Cola (Russia), dove lui ed il suo equipaggio morirono. Stephen Borough, raggiunse la Russia con la stessa spedizione e tornò sano e salvo. William Borough, nel 1587, egli veleggiò con Drake a Cadige (Spagna) per "singe the King of Spain's beard.". Nel 1588, comandò una delle navi che sconfissero l'Invincibile Armada. Sir Martin Frobisher, nel 1576, mentre era alla ricerca del passaggio a Nord-Ovest, raggiunse il Labrador e scoprì quella che oggi è detta Frobisher Bay. Portò indietro con sè 200 tonnellate di pirite di ferro, pensando che, poiché luccicava come l'oro, ne contenesse, ma restò tristemente deluso. Nel 1585, veleggiò con Drake verso le Indie Occidentali e nel 1588, lo aiutò a sconfiggre l'Invincibile Armada.

4. La sorgente di acqua straordinariamente curativa di Shadwell

Una sorgente di acqua minerale molto potente si diceva impregnata di "zolfo, vetriolo, in acciaio, e antimonio", che per le sue presunte doti curative non comuni, venne denominata "Shadwell Spa". Venne scoperta da Walter Berry, mentre scavava un pozzo a Sun Tavern Fields. Un opuscolo pubblicato da D. W. Linden nel 1749, la esalta perché sarebbe stata in grado di curare ogni malattia, sia bevuta, che usata per il bagno. Venne trovato molto utile come antiscorbutico ed in tutti i disturbi cutanei. Poi, l'acqua venne usata principalmente per fini di sali estrazione, dei quali i i proprietari avevano una grande richiesta, e per la preparazione di un liquore con cui i gli stampatori di tessuti fissano i loro colori. Tale pozzo non ha nulla a che vedere con l'origine del nome di Shadwell. Forse, la sorgente può aver rifornito il pozzo menzionato da Harrison quasi duecento anni prima nella sua "Description of Ingland" (1579). Egli scrive: "Ho sentito di un altro pozzo che è stato scoperto nei pressi di Ratcliffe vicino Londra anche nella stessa stagione.".

5. Prospect Of Whitby

E' un celebre pub storico che si trova tra Shadwell e Wapping, esattamente al numero 57 di Wapping Wall,London E1W 3SH. La catena proprietaria, Taylor-Walker, lo pubblicizza come "London's oldest riverside pub dating back to 1520", anche se va osservato che venne successivamente ricostruito ed "antichizzato". Tuttavia, sempre stando ai proprietari, "Il pavimento lastricato originale sopravvive". Data la sua posizione, originariamente, il pub venne frequentato da quelli legati alla vita del Tamigi e del mare, divenendo un luogo di ritrovo noto per contrabbandieri, ladri e pirati. Successivamente, il pub vanta la frequentazione di Charles Dickens, Samuel Pepys, il Giudice Jeffries e gli Artisti Whistler e Turner. Negli anni '60 del XX secolo, venne frequentato da Attori e Principi. Una delle peculiarità del pub è di fornire una notevole vista sul Tamigi, con un giardino, un balcone al primo piano ed una terrazza.

6. Watney Market

Il nostro giudizio sull'area e sul Mercato è alquanto negativo. Tuttavia, per completezza, ne trattiamo diffusamente. Watney Market era un tempo uno dei più grandi e famosi mercati di strada, tanto che nel 1902, il "Post Office Directory" testimonia l'esistenza di un fiorente mercato di oltre 100 negozi, tra cui venditori di stoffe, calzolai, macellai, venditori di formaggi, un modista, con centinaia di altre attività di strada. Ed il Mercato era talmente famoso che quando nel 1927, le licenze di vendita giunsero a scadenza, per il rinnovo, per 200 piazzole, vi furono 227 richieste, tra cui J. Sainsbury Ltd, che chiese anche una seconda postazione per vendere latte condensato, uova, margarina. I primi problemi al Mercato furono religiosi, dato che diverse Chiese dell'area, nel 1928, rivolsero una richiesta al Metropolitan Borough of Stepney Markets Committee con cui richiedevano la chiusura del Mercato di domenica. Il Comitato notò che la legge che imponeva l'osservanza del Giorno del Signore non era stata abrogata, ma obiettò che non aveva il potere di ritirare le licenze già rilasciate. In tal modo, "chiuse un occhio" nei confronti dei commercianti e clienti trasgressivi .... Verso la metà degli anni Sessanta del XX secolo, Watney Market seguiva un lento declino iniziato anni prima, dato che i residenti si trasferivano dall'East End verso le nuove città di Harlow e Stevenage. Le Autorità si mossero. Gli spazi ancora vuoti dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale vennero riempiti con edifici, ma al tempo stesso vennero abbattuti molti edifici ancora perfettamente sani. Nel 1965, vennero approvati i piani per l'edilizia abitativa a molti piani ed un nuovo mercato. Nel 1968, vennero appiattite Watney Street e Blakesley Street. I commercianti attendevano ansiosamente il loro nuovo mercato. Tuttavia, nel febbraio 1970, alla richiesta di cosa stesse accadendo ai lavori di Watney Street, la risposta fornita da Horace Cutler, della GLC Housing Committee fu che il lavori erano seriamente rallentati dal giugno 1969 e dal settembre dello stesso anno "very little progress has been made". Ma la colpa non era di tale Organizzazione. Il problema era che il rivestimento dei palazzi prevedeva un processo di fabbricazione altamente avanzato e tecnico importato dagli Stati Uniti ed erano state riscontrate delle difficoltà, dato che non venivano prodotti pannelli di questo tipo e dimensioni in questo materiale in questo Inghilterra. Comunque, i lavori sarebbero ricominciati a breve. Quindi, nell'estate del 1970, un mercato fiorente stava morendo a causa dei ritardi nelle nuove costruzioni (e nuovi clienti). Il piano di 12 mesi era diventato di 18 mesi, poi di due anni. Venne fissata una nuova data di completamento per la primavera 1971. Il Mercato continuava per sei giorni alla settimana, ma era assordato da un frastuono di martelli pneumatici e rumore di motori. La parte terminale di Wapping di Watney Street era rimasta più o meno inalterata, mentre, dall'altra parte, una grande recinzione in ferro ondulato bloccava l'ingresso in Commercial Road, chiudendo l'accesso principale al mercato. I clienti si allontanarono, gli ambulanti abbandonarono. Del mercato originale, una volta di più famoso di Petticoat Lane, erano rimaste solo 20 bancarelle. A tal punto, la GLC ammise che il Mercato non sarebbe stato finito prima della fine del 1974, ma aggiunse che al termine dei lavori, sarebbe stata una delle aree più attraenti di Londra. Intanto, il tempo passava e nel settembre 1977, apparve una scritta su un negozio chiuso: "This market has been murdered!". Non a caso, nel 1979, l'elenco postale inziale riportava solo 18 negozi. Nell'agosto 1991, venne previsto un ambizioso piano per evitare la fine di Watney Street Market. Due edifici a torre, rivestite di amianto, sarebbero dovute essere abbattute e rimpiazzate da case a vita bassa con giardino, e una tettoia per coprire la zona delle compere con sopra un baldacchino. Nel dicembre 1991, un rapporto individuò Watney come un centro commerciale importante, con botteghe, un solo supermercato della zona, una biblioteca, un centro di lavoro e un pub e un numero sempre crescente di bancarelle. Ma nell'agosto 1995, i negozianti minacciarono di chiudere i battenti per sempre. Il commercio era caduto drammaticamente dopo che Sainsbury si era trasferito nel suo nuovo negozio a Whitechapel. Iceland approfittò dello spazio lasciato vuoto da Sainsbury e, lentamente, vi furono miglioramenti e ricostruzioni, anche se i danni legati alla lunga ricostruzione dagli anni '60 non potevano essere del tutto eliminati. Infatti, il Mercato, almeno durante le nostre visite, non ci è sembrato né attraente, né vivo.

Tower Hamlets - Visita guidata

Stazione della Overground

Stazione della Overground

Casette

Casette

Edifici moderni

Edifici moderni

St George's Town Hall

St George's Town Hall

Murales della Battaglia di Cable Street

Murales della Battaglia di Cable Street

St Georges' Church

St Georges' Church

Henry Raine Memorial

Henry Raine Memorial

Monumento ai Caduti

Monumento ai Caduti

Frutta e verdura in vendita in uno dei negozi di Chapam Street

Frutta e verdura in vendita in uno dei negozi di Chapam Street

Watney Market

Watney Market

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it