www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Hendon

Sintesi

Hendon è una stazione ferroviaria che serve due zone di Hendon, The Hyde (a nord-ovest) e West Hendon (a sud-ovest). Tuttavia, è più distante dal centro di Hendon di quanto lo sia quella di Hendon Central.

Distanza dal centro: 7,7 miglia.

Attrattiva: nulla, soprattutto in riferimento a West Hendon, che dà l'impressione, in più punti, al di là di qualche iniziativa di riqualificazione, di semi-abbandono e miseria.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, avete subito l'impressione di trovarvi in una zona periferica, tanto che vedete dall'alto la sottostante strada M1. Siete su Station Road, dove trovate un cartello che vi indica la direzione del centro ("Town Centre"). Seguendo la strada citata, dopo poco, trovate sulla destra West Hendon Baptist Church. Proseguite sino all'incrocio con la strada principale dell'area, West Hendon Broadway. Vi aspettereste una bella strada ed un'atmosfera viva: al contrario, la strada, soprattutto in alcuni tratti, sembra trascuratissima (numerosi negozi chiusi e palazzi maltenuti), l'atmosfera "latita". Tuttavia, vi sono dei punti in cui si sta ricostruendo, e sia nei paraggi, che in lontananza, si vedono dei grattacieli. La presenza Irlandese nell'area si evidenzia tramite St. Patrick's Catholic Church ed il pub O' Hanlons. Trovate anche Vitale, un piccolo locale Italiano. Chi avesse voglia di camminare (molto), sappia che verso ovest, trovate lo spazio verde West Hendon Playing Fields e lo spazio d'acqua Brent Reservoir.

Toponimo

I primi riferimenti all'area di Hendon si ritrovano in diversi atti, di cui, alcuni fanno riferimento a zone non più rintracciabili (che ne rappresentavano i confini settentrionali e meridionali), altri citano espressamente Hendon:

1. Blecceanham

Il primo riferimento porta la data del 951 (ma ritenuto del 959), con cui il Re Edgard il Pacifico (2 ottobre 959 - 8 luglio 975) reintegra la Chiesa di San Pietro di Westminster di 5 unità (mansiunculae) sul lato settentrionale del Tamigi tra il Tyburn ed il Fleet, nel Middlesex, con una concessione aggiuntiva di 5 unità a Blecceanham (Blechenham, perduta in Hendon). Se è vero che dubbi sorgono in merito alla genuinità del contenuto del documento, valutato da Alcuni come "di fabbricazione tardiva e maldestra", "dubbio", "falso", "contraffazione", Altri hanno, invece, sottolineato come sia stato "realizzato in maniera inusuale ma senza motivo di dubitare dell'autenticità", ed anche "consolidata documentazione di dotazione di Westminster nel X secolo". Il testo è in Latino (abbiamo evidenziato i dati salienti): "Anno ab incarnatione domini nostri Jhesu Christi dcccc . li . Ego Eadgar divina allubescente gratia rex et primicherius totius Albionis ruris quandam particulam quinis ab accolis estimatam mansiunculis ad æcclesiam beati Petri apostoli que sita est in nominatissima loco qui dicitur Westmynster , libenter admodum largitus sum eo tenore quatinus nemo nostrorum successorum hoc nostrum decretum sine ira omnipotentis Dei audeat violare . Hæc particula terræ priscis temporibus ad eandem perhibetur æcclesiam pertinere, sicut legitur in antiquo telligrapho libertatis, quam rex Offa illi monasterio dudum contulit, quando ecclesiis per universas regiones Anglorum recuperativa privilegia Wulfredo archiepiscopo hortante scribere jussit. Hanc eandem libertatem prefatæ æcclesiæ sancti Petri principis apostolorum , cui locus prædictus dedicatus ac consecratus mirabiliter ab antiquis temporibus Dei providentia ab ipso clavigero fuit confirmatus, Dunstano archiepiscopo concessi . quatiuus ab omni seculari servitute inperpetuum sit liber. Et ut ne quis presentium vel magis futurorum ambiget que sit illa libertas quam amabiliter et firmiter concedo omnimodis cuncta illius monasterii possessio , nullus sit umquam gravata honeribus, scilicet nec expeditionis nec pontis et archis edificamine, nec juris regalis fragmine nec furis apprehensione. Et ideo ut omnia simul comprehendam, nil debet exsolvi vel regis preposito vel episcopi, vel ducis, vel ullius hominis, sed omnia debita exsolvant jugiter qui in ipsa dominatione fuerint ad supradictum sanctum locum secundum quod ordinaverit abbas qui ipso prefuerit cenobio . Empta est enim hec donatio . cxx . aureis solidis in una armilla . Et hoc actum est coram idoneis testibus queque hiis cingitur territoriis . Ærest up of Temese, and lang Merfleotes to Pollene stocce . swa on Bulinga fenn . of tham fenne æfter thær ealdan dic to Cuforde . upp and lang Teoburnan to thære wide herestret, æfter there herestret to thære ealde stoccene sancte Andreas on Holeburne swa innan Lundane fenn, and lang fennes suth on Temese on middan streame . and lang streame be lande 7 be strande eft on Merfleote . Terram autem quæ nominatur Blecceanham . v . mansiunculis estimatam rex prefatus Eadgar in servitium et usum prefate ecclesie sancti Petri fratrumque ibidem Deo servientium prout antiquitus destinabatur in perpetuam possesionem perstrinxit. Et his limitibus hæc pars telluris circumcingi videtur. Ærest æt Sandgæte thær tha threo marce to gædere gath , west thanon and lang Hemstedes mearce to Mærburnan . 7lang burnan to Wætlingan stræte , 7lang stræte into Bræingte, up 7 lang Bræg'en'te innan fihte burnan, of tham burnan to tham wogan æpsan, thanon to tham ældan hagtreowe, of tham treowe to tham thrim mærcum æt Sandgate. Et hoc donum sub prefatorum contestatu testium peractum esse videtur, ejusdemque annalitatis cursu perfici videbatur. Acta est hæc donatio his testibus consentientibus quorum inferius nomina karraxari videntur.
+ Ego Eadgar rex hanc meam donationem signo crucis confirmavi.
+ Ego Dunstan archiepiscopus consensi et subscripsi.
+ Ego Ælfstan episcopus consensi et subscripsi.
+ Ego Alfwold episcopus consensi et subscripsi.
+ Ego Athelwold episcopus consensi et subscripsi.
+ Ego Eadelm episcopus consensi et subscripsi.
+ Ego Ælfstan episcopus consensi et subscripsi.
+ Ego Alfwold episcopus consensi et subscripsi.
+ Ego Ælfhere dux consensi et subscripsi.
+ Ego Æthelwine dux consensi et subscripsi.
+ Ego Brihtnoth dux consensi et subscripsi.
"

2. Loceresleage (Loh∂eres leage), Tuneweor∂e

Nel 957, il Re Eadwig (24 novembre 955 - 1 ottobre 959), concede a Lyfing, suo fedele Ministro, 9 unità (mansae) a Loceresleage (per Lotheresleage, persa ad Hendon) ed a Tunworth (persa a Kingsbury), nel Middlesex. In merito all'attendibilità del documento, costituito da una copia risalente al XII secolo, è stato ritenuto "probabilmente autentico", "autentico". La mano di uno scriba del XV secolo ha riportato: "Telligraphus Regis Edwii de terra de Loceresley et Tomwerth concessa Liffyno ministro suo". Il testo è in Latino e Sassone (abbiamo evidenziato i dati salienti): "[I]n nomine Dei et domini nostri Jhesu Christi veri redemptoris mundi . Anno vero incarnationis Domini . DCCCCLVII . Indictione . XV . Ego Eadwig . omni creantis disponente clementia Angligenarum omniumque gentium undique secus habitantium Rex divina ductus amore ab eodem Deo et domino nostro populis et tribubus preordinatus in regem anno imperii mei . Secundo . non inmemor fui quomodo . et quam mirabiliter omnia supernus rector firme rationis serie gubernat atque custodit. Id circo cuidam meo fideli ministro quem vocitant nonnulli noto vocamine . Lyfing . IX . mansas . duobus in locis concedo . illic ubi Anglice dicitur . æt Loceresleage . 7 æt Tuneweor∂e . ut habeat ac possideat . quandiu vivat . Et postquam universitatis viam adierit . Cuicunque voluerit heredi derelinquat in eternam hereditatem . Sit autem predictum rus liberum ab omni mundiali obstaculo Cum omnibus ad se rite pertinentibus Campis . Pascuis . Pratis . Silvis . Sine expeditione et pontis . arcisve instrictione . Si quis autem infringere temptaverit quod absit . Sciat se reum omni hora vite sue et tenebrosum Tartarum non evadere . Istis terminis ambitur predicta tellus . ˝is synd ∂a land gemære æt loceresleaga 7 æt tuneweor∂e . Ærest of tateburnan 7lang mærce on wi∂imære ˇonon 7lang mærce on holen ri∂e 7lang ri∂e on sulue ∂onon on wi∂ipol ˇonon 7lang mærce on wætlingan stræte to ∂am tunstallan 7lang stræte o∂ tunwæor∂inga gemære west of wætlinga stræte 7 lang mærce on liuyssac mere ∂onon 7lang mærce on ∂a wicstræte 7lang stræte to ∂æs hredes mærce æt Sancte Albane ∂onon 7lang mærce on wætlingan stræte su∂ 7lang stræte on ∂a deopan fura ˇonon inon sulh ∂onon 7lang mærce to ∂ara apoldre ˇonon to ∂am gemearceden stocce ∂onon eft on tataburnan . 7 se wuda gemæne ˇe into loceres leage hyr∂ o∂ ∂æs cinges inwuda . 7 her is se wuda ∂e into tune weorde hyr∂ . of hylfes hæcce innon sulc up æftær sulue on ∂a holan ri∂e 7lang ri∂e on ∂æt brade wæter ˇonon 7lang wætlingan stræte to hylfes hæcce .
+ Ego Eadwig Rex Anglorum prefatam donationem concessi.
+ Ego Eadgar ejusdem Regis fræter Celeriter consensi.
+ Ego Oda archiepiscopus cum signo Sancte Crucis roboravi.
+ Ego Ælfsinus presul agie Crucis impressi.
+ Ego Byrhthelm . Episcopus Consignavi.
+ Ego Cenwald . Episcopus Adquievi.
+ Ego Oscetel . Episcopus Corroboravi.
+ Ego Osulf . Episcopus Subscripsi.
+ Ego Byrhthelm . Episcopus Non rennui.
+ Ego Aˇulf . Episcopus Conclusi.
+ Ego Æˇelstan . Dux . + Ego Eadmund. Dux.
+ Ego Ælfhere . Dux . + Ego Byrhtnoˇ. Dux .
+ Ego Æˇelsige . Dux.
+ Ego Aˇelwold . Dux
. + Ego Ælfheah . Dux.
+ Ego Ælfsige . Minister.
+ Ego Æthelgeard . Minister.
+ Ego Ælfred . Minister.
+ Ego Ælfheah . Minister.
+ Ego Wulstan . Minister.
+ Ego eadric . Minister.
+ Ego Byrnric . Minister. ˘is synd ∂a landgemære to . Batriceseie . Ærst at hegefre . fram hegefre ; to gætenesheale . fram gætenesheale ; to gryndeles syllen . fram gryndeles sylle ; to russemere . fram ryssemere ; to bælgenham . fram bælgenham ; to bernardes byrieles . 7 swa ∂anon to ˇam blachemore ; fram blachemore ; to ∂am coppede ∂orne ; fram ∂am coppede ∂orne ; to bænces byri . swa ∂onon to bæueri∂e . Ealswa feor swa an man mæi mid anen bille ge wurpen . 7 an friman ; mid fif bere cornen . swa eft ongen ; to fugele ri∂e . ∂anon nor∂ into tæmese . be middan stræme . be healfen streame ; eft into hegefre . Herto ge byre∂ se wude ˇe hatte pænge . Seofen milen . And seofen furlang ; and seofen fet embeganges.

3. Blecceanham, Lothereslege, Hendun

Il 1 aprile 959, Dunstan, Vescovo di Londra, proclama la conferma e concessione da parte del Re Eadgar (Edgar) alla Chiesa di San Pietro di Westminster, di estesi privilegi e terre, che comprendevano, tra l'altro, 5 unità (mansae) a Westminster (per cui Dunstan aveva dato ad Edgar 120 "mancuses" (nell'Europa al principio del Medioevo, indicava una moneta d'oro, un peso d'oro di 4,25 grammi o un'unità di conto di trenta denari d'argento) d'oro, 5 unità a Blecenham (perduta ad Hendon nel Middlesex) e 6 a Lothereslege (perduta ad Hendon) (per cui Dunstan aveva dato ad Edgar 10 mancuses d'oro), 10 unità ad Hendon nel Middlesex ed altre in varie altre località. Se il precedente atto aveva molti detrattori che lo ritenevano falso, e solo pochi che lo difendevano, in qualche modo, quest'atto, invece, è generalmente criticato, essendo da molti ritenuto non solo "falso", ma addirittura, "gloriosamente falso", "contraffatto" e realizzato dalla medesima mano di uno scriba che aveva redatto altri documenti. Il testo è in Latino (abbiamo evidenziato i dati salienti): "Datum etc. anno domini dcccclix. .... Privilegium concessum a 'sancto' Dunstano Londoniensi episcopo Px Dunstanus Dei misericordia Lundomensis episcopus . omnibus episcopus . abbatibus . et cunctis æcclesiæ filiis . præsentibus et futuris in perpetuum . Quoniam fratres karissimi inimicus humani generis semper laborat superseminare zizania in agro dominice sationis . Et quos non potest incitare ad graviora delicta . plerunque de minimis occasionibus incendit ad lites et discordias ; cavendum est eis maxime qui in ecclesiasticis ordinibus eminere videntur . ut publice ac privatim quanta virtute possunt amputent omnes occasiones per quas inter servos Dei scandala possunt oriri . ut quietam et tranquillam vitam agamus in caritate domini . Quapropter noverit omnium catholice æcclesie cultorum generalis universitas quod domnus gloriosissimus Eadgarus Anglorum rex ; divino irradiatus lumine . religiosa petitione humilitatis nostræ extremitatem poposcit propter frequentes monachorum et clericorum simultationes . ut et nos et canonicorum nostrorum communis fraternitas . securitatis et incommutabilitatis privilegium ederemus pro reverentia summi apostolorum principis Petri . ad basilicam ipsius quæ dicitur Westmonasterium . ubi reliquiæ ipsius virtutum miraculis coruscant ....... Et omnia que ad libertatem et exaltationem illius loci per nostram auctoritatem accedere possunt ; hilari et prompta voluntate concedimus . nimirum cum ego illi sancto loco quasi multorum regum temporibus neglecto . prefuerim ; quem postea additis et aliquantis terris . venerabili Wulsino ejusdem loci monacho commendavimus servandum . quas scilicet terras hic denotare non omittimus . Inprimis circa illud monasterium . v . mansas a venerabili rege Eadgaro . c . xx . mancusis auri una cum loco emi . et cum redditibus et cum terris quas antiqui reges . scilicet Offa . Kenulfus . et Ælfredus illi sancto loco benigne dederant . Item . v . mansas in Blecenham . et . vi . in Lothereslege a prefato rege emi . x . mancusis auri . et addidi monasterio prefato . Item mercatus sum a venerabili Ethelwoldo Wintoniensi episcopo . x . mansas . et . x . a quodam Wulnoˇo milite regis octaginta libris . probati argenti . easque sub uno territorio addidi prefato monasterio . in loco scilicet qui Hendun dicitur .......".
+ Ego Eadgarus rex Anglorum huius libertatis donationem culminis totius regimen gubernans . episcopo Dunstano desiderante ; libenter concessi . et signo sancto . regiaque potestate roboravi + + In Christi nomine sub horum testimonio quorum nomina flavescunt infra . Ego Dunstanus acsi peccator et nomine tantum episcopus . hanc libertatis scedulam impressione sigilli nostri et anuli . insuper et agalmate sancte crucis diligenter consignavi . ac deinde manibus ad cælum extensis dixi . 'Si quis hanc munificentie libertatem sanctum predictumque locum in terris . vel decimis vel aliis redditibus . seu in aliquo . nostris et futuris temporibus melioraverit vel adauxerit . augeat illi Deus perpetuitatis beatitudinem . atque in nostris orationibus et benedictione . ab omnibus peccatis suis absoluti ; feliciter permaneant . Qui vero hanc nostram auctoritatem vel immunitatem infringere voluerit . vel alios ad hoc conduxerint . et tam ea que preteritis . vel nostris temporibus sunt data . quam ea que in futuro a fidelibus danda sunt stolido conamine absumere cogitaverint . vel aliquod amminiculum . aut calices . aut cruces . seu indumenta altaris . vel sacros codices . aurum . argentum . vel qualemcumque speciem ibidem collatam eripere temptaverint ; vel alios de rebus illius æcclesie hereditaverint . fratribusque ejusdem loci vim inferre presumpserint . vel eos injuste contristaverint . necnon et hanc scedulam kartulasque regum . vel aliorum fidelium ad defensionem et tuitionem loci ibidem data . auferre seu evertere studuerint ; ignibus eternis . cruciatibus perpetuis illos damus . maledicimus . atque excommunicamus . Portas cæli eis claudimus . et deleantur nomina eorum de libro vite . sitque pars eorum cum Juda domini traditore . nisi resipiscant . et tribus annis a communione fratrum sequestrati penitentiam agant' .
+ . + Ego Oswoldus Eboracensis æcclesiæ archiepiscopus . huius munificentie conservatores benedixi . contradictores vero perpetuo dampnavi dicens . 'Effundat dominus super eos iram suam . et furore ire suæ comprehendat eos' . + . + Ego Ælfstanus Rofensis æcclesiæ episcopus . hanc libertatem augmentantes regi regum commendavi . destructores autem sic dicendo maledixi . 'Veniat mors super illos . et descendant in infernum viventes' .
+ . + Ego Ælfeagus Wintoniensis æcclesiæ episcopus . illius loci adauctores Jhesu Christo consignavi . invasores nempe eternis cruciatibus tradidi dicens . 'Non sit illis pax . non misericordia . non pietas . sed terror infernorum . crudelitas penarum . impietas cruciatuum' .
+ . + Ego Æscwius episcopus Dorcensis æcclesiæ . hec adjeci . 'Erubescant destructores presentis loci æt conturbentur in sæculum sæculi . et confundantur . et pereant . benefactores autem ; in æternum vivant' .
+ . + Ego A∂ulfus presul Herefordensis æcclesiæ . hoc idem hec dicens adfirmavi . 'Maledicti sint raptores illius sancte æcclesiæ in omnibus operibus suis . et in omnibus viis suis . et in cunctis adinventionibus suis pravis . benefactores vero a Deo benedicantur' .
+ . + Ego Æˇelsinus episcopus Scireburnensis æcclesiæ . supradict sic conclusi . 'Quicunque inferior vel sublimior contra hunc libellum quicquam sinistrum audere presumpserit . vivus ad inferos arreptus ; inter omnia perpetua mala in perpetuum dampnetur' .
+ . Anno ab incarnatione domini dccccmo lmo ixno Imperii autem gloriosi regis Eadgari . iiiito . Ego Aldredus abbas hanc scedulam scripsi kalendas Aprilis . episcopo Dunstano rogante . quam idem episcopus Lundonie et Wigornie necnon et totius Angliæ Decanus super altare beati Petri in eadem ecclesia quæ manibus angelicis consecrata dinoscitur ; obtulit . atque ibidem in evum propter iniquitates simultationesque futurorum atque inopinata mala que sepe predicebat futura eam servari ad defensionem loci ; precepit . Indictione . vero IIdo .
"

4. Loh∂eres leage

Nel 972, a Kingston-upon-Thames, allora nella Contea del Surrey, il Re Edgar concede alla Chiesa di San Pietro di Westminster 6 unità (cassati) a Lohtheres leage (perduta ad Hendon, allora nella Contea del Middlesex), comprate dall'Arcivescovo Dunstan da Edgar per 70 solidi d'oro, precedentemente possedute da Wulfmær. In merito all'attendibilità del documento, vale quanto abbiamo riportato al punto 1. Il testo è in Latino (abbiamo evidenziato i dati salienti): "+ Insuper ego Eadgar rex Anglorum libenti animo Deo omnipotenti et sancto Petro addidi ad prefatum monasterium partem terre . Sex cassatorum in loco qui dicitur Loh∂eres leage quam tamen Dunstan archiepiscopus emit a me pretio . lxxta . solidorum auri obrixi Imperpetuam possessionem æcclesie sancti Petri . quam si dempserit aliquis vel abstulerit ab illa aecclesia . dampnetur a domino et auferatur in perpetuum nisi digna emendatione ante obitum suum coram Deo et hominibus satisfaciat . Et hoc donum firmatum est sub priorum testium corroboratione episcoporum . ducum . quorumcumque et fidelium . anno dominice incarnationis . dcccc . lxxiimo . in notissimo loco qui dicitur Cyngestun . obeunte viro qui dicebatur Wulmær sub cujus dominio in priore tempore . Hec ruris particula . esse . videbatur . Obeunte rege Eadgaro dum infelicissima nobis occurrerunt . tempora contigit quendam venatorem nomine Brihtfer∂ et dominii sui dominum et terram suam trium cassatorum reliquisse in loco qui dicitur Lo∂eres leaga et sibi alium dominum elegisse . Et hoc actum est regno secundo accepti regni Ædwardi regis .".

5. Loh∂eres leage

Nel 978, Dunstan, Arcivescovo di Canterbury, comprò per 30 sterline ulteriori 3 unità a Lohtheres leage, in precedenza tenute da Brihtferth, Cacciatore, e concesse la proprietà a San Pietro di Westminster. In merito all'attendibilità del documento, vale quanto abbiamo riportato al punto 1. Il testo è in Latino e Sassone (abbiamo evidenziato i dati salienti): " Tunc Dunstan archiepiscopus probata pecunia . xxx . librarum . Hanc eandem terram sub testimonio idoneorum virorum ab Eadwardo rege in hereditatem emit sancto Petro ad locum qui dicitur Westmynster . Hanc que possessionem injuncxit ad alias o rex cassatas o quos prius emit ab Ædgaro rege eosque sub uno territorio prefato promulgavit monasterio . obsecrans in Christo Jhesu ut quicumque hanc institutionem inrumpere conetur totum mundum judicante Deo dampnetur . Et his limitibus hæc telluris pars circumgyrari videtur . Ærest of ˇam ealdan tunstealle on wæclinga stræt . Innan Ægces wer . æfter stan burnan on sulh . swa on yburnan . 7 lang yburnan oˇ Iccenes ford 7 lang sihtre oˇ ˇone hagan . 7 lang hagan to grendeles gatan æfter kincges mearce innan brægentan . of brægentan æfter merce innan tatan burnan . ˇanon oˇ heandunes gemære on holan riwe . ˇanon on sulh . of sulh eft to ˇam ealdan tunstealle . Acta est autem hæc præfata emptio . anno dominicæ incarnationis . dcccclxxviii . sub testimonio æpiscoporum nostrorum.".

Successivamente, si legge "() heandunes gemære" (972-978), "(in) Heændune" (1042-1066), "Hendun" (1050), "Heandune" (1066), "Handone" (1086, Domesday Book), "Heindone" (1199), "Hendon" (1199), "Heyndone" (1291), "Hendun" (XIII secolo), "Heendon" (1305), "Hyndon" (1344, 1370, 1534). In merito al significato del termine, John Norden (circa 1547-1625), Cartografo ed Antiquario Inglese, lo ricollegò alla parola Sassone "Higbendune", spiegando che "significa Bosco elevato, dall'abbondanza di boschi che lì crescono sulle colline". Tale etimologia fu ritenuta "non perfettamente corretta" da Daniel Lysons, dato che "consultando i dizionari Sassoni, Heandune sarà trovata significare piuttosto altura o collina". Seguendo la seconda interpretazione, quindi, si tratterebbe di un nome composto delle parole dell'Old English"hēah" (luogo elevato, altura, dativo "hēan") + "dūn" (collina), per cui, si traduce "(Luogo sulla) alta collina": St. Mary, attorno a cui si sviluppò l'originario insediamento, infatti, si erge su una collina sporgente che raggiunge i 280 piedi ed è visibile da diverse miglia di distanza, sia da ovest, che da sud-ovest.

Storia

L'abbondanza di Fonti, soprattutto in riferimento agli atti, ci ha indotto ad una selezione degli stessi, fermo restando che il lavoro di sintesi è stato duro e lungo. Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da John Norden in "Speculum Britanniæ: an historical and chorographical description of Middlesex and Hartfordshire. To which is added, a preparative to this work" (1723, prima edizione 1593); da John Dart in "Westmonasterium The History and Antiquities of the Abbey Church of St Peter's Westminster" (London, 1723, esiste anche 1742), volume I pagina 10; da Daniel Lysons in "The Environs of London: Volume 3, County of Middlesex" (1795), alla voce "Hendon" (pagine 1-21); da William Combe in "The history of the abbey church of St. Peter's Westminster: its antiquities and monuments" Volume 1 (1812), pagine 44, 47, 50; si leggono in "A Topographical Dictionary of England" (1848), alla voce "Hendon St. Mary" (pagine 474-478); sono fornite da John Francis in "Chronicles and characters of the Stock Exchange" (1849); si leggono nel Cartularium Saxonicum (1885-1893), voce S 1450; in "A Calendar To the Feet of Fines For London and Middlesex: Volume 1, Richard I - Richard III" (1892), alle voci "London and Middlesex Fines: Richard II", pagine 153-168 (punti  13, 21, 56, 98, 127, 149, 158), "London and Middlesex Fines: Henry IV", pagine 169-177 (punti  5, 35, 48, 52, 84, 91), "Fines for divers and other counties: John", pagine 214-215 (punto 29), "Fines for divers and other counties: Edward I", pagine 218-221 (punti  5, 21, 332); sono fornite da Arthur Sampson - William Henry Stevenson (Editori) in "The Crawford collection of early charters and documents now in the Bodleian library" (1895), pagine 96-97; si leggono in "An Inventory of the Historical Monuments in Middlesex" (1937), alla voce "Hendon" (pagine 71-73); in "Two Early London Subsidy Rolls" (1951), alla voce "Subsidy Roll 1292: Bassishaw ward", pagine 190-191, sono fornite da Diane K. Bolton - H. P. F. King - Gillian Wyld - D. C. Yaxley in "A History of the County of Middlesex: Volume 4, Harmondsworth, Hayes, Norwood With Southall, Hillingdon With Uxbridge, Ickenham, Northolt, Perivale, Ruislip, Edgware, Harrow With Pinner" (1971), alla voce "The hundred of Gore", pagine 149-150; da A. P. Baggs - Diane K. Bolton - Eileen P. Scarff - G. C. Tyack in "A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham" (1976), alle voci "Gore Hundred : (continued)", pagina 1, "Hendon: Introduction", pagine 1-2, "Hendon: Growth before 1850", pagine 5-11, "Hendon: Manors", pagine 16-20; da Frank Kitchen in "John Norden (1547-1625): Estate surveyor, Topographer, County mapmaker and devotional writer" (Imago Mundi The International Journal for the History of Cartography, 1997, Volume 49, pagine 43-61); da Hugh Petrie in "Hendon and Golders Green Past" (2005); da Ptolemy Dean in "Sir John Sloane and London" (2006); da Reginald H. Somes in "The evolution of St Mary's Church Hendon" (2007); da Don Cooper in "Preliminary report on the Excavation at Hendon School from June 16th to June 27th 2008" (Newsletter 449 agosto 2008, pagina 2, Hendon & District Archaeological Society); da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010) e "A Dictionary of British Place Names" (2011), si leggono in "Brewer's Dictionary of London Phrase & Fable" (2011); in "The Burroughs" (Barnet Council); in "Hendon House" (2010, Hendon & District Archaeological Society); in "London Hearth Tax: City of London and Middlesex, 1666", alla voce "'Hearth Tax: Middlesex 1666, Hendon" (2011), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga: A. P. Baggs - Diane K. Bolton - Eileen P. Scarff - G. C. Tyack in "A History of the County of Middlesex: Volume 5, Hendon, Kingsbury, Great Stanmore, Little Stanmore, Edmonton Enfield, Monken Hadley, South Mimms, Tottenham" (1976), alle voci "Hendon: Communications" (pagine 2-5), "Hendon: Economic history" (pagine 23-27), "Hendon: Social life" (pagine 27-29), "Hendon: Local government" (pagine 29-31), "Hendon: Public services" (pagine 31-33), "Hendon: Churches" (pagine 33-37), "Hendon: Protestant nonconformity" (pagine 39-43), "Hendon: Judaism" (pagina 43), "Hendon: Education" (pagine 43-48), "Hendon: Charities for the poor" (pagine 48-49),   Edward T. Evans "A History of Hendon" (1890), John Hopkins "A History of Hendon" (1964), Stewart Gillies - Pamela Taylor Hendon, Childs Hill, Golders Green, and Mill Hill; a pictorial history (1993).

1. Eventi storici di rilievo

Una campagna di scavi archeologici effettuata dalla Hendon and District Archaeological Society ed i cui risultati furono sintetizzati da Don Cooper nella relativa Newsletter 449 del 2008, pagina 2, sotto il titolo "Preliminary report on the Excavation at Hendon School from June 16th to June 27th 2008", fornisce lumi in merito alla Storia più antica dell'area. Innanzitutto, non venne rinvenuta alcuna traccia di attività preistorica; in aggiunta, altre Fonti riportano che non esiste alcuna prova concreta di insediamento pre-Romano nella antica Parish di Hendon. Data la vicinanza a strade Romane, si comprende il rinvenimento di un coccio corroso da una fossa mortuaria. Inoltre, altre Fonti riportano il rinvenimento di molti altri reperti Romani, con diversi manufatti Romani interessanti a Church End; una sepoltura di un bambino senza testa venne trovata a Sunny Hill Park, per la precisione nella zona con alberi sparsi nel suo angolo sud-orientale che un tempo faceva parte del Cimitero-Giardino di St Mary's. I resti furono stimati risalire a circa il 300. Venne anche rinvenuto consistente materiale probabilmente di Epoca Sassone. In aggiunta, vennero rinvenute anche prove di occupazione Sassone vicino alla Chiesa di St Mary's, riflesse nell'origine Sassone del nome dell'area. Dal "Toponimo", sapete dell'incertezza in merito all'autenticità dei primi documenti noti, relativi a concessioni della seconda parte del X secolo, ma posteriori nella loro "confezione". A riguardo, Daniel Lysons scrisse: ".... a dire la verità, l'autorità delle più antiche carte, da cui Dart ha raccolto le sue informazioni, ha fatto sorgere molti dubbi.". Lysons faceva riferimento a John Dart, il quale riporta che Offa, Re di Mercia (757-796) avrebbe dato all'Abbazia di Westminster "Blekingham o Bleccingam nella Parish di Heandune, nella Contea del Middlesex". Al tempo dei primi documenti che avete letto nel "Toponimo", l'insediamento originario era già presumibilmente sorto a Church End (a nord-est della stazione di Hendon Central), su di un'altura abbondantemente irrigata dalle piogge, dove venne eretta St. Mary, la Parish Church, di cui residua ancora il Fonte di Epoca Normanna (oppure in cima a Greyhound Hill, ad ovest della stazione di Hendon Central). L'antico Manor di Hendon (v. paragrafo specifico) e Parish coprivano 8.000 acri, occupati principalmente da boschi, che prosperavano sul terreno pesante, con piccoli insediamenti nelle zone disboscate. Il Manor di Hendon appartenne all'Abbazia di Westminster dal X al XVI secolo, e, mano a mano che la foresta venne abbattuta, la fienagione divenne la principale attività svolta. Nel Domesday Book (1086), infatti, si legge testualmente ".... handone ten abb s. petri", cioè l'Abbazia di San Pietro di Westminster. Ed infatti, gli scavi di cui sopra, portarono alla luce anche un certo numero di cocci di vasi Altomedioevali, che se non ridepositati qui da altrove, indicherebbero attività svolta localmente in quel periodo; inoltre, le prove dal sito di Church Terrace e la storia di St. Mary's avvalorano l'ipotesi. Ad ogni modo, Hendon fece parte della Hundred di Gore nell'ambito della Contea del Middlesex. Il Domesday Book riporta la popolazione totale formata da 46 nuclei familiari (molto ampio), formati da 26 nel villaggio, 12 piccoli proprietari, 1 servo, 1 prete, 6 nei cottages. Come si legge, è indicata la presenza di un Prete. Orbene, si ipotizza che già esistesse una pregressa Chiesa Sassone sul sito della successiva St. Mary's, dove il culto Cristiano veniva esercitato sin dal 959, a seguito di una concessione a favore dell'Abate di Westminster di terreni ad Hendon, il quale avrebbe provveduto a fornire il Prete. Le fondamenta di questa Chiesa Normanna si trovano sotto il Coro di "Lady Chapel" (Cappella di Nostra Signora) ed il suo Fonte è ancora in uso (la costruzione attuale è postuma, dal XIII secolo, anche se vennero reimpiegati alcuni elementi della struttura pregressa, di cui uno individuato fu attribuito al XII secolo. La Chiesa venne riconsacrata nel 1220 e successivamente ampliata). Il Domesday Book riporta 20 unità tassate (molto ampio). Vi era terra per 16 aratri, 10 acri di terra del Lord, bosco per nutrire 1000 maiali, 1/4 di acro di terra della Chiesa. Il valore per il Lord era 12 sterline (1066), 8 sterline (circa 1070 e 1086). Nel 1066, il Lord era l'Abbazia di San Pietro di Westminster, e lo era ancora nel 1086, quando era anche "Tenant-in-chief". Nel Quarto Anno del Regno di Giovanni Senza Terra (1199-1216), si ha un atto tra Gilebert de Hendon e John, Abate del Convento di St. Alban relativo, ad un fossato tra il Bosco di Boreham ed il Bosco di Hendon, e il Common del Bosco di Boreham (nelle Contee del Middlesex ed Hertford). Nel 1258, Richard de Crokesley, Abate di Westminster, la lasciò a Fulk Basset, Vescovo di Londra, riservando il diritto di patrocinio ed una pensione annua di due Marchi, venendo valutata la Canonica 30 Marchi. Durante il Regno di Eduardo I (1272-1307), si hanno atti documentati nel Terzo Anno, in merito ad immobili a "Little Stanmere", "Eggeswere", "Kynggesbur", "Yleford", "Hendon", "Iduluestre" (nelle Contee dell'Essex, Hertford, Middlesex), tra Adam de Stratton,  e Richard de la Grave e sua moglie Clarice, che si ritrovano in un atto del Ventunesimo Anno, con l'unica variante che l'ultimo sito citato viene indicato lievemente alterato come "Idulnester"; nel Trentunesimo Anno, in merito ad immobili con due mulini ad Hendon, Brambelegh, Enefeld, Stebbenhethe (nella Contea del Middlesex) e terra a Tateregge (nella Contea dell'Hertford), tra Roger le Savage e sua moglie Joan, ed Adam de Boxle, Cappellano. Nei "Subsidy Roll" (Registrazioni fiscali) del 1292 relative alla "Warda de Bassieshawe", nella Parish di St. Michael Bassishaw, si ritrova il nome di un tal Walter de Endone in corrispondenza del quale si legge la somma di "xl d.". Orbene, "Endone" probabilmente corrisponde alla nostra "Hendone". In tal caso, forse, Walter de Hendone, fabbricante di cinture, risulta debitore di William de Hiclingge, impiegato della Camera della Guildhall. Durante il Regno di Riccardo II (1377-1399), si ritrovano diversi atti documentati relativi ad Hendon: nel Secondo Anno, in relazione ad immobili a Fyncheslegh, tra John Bykemore, di Fyncheslegh, e John Pynberd, di Hendon, e sua moglie Juliana; nel Terzo Anno, in riferimento ad immobili ad Hendon, tra Nicholas Holbourne, cittadino di Londra, John Trigg, John Boterwyk, il Vecchio, William Waddesworth, e William Penne, cittadino di Londra, e William Kelseye, cittadino di Londra, e sua moglie Lucy; nel Sesto Anno, in merito da immobili ad Hendon, tra Richard de Foxton, Ecclesiastico, e Walter Norman, Cappellano, e Robert Derby, di Leverpull e sua moglie Joan; nel Dodicesimo Anno, in relazione a terreni ad Hendon, tra John Kyng l'Anziano, di Willesdon, e Hugh Wynkebourne e sua moglie Isabella; nel Sedicesimo Anno, in merito ad immobili ad Hendon, tra John Fraunceys, di Hendon, e William atte Hacche, di Harowe, e sua moglie Margery; nel Diciannovesimo Anno, in merito ad immobili a Willesdon ed Hendon, tra John Seymour, di Londra, Robert Bussheye, John Kynggeshous, Ecclesiastico, Henry Benyngton, Ecclesiastico, e William Benyngton, cittadino di Londra e commerciante di tessuti, e sua moglie Alice; nel Ventesimo Anno, in merito ad una casa o podere ad Hendon, tra John Ballok, e Thomas Lynford e sua moglie Joan. Durante il Regno di Enrico IV (1399-1413), sono documentati numerosi atti: nel Secondo Anno, in merito ad immobili ad Hendon, tra John Pymberd, l'Anziano, e Richard Pymberd,  e John Coupere, di Hendon, ed Alice, sua moglie; nel Sesto Anno, in merito ad immobili a Kyngesbury, Hendon, Willesdon, tra John Straweston, Cappellano, e William Wanstall, cittadino di Londra, e John Farneburgh, cittadino e "stokfisshemongere" di Londra, e sua moglie Juliana; nel Settimo Anno, in relazione a terreni ad Hendon, tra Thomas Barowe, di Londra, Vinaio, e Richard Burgate, di Londra, Birraio, e John Hanwod, e sua moglie Agnes; nell'Ottavo Anno, in merito ad immobili ad Hendon, tra Sir John Dabryggecourt, l'Anziano, Cavaliere, e Thomas Willesdon, e Thomas Hore, e sua moglie Alice; nell'Undicesimo Anno, in relazione ad immobili a "Fynchelee" ed "Hendone", tra William Mersshe e sua moglie Agnes, e Peter Akary e sua moglie Agnes; nel Quattordicesimo Anno, in relazione ad immobili ad Hendon, tra John Clerk, di Hendon, e sua moglie Joan, e Robert Lynford, di Hendon. Nel 1477, la Chiesa di Hendon andò all'Abate e Convento di Westminster, dal cui tempo, ebbero il patrocinio del Vicario. La Canonica ed il diritto di nomina del Rettore furono concessi con il Manor alla Famiglia Herbert e continuarono per diverse generazioni in tale Famiglia. Il diritto di nomina rimase, poi, unito al Manor, ma le grandi decime erano divise tra diversi proprietari. Nel 1650, ai Commissari incaricati di verificare lo stato dei benefici ecclesiastici, venne riportato che il patrocinio di Hendon (190 sterline annue), apparteneva a Sir Percy Herbert, un condannato recusante; la Canonica, con la casa ed altro valeva 55 sterline. Francis Wareham, un Ministro qualificato posto dal Parlamento, era l'Incombente, a cui i Commissari concessero un aumento di 37 sterline annue. Dai registri della Parish risulta che i più antichi disponibili risalgono al 1653. Verso il 1660, venne costruita la casa colonica di Church Farm, sino a poco tempo fa utilizzata per ospitare un museo di storia locale. Nel 1665, vi furono solo 40 sepolture, il che fa supporre che Hendon evitò gli effetti della fatale pestilenza di quell'anno. Durante il XVIII secolo, lungo Brent Street vennero costruite diverse grandi case, insieme al Bell Inn e ad un gruppo di negozi intorno all'incrocio con Bell Lane. Nel 1795, Daniel Lysons riportava che "Il presente numero di case è 240" ed llustrava la suddivisione del Villaggio in borghi: "Il Villaggio di Hendon è disperso su un rilevante tratto di terra, ed è formato da diversi gruppi separati di case, noti coi nomi di Church-end, Brent-street, Lawrence-street, Pagestreet, Dole-street; Burrows, Dallis, the Hyde, Mill-hill, Highwood-hill, Child's-hill, Hocomb-hill, Goldhurst o Golder's-green, e Golder's-hill. Church-end, che è un piccolo aggregato di case vicino alla Chiesa, si trova a circa sette miglia da Londra.". Nel 1848, la Parish di Hendon (St. Mary) aveva 3327 abitanti. Il Villaggio veniva descritto come "piacevolmente collocato su un'altura, in una piccola valle bagnata dal Fiume Brent, su cui (vi) è un antico ponte di pietra; le case sono costruite irregolarmente. La Parish contiene numerose ville, e abbonda di passeggiate rurali e di piacevoli scenari.". Nel 1868, venne aperta la stazione ferroviaria di Hendon, chiamata originariamente "West Hendon". Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Hendon (allora nel Middlesex) come segue: "a village, a parish, a sub-district, and a district in Middlesex. The village stands near Watlingstreet and the river Brent, and near Finchley and Hendon r. station, 3 miles NNW of Hampstead; was known at Domesday as Handone; and has a post office under London NW. The parish contains also the village of MillHill, and the hamlets of Golders-Green, Brent-Street, Page-Street, Hendon-Hyde, Church-End, Gutteredge, and Burroughs. Acres, 8, 250. Real property, £34, 435.Pop. in 1851, 3, 333; in 1861, 4, 544. The increase of pop. arose partly from the extension of building. The property is much subdivided. The manor belonged to Westminster Abbey; and passed to the Herberts, the Nicolls, the Garricks, and others. A palace of the abbots of Westminster stood here; and was succeeded by a banqueting house of Queen Elizabeth, now the seat of Lord Tenterden. There are many handsome villas; and a new bridge was recently erected over the Brent. Lord William Russel, William Wilberforce, and Norden the antiquary, were residents. There is a mineral spring. The living is a vicarage in the diocese of London. Value, £1, 280.* Patron, the Duke of Portland. The church is of different dates, but chiefly of the 14th century; consists of nave, aisles, and double chancel, with embattled tower; contains an early Norman font, a brass of 1510, and monuments of Bishop Fowler, the Rawlinsons, the Whichcotes, the Colmores, the Herberts, and others; and stands on high ground, figuring conspicuously over an extensive landscape. Both the church and the churchyard are picturesque. The chapelries of Mill-Hill and Childs-Hill are separate benefices. An Independent chapel at Hendon was built in 1855, and is ornamental and conspicuous; and there are another Independent chapel and a Wesleyan one. National schools are at ChurchEnd, Childs-Hill, and Mill-Hill; a large school, built at a cost of about £6, 000, at Red-Hill; and a Protestant Dissenters' grammar school, at Mill-Hill. Charities, £116. The sub-district is conterminate with the parish.—The district comprehends also the sub-district of Harrow, containing the parishes of Harrow-on-the-Hill and Pinner; the sub-district of Edgware, containing the parishes of Edgware, Kingsbury, Great-Stanmore and LittleStanmore; and the sub-district of Willesden, containing the parish of Willesden, and till 1862 the extra-parochial tract of Twyford-Abbey, this extra-par. tract, with a pop. of about 18, having then been transferred to Brentford. Acres of the district, 33, 067. Poor rates in 1863, £15, 220. Pop. in 1851, 15, 916; in 1861, 19, 238. Houses, 3, 393. Marriages in 1862, 101; births, 633, - of which 22 were illegitimate; deaths, 380, -of which 145 were at ages under 5 years, and 10 at ages above 85. Marriages in the ten years 1851-60, 765; births, 4, 905; deaths, 3, 105. The places of worship, in 1851, were 15 of the Church of England, with 6, 532 sittings; 3 of Independents, with 680 s.; 4 of Baptists, with 400 s.; 4 of Wesleyans, with 621 s.; 1 undefined, with 24 s.; and 1 of Roman Catholics, with 50 s. The schools were 24 public day schools, with 2, 174 scholars; 31 private day schools, with 651 s.; 18 Sunday schools, with 1, 422 s.; and 1 evening school for adults, with 23 s. The workhouse stands at Red-Hill, in Hendon parish, and is a handsome building.". Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Hendon come segue: "par. and vil. with ry. sta., Middlesex, 7 miles NW. of London, 8382 ac. (139 water), pop. 10,484; in vicinity of vil. is the hamlet of Hendon Hyde.". La moderna Hendon prese forma alla fine del XIX secolo, quando i borghi attorno alla stazione, Brent Street e Church End, iniziarono ad unirsi. Un ulteriore e separato aggregato si formò tra le ricche ville di Parson Street e la zona di Sunny Gardens e le case a schiera dei lavoratori ulteriormente in basso alla collina. Nel 1882, in Burroughs House, le Suore del Sacro Cuore di Gesù (Ancillae Domini Jesu Christi o Poor Handmaids of Jesus Christ) istituirono il Convento di St Joseph (San Giuseppe). Nel 1900, avevano una Scuola, ora Scuola Primaria di St Joseph. Butchers Lane divenne Queens Road dopo il Giubileo della Regina Vittoria (1887). Entro gli anni '90 del XIX secolo, Brent Street era divenuta la principale strada commerciale di Hendon. La strada che attraversa Hendon Central, approssimativamente in linea con Watford Way, fu chiamata Butchers Lane. Dove insiste St John's School, si trovava Paddock Farm, ed ulteriormente sopra, vicino alla cima di Station Road, si trovava Burroughs Farm (v. paragrafo specifico). Le case ad ovest di Watford Way furono costruite su quello che era stato Renters Farm. Nel 1906, la Famiglia Neeld, proprietaria della fattoria, decise di urbanizzarla, realizzando strade e vendendo lotti di terra ai Costruttori edili. Molte delle strade trassero il nome dai membri della Famiglia, come Vivian Avenue, Dallas, Audley, Elliot, Graham, Rundell, Algernon e Neeld. Il Monumento ai Caduti di Hendon fu inaugurato vicino al Convento citato, in occasione del Giorno di San Giorgio, il 23 aprile 1922. Su di esso, sono riportati i nomi di molti Caduti durante le Due Guerre Mondiali. La stazione di Hendon Central venne aperta nel 1923, a seguito del completamento del prolungamento della metropolitana per Edgware. Nel medesimo anno, successivamente, vennero realizzate Hendon Way e Watford Way, seguendo la linea di Queens Road a nord della stazione della metropolitana. La costruzione di strade che attraversavano il distretto portò l'industria e nuovi alloggi, soprattutto lungo la North Circular. Nel 1931, Hendon era divenuto il distretto urbano britannico più popoloso. Nel 1939, venne fondato Hendon Technical Institute che divenne il principale campus della Middlesex University. Durante la Seconda Guerra Mondiale tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, Hendon fu colpito da 34 bombe tedesche altamente esplosive. Nel corso degli anni '50 ed i primi anni '60 del XX secolo, l'Amministrazione locale fece abbattere e ricostruire molte delle case esistenti, mantenendo, però, le diseguaglianze sociali, dato che si passa dalle pianure svantaggiate di West Hendon alle confortevoli ondulazioni di Holders Hill. Nel 1962, il Monumento ai Caduti citato venne spostato nel suo sito attuale. Quanto residua dell'Aerodromo di Hendon oggi ospita il Museo della RAF (Royal Air Force), l'Aviazione Britannica. Dal punto di vista amministrativo, Hendon fu un'antica Parish della Contea del Middlesex. La Parish corrispondente al Distretto Urbano di Hendon, fu creata nel 1895, prima che, nel 1931, Edgware venisse aggiunta dal Hendon R.D. Il Distretto Urbano venne incorporato nel 1932 e divenne parte del London Borough of Barnet nel 1965, all'atto della creazione della Greater London. Si noti che rilevante è la presenza Ebrea ad Hendon, che supera di poco il 30% dei residenti.

2. Manor di Hendon

Sapete dalla concessione del 957, riportata trattando del "Toponimo", che il Re Eadwig concesse al suo Ministro Lyfing 9 unità a Lotheresleage e Tunworth, quest'ultima ricadente in Kingsbury, ma la prima tenuta, probabilmente, corrispondeva alle 6 unità di terra (mansas) in Hendon concesse nel 959 dal Re Edgar e da Dunstan, in qualità di Vescovo di Londra, all'Abbazia di Westminster (già sapete che tale privilegio è ritenuto contraffatto). Orbene, Lotheresleage sembra corrispondere a quella parte della Parish che si trovava a nord ed ovest di una linea da Burnt Oak a Highwood Hill. La concessione del 959 cita anche un terreno chiamato Blechenham, che si trovava a sud del Fiume Brent. Stando ad una concessione di San Dunstan, ascrivibile tra il 963 ed il 975, l'Arcivescovo comprò un totale di 20 unità per l'Abbazia di Westminster. Quindi, le concessioni della seconda parte del X secolo citano terreni nel nord della Parish chiamati "Lotheresleage", e "Blechenham", una tenuta a sud della Parish di Hendon. A partire dalla fine del X secolo, i confini della Parish di Hendon furono ampiamente fissi, con i confini settentrionali e meridionali marcati dalle tenute citate. Una concessione contraffatta, che reclamava provenire da Eduardo Il Confessore nel 1066, confermò concessioni di terre ad Hendon a favore di Westminster da parte di precedenti Re. Blechenham e Lotheresleage furono citati unitamente ad un altro distretto di ubicazione ignota, chiamato Codenhlaewe. Nessuno di tali nomi ricorre nel Domesday Book (1086), in cui si legge "Handone", che era uno dei cinque Manors della Hundred di Gore, parte della Contea del Middlesex, valutata 149 unità tassabili, formata anche dai Manors di Harrow,  Kingsbury, (Great) Stanmore, (Little) Stanmore. La Hundred di Gore si trovava a nord del Fiume Brent, lungo il confine con l'Hertfordshire, e confinava con la Hundred di Elthorne (ad ovest) e quella di Ossulstone (a sud), ed era tagliata in due parti da Watling Street, l'antica strada romana. Dal citato Domesday Book sappiamo che il Manor di Hendon aveva una popolazione totale formata da 46 nuclei familiari (molto grande), distribuiti tra 26 nel Villaggio, 12 piccoli proprietari, 1 servo, 1 prete, 6 cottages, con 20 unità tassabili (molto ampio), 10 delle quali erano in demanio. Vi erano pascoli per nutrire due buoi e bosco per un migliaio di maiali. Vi era terra per 16 aratri, e terra della Chiesa. Il valore per il Lord era 12 sterline (1066), 8 sterline (circa 1070 e 1086). Sia nel 1066 che nel 1086, il Lord era l'Abbazia di San Pietro di Westminster, che nel 1086 era anche Tenant-in-chief. Una concessione del Manor di Hendon della fine dell'XI secolo da parte dell'Abate Gilbert Crispin a Gunter e suoi eredi venne confermata verso il 1136, dopo la succesione di Gilbert, figlio di Gunter. Fu Gervase de Blois, un figlio naturale del Re Stefano con una Signora chiamata Dameta, Abate di Westminster dal 1137 alla sua deposizione nel 1157 (i Monaci lo accusarono di aver regalato molte terre dell'Abbazia a suoi amici) a concedere il Manor di Hendon a Gilbert, figlio di Gunter, al canone annuo di 40 sterline. Nel 1224, Richard, Abate di Barking, tentando di recuperare le terre vendute dai suoi predecessori, fu coinvolto in una vertenza giudiziaria con Gilbert di Hendon, che possedeva il Manor e, probabilmente, un discendente del precedente Gilbert, relativa ad una casa e 3 "carucates" (Latino carrūcāta o carūcāta, unità di misura medioevale corrispondente all'estensione di terra che un aratro con otto buoi poteva lavorare in un'annata agraria) ad Hendon. Nel 1226, la terra fu concessa a Gilbert a vita e l'Abate doveva ricevere fitto ed ospitalità gratuita ad Hendon per due giorni ed una parte di un terzo ogni anno. Nel 1228, Gilbert vantava un diritto sul Manor, ma entro il 1268, esso era passato nelle mani di Geoffrey le Rous. Il Manor continuò ad essere posseduto da laici sino al 1312, quando Richard le Rous, che lo teneva per l'Abate ed il Convento di Westminster, lo diede al Monastero in cambio di quello di Hodford nella medesima Parish e 100 sterline in cambio. Da allora, il Manor di Hendon fu tenuto dall'Abbazia sino alla sua soppressione, anche se fu fittato nel 1422  e 1505. Nel 1541, il Re concesse il Manor di Hendon a Thomas Thirlby, Vescovo di Westminster. Con la soppressione del Vescovato, il Manor ritornò alla Corona, ma fu concesso nel 1550 a Thomas, Lord Wentworth, e successivamente a Sir William Herbert, reso Conte di Pembroke nel 1551 e lo attribuì nel 1569 al suo secondo figlio Sir Edward (1595), da cui passò al figlio maggiore di Edward William Herbert (1656), reso Lord Powis nel 1629. Il Manor di Hendon, attribuito al maggiore dei figli di Powis, Percy,  un sostenitore della Corona, venne sequestrato nel 1650 e trasmesso dai Fiduciari parlamentari a Charles Whitmore, di Balmes House (Shoreditch), due anni dopo. Nel 1654 Rhys Vaughan teneva Corti del Manor.  Percy Herbert, Lord Powis, all'atto della Restaurazione, venne reintegrato nel possesso del Manor, e morì nel 1667.  Suo figlio William, che gli successe, venne fatto Conte di Powis nel 1674 e Marchese di Powis nel 1687, ma fuggì dal Paese nel 1688 e perdette le sue proprietà nell'anno successivo. Dal 1690 fino al 1692, i Tribunali furono tenuti in nome di suo cognato Henry Somerset, il Duca di Beaufort ed altri. Nel 1692, e di nuovo nel 1694, William Herbert, Visconte Montgomery, il figlio maggiore di Lord Powis, vanamente richiese di essere ammesso al Manor in base al fatto che gli era stato attribuito. Nel 1696, Hendon fu concesso a William Zuylestein, Conte di Rochford, da essere tenuto per un piccolo canone, ma la concessione non ebbe effetto a causa di accordo con la Marchesa di Powis prima della perdita dei diritti civili del marito. La Marchesa in esilio, che ricevette un Ducato da Giacomo II, nel 1696 venne succeduta dal suo figlio maggiore, che fu bandito in quell'anno, ma per i quali le Corti manoriali erano tenute nel 1698. Lord Powis fu confinato alla Torre dal 1715 al 1722, quando il suo Marchesato fu restaurato, ed ipotecò il Manor nel 1721. Come risultato di un'ulteriore ipoteca, all'Ospedale di Guy di Southwark, le Corti furono tenute per l'Ospedale dal 1727, anche se entro il 1733 furono di nuovo tenute in nome di Lord Powis. Nel 1745, Egli morì ancora indebitato, avendo affidato il Manor ad Amministratori fiduciari; nel 1747, esso era nelle mani di John Hitchings.  L'unico figlio di Lord Powis, William, morì celibe nel 1748, lasciando in eredità le sue proprietà ad un lontano parente, Henry Arthur Herbert, Lord Herbert di Cherbury, che fu poi creato Conte di Powis. Nel 1754, il Conte venne autorizzato a vendere il Manor e la tenuta di Hendon e nel 1757 la Signoria venne comprata da James Clutterbuck,  il quale, nel 1765, la trasmise al suo amico David Garrick, Attore.  Garrick morì nel 1779, lasciando il Manor in amministrazione per suo nipote Carrington Garrick,  poi Vicario di Hendon, alla cui morte, nel 1787, esso venne nuovamente messo in vendita, andando a Charles Pratt, Conte di Camden, ed Albany Wallis nel 1790, e venne comprato dopo in quell'anno da John Bond,  che morì nel 1801. Gli Esecutori testamentari di John Bond tentarono senza successo di vendere il Manor nel 1802,  dopo di che, passò nelle mani del suo creditore ipotecario, Richard Lowndes, che lo possedeva sotto la direzione della Corte di Chancery nel 1816.  Nel 1825, fu finalmente venduto a Samuel Dendy, a cui successe, nel 1845, suo figlio Arthur Hyde Dendy. Nel 1889, era tenuto dalla vedova di Arthur Dendy, Eliza,  alla cui morte, venne trasmesso a Sir John Carteret Hyde Seale, alla Signorina Russell Simpson, e Major H. Dendy, che nel 1923 erano Lord congiuntamente.  

Barnet - Visita guidata

La stazione di Hendon

La stazione di Hendon

Station Road che sovrasta la M1

Station Road che sovrasta la M1

Il cartello che vi indica la direzione del centro

Il cartello che vi indica la direzione del centro

West Hendon Baptist Church

West Hendon Baptist Church

Incrocio tra Station Road e West Hendon Broadway

Incrocio tra Station Road e West Hendon Broadway

West Hendon Broadway

West Hendon Broadway

West Hendon Broadway

West Hendon Broadway

West Hendon Broadway

West Hendon Broadway

St. Patrick's Catholic Church

St. Patrick's Catholic Church

O' Hanlons - Pub Irlandese

O' Hanlons - Pub Irlandese

Vitale, locale Italiano

Vitale, locale Italiano

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it