www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Island Gardens

Sintesi

Island Gardens è la stazione più meridionale della Docklands Light Railway (DLR) sulla Isle of Dogs, già Stepney Marsh, la cui storia è riportata in questa pagina web. .

Distanza dal centro: 7,3 miglia.

Attrattiva: discreta, naturalmente, considerando la possibiità di passeggiare lungo Thames Path ed ammirare la fronteggiante Greenwich, altrimenti il giudizio non sarebbe così benevolo .....

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione della DLR, non potete fare a meno di osservarne la strana forma. Alle sue spalle, quindi verso nord, vedete Millwall Park. Andate in direzione opposta, verso sud, attraversando Manchester Road. Imboccate la stradina Douglas Path, che fiancheggia la costruzione moderna a mo' di torre. Raggiungete il cancello d'ingresso dello spazio verde Island Gardens. Appena lo avete varcato, di fronte a voi trovate una piccola costruzione sormontata da una cupoletta: è l'ingresso del Greenwich Foot Tunnel, cioè, del percorso sotto il livello del Tamigi che vi porta dall'altra parte del Fiume. Invece, attraversando i Giardini, raggiungete il parapetto che sporge sul Fiume, da dove potete ammirare l'altra sponda, dominata di fronte a voi dalla superba visione dell'imperiale Greenwich. Potete, naturalmente, passeggiare lungo il Fiume, seguendo il Thames Path.

Toponimo

L'interpretazione del nome non crea problemi, trattandosi di giardini (gardens) sulla penisola che in passato veniva isolata (island) dalle inondazioni del Tamigi. Dai Giardini, circa tre acri, ammirate Greenwich, che venne immortalata da Canaletto nel XVIII secolo, con il suo celebre dipinto "Una veduta di Greenwich dal Fiume".

Storia

Utili informazioni sulla storia dell'area si ritrovano alla voce "Cubitt Town: Riverside area, Island Gardens and the Greenwich Hospital estate", in "Survey of London: Volumes 43 and 44, Poplar, Blackwall and Isle of Dogs" (1994), pagine 518-528; informazioni specifiche sugli Island Gardens sono fornite da John J. Sexby, in "Opening of Island Gardens" (1895), che traduciamo e sintetizziamo liberamente.

1. Island Gardens e Greenwich Hospital Estate

Nel 1848, John Liddell, Ispettore medico presso il Greenwich Hospital, propose di salvare dallo sviluppo industriale i terreni sulla Isle of Dogs di fronte all'Ospedale. In una relazione sulla condizione sanitaria dell'Ospedale, richiamò l'attenzione su un numero crescente di problemi ambientali. In basso, vicino al Fiume, con un parco boscoso che sorgeva dietro di esso, e fiancheggiato su entrambi i lati da "una delle città più sporche d'Europa", l'Ospedale si trovò soffocato dal fumo sulfureo proveniente dai fumaioli dei battelli a vapore e dalle ciminiere delle industrie. La Isle of Dogs, dove i fumi mefitici da fascette di mattoni venivano soffiati attraverso il Fiume da diversi anni, stava minacciando di diventare "una seconda Manchester, in una serie di aziende industriali". Il cimitero locale puzzava a causa di un eccesso di corpi. In quel periodo, si stava progettando un vasto impianto fognario per Londra per un sito vicino. Disturbi respiratori tra i pazienti erano all'ordine del giorno e l'atmosfera generale era sfavorevole con l'Ospedale per i vecchi soldati di Chelsea. Pertanto, John Liddell scrisse: "Nessun visitatore casuale può non essere colpito dall'aria fosca e stupefatta di un pensionato di Greenwich, o dalla monotonia e malinconia che pervade l'Ospedale, dove la noiosa esistenza non è spezzata da attività lavorative o eventi che permettano di ingannare la sua fatica". Pertanto, John Lindell raccomandava di comprare la parte della riva del Fiume oltre il Fiume dall'Ospedale "per evitare la chiusura totale della sua vista, ed evitare la fastidiosa vista di tetri edifici sgradevoli e offensivi, che sarebbero stati sicuramente eretti.". Suggerì che i terreni, che facevano parte della tenuta in fitto di William Cubitt, potessero essere usati per la Lavanderia dell'Ospedale. Tale relazione fu inviata dall'Ammiraglio Charles Adam (1780–1853), Direttore dell'Ospedale, al Ministero della Marina, dove il piano per preservare la vista suscitò subito interesse. Avvicinato da Philip Hardwick (1792 - 1870), Architetto dell'Ospedale, Cubitt si dichiarò disposto a rinunciare ad un quarto di miglio di Fiume per non più di 3000 sterline, come risarcimento per le opere già realizzate. Con l'acquisto della piena proprietà di Lady Glengall, la spesa totale sarebbe stata di circa 13.000 sterline. Nonostante il forte sostegno del Ministero della Marina per l'acquisto, i Commissari dell'Ospedale ritennero che il costo non andasse sostenuto, anche tenendo conto che impedendo l'industrializzazione di un solo così breve tratto di Tamigi, avrebbe avuto un effetto trascurabile sui futuri livelli di inquinamento. Il Primo Lord del Ministero della Marina, il Conte di Auckland (1784-1849), decise di non scavalcare la decisione unanime dei Commissari, nonostante fosse molto favorevole dell'acquisto. Per fortuna, l'anno seguente, il Ministero della Marina, in contatto con Philiph Hardwick, lo pregò di sondare Cubitt per vedere se fosse ancora disposto a rinunciare ai terreni e, per fortuna, lo era. Il nuovo Primo Lord, Sir Francis Baring (in seguito Lord Northbrook, 1796-1866), fece uno sforzo determinato per convincere i Commissari, scrivendo privatamente al Commissario anziano George Tierney, mettendo in evidenza sia i possibili benefici per la salute, che il sistema di pulizia dar valere per motivi puramente estetici: "L'Ospedale di Greenwich è uno degli edifici più belli che possiamo vantare. L'erezione di ciminiere fumose industriali proprio di fronte pregiudicherà sostanzialmente l'apparenza delle costruzioni, - e temo molto che quando la cosa sarà fatta, sarà troppo tardi e saremo dispiaciuti di aver permesso che i terreni siano andati fuori del nostro controllo, e la pubblica opinione, quando verrà a sapere che c'era l'opportunità di impedirlo, griderà. Al fine di farmi la mia opinione, mi sono recato giù a Greenwich, e devo dire che me ne sono tornato del tutto d'accordo con Lord Auckland e coloro che credono che ciò tristemente influenzerà la vista ... Io non posso fare a meno di pensare che è estremamente essenziale per la vista, che almeno che una fila di alberi o di oggetti gradevoli dovrebbe chiudere il panorama. Per quanto attiene al danaro, ... vi invito a considerare che la le fondamenta e l'edificio non vanno fatti in economia, e quando un palazzo è eretto a tale scopo, non è improprio effettuare alcune adeguate considerazioni e sostenere spese per l'estetica.". Nonostante la loro riluttanza, i Commissari stipularono un accordo per un contratto di sublocazione da Cubitt coincidente con il suo contratto di locazione di 99 anni da Lady Glengall, che aveva rifiutato di vendere la proprietà. Cubitt ridusse la sua posizione originaria secondo cui nessun terreno dovesse essere portato sul mercato in concorrenza con il resto della sua tenuta, accettando di consentire la costruzione di case private e di limitare tutte le restrizioni a 20 anni. Nel mese di marzo 1852 il contratto di locazione venne concesso da Cubitt; l'affitto viene fissato in £ 350 14s. . I diritti dei Commissari del Greenwich Hospital nel sito furono trasferiti al Ministero della Marina in virtù del Greenwich Hospital Act del 1865.

2. Island Gardens: la trasformazione in giardino

La questione di trasformare una piantagione abbandonata in un parco comunale venne sollevata presso il "Metropolitan Board of Works and Poplar District Board of Works" dal Direttore del Greenwich Hospital nel 1885, dato che era stata effettuata un'offerta al Ministero della Marina per un contratto di locazione del sito come fabbrica. Nulla ne derivò, ma nel 1889, il LCC di nuova formazione riconobbe l'importanza del sito ed iniziò delle trattative per il suo acquisto. Il Ministero della Marina e Cubitt avevano già raggiunto un accordo di condividere i proventi di qualsiasi nuovo contratto di locazione, e fu soltanto l'elevatezza del prezzo richiesto, 10.000 sterline, a dissuaderlo. Una delegazione del LCC, tra cui Will Crooks ed il Presidente della Commissione Parchi, J.S. Fletcher, incontrò il Ministro della Marina novembre 1892 (la prima occasione in cui il LCC comparve davanti un funzionario del Governo come richiedente). Il terreno, sottolineò Will Crooks, avrebbe rappresentato un "piccolo paradiso" per la popolazione locale. L'acquisto venne effettuato alla fine di marzo 1895 per 6.500 sterline. Di queste, 3.500 andarono ai fiduciari di Cubitt & Company e 3.000 al Ministero della Marina, che comprendeva Osborne House e il suo giardino gratis. La piena proprietà fu acquisita da fiduciari di Lady Margaret Charteris 2.200 sterline. Il "Poplar District Board of Works" contribuì per 3.500 sterline del costo totale. Il Tenente Colonnello John J. Sexby, Direttore del Sub-Dipartimento Parchi del LCC, che progettò il nuovo Parco, scrisse che, al momento dell'acquisizione, la terra era semplicemente un recinto e in "condizioni molto grezze". Nulla sembra essere stato fatto con esso dal Ministero della Marina dal tempo del contratto di locazione a Cubitt & Company, anche se il muro del Fiume era stato completamente restaurato, con un un costo di 8.000 sterline. Vennero poste delle piante ai lati settentrionale, occidentale ed orientale, con alberi e arbusti, così come la formazione di percorsi e canali di scolo, una passeggiata lungo il Fiume, aree dove i bambini potevano giocare e praticare la ginnastica, e la costruzione di un "leggero e poco costoso palco dell'orchestra". Gli Island Gardens furono aperti ufficialmente da Will Crooks il 3 agosto 1895. Da allora, l'impianto principale, che comprendeva platani, agrifogli mandorli, ciliegi, ha perso buona parte del suo gusto Tardo Vittoriano. Soprattutto, non forniscono più un forte contrasto con strade, fabbriche e banchine. La "Refreshment-House", con la sua teiera gigante e fumante tazza di tè in mattoni scuri, fu costruita dal London Borough of Tower Hamlets nel 1979-1980. I nuovi cancelli e ringhiere vennero installati nel 1985 nell'ambito di un programma generale di riqualificazione.  

3. Greenwich Foot Tunnel

Una delle cose che ci è sempre piaciuta è la galleria sotterranea che consente di passare sotto al Tamigi, raggiungendo l'altro lato di Greenwich. Tale sottopassagio è detto "Greenwich Foot Tunnel". Nel 1896, essendo in fase di completamento la costruzione del Blackwall Tunnel, il LCC cominciò a riconsiderare la questione di ulteriori punti di attraversamento del Tamigi nella zona orientale di Londra. I due nuovi schemi proposti furono una galleria stradale a Rotherhithe ed una pedonale tra Greenwich e la Isle of Dogs per sostituire l'esistente traghetto a pagamento di proprietà privata. L'idea di un collegamento migliore tra Greenwich e la Isle of Dogs non era una nuova; già nel 1811, c'era stata una proposta non andata a buon fine per la galleria, e nel 1877, venne approvata una legge che autorizzava una società privata a costruire tale sottopassaggio. Anche se questi poteri vennero estesi da successivi provvedimenti sino al giugno 1890, nessun lavoro nella galleria era ancora stato fatto. Un nuovo attraversamento gratuito avrebbe favorito le persone che lavoravano su entrambi i lati del Fiume. Infatti, le comunicazioni erano così inaffidabili, che alcuni datori di lavoro sull'Isle of Dogs si rifiutavano di permettere che i loro capi e cronometristi vivessero sulla riva meridionale a causa dei ritardi al traghetto in caso di nebbia. Il traghetto a vapore per passeggeri da Greenwich Pier alla stazione di North Greenwich era l'unico metodo sicuro di attraversare il Fiume in questo punto, ma la spesa annale arrivava a £ 2 12 s., una somma considerevole per i lavoratori e le lavoratrici dell'area. Una nuova galleria avrebbe permesso anche agli abitanti delle aree industriali edificate di Millwall e Cubitt Town di visitare a fini ricreativi i dintorni più salubri di Greenwich Park e Blackheath. Nel giugno 1896, il LCC accettò i piani di Alexander Binnie (Ingegnere della LCC) per una galleria di ghisa che avrebbe posto in collegamento Island Gardens con Greenwich. Il Parlamento approvò la cosa nel 1897 e nel febbraio 1899, dopo alcuni ritardi nella valutazione dei costi del progetto, finalmente, il LCC accettò l'offerta di 109.500 sterline fatta da J. Cochrane & Son di Victoria Street. Nel giugno 1899, i lavori erano iniziati sul lato di Poplar del Tamigi (cioè, quello settentrionale), su un sito scelto per l'ingresso settentrionale, all'estremità occidentale di Island Gardens. In un primo momento, i lavori procedettero lentamente, anche perché la notevole domanda dell'indutria ingegneristica vittoriana causò ritardi nella consegna delle macchine e dei materiali. Tuttavia, nel maggio 1900, le operazioni preliminari erano terminate e da agosto iniziò la perforazione della galleria. Da allora in poi, si procedette con notevole celerità, grazie soprattutto alla natura favorevole del sottosuolo (argilla e soprattutto sabbia grezza) e l'esperienza acquisita con i lavori per la precedente galleria a Blackwall. Dal febbraio 1901, si avanzava ad una media di 10 piedi tutti i giorni lavorativi, raggiungendo l'altra sponda il 26 maggio. In sole 36 settimane, venne perforata la galleria da Poplar a Greenwich, il che costituì un "risultato senza precedenti nelle perforazioni sott'acqua". I lavori vennero realizzati sotto la supervisione di Maurice Fitzmaurice, l'Ingegnere Capo della LCC, essendo "Resident Engineer" W.C. Copperthwaite. Tutto il sistema si basava su due pozzi di aerazione ubicati sui due lati del Fiume, dei grandi cassoni cilindrici in acciaio profondi 60 piedi e di 43 piedi di diametro esterno, costruiti con due strati di acciaio con 4 piedi di cemento Portland inserito tra di loro. Gli strati furono fatti con due anelli orizzontali di piastre in acciaio rivettate insieme, con piastre di rinforzo in basso e attorno all'apertura della galleria. La struttura in acciaio fu assemblata in fasi nel cortile del produttore sugli Island Gardens e affondata poco a poco, mano a mano che il lavoro procedeva. Quest'ultima parte dell'operazione di affondamento fu eseguita impiegando aria compressa, con gli operai che scavavano in una piccola camera a tenuta d'aria sotto il cassone. Il pozzo di aerazione fu ricoperto da un piccolo edificio circolare di mattoni rossi con pannelli quadrati ad incasso. L'edificio insisteva su di un basamento di granito ed aveva un cornicione modellato ed un portico d'ingresso di cemento di granito Stuart. Sopra le due porte del portico d'ingresso, una tavoletta di bronzo realizzata da J.W. Singer & Son commemora il completamento dei lavori della galleria nel 1902. Il vano ascensore fu coperto da una cupola emisferica composta da lastre di vetro di un quarto di pollice sostenuta da un pannello di costole d'acciaio. Il vetro venne sostituito nel 1948 a seguito di danni provocati dai bombardamenti tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale. Sopra la volta, vi è una cupola di ghisa decorata con lesene corinzie e particolari in lamiera di acciaio e metallo fuso. L'interno dell'edificio di ingresso venne completato con un rivestimento di mattoni bianchi vetrati, e la tromba delle scale rivestita con piastrelle bianche vetrate. L'accesso pedonale fu fornito da una scala di acciaio e ghisa ampia 6 piedi, progettata per consentire al pozzo centrale del diametro di 20 piedi di ospitare un ascensore per i passeggeri, se necessario. Nel luglio 1901 il LCC decise di installare un ascensore elettrico in ogni albero, e nel mese di novembre, venne accettata l'offerta di Easton & Company di Erith Iron Works (Kent) per £ 7.334 7s. . Gli impianti di risalita con pannelli in mogano furono completati ed installati nel novembre 1902, anche se la mancanza di una fornitura elettrica sufficiente impedì loro di diventare operativo fino al 1904. L'ingresso sul lato di Greenwich venne realizzato con le stesse caratteristiche, anche se leggermente più profondo (oltre 68 piedi dal taglio di superficie). La galleria fu realizzata con 1.217 piedi di anelli di ghisa. Ogni anello era di 1 piede 8 pollici di spessore ed era formato da otto segmenti separati ed un pezzo principale. I bulloni utilizzati per tenere insieme il rivestimento di ghisa vennero dotati di rondelle di piombo per dare una tenuta ermetica. Il tubo di ferro fu rivestito da 1 piede di cemento e piastrelle bianche vetrate realizzate e fissate da Wood & Company di Victoria Street. Il pavimento fu fatto di pietra di York, con uno spazio sotto per tubi di servizio. La ventilazione fu fornita da un sistema di tubi, attraverso la quale l'aria esaurita veniva scaricata con un ventilatore ed introdotta aria fresca. Il diametro esterno della galleria è 12 piedi e 9 pollici, consentendo un marciapiede largo 9 piedi ed uno spazio centrale di 9 piedi e 4 pollici e mezzo, che si riduce a 7 piedi e 6 pollici ai lati. Durante i bombardamenti del 7-8 settembre 1940, parte del rivestimento di ghisa venne stato danneggiato in prossimità dell'ingresso di Poplar, perciò, tale sezione venne riparata con un nuovo rivestimento interno di 7 piedi e 11 pollici di diametro. Un servizio di traghetto gratuito di emergenza fu organizzato dal Comitato di difesa civile mentre venivano effettuate le riparazioni. In nessun punto, la parte superiore della galleria è inferiore alla distanza di 13 piedi dal letto del Tamigi e diminuisce da ciascun blocco di ingresso con una pendenza di 1 a 15, la porzione centrale essendo ad un simile livello. Ciò fu fatto per soddisfare la richiesta dei Conservatori del Tamigi, secondo cui, doveva rimanere abbastanza spazio per dragare un canale del Fiume largo 500 piedi e profondo 48 piedi le per navi mercantili. Il perforatore usato per scavare la galleria fu una "scatola" o "scudo" o "trappola" appositamente progettata per evitare che pesanti afflussi d'acqua inondassero la galleria. Tutti lavori vennero effettuati in aria compressa. Come accaduto per il Blackwall Tunnel, venne garantito il risarcimento dei danni ai lavoratori che lavoravano in aria compressa e due Medici locali, i Signori Leslie e Macmorran, furono nominati Ufficiali Medici per prendersi cura dei lavoratori. Nel 1897, un provvedimento parlamentare autorizzò la realizzazione di un sottopassaggio (o altro mezzo di comunicazione) che collegasse l'entrata della galleria a Poplar con la stazione di North Greenwich. Un sottopassaggio venne realizzato nel 1903, ma verso il 1970, venne distrutto quando Saunders Ness Street fu estesa verso ovest e fu costruito il Poplar & Blackwall Rowing Club. La galleria sotto il Tamigi venne aperta al pubblico il 4 agosto 1902. Il LCC voleva originariamente inaugurarlo in maniera formale, ma poiché molto lavoro elettrico (compresa l'illuminazione di gallerie e impianti di risalita) rimase incompiuto, l'idea di una cerimonia di apertura venne abbandonata. Nel febbraio 1905, oltre 9.000 persone utilizzarono la galleria settimanalmente. Il costo totale del lavoro fu di 179.705 sterline, di cui oltre 58.000 per l'acquisto di immobili e il risarcimento per i proprietari dei diritti dei traghetti. Il successo della galleria pedonale segnò la fine dei servizi di traghetto. Nel 1904, il LCC completò l'acquisto dei diritti dei traghetti e l'associata proprietà delle terre dalla London and Blackwall Company e dalla Great Eastern Railway Company. Infine, relativamente all'attuale stazione della DLR, questa venne aperta nel 1987, come terminale meridionale dell'originario sistema della DLR e costituiva una stazione terminale sopraelevata ubicata ad ovest del Parco. La successiva estensione della DLR verso Lewisham, richiese una galleria sotto al Tamigi, di modo che la stazione di Island Gardens venne spostata di circa 330 piedi (100 metri) a nord, vicino all'ingresso settentrionale della galleria vicino a Millwall Park. Tale nuova stazione è essenzialmente sotterranea, visto che quella originaria sopraelevata venne abbattuta.

4. Breve storia della Isle of Dogs (già Stepney Marsh)

Ne abbiamo trattato nell'ambito di questa pagina web.

Tower Hamlets - Visita guidata

La stazione della DLR, dalla forma assai particolare

La stazione della DLR, dalla forma assai particolare

Millwall Park

Millwall Park

Manchester Road

Manchester Road

Douglas Path è la stradina sulla sinistra di questo edificio a forma di Torre

Douglas Path è la stradina sulla sinistra di questo edificio a forma di Torre

Islands Gardens

Islands Gardens

L'ingresso del Greenwich Foot Tunnel

L'ingresso del Greenwich Foot Tunnel

Dall'altro lato del Tamigi, lo sguardo viene catturato dalla vista dell'elegante Greenwich

Dall'altro lato del Tamigi, lo sguardo viene catturato dalla vista dell'elegante Greenwich

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it