www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Edgware Road

Sintesi

Edgware Road è una stazione della metropolitana (Circle Line, District Line, Hammersmith & City Line). Esiste un'altra stazione di Edgware Road (Bakerloo Line) che dista 0,2 miglia.

Distanza dal centro: 3,5 miglia.

Attrattiva: discreta.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, siete colpiti subito da due cose. Innanzitutto, da una statua metallica di una persona in tenuta da lavoro con una scala sulle spalle, nota come "The Window Cleaner". E' opera di Allan Sly. La seconda cosa che attrae lo sguardo, a parte la varietà di stili architettonici, che sovrappongono il moderno alla Tradizione, è data dagli edifici in stile color mattone vivo che balzano alla vista. Se si va verso ovest, si raggiunge Edgware Road. Se la attraversate, andate verso un'area con diversi giardini, di cui i primi sono i Sussex Gardens. Se andate, invece, verso nord, trovate Marylebone Road, che vi porta all'altra stazione di Edgware Road, quella lungo la Bakerloo Line. Andando verso est, oltre a trovare la citata Marylebone Road, trovate un reticolo di strade con dei giardini, lo stesso dicasi se andate verso sud.

Toponimo

Il nome compare come "Edgware High Waie" (1574), che era la strada che seguiva il percorso dell'antica strada romana che andava in direzione nord via Edgware. La denominazione attuale si ritrova nel XVIII secolo.

Storia

1. Eventi storici di rilievo

Le origini della moderna Edgware Road possono farsi risalire ai Celtici Britannici che seguivano un sentiero nella foresta del Middlesex, molto prima che i Romani lo utilizzassero per realizzare Watling Street. Nel 1762, lungo Edgware Road c'erano ancora solo dieci case, sette cottages, un casello di riscossione dei pedaggi, un laboratorio di fabbro e tre pubs.  Nonostante Edgware Road combinasse, come Haverstock Hill, l'accessibilità a Londra e la ruralità dell'ambiente, non attrasse la piccola nobiltà ed i mercanti londinesi, forse a causa della carenza di bei panorami. Nel 1711, la Strada venne migliorata dall'Edgware-Kilburn Trust. Un certo numero di taverne, alcune delle quali esistono ancora, fungevano da stazioni di posta per le carrozze, nonostante non fossero distanti dai punti di partenza delle strade seguite dalle carrozze da Londra. L'attuale Strada è ritenuta una delle più importanti realizzazioni dell'ingegneria pre-vittoriana e segue, in gran parte, lo stesso percorso originale dovuto all'Ingegnere-capo Thomas Telford, risalente al 1811. A sud, dove incontra Bayswater Road e Marble Arch, è il sito del tristemente famoso "Albero di Tyburn". Nel XVII secolo, Oliver Cromwell, venne esumato e appeso postumamente in catene dopo la Restaurazione di Carlo II. Nel corso della sua storia, la Strada è stata associata a molti personaggi ed eventi famosi. Si diceva che Shakespeare si fosse esibito al Red Lion Inn come attore itinerante mentre Ben Jonson era un frequente visitatore della Old Wheatsheaf Tavern. A nord, dove la Strada diventa Maida Vale, interseca il Regent’s Canal. A sud della Westway e ad ovest, si trova Paddington Basin e l'intersezione del Grand Union e Regent’s Canals – nota come Little Venice (ndr vicino alla stazione di Maida Vale). La Metropolitan Line aprì nel 1863 e Edgware Road acquisì un alto profilo divenendo una delle stazioni della prima metropolitana del mondo. Molte comunità si sono stabilite ad Edgware Road in tempi differenti. Nel XVIII secolo, iniziarono ad insediarsi gli Ugonotti nel Paddington village, seguiti da Greci ed Asiatici, di cui gli Indiani aprirono il primo ristorante nel 1810. A ciò aggiungasi diversi pittori, anticonformisti e scrittori, che vivevano qui o nei dintorni, il che fa comprendere come Edgware Road possa essere vista come una sorta di microcosmo della stessa pià vasta Londra. Nei successivi duecento anni sono arrivati gli Ebrei. La "West London Synagogue" venne fondata nel 1870 e la maggior parte dei suoi fondatori erano precedentemente membri della Bevis Marks Synagogue. Lungo la Strada oggi vi sono un gran numero di caffetterie, ristoranti e negozi specializzati nel cibo Medio-Orientale. Le comunità ed attività arabe rappresentano una importante parte della moderna vita della Strada. Esse cominciarono ad arrivare nel Tardo XIX secolo, a seguito dell'espansione del commercio britannico nell'Impero Ottomano e tale immigrazione è continuata. Negli anni '50, gli Egiziani arrivavano in cerca di lavoro ed istruzione. Negli anni '70, iniziò un maggiore afflusso in Edgware Road. Il danaro derivante dal petrolio del Golfo portò gli Arabi nell'area, che coincise con la Guerra civile libanese. La deposizione dello Scià in Persia (Iran) ed i disordini in Algeria portarono ulteriore immigrazione, così che le comunità arabe hanno continuato a stabilirsi ed avviare iniziative ad Edgware Road sino ai giorni nostri giorni. Pertanto, Edgware Road e dintorni ospitano un insieme di differenti culture e religioni, che sono cresciute negli ultimi anni. Basta camminare lungo la Strada, per vedere la combinazione di bars e shisha cafes (dove si fuma ispirando da un tubo), il che spiega i soprannomi dati dai Londinesi, che parlano di "Little Beirut" o "Little Cairo". Non è un caso, perciò, che la BBC on line, il 24 ottobre 2014, ha pubblicato un articolo intitolato "Arabic London". La stazione fu colpita dagli attentati terroristici del 7 luglio 2005, quando scoppiò una bomba su di un treno che si dirigeva verso la stazione della metropolitana di Paddington, mietendo sei vittime.

2. Church Street Market

Ne abbiamo trattato nell'ambito di una specifica pagina web trattando dei Mercati di Londra.

3. Hyde Park

Ne abbiamo trattato nell'ambito di una specifica pagina web trattando dei Parchi e Giardini di Londra.

City of Westminster - Visita guidata

Stazione della metropolitana

Stazione della metropolitana

"The Window Cleaner"

"The Window Cleaner"

Edifici tipici

Edifici tipici

Edgware Road di notte

Edgware Road di notte

Il cartello dei Sussex Gardens

Il cartello dei Sussex Gardens

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it