www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Kew Bridge

Sintesi

Kew Bridge è una stazione ferroviaria che ricade nel London Borough of Hounslow, trovandosi ad immediato ridosso (un paio di centinaia di metri) dal Tamigi, che segna il confine (verso sud) con London Borough of Richmond upon Thames, dove si trova l'altra stazione di Kew, quella di Kew Gardens.

Distanza dal centro 8,2 miglia.

Attrattiva: scarsa, salvo considerare questa stazione in funzione dei vicini Giardini Botanici Reali di Kew, del Palazzo di Kew, del Villaggio di Kew, ed in tal caso, cambia il giudizio, ma le citate attrazioni sono raggiungibili anche dalla stazione di Kew Gardens. Unica attrazione di questa specifica area è il "London Museum of Water and Steam".

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, siete lungo Kew Bridge Road, non lontano dove (verso ovest) trovate il London Museum of Water and Steam e vicino (verso est) a dove si biforca, dirigendosi verso il Tamigi, divenendo Kew Road e poi Kew Bridge quando attraversa l'omonimo Ponte sul Fiume, dove vedete diverse imbarcazioni.

Toponimo

L'analisi della prima parte del nome, è stata fatta nella pagina dedicata a Kew Gardens; "Bridge" è il Ponte sul Tamigi, la cui Storia leggete successivamente.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da Daniel Lysons in "The Environs of London: Volume 1, County of Surrey" (1792), alla voce "Kew" (pagine 202-211); da Edward Walford in "Old and New London: Volume 5" (1878), alla voce "Notting Hill and Bayswater" (pagine 177-188); si leggono in "A History of the County of Surrey: Volume 3" (1911), alla voce "Parishes: Kew" (pagine 482-487); in "A History of the County of Middlesex: Volume 1, Physique, Archaeology, Domesday, Ecclesiastical Organization, the Jews, Religious Houses, Education of Working Classes To 1870, Private Education From Sixteenth Century" (1969), alle voci "Archaeology: The Mesolithic Age" (pagine 21-28) e "Archaeology: The Neolithic Age" (pagine 29-36); sono fornite da Diane K. Bolton - Patricia E. C. Croot - M. A. Hicks in "A History of the County of Middlesex: Volume 7, Acton, Chiswick, Ealing and Brentford, West Twyford, Willesden" (1982), alle voci "Chiswick: Growth" (pagine 54-68), "Ealing and Brentford: Communications" (pagine 101-105), "Ealing and Brentford: Social and cultural activities" (pagine 120-123), "Ealing and Brentford: Economic history" (pagine 131-144), "Ealing and Brentford: Public services" (pagine 147-149), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse rintracciare ulteriori dati, consulti i Giornali (Journals) della Camera dei Lords e della Camera dei Comuni.

1. Eventi storici di rilievo

Estremamente lungo è l'arco di tempo coperto dall'Età della Pietra, tradizionalmente distinto in tre periodi: Paleolitico, Mesolitico e Neolitico. In riferimento all'Età più remota, il Paleolitico, a partire da circa 2 milioni di anni fa, non abbiamo trovato alcun riferimento in merito alla presenza umana in quest'area. Al contrario, relativi al Mesolitico, un'Età ritenuta intermedia, a partire da circa 12.000-8.000 anni fa, furono dei ritrovamenti di un pesante strumento forato nelle ossa, di presumibile provenienza dal Tamigi a Kew Bridge, insieme ad un ascia realizzata da un corno di cervo. Nel Neolitico, caratterizzato dalla nascita dell'agricoltura, dallo sviluppo di tecniche per la realizzazione di vasellame di argilla e dalla nascita di insediamenti di maggiori dimensioni e più complessi, i primi nuovi arrivati raggiunsero la Britannia verso il Quarto Millennio Avanti Cristo. Una delle tre categorie in cui ricade la ceramica del Neolitico nel Middlesex è detta "Windmill Hill", di buona qualità, dura, realizzata in forme cascanti o a spalla, solitamente a forma tondeggiante (forse derivata da contenitori pelle), semplice o scarsamente decorata intorno alla parte superiore con linee incise e punti impressi, e molto occasionalmente, con impressioni di brevi tratti di cordone. Tra la ceramica di tale tipologia, rientra un vaso completo ed alcuni frammenti vaganti dal Tamigi rinvenuti a Kew Bridge, Sion Reach e Mortlake. Sino al tempo dei Romani, il più basso guado permanente sul Tamigi fu probabilmente ad Old England, succesivamente coperto dai moli di Brentford  (a sud-ovest di Kew Bridge). I residenti di Old Brentford e quelli di Kew reclamarono il passaggio gratuito su un battello attraverso il Tamigi da tempo immemorabile, sino a quando, nel 1536, Enrico VIII nominò Gestore del servizio John Hale, Domestico di Henry Norris, il quale faceva pagare 1/2d. per gli uomini a cavallo ed 1/4d. per i pedoni, impedendo l'uso di altre barche, sopprimendo un traghetto concorrente: Egli sostenne che i pregressi Re avevano la consuetudine di accordare concessioni a Traghettatori. Gli abitanti di Kew intentarono una causa contro di lui. Non risultano documenti che riportino la pronunzia sul caso, ma gli abitanti, evidentemente, persero la causa, dato che, nel 1631-1632, Carlo I concesse il traghetto per ultimo nel possesso di Walter Hickman a Basil Nicoll e John Sampson. Inoltre, il traghetto del sovracitato Hale sopravvisse come l'unico a portare i cavalli e veicoli fino al 1659, quando era chiamato "Kew Ferry" o "King's Ferry". Dal 1659, dopo che che le tariffe erano state elevate, un servizio più economico fu offerto da John Tunstall, che in precedenza aveva preso alcuni pedoni. Il nuovo traghetto era più ad est, probabilmente ad "Hollows", e presumibilmente chiuse dopo l'apertura del primo Ponte di Kew (il servizio di traghetto più antico, forse, è sempre stato a Ferry Lane, dove rimase sino al 1939). Nel 1691, Guglielmo III concesse la protezione contro i Costrittori (Arruolatori) a William Rose e Marmaduke Greenaway, dato che i loro servizi erano essenziali per il funzionamento del traghetto di Kew. Nel 1732, Thomas Tunstall comprò il traghetto da William Churchman. Quindi, sino alla metà del XVIII secolo, non esisteva alcun ponte che attraversasse il Tamigi da Kew a Brentford. Nel 1758-1759, venne costruito il primo ponte, di legno, da Robert Tunstall, proprietario del traghetto, in modo da rimpiazzarlo. Era di 11 arcate e fu aperto nel 1759, all'estremità orientale di Old Brentford. Il ponte di legno fu sostituito da uno di pietra, iniziato nel 1783-1784, da un altro Robert Tunstall, il cui discendente lo vendette, nel 1819, al Signor G. Robinson. Ciò è confermato dal seguente passo di Daniel Lysons: "Una legge del Parlamento venne ottenuta nel Trentesimo Anno di Giorgio II per la costruzione di un ponte di legno attraverso il Tamigi a Kew; esso fu terminato nell'anno 1759. Il ponte attuale, che è di pietra da taglio, fu aperto nel settembre 1789. E' proprietà privata di Robert Tunstal; fu costruito a sue spese, come il precedente lo fu a spese di suo padre.". Nel 1825, delle carrozze effettuavano due corse di andata e ritorno tra Londra e Kew Bridge. Nel 1835, la Grand Junction Waterworks Company venne autorizzata a costruire una stazione di pompaggio sul lato setterntionale del Tamigi nei pressi di Kew Bridge, dove le opere inclusero, dal 1845, un camino di 150 piedi. A riguardo, Edward Walford (1878) che "L'acqua viene prelevata da una grande conduttura dal centro del fiume alle opere sulla riva, dove viene pompata in serbatoi di filtraggio, ecc, e quindi, fornita alla città. In connessione con le opere di Kew vi è una tubazione verticale, verso l'alto di 200 piedi di altezza, dalla quale l'acqua viene convogliata attraverso il condotto principale nei distretti da fornire. Il principale che porta l'acqua a Campden Hill è tra i sei e sette miglia di lunghezza, e qui il serbatoio è in grado di contenere 6.000.000 di galloni. L'alto tubo di mattoni delle opere qui forma un oggetto cospicuo su ogni lato di Notting Hill. Nel 1811, fu costituita una società, che si avvalse dei poteri conferiti da una clausola nella legge della Grand Junction Canal Company, per la fornitura di acqua tratta dal canale dai fiumi Colne, e Brent, e da un grande serbatoio fornito da drenaggio dei terreni nella parte nord-occidentale del Middlesex. Queste acque vennero presentate come essere molto superiori a quella del Tamigi; ma l'esperienza deluse le aspettative dei sostenitori del progetto: l'acqua si rivelò non solo di cattiva qualità, ma carente anche in quantità; e dopo vari e vani tentativi per rimediare al problema, l'azienda, che aveva preso il nome di 'Grand Junction Waterworks Company', fece nuovamente ricorso al Tamigi, usando come approvvigionamento un punto vitino l'Ospedale di Chelsea.". Tale acqua rifornì Acton, Chiswick, ed in forza di una legge del 1861, anche la parte meridionale della Parish di Ealing, nonché, dal 1890, l'intera Ealing. Nel 1849, venne aperta la stazione di Kew Bridge dalla "London and South Western Railway". Tale linea venne raggiunta, vicino Kew Bridge, nel 1853, dalla "North & South-Western Junction Railway Co", che fu collegata alla stazione di Kew Bridge nel 1862. Entro gli anni '60 del XIX secolo, la maggior parte degli spazi incolti ed inedificati vicino Kew Bridge vennero recintati per realizzare banchine e vi fu attività edilizia più all'interno, comprese case a schiera in Spring Grove, verso il 1850 (a 2,5 miglia ad ovest della stazione di Kew Bridge, vicino alla stazione di Isleworth), lungo il vecchio confine della Parish di Chiswick. L'Architetto del Ponte di pietra fu Paine. Era lungo 400 piedi, escludendo i monconi, ed era formato da sette archi, quello centrale largo 66 piedi ed alto 22 piedi. I ricavi annuali di questo ponte sommavano a circa 2.500 sterline annue, dato che sino al 1873, venne incassato un pedaggio su questo ponte, quando fu acquistato dalla Corporazione di Londra e dal Consigio Metropolitano dei Lavori (pubblici) per 75.000, rendendosi gratuito il suo transito. A tale data, la stazione di Kew Gardens faceva giungere centinaia di migliaia di visitatori ogni anno per visitare i Giardini Botanici, trasformando il Vilaggio di Kew in un sobborgo di Londra. Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva la stazione di Kew Bridge come segue: "ry sta. at N. end of Kew Bridge, Brentford, Middlesex". Nel 1899, il Ponte venne chiuso al traffico, e mentre si costruiva l'attuale Ponte, ne funzionò uno eretto temporaneamente. Ad est di Kew Bridge, si trovava "Old Kew dock", i vecchi moldi di Kew, un tempo fulcro di una fiorente industria della pesca, successivamente, distrutta dall'inquinamento del Tamigi. I principali produttori di malto del XIX secolo, i Signori. Jupp, nel 1877, possedevano, tra le varie, una Malteria vicino a Kew Bridge. Dal 1883, la "West Metropolitan Tramways Co." effettuò un servizio di tram trainati da cavalli lungo Chiswick High Road sino a Kew bridge, dove, successivamente, dal 1901, la "London United Tramways" introdusse il primo servizio di tram elettrico. Alla fine del XIX secolo, degli Orticoltori misero delle bancarelle nella carreggiata a nord di Kew Bridge, originando un mercato informale recintato, a Kew Bridge Road, causando una tale congestione del traffico, che nel 1893, che ne venne aperto uno sul lato settentrionale di Chiswick High Road. Non oltre il 1903, i carri di molti Giardinieri lasciarono High Street per Covent Garden. L'attuale Ponte, costruito per le Autorità del Middlesex e del Surrey, venne aperto il 20 maggio 1903. Nel 1980, il Museo di motori a vapore connessi all'approvvigionamento idrico, gestito dal Kew Bridge Engines Trust,, occupava una parte dei locali del vecchio Grand Junction Waterworks Co. in Kew Bridge Road. 

Hounslow - Visita guidata

La stazione di Kew Bridge

La stazione di Kew Bridge

Kew Bridge Road

Kew Bridge Road

London Museum of Water and Steam

London Museum of Water and Steam

Kew Bridge

Kew Bridge

Il Tamigi con imbarcazioni

Il Tamigi con imbarcazioni

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it