www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Holland Park

Sintesi

Holland Park è una stazione della metropolitana (Central Line). L'area adiacente è un quartiere residenziale elegante, uno dei più cari di Londra.

Distanza dal centro: 4,1 miglia.

Attrattiva: notevole.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla metropolitana, siete su Holland Park Avenue. Avete quattro possibilità: 1. La prima immediata e logica destinazione è Holland Park (Parco), verso sud, che raggiungete, dopo essere andati un poco sinistra, sino ad incontrare Holland Park (strada) o la successiva Holland Walk. Ne vale davvero la pena! Gironzolate nel verde, dove troverete addirittura il "Gabinetto per cani", di cui vi mostrammo una foto nella Newsletter 1. Non dimenticate di visitare anche Holland Park Mews; 2. Altra interessante possibilità è, tornati alla stazione, andare in direzione opposta alla precedente, verso nord, alle spalle della stazione, seguendo Ladbroke Grove e le vie che la intersecano, dove ammirerete un bel progetto architettonico, con una bella combinazione di case e giardini, di ci vi segnaliamo Ladbroke Square Garden: 3. Una situazione parzialmente simile la trovate andando verso ovest, dove diversi edifici sono affiancati da giardini, come Norland Square e Royal Crescent Garden (v. sotto); 4. Verso est, invece, superato il piccolo spazio verde Campden Hill Square, e magari dato uno sguardo al posteriore Ladbroke Walk, tenete conto della vicinanza a Notting Hill Gate e, quindi, al celebre Portobello Road Market.

Toponimo

Il nome deriva dalla Holland House di cui leggete nella "Storia". Il sito è così denominato nell'Ordnance Survey Map del 1876.

Storia

1. Eventi storici di rilievo

Sino all'inizio del XVII secolo, l'area era ancora rurale. Nel mezzo della vegetazione, tra il 1605 ed il 1608, il Cancelliere dello Scacchiere (Ministro del Tesoro), Sir Walter Cope fece edificare un'ampia villa "Giacobina" (= dell'Epoca del Re Giacomo I), che prese il nome di "Cope Castle". Alla sua morte, nel 1614, la proprietà passò al suo genero Henry Rich, Primo Conte di Holland, che aveva sposato la sorella di Walter Cope, che ampliò notevolmente la villa che divenne "Holland House", prima della sua esecuzione nel 1649. La Casa faceva parte della "Holland Estate" che la circondava e si estendeva per oltre 200 acri (in precedenza, era ancora più estesa, quasi 500 acri, che si prolungavano verso sud, quasi sino a Fulham Road). Successivamente, quando Edward Henry Rich, Settimo Conte di Warwick e Quarto Conte di Holland, morì nel 1721, il titolo sulla tenuta passò a sua zia, Lady Elizabeth Edwardes (nata Rich), sorella del Sesto Conte. Ella sposò Francis Edwardes del Pembrokeshire ed alla morte di Lei, nel 1725, la reversione venne ereditata dal loro figlio Edward Henry Edwardes. Questi morì nel 1738, lasciando la tenuta con testamento a suo fratello William, anche se aggravata da alcune incombenze. Non ci sono prove che i membri della Famiglia Edwardes abbiano vissuto nella Villa. Nel 1746, Henry Fox, che sarebbe divenuto poi un politico di successo, prese residenza nella Villa, e tre anni dopo, nel 1749, ottenne un fitto da William Edwardes relativo alla villa e 64 acri di terra per novantanove anni "or three lives". Entro gli anni '60, Henry Fox aveva ottenuto la maggior parte della tenuta della Famiglia Edwardes che si trovava a nord di Hammersmith Road (ora Kensington High Street) in fitto ed era ansioso di comprare la terra a titolo definitivo, sfruttando i guadagni conseguiti nello svolgimento del profittevole Ufficio di "Paymaster General" (Ragioniere Generale) durante la Guerra dei Sette Anni. Le proprietà di William Edwardes erano gravate da pesanti ipoteche, per cui, William non era contrario a vendere, ma altri fattori possono avergli fatto accettare la proposta di Henry Fox. Diversi anni dopo, il Secondo Lord Kensington dichiarò che Henry Fox aveva "secured a commission for a member of the Edwardes family and had thereby placed William Edwardes under an obligation to him". Come stiano le cose, nel marzo 1767, si giunse ad un accordo in virtù del quale, Henry Fox, da poco designato Barone Holland, si impegnava a pagare 17.000 sterline per tutte le proprietà di William Edwardes a nord di Hammersmith Road (ora Kensington High Street). L'alienazione venne confermata da un atto del Parlamento, al fine di sistemare l'incombenza imposta dal testamento di Edward Henry Edwardes, venendo completata nel 1768. Dalla sua contabiità del 1767-1768, si ricava che Henry Fox pagò non solo le pattuite 17.000 sterline, ma ulteriori 2.500, quasi certamente un pagamento a favore di Rowland Edwardes e John Owen Edwardes, che erano i successori legittimi nella tenuta nel testamento di Edward Henry Edwardes, al fine di ottenere il consenso alla vendita. Accanto alla terra immediatamente attaccata alla Holland House, la vendita comprese la Signoria del Manor degli Abati di Kensington e terreni sul lato della strada principale per Acton ed Uxbridge (ora Holland Park Avenue), che era tenuta in fitto da Sir Edward Lloyd. L'intera proprietà rendeva annualmente £470 19s. 11d. a William Edwardes. Un'indagine effettuata nel 1770, mostra che Holland Estate si estendeva per 237 acri, compresi un campo di 9 acri sul lato di Hammersmith del confine della Parish. Ci piacerebbe continuare la storia della Holland House, e ve ne sarebbe "materia", visto che quasi cinquanta pagine vengono dedicate a "The Holland Eestate" in "Survey of London: Volume 37, Northern Kensington" (1973), pagine 101-150. Il discorso è lungo, per cui, basti quanto leggerete successivamente nel corso di questa pagina web. Naturalmente, ci riserviamo di ritornare ed approfondire il discorso in futuro, riportandovi ora solo alcuni ulteriori eventi determinanti. Entro gli anni '50 del XIX secolo, Holland House era ormai in rovina ed il nipote di Henry Edward Fox, Quarto Barone di Holland, dovette seguire l'esempio di William Phillimore (di cui leggete sotto relativamente alla Campden House) per ricavare danaro per il restauro della villa. Alla sua morte, nel 1859, la vedova cedette la maggior parte della tenuta, così che, nel corso dei decenni successivi, ulteriori complessi edilizi circondarono Holland House ed i suoi diminuiti terreni circostanti. Tale periodo, però, vide l'edificazione di edifici quasi esclusivamente di lusso; inoltre, le proprietà di più basso livello, erette in precedenza, vennero gradualmente sostituite. Ampi edifici stuccati rappresentano il tema edilizio prevalente, anche se non mancano casette ricavate dalle mews e villette di mattoni rossi. Nel 1874, la Holland House andò ad un lontano parente dei Fox, il Conte di Ilchester. Holland House venne colpita da una bomba incendiaria durante i bombardamenti tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale, venendo gravemente danneggiata, tanto che nei tardi anni '50 del XX secolo era ridotta a scheletro. Nel 1952, i suoi ruderi e pertinenze vennero vendute dall'ultimo proprietario privato, il Sesto Conte di Ilchester, al London County Council, che aprì al pubblico il Parco. Venne creato un teatro all'area aperta nella parte posteriore della Casa in rovina. In aggiunta, si tengono dei concerti classici. Per quanto attiene specificamente al Parco, è un tipico giardino all'inglese, che si estende per oltre 22 acri, con prati, siepi ben curate, piccoli spazi d'acqua. Vi sono anche delle aree soggette a progetti speciali, coperte da bosco e fauna selvatica. Nel Parco vi è anche un Ostello della gioventù e l'ormai noto "Kyoto Garden", progettato e realizzato da un illustre progettista di giardini giapponese in occasione del Festival Giapponese di Londra del 1992. Si trattò di un progetto congiunto tra il Royal Borough of Kensington and Chelsea e la Camera di Commercio di Kyoto. Il Parco consente di fare ottime passeggiate ossigenanti e di praticare diversi sport, oltre la corsa. A parte Holland House, poche erano gli altri edifici degni di nota. La seconda casa più bella del Distretto era la Campden House, edificata nel XVII secolo ed ora rimpiazzata da appartamenti. Al principio del secolo citato fu la residenza di William Phillimore, il quale iniziò a vendere dei lotti edificabili. Una delle prime strade ad essere realizzata fu Bedford Gardens, iniziata nel 1822 da William Hall, all'epoca appena ventenne. Questi costruì abitazioni di alto livello, ma altri speculatori non fecero altrettanto, con la conseguenza che l'aspetto iniziale dell'area risultò multiforme. Altro edificio interessante era Leighton House, realizzata tra il 1864 ed il 1866 per il gusto eccentrico di Lord Frederic Leighton, Pittore classico e Presidente della Royal Academy dal 1878 al 1896. Egli fu un esponente di spicco di un gruppo di Artisti ed Architetti noto come "Holland Park Circle", che comprendeva, tra gli altri, anche celebri intellettuali e letterati del XIX secolo, come Charles Dickens, Benjamin Disraeli, George Byron, Walter Scott. Il progetto della Casa fu dell'Architetto George Aitchison, che lavorò sotto la stretta "sorveglianza" dell'Artista. La Casa è stata accuratamente restaurata come Museo e rappresenta un "pezzo d'arte" da visitare. In conclusione, senza alcun dubbio, la notevole combinazione di bellezze pubbliche e private rendono l'area di Holland Park uno dei posti più interessanti di Londra. Per quanto detto, va da sé che le persone che vivono nell'area non hanno problemi economici (es. Elton John): Holland Park è una delle aree residenziali più care di Londra, con case poste in vendita regolarmente ad oltre 10 milioni di sterline. Diverse Ambasciate hanno sede nei pressi. Si comprende, allora, come mai nel Distretto elettorale di Holland Park le persone con laurea o titolo superiore rappresentino quasi tre volte di più della media nazionale.

2. Royal Crescent Garden

Concludiamo osservando che nella "Descrizione dell'area attorno alla stazione" abbiamo fatto cenno a Royal Crescent Garden. Durante lo sviluppo edilizio dell'area del XIX secolo, una delle caratteristiche architettoniche più interessanti fu Royal Crescent (= Mezzaluna), progettata nel 1839. Fu ispirata all'omonima realizzata a Bath (elegante città del Somerset), ma da questa differisce dato che non è una vera e propria mezzaluna, essendo formata da case allineate secondo due quadranti (quarti di cerchio) che terminano con una curva nello stile "Regency", che non si ritrova nell'originaria architettura classica del XVIII secolo, che il progetto, di Robert Cantwell, cerca di imitare. Gli edifici sono stuccati in bianco, nello stile di molte case progettate da Nash in zone più eleganti di Londra. La maggior parte di questi edifici a quattro piani, ormai, non sono abitati da una sola famiglia, ma sono stati divisi in appartamenti.

Kensington & Chelsea- Visita guidata

Holland Park Avenue

Holland Park Avenue

Una delle porte d'ingresso di Holland Park

Una delle porte d'ingresso di Holland Park

Un bellissimo angolo di Holland Park

Un bellissimo angolo di Holland Park

Holland Park Mews

Holland Park Mews

Norland Square

Norland Square

Ladbroke Walk

Ladbroke Walk

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it