www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

St. James Street

Sintesi

St. James Street è una stazione ferroviaria che serve un'area storicamente rilevante dal punto di vista architettonico, oggetto di riqualificazione. L'apertura della stazione della Great Eastern Railway nel 1870 a St James Street portò un gran numero di persone nell'area circostante, determinando la crescita di questa porzione terminale di High Street in un vivace centro commerciale dove note catene commerciali decisero di aprire filiali, tanto che, nel corso degli anni, St James Street divenne il primo centro commerciale di Walthamstow. Ma negli anni '80 del XX secolo, la situazione cambiò ed i principali negozi e clienti locali abbandonarono l'area di St James Street, dove rimangono, comunque, alcuni imponenti edifici vittoriani e caratteristiche architettoniche. Un vasto progetto di riqualificazione della locale Amministrazione, finanziato da una lotteria, ha dato l'opportunità all'Area Protetta di St James Street di ridiventare una destinazione per gli acquirenti ed i visitatori, a seguito del restauro di edifici storici, miglioramento delle facciate dei negozi e dell'ambiente stradale.

Distanza dal centro: 7,5 miglia.

Attrattiva: scarsa, sebbene il contesto, tipicamente periferico, casette e negozi a livello stradale, appaia meno tetro di altri sobborghi londinesi.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, siete in St. James Street, nel punto in cui il ponte della ferrovia taglia la strada, che si sviluppa secondo la direttrice nord-sud. Se andate a destra, cioè verso nord, camminate nel solito contesto suburbano londinese, con casette a due piani e negozi a livello stradale. Dopo poco, sulla destra, trovate la pedonalizzata High Street. Il contesto non varia se, tornati alla stazione, proseguite verso sud, anche se qualche piccolo edificio sembra essere stato ricostruito successivamente. Se all'incrocio con Station Road proseguite diritto, dopo poco, trovate l'incrocio con Lynmouth Road; tale strada vi porta allo spazio verde Saint James's Park.

Toponimo

Al pari di Saint James Park, St James Street e la Parish di St James's (così indicata nella Ordnance Survey Map del 1877) derivano dalla intitolazione della Chiesa a St. James, edificata nel 1842 (v. paragrafo specifico).

Storia

Scarse sono le informazioni relative alla Storia dell'area, che si traggono da "An Exact Survey of the City's of London Westminster ye Borough of Sout[h]wark and the Country near ten miles around begun in 1741 and ended in 1745 by John Rocque Land Surveyor & Engrav'd by Richard Parr", da "A plan of the parish of Walthamstow in the county of Essex by John Coe, Vestry Clerk - Walthamstow Museum (1822); dalla "Ordnance Survey Map" del 1865; si leggono in "A History of the County of Essex: Volume 6" (1973), alla voce "Walthamstow: Churches" (pagine 285-294); sono fornite da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010); da Daniel Shannon-Hughes in "Celebrating the history of St James Street" (Waltham Forest Echo); si leggono in "Memories of Shops and Shopping around St James Street" (Waltham Forest Oral History Workshop); in "St James Street Improvements" (7 febbraio 2017, Waltham Forest Council), che traduciamo e sintetizziamo liberamente.

1. Eventi storici di rilievo

I cambiamenti dell'area da un contesto semi-rurale ad un sobborgo londinese intensamente urbanizzato si apprezzano osservando mappe e documenti del perioodo suindicato.

Dal XVIII secolo al XX secolo

Osservando la Mappa di John Roque del 1741-1745 (relativa alla City of London, Westminster e Southwark) si vedono estesi boschi (verosimilmente frutteti) su entrambi i lati della strada che sarebbe divenuta St. James Street. Le quattro diramazioni distintive nella strada di oggi sono definite dai confini del campo. Era attraversata nella sua estremità settentrionale da Marsh Street delimitata da palazzi prevalentemente del XVIII secolo sul lato settentrionale, con pochi altri sul lato opposto. Su un giornale del 1765 (conservato presso il Vestry House Museum), si vede una pubblicità relativa alla vendita all'asta di una proprietà in Marsh Street, che è molto simile, nello schema, a quelle usate oggi dagli Agenti Immobiliari. E' evidente la natura ancora rurale dell'area e fornisce "lumi" in merito al sito da dove proverranno tutti i mattoni per la costruzione delle case nel secolo successivo. Dalla Mappa di John Coe del 1822, si rileva che i boschi erano scomparsi e si vede che, in quella che oggi corrisponde a St. James Street, erano state realizzate alcune case a schiera più piccole. La strada appare più ampia rispetto alla precedente Mappa di John Roque, il che sembra essere dovuto ad un piccolo stagno nell'angolo meridionale. Marsh Street presenta ancora case signorili con ampi giardini sul retro. Una fotografia relativa ad una veduta verso nord su St. James Street (conservata presso il Vestry House Museum), probabilmente scattata negli anni '60 del XIX secolo (o anche dopo), mostra una scena rurale, ma già vi è un insediamento e si nota un negozio nelle case a schiera sulla sinistra; nel 1877, in St. James Street, risultavano operare già almeno 17 negozi ed attività commerciali. L'edificio di fronte è The Coach and Horses. Tutte le case che si vedono, tranne il citato pub, vennero demolite al principio del XX secolo. Nella Ordnance Survey Map del 1865, St. James Street appare sulla mappa come risultato della limitrofa Chiesa di St. James's costruita nel 1842 (v. paragrafo specifico). La forma a cuneo della strada è ancora presente, anche se lo stagno è scomparso ed è stato sostituito da un'area erbosa. La Birreria Essex, inaugurata nel 1859, fu collocata all'angolo tra St. James Street, South Grove (che ora ha una fila di case a schiera sul lato settentrionale) e Markhouse Road. Negli anni '60 del XIX secolo, Walthamstow iniziò a crescere, il che portò a proposte di realizzazione di una linea da Bishopsgate, nella City of London, a Chingford. La linea venne terminata a tappe e, nel 1870, venne aperta la stazione di St. James Street. L'arrivo della ferrovia determinò la massiccia crescita della popolazione, da 11.092 persone nel 1871 a 96.720 nel 1901. Le basse tariffe indussero molte persone ad usare il terno, facendo i pendolari per il lavoro, tanto che il sovraffollamento divenne un serio problema soprattutto a St James Street, caratterizzata da limitrofe abitazioni economiche. La stazione disponeva di due biglietterie alle due estremità delle piattaforme. I vagoni progettati per 12 occupanti spesso ospitavano fino a 30 persone. In un annuncio tratto dal Berrett's Walthamstow Directory del 1877, viene pubblicizzata la più antica azienda di Walthamstow, quella di Robert Cawthron, quale Famiglia di Salumieri e Fornitori di scorte (faceva parte di un certo numero di negozi alimentari ubicati lungo St James Street). La maggior parte dei negozi dell'area di St. James Street fu aperta tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90 del XIX secolo. A quel tempo, non esistevano le catene di negozi o i grandi magazzini. Davvero poche persone che iniziarono a condurre un'attività in loco erano originari di quest'area. I primi Commercianti di St James Street ed High Street sembrano essere scomparsi quando vennero costruiti i nuovi negozi: la crescita della popolazione di Waltham Forest comportò un cambiamento dei negozianti e dei bancarellieri. Altre informazioni vengono tratte osservando la Ordnance Survey Map del 1913. Come sapete, l'arrivo della ferrovia a Walthamstow stimolò la crescita della cittadina. Lo schema stradale appare ormai quasi completato. Nel 1905, venne aperta una linea tramviaria da St Andrews Road ad Higham Hill e Lea Bridge Road. In precedenza, nel 1822, Marsh Street era diventata High Street per riflettere la sua nuova condizione di strada commerciale più importante. La maggior parte delle grandi case era stata abbattuta per essere sostituita da negozi. Sfruttando gli ottimi collegamenti di trasporto, il locale proprietario terriero Thomas Courtenay Theydon Warner (1857-1934) fece costruire in St. James Street e nella parte più bassa di High Street la maggior parte degli attraenti edifici a schiera a tre e quattro piani, con negozi. Ad Egli si deve anche la limitrofa residenziale Clock House Estate, caraterizzata da uno schema di colore carattteristico verde e crema, da un buon livello qualitativo e da distintive caratteristiche estetiche, compresa una lettera "W" su molte proprietà. Clock House, all'angolo tra Pretoria Avenue e Mission Grove (in parte ancora esistente), in stile Regency, eretta nel 1813, fu la Casa dela Famiglia Warner e dove Egli visse per un certo tempo. L'uso del costoso mattone color crema di Suffolk faceva risaltare l'edificio. Nel 1891, Warner fondò la sua impresa edile che edificò un gran numero di grandi condomini residenziali a Walthamstow e Leyton. La progettazione classica degli alloggi prevedeva piano terra e il primo piano tipo "maisonettes" (stanze distribuite su due piani che dispongono di un ingresso dall'esterno). Gli affitti erano economici, anche se gli inquilini dovevano godere di buona reputazione e lavorare. Warner fece anche politica, divenendo Parlamentare per il Somerset Settentrionale dal 1892 al 1895 e, poi, per Lichfield dal 1896 al o 1923. Fu anche il primo Sindaco del Borough of Walthamstow dopo la sua incorporazione nel 1929. Nel 1920, fu introdotto il "Jazz Service" (servizio intensivo a vapore) dalla Great Eastern Railway in alcune delle sue linee suburbane di Londra. I treni passano ogni cinque minuti, il che ridusse i problemi scaturenti dai treni sovraffollati. Ma negli anni '30 del XX secolo, i modelli di viaggio cambiarono ed il sovraffollamento diminuì ulteriormente. La linea fu elettrificata nel 1960. Sebbene oggi il piano terra della stazione rimanga sostanzialmente quello di quanto fu realizzato nel 1898, una delle due biglietterie è stata rimossa, sono state abbattute le "lamp rooms" sulle piattaforme, come pure un piccolo negozio vicino all'ingresso settentrionale. A livello di piattaforma, sono stati rimossi dei tendaggi e creati nuovi ripari di attesa poco attraenti. Durante la Seconda Guerra Mondiale, High Street, che sapete essere prossima a St. James Street ed incrociarsi con questa, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, fu colpita da 38 bombre tedesche altamente esplosive ed 1 mina paracadutata. Oggi, le attività a conduzione familiare costituiscono la maggior parte dei commercianti locali. L'area Protetta (St James Conservation Area) corrisponde all'area commerciale storicamente importante che contiene diversi esemmpi di architettura del XIX e principio del XX secolo realizzata dal proprietario locale Vittoriano già citato Thomas Courtenay Theydon Warner. St James Street e l'incrocio con High Street formano oggetto di trasformazione secondo un progetto di riqualificazione globale (St James Street Regeneration Project area) finalizzato a stabilire una propria identità a St James Street e come destinazione a sé stante e non solo come porta di accesso al centro di Walthamstow. Un altro interessante progetto è "Oral History Project", che si basa sulla considerazione che ciò che forma il carattere e l'essenza di un grande luogo, non sono solo gli edifici, ma anche le persone. Per cui, i residenti sono stati coinvolti nelle attività e nei laboratori di storia orale locale.

2. St. James's Church

Sino al 1829, tranne la prima Cappella di Higham, la Parish Church di St. Mary's fu l'unico luogo di culto Anglicano. In quell'anno, fu costruita una Cappella di sevizio dedicata a St. John's, a Chapel End, per iniziativa del Vicario William Wilson, il quale, in seguito, fondò altre due Cappelle di servizio, St. Peter's-in-the-Forest (1840) e St. James's (1842). Nel 1844, per tutte e tre le Cappelle vennero formate le relative Parishes. In particolare, la Chiesa di St. James, in St. James Street, venne costruita su un sito dato dal Vicario di St. Mary's e S. R. Bosanquet. Il Patrocinio della Canonica fu trasferito nel 1873 dal Vicario di St. Mary's al Vescovo. Nel 1875, St. Saviour's (costruita in Markhouse Road nel 1874 su progetto di T. F. Dolman, essendo l'unica Chiesa residua di Walthamstow risalente al grande periodo del ripristino dello stile gotico, venendo realizzata in pietra in uno stile corretto del XIII secolo) divenne la Parish Church della Parish di St. James's, avendo St. James's quale Cappella di servizio. Dal 1882 al 1885, mentre veniva costruita la nuova chiesa di St. Michael and All Angels, St. James's funse da Centro di lavoro per un distretto missionario. Nel 1901, parte della Parish di St. James fu trasferita a quella di St. Barnabas. La Chiesa di St. James fu demolita e ricostruita nel 1902-1903. Il nuovo edificio, progettato da J. E. K. e J. P. Cutts, conteneva l'altare, la finestra orientale e molti dei mattoni della vecchia Chiesa. Fu dedicata a St. James the Greater. La Parish di St. James the Greater, costituita nel 1904, fu estratta dall'antica Parish di St. James (pseudonimo di St. Saviour). Nel 1941, il suo Vicario divenne responsabile della Parish di St. Oswald dopo che quella Chiesa era stata bombardata. Parte della Parish di St. Oswald's fu unita a St. James the Greater nel 1949. Nel 1957, St. James the Greater fu posto temporamemente sotto il Vicario di St. Barnabas. Fu chiusa nel 1960 e successivamente demolita. Il sito è oggi occupato da una Clinica.La Parish fu fusa in quella di St. Barnabas nel 1961. Alcuni arredi di St. James the Greater andarono ad una Chiesa missionaria a Widford; altri, tra cui un altare della prima chiesa di St. James, furono usati per la Cappella di St. James nella Chiesa di St. Barnabas.

Waltham Forest - Visita guidata
La stazione di St. James Street

La stazione di St. James Street

St. James Street

St. James Street

Ponte ferrorivario

Ponte ferrorivario

High Street

High Street

St. James Street

St. James Street

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it