www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Bickley

Sintesi

Bickley è una stazione ferroviaria che serve un'area ritenuta attraente per le sue case ampie e costose, che la rendono una delle più care di Londra. Si tratta della zona tra Chislehurst Road e Bickley Park Road, estendendosi alla ferrovia verso la stazione di Chislehurs.

Distanza dal centro: 11,9 miglia.

Attrattiva: se amate la tranquillità, il verde, le case tipiche eleganti, notevole.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, siete lungo Souhborough Road. Andando a destra, trovate un senso rotatorio, con da un lato, Southlands Grove, dall'altro, Hawthorne Road. Piuttosto che gironzolare da questo lato, tornate indietro, e portatevi sulla strada principale, raggiungendo l'incrocio oltre la stazione, trovando sulla sinistra, Brickley Road, sulla destra, Brickley Park Road. Seguite quest'ultima, sulla sinistra, osservate St. George's Road (un cartello recita "Strada privata - Accesso solo ai residenti ...", al cui lato trovate la Chiesa di St. George.

Toponimo

Il nome si ritrova per la prima volta nel 1279 come "Byckeleye" ("Feet of Fines" del Kent). Successivamente, si legge "Bykeleye" (1292), "Bikeleye" (1297). In merito al significato del termine, esso è ignoto. "Bickley" ricorre non solo qui, nell'ex Kent, ma anche in Worcestershire e Cheshire, o similmente come "Bickleigh" nel Devon, dove viveva un ramo della Famiglia Wells, una di quelle che possedette l'area. Proprio quest'ultima circostanza, potrebbe avvalorare la tesi secondo cui il nome dell'area fu scelto da John Wells, che nel 1780 (o 1783), fece costruire Bickley Hall sul sito di un casino di caccia. Solitamente, però, si propongono due alternative interpretazioni, che "leggono" la parola come un composto dell'Old English, di cui la prima parte sarebbe "Bica" (Cresta appuntita) oppure Bicca" (nome personale) + "lēah" (Radura ricavata da una foresta), per cui, nel primo caso, significherebbe "Radura ricavata dalla foresta su o vicino ad una cresta appuntita", nel secondo caso, "Radura ricavata dalla foresta appartenente ad un uomo chiamato Bica".

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area sono fornite da Daniel Lysons in "The Environs of London: Volume 4, Counties of Herts, Essex and Kent" (1796), alla voce "Bromley" (pagine 307-323); da Edward Hasted in "The History and Topographical Survey of the County of Kent: Volume 1" (1797), alla voce "Parishes: Bromley" (pagine 550-570); si leggono in "Dictionary of American Family Names" (2006); sono fornite da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010); da Christopher Hibbert - Ben Weinreb - John Keay - Julia Keay "The London Encyclopaedia" (2011, III Edizione), pagina 66; si leggono in "History of Bickley", "Bickley Hall, Bickley, 1959", "St. George's Church, Bickley, c. 1890" (Ideal Homes: A History of South-East London Suburbs), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga: Muriel V. Searle "Bickley, Widmore and Plaistow in Old Picture Postcards" (1990).

1. Eventi storici di rilievo

Nel "Toponimo", avete letto che la prima ricorrenza del nome dell'area, come "Byckeleye" si ha nel 1279. Tuttavia, sino al XVIII secolo, l'area rimase di fatto disabitata, tranne un piccolo borgo chiamato "Cross-in-Hand" (da cui trasse origine l'odierno Bickley), vicino all'attuale Chislehurst Road, e dove si trovava una residenza successivamente nota come Farrants, dal nome del suo proprietario, nonché il limitrofo borgo di Widmore, fondato nel 1626. L'intera area era costituita soltanto da macchia frequentata da volpi, adatta unicamente alla caccia. Infatti, prima della metà del XVIII secolo, qui vi era un casino di caccia, noto come Highway Buch, posseduto da Thomas Jukes. Nel 1759, l'area divenne di proprietà di John Wells, la cui Famiglia, da molti anni, svolgeva l'attività di Costruzione navale a Deptford. Fu nel periodo di proprietà di tale Famiglia che sorse la moderna Bickley. Infatti, nel 1780, John Wells fece costruire la villa Bickley Hall (progetto dell'Architetto Robert Mylne), secondo lo stile di una casa di campagna, sul sito del vecchio casino di caccia, ampliando la sua tenuta, eliminando gran parte delle circostanti ginestre spinose e rovi, trasformati in piacevoli terreni annessi a Bickley Hall. Ciò comportò la demolizione dell'antico borgo di Cross-in-Hand e la deviazione di Chislehurst Road, realizzando il suo attuale tracciato. In generale, i tortuosi viottoli che attravarsavano l'area vennero sostituiti da strade transitabili. Nel 1794, John Wells morì scapolo. La tenuta rimase di proprietà della Famiglia Wells per alcuni anni. Edward Hasted, dopo aver fornito una diversa data della costruzione di Bickley Hall, riportando "Bickley, che fu eratta all'incirca quattordici anni fa (ndr 1783), da John Wells, di Deptford", aggiunge che, alla sua morte, fu da questi lasciata a suo fratello William Wells, che nel 1797 vi risiedeva, informazione confermata da Daniel Lysons, che nel precedente anno 1796, scriveva "Bickley ..... la sede di William Welles". Tale William Wells oltre che Costruttore navale, fu anche Direttore dell'Ospedale di Greenwich. Nel 1812, suo figlio John Wells, comprò la proprietà (1.200 acri) da suo fratello, commissionando delle aggiunte a Bickley Hall. Tuttavia, nel 1841, fu coinvolto in un fallimento bancario e fu costretto a svendere la proprità, finendo per essere costretto ad abbandonare Bickley Hall con le uniche due cose che gli erano rimaste, una Bibbia in una mano e la sua pistola in un altra. La locale stazione venne aperta col nome di "Southborough Road" dalla "London, Chatham and Dover Railway" (LCDR), nel 1858; il nome venne cambiato in "Bickley nel 1860. Nel 1861, dopo numerosi passaggi di mano, la proprietà venne venduta da George Wythes, un ricco Imprenditore (che l'aveva acquistata sfruttando "cavilli legali"). Egli assoldò alcuni dei migliori Architetti del tempo, essendo il primo R. Norman Shaw, anche se Bickley si deve principalmente a Ernest Newton (che, nel 1884, costruì per sè il numero 8 di Page Heath Lane). Iniziò così la costruzione di Bickley Park Estate, che George Wythes vendette in grandi lotti da 2 a 5 acri, ciascuno con grandi case ed estesi terreni, destinati a Mercanti e Banchieri. Vennero costruite nuove strade e, nel 1863-1865, la Chiesa di St. George. lungo Bickley Park Road, per servire i nuovi residenti. La Chiesa contiene un monumento della Famigia Wythes. Fu realizzata come una imponente struttura nello stile Alto Gotico, per riflettere il carattere delle costruzioni realizzate nei suoi paraggi. La Water Tower, costruita sulla cima di Summer Hill, fu progettata come imponente ingresso alla tenuta privata. Parte dei terreni vennero convertiti in campi di cricket, che oggi fanno parte del Circolo di cricket di Bickley Park (fondato nel 1868). Quando la stazione di Chislehurst fu aperta nel 1865, per un breve periodo, fu chiamata "Chislehurst e Bickley Park". Nel 1870-1872, l'Imperial Gazetteer of England and Wales di John Marius Wilson descriveva Bickley, allora nel Kent, come segue: "a chapelry, with a r. station, in Bromley parish, Kent; 1½ mile E of Bromley. Pop., 473. Living, a vicarage. The church was built in 1865, at a cost of £10,000. There are many fine villas.". Si notino le ultime parole, dove si evidenzia la presenza di molte belle ville. Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva Bickley come segue: "eccl. dist. with ry. sta., Bromley par., W. Kent, 12 miles S. of London, pop. 962; P.O., T.O.". Negli anni '70 ed '80 del XX secolo, il già citato Architetto Ernest Newton progettò una serie di proprietà caratteristiche secondo uno stile che divenne sempre più neo-Georgiano. Nel 1897, Bickley Hall disponeva di un parco circostante ancora considerevole, descritto come "Parco di cervi". Confrontando due mappe di Bickley, quella del 1862 e quella del 1902, appare evidente la trasformazione dell'area lungo le due strade visibili. Nel 1904, poiché la guglia di St. George venne giudicata insicura, fu ricostruita dall'Architetto Ernest Newton. Dal 1905, il successore di Newton, C. H. B. Quennell realizzò un piccolo sobborgo più omogeneo attorno a St. George. Verso il 1908, la Famiglia Wythes partì ed affittò Bickley Hall ad una Scuola privata. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, Bickley fu colpito da 79 bombe tedesche altamente esplosive. Sino agli anni '60 del XX secolo, periodo in cui Bickley Hall venne abbattuta (1963, nonostante un tentativo di salvarla), vi fu una espansione edilizia frammentaria alla periferia del Parco, quando la restante parte dei terreni venne venduta per essere edificata: come era accaduto nel secolo precedente, vi fu la prevalenza di grandi e costose case indipendenti, anche se realizzate su lotti piuttosto piccoli. Molte delle originarie case di Bickley divennero troppo ampie per le esigenze del XX secolo, per cui, ebbero breve vita, venendo rimpiazzate da moderne costruzioni di minore dimesione, ma ancora eleganti, e, quindi, destintate ad una clientela rappresentante una fascia di mercato superiore. Nel 1989, quando erano in atto i preparativi per festeggiare i suoi 125 anni, St. George subì un grave incendio, ma fu in seguito, ricostruita nello stile originale. Oggi, sebbene un buon numero di proprietà Eduardiane della fine del XIX secolo continui a svolgere l'originaria funzione di essere residenza familiare, alcune sono state convertite in appartamenti. Bickley rimane quasi esclusivamente residenziale, priva di negozi, uffici e pubs, per cui, i residenti raggiungono Chislehurst, Bromley o altri siti più distanti per lavorare o divertirsi. L'elevato apprezzamento di Bickley, spinge gli Agenti immobliari a "spenderne" il nome anche in riferimento alle vicine località di Widmore e Southborough, dove si trovano pochi negozi fruibili dai residenti di Bickley.

Bromley - Visita guidata

La stazione di Bickley

La stazione di Bickley

Southborough Road

Southborough Road

Southlands Grove

Southlands Grove

Hawthorne Road

Hawthorne Road

Brickley Park Road

Brickley Park Road

St. George

St. George

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it