www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

West Dulwich

Sintesi

West Dulwich è una stazione ferroviaria (Southeastern). Si trova al ridosso del confine tra il London Borough of Southwark, in cui oggi ricade, ed il London Borough of Lambeth. Proseguite sino a North Dulwich, ne vale la pena, visto che attraverserete una delle zone più belle di Londra, Vittoriana ed Eduardiana. Si tratta di quella che sino al 1913 era chiamata Dulwich High Street o semplicemente Highway (era la strada che attraversava il Manor medioevale), che per il fatto di presentare l'aspetto di una strada di villaggio, con piccole botteghe deliziose e segnali stradali tradizionali, venne denominata Dulwich Village. L'atmosfera è rilassata e signorile, sembra che il tempo si sia fermato e siamo a soli 13 minuti di treno da Victoria Station!!! Non è un caso, quindi, che proprio l'ex Primo Ministro Margaret Thatcher scelse di trascorrervi gli anni della sua pensione.

Distanza dal centro: 6,1 miglia.

Attrattiva: notevole. Davvero interessante quest'area, con bei parchi, gallerie d'arte, il Villaggio di Dulwich, la sua particolare tranquilla atmosfera.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione ferroviaria, siete su South Circular Road. Dall'altro lato della strada, vedete Belair Park. Fiancheggiatelo ed entrate, girando a sinistra, in Gallery Road, sino a raggiungere Dulwich Picture Gallery, dove, oltre a vedere alcune mostre, potete anche fermarvi e rilassarvi presso la caffetteria. A questo punto, entrate in Dulwich Park, dove potete piacevolmente gironzolare lungo il laghetto e godere del suo verde, eventualmente, sostando su una delle panchine se vi siete stancati. A tal punto, ritornate sulla strada e raggiungete Dulwich Village, carino, tranquillo, un luogo molto rilassante, dove trovate tanti negozietti interessanti. Finita la visita, procedete ancora verso nord, in modo da raggiungere la stazione di North Dulwich.

Toponimo

Nella successione delle denominazioni date all'intera Dulwich nel corso dei secoli, che leggete successivamente, quella specifica di questa area, come "West Dilwysh", appare per la prima volta solo nel 1344. Invece, il nome generale dell'area si ritrova citato in precedenza, per la prima volta, nel 967, in Epoca Sassone, come "Dilwihs" (v. "Storia"). Successivamente, si legge "Dilwich(e)" (1127), "Dilwiche" (XII secolo), "Delewige" (1199), "Dilewisse" (1210, 1212, 1242), "Dilewis" (1226), "Dylewis" (1241), "Dyllewis" (1259), "Dilwysse" (1261), "Dylewysse" (1263), "Deluwyz" e "Dyluwyz" (1276), "Dilewyssh(e)" (1277), "Dilewysh(e)" (1279, 1294), "Dylewix" (1279), "Dylewysh(e)" (1279, 1304, 1316), "Dylewish" (1311), "Est Dilewissh" (1340), "West Dilwysh" (1344), "Delewyssh" (1350), "Suthdilewysshe" (1354, 1393, 1552), "Dylewyche" (1369), "Delewishe" (1372), "Dillewisshe" (1402), "Dyllewyche" (1431), "Dulwich woode" (1530), "Dulwyche" (1555), "Dulwich Corte" (1603), "Dullewyche", "Dulli(d)ge" (1675). "Dilwihs"potrebbe derivare dall'Old English "dile-wisc", che significa "Prato dove cresce l'aneto (ndr un'erba aromatica denominata in Latino "Anethum graveolens")".

Storia

Utili informazioni sulla storia dell'area si trovano sotto la voce "Parishes: Camberwell", in "A History of the County of Surrey: Volume 4" (1912), pagine 24-36; "Dulwich College: A brief history and guide to the buildings" di J. R. Piggott; "The London Encyclopaedia" (Terza edizione) di Christopher Hibbert, Ben Weinreb, John Keay, Julia Keay; "General introduction", in "Survey of London: Volume 26, Lambeth: Southern Area" (1956), pagine 1-17; "Dulwich History and Romance AD 967-1916 di Edwin T Hall (1917); The Story of Dulwich di Mary Boast (1975); Victorian & Eduadian Dulwich di Brian Green (1988), che traduciamo e sintetizziamo liberamente.

Per semplificare la lettura, distinguiamo i seguenti punti:

1. Eventi storici di rilievo

L'antico Manor di Dulwich era un minuscolo borgo circondato da boschi e campi, delimitato nel suo lato meridionale dal Great North Wood dell'Arcivescovo di Canterbury. Nel 967, il Re Edgardo I, anche detto Edgardo il Pacifico (circa 943 – 8 luglio 975), in Old English (Ēadgār), o anche Eadwic, Re d'Inghilterra dal 959 al 975, concesse "Dilwihs" al Conte Elfheah (o Aelfheah), suo consanguineo. Il documento viene riportato nel "Cartularium saxonicum: A.D. 948-975. Appendix [A.D. 578-963 Volume 3, Parte 1" di Walter de Gray Birch, Editore Whiting (1893). Dulwich non viene citata nel Domesday Book (1086). Una parte di "Dilwich(e)" sembra essere stata inclusa nel Manor di Bermondsey, che era un antico demanio della Corona e, al principio del XII secolo, con successive concessioni reali (come quella del 1127 da parte di Enrico I), andò all'Abbazia di Bermondsey. In aggiunta, sembra che ulteriori diritti, rientranti in parte dell'eredità del Conte di Gloucester, al tempo tenuti da Henry de Dulwich e suoi coeredi, pure andarono al Monastero. Nel 1333, gli abitanti erano 100 ed erano accentrati attorno all'attuale Dulwich Village. Il Manor venne successivamente fittato, ma rimase di proprietà dei Monaci sino alla Soppressione dei Monasteri nel 1538, quando il Manor di Dulwich venne valutato £13 5s. 8d. . Nel 1546, la reversione del Manor venne concessa, dopo la scadenza del fitto di 50 anni a John Solt, a Thomas Calton, la cui vedova Margaret e figlio lo trasmisero nel 1570 a Lord Giles Paulet, figlio di William, Marchese di Winchester e William Chyvall come amministratori per Margaret e suoi figlio Nicholas. Nel 1571, Margaret Calton, la vedova, morì possedendo il Manor e la Manor House, chiamata Hall Place, che si trovava in Manor House Fields alla fine di Croxted Road (verso il 1882, la casa venne abbattuta ed il suolo utilizzato a fini edilizi). Le terre andarono a Nicholas, il figlio più giovane e suoi eredi, con eventuale regresso in successione a favore degli altri figli. Nel 1575, morì Nicholas Calton, e nel 1605, Sir Francis Calton, vendette il Manor e Hall Place a Edward Alleyn, il fondatore del Dulwich College, come leggerete successivamente. Nel 1613, iniziarono i lavori della Dulwich Chapel e dell'Old College, terminati rispettivamente nel 1616 e 1618. Nel 1619, Edward Alleyn, che era un attore ed impresario contemporaneo di Shakespeare, fondò il Dulwich College con i guadagni di attività discutibili (case di totteranza e combattimenti tra orsi e cani che operava a Bankside). Il indusse la borghesia benestante a trasferirsi a Dulwich (al tempo borgo rurale), al fine di assicurare una buona istruzione alla figliolanza. Nel 1620, Edward Alleyn trasferì il Manor agli amimministratori del Dulwich College. Edward Alleyn morì nel 1626. Nel 1647, durante la Guerra civile inglese, i seguaci di Cromwell, si acquartierarono nell'Old College. Nel 1665, la Grande Peste uccise 35 abitanti di Dulwich. L'assenza di una strada che attraversasse Dulwich sino a buona parte del XIX secolo, mantenne l'isolamento dell'area ed assicurò una vita tranquilla, anche se su Dulwich Common (recinto tra il 1805 ed il 1814) vi fu il problema dei briganti. Nel 1814 venne chiuso il mulino su Dulwich Common e terminata Dulwich Art Gallery (iniziata nel 1811). Nel 1842, aprì Dulwich Grammar School. Nel 1851, la popolazione di Dulwich ammontava a 1.632 persone. Nel 1863, aprì la stazione di West Dulwich (come Lower Knight's Hill, divenendo West Dulwich nel 1926). Sino a tale momento, la crescita di Dulwich era stata molto stentata. Nell'Imperial Gazetteer of England and Wales del 1870-1872 di John Marius Wilson, Dulwich viene descritta come segue: "a village, a suburban tract, and three chapelries in St. Giles-Camberwell parish, Surrey. The village stands at the southern outskirts of London, adjacent to several railways, 4½ miles S of St. Paul's; and has r. stations of Dulwich and North Dulwich, and a post office‡ under London S. The suburban tract or hamlet includes the village, together with a plentiful sprinkling of fine villas; and comprises 1, 423 acres. The manor belonged to the monks of Bermondsey; was given, by Henry VIII., to the Caltons; and passed, by purchase, in 1606, to Edward Alleyn, the player, a contemporary of Shakspeare, and eulogized as "Proteus for shape, and Roscius -for tongue. " A college was founded and endowed by Alleyn, for certain beneficiaries; was reconstituted by act of parliament, in 1858, to be mainly educational; stands now on a plot of about 45 acres; comprises an upper school for 230 boys, a lower school for 200 boys, a chapel, a lecture-theatre, a laboratory, a library, a board-room, play-fields, and reserved ground for boarding - houses; and has an income of about £11, 500. The buildings were re-erected in 1865-9, at a cost of about £72, 000; comprise a centre and two wings, with connecting cloisters; and are in the Northern Italian style of the 13th century, and highly ornate. A picture gallery, erected in 1812, after designs by Sir John Soane, is attached to the college; contains nearly 400 pictures by the old masters, mostly collected by Mr. Desenfans for King Stanislaus of Poland, and bequeathed by him to Sir Francis Bourgeois, and by Sir Francis to the college; and is open to visitors, bringing gratis tickets, attainable at booksellers' shops in London. A charity school for girls also is here, and has an endowed income of £202.-The three chapelries are Dulwich College, East Dulwich, and Dulwich-St. Stephen, -the last one constituted in 1868; and all are p curacies in the diocese of Winchester. Value of Dulwich College living, £300; of East Dulwich, £600: of Dulwich-St. Stephen, not reported. Patron of D.and D-St. S., Dulwich College; of East D., Trustees. There is a Wesleyan chapel.". Nel 1890, aprì Dulwich Park. Nel 1891, venne costruita All Saints Church, una notevole struttura se paragonata alle piccole dimensioni dell'allora sobborgo londinese (v. paragrafo specifico). Nel 1901, la popolazione di Dulwich era 10.247 abitanti. Le prime costruzioni di West Dulwich furono molto selezionate, ma progressivamente divennero a buon mercato mano a mano che lo sviluppo urbano si estese in direzione occidentale. Sebbene la principale fase edificatoria si ebbe negli anni che precedettero la Prima Guerra Mondiale, ancora vi erano degli spazi vuoti negli anni '30 del XX secolo. I bombardamenti tedeschi della Seconda Guerra Mondiale arrecarono danni in diversi punti dell'area, tanto che West Dulwich Congregational Church, che si trovava a Chancellor Road (ora Grove Road), venne spazzata via da una bomba nel 1940. All Saints Church venne anche danneggiata ma poi fu riparata. Altre bombe cadute nel 1944, per le distruzioni che arrecarono, rappresentarono lo spunto per il programma di ricostruzione post-bellico. Nel 1999, la citata All Saints Church venne sventrata da un incendio causato da un termoventilatore lasciato acceso durante la notte. Ancora una volta, la Chiesa venne restaurata, sia all'interno, che all'esterno.

2. Tappe dello sviluppo urbano

Dulwich costituisce il classico esempio di come un unico fattore (nella fattispecie il grande potere dell'unico proprietario, Edward Alleyn, che nel 1605 comprò il Manor di Dulwich) abbia governato (nella fattispecie impedito) il processo di sviluppo urbano, a dispetto della presenza di tanti altri fattori che, al contrario, l'avrebbero innescato (richiesta di case, disponibilità di manodopera, trasporti, imprenditori edili disponibili). L'Istituzione deputata a gestire l'area, sin da allora, utlilizzò i proventi per fini benefici, compresa la gestione di una scuola che divenne Dulwich College ed altre Istituzioni collegate. Venne esercitato sempre uno stretto controllo sullo sviluppo dell'area, consentendo solo le trasformazioni che si sarebbero rivelate funzionali nel lungo periodo alle Istituzioni che sosteneva e che sarebbero risultate attraenti per i genitori degli studenti. La positiva conseguenza fu la presenza di poche case di alta qualità e ben tenute (che vennero preferite a tante piccole che non avrebbero mantenuto il valore), una schiacciante popolazione di classe media, nonché il carattere semi-rurale di sobborgo della Londra esterna, nonstante la distanza dalla City sia inferiore alle sei miglia.

2.1 Mappa del 1842

La mappa si deve a J. Dewhirst e venne pubblicata nel 1842 da W. Wheeler. Mostra il cuore della Dulwich Estate. La mancanza di una Parish Church determinò lo sviluppo del villaggio verso due poli, il Dulwich College o il pub, "The Greyhound". Il villaggio coincideva col centro commerciale, ma sulla strada principale, che poi divenne College Road e su Dulwich Common, si vedono ampie case autonome. Notevole è Belair Park, con i suoi vasti spazi e lo stagno con i pesci.

2.2 Mappa del 1894

La Stanford Ordnance Survey Map del 1894 mostra lo sviluppo della Dulwich Estate nel XIX secolo. Il villaggio mantiene la sua forma del secolo precedente, ma ai suoi confini vi sono due importanti cambiamenti: Dulwich Park, aperto nel 1890, e le costruzioni del Dulwich College del 1870. A nord-ovest, sono state realizzate nuove strade, in attesa della costruzione di grandi case e ville.  

3. Dulwich Picture Gallery

La struttura trae origine dalla Raccolta Desenfans, che era un commerciante di quadri, che verso la fine del XVIII secolo, venne incaricato da Stanislao, Re di Polonia, di creare una Raccolta di opere di vecchi Maestri. Questa, alla caduta del Re polacco, rimase nelle mani di Desenfans e lasciata in eredità a Sir Francis Bourgeois. Quest'ultimo morì nel 1810 e li lasciò a Margherita, moglie di Noel Desenfans, a vita con reversione a favore del Dulwich College. Pertanto, venne costruita una "Gallery" a sud del vecchio Collegio per accogliere i quadri, sotto la direzione di Sir John Soane. L'inaugurazione si ebbe nel 1817. L'edificio è di mattoni con copertura di pietre. Alla Raccolta Desenfans è incorporata quella del Collegio che comprende i quadri donati da Edward Allen (1626) e da William Cartwright, un libraio di Holborn (1686). Adiacente alla Gallery ad ovest, si trova il mausoleo che contiene i resti di Sir F. Bourgeois e del Signor e della Signora Desenfans. La collezione permanente, nella sezione italiana, contiene opere di Raffaello, Tiepolo, Canaletto, Sebastiano Ricci, Guercino, in quella spagnola, Murillo, in quella francese, Poussin, Watteau, Gelleé, ed infine quadri di Rembrandt, Rubens, Van Dyck, Reynolds.

4. All Saints Church

Nel 1880, West Dulwich non era ancora tutta urbanizzata, per cui, per soddisfare i bisogni spirituali del Distretto, venne realizzata una struttura temporanea di ferro a Rosendale Street. Nel 1887, "West Dulwich New Church Building Committee" propose la costruzione di una struttura permanente e, poco dopo, gli Amministratori della Tenuta (Estate) del Dulwich College promisero l'attuale sito. La prima pietra venne posta dal Vescovo di Rochester il 31 ottobre 1888 e la parte completata venne aperta, con autorizzazione, il 31 ottobre 1891. La spesa complessiva, pari a circa 16.000 sterline, venne raccolta con donazioni da parte egli abitanti del Distretto. Il sito venne trasferito gratuitamente ai Commissari ecclesiastici nel 1893, e la Chiesa fu consacrata il 13 novembre 1897. La chiesa fu danneggiata dai bombardamenti tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale nel 1944. I lavori di restauro terminarono nel 1952. Venne costruito un campanile, progettato da J.B.S. Comper, per ricordare i Parrocchiani morti in guerra tra il 1939-1945. All Saints Church rappresenta un notevole esempio di Chiesa del XIX secolo e costituisce l'opera matura dell'Architetto G. H. Fellowes Prynne, il cui stile personale fu talmente distintivo da sopravvivere alla forte influenza del suo Maestro, G.E. Street. La Chiesa venne progettata secondo un grande schema per circa 1.400 parrocchiani, probabilmente rifacendosi alle grandi Chiese della Catalogna (preferite dal Maestro G.E. Street).

5. Dulwich College

Edward Alleyn, il fondatore, era il proprietario del Teatro "Rose" a Southwark, e nel 1604, venne nominato supervisore dei giochi del Re di orsi, tori e cani, che venivano effettuati principalmente nel Paris Garden a Southwark. Dopo aver acquistato il Manor di Dulwich, nel 1605, Alleyn lasciò Southwark, dove era stato Amminstratore civile di St. Saviour's e Direttore della Grammar School e si trasferì a Dulwich. Comprò il Manor di Dulwich per 35.000 sterline nel 1613. Iniziò subito la costruzione del Collegio, che fu terminata nel 1614. L'apertura si ebbe il 21 giugno 1619, con lettera di autorizzazione da parte del Re Giacomo I. Nel 1620, fu dotato del Manor e di Hall Place. La fondazione fu duplice, in parte come Ospizio ed iin parte per gli studenti. La sezione meridionale, che comprende la Cappella, la casa del Cappellano e la Biblioteca sembrano essere le uniche parti rimanenti degli edifici originali. La Cappella fu ampliata con l'aggiunta di una navata meridionale nel 1823. La Casa del Cappellano, venne ampliata ed adattata per ricevere il padrone e la sua famiglia nel 1857. La sezione occidentale venne eretta nel 1667, come risulta da una data incisa sulla parte interna del montante di una delle finestre, a meno che tale data si riferisca solo ad una riparazione. L'ala orientale venne ricostruita nel 1740 e di nuovo nel 1831, una parte di essa, che contiene dodici abitazioni, venne ricostruita su progetto di Sir Charles Barry, secondo lo stile stuccato perpendicolare tipico del periodo; allo stesso tempo, addizioni in uno stile simile vennero fatte sul lato occidentale di fronte a College Road. Ulteriori alterazioni interne vennero fatte sempre in tale sezione nel 1857, per adattarla alle esigenze della Scuola. Infine, nel 1864, la torre e il chiostro vennero aggiunti alla Cappella e l'ala orientale fu allargata per ospitare sedici invece di dodici anziani come prima.

Southwark - Visita guidata

La stazione di West Dulwich

La stazione di West Dulwich

Belair Park

Belair Park

Dulwich Picture Gallery

Dulwich Picture Gallery

L'ingresso di Dulwich Park

L'ingresso di Dulwich Park

Il laghetto a Dulwich Park

Il laghetto a Dulwich Park

Un angolo di Dulwich Village

Un angolo di Dulwich Village

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it