www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

St John's Wood

Sintesi

St John's Wood è una stazione della metropolitana (Jubilee Line).

Distanza dal centro: 3,8 miglia.

Attrattiva: buona.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione della metropolitana, siete su Acacia Road, vicino all'incrocio con Wellington Road. Seguite quest'ultima strada in direzione sud, camminate superando due ospedali Hospital of St John and St Elizabeth, The Wellington Hospital, sino a raggiungere l'incrocio con Wellington Place. Sulla sinistra, trovate St John's Wood Church Gardens e St John's Wood Church (se proseguite ulteriormente trovate Regent's Park), sulla destra, invece, trovate Lord's Cricket Ground.

Toponimo

Il nome si ritrova come "(juxta) Boscum Prioris Sancti Johannis" (1294), "Seynt Johns Woode" (1542), "Grete St Johns Wood" (1558). Quest'ultimo nome viene spiegato da Alexander Wood, in "Ecclesiastical Antiquities of London and its Suburbs" (1874): "Grete" = "Great" (= Grande), quindi, "Great St. John's Wood," vicino Marylebone Park (poi Regent's Park), per distinguerlo da "Little St. John's Wood" ad Highbury.

Storia

Un tempo, St. John’s Wood faceva parte della Grande Foresta del Middlesex. Come avete letto in "Toponimi", alla fine del XIII secolo, esattamente nel 1294, esisteva un Bosco del Priore di San Giovanni. Il nome deriva dai suoi proprietari, i Cavalieri dell'Ordine dell'Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme (in Inglese, detti brevemente "Knights Hospitallers"), un Ordine Agostiniano, che subentrò ai Cavalieri Templari ("Knights Templar") nel 1323. Nel giugno del 1542, Sir Henry Knyvett, "Gentleman" della "Privy Chamber", venne nominato Custode del Bosco chiamato "Seynt Johns Woode". Dopo la Riforma e la Soppressione degli Ordini monastici, St John’s Wood divenne proprietà della Corona. Enrico VIII creò un'area di caccia reale che divenne nota come Marylebone Park (oggi Regent's Park), a nord della quale si trova St John’s Wood. Tranne un breve periodo durante il Regno di Maria Tudor ed il Protettorato di Cromwell, durante i quali la maggior parte degli alberi vennero abbattuti, l'area nota come St John’s Wood Estate rimase alla Corona sino al 1688. L'area rimase agricola sino alla fine del XVIII secolo, quando si iniziò a pianificare lo sviluppo residenziale. Tranne un piccolo pezzo di terra attorno a Barrow Hill, che rientrava nella Portland Estate (appartenente, come si può intuire al Duca di Portland), nel 1732, la maggior parte di St John’s Wood venne venduta dal Conte di Chesterfield a Henry Samuel Eyre, un mercante di vini londinese. T. F. T. Baker, Diane K. Bolton e Patricia E. C. Croot, in "Hampstead: St. John's Wood, nell'ambito di "A History of the County of Middlesex" Volume 9 (1989), sottolineano come St. John's Wood (Eyre Estate) non crebbe come altre piccole zone di Londra, essendo infossata, isolata, scarsamente servita dalle strade e, quindi, non facilmente accessibile, finendo per non risultare attraente. Nonostante ciò, la Famiglia Eyre non vedeva l'ora di trarre profitto la suo sviluppo edilizio, a differenza di altri proprietari terrieri di altri siti. Nel 1794, la Famiglia Eyre commissionò un progetto secondo cui St John’s Wood avrebbe assunto la stessa connotazione della città termale di Bath, con mezzelune, piazze circolari e quadrate, ma tale intento non venne realizzato a causa della recessione causata dalle Guerre Napoleoniche. Ad ogni modo, dal 1802, lo sviluppo della Eyre Estate venne diretto da John Shaw, un giovane Architetto che si ispirava agli ideali di pianificazione urbana del tardo XVIII secolo. Nel 1803-1804, presentò progetti di piazze circolari e nel 1807, si iniziò a costruire sulla porzione di Marylebone.  A sud della Eyre Estate insistevano dei terreni coltivati che in precedenza avevano costituito la riserva di caccia reale di Marylebone Park, che era stata poi fittata ai Duchi di Portland (e che sarebbe divenuta Regent’s Park). St John's Wood fu uno dei primi sobborghi londinesi a svilupparsi secondo uno schema di villette bifamiliari piuttosto che di case a schiera, che costituiva la norma nel XIX secolo, persino in Distretti cari. Uno rinomato Storico di Architettura, Sir John Summerson, evidenziò il carattere rivoluzionario e gli effetti su vasta scala di tale trasformazione. Tali ville e costruzioni simili, economicamente meno care di altre simili, circondate da ampi giardini e viali alberati, attrassero molte persone che apprezzavano il fascino di vivere nella quiete rurale, pur essendo vicini a Londra. Ecco che, nel corso del XIX secolo, tanti Artisti, Autori, Filosofi, Scienziati, si trasferirono a St John’s Wood. Ad essi si unirono Artigiani e Mercanti, che conferirono a St John’s Wood un'atmosfera di villaggio che ancora mantiene. Il Westminster City Council comprò il lotto di terreni che costituisce il sito delle sepolture dietro St John's Wood Church nel 1808, mentre nel 1814, venne costruita St John's Wood Church per servire la cresente popolazione dei paraggi. Sempre nel 1814, venne trasferito nel suo attuale sito su St John's Wood Road il Thomas Lord's Cricket Ground. Negli anni '20, La Famiglia Eyre fece tracciare delle strade nella propria tenuta (Estate), stipulando contratti con diverse piccole imprese edili che, nella maggioranza, avevano effettuato la maggior parte dei lavori negli anni '40. I parametri relativi all'edilizia erano elevati, il che spiega perché i primi residenti furono banchieri, mercanti. Le case disponevano di un tale numero di domestici che le stalle venivano utilizzate per sistemare quelli in eccesso. Soprattutto nella zona orientale, le edificazioni successive riguardarono costruzioni meno esclusive. Edward Walford, trattando di "Kilburn and St John's Wood", in "Old and New London" Volume 5 (1878), riferisce che il nome della Famiglia Eyre veniva ricordata da una Taverna di una certa importanza lungo Finchley Road, chiamata "Eyre Arms." Gli spazi relativi a tale costruzione furono occasionalmente la sede della partenza dei palloni ascenzionali dei primi giorni dell'Aeronautica. Una delle ultime venne effettuata da un tal Signor Hampton il 7 giugno 1839. Nella parte posteriore della Taverna, c'era un'ampia stanza utilizzata per i concerti, ma anche spesso per giochi, vendite di beneficenza, letture pubbliche. Sul lato opposto della strada si trovava St. John's Wood Athenæum, che fungeva come circolo per i residenti dei dintorni. Vicino, in Circus Road, l'Imperatore Napoleone visse per qualche tempo durante il suo soggiorno in Inghilterra, mentre in Ordnance Road, tra St. John's Wood ed il lato occidentale di Primrose Hill, c'erano alcune caserme, dette St John's Wood Barracks, occupate generalmente da "The King's Troop" e "Royal Horse Artillery". A partire dai tardi anni '50, St John’s Wood era ben servita da "omnibuses". Nel 1868, venne aperta la stazione di Marlborough Road. Negli anni '30 del XX secolo, caseggiati di appartamenti privati rimpiazzarono molte delle prime case vittoriane. Nel 1939, venne aperta una nuova stazione, denominata St John’s Wood, dopo di che, venne chiusa la stazione di Marlborough Road. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, le autorità municipali ricostruirono così ampiamente a nord ed ovest che alcune parti della pregressa Eyre Estate non vengono pià considerate parte di St John’s Wood. Tuttavia, residua una piccola zona prestigiosa e carina, con case vittoriane ed appartamenti e case di lusso, che raggiunge l'apice in Avenue Road. Negli anni '60, la maggior parte di St John’s Wood divenne "Conservation Area" e le sue case elencate dall'English Heritage. Nonostante nel corso del XX secolo siano scomparse molte delle originali case e giardini, per i danni causati dai bombardamenti tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale, siano state costruite strade, ferrovie, fabbricati, ospedali, scuole, molto del carattere originario dell'area rimane. Ciò spiega perché St John's Wood viene definita come un lussuoso sobborgo del XIX secolo che si è esteso tra le due Guerre Mondiali, lungo il lato nord-occidenale di Regent's Park. cosa del resto già evidenziata da Edward Walford, trattando di "Kilburn and St John's Wood", in "Old and New London" Volume 5 (1878), che scriveva di St John's Wood come di un distretto suburbano densamente popolato che "has gradually grown up around the western boundaries of the Regent's Park", finendo per assorbire i campi di cricket, allora, rurali ed isolati, realizzati da Thomas Lord nel 1780. Oggi, quindi, St John's Wood è reputato "a very affluent neighbourhood", una delle zone più care tenendo conto della media dei prezzi degli immobili. Giusto per avere un'idea, nel 2013, la villa più cara era in vendita a 65 milioni di sterline, quella più "economica" a quindici!!!! Concludiamo, ricordando, da un lato, agli amanti della musica, che St John's Wood è famosa anche per i celebri Abbey Road Studios e Abbey Road, dove i Beatles registrarono l'album omonimo, noto per la copertina in cui la banda attraversa le strisce; dall'altro, che nel 1963, venne fondata la St John’s Wood Society "to stimulate public interest in, and care for, the beauty, history and character of the area".

2. St John's Wood Church Burial Ground

Una tabella fornisce la storia del sito, che traduciamo liberamente. St John's Wood Burial Ground (= luogo di sepoltura) risale al 1807. A quel tempo, il Paddington Street Burial Ground era pieno ed occorreva ulteriore spazio per le sepolture per la popolazione locale in rapida crescita. Il St Marylebone Vestry (l'equivalente del Council di oggi), comprò questi sei acri di terra, noti come Great Garden Field e Willow Tree Field, dal Signor Warpole Eyre e Duca di Portland. Nel 1814, sia il sito delle sepolture che la Chiesa erano stati completati. La Chiesa, allora solo una Cappella di servizio della Parish Church, venne progettata da Thomas Hardwick che costruì una nuova Parish Church a Marylebone Road nel 1817. Sia la Chiesa che il sito delle sepolture vennero consacrati dal Vescovo di Londra il 24 maggio 1814; fu Thomas Lord a definire gli accordi per tale cerimonia, il quale aveva terminato il suo campo da cricket sul suo sito finale soltanto pochi mesi prima e perciò fu in grado di usare il suo padiglione per fornire un rinfresco per l'occasione. Una delle principali ragioni per la pianificazione del sito delle sepolture in questo luogo, fu che doveva trovarsi ad una certa distanza dalla zona residenziale della Parish e per pochi anni rimase isolata tra i campi. Park Road venne costruita come collegamento tra la Parish Church ed il sito delle sepolture, ancora con l'assistenza di Thomas Lord, ed alla fine, St John's Wood iniziò ad essere costruita. Un acquarello di W. May del 1818, mostra St John's Wood Parish Church (allora denominata Marylebone Chapel) vista in lontananza da Regent's Park. Il sito delle sepolture venne usato dal 1814 al 1855, quando venne aperto il Cimitero di St Marylebone. Si pensa che vi fossero qualcosa come 50.000 tombe. Una trascrizione fatta nel 1612 delle pietre tombali che erano ancora leggibili e l'indice dei nomi può essere consultato presso gli Archivi della City of Westminster. Tre erano le tombe di persone note: 1. John Sell Cotman, pittore di acquerelli (1782 - 1842), sul lato occidentale del sito; 2. Private Samuel Godley, (1761 - 1832), che prese parte alla Battaglia di Waterloo. Si trova vicino alla tomba di Cotman; 3. Joanna Southcott, visionaria religiosa (1750 - 1814). C'è una grande pietra di riferimento ben oltre queste due tombe affianco alle ringhiere. Venne eretta nel 1965. La tomba è approssimativamente a venticinque piedi da questa pietra. Oggi, il sito resta terra consacrata ed è posseduto dal Westminster City Council, venendo gestito come giardino. Vi sono molte specie di piante in questo giardino (segue elencazione col nome inglese e latino).

2. Regent's Park

Ne abbiamo trattato nell'ambito di una specifica pagina web trattando dei Parchi e Giardini di Londra.

City of Westminster - Visita guidata

St John's Wood Church

St John's Wood Church

St John's Wood Church Grounds

St John's Wood Church Grounds

St John's Wood Burial Grounds

St John's Wood Burial Grounds

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it