www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Berrylands

Sintesi

Berrylands è una stazione ferroviaria che serve la parte orientale di Surbiton.

Distanza dal centro: 11,7 miglia.

Attrattiva: scarsa.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, avete sulla sinistra il ponte della ferrovia, passando sotto la quale, trovate un'altra uscita ed un sentiero, mentre, sulla destra, vedete la salita curvilinea di Chiltern Drive (nord-sud) che porta alla rotatoria che origina l'incrocio con Surbiton Hill Park (ovest-est), giusto dove trovate il locale pub "The Berry" (come indica l'insegna) o "The Berrylands" (come riportato sulla facciata dell'edificio). Svoltate a sinistra nella seconda citata strada ed andate diritto, sino a raggiungere lo spazio verde Green Lane Recreation Ground, attraversato dal corso d'acqua Hogsmill River un suo ramo si chiama Hogsmill Public Open Space.

Toponimo

Berryland trae il suo nome da Berryland's Farm (più spesso Berrylands Farm). Il nome si ritrova per la prima volta nel 1126 come "Berilendes". Successivamente, si legge "Berulind" (1148), "Barrilands" (1378). La traduzione letterale del nome primo nome "Berilendes" (simile all'attuale) trae in inganno: infatti, "Berrylands" ("Berry" = Bacca + "Lands" = Terreni) porterebbe ad intendere il termine come "Terreni dove crescono le bacche". Ed ingannevole risulta anche il secondo nome "Berulind" (1148), che erroneamente suggerirebbe la parola dell'Old English "lindr" (albero di tiglio) in merito alla seconda parte del nome. La terza denominazione "Barrilands" si ricollega alla vera origine della parola composta dall'Old English "beorg" (che si riallaccia all'Old Norse "bergr", "bjorgr", "borgr", e che ricorre in moderne forme dialettali come "Barrow", e pare, anche "Berry"), indicando un tumulo, collina, monticello, e dall'Old English "Land" (terra). In senso lato, il nome corrisponde al Moderno Inglese "Hill Farm", un molto usato per designare aziende agricole, nonché nuove residenze in tutto il Regno Unito. Ed infatti, come leggerete nella parte storica, "Berrylands Farm" fu l'unica casa nell'area di Surbiton ad essere indicata nelle mappe del XVIII secolo, esistendo certamente nel 1736 essendo, probabilmente molto più antica, forse addirittura del XV secolo.

Storia

Limitate sono le informazioni sulla Storia dell'area, che si ritrovano in "A History of the County of Surrey: Volume 3" (1911), alla voce "Kingston-upon-Thames: Introduction and borough" (pagine 487-501); sono fornite da Cyril Flower - M. C. B. Dawes - A. C. Wood in in "Calendar of Inquisitions Post Mortem: Series 2, Volume 3, Henry VII" (1955), alla voce "Inquisitions Post Mortem, Henry VII, Appendix I: 1122-1171" (punto 1138); da M. C. B. Dawes - H. C. Johnson - M. M. Condon - C. A. Cook - H. E. Jones in "Calendar of Inquisitions Post Mortem, Volume 17, Richard II" (1988), alla voce "Inquisitions Post Mortem, Richard II, File 108" (punto 1301); da Ali Zahoor in "Berrylands: The Land Where Berries Grow" (21 settembre 2009, The Guardian); da Yelfy in "Holly, Croquet and The Berrylands Dairy" (26 aprile 2010 - FADED LONDON); da Rowley W. C. Richardson, Surbiton in "Thirty-two years of Local Self-government. 1855-1887" (1888); da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010); da Charlotte Stranks in "Heritage Statement" (dicembre 2016, West Waddy ADP LLP), che traduciamo e sintetizziamo liberamente.

1. Eventi storici di rilievo

Dal "Toponimo" sapete che le due parti che formano la parola "Berrylands" derivano dall'Old English, quindi, sono Sassoni, e tale origine avrebbe l'originario insediamento (usiamo il condizionale, dato che ne abbiamo trovato una menzione, ma nessuna conferma). Come abbiamo anticipato nel "Toponimo", nel XVIII secolo, "Berrylands Farm" era l'unica casa esistente nell'area di Surbiton ad essere indicata nelle mappe. La sua esistenza è certa nel 1736 ed èdocumentata nel 1761, ma, probabilmente, le si potrebbe attribuire una vetustà ancora maggiore:

A Berrylands Farm venivano coltivati piselli che venivano raccolti da lavoratori Irlandesi, i quali, durante la stagione del raccolto, vivevano in costruzioni annesse all'azienda agricola. La Mappa della Città e Parish di Kingston-upon-Thames di T. Horner del 1813 riporta un viottolo da Ewell Road a Berrylands Farm. Dalla mappa della Contea del Surrey di C. ed I Greenwod del 1823 si ricava che, durante il principio del XIX secolo, l'area chiamata Surbiton a sud di Kingston non era stata urbanizzata e l'unico insediamento nell'area era quello di Berrylands Farm. Ad Erwell Road, non lontano (verso sud-ovest) dalla stazione di Berrylands, ma più vicina ed intermedia tra quelle di Surbiton (a nord) e Tolworth (a sud), al centro di quello che sembra un edifico Tardo-Vittoriano, si trova la parte superiore bianca di un arco, su cui si legge "Berrylands Est 1840 Diary" sotto cui insiste un varco acciottolato, che conduce a quello che, un tempo, doveva essere il cortile di una notevole azienda casearia, fiorente e frequentata, come la qualità dell'arco lascia ipotizzare. Tale punto viene approfondito nel paragrafo dedicato a "Berrylands Diary". "Berrylands", corrispondente alla sezione orientale della collina, iniziò ad essere interessato dal processo di urbanizzazione a partire dal 1851. Nel 1853, i terreni vennero venduti in un'asta pubblica a 500 sterline ad acro. A tale data, "Berrylands" veniva indicata come un "viottolo sporco". A dispetto dei rilevanti cambiamenti di tutta l'area, le strade, l'illuminazione e il drenaggio erano ancora quelli di un borgo. Nel 1855, il "Surbiton Improvement Act" attribuì il governo locale a quindici Commissari che, con alcune modifiche nel 1882, mantennero la loro autorità fino a quando Surbiton divenne un Distretto Urbano. In alcune Ordnance Survey Maps di Surbiton, nell'area di Berrylands, appaiono alcune proprietà denominate Berry Lodge Farm (1878), che si trovava sul confine con Tolworth, Berrylands (1878), Manor (1896). Nel 1887, nel Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew Berrylands viene definita semplicemente come "eccl. dist., in Kingston par., Surrey, pop 3489.". Berrilands Farm viene mostrata nella Ordnance Survey Map di Surbiton del 1894-1895. Nel 1905, nella Ordnance Survey Map, quest'area tra Surbiton e Hogsmill River viene ancora riportata come formata da terreni agricoli. Non a caso, quindi, una foto del seguente 1906 mostra una mandria che bruca l'erba sul terreno ed alle sue spalle un caseggiato di Berrylands Farm. Al principio del XX secolo, i campi iniziarono ad essere ricoperti da costruzioni. L'evento che segnò il passaggio dall'agricoltura all'urbanizzazione, però, fu rappresentato dall'apertura, nel 1927, della circumvallazione (tangenziale) di Kingston, a seguito della quale, Berrylands fu, in breve tempo, messa in vendita come un nuovo paradiso periferico, decretando la fine dell'allevamento delle mandrie e della fornitura di latte a favore di Surbiton. Pertanto, la maggior parte delle case presenta i caratteri tipici di quelle realizzate tra le Due Guerre Mondiali, tra cui prevalgono quelle semi-indipendenti, ma vi sono anche delle case autonome ed un piccolo numero di appartamenti. All'incrocio tra Grand Avenue ed Elmbridge Avenue, c'è un gruppo di case nello stile modernista "Art Decò", realizzate nel 1934 dal Costruttore Bell, come parte di Parkside Estate. Al fine di rendere maggiormente attraente agli occhi dei pendolari la nuova tenuta, sette Costruttori locali finanziarono oltre il 90% del costo della stazione di Berrylands, che venne aperta il 16 ottobre 1933, in cima a Chiltern Drive. Il seguente anno 1934, venne realizzato un piccolo parco con una piscina chiamata "Surbiton lagoon", che sebbene molto amata dai residenti, chiuse nel 1979 per lavori di riparazione, senza, però, venire più aperta, anzi, venne abbattuta ed il sito venne trasformato nello spazio verde Surbiton Lagoon Park. Durante la Seconda Guerra Mondiale, tra il 7 ottobe 1940 ed il 6 giugno 1941, Berrylands venne colpita soltanto da 11 bombe tedesche altamente esplosive, poche rispetto a tante altre zone di Londra. Da un punto di vista amministrativo, Berrylands fece parte del Surrey e rientrò nel Municipal Borough of Surbiton, sino al 1965, all'atto della creazione della Greater London, venne inserita nel Royal Borough of Kingston upon Thames. Oggi, Berrylands è abitata in netta prevalenza da Bianchi. In generale, molte sono le case occupate da una sola persona. E' possibile distinguere quattro diversi gruppi di negozi, su Alexandra Drive, Berrylands Road, Chiltern Drive ed alcuni lungo Surbiton Hill Park. Il cuore di Berrylands è Chiltern Drive, dove si trovano anche il locale pub The Berrylands, chiamato dai residenti "The Berry", e la stazione. Nei paraggi, vi sono in prevalenza abitazioni dove vive una vasta comunità di pendolari che lavorano nel centro di Londra. Vi sono anche due Scuole, l'area sportiva della celebre London School of Economics and Political Sciences, nonchè, dall'altro lato della stazione, un grande impianto di trattamento dell'acqua.

2. Berrylands Diary

Già sapete che ad Erwell Road, non lontano verso ovest dalla stazione di Berrylands, ma più vicina ed intermedia tra quelle di Surbiton (a nord) e Tolworth (a sud), al centro di quello che sembra un edifico Tardo-Vittoriano, si trova la parte superiore bianca di un acro, su cui si legge "Berrylands Est 1840 Diary" sotto cui insiste un varco acciottolato, che conduce a quello che, un tempo, doveva essere il cortile di una notevole azienda casearia, fiorente e frequentata, come la qualità dell'arco lascia ipotizzare. L'importanza di Berrylands Farm, sia per il caseificio che per l'area circostante, risulta dal fatto che sembra abbia avuto una grossa specifica mandria dedicata a fornire l'area in rapida espansione di Surbiton. Inoltre, si può ipotizzare che l'arrivo della ferrovia abbia offerto una grande opportunità di far affluire il latte al centro di Londra, come pure che il caseificio dovrebbe essere appartenuto al medesimo proprietario del'azienda agricola. Un trafiletto nel "Livestock Journal" del 1922 lascia ipotizzare che ancora in quel periodo, il suo latte di qualità continuasse ad essere prodotto e venduto: "HOLLY, W. & SONS, BERRYLANDS, SURBITON. Allevamento registrato, Forti Produttori di qualità. Società con primati nel latte, sottoposto a controlli contro la tubercolina. Mandria di bovini (Stagenhoe Governor) ha vinto diversi premi importanti, Coppa dei Campioni a Reading, anche la Medaglia d'Argento alla Mostra Casearia del 1920; anche numerose vincite di premi, compreso primo per la migliore giovenca, secondo nelle Prove du Mungitura e Medaglia d'Argento a Londra ...". Un'altra citazione nella "Agricultural Gazette", sempre del 1922, sottolinea la qualità di "Tolworth Lassie", un altro dei premi vinti dalla Famiglia Holly, per essere "un sano tipo di giovenca, notevolmente ben allevata che fa ben sperare". Sembra anche che la costruzione del caseificio non fosse quella originale. Un documento relativo alla vicina Area Protetta di Fishponds, dettagliato da mappe, mostra chiaramente che l'edificio del caseificio non c'era lì negli anni '80 del XIX secolo, ma poteva esserci nel 1896. E' comunque evidente dalle vecchie mappe l'aumento della popolazione determinata dall'arrivo della ferrovia negli anni '40, in corrispondenza del periodo di fondazione del caseificio. Col passare del tempo, i terreni del caseificio (Berrylands Farm) vennero coperti da ulteriori edifici ed anche da alcuni impianti sportivi, come si ricava dal seguente passo tratto dagli archivi del Surveyon Croquet Club del 1911: "L'Onorevole Segretario ha riferito ... che la Signora Stevenson aveva richiesto la formazione di una sezione per il croquet (ndr gioco che utilizza una palla di legno e delle mazze) del circolo e di prati aggiuntivi sulla terra adiacente al circolo che fa parte di Berrylands Farm". Ancora sino al 1939, la Famiglia Holly sembra aver avuto un peso nel circolo, dato che in quell'anno, un passo riporta che ".... premi saranno donati dalla Signora W. Holly (Presidente)". Ella morì in quell'anno quando era settuagenaria; tale evento, unito alla enorme ricostruzione post-bellica, dovrebbe aver determinato la frantumazione di quanto residuava dei terreni e della mandria di Berrylands Farm.

Kingston upon Thames - Visita guidata

L'uscita della stazione prima del ponte ferroviario

L'uscita della stazione prima del ponte ferroviario

Il ponte ferroviario

Il ponte ferroviario

Il sentiero dopo il ponte

Il sentiero dopo il ponte

Chiltern Drive

Chiltern Drive

Rotatoria

Rotatoria

The Berrylands (o The Berry)

The Berrylands (o The Berry)

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it