www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

New Beckenham

Sintesi

New Beckenham è una delle cinque stazioni/fermate che servono le varie zone della odierna Beckenham (molte di più se si considera l'antico "Borough of Beckenham"); per la precisione questa stazione ferroviaria si trova in prossimità del confine (verso nord) col London Borough of Lewisham, dove si trova la stazione di Beckenham Hill. In questo London Borough of Bromley ricadono anche le stazioni di Beckenham Junction (ferroviaria e tram), Beckenham Road (tram), Avenue Road (tram).

Distanza dal centro: 8,5 miglia.

Attrattiva: discreta, se amate il verde.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, siete in Pavilion Lane, avendo la strada chiusa da un lato (a destra) e sbarrata davanti, data la presenza dell'area sportiva, per cui, andate a sinistra, lambendo tale area e raggiungete Lennard Road, un viale alberato fiancheggiato da casette residenziali. Superate Kings Hall Road, raggiungendo lo spazio verde Cator Park (sulla sinistra), attraversato da un corso d'acqua, proseguendo diritto sino a Holy Trinity Beckenham (sulla destra). Tornati alla stazione, verso est, trovate la lunga e curvilinea Copers Coper Road, ai cui terreni limitrofi è legata la Storia dell'area.

Toponimo

Nella parte Storica, sarà approfondita l'origine di "New Beckenham", a seguitò della suburbazione dei campi di  Copers Cope House, che iniziò dopo l'arrivo della ferrovia nell'area nel 1864, processo sostanzialmente realizzatosi tra la metà delgi anni '70 e la metà degli anni '80 del XIX secolo.

Per quanto riguarda, invece, "Beckenham", il nome si ritrova la prima volta come "Bioha'h'hemamearce" in una concessione Anglo-Sassone dell'862, con cui Æthelberht, Re del Wessex e del Kent, dona al suo Ministro Dryhtwald, 10 unità a Bromley nel Kent. L'atto, in Latino, con indicazione dei confini in Sassone, viene rilasciato nel luogo chiamato "Willherestrio" alla presenza di numerosi testimoni. Come per tante altre concessioni medioevali, se, da un lato, vi è chi non dubita affatto dell'originalità del documento, o Altri, comunque, ritiene si tratti di una copia dell'originale, dall'altro, vi è chi discute in merito ai confini, ai pascoli dei maiali, sul Latino impiegato. Per agevolare la lettura, evidenziamo in neretto gli elementi più importanti: "+ Regnante in perpetuum domino nostro Iesu Christo Omnia regna húius labentis uite regnorumque dispensatores ab initio istius sæculi cum uelocitate deficientes ceciderunt ideo fugitiuis ex mortalibus rebus aetærna gaudia promerenda sunt quapropter ego Aeðælberht rex Occidentalium Saxonum séu Cantuariorum cum consensu et consilio episcoporum et principum meorum et æcclesiasticarum et sæcularium pro ætærna redemptione anime mee et criminum meorum obsolutione aliquid que mihi dominus et saluator noster cunctorum largitor bonorum tribuerat statuens donare decreueram , tibi Dryhtwaldo ministro meo dabo et concedo aliquantulum agri id est . x . aratrorum in loco ubi dicitur Bromleag uð hauead et perfruet uita comite et post obitum suum qualicumque heredi sicut illi placatum fuerit relinquat in héreditatem sempiternam , hancque liuertatem prefato ministro meo in eadem prenominato agello deuoto mente donaui ut omnium regalium tributum et exactorum operum et penalium causarum aeternaliter liberabo notis et ignotis maioris minoris id est pratis . pascuis . siluis . fluminibus fontibusue exceptis tribus necessariis causis expeditione et arcis pontisque constructione nunc et deinceps pro me et pro anima mea liberabo Hoc ipsumque omnibus successoribus meis , regibus principibus seu cuiuslibet personis uel dignitatis hominibus in nomine omnipotentis dei obseruare precipio si uero quod non optamus aliquis diabolica instigatus cupiditate insurrexerit qui hoc infringere aut inmutare temptaberit sciat se rationem esse redditurum in die iudicii ante tribunal aeterni iudicis nisi prius digne emendauerit , Hæc sunt etenim termini predicti agelli circumiacentia An norðan fram Ceddanleage to langan leage Bromleagingamearc 7 Liofshema ðanne fram langan leage to ðam wón stocce ðanne fram ðam wón stocce be Modingahemamearce to Cintastiogole ðanne fram Cintastiogole be Modingahemamearce to earnes beame ðanne fram earnes beame Cregsetna haga an easthalfe sced hit to Liowsandene ðanne fram Liowsandene to swelgende ðanne fram swelgende Cregsetna haga to Sioxslihtre ðanne fram Sioxslihtre to Fearnbiorgingamearce Fearnbiorgingamearc hit sced to Cystaningamearce Cystaningamearc hit sced suðan to weardsetle ðanne fram weardsetle Cysstaningamearc to Wichæmamearce ðanne sio westmearc be Wichemamearce ut to Bipplestydæ ðanne fram Bipplestyde, to Acustyde to Bioha'h'hemamearce fram Acustyde to Ceddanleage :- Ðanne belimpoð ðer to ðam londe fif denn an an utwalda . Broccesham ðes dennes nama . 7 ðes oðres dennes nama ; Sængethryg ; Billanora . is ðes ðriddan nama . ðanne twa denn an Gleppanfelda ; Actum est hec mea donatio anno prescripta in loco qui dicitur Willherestrio coram his testibus qui hæc consentientes subscripserunt quorum hic nomina infra tenentur adscripta: / anno dominice incarnationis , dccclxii ,
+ Ego Aeðelberht rex hanc meam donationem signo sancte crucis roboraui 7 subscripsi
+ Ego Ciolnoð archiepiscopus consensi et subscripsi
+ Ego Aeðerred filius regis
+ Ego Aelfred filii regis
+ Ego Aeðælred dux
+ Ego Dryhtwald dux
+ Ego Heremod presbyter
+ Ego Alhhard
+ Ego Mucel minister
+ Ego Egcberht minister
+ Ego Eaduulf minister
+ Ego Æðæluulf minister
+ Ego Signoð minister
+ Ego Eanuulf minister
+ Ego Æsca minister
+ Ego Eastmund minister
+ Ego Orduulf minister
+ Ego Wiohtgar minister
+ Ego Æðelred minister
+ Ego Cynlaf minister
+ Ego Coenwald minister
+ Ego Cuðred minister
+ Ego Uulflaf minister
+ Ego Ælfhere minister
".

Sempre in Epoca Anglo-Sassone, si legge "Beohha hammes gemæru" (973). Successivamente, il nome variò, anche se, probabilmente, non cambiò molto la sua pronunzia: "Bacheham" (1086, Domesday Book), "Becceham" (1122/3 -1124, Textus de Ecclesia Roffensi per Ernulphum Episcopum), "Bekaham" (1141, concessione della Regina Matilda, con cui si iniziò, talvolta, a scrivere "k" al posto di "ch"), e varie altre ricorrenze ""Bekenham", "Bechenham’', "Beghenham", "Beckingham", "Bekynham", che rappresentano il tentativo degli Scribi di riprodurre su pergamena il "suono" nome del Villaggio. L'attuale nome "Beckenham" sembra risalire al XVII secolo, sebbene, anche se non universalmente, la variante "Beckingham" continuò ad essere usata nel XVIII secolo. Passando al significato del termine, e quindi, alla sua origine, bisogna partire dal Torrente Beck, uno degli affluenti del Fiume Ravensbourne, il quale, per circa il suo primo miglio di corso costituisce il confine tra i due London Boroughs di Croydon e Bromley, e storicamente, costituì il confine tra le Contee del Surrey e Kent. Orbene, per lungo tempo, si è ritenuto che la prima parte del nome di Beckenham traesse origine dalla parola Sassone "Becc" (Ruscello), come facevano due validi Autori della fine del XVIII secolo, che così si esprimevano: ".... essendo così chiamato dalla sua ubicazione sul Fiume Ravensbourne, Becc, in Sassone, significando fiume ...." (Edward Hasted) e "Il sito è supposto derivare il suo nome dalla parola Sassone bec, un torrente ...." (Daniel Lysons). Tuttavia, recenti studi su documenti medioevali locali delle Massime Autorità in materia di Toponimi hanno rivelato che è più probabile il contrario, cioè che sia stato il Villaggio di Beckenham a dare il nome al Torrente Beck, e non il contrario. Pertanto, attualmente si ritiene chel'originario nome possa essere inteso come la sommatoria di nomi dell'Old English "Bioha'h'" (nome personale) + "hema" (Abitante) (nelle prime versioni del nome + "mearce", Inglese moderno "Segno", "Traccia", quindi, "Confine"), per cui, andrebbe inteso come "Insediamento o Recinto o Fattoria o Casolare di Beohha" (un Sassone, Possidente terriero o Agricoltore); gli Esperti della Toponomastica fanno notare che, in Anglo-Sassone, il nome indicherebbe una persona curva o sottomessa.

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area si leggono nel "Cartolarium Saxonicum" (anno 862); nel "Textus de Ecclesia Roffensi per Ernulphum Episcopum" (1122/3 -1124); sono fornite da Daniel Lysons in "The Environs of London: Volume 4, Counties of Herts, Essex and Kent" (1796), alla voce "County of Kent: Beckenham" (pagine 291-306) e "Lewisham" (pagine 514-536); da Edward Hasted in "The History and Topographical Survey of the County of Kent: Volume 1" (1797), alla voce "Parishes: Beckenham" (pagine 527-550); da Eilert Ekwall in "The Concise Oxford Dictionary of English Place-names" (1960), pagina 33; da A. D. Mills in "A Dictionary of London Place-Names" (2010) e "A Dictionary of British Place Names" (2011); si leggono in "Brewer's Dictionary of London Phrase & Fable" (2011); in "Origins of Bromley place names" (Bromley Council, Local History and Heritage); in "Beckenham Place" e "The History of Railways in Beckenham" (Beckenham History); in "History of Beckenham" (Ideal Homes: A History of South-East London Suburbs); Pat Manning in "Copers Cope Farm" (Copers Cope Area Residents' Association), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire il tema, legga: "New Beckenham, St. Paul's, Parish Records 1872 - 1954 (National Archives)

1. Eventi storici di rilievo

In questa pagina web, ci limitiamo a riportare le informazioni che attengono specificamente alla Storia di questa area, trattando della Storia generale di Beckenham nelle altre pagine dedicate alle differenti zone di Beckenham.

La Storia di quest'area è legata alla più antica Casa abitata di Beckenham, Copers Cope House, ubicata al numero 3 di Southend Road, all'incrocio con Copers Cope Road, ritenuta un'alterazione di "Cooper's Copse". Copers Cope House nacque come casa colonica: infatti, la parte più antica della Casa si trova nella zona anteriore e, probabilmente, risale al 1690 (o comunque, all'inizio del XVIII secolo), stando alla natura dei mattoni nella vecchia cucina al piano inferiore, originariamente la casa colonica di Copers Cope Farm. Esiste ancora, sia pure ampliata nel XIX secolo, nascosta dietro alberi e recinzioni. Proprio la ex casa colonica, anzi, i suoi ex terreni, estesi per 250 acri, rilevano ai fini dell'oggetto di questa pagina web, visto che su di essi si sarebbe sviluppata New Beckenham, come leggerete tra poco. Trattando di Beckenham Hill, abbiamo riportato che John Cator, nato a Ross on Wye nel 1703, si ritirò da Southwark, dove commerciava legname, per vivere a Bromley, dove Lui e suo figlio John Junior (1728-1806), comprarono terreni da circa il 1757. La Mappa del Kent di Andrews, Dury ed Herbert mostra che John Junior possedeva terreni a Stumps Hill nel 1769 dove nel 1773, quando divenne Lord del Manor di Beckenham, fece costruire la sua Villa, Beckenham Place. Inoltre, costantemente aumentò i suoi possedimenti, comprando tre fattorie adiacenti, Copers Cope, Foxgrove e Kent House. Quando Michael Mathew ottenne in fitto Copers Cope Farm per il grano, l'orzo, l'avena, il trifoglio ed il bestiame, un accordo del 1851 stabilì che non avrebbe dovuto distruggere la selvaggina, conigli ed uccelli selvatici o sfruttare il legname. Pertanto, i terreni vennero utilizzati dagli eredi di John Cator per cavalcare, cacciare e pescare, anche se i Cator, comunque, cercarono di costruire case nella fattoria nel 1813. L'arrivo della ferrovia a Beckenham, con l'apertura, nel 1857 della stazione di Beckenham Junction, in breve tempo, modificò, ovviamente, la vita rurale di Copers Cope. Infatti, a partire dal 1864, New Beckenham era nato con una propria stazione, un passaggio a livello per collegare le strade su entrambi i lati delle linee, la Chiesa di St Paul a Brackley Road e le prime case dove Brackley Road si congiunse con Copers Cope Road, in un processo edilizio che si realizzò soprattutto tra la metà degli anni '70 e la metà degli anni '80 del XIX secolo. Le prime proprietà citate fanno parte della "Copers Cope Road Conservation Area" di 16 grandi case con giardini anteriori insolitamente estesi, schermati da alberi ed arbusti. In un batter d'occhio, la fattoria sparì, venendo sostituita da un sistema stradale con i nomi dei vecchi campi di Copers Cope Farm (Lawn Road, Park Road, Brackley Road), mentre l'Agricoltore Michael Mathew si trasferì a Stone Farm a Park Langley. Nel 1887, il Gazetteer of the British Isles di John Bartholomew descriveva New Beckenham, allora nel Kent, come segue: "ry. sta., Beckenham, Kent, 8 miles SE. of London Bridge". La Casa colonica di Copers Cope fa parte della "Southend Road Conservation Area", che comprende non solo l'edificio più interessante dal punto di vista architettonico a forma di casa colonica, ma anche le case di fronte ai numeri 8-22 di Southend Road, che sono anteriori alla ferrovia. Oggi, residuano anche le strade semicircolari utilizzate, un tempo, da carrozze e cavalli. Il blocco degli anni '30 del XX secolo di South Park Court e le casette di mattoni gialli di Beckenham Place Park si trovano anche nella zona protetta (Conservation Area), ma al di fuori, di quest'area. L'esistenza di un gruppo di campi sportivi ha preservato (e continua a farlo) la parte nord-occidentale dalla edificazione intensa che si verificò altrove. Inoltre, anche i terreni superstiti di Beckenham Place hanno protetto nella sezione nord-orientale. Al principio del XXI secolo, si è posto il problema per l'area di Copers Cope della eccessiva crescita locale, derivante dall'abbattimento di case unifamiliari e la loro sostituzione con condomini; e proprio come risultato di tale trasformazione, Copers Cope ha un'alta percentuale di famiglie monoparentali e relativamente poche case con figli a carico. La stragrande maggioranza dei residenti è Bianca.

Bromley - Visita guidata

Una delle uscite della stazione su Pavilion Lane

Una delle uscite della stazione su Pavilion Lane

Lennard Road

Lennard Road

Cator Park

Cator Park

Il corso d'acqua che attraversa Cator Park

Il corso d'acqua che attraversa Cator Park

Holy Trinity Beckenham

Holy Trinity Beckenham

Copers Cope Road

Copers Cope Road

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it