www.italianialondra.it

Londra vissuta dagli Italiani ...

Emerson Park

Sintesi

Emerson Park è una stazione della Overground molto prossima al confine con la Contea dell'Essex.

Distanza dal centro: 18,9 miglia.

Attrattiva: scarsa.

Descrizione dell'area attorno alla stazione

Uscendo dalla stazione, dovete seguire uno stretto passaggio in salita per raggiungere Butts Green Road, dove vedete delle tipiche casette del contesto suburbano londinese, ad uno o due piani con negozi a livello stradale. Proseguendo verso nord, dopo aver superato Burntwood Avenue (che trovate sulla destra), alla rotatoria, andate a sinistra entrando in Slewins Lane, raggiungendo lo spazio verde Haynes Park, delimitato lungo gran parte del suo lato occidentale dal corso d'acqua Ravensbourne.

Toponimo

Il nome appare per la prima volta verso il 1895, quando William Carter di Parkstone (Dorset), nell'urbanizzare la zona, le diede il nome del suo maggiore, Emerson (nato nel 1878).

Storia

Informazioni fondamentali sulla Storia dell'area si ritrovano in "A History of the County of Essex: Volume 7" (1978), alle voci "Hornchurch: Introduction" (pagine 25-31) e "Hornchurch: Manors" (pagine 31-39), che traduciamo e sintetizziamo liberamente. Chi volesse approfondire la tematica, legga: Charles Thomas "Perfect Ye Olde Village of Hornchurch: Being an Illustrated Historical Handbook of the Village and Parish of Hornchurch" (1917); Tony Benton "The changing face of Hornchurch" (1999): Brian Evans "Hornchurch, Elm Park and Harold Wood Through Time" (2010); Barbara Mannox "The Making of Emerson Park" (1991); John Drury "Treasures of Havering" (1998). Ulteriori specifiche limitate informazioni si ritrovano ancora in "A History of the County of Essex: Volume 7" (1978), alle voci "Hornchurch: Religious history" (pagine 46-51), "Hornchurch: Education and charities" (pagine 51-55), "Romford: Religious history" (pagine 82-91). 

1. Eventi storici di rilievo

Nel 1876, Hornchurch era un villaggio industriale "grande e dall'aspetto indaffarato". Nel 1885, l'apertura della stazione, che rese possibile raggiungere Londra in mezz'ora, disaprì nuove opportunità speculative per i costruttori edili, che, però, non agirono immediatamente. Infatti, solo dieci anni dopo, nel 1895, William Carter, di Parkstone (Dorset), un grande imprenditore edile che edificò in molte Contee, comprò da Benjamin H. Newman la porzione meridionale (20 acri = 8 ettari) del Manor di Nelmes (precedentemente, semplicemente Elms o Tylle, che trasse il nome dalla Famiglia de Ulmis, nota ed importante ad Hornchurch durante i secoli XIII e XIV), composto da 200 acri, nonché dei terreni adiacenti del Manor di Lee Gardens (precedentemente Baldwins, che trasse il nome da una Famiglia documentata nella Parish dal XIII secolo). Iniziò a costruire Emerson Park Estate. Verso il 1905, la sua società, poi Homesteads Ltd., aveva già realizzato più di 200 case a Ernest Road, Herbert Strade, Parkstone Avenue e strade adiacenti. Emerson Park venne concepito come un esclusivo quartiere residenziale nel verde con "ville di campagna per Signori di città", con molti lotti di un acro o più. Carter realizzò una grande varietà di abitazioni, da bungalows a case per famiglie con alloggio per i dipendenti. Altri costruttori aggiunsero le loro realizzazioni, come Haynes Park, Great Nelmes e Little Nelmes, ma il nome originale "Emerson Park" finì per essere esteso a tutta l'area. I prezzi originali di Carter variavano da 300 a 1000 sterline. Inoltre, nel 1901, i 241 acri settentrionali del Manor di Nelmes, compresa la Manor House, erano già stati posti in vendita per uno sviluppo simile, tanto che nel 1904 si stava già edificando a Elm Grove e Woodland Avenue, su progetto degli Architetti "Clare & Ross". Nel 1914, si stava edificando anche ad ovest di Emerson Park, a Walden Road e Wickham Avenue, a sud del villaggio di Hornchurch, in Station Lane e strade adiacenti, ed anche a Harrow Drive, a nord di Hornchurch Road. Nel frattempo, Hornchurch veniva interessata dall'espansione di Romford, verso sud da Brentwood Road. Proprio dopo l'inizio dell'urbanizzazione dell'area, tra "The Chequers Inn" e "Emerson Park Stores" (costruiti nel 1899), nel 1909, venne aperta la stazione di Emerson Park dalla London, Tilbury and Southend Railway sulla linea tra Romford ed Upminster. Originariamente, la sua denominazione fu "Emerson Park Halt", anche se si ritrova in tabelloni orari e segnaletica come "Emerson Park & Great Nelmes". Successivamente, il nome venne mutato nell'attuale "Emerson Park", anche se dai documenti non risulta la data del cambiamento. A differenza di tante altre zone di Londra, duramente colpite dai bombardamenti tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale, e particolarmente, tra il 7 ottobre 1940 ed il 6 giugno 1941, nessun ordigno colpì Emerson Park. Oggi, Emerson Park è totalmente urbanizzata ed è ritenuta una zona residenziale prevalentemente ricca. Presenta vicoli-ciechi che "muoiono" in corrispondenza di quelli che un tempo costituivano i giardini di ampie proprietà. Su entrambi i lati della stazione, in corrispondenza di Butts Green Road (in direzione nord) e North Street (in direzione sud), si trovano molti negozi e piccole imprese. I locali commerciali di North Street continuano, sia pure meno intensamente, sino ad Hornchurch, anche se si tratta di attività meno profittevoli di quelle di Emerson Park propriamente intesa. Una percentuale assai elevata delle case è occupata da proprietari. Alta è la presenza di residenti Bianchi, anche se rilevante è la presenza di persone di origine Indiana. L'agiatezza dei residenti trova conferma nel fatto che le case sono ampie (in media hanno 6 stanze) e per ogni unità abitativa vi sono due o più macchine.

Havering - Visita guidata

Il percorso in salita all'uscita dalla stazione

Il percorso in salita all'uscita dalla stazione

Casette tipiche di fronte alla salitina all'uscita dalla stazione

Casette tipiche di fronte alla salitina all'uscita dalla stazione

Butts Green Road

Butts Green Road

Burntwood Avenue

Burntwood Avenue

© Copyright | Mappa | Legale | info@italianialondra.it